Nuova ricerca

Giovanna BOSI

Ricercatore Universitario
Dipartimento di Scienze della Vita sede ex-Biologia (Orto Botanico)


Home | Curriculum(pdf) |


Pubblicazioni

2022 - Discovering Plum, Watermelon and Grape Cultivars Founded in a Middle Age Site of Sassari (Sardinia, Italy) through a Computer Image Analysis Approach [Articolo su rivista]
Sarigu, M.; Sabato, D.; Ucchesu, M.; Loi, M. C.; Bosi, G.; Grillo, O.; Barros Torres, S.; Bacchetta, G.
abstract

The discovery of several waterlogged plant remains in a Middle Ages context (1330–1360 AD) in Sassari (NS, Sardinia, Italy) enabled the characterisation of archaeological plum fruit stones and watermelon and grape seeds through computer image analysis. Digital seed/endocarp images were acquired by a flatbed scanner and processed and analysed by applying computerised image analysis techniques. The morphometric data were statistically elaborated using stepwise linear discriminant analysis (LDA), allowing comparisons among archaeological remains, wild populations and autochthonous cultivars. Archaeological samples of plum were compared with 21 autochthonous cultivars of Prunus domestica from Sardinia, while archaeological watermelon seeds were compared with 36 seed lots of Citrullus from Europe, Africa and Asia. Moreover, archaeological grape seeds were compared with 51 autochthonous traditional cultivars of Vitis vinifera subsp. vinifera from Sardinia, 16 cultivars from Tuscany, six cultivars from Liguria, and eight cultivars from Catalonia (Spain). Archaeological plum remains showed morphological affinity with five cultivars of Sardinia. Seed features of the archaeological watermelon remains demonstrated affiliation with a proper sweet dessert watermelon, Citrullus lanatus, and similarity with some Sardinian cultivars. Regarding the archaeological remains of grape, morphometric comparisons showed a high similarity with autochthonous cultivars from Catalonia and Liguria. This study provides new information about ancient fruit cultivated and consumed during the Middle Ages in Sardinia.


2022 - Le Isole del Tempo. avventure nel mondo verde preistorico [Monografia/Trattato scientifico]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Merlo, Riccardo
abstract

Seconda edizione (dopo la prima italiana del 2010 e quella francese del 2011) di un libro per ragazzi sulla Paleobotanica. Nel convento di Los Jeronimos, non lontano da Lisbona, viene ritrovato il diario di viaggio del professor Salsapariglia, botanico ed esploratore inviato a metà del Settecento oltre oceano a cercare nuove piante. La spedizione si trova a visitare isole mai viste prime, bizzarre e sorprendenti: le Isole del tempo, angoli di Terra dove il tempo si è fermato, così com'era milioni di anni fa. Un viaggio straordinario, alla scoperta di misteriose isole che esemplificano gli ecosistemi di altrettanti periodi preistorici. Età di lettura: da 9 anni.


2021 - A Chronology of Ancient Earthquake Damage in the Modena Cathedral (Italy): Integrated Dating of Mortars (14C, Pollen Record) and Bricks (TL) [Articolo su rivista]
Tirelli, Giulia; Bosi, Giovanna; Galli, Anna; Hajdas, Irka; Lindroos, Alf; Martini, Marco; Maspero, Francesco; Mazzanti, Marta; Olsen, Jesper; Panzeri, Laura; Ringbom, Åsa; Sibilia, Emanuela; Silvestri, Elena; Torri, Paola; Lugli, Stefano
abstract

The 15th century cross-vaults of the medieval Modena Cathedral (UNESCO site) consist of intricate patches of different masonry portions bound by three types of lime mortars and at least two types of gypsum mortars. Such anomalous structure suggests multiple repair works over time after damaging earthquakes. The absolute dating of lime mortars (14C) and bricks (TL) integrated with the pollen record of mortars allowed to clarify the construction and restoration history of the vaults and to link the repairs to the earthquake chronology for the area. The results reveal that the original construction of the vaults (1404–1454) was carried out using lime mortar binding reused Roman and medieval older bricks. Lime mortar was used also for later repairs caused by earthquakes in the 16th and 17th centuries. Gypsum mortars were then used to entirely rebuild some vaults and to repair others in the 18th and 19th centuries. The study indicates that unexpected damage could be revealed by the detailed chronology of masonry binders. These data represent fundamental steps to implement earthquake risk assessments and strengthening projects of ancient buildings.


2021 - Integrating palaeo- And archaeobotanical data for a synthesis of the Italian fossil record of Lycopus (Lamiaceae, Mentheae) [Articolo su rivista]
Martinetto, E.; Ardenghi, N. M. G.; Arobba, D.; Bertini, A.; Bosi, G.; Caramiello, R.; Castiglioni, E.; Florenzano, A.; Hvalj, A. V.; Kromer, B.; Maritan, M.; Mazzanti, M.; Macaluso, L.; Miola, A.; Perego, R.; Ravazzi, C.; Rinaldi, R.; Rottoli, M.; Talamo, S.; Vassio, E.; Mercuri, A. M.
abstract

Lycopus is a widespread herbaceous plant, currently part of European flora. Fossil remains of fruits (nutlets or mericarps) attributed to this genus are frequently found in European archaeological and palaeontological sites, being easily preserved in sedimentary deposits. In a worldwide context, the oldest fossils are from the early Oligocene (ca. 30 Ma) of West Siberia, but they become more common in Miocene (23.0–5.3 Ma) records, ranging from West Siberia to Central Europe. In the literature, the Oligocene and Miocene remains (plus a few Pliocene ones) were assigned to fossil-species, whereas the abundant Pliocene and Pleistocene occurrences (5–0.01 Ma) in Europe were mainly assigned to the extant species L. europaeus. The present work is conceived as the result of an ad hoc research team whose task was to revise and summarize the Italian fossil record of Lycopus, assembling palaeobotanical and archaeobotanical data. We herein report ca. 6000 Lycopus nutlets from 61 sites located in nine regions of Northern and Central Italy. Based on the available information on extant species, we detected nine morphological types of nutlets that can be used for the characterisation of fossils. Our analysis suggests that from 4 to 2.6 Ma a single taxon (L. cf. pliocenicus) with L. americanus-type of nutlets occurred in Italy. The first occurrence of the latter morphological type is from the early Oligocene of West Siberia. The available fossils mildly suggest that extant L. americanus could be the descendant of ancient Eurasian plants characterised by the L. americanus-type of nutlets, through expansion of their range to North America. Conversely, the abundant Italian records of the last 0.2 Ma, including remains from archaeological sites, are only referable to the Eurasian species L. europaeus.


2020 - ADVANCED TECHNOLOGIES FOR THE MULTIPROXY ANALYSIS OF THE ROMAN FUNERARY RITUAL IN MUTINA [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, FEDERICA MARIA; Pellegrini, Silvia; Bosi, Giovanna; Vazzana, Antonino; Higgins, Owen; Vincetti, Martina; Coralini, Antonella
abstract

The research is a key example of integrated analyses in order to adapt the archaeological and archaeobotanical strategy to identify and interpret funerary practices. An interdisciplinary method involving different disciplines of archaeology was carried out on Mutina necropolis, analysing hundreds of graves, especially cremation type, in order to have a complete view of the funerary rituals. In addition to traditional methods, advanced technologies helped to study funerary rituals. For what concerns NoviSad necropolis, the research focused on the foodstuffs and offers that were common during the Roman Age from the 1st to the 2nd century AD. A combination of Computer Tomography Scanning (CT-scan) and Small Angle X-ray Scattering (SAXS) were performed in order to obtain a more detailed data about the potential temperature of burning and the identification of some samples. For what concerns via Cesana and Tangenziale Pasternak necropolis, the urns still intact of their contents were examined by scanner computed tomography, thanks to the collaboration of TECEUROLAB (Mo). Once the scanner images had been taken, a traditional micro excavation and a virtual excavation were carried out at the same time, in order to compare the two different methods. Finally, some IR analysis were performed on the balsamari found inside the urns in order to check cosmetics traces.


2020 - Archaeobotanical evidence of food plants in Northern Italy during the Roman period [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Castiglioni, Elisabetta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Marchesini, Marco; Rottoli, Mauro
abstract

This paper is a review of the seeds/fruits obtained from about one hundred Roman period archaeological sites (ca. 3rd century bc to 6th century ad) located in Northern Italy. The types of deposit involved are various, and come from residential, productive and other structures (A sites), and cemeteries and cult areas (B sites). The aim of this study is to highlight the seeds/ fruits of food plants that have been found in the Roman archaeological sites in this area. Only cultivated and wild plants that, according to Latin literary sources, were used for food are considered. The result is a list of about one hundred plant taxa. There are four principal categories: cereals, pulses, fruit s.l. and vegetables/spices. Moreover, finds of “bread” were recorded in several sites. The subdivision of most detailed data into four chronological phases (“Romanization”/Republican Age, Imperial Age, Late Roman, Late Antiquity) shows clearly the evolution of plant food consumption that attained maximum complexity during early Imperial times and progressively changed and fragmented in subsequent periods.


2020 - Archeobotanica e alimentazione: informazioni dal passato per il presente [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Castiglioni, Elisabetta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Rottoli, Mauro
abstract

L’archeobotanica è fondamentale per individuare le piante utilizzate nelle diete del passato, oltre che per fare luce su vari processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. Nell'ambito della disciplina sono soprattutto i reperti carpologici, per il livello tassonomico d'identificazione che possono raggiungere, che forniscono le informazioni più dettagliate su questo importante aspetto del rapporto uomo-piante nel corso del tempo. In Italia evidenze di nuovi ingredienti e preparazioni sono presenti già dall'Età del Ferro, ma è solo nel Periodo Romano che si assiste, grazie a tante prove materiali, ad una vera e propria “rivoluzione” in tutti gli aspetti che riguardano l'alimentazione umana. Questo processo continua poi per tutto il Medioevo, per raggiungere nel Rinascimento livelli d'innovazione e modernità molto elevati. Sulle piante alimentari evidenziate da reperti carpologici nel Nord Italia si stanno realizzando tre sintesi; quella sul Romano* è stata già pubblicata (Fig. 1), mentre quelle su Ferro° e Medioevo/Rinascimento, di cui i risultati preliminari sono stati presentati a convegni internazionali (Figg. 2, 3), sono in corso di preparazione. Queste sintesi mettono in luce diversi aspetti, fornendo importanti informazioni riguardo a pratiche agricole, scelte dietetiche, rapporto status/alimentazione, fino a evidenze di tradizioni legate a piante alimentari, delle quali alcune perdurate fino a tempi recenti nella stessa area geografica. * con M. Marchesini (CAA, Crevalcore - BO); ° con D. Fanetti (AR.CO., Como)


2020 - Carte verdi nell’Archivio di Stato di Modena: l’Erbario Estense, foglie tra i fogli, un rebus, un progetto. Parte II [Articolo su rivista]
Vicentini, C. B.; Buldrini, F.; Bosi, G.; Bonazza, M.; Romagnoli, C.
abstract

The Este Herbarium, preserved in the Este Secret Archives of the Modena State Ar- chives, is one of the few surviving Renaissance herbaria to date. It is the most fascinating and mysterious. It is probably the sixth volume of a lost series. In the present article, we discuss the results of a joint work (still in progress) among the Universities of Ferrara, Modena and Reggio Emilia, and Bologna. All the correspondence between simplists and botanists of that epoch (primarily Ulisse Aldrovandi from Bologna) was thoroughly analysed, to search the solution of the rebus: which author (or authors), which temporal location, which context of production for this herbarium? The documents consulted allow to understand that living plants, seeds and illustra- tions were commonly exchanged, but herbarium sheets never. The consultations on ta- xonomic attributions were frequent. The term herbario/herbarj, that is recurring in the letters written by Alfonso Cattaneo to Ulisse Aldrovandi, is also mysterious (thing or person?).


2020 - Flora vascolare spontanea della città di Modena: analisi del centro storico [Articolo su rivista]
Buldrini, F.; Gentilini, M.; Bruni, C.; Santini, C.; Alessandrini, A.; Bosi, G.
abstract

Si presentano i risultati del primo studio sistematico sulla flora urbica di Modena. Il censimento qui illustrato è stato svolto fra il 2014 e il 2018, considerando ogni via e piazza del centro storico cittadino, quest’ultimo inteso come area delimitata dai grandi viali che ricalcano il percorso dei bastioni cinquecenteschi. Sono state rinvenute 344 specie, delle quali 1 nuova per la flora d’Italia, 10 per l’Emilia-Romagna e altre 19 per la provincia di Modena; il 63% di queste nuove segnalazioni è esotico. Le specie non più ritrovate, segnalate almeno 20 anni fa o testimoniate solo da campioni d’erbario del tardo Ottocento, sono 17. Lo spettro biologico è dominato dalle terofite (45%), seguite da emicriptofite (28%) e fanerofite (15%). Lo spettro corologico è dominato da eurasiatiche (28%), mediterranee (24%) e cosmopolite (24%). Le neofite sono il 18% del totale, valore piuttosto basso se rapportato a quanto riferito per altre città della Pianura Padana e dell’Europa centrale: ciò è probabilmente dovuto alle ridotte dimensioni del centro storico cittadino, la cui compatta struttura urbanistica d’impronta medievale pare opporre una certa resistenza all’ingresso delle specie alloctone. Le specie invasive sono l’11% del totale. Interessante la presenza di 15 specie igrofile, talora indicatrici d’irrigazione o iper-irrigazione di aiuole e tappeti erbosi. Le specie protette (solo a livello regionale) sono soltanto 4, di cui 2 presenti in quanto sfuggite a coltivazione. Considerando l’affinità delle specie censite all’ecologia urbana, la lista è dominata dalle urbano-neutrali (45%) e dalle urbanofile (42%), il che può indicare sia una discreta varietà di ambienti di crescita, parecchi dei quali in una fase di evoluzione ecologica abbastanza avanzata per la città, sia una discreta qualità ambientale verosimilmente dovuta, almeno in parte, all’abbondanza e ampiezza delle aree verdi. La ricchezza specifica in ogni via o piazza è fortemente correlata all’eterogeneità ambien- tale (ρ = 0,794) e moderatamente correlata alla presenza limitrofa di aree verdi (ρ = 0,544) e alla lunghezza della via o ampiezza della piazza (ρ = 0,665 e 0,673, rispettivamente); esiste inoltre una debole correlazione fra presenza di specie orticole o alimentari e presenza, nella stessa via o piazza, di locali di ristorazione (ρ = 0,212). La città si conferma dunque come un ecosistema assai dinamico e di grande ricchezza biologica, utile per capire le strategie ecologiche messe in atto dalle piante per adattarsi a condizioni anche proibitive. Le aree urbane, inoltre, spesso fungono da «snodo» per la diffusione delle specie lungo le infrastrutture viarie, durante il processo di colonizzazione del territorio. La comprensione e il rispetto dei ruoli ecologici delle specie spontanee sono concetti fondamentali per una moderna pianificazione urbanistica volta a migliorare la qualità della vita nel suo complesso.


2020 - New AMS 14C dates track the arrival and spread of broomcorn millet cultivation and agricultural change in prehistoric Europe [Articolo su rivista]
Filipovic, D.; Meadows, J.; Corso, M. D.; Kirleis, W.; Alsleben, A.; Akeret, O.; Bittmann, F.; Bosi, G.; Ciuta, B.; Dreslerova, D.; Effenberger, H.; Gyulai, F.; Heiss, A. G.; Hellmund, M.; Jahns, S.; Jakobitsch, T.; Kapcia, M.; Klooss, S.; Kohler-Schneider, M.; Kroll, H.; Makarowicz, P.; Marinova, E.; Markle, T.; Medovic, A.; Mercuri, A. M.; Mueller-Bieniek, A.; Nisbet, R.; Pashkevich, G.; Perego, R.; Pokorny, P.; Pospieszny, L.; Przybyla, M.; Reed, K.; Rennwanz, J.; Stika, H. -P.; Stobbe, A.; Tolar, T.; Wasylikowa, K.; Wiethold, J.; Zerl, T.
abstract

Broomcorn millet (Panicum miliaceum L.) is not one of the founder crops domesticated in Southwest Asia in the early Holocene, but was domesticated in northeast China by 6000 bc. In Europe, millet was reported in Early Neolithic contexts formed by 6000 bc, but recent radiocarbon dating of a dozen 'early' grains cast doubt on these claims. Archaeobotanical evidence reveals that millet was common in Europe from the 2nd millennium bc, when major societal and economic transformations took place in the Bronze Age. We conducted an extensive programme of AMS-dating of charred broomcorn millet grains from 75 prehistoric sites in Europe. Our Bayesian model reveals that millet cultivation began in Europe at the earliest during the sixteenth century bc, and spread rapidly during the fifteenth/fourteenth centuries bc. Broomcorn millet succeeds in exceptionally wide range of growing conditions and completes its lifecycle in less than three summer months. Offering an additional harvest and thus surplus food/fodder, it likely was a transformative innovation in European prehistoric agriculture previously based mainly on (winter) cropping of wheat and barley. We provide a new, high-resolution chronological framework for this key agricultural development that likely contributed to far-reaching changes in lifestyle in late 2nd millennium bc Europe.


2020 - Ritorno a Servirola. "Tornerò presto a Sanpolo: non sono mai sazio di esplorare quel luogo, né sicuro di spiegarlo" [Relazione in Atti di Convegno]
Macellari, R.; Bosi, G.; Benatti, A.; Rinaldi, R.; Torri, P.; Mazzanti, M.; Pederzoli, A.; Demaria, M.; Ansaloni, I.
abstract

Back to Servirola. «I will return soon to Sanpolo: I am never fed up to explore that place, nor sure to explain it» Etruscan gate of the Enza river valley in the territory of Reggio Emilia, Servirola hosted a well-planned settlement, with paved and oriented roads, whose maximum extent dates back to the fifth century BC. In the sanctuary that occupied the central space of the town, developed around a deep well, the god of death was venerated, but also Vei, the Etruscan goddess corresponding to the Greek Demeter. The first fruits of the field work had probably been offered to her, such as shown by the analysis of the contents of two jars, religiously placed at the bottom of the well.


2020 - THE DISCOVERY OF THE ROMAN SALT PANS OF CERVIA: INFORMATION FROM THE ARCHAEOBOTANICAL ANALYSIS [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Guarnieri, Chiara; Rinaldi, Rossella; Benatti, Alessandra; Torri, Paola; Mazzanti, Marta
abstract

An important archaeological excavation (2014-2015) along the Adriatic road, which runs parallel to the coast, allowed to backdate the presence of the salt pans in Cervia (Ravenna) until the Roman republican period [1]. This result was possible thanks to a multiproxy study that involved archeology, geopedology, archaeobotany, archaeozoology and anthropology. The structures of the salt marshes were examined in order to to identify the woods used to make them [2]. The contribution of archaeobotanical analyzes on microremains (pollen and NPPs - 10 samples) and macroremains (seeds/fruits and charcoals - 20 samples) [3] was important for several reasons: a) to get information about landscape changes on the site; b) to support the reconstruction of the ancient coast line; c) to provide elements to support the presence of the Roman salt pans and other human activities. The evidence of hydrophytes and halophytes, in addition to the presence of peculiar NPPs, confirmed the permanence of the wooden artefacts in marine and brackish waters. Furthermore, when during mid-1st century AD this salt pan was neglected, other anthropic activities are highlighted, including those relating to burials.


2020 - Tobacco in the Erbario Estense and other Renaissance evidence of the Columbian taxon in Italy [Articolo su rivista]
Vicentini, C. B.; Buldrini, F.; Romagnoli, C.; Bosi, G.
abstract

The Erbario Estense, preserved in the Archivio Segreto Estense (Modena State Archives, Italy), is one of the very few sixteenth century herbaria still existing today. Among its exsiccata are a dozen species coming from the Americas, one of which is tobacco. The author of the specimen calls the plant Tabacho, ouer Herba Regina; Camus and Penzig, in the late nineteenth century, identify it as Nicotiana tabacum and affirm that it could be the most ancient direct proof of the presence of this plant in Italy. Today, attribution of the specimen to the above-mentioned species is certain and, according to the studies carried out for the present research, only three other sixteenth century exsiccata of N. tabacum still exist, all of them preserved in the Erbario Aldrovandi in Bologna. Therefore, the specimen of the Erbario Estense is extremely precious from a historical and scientific viewpoint. Tobacco was certainly known by the simplists who were working at that epoch in the lively scientific and medical environment of Ferrara, even if, according to documentary sources, real pharmacological use of the plant seems to have taken place only in successive phases.


2020 - Tracce di mais dalla cripta: testimonianze polliniche e paleonutrizionali [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, G.; Lugli, F.; Torri, P.; Rinaldi, R.; Bandini Mazzanti, M.
abstract

Ai fini della ricostruzione delle condizioni di vita e di salute di una comunità del passato, può contribuire in modo significativo la determinazione delle modalità di sussistenza che essa adottava in rapporto alle risorse ambientali, modalità che possono essere ricostruite attraverso diversi approcci analitici particolarmente utili e proficui in contesti archeologici ricchi e ben conservati come quello restituito dalla camera sepolcrale della chiesa di Roccapelago. In quest’ottica vengono qui presentati i risultati di una duplice ri- cerca: da un lato lo studio dei pollini repertati all’interno della cripta, utili a ricostruire le spe- cie vegetali che dovevano essere presenti all’epoca nell’area territoriale di Roccapelago e, dall’altro, l’analisi degli elementi chimici in traccia, insieme ai rapporti di alcuni isotopi, nel tessuto degli individui rinvenuti nella medesima cripta allo scopo di risalire alla dieta da essi seguita nel corso della loro vita.


2020 - Wine consumption in Bronze Age Italy: combining organic residue analysis [Articolo su rivista]
Pecci, A.; Borgna, E.; Mileto, S.; Dalla Longa, E.; Bosi, G.; Florenzano, A.; Mercuri, A. M.; Corazza, S.; Marchesini, M.; Vidale, M.
abstract

The early consumption of wine or other grape derivatives (such as vinegar or must) is suggested from organic residues analysis conducted on Bronze Age pottery recovered from two sites in north-eastern Italy, Pilastri di Bondeno (Ferrara) and Canale Anfora (Aquileia, Udine). Pilastri is part of the Terramare culture of the Po plain, from which the archaeobotanical context has suggested that Vitis vinifera L. was known and used during the Middle Bronze Age. At Canale Anfora Vitis, macro-remains were found in earlier levels of the local stratigraphy. Organic residue analysis conducted by gas chromatography coupled to mass spectrometry allowed the identification of tartaric acid in twenty samples out of thirty-one recovered from different ceramic vessels (e.g., drinking cups, coarse ware pots, presumed storage vessels) found at the two archaeological sites and dated to the 15th-14th centuries BC. Based on integrated studies, we suggest that grape juice derivatives (including wine or vinegar) were likely consumed at the sites. This is the earliest direct evidence of grape derivatives consumption in this area. Combined with the botanical evidence, these findings contribute to our understanding of the emergence of wine consumption in the western Mediterranean.


2019 - A survey of the Late Roman period (3rd-6th century AD): pollen, NPPs and seeds/fruits for reconstructing environmental and cultural changes after the floods in Northern Italy [Articolo su rivista]
Bosi, G.; Labate, D.; Rinaldi, R.; Montecchi, M. C.; Mazzanti, M.; Torri, P.; Riso, F. M.; Mercuri, A. M.
abstract

In this paper, we focus on the most critical but low-studied Late Roman phase (3rd-6th century AD) of Mutina, an important Roman colony situated in Northern Italy. During this period, partly including the Late Antique, the seasonal variability with inconstant precipitation might have been responsible for devastating flood events. In the Po Plain, lying on four regions of Northern Italy (Piedmont, Lombardy, Emilia-Romagna and Veneto), an impressive set of flood events occurred that resulted in evident, sometimes thick sediment strata, in between the Roman archaeological layers, and after their full deposition. The research is a key example of integrated archaeobotanical analyses based on five archeological sites (on-site records) excavated within the modern city of Modena and studied for palaeoenvironmental reconstruction. Plant micro- and macro-remains were analysed in the framework of interdisciplinary archaeological studies, aiming at reconstructing the main floristic, vegetational and palaeoecological features of Mutina and its surroundings. Since early phases of the Roman age, there have been wetlands and thinly scattered mixed oakwoods that together with human environments, i.e. cereal fields and gardens, characterised the plant landscape of the area. Interestingly, during the Late Roman period, the woodland cover increased. Overall, the archaeobotany studies highlighted the effects of the floods on the city of Modena and its surroundings showing that subsequent episodes of floods favoured the expansion or spreading of wetlands with the development of hygrophilous woods in the later phases, after the flood of the 6th century AD.


2019 - Analisi archeobotaniche dello scavo della Rotatoria di Cervia [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Torri, P.; Rinaldi, R.; Benatti, A.; Mazzanti, M.
abstract

La ricerca archeobotanica condotta su diversi campioni prelevati durante i recenti scavi per la realizzazione della Rotatoria 71B di Cervia può avere vari motivi d’interesse: a) ottenere informazioni sul paesaggio vegetale per fornire conferme e chiarimenti utili a definire l’assetto dell’area in periodo repubblicano e soprattutto per mettere in luce possibili segnali dell’antica presenza di saline a Cervia; b) ricostruire i tratti principali dell’ambiente costiero, quando la sua naturalità doveva essere ben superiore all’attuale, con attenzione ai taxa più indicativi dal punto di vista paleofloristico e paleoecologico; c) acquisire ulteriori informazioni sull’assetto dei litorali che si affacciavano sulla parte settentrionale dell’Adriatico. Quest’ultimo aspetto è forse il più importante, perché ancora poco si sa dal punto di vista archeobotanico di queste aree, soprattutto a confronto con le invece numerose ricerche effettuate e pubblicate per la Pianura Padana lontana dalle coste. Infatti i lavori sulle coste adriatiche nel Nord Italia sono ancora pochi, ma hanno già dato informazioni assai significative. La disponibilità di numerosi altri campioni prelevati a Cervia è un invito a procedere in questa ricerca alla scoperta della storia dei litorali della Regione Emilia-Romagna.


2019 - Analisi archeobotaniche per il sito di Piazza della Vittoria a Reggio Emilia [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Rinaldi, Rossella; Benatti, Alessandra; Riso, FEDERICA MARIA
abstract

Durante lo scavo di Piazza della Vittoria nel centro di Reggio Emilia sono stati prelevati numerosi campioni per analisi archeobotanche: semi/frutti, carboni e polline


2019 - Archaeobotanical evidence of funerary rituals in roman necropolis of Mutina (Northern Italy): a multidisciplinary approach [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, F. M.; Pellegrini, S.; Baraldi, P.; Bosi, G.
abstract

An interdisciplinary method involving different disciplines of archeology was carried out on the necropolis of Mutina, in order to have a complete view of the funerary rituals. Cremation graves coming from Mutina necropolis have been analysed (1st – 2th century AD). In addition to traditional methods, new technologies helped to study offerings presence. For what concerns Via Cesana necropolis, a computed tomography has been performed on 8 urns thanks to TEC-EUROLAB (Modena), in order to carry out a systematic microexcavation. Then soil has been sieved and then archaeobotanical (seeds/fruit) and archaeological findings were collected. Seeds/fruits found mostly belong to cultivated plants or, anyway, plants that can be used as food, as Cereals, Pulses and Fruit plants, even if the analysis are still an ongoing research. These remains of meals left on the graves and of the objects involved in the ceremonies, are evidence resulting from the attendance of the funeral space. It has been also decided to analyse the dust inside the balsamari found among the grave goods of the urns. Raman and XRF analysis have been carried out in order to verify the presence of cosme- tic dusts: hematite, cinnambar, malachite marks have been found. In tomb 15 a grape flower has been found and it could be a residue of the preparation of oenanthe or it could also be the evidence of omphacio, prepared with unripe grapes.


2019 - Archaeobotany in urban sites: the Middle Age of Modena (Northern Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, R.; Bandini Mazzanti, M.; Osti, G.; Benatti, A.; Bosi, G.
abstract

This contribution refers to the palaeoenvironmental reconstruction of the Modena town (northern Italy) in the Medieval Age. The archaeobotanical study of ten archaeological sites provided useful information to reconstruct palaeoethnobotany, history and plant landscape of the area from the 7th century to the13th century AD. A total amount of 250,000 carpological remains has been isolated (sieved from more than 600 l of soil), corresponding to more than 350 taxa, from the eight study sites (two of them are still under study). The taphonomic diversity of the deposits allowed to obtain information on: - availability of volup- tuary products, as abundant and diversified fruit; - availability of plant products to be a luxury item, and some condiments; - evidence of cultivation traditions typical of the area; - evidence of a wide range of cereal crops; - evidence of plant and care of ornamental species. Paleoecological reconstructions show the presence of wetland environments, peculiar to the area, in fact the medie- val Modena was a “water city” characterized by an extended network of canals, considered as the main vector of commerce. Finally, the floristic list suggests that in the Medieval period the biodiversity was higher than in the modern city; such floristic richness is also supported by the findings of numerous wild species worthy of attention, some of them unknown in earlier sources, others that disappeared during the 20th century and many considered rare.


2019 - Environmental changes and human impact during the Middle to Recent Bronze Age in N Italy (SUCCESSO-TERRA Project) [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Florenzano, Assunta; Zerboni, Andrea; Bosi, Giovanna; Brandolini, Filippo; Clo', Eleonora; Mariani, Guido S.; Mazzanti, Marta; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Cremaschi, Mauro
abstract

This contribution reports on the ongoing interdisciplinary research program SUCCESSO-TERRA (Human societies, climate-environment changes and resource exploitation/sustainability in the Po Plain in the midHolocene: the Terramare culture; PRIN-20158KBLNB, 2017–2020; https://www.successoterra.net) aiming at reconstructing the landscape and landuse transformations that occurred during the development of the Terramare culture (16th-12th century BC) in the Po Plain of Northern Italy. The project joints experts on Geoarchaeology, Palynology and Archaeobotany to study high-resolution archaeological sediments with an interdisciplinary ecological perspective (Cremaschi et al. 2018). The study of sediments and pollen assemblage from both natural archives and selected Bronze Age sites (Terramara of Santa Rosa di Poviglio and Vasca di Noceto, and occupation layers of S. Michele di Valestra) shine a new light on the mutual interconnection between climate change, landuse, and human resilience. The palynological research focused on Santa Rosa di Poviglio and allowed details of some of the complex processesintheagriculturaleconomytobefilledin,suchaswerepracticedonthebasisofwoodmanagement and crop fields (Cremaschi et al. 2016). Pollen diagrams showed oscillations of the curves of deciduous oaks and other woody plants (Carpinus betulus, Corylus, Fraxinus and Carpinus orientalis/Ostrya carpinifolia). The role of trees and shrubs supplying fruits (Prunus and other woody Rosaceae, Cornus mas, and especially Corylus and Vitis) resulted of special interest. The fields included different types of cereals (Avena/Triticum and Hordeum groups, Secale cereale and Panicum). Most of the open landscapes around the villages were used for pastures as suggested mainly by Cichorieae and other pasture pollen indicators. The Anthropogenic Pollen Indicators-API group (Mercuri et al. 2013) are significant in the spectra together with other synanthropic plants, and indicate a continuative human pressure in the area. The last phases of the pollen diagrams show a decrease of woodland together with a reduction in cereal fields suggesting that soil and wood overexploitation might have been among the causes of the Terramare’s crisis and their societal collapse (Mercuri et al. 2006; Cremaschi et al. 2016). The interdisciplinary study will disclose the natural (environmental aridification) and anthropic (overexploitation of natural resources) reasons of the collapse of the Terramare culture, by investigating the environmental changes in the region and their relationships with the different land-use adopted by the Terramare people.


2019 - Esperienze di “MusicaBiologica” in musei scientifici e luoghi di natura protetta [Relazione in Atti di Convegno]
Rebecchi, Christian; Dallai, Daniele; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Buldrini, Fabrizio; DAL ZOTTO, Matteo; Pederzoli, Aurora
abstract

A project of “biological” music was proposed as a new expressive language to promote a better fruition of thematic itineraries of scientific museums and natural reserves. The use of rigorously acoustic musical instruments, the choice of sounds that do not require electric energy to be produced, the creation of unique events where the original composition is focused to the context, together with readings evocating and celebrating nature and its relationship with man, were intended as a stimulus to an unusual sharing among people present to such events, which become a real moment of listening and participation.


2019 - Evidence of late-Holocene mud-volcanic eruptions in the Modena foothills (northern Italy) [Articolo su rivista]
Borgatti, Lisa; Bosi, Giovanna; Bracci Antonio Edoardo, ; Cremonini, Stefano; Falsone, Gloria; Guandalini, Francesca; Labate, Donato; Mainardi, Giuseppe; Martinelli, Giovanni; Montecchi, Maria Chiara; Pieraccini, Diego
abstract

Among natural hazards, mud volcanoes can damage property and infrastructures and affect hillslope evolution at different spatial and temporal scales. The results of 10-year-long multidisciplinary investigations performed on a Roman-age archaeological site, La Rovina di Montegibbio, are presented, showing a peculiar example of mutual interplay between human settlement and geological forcing in the mud-volcanic environment. The site (350 m a.s.l.) lies at the termination of the upper Secchia River catchment, near the town of Sassuolo (Modena Province). Here, a 4-km-long mud volcano belt borders the Apennines chain front, comprising one of the most prominent mud volcanoes of Italy (Salsa di Montegibbio), and the still-active chain hinge tectonics gives origin to gas and oil seeps. Based on geological, geoarchaeological, palaeobotanical, geochemical, geophysical records and analytical data, we unravel the onset, the evolution and the abandonment of the settlement in relation to the existence of a previously unknown mud volcano, belonging to the larger Montegibbio mud volcano system. The damages affecting the Roman-age buildings record the ground deformations in the context of mud volcano tectonics. In particular, the pattern of faults set buried under the archaeological site is shown and compared with that of the main mud volcano conduit. At least two Roman-age eruptive episodes have been recorded, whose ejected muds are geochemically characterized. The first recorded eruption must be regarded as the reason for the initial location and function of the sacred ancient settlement. The final site abandonment was because of subsequent severe ground deformations affecting the hillslope as a consequence of mud volcano activity.


2019 - Ex Oriente seges: the arrival and establishment of broomcorn millet in Europe [Abstract in Atti di Convegno]
Filipović, Dragana; Meadows, John; Dal Corso, Marta; Effenberger, Henrike; Alsleben, Almuth; Akeret, Örni; Bittmann, Felix; Bosi, Giovanna; Cappers, René; Ciută, Beatrice; Dreslerová, Dagmar; Gyulai, Ferenc; Heiss, Andreas; Jahns, Susanne; Kapcia, Magda; Kohler-Schneider, Marianne; Kroll, Helmut; Marinova, Elena; Märkle, Tanja; Medović, Aleksandar; Mercuri, Anna Maria; Mueller-Bieniek, Aldona; Nisbet, Renato; Pashkevich, Galina; Perego, Renata; Pokorný, Petr; Przybyła, Marcin; Reed, Kelly; Stika, Hans-Peter; Tolar, Tjaša; Wasylikowa, Kristina; Wiethold, Julian; Zerl, Tanja; Kirleis, Wiebke
abstract

Cultivation of broomcorn millet (Panicum miliaceum L.) was a widespread practice in later European prehistory. When and how this ‘crop from the East’ was introduced to the continent and spread across it has not been determined. So far, based on the relative chronology of millet finds and a small set of radiocarbon-dated caryopses, it has been suggested that millet did not arrive in Europe during the Neolithic and that this happened in the Mid-Late Bronze Age. It has not been clear why and how millet was integrated into the pre-existing crop spectrum and what effect this had on the crop husbandry routine. The economic and socio-cultural contexts of the adoption of millet have not been closely examined. The 'Millet Dating Programme' recently completed at Kiel University produced 100+ radiocarbon dates on charred grains of broomcorn millet recovered from Neolithic and Bronze Age layers of sites located in different parts of Europe. Collectively, the absolute dates suggest that millet reached most of SE, central and NW Europe in the period 15-13th century BC. Using these high-precision data, we can now build a link between the start of millet cultivation and the coeval changes in subsistence economy potentially resulting from the adoption of the new crop. We present the results of this research project and discuss possible mechanisms by which millet was distributed, as well as the potential agro-ecological causes-andeffects of the establishment of millet cultivation in Europe.


2019 - Gardens and orchards in Northern Italy during the Middle Ages [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, G.; Mazzanti, M.; Forlani, L.; Torri, P.; Castiglioni, E.; Rottoli, M.
abstract

The contexts of gardens (of various kinds) are rare and problematic in archaeology. Often the faint traces of these structures are misunderstood and, consequently, many findings are lost. From the archaeobotanical point of view, an exemplary case for the Middle Ages of Northern Italy is the Duchess Garden in Ferrara (15th c.): thanks to an accurate excavation, it returned valuable data for the reconstruction of a fine “green corner” of the Este family. In Modena, a small space of the Bishop’s Palace (12th-13th c.) has unveiled fruit trees and herbs available to the curia of the city. In the rural village of Nogara (9th-11th c.) archaeobotanical analysis provided elements to descri- be small kitchen gardens. In Ferrara, a study on peri-urban vegetable gardens and orchards (11th c.) is in progress: in a systematic manner, numerous samples of pollen, seeds/fruits and woods were taken. Preliminary data are meaningfull and provide an interesting list of cultivable taxa. Among the fruit trees: Cydonia oblonga, Morus nigra, Prunus avium, Pyrus communis, Vitis vinifera,.... Among the vegetables/aromatics: Anethum graveolens, Antrhriscus cerefolium, Beta vulgaris, Cannabis sativa, Capparis spinosa, Crocus sativus, Cucumis melo, Cynara cardunculus, Linum usitatissimum, Papaver somniferum, Pastinaca sativa, Pimpinella anisum, Vicia faba,.... Ornamental plants like columbines, iris, roses, violets and vervain are also found. The finds of woods reveal that the fences were built especially with oak and ash.


2019 - Geoarcheologia nel territorio di Nonantola (MO): studio geomorfologico, sedimentologico e archeobotanico dell'area dell'antica Selva Zena [Articolo su rivista]
Rucco Alessandro, Alessio; Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Mazzanti, Marta; Accorsi, Carla Alberta; Pellegrini, Silvia; Lugli, Stefano
abstract

In this paper we are reporting the first results of research conducted by the Ca’ Foscari University of Venice in collaboration with the University of Modena and Reggio Emilia. The research aims at studying the paleoenvironmental characteristics of the low plain north-east of Nonantola (MO), integrating geomorphological, sedimentological and archaeo-botanical analyses, carried out both on a territorial scale and on a point scale. The specific focus concerns the Selva Zena, a lowland forest mentioned in early medieval written sources but never subjected to detailed analysis. These first results give a decidedly more complex picture than the one offered by the written source: in fact, for the early middle ages, no indicators of extensive forest cover can be traced; on the other hand, more consistent data can be traced back to the modern age, when the forest begins to be represented also in cartography. Although this research needs further study, the preliminary data opens up intere-sting opportunities for reflection both for the historical-archaeological, and the more strictly paleo-environmental aspects.


2019 - Gli scavi alla Terramara di Pragatto (BO): dai primi dati al progetto di ricerca [Relazione in Atti di Convegno]
Miari, Monica; Boccuccia, Paolo; Barbieri, Monia; Bosi, Giovanna; Carra, Marialetizia; Cremaschi, Mauro; Curci, Antonio; DE ANGELIS, Antonella; Gabusi, Rossana; Lemorini, Cristina; Maini, Elena; STEFANO MARIANI, Guido; Mercuri, Anna Maria; Pavia, Fabrizio; Scacchetti, Federico; Stellacci, SARA M.
abstract

EXCAVATIONS AT THE TERRAMARA OF PRAGATTO (BOLOGNA, ITALY): FROM THE FIRST DATA TO THE RESEARCH PROJECT. The work aims to present the first results of the excavation conducted at the Terramara of Pragatto and illustrate the related research project. The area under investigation encompassed a wide strip of about 7,000 square meters corresponding to the southern portion of the settlement. The explorations, conducted by the Archeosistemi AR/S Cooperative, began in May 2016 and are currently being finalized. Excavation reached the settlement’s limits toward both east and west. In the western area, the archaeological stratigraphy resulted progressively decreasing and the presence of a natural slope suggested the existence, already in the Bronze Age, of a watercourse coinciding with the present-day Rio Carpineta. A more complex and articulated system of perimetric delimitation was instead defined in the eastern side, which included a moat, the edges of the embankment’s colluvium, and traces of a palisade and wooden gabions towards the inhabited area. Both structures, the palisade and the gabions, present a gap in correspondence with what could be interpreted as one of the accesses to the village and, although preserved only at the basal level, they appear strictly comparable with those discovered by Pigorini at Castione Marchesi. For what concerns the stratigraphy of the settlement, the materials collected on the surface after that agricultural works have removed the upper levels of the archaeological deposit, date the last occupation to the recent phases of the Bronze Age. The underneath deposit is fully preserved starting from levels dating to the Middle Bronze Age 3 – early Late Bronze Age and it has two distinct phases of well-characterized and regularly spaced heaped dumps. The basal level revealed the existence of a first settlement phase which, in the explored area, seems having included no dwellings, while long palisades delimitating empty areas, as well as holes and stumps, have instead been found. In parallel with the beginning of the excavations, a team was set up to address the research questions related to the geoarchaeological, palaeobotanical, palynological, and zooarchaeological data, as well as to explore potential analyses of metals, objects in animal hard tissues, and macro-lithic tools. The constitution of this team aimed not only at conducting laboratory analyses but also at supporting archaeologists during field investigations. Therefore, in addition to defining proactive protocols for the correct sampling and treatment of artifacts and samples, targeted interventions have been carried out during excavations in response of specific needs emerged during the progress of exploration.


2019 - Il melograno tra filo e realtà [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna
abstract

Il termine “motivo a melograno” nel campo dei manufatti artisti- ci comprende stilizzazioni di diversi elementi vegetali; infatti, insieme al frutto del melograno include anche la forma della pigna, dell’infiorescenza del carciofo e del cardo, oltre a varianti del motivo “albero della vita”, in particolare palmetta e loto. Nella Collezione Gandini di Modena, tra gli oltre 600 campioni tessili datati tra XIV e XVII secolo un centinaio circa presentano questo elemento come protagonista. Viene da chiedersi come mai il melograno risulti così importante dal punto di vista figurativo; oltre a motivi puramente estetici ne esistono altri, in parte legati alla botanica del taxon, in parte legati all’importante sfera simbolica che da sempre ha accompagnato questo vegetale .


2019 - Late Holocene plant exploitation for charcoal production and grazing in northern Apennines inferred from charcoals analysis [Abstract in Atti di Convegno]
Benatti, Alessandra; Marie, Bal; Philippe, Allée; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria
abstract

Monte Cimone and Corno alle Scale are two protected mountains included in the Natura 2000 Network. The top of these mountains is characterized by Vaccinium and Nardus meadows and the timberline, formed by coppice beech forest, reaches 1600-1700 m a.s.l. Historical sources show the importance of these mountains for pastoral activities, which have been practiced until the 1950s, and then decreased drastically. Many pastoral structures, found (but not dated) in the current grassland of Monte Cimone, are witness of the ancient pastoral activity. Charcoal analysis provided information on the past wood vegetation changes in response to climate change and human impact, with details at the scale of the slope. Two altitudinal transects were carried out for the pedoanthracological study: nine pits were excavated and sampled from 1650 to 2078 m a.s.l at Monte Cimone, and eight pits from 1600 to 1860 m a.s.l. at Corno alle Scale. Moreover, an anthracological study was carried out on eight charcoal platforms. A total of 14 taxa were identified (e.g. Ericaceae and Fagus sylvatica). Almost all radiocarbon dates refer to the Late Holocene. Charcoal analysis data suggest that the inhabitants of the two mountain areas have exploited the natural physical conformation of the territory to use and manage the natural resources through the sylvopastoral activities, thus using the wood on the steep slope for charcoal production and the plateau for grazing activity.


2019 - Le analisi archeobotaniche (Forum Gallorum) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Benatti, Alessandra
abstract

Analisi archeobotaniche (semi/frutti e carboni) dal sito della mansio di Forum Gallorum a Castelfranco Emilia (MO)


2019 - Palaeoecological investigation of the Recent Bronze Age site of Este (Padua, N Italy): valuable information from NPPs [Abstract in Atti di Convegno]
Torri, Paola; Di Mascio, Martina; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Miola, Antonella; Rottoli, Mauro; Mazzanti, Marta
abstract

The study of non-pollen palynomorphs (NPPs), combined with pollen and seed/fruit analyses, is a valuable tool for palaeoecological reconstruction of archaeological sites. These proxies have been applied to the archaeologicalsiteofEste–viaComuna,excavatedin2015. Thesite,locatedinthePoPlaininthesouthwestern part of Euganean Hills (Veneto), is archaeologically dated back to the beginning of the Recent Bronze Age (14th-13th century AD) (Bortolami, 2015-2016). Nine pollen samples were collected from a stratigraphical section of a trench opened within a basin/channel characterised by peat layers and alluvial deposits. Pollen and NPPs were counted in the same samples. NPPs wereidentifiedusingmorphotypesdescriptionsandphotographsfromreferenceliterature(e.gvanGeel2001; Gelorini et al. 2011). In general, the pollen sequence shows quite a good presence of pollen (from 28.000 to 140.000 p/g), and outstanding quantities (from 84.000 to 642.000 npp/g) and variety of NPPs. About 130 morphotypes have been identified; among the not identified types, seven NPPs will be proposed as new types to be included in the NPP list. The integrated study of NPPs, pollen and seeds/fruits highlights the system of sources exploitation attested in the site surroundings, and the presence of a water basin representing a useful source for human settlers. Coprophilous fungi testify the presence of animals (van Geel et al., 2003) probably associated with grazing/breeding activities that increase at the same time as woodlands sharply decrease, and cereals and synanthropicspeciesincrease. Algaereflectparticularconditionsofwaterdepthandtemperature(Rieraetal.,2006; Limaye et al., 2016), and also inform about nutrient supply in the basin (van Geel et al. 1994; Di Rita et al. 2010). Conductor elements of tracheophytes have been found often associated with saprobic fungi living on decayed or decaying wood. Particular attention has to be paid to the complementary information provided by some peculiar plant remains, such as Ceratophyllum leaf spines and astrosclereids of Nymphaeaceae.


2019 - Plant landscape reconstruction above the current timberline at the Monte Cimone and Corno alle Scale mountain areas (Northern Apennines, Italy) during the Late Holocene: The evidence from soil charcoal [Articolo su rivista]
Benatti, A.; Bal, M.; Allee, P.; Bosi, G.; Mercuri, A. M.
abstract

This paper presents the first pedoanthracological study carried out on two mountains of the Northern Apennines, Monte Cimone, and Corno alle Scale, where the results provided new palaeoenvironmental data. The pedoantracological sampling followed an elevation gradient from the current timberline to the highest possible elevation, also adapted to the geomorphological characteristics of the study areas. Based on radiocarbon datings (16 at Monte Cimone and 9 at Corno alle Scale), the soil charcoal fragments provided data about the vegetation dynamics and plant landscape reconstruction, primarily indicating the Late Holocene. The landscape over the last 3000 years appears very similar to the current one with very small altitudinal variations of the timberline and treeline. The present study shows a lack of radiocarbon dates for the Middle Holocene and two hypotheses are discussed to explain this finding. Data suggest that past fires were locally linked to periods of climate optimum and possibly with the management of natural resources (especially animal grazing) by human societies. Some questions concerning the absence of Abies alba, today only present as plantation and normally associated with Fagus sylvatica at these latitudes, are discussed.


2019 - Pollen and macroremains from the site “Vasca di Noceto”: an artificial basin for votive practices during the Bronze Age in Northern Italy [Abstract in Atti di Convegno]
Clo', Eleonora; Mazzanti, Marta; Torri, Paola; Rinaldi, Rossella; Proserpio, Barbara; Montecchi, Maria Chiara; Bosi, Giovanna; Zerboni, Andrea; Mercuri, Anna Maria; Cremaschi, Mauro
abstract

This research is part of the national-funded interdisciplinary SUCCESSO-TERRA Project (Human societies, climate-environment changes and resource exploitation/sustainability in the Po Plain in the mid-Holocene: the Terramare culture; PRIN-20158KBLNB) and discusses biological information of the archaeological site “Vasca di Noceto”, an artificial wooden basin dating to the Bronze Age and discovered in 2004 in the central Po Plain, near Parma. Geoarchaeological, geochronological and dendrochronological data suggest that the basin was used for ritual practices for about one hundred years (ca. 1420–1320 BC) from the inhabitants of the nearby Terramara village, which was completely removed in the nineteenth century because of quarry activities. The waterlogged anoxic clay-bearing infilling of the basin preserved the wooden architectonic structure and many biological findings submerged until their recovery. The abundance of botanical records (pollen, seeds and fruit remains) in an extraordinary state of preservation permits to investigate the use of plants in ritual contexts and to reconstruct the local plant cover influenced by the interaction with human activities near the site. Cereals and fruits were possibly used as votive offerings during ritual activities together with flowers and inflorescences, probably deposited into the water according to the observation of the preservation state of pollen from several entomophilous species.


2019 - Proposals for rural landscape and archaeological site flora management: the contribution of archaeobotany through the BRAIN network research [Abstract in Atti di Convegno]
Marta Mariotti Lippi, ; Gianniantonio, Domina; Florenzano, Assunta; Carlo, Montanari; Mariangela, Guido; Valentina, Pescini; Bruna Ide Menozzi, ; Alessandro, Panetta; Roberta, Cevasco; Diego, Moreno; Emilia, Allevato; Davide, Attolini; Gianluigi, Bacchetta; Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Clo', Eleonora; Lorenzo, Costantini; Alessia, D’Auria; Gaetano Di Pasquale, ; DI SANSEBASTIANO, GIAN PIETRO; Marchesini, Marco; Silvia, Marvelli; Alessia, Masi; Mazzanti, Marta; Montecchi, Maria Chiara; Rinaldi, Rossella; Sadori, Laura; Marco, Sarigu; Claudia, Speciale; Mariano, Ucchesu; Torri, Paola; Mercuri, Anna Maria
abstract

Archaeobotanical data suggest that models of a multiple land use have always contributed to the fruitful management of environmental resources, and this is among the most interesting results obtained from the reconstructions of past landscapes in the Mediterranean. The development of Historical Ecology, an historical approach that promotes interdisciplinary studies involving several research fields (like botany, archaeobotany, history, archaeology, geography, cartography, forestry, geology, climatology, landscape genetics), is carrying out proposals for applications in agricultural management and environmental conservation based on rigorous land use reconstructions. Several members of the BRAIN community are involved in these topics thanks to the interdisciplinary plant-based studies carried out on archaeological sites and other human-influenced contexts (Environmental Archaeology).


2019 - The Botanical Record of Archaeobotany Italian Network - BRAIN: a cooperative network, database and website [Articolo su rivista]
Mariotti Lippi, M.; Florenzano, A.; Rinaldi, R.; Allevato, E.; Arobba, D.; Bacchetta, G.; Bal, M. C.; Bandini Mazzanti, M.; Benatti, A.; Beneš, J.; Bosi, G.; Buonincontri, M.; Caramiello, R.; Castelletti, L.; Castiglioni, E.; Celant, A.; Clò, E.; Costantini, L.; Di Pasquale, G.; Di Rita, F.; Fiorentino, G.; Furlanetto, G.; Giardini, M.; Grillo, O.; Guido, M.; Herchenbach, M.; Magri, D.; Marchesini, M.; Maritan, M.; Marvelli, S.; Masi, A.; Miola, A.; Montanari, C.; Montecchi, M. C.; Motella, S.; Nisbet, R.; Orrù, M.; Peñachocarro, L.; Pepe, C.; Perego, R.; Rattighieri, E.; Ravazzi, C.; Rottoli, M.; Rowan, E.; Sabato, D.; Sadori, L.; Sarigu, M.; Torri, P.; Ucchesu &, M.; Mercuri, A. M.
abstract

The BRAIN (Botanical Records of Archaeobotany Italian Network) database and network was developed by the cooperation of archaeobotanists working on Italian archaeological sites. Examples of recent research including pollen or other plant remains in analytical and synthetic papers are reported as an exemplar reference list. This paper retraces the main steps of the creation of BRAIN, from the scientific need for the first research cooperation to the website which has a free online access since 2015.


2019 - The SUCCESSO-TERRA Project: a lesson of sustainability from the Terramare culture, Middle Bronze Age of the Po Plain (North Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Florenzano, Assunta; Mercuri, Anna Maria; Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Brandolini, Filippo; Clo', Eleonora; Furia, Elisa; Mariani, Guido S.; Mazzanti, Marta; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Zerboni, Andrea; Cremaschi, Mauro
abstract

The SUCCESSO-TERRA Project (Human societies, climate-environment changes and resource exploitation/sustainability in the Po Plain in the mid-Holocene: the Terramare culture; PRIN-20158KBLNB) is a research program aiming at reconstructing landscape and land-use transformations that occurred during the Terramare period in the southern-central Po Plain of Northern Italy. The project joints experts on Geoarchaeology, Palynology and Archaeobotany to study highresolution archaeological sediments with an interdisciplinary ecological perspective. The Terramare settlements were banked and moated villages of the Middle and Recent Bronze Ages (1550–1170 cal yr BC). According to the plant record (both micro- and macro-remains), agricultural economy was based on cultivation and exploitation of forests. Pollen analysis suggests wood management, including coppicing, and fruit collection on the wild, the existence of crop fields with different types of cereals and the intercropping with legumes. The most of the open landscapes around the villages were used for pastures as suggested by pasture indicators in pollen spectra. Our interdisciplinary study will disclose the natural (environmental aridification) and anthropic (overexploitation of natural resources) reasons of the collapse of the Terramare culture, by investigating the environmental changes in the region and their relationships with the different land-use adopted by the Terramare people.


2018 - Alimentazione, agricoltura, pesca e caccia [Capitolo/Saggio]
Ferretti, Davide; Bosi, Giovanna; Sala, Luigi
abstract

Breve contributo su risorse alimentari nel catalogo della mostra “In loco ubi dicitur Vicolongo: l’insediamento medievale di Santo Stefano a Novi Modena”


2018 - Archaeological and archaeobotanical analysis of the funerary ritual in urban and peri-urban necropolis of a Roman colony of Northern Italy [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, FEDERICA MARIA; Rinaldi, R.; Benatti, Alessandra; Mercuri, A. M.; Vanin, Stefano; Labate, D.; Bosi, G.
abstract

An interdisciplinary method involving different disciplines of archeology was carried out on the necropolis of Mutina, in order to have a complete view of the funerary rituals. For a multidisciplinary approach in order to study the funerary rituals, epigraphic, litterary, iconographic, archaeological and archaeobotanical evidences have been taken into consideration. A total of 142 graves and 4 structures have been analysed, coming from 8 necropolis (1st – 4th century AD). Over 2131 liters of soil was sieved and then archaeobotanical (seeds/fruit, charcoals) and archaeological findings were collected. These remains of meals left on the graves and of the objects involved in the ceremonies, are evidences resulting from the attendance of the funeral space. In addition to traditional methods, new technologies (CT-scan and SAXS - in collaboration with Huddersfield University) helped to study offerings presence.


2018 - Charcoal Kilns in the Northern Apennines (Italy): Forest Exploitation by Past Societies in Mountain Areas [Articolo su rivista]
Benatti, Alessandra; Bal, Marie; Allée, Philippe; Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; Mercuri, Anna Maria
abstract

Anthracological analyses were carried out on charcoal platforms located in the Monte Cimone and Corno alle Scale mountain areas in the Tuscan-Emilian Apennines (Northern Italy), at high altitude. Analyses of charcoal fragments contained in these man-made structures have allowed the reconstruction of human-forest relationships over the last centuries, in particular the exploitation of forests for charcoal production. Comparison of our anthracological results with ethnobotanical and historical-social information has made possible an improvement in our knowledge of this activity that was fundamental for the past mountain economy.


2018 - I reperti carpologici della Vasca US 1050 (metà XV secolo): testimonianze vegetali dalla tavola ducale estense [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Il presente contributo riguarda l’analisi del materiale carpologico proveniente dalla Vasca US 1050 utilizzata per l’eliminazione dei rifiuti dello stesso palazzo. Il riempimento della vasca è stato interamente attribuito, in base alle analisi di ceramica e vetro, alla seconda metà del XV secolo d.C., prima del 1479, anno in cui Eleonora d’Aragona, moglie di Ercole I d’Este, fece demolire la parte dell’edificio sovrastante il manufatto in oggetto per far posto a un ampio cortile interno, l’attuale Piazza Municipale. La Vasca US 1050, rispetto alle altre del sistema di scarico sottoposte a saggio per le analisi archeobotaniche, mostrava una buona quantità di materiali carpologici ottimamente conservati. Si è così pensato di concentrare le analisi carpologiche su questa struttura, analizzando una cospicua quantità del riempimento della stessa. Già dai primi saggi si è potuto constatare che i reperti carpologici erano da attribuire soprattutto a vegetali legati all’alimentazione umana. Per questo, una fonte rinascimentale è stata di particolare aiuto per indagare gli usi delle piante testimoniante in questo contesto e il loro significato; il libro di cucina di Cristoforo da Messisbugo (= MC), scalco della corte estense tra la fine del XV e la prima metà del XVI se- colo, opera pubblicata postuma nel 1549. Il volume contiene la lista degli ingredienti immancabili in dispensa, 14 menù dettagliati preparati dallo scalco in occasioni particolari e 323 ricette. Il Messisbugo è considerato il fondatore della grande tradizione culinaria italiana del ’500, un vero “letterato” della cucina. Il suo trattato è di fondamentale importanza come fonte con cui confrontare i dati archeobotanici, anche se, per stessa ammissione dell’autore, nell’opera non c’è posto per ricette troppo semplici "che da qualunque vile femminuccia ottimamente si sapriano fare, ma solo per le più notabili vivande". Le ricette di Messisbugo sono state poi messe a confronto con le 356 del Libro de arte coquinaria, il primo ricettario in senso moderno, attribuito a Maestro Martino da Como (= MM), un famoso cuoco del XV secolo. Inoltre è stata consultata diversa letteratura sul tema della cucina nel periodo medievale-rinascimentale in Italia.


2018 - Il sistema di smaltimento e distribuzione delle acque a Mutina in rapporto all’assetto idrogeologico del territorio [Relazione in Atti di Convegno]
Pellegrini, Silvia; Bosi, Giovanna; Labate, Donato; Lugli, Stefano
abstract

This contribution deals with the articulation and typology of the sewerage system and the supply of the urban waters of Mutina (Modena), in relation to the hydraulic and hydrogeological structure of the territory in the Roman age. The available data coming from excavations of the eighteenth and the nineteenth century allow to outline the constructive typology and the principles of hydraulic engineering underlying the urban planning of Mutina. The data reveal a careful planning combining the management of the available space, the functionality and efficiency of the plants, taking full advantage of the morphology and hydrography of the territory. While the sewage system is set up for a northeasterly disposal probably towards main collector channels according to the natural slope of the ground, the network providing water source to the city originates from the area immediately to the south, which was characterized in antiquity by the presence of spring waters. Archaeobotanical analyses show the presence of wetland plants and hydrophytes from clear water environment, indicating that the area was kept clean and tidy. The geological analyses of the natural sediments in relation to the anthropic deposits allow to reconstruct the surface hydrographic network in the urban area and to shed some light on the hydrogeological dyna- mics leading to the decommission of the sewage system and to the burial of Mutina below more than 5 m of fluvial sediments since the late antique.


2018 - Image analysis technique for the identification of archaeological Prunus fruit-stones of Sardinia [Abstract in Atti di Convegno]
Sarigu, M.; Ucchesu, M.; Grillo, O.; Usai, A.; Sanna, I.; del Vais, C.; D’Hallewin, G.; Bosi, G.; Bacchetta, G.
abstract

Fruit remains from the genus Prunus L. are frequently recovered during excavations in archaeological waterlogged contexts since prehistoric times. The identification of Prunus based on traditional methods is difficult due to the morphological range variation within the different taxa, mainly due to hybridization problems (Woldring 2000). Despite this, some research shows that Prunus fruit-stones would be the most stable of the all diagnostic characters used for their identification (Depypere et al. 2007). In the last two decades, to properly identify the remains found in archaeological contexts and to overcome the manual procedure for the classification of seeds, a morphometric approach based on the image analysis, was performed. Thanks to this technique it is possible to distinguish wild species from cultivated ones using automated system, replacing human visual assessments in a more accurate, reliable and repeatable way also in archaeobotany (e.g. Bouby et al. 2013; Orrù et al. 2013, 2015; Pagnoux et al. 2015; Ucchesu et al. 2014, 2016, 2017).With this in mind, the main goal of this research is to compare Sardinia archaeological fruit- stones with modern one by image analysis system. The results obtained allow to increase knowledge about the origin and use of wild and cultivated Prunus fruits in the diet of human communities of the past and to investigate the relationships with traditional varieties still cultivated in Sardinia.


2018 - Images and colors from the tombs of Paestum: a multidisciplinary study of the pigments in the flora and fauna iconography [Articolo su rivista]
Ferrari, G.; Bosi, G.; Ansaloni, I.; Sala, L.; Pederzoli, A.; Baraldi, P.; Mussi, L.; Nannini, Matteo; Zannini, P.; Bandini Mazzanti, M.
abstract

This work presents the results of a multidisciplinary study on iconographic elements and painting technique of painted tombstones from Paestum (Italy), dated from the end of the V century to the end of the IV century BC. The focus was a botanical and zoological analysis of the flora and fauna present in 33 tombs, from both the iconographic and chemical point of view. Pigments (red, yellow, orange, pink, blue, green, black, grey and brown) have been studied by XRF and Raman techniques. The animal and vegetal elements (the formers gen- erally represented with more accuracy and details) in Paestum funerary art are not simply decorations, but they have numerous meanings, in both decorative systems and figured scenes, related to the ideal image of the dead (the social status of the dead, victory, heroic transfigurations, the voyage to the afterlife, etc.). Their high fre- quency confirms their important symbolism in funeral rituals. The artists' palette is quite limited and coherent with the contemporary funerary art in the Mediterranean basin. The use of Egyptian blue and of a red ochre enriched in manganese is interesting and deeper studies on these materials could help to better clarify the commercial background of Paestum during the 4th century BC.


2018 - LA PALAFITTA DI TOMBOLA DI CEREA (VR). LO SCAVO 1999. [Articolo su rivista]
Luciano, Salzani; Claudio, Balista; Priscilla, Butta; Nicoletta, Martinelli; Torri, Paola; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; Marco, Bertolini; THUN HOHENSTEIN, Ursula
abstract

The pile dwelling was discovered in 1955 in the valley of the river Menago, just a few hundred meters south of the settlement of Tombola di Cerea (VR). A first excavation was carried out that very year by Francesco Zorzi, director of the Museo Civico di Storia Naturale of Verona; the digging has been resumed in 1999 by the Soprintendenza Archeologica of Veneto. The results of these excavations have ascertained that the prehistoric dwelling site was built in a marshy environment. Only some vertical poles and some horizontal beams were preserved, which leads to the hypothesis that there existed a wooden platform on which the sheds were standing. The structural elements of the palafitte find correspondents in others settlements in moist environment from the Middle Bronze Age. The paleogeographic reconstruction of the immediate hinterland confirm the location of the site at the center of the Menago River Paleovalley, an incision a few hundred meters wide and more than ten meters deep, at the base of a thick layer of peat. Previous studies, related to the origin of the deep incision generated by the homonymous spring-line river, mainly refer to geodynamic factors linked to buried tectonic lines, as main motives for the incisions caused by the diversion of Adige breach-channels captured towards the basin of Great Veronese Valleys, which occurred in the late Lateglacial-Holocene age. The analysis of new lithostratigraphies detected on exposures inside the paleovalley, has led to find the presence of a thick and almost continuous filling of organic-peaty sediments, which mark the accretions and the sedimentations verified starting from the basal levels of the pile-dwelling site, depositions that have lasted until fairly recent dates. A series of detailed comparisons made with the terms of the peat-debris-filling sequences of the basin that developed outside the embankments of the near and coeval Fondo Paviani site, led to verify a similar evolution in the growths that mark the upper reaches of these two important alluvio-organic successions. Ultimately, is claimed that the same incidence, of anthropogenic and climatic factors, is involved as the main contributors to the development of the upper fills of the Menago Paleovalley, in correspondence with the pile-dwelling station of the Tombola di Cerea and the embanked site of Fondo Paviani. A great number of ceramic fragments (ca 620 kg) and a smaller amount of bronze, terracotta and bone-horn artefacts had been found. This paper focus on chrono-typological analysis of the archaeological finds, in particular on ceramic of the medium-fine tipe. The goal is the overall classification artefacts, accompanied by a comparison made from materials found in geographically nearbysites. Dendrochronology and radiocarbon allow to date the wooden structures to the second half of the 15th Century cal BC, or in the first decades of the 14th Century cal BC at the latest; the vertical posts come from oak tree felled down once about every ten years. Archaeobotanical study includes pollen analysis carried out on 18 subsamples taken from a core collected in the pile-dwelling settlement and carpological and xilo-anthacological analysis, from 2 samples taken from layers (stratigraphic units) corresponding to the bottom of the core. The results allows to draw the environmental framework of the settlement. The pollen diagram shows that the landscape was rich of wet environments: ponds, wet grassland and hygrophilous wood. The human activity was suggested by a number of anthropogenic indicators: cereal fields, ruderals and weeds. Seeds/fruits and pollen data testify to the presence in the area of edible fruits from plants such as blackthorn, hazelnut, currant, walnut and grapevine. The finds of Baldellia ranuncoloides – a threatened plants today - underline that the archaeobotanical research provide naturalistic information that allow us to better understand


2018 - Le analisi archeopalinologiche (Giardino Palazzo Giardino) [Capitolo/Saggio]
Torri, Paola; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Mazzanti, Marta
abstract

Le ricerche archeobotaniche nell’ambito dela Pianura Padana, relative al Medioevo e ai primi momenti dell’Età Moderna, hanno da tempo fornito un ampio quadro sulle attività che legano l’uomo alle piante: informazioni che vanno dalle ricostruzioni del paesaggio vegetale (anche negli aspetti meno connessi all’uomo, quali quelli paleoecologici e paleofloristici), alle coltivazioni attuate e anche al loro utilizzo, fino alle ricostruzioni di ambienti speciali quali giardini e orti. Nonostante la disponibilità di fonti scritte, queste ricerche su materiali biologici, oggettivi documenti del passato, hanno dimostrato la loro validità arricchendo, circostanziando e localizzando quanto disponibile attraverso studi prettamente umanistic


2018 - Le indagini archeopalinologiche [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Mazzanti, Marta
abstract

L’importanza dell’archeopalinologia nella ricostruzione dei giardini è dimostrata da numerosi studi condotti su spazi verdi diversi tra loro, cronologicamente e geograficamente. Questi lavori basati sulle analisi polliniche dimostrano che sui giardini si possono ottenere ottime informazioni, superando i limiti intrinseci agli oggetti biologici in studio, cioè i pollini. Le analisi palinologiche, meglio se lette alla luce della documentazione storico-iconografica, spesso costituiscono, quindi, una fonte di dati, non altrimenti ottenibili e dunque da non trascurare, sull’arredo verde.


2018 - L’archeobotanica e i siti urbani: il caso di Mutina [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna
abstract

The idea that analyses of findings of an organic origin from archaeological sites are only useful to properly interpret prehistoric contexts was dis- carded some time ago; for several years there has been full recognition of the importance of archaeobotany and also zooarchaeology for an understanding of sites from the historical period. In Europe, many examples of multidisciplinary studies including archaeobotanical analysis have helped outline a more detailed backdrop in interpreting urban sites from the Roman period to the modern age, and thus to provide valuable information on the birth and development of various cities. By contrast, in Italy, there are not many cases where an urban context has been investigated in depth from an archaeobotanical point of view. Among the Emilian cities, Parma has seen some significant archaeobotanical analyses of the site of Piazza Garibaldi; in this case, from the oldest levels examined seeds/fruits and pollen finds have emerged which refer to probable ritual offerings that appear to include both Celtic and Roman traditions. In Ferrara, a city founded in the early medieval era, there are five sites with numerous carpological and palynological data which have decisively enriched the interpretation of individual contexts and the entire history of the city. But the most striking case is Mode- na, which, with more than twenty sites studied to date from an archaeobotanical point of view is sui generis in Italy. The period investigated most so far is the Roman one, from the Republic to Late Antiquity.


2018 - L’archeobotanica per la ricostruzione del Giardino delle Duchesse (dalla seconda metà del XV al XVII secolo) [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Torri, Paola; Bosi, Giovanna
abstract

La ricostruzione di uno spazio urbano passa inevitabilmente per la storia degli uomini che l’hanno trasformato nel corso del tempo, il cui cammino è indissolubilmente legato alla “storia culturale” dei vegetali, storia che nell’evoluzione di una città riguarda livelli ed aspetti tra i più complessi da indagare. L’Archeobotanica in ambito urbano offre risultati di rilievo quando si dispone di diversi scavi che “fotografano” il territorio in un certo lasso di tempo. Per la Ferrara medievale-rinascimentale è già disponibile un quadro complessivo delle interazioni piante-uomo nell’ambiente urbano grazie ai risultati emersi dalle analisi archeocarpologiche su sette siti cittadini. Nel caso del Giardino delle Duchesse le ricerche archeocarpologiche condotte in loco hanno messo in luce scarsi reperti che comunque si sono aggiunti ai numerosi dati disponibili della vasca US 1050, una struttura coeva al primo impianto del giardino e pertinente allo stesso Palazzo Ducale. Le analisi palinologiche effettuate su campioni provenienti dal Giardino hanno invece dato buoni risultati. Si puntualizza che per una corretta interpretazione dei dati palinologici in questi contesti è necessario tener presente alcuni fattori limitanti: 1) la scarsa produttività pollinica delle specie ornamentali, soprattutto quelle “da fiore” quasi esclusivamente a impollinazione entomofila; 2) le attività antropiche sull’arredo verde (es. arte topiaria), che possono abbattere la produttività anche di specie discretamente pollinifere; 3) la difficoltà di separare quanto può essere attribuito a piante strettamente locali dagli apporti pollinici di spazi urbani verdi limitrofi; 4) il livello di determinazione dei granuli pollinici, in particolare di quelli delle specie erbacee, che, a differenza dei semi/ frutti, porta quasi sempre a “tipi pollinici”, che possono raggruppare entità di tono ornamentale con altre di diverso significato. I fattori sopra elencati tuttavia non tolgono validità alle ricostruzioni palinologiche, se corretti da affinamenti non routinari nel corso delle analisi e se considerati nel momento dell’interpretazione. La validità di tali ricerche è dimostrata da studi condotti su diversi giardini: da quelli persiani a quelli delle domus pompeiane e di altri siti romani, a quelli moreschi, a quelli rinascimentali fino a quelli ottocenteschi. A Ferrara, nell’individuazione delle possibili entità polliniche ornamentali ha avuto un certo peso la disponibilità di numerosissimi reperti carpologici rinvenuti nella vasca US 1050 precedentemente citata, che, consentendo un livello di determinazione più dettagliato, hanno permesso di confermare e/o circoscrivere l’identificazione pollinica.


2018 - Multiproxy approach for the analysis of the Roman funerary ritual in Mutina (N Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, FEDERICA MARIA; Rinaldi, Rossella; Vanin, Stefano; Labate, Donato; Bosi, Giovanna
abstract

The research focused on the foodstuffs, the offers that were widespread during the Roman funerary rituals (Toynbee 1971). An interdisciplinary method involving different disciplines of archeology was carried out on the necropolis of Mutina and the ager Mutinense, analysing hundreds graves, especially cremation type. These remains of meals left on the graves (animals bones, seeds and fruit) and of the objects involved in the ceremonies, are evidences resulting from the attendance of the funeral space and their identification necessarily requires a strategy for their systematic collection, during the excavation phase and a focused analysis, in order to reconstruct the activities carried out around the death, which characterize three important moments: funeral, implementation of the tomb and visit to the dead (Ortalli 2011). ... The multidisciplinary approach was essential to have a complete view of the funerary rituals. Recurring behaviors have been noticed maybe for custom, social rule or emulation, such as the redundancy of fava bean, figs and dates above all, or of balsamari and table wares; although some differences in territorial settings or in the same necropolis have been found. The choice of both food offerings and objects are linked to a funerary symbology. The criteria that determined the collection of wood are very difficult to establish; it could be assumed that it is likely that both functional and cultural factors influenced the choices of wood for cremation rites.


2018 - Mutina splendidissima: archaeobotanical data reveal the history of a town [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Mercuri, Anna Maria; Montecchi, Maria Chiara; Rinaldi, Rossella; Florenzano, Assunta; Marchesini, Marco; Mazzanti, Marta
abstract

Modena, situated on the via Emilia, was founded in 183 BC. Described as firmissima et splendidissima by Cicero, the Roman Mutina was one of the most important urban centre of northern Italy. In 2017, on the anniversary of 2200 years from its founding, many events tried to highlight the strong imprint left by the Roman world in the history of the city to the present day. The Laboratory of Palynology and Palaeobotany has cooperated for a long time with the Superintendence of Emilia Romagna and with the Archaeological Ethnological Museum of Modena; on this celebratory occasion the Laboratory contributed to different activities planned with a synthesis of the data obtained from the numerous archaeobotanical analyses performed over the last 20 years on urban and peri-urban sites of the city. ... Archaeobotanical researches carried out on the sites of Modena provided many information useful to reconstruct the environment, farming practices, diet and ritual uses associated to plants in Roman period. Thanks to these data, in addition to products targeted to the scientific community (papers on international journals and conference speeches), it was possible to communicate the results obtained from a rigorous and exhaustive scientific research to a wider and varied audience.


2018 - Piante e fiori dei giardini gonzagheschi: fonti archivistiche e archeobotaniche [Capitolo/Saggio]
Sogliani, Daniela; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Questo contributo pone in rapporto l’archeobotanica con i documenti dell’Archivio Gonzaga. Le lettere degli inviati dei Gonzaga, ambasciatori della famiglia mantovana presso le altre corti italiane, raccontano di un’incessante ricerca di piante e fiori per i giardini ducali. I viaggi di Guglielmo, Vincenzo I e Ferdinando Gonzaga costituiscono occasioni di confronto con altri importanti giardini come quello di villa d’Este a Tivoli, quello del castello del Catajo a Battaglia Terme, di villa Litta a Lainate o di villa Aldobrandini a Frascati. Le presenze a Mantova di giardinieri provenienti da Roma, da Firenze o da Ferrara tracciano una rete di scambi continui di piante, di fiori e di tecnici. Le analisi archeopalinologiche di saggio effettuate su campioni prelevati negli spazi verdi di Palazzo Te a Mantova e di Palazzo Giardino a Sabbioneta hanno messo in evidenza una serie di testimonianze polliniche che riportano a diverse piante citate dalle fonti archivistiche: alberi e arbusti da frutto, alberi e arbusti ornamentali (molti i sempreverdi), piante da fiore e piante ortive/aromatiche. Alcune testimonianze polliniche riguardano piante molto importanti per i contesti esaminati, come gli agrumi o la vite, quest’ultima sicuramente usata anche a scopo decorativo. Interessante è poi il ritrovamento a livello pollinico di altre piante ornamentali non presenti nei documenti consultati.


2018 - Pollen, NPPs, seeds/fruits, charcoals for reconstructing environmental and cultural changes between 3rd BC and 6th AD in Mutina (Modena) [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, F.; Bosi, G.; Torri, P.; Mercuri, A. M.; Rinaldi, R.; Montecchi, M. C.; Benatti, A.; Florenzano, A.; Mazzanti, M.
abstract

Archaeobotanical researches (pollen, non-pollen palynomorphs, seeds/fruits and charcoals) carried out on the sites of Modena provided many information useful to reconstruct the environment, farming practices, diet and ritual uses associated to plants in Roman period. The research is a key example of integrated archaeobotanical analyses based on archeological sites studied for palaeoenvironmental reconstruction.


2018 - Seeds/fruits data from the "Vasca Superiore di Noceto", an artificial mire of the Bronze Age in the Po Plain (N Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Proserpio, Barbara; Castiglioni, Elisabetta; Rottoli, Mauro; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Cremaschi, Mauro
abstract

The Noceto wooden basin is an huge structure (12x7 m and about 3,5 m deep) situated in the central Po plain near Parma. Discovered in 2004 and it was studied through several archaeological fields from Soprintendenza dei Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna with the collaboration of University of Milan (Bernabò Brea and Cremaschi 2009). This basin was built from the terramara's inhabitants of Noceto during Middle Bronze Age (1650-1350 BC) and was originally filled with water. The waterlogged anoxic deposits and the fill characteristics preserved the structure and many wooden objects. Most remarkable are the remains of four ploughs deposited at the corners of the basin. Furthermore, more than 150 whole or fragmented ceramic vases were found, together with miniature vases and figurines. The position of the structure, the type of depositions and their distribution within the basin suggest ritual activities probably linked to agrarian and water cult (Bernabò Brea and Cremaschi 2009). This condition allowed the good conservation of seeds and fruit remains. ... Ritual practices from Noceto wooden basin are suggested from the different type of evidences recovered. Also, the offers of cereals and fruits were included in the cult activities and the presence of charred remains would indicate the use of fire. The copious amount of chaff remains would suggest deposition of whole spikelets of grain, instead of grains already threshed.


2018 - The Botanical Record of Archaeobotany Italian Network - BRAIN: a cooperative network, database and website [Articolo su rivista]
Mariotti Lippi, M.; Florenzano, A.; Rinaldi, R.; Allevato, E.; Arobba, D.; Bacchetta, G.; Bal, M. C.; Bandini Mazzanti, M.; Benatti, A.; Beneš, J.; Bosi, G.; Buonincontri, M.; Caramiello, R.; Castelletti, L.; Castiglioni, E.; Celant, A.; Clò, E.; Costantini, L.; Di Pasquale, G.; Di Rita, F.; Fiorentino, G.; Furlanetto, G.; Giardini, M.; Grillo, O.; Guido, M.; Herchenbach, M.; Magri, D.; Marchesini, M.; Maritan, M.; Marvelli, S.; Masi, A.; Miola, A.; Montanari, C.; Montecchi, M. C.; Motella, S.; Nisbet, R.; Orrù, M.; Peña- Chocarro, L.; Pepe, C.; Perego, R.; Rattighieri, E.; Ravazzi, C.; Rottoli, M.; Rowan, E.; Sabato, D.; Sadori, L.; Sarigu, M.; Torri, P.; Ucchesu, M.; Mercuri, A. M.
abstract

The BRAIN (Botanical Records of Archaeobotany Italian Network) database and network was developed by the cooperation of archaeobotanists working on Italian archaeological sites. Examples of recent research including pollen or other plant remains in analytical and synthetic papers are reported as an exemplar reference list. This paper retraces the main steps of the creation of BRAIN, from the scientific need for the first research cooperation to the website which has a free online access since 2015.


2018 - The SUCCESSO-TERRA Project: a Lesson of Sustainability from the Terramare Culture, Middle Bronze Age of the Po Plain (Northern Italy) [Articolo su rivista]
Cremaschi, Mauro; Mercuri, Anna Maria; Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Brandolini, Filippo; Clo', Eleonora; Florenzano, Assunta; Furia, Elisa; Mariani, Guido S.; Mazzanti, Marta; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Zerboni, Andrea
abstract

This backstory article deals with the SUCCESSO-TERRA Project (2017–2020), an interdisciplinary research program aiming at reconstructing the land-use transformations that occurred during the development of the Terramare culture in the southern-central Po Plain of Northern Italy. Topics include climate-environment changes, human impact and exploitation of natural resources that are interconnected topics in human ecology and environmental sciences. These topics can only be understood in a long-term perspective integrating archaeology, geology, botany and other sciences. The text includes the theoretical basis, the research strategy and the main methodological approaches given by geoarchaeology and palynology, the two research sides constituting the partnership of the project.


2018 - The palaeoenvironmental reconstruction of the Bronze Age settlements of the Po Plain (SUCCESSO-TERRA Project) [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri Anna, Maria.; Florenzano, Assunta; Torri, Paola; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Clo', Eleonora; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Zerboni, Andrea; Cremaschi, Mauro
abstract

The contribution shows the palynological research carried out on the three archaeological sites - Noceto, Santa Rosa di Poviglio and Valestra - at the centre of the project SUCCESSO-TERRA. In this research, the environmental and land-use changes have been investigated to understand their relationships over the last millennia.


2018 - The past plant ecosystems of Northern Apennines inferred from soil charcoal analysis [Abstract in Atti di Convegno]
Benatti, Alessandra; Bal, Marie; Allée, Philippe; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria
abstract

Monte Cimone and Corno alle Scale are two of the highest mountains of the Northern Apennines and they are located in the Emilia-Romagna region. They are important biodiversity sites thanks to their geographical location between the phytogeographic Euro-Siberian and Mediterranean regions. The current timberline, formed by coppice beech forest, is located at about 1700 m a.s.l. at Monte Cimone and at about 1600 m a.s.l. at Corno alle Scale, at a lower elevation than other areas of the Apennines. Soil charcoal analysis can identify the past timberline shifts in response to climate change and human impact (Bal 2006; Talon et al. 1998). Above the timberline, Vaccinium heathlands and Narduus grasslands characterize vegetation (Fig. 1). Main palaeoenvironnemental researches carried out in the Northern Apennines are palynological analyses (Vescovi et al. 2010; Watson 1996) showing that important openings of forest cover had occurred during the Late Holocene. These mountains have been exploited by sheep pastoral activity which was largely practiced until the mid-20th century when decreased drastically (Borri 2014). In our study areas the pastoral activity has only weak archaeological evidence (Cardarelli and Malnati 2006). However, we identified some pastoral structures in the current grassland landscape of Monte Cimone. The research here presented reports on pedoanthracology applied to the study of vegetation dynamics at the scale of the slope and the relationships between pastoral societies and the mountain environment. ... The soil of Monte Cimone and Corno alle Scale provide charcoals fragments dated almost exclusively to the Late Holocene. Our pedoanthracological study shows that, during this period, the plant landscape of Monte Cimone was similar to the present one while it was quite different at Corno alle Scale. Mountains were continuatively used by pastoral societies.


2018 - Towards an archaeology of the social meanings of the environment: plants and animals at the Son Ferrer prehistoric ceremonial and funerary staggered turriform (Mallorca, Balearic Islands) [Capitolo/Saggio]
Picornell-Gelabert, L.; Calvo Trias, M.; Garcia Rosselló, J.; Servera-Vives, G.; Bosi, G.; Nadal Lorenzo, J.; Riera Mora, G.; Allué, E.
abstract

This paper, focusing on the Son Ferrer prehistoric ceremonial and funerary site on the island of Mallorca, aims to investigate the social role of plants and animals in a ritual space linked to mortuary practice. The approach adopted does not distinguish between biofacts and artefacts, but considers that both categories interact in the definition, performance and experience of the social actions that generated the bioarchaeological dataset. We envisage plants and animals as socialised active entities and approach the site as a scene of social performances coherent with the other social spheres and practices of a given community.


2018 - VII. Le analisi archeobiologiche di Santo Stefano in Vicolongo [Capitolo/Saggio]
Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella
abstract

Analisi archeobotaniche nel sito di Santo Stefano (Novi di Modena)


2018 - Wetland plants from archaeological sites of Ferrara and Argenta (Emilia-Romagna, N Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

In the context of the archaeobotanical studies aimed at palaeoecological reconstructions, archaeocarpological investigations play a relevant role because they can compensate for the lack of floristic information persisting at least until the 18th century AD when botanical collections started to be organized within herbaria (see Preston et al. 2004; Wolters et al. 2005). When well preserved, seeds and fruits (= s/f) can often be attributed to a specific or sometimes subspecific level. It is well known that wetlands contain palaeoecological archives that can provide accurate records of their own history (Muller et al. 2012). Wetlands are particularly suitable for preserving waterlogged s/f, a condition of optimal conservation which facilitates their identification. The city of Ferrara (10 m a.s.l.) grew up around a ford on the river Po about the 7th century AD and its territory, that include also Argenta, therefore has always been characterized by a relevant occurrence of water and wetlands. These deposits are characterized by widespread evidence of plants related to water, constituting a valuable archive to investigate habitats which currently have become very rare and threatened, if they have not completely disappeared. The term “wetland plant” is here adopted in the broadest sense to include all the plants occurring in permanently or seasonally wet environments. This paper aims to reveal the peculiarities of the medieval/rinascimental archaeocarpological floristic lists through a comparison with the flora currently in the area of Ferrara documented by Piccoli et al. (2014). The Ferrara checklists included historical floristic studies carried out over the last two centuries. ... As has already happened in case of deposits of the area of Modena (Bosi et al. 2015), also those of the area of Ferrara, although more markedly anthropogenic, provided significant information about biodiversity in the past with regard to the present one. There are some similarities between the species of wet environments of the two areas (e.g. Cicuta virosa, Baldellia ranuncoloides, Rumex hydrolaphatum, Cyperus flavescens), but in the area of Ferrara appear also different species (e.g. Isolepis setacea, Schoenoplectus supinus, Fimbrystilis annua). The carpological records reveal the previous presence of a taxon in a specific geographical area (Birks & Birks 2000). Highlighting the ecology of species we will be able to understand the possible causes explaining the presence or the demise of several taxa, considering also the palaeoecological reconstruction of the environment in which they have been found.


2018 - “Spigo nardo”: from the Erbario Estense a possible solution for its taxonomical attribution [Articolo su rivista]
Vicentini, Chiara Beatrice; Buldrini, Fabrizio; Bosi, Giovanna; Romagnoli, Carlo
abstract

The spikenard is a plant mentioned since early antiquity, mostly known for its intense and pungent aroma that made it a precious ingredient of many cosmetic recipes for luxury perfumes. The nature of the spikenard has been controversial since the ancient era and, still today, there is the need for a correct attribution of such a name to a currently accepted botanical species. Thanks to a specimen from the Este Herbarium (Erbario Estense), preserved in the Modena State Archives (Italy), we tried to bring our contribution to the debate concerning this topic. We checked all the Italian ancient herbaria in search of samples of spikenard, analysed past literary and medical–pharmaceutical sources from classical antiquity to the XIX century, and searched former and present ethno-botanical uses. Our investigation allowed us to ascertain that the spikenard samples preserved in the Renaissance Italian herbaria belong to Nardostachys jatamansi (D. Don) DC., a herbaceous species belonging to the Valerianaceae, native to alpine regions of the north-western Himalaya, still used in Ayurveda medicine and as a component of cosmetic products.


2017 - Analisi archeobotaniche della vasca circolare [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Rinaldi, R.; Montecchi, M. C.; Torri, P.; Bandini Mazzanti, M.
abstract

Le analisi integrate di varie tipologie di reperti hanno fornito interessanti informazioni sia di carattere paletno- botanico, sia per la ricostruzione dell’ambiente vegetale del contesto.


2017 - Archaeobotany and the Terramara Archaeological Park of Montale (Emilia-Romagna, Northern Italy): Experiences of Public Education. IANSA, VIII (2), pp. 175-186. [Articolo su rivista]
Bosi, G.; Barbieri, G.; Florenzano, A.; Fraulini, E.; Montecchi, M. C.; Pelillo, A.; Righi, E.; Rinaldi, R.; Zanasi, C.
abstract

The Terramara Archaeological Park of Montale is an open-air museum dedicated to the enhancement of the Bronze Age terramare culture of Northern Italy. Investigation of its rich archaeological record, particularly from the archaeobotanical point of view (seeds/fruits, pieces of wood and charcoal, pollen and charcoal particles), has made it possible to reconstruct the landscape’s evolution and human-plant- animal relationships. This paper aims to present a comprehensive and exhaustive overview of the relationship between archaeology and archaeobotany in order to improve the content and exposition of the Terramara Archaeological Park of Montale, thanks to the fruitful cooperation between the Laboratory of Palynology and Archaeobotany of the University of Modena and Reggio Emilia and Civic Museum of Archaeology and Ethnology of Modena.


2017 - BRAIN – cooperative network and website [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, A. M.; Allevato, E.; Arobba, D.; Bacchetta, G.; Bal, M. C.; Bandini Mazzanti, M.; Benes, J.; Bosi, G.; Buonincontri, M.; Caramilello, R.; Castelletti, L.; Castiglioni, E.; Celant, A.; Costantini, L.; Di Pasquale, G.; Fiorentino, G.; Florenzano, A.; Furlanetto, G.; Giardini, M.; Grillo, O.; Guido, M.; Herchenbach, M.; Marchesini, M.; Mariotti Lippi, M.; Maritan, M.; Marvelli, S.; Masi, A.; Miola, A.; Montanari, C.; Montecchi, M. C.; Motella, S.; Nisbet, R.; Orrù, M.; Pena-Chocarro, L.; Pepe, C.; Perego, R.; Rattighieri, E.; Ravazzi, C.; Rinaldi, R.; Rottoli, M.; Sabato, D.; Sadori, L.; Sarigu, M.; Torri, P.; Ucchesu, M.
abstract

In 2015, a paper on the archaeobotany as a key tool ‘for the understanding of the biocultural diversity of the Italian landscape’ gave rise to a new initiative, the realization of the first cooperative network of archaeobotanists and palynologists working on archaeological sites located in Italy. The Botanical Record of Archaeobotany Italian Network has been introduced at MedPalyno2015 in Rome. Now the BRAIN database is ready as a website at https://brainplants.unimore.it The website (programmed by Matteo di Lena, and Federico Camerini) consists of 6 pages, two of which are dedicated to the database including "Sites" and "References". Site position and density are immediately visible in a map while three graphs show updated statistics on the number of sites per Region, or per Cultural period, or per type of Record studied (e.g., pollen, seeds or charcoals). References may be sorted in alphabetical order, or by specific (first) letter or name of authors. The first set of archaeological or human-related sites studied in Italy is available as an interactive sheet, and > than 1160 visits have been recorded in the first year of activity. The number of included sites is increasing, and the website is an user-friendly instrument, easy to navigate and to be implemented. The BRAIN network lies in this database which is a useful instrument for both the research of one single group or for joint researches that will be planned to produce synthesis. The website is also a good way to publicize the impressive work that has been carried out, and will continue, in the field of archaeobotany in the Italian on-sites (archaeological) or nearsites (human-related environmental sites).


2017 - C4-plant foraging in Northern Italy: stable isotopes, Sr/Ca and Ba/Ca data of human osteological samples from Roccapelago (16th–18th century AD) [Articolo su rivista]
Lugli, Federico; Brunelli, Daniele; Cipriani, Anna; Bosi, Giovanna
abstract

Human osteological samples (n = 23) taken from different anatomical parts of 11 individuals from the early modern (16th–18th century AD) site of Roccapelago (Modena, Italy) were systematically analysed for δ13C, δ15N and trace elements to investigate their diet. δ13C and δ15N correlate and show a high variability between individuals, attesting to the dietary contribution of C4 plants. This is supported by pollen analysis of the burial site samples, which revealed the presence of maize. δ15N correlates with Sr/Ca, suggesting that the main protein source could have been milk and dairy. We therefore interpret the strong correlation between δ13C and δ15N as evidence for C4-plant foraging practice and the exploitation of livestock for meat and milk, combined with possible direct intake of C4 plants. The Roccapelago site represents an important case study to track the evolution of the post-medieval diet and the introduction of maize cultivation in southern Europe, as also attested by historical sources.


2017 - Circuiti commerciali e consumo alimentare a Mutina [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Corti, C.; Pederzoli, A.
abstract

La grande varietà di materie prime disponibili per l’alimen- tazione umana in una società è generalmente considerato se- gnale di benessere. Si può affermare che il cibo è un marker sociale potente: avvenne molto presto nella storia che alcuni individui iniziarono a pretendere più risorse alimentari di altri 1 e, sicuramente, anche maggiormente variegate. La connessione tra cibo, ricchezza e potere ha origini molto antiche e con diverse caratteristiche questo legame si è mantenuto fino al- l’oggi 2; la qualità del cibo, oltre alla quantità, ha quindi un grande peso identitario 3. In Italia già con gli Etruschi ci sono i segnali di novità riguardanti ingredienti e modalità di consumo del cibo, ma è solo con i Romani che abbiamo tante prove tangibili di una vera e propria “rivoluzione alimentare” e una particolare attenzione alle pratiche ad essa correlate. Le varietà di cibi e le loro modalità di consumo si legano fortemente alla posizione occupata dal consumatore nella gerarchia della società romana, spesso presentando anche aspetti contraddittori; tra questi, uno dei più significativi per le classi dominanti è quello legato ai prodotti rari ed esotici, da una parte tratto distintivo del potere dovuto al censo, dall’altro marchio dell’eccesso per molto tempo condannato dalla società romana. Della varietà dei cibi pregiati che arrivarono da ogni parte dell’impero sulla tavola dei Mutinenses sono testimonianza i contenitori utilizzati per il loro trasporto, le anfore, da una parte, e le analisi archeobotaniche e archeozoologiche, dall’altra. Seppure in grado di documentare solo una parte delle importazioni e degli acquisti, questi dati costituiscono un imprescindibile strumento per comprendere i consumi e il loro peso socio-economico, oltre che culturale.


2017 - Collezioni museali fra natura, storia e cultura: una collaborazione fra l’orto Botanico di Modena e la Riserva Naturale Regionale delle Salse di Nirano. Museologia Scientifica Memorie, 17: 198-201. [Capitolo/Saggio]
Dallai, D.; Buldrini, F.; Barbieri, G.; Bosi, G.; Conventi, M.; Rebecchi, C.
abstract

La Riserva Naturale Regionale delle Salse di Nirano, sita alle falde dell’Appennino Modenese, è la prima riserva regionale istituita in Emilia Romagna (1982) a tutela di un complesso di salse fra i piú grandi d’Italia e d’Europa, frequentata da 70.000 visitatori ogni anno. Nell’ambito delle consolidate collaborazioni tra la Riserva e l’Orto Botanico di Modena, volte a valorizzare e tutelare gli aspetti naturalistici dell’area protetta, il progetto in corso propone ai visitatori un percorso “tra collezioni e territorio”, che si snoda tra le aree più peculiari della Riserva, le collezioni presenti nei suoi spazi espositivi e le collezioni museali dell’Orto Botanico modenese, offrendo un percorso multidisciplinare di conoscenza tra natura e cultura sui temi della conservazione biologica e della memoria storica locale


2017 - Domestic firing activities and fuel consumption in a Saharan oasis: Micromorphological and archaeobotanical evidence from the Garamantian site of Fewet (Central Sahara, SW Libya) [Articolo su rivista]
Zerboni, Andrea; Mori, Lucia; Bosi, Giovanna; Buldrini, Fabrizio; Bernasconi, Andrea; Gatto, Maria Carmela; Mercuri, Anna Maria
abstract

We describe a combined geoarchaeological and archaeobotanical approach applied to the study of firing activities that have been carried out at Fewet, a Garamantian compound in the Central Sahara (Libya), between the 3rd century BC and the 1st century AD. The archaeological stratigraphy of the site has been sealed by several mud-brick wall collapses, preserving an interesting sequence of living floors, whose micromorphological study is unique for the Central Sahara. This investigation together with the mineralogical analysis of sediments, confirms the field attribution of archaeological features as domestic fireplaces, and identified the living floors as areas devoted to animal penning, probably subjected to periodical firing. The investigation also highlights an exceptional concentration of gypsum pedofeatures, presumably determined by the wood type selected for fuel. The archaeobotanical study identified a good quantity of charcoal and other plant remains in the same layers. Most of the charcoal has been identified as Central Tamarix, which is the most common tree living in the oasis today. This suggests that tamarisk wood was the most exploited tree for fuel, and its combustion led to the dispersion of gypsum from the plant tissue, later recrystallized in the shape of microcrystalline nodules, lenses, and euhedral crystals.


2017 - First contribution to the knowledge of the urban flora of Modena [Abstract in Atti di Convegno]
Buldrini, F.; Gentilini, M.; Santini, C.; Bosi, G.
abstract

Apart from some sporadic observation, mainly performed during the floristic exploration of the entire provincial territory, the sole investigation published concerning the urban flora of Modena is a list of 69 species, mostly ruderal (1). In this study, carried out from February to December 2014, only the northern part of the historic town centre was considered. All the roads and public squares were sampled, excluding parks, gardens and private courtyards (2). Only vascular plants growing in sidewalks, bicycle paths, roads, pavements and their fissures, flowerbeds, house walls up to a height of 50 cm above the ground were recorded. Cultivated ornamental species were recorded only in case of ascertained propagation by seed. During the study period, 8 complete samplings of the whole study area were performed, in order to cover the entire vegetative period. Globally, 267 specific and subspecific taxa were recorded. Most of them were ruderal synanthropic species, typical of trampled areas (Polycarpon tetraphyllum L., Polygonum aviculare L., Portulaca oleracea L., etc.), others were species typical of grasslands or cultivated fields (Bellis perennis L., Cynodon dactylon L., Cynosurus cristatus L., Festuca rubra L., Setaria viridis L., Stellaria media L., Taraxacum F.H.Wigg. sect. Taraxacum, Trifolium, etc.), others were typical rupiculous species (Cymbalaria muralis G.Gaertn., B.Mey. & Scherb., Parietaria judaica L.). It is worth noting that 5 species resulted new for the provincial flora: Berberis aquifolium Pursh, Lobelia erinus L., Mollugo verticillata L., Solanum pseudocapsicum L., and Viburnum tinus L. All of them are alien species for the provincial flora and, in many cases, they are alien also for the flora of Italy (3, 4). Apart from M. verticillata, they are ornamental plants whose presence can be considered as casual, likely escaped from culture in parks and gardens. Further interesting species were Dianthus armeria L., protected at a regional level (Emilia-Romagna L.R. 2/77), Fumaria capreolata L., last found in 1883, and Sonchus arvensis subsp. uliginosus (M.Bieb.) Nyman, infrequent if compared to the nominal subspecies (4). Among all the recorded taxa, 19% of them are allochthonous neophytes, mainly coming from the New World (Galinsoga quadriradiata Ruiz & Pav., Gleditsia triacanthos L., Phytolacca americana L., Symphyotrichum squamatum (Spreng.) G.L.Nesom, etc.). The percentage of alien flora is not so elevated, if compared to other European cities where alien species can reach up to 50%. Probably, the reason for such a low percentage can be the climate of Modena, that shows some sub-Mediterranean features allowing Mediterranean species to establish and grow: this fact perhaps subtracts space to alien and invasive species. Among aliens, 6 are invasive (3): Ailanthus altissima (Mill.) Swingle, Ambrosia artemisiifolia L., Buddleja davidii Franch., Erigeron canadensis L., Panicum dichotomiflorum Michx., and Robinia pseudoacacia L. It is worth noting that species richness, due to the great variety of environments typical of the cities, can reach notable values (up to 145 species in the same road). Thanks to a comparison with herbarium samples preserved at MOD, we noticed that certain species (e.g., Amaranthus deflexus L., Broussonnetia papyrifera (L.) Vent., Diplotaxis tenuifolia (L.) DC.) are present in Modena since the late 1800: at that time, they were collected on the city walls. This study demonstrates the utility of such investigations, to increase the floristic knowledge of the territory and to discover and monitor the presence of new alien species that is becoming more and more common in a globalized world. The southern half of the historic centre of Modena will be analyzed in the next years, so to have a more complete picture of the urban flora.


2017 - Guida alla Mostra "Mutina splendidissima. La città romana e la sua eredità" [Capitolo/Saggio]
Baratta, G.; Biondi, G.; Bosi, G.; Cavicchioli, S.; Corti, C.; Gelichi, S.; Labate, D.; Librenti, M.; Lorenzini, L.; Parisini, L.; Pellegrini, S.; Piccinini, F.; Rivi, L.; Stefani, C.; Zanasi, C.
abstract

Testi della guida breve alla mostra "Mutina splendidissima. La città romana e la sua eredità"


2017 - I reperti entomologici, botanici e archeozoologici [Capitolo/Saggio]
Bandini Mazzanti, M.; Bosi, G.; Rinaldi, R.; Torri, P.; Vanin, S.
abstract

Nella cripta cimiteriale tra i resti dei corpi mummificati sono stati rinvenuti reperti d’interesse entomologico, botanico e zoologico divenuti oggetto di studio nell’ambito della ricerca multidisciplinare che ha qualificato le indagini condotte a Roccapelago


2017 - Il “Mondo delle Palme”: spunti didattici dai campioni della Crapoteca Storica dell’Orto Botanico di Modena [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Barbieri, G.; Bertoni, D.; Buldrini, F.; Rinaldi, S.; Dallai, D.
abstract

Prosegue il lavoro di revisione sui campioni della Carpoteca Storica dell’Orto Botanico di Modena. Dopo le Gimnosperme sono state affrontate le Monocotiledoni, circa 1/7 dei campioni della collezione, afferenti a 21 famiglie attuali, tra le quali la più rappresentata è quella delle Arecaceae o Palmae, che in collezione ha taxa con zone d’origine che coprono l’intero globo terrestre. Tenendo conto della grande importanza etnobotanica di tante palme e di molti aspetti botanici curiosi ad esse legati, si è pensato di strutturare un itinerario interdisciplinare a loro dedicato, rivolto alla scuola primaria. L’itinerario, da svolgere all’Orto e in classe, è supportato da schede e da un gioco didattico. I reperti della famiglia delle Arecaceae hanno trovato collocazione nelle vetrine dell’Aula Storica, in una mostra semi-permanente funzionale al percorso stesso.


2017 - Le analisi archeobotaniche del sarcofago di Piazza Grande (Modena) [Capitolo/Saggio]
Riso, FEDERICA MARIA; Bosi, Giovanna
abstract

Gli studi archeobotanici applicati alle necropoli possono fornire informazioni su aspetti e pratiche del rituale funebre, sulla tipologia delle risorse vegetali destinate al viaggio del defunto dalla vita terrena a quella ultraterrena, dando talvolta anche notizie sulla sua condizione sociale . Nel periodo romano e tardo-antico erano comuni offerte funerarie, tra le quali anche quelle vegetali , coinvolte nei riti funebri anche successivi alla deposizione della salma. In questa analisi condotta per il sarcofago di Piazza Grande si è verificato se vi fossero tracce di offerte funerarie vegetali.


2017 - Le collezioni botaniche come strumento per dialogare col territorio [Capitolo/Saggio]
Dallai, D.; Barbieri, G.; Bosi, G.; Buldrini, F.; Ruini, V. M.; Bandini Mazzanti, M.; Cavazza, G.; Casari, P.; Cazzuoli, A.
abstract

Tra l’Orto Botanico universitario di Modena e il Giardino Botanico “La Pica” ONLUS di San Biagio in Padule (MO), è stata avviata, nell’ambito di un progetto per la Diffusione della Cultura Scientifica (Legge 6/2000), una collaborazione volta a stimolare il pubblico e le scuole all’interesse per la biodiversità locale e la sua tutela. Le collezioni botaniche presenti nelle istituzioni coinvolte, ricche di campioni raccolti nella bassa pianura modene- se tra esemplari d’erbario e piante vive, sono state utilizzate come strumento di conoscenza, divulgazione e sen- sibilizzazione sui temi della conservazione biologica.


2017 - Le lettere di Antonio Bertoloni e altri botanici del territorio emiliano-romagnolo custodite nell’Autografoteca dell’Orto Botanico di Modena [Articolo su rivista]
Buldrini, F.; Bandini Mazzanti, M.; Lim, GLORIA MEIZHEN; Bosi, G.
abstract

Procedendo nello studio dell’Autographotheca Botanica Horti R. Archigymnasii Mutinensis (prima metà dell’Ottocento) raccolta da Giovanni de’ Brignoli di Brünnhoff, si presentano qui le lettere dei corrispondenti botanici dell’Emilia-Romagna, con particolare riguardo a quelle scritte da Antonio Bertoloni, professore all’Università di Bologna. Vi si ritrova buona parte della vita scientifica dell’e- poca: il dibattito sulle nuove specie giunte in Italia grazie alle missioni esplorative nelle regioni equatoriali, i problemi di classificazione, lo scambio di semi, piante e altro materiale per arricchire le collezioni esistenti negli orti botanici, le polemiche e dispute fra studiosi; non manca infine il lato umano degli autori stessi, che talvolta trapela dalle lettere.


2017 - Le offerte vegetali nei contesti funerari [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Riso, F. M.; Rinaldi, R.; Marchesini, M.
abstract

Nello studio delle civiltà passate è di fondamentale importanza l’interpretazione ideologica e simbolica delle cerimonie funebri, al fine di comprendere il rapporto metaforico tra morte, fertilità e rinascita. Per il periodo romano, tra gli altri aspetti, è imprescindibile indagare sia il banchetto, atto simbolico che racchiude la speranza di vittoria della fertilità sulla morte, che le feste di commemorazione dei defunti, compiute per mantenere forte e viva la loro memoria . I rituali legati alla morte, una delle esperienze più profonde per gli uomini, riservavano un ruolo di rilievo alle offerte vegetali e animali, che, oltre a espletare la funzione sacra e religiosa, se erano ricche ed abbondanti potevano aiutare a stabilizzare o addirittura ad accrescere lo status dei discendenti del defunto. Sono 7 i siti di Mutina e del suo territorio che presentano tombe oggetto di studi archeobotanici, molti dei quali ancora in corso.


2017 - Le piante, l’amore e la gloria: storia di due piccole mostre tra botanica e filosofia [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Dallai, D.; Mazzanti, M.; Ansaloni, I.; Antonini, E.
abstract

L’Orto Botanico di Modena collabora da anni con FestivalFilosofia Modena/Carpi/Sassuolo. L’Orto da sempre lavora con enti ed istituzioni del territorio per avvicinare il pubblico alla Botanica e trovare nuove occasioni per farsi conoscere. Negli anni 2013 e 2014 l’Orto ha partecipato al Festival presentando due piccole mostre che col- legavano i temi botanici a quelli filosofici, fornendo nozioni e curiosità scientifiche in modo corretto ma allet- tante per un ampio pubblico


2017 - L’alimentazione vegetale: reperti archeobotanici [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Rinaldi, R.; Mazzanti, M.
abstract

Attualmente si dedica una grande attenzione per ricostruire la storia dell’alimentazione umana a partire dalla preistoria fino all’età moderna. Reperti archeologici tra i più consueti possono essere indagati per comprendere le dinamiche di procacciamento, di preparazione e di consumo dei cibi, dinamiche volte a consentire la sopravvivenza ma anche lo sviluppo socio-economico d’intere popolazioni e civiltà. L’archeobotanica è di fondamentale importanza per cercare di capire quali piante alimentari fossero utilizzate in passato e per ottenere informazioni su molti processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. In campo archeobotanico dati sull’alimentazione possono essere ottenuti da molte delle tipologie di reperti disponibili , ma sono soprattutto i reperti carpologici che riescono, se in buone condizioni, a fornire un livello d’identificazione utile a capire quali specie vegetali, se non addirittura sottospecie e varietà, coltivate/coltivabili o spontanee potessero essere consumate in passato. Per Mutina abbiamo analisi carpologiche per 7 siti (II sec. a.C. – VI sec. d.C.), escludendo i contesti funerari.


2017 - L’ambiente vegetale a Mutina dal periodo repubblicano al tardo romano [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, M.; Bosi, G.; Torri, P.; Mercuri, A. M.; Marchesini, M.; Montecchi, M. C.; Rinaldi, R.
abstract

Recentemente sono state fatte brevi sintesi sulla ricostruzione del paesaggio vegetale in periodo romano nel Nord Italia ; ma il dettaglio che forniscono i numerosi siti di Mutina indagati a livello archeobotanico rappresenta in Italia una sorta di unicum nel panorama di questi studi.


2017 - L’ambiente vegetale al Novi Sad dal IV sec. a.C. al XII sec. d.C. [Capitolo/Saggio]
Montecchi, M. C.; Bosi, G.; Rinaldi, R.; Torri, P.; Bandini Mazzanti, M.
abstract

Le analisi archeobotaniche integrate permettono di ricostruire il paesaggio vegetale naturale e culturale sia a breve che ad ampio raggio intorno al sito in esame, dando informazioni su flora e biodiversità pregressa, sul quadro ecologico e sull’impatto antropico nell’area investigata. In questo contributo vengono presentati i dati ottenuti per il sito di Novi Sad da una campionatura di saggio che si sviluppa nell’arco cronologico che va dal IV–V a.C. al XI-XII sec. d.C., ma che fa perno soprattutto sul periodo romano fino al tardo antico. I risultati raggiunti incoraggiano l’allargamento della ricerca all’intera campionatura, anche alla luce della complessità del sito.


2017 - Offerte vegetali nei contesti funerari [Capitolo/Saggio]
Rinaldi, R.; Bosi, G.; Bandini Mazzanti, M
abstract

Gli studi archeobotanici applicati alle necropoli possono fornire informazioni su aspetti e pratiche del rituale funebre, sulla tipologia delle risorse vegetali poste a sussidio del viaggio del defunto dalla vita terrena a quella ultraterrena e, talora, sulla sua condizione sociale. Nel periodo romano erano d’uso offerte funerarie, tra le quali anche quelle vegetali, che erano coinvolte nei riti funebri anche successivi alla deposizione tombale. Dalle aree funerarie del Novi Sad sono stati prelevati campioni per analisi carpologiche in contesti datati dal I sec. a.C. al V sec. d.C.


2017 - On the Trail of Date-Plum (Diospyros lotus L.) in Italy and Its First Archaeobotanical Evidence [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Herchenbach, Michael; Buldrini, Fabrizio; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

iospyros lotus L. is an arboreal species native to the Balkans and Caucasus and ranging to the Far East. In Italy, it has been cultivated for centuries and has reverted to the wild state in some regions. During archaeological excavations carried out in the historical center of Modena (northern Italy), two floral calyxes of D. lotus were discovered in a layer dating from the first century ce. These are the first and only remains of D. lotus found in an archaeological context in Italy thus far. The first historical mention of this species as an arboreal plant in Italy occurs in the 1565 edition of Dioscorides’ Commentarii de Medica materia by Pietro Andrea Mattioli. Our research allowed us to establish that the first three Italian herbaria containing samples of D. lotus, dating to the 1551–1570 period, are the Erbario B of the Biblioteca Angelica of Rome, the Erbario Aldrovandi (Bologna) and the Erbario Cesalpino (Florence). However, archaeobotanical remains reveal that the fruits of this species were known during the Roman period, probably arriving in northern Italy as a luxury food owing to their exceptional flavor.


2017 - Reperti archeobotanici di vite a Mutina [Capitolo/Saggio]
Bosi, G.; Marchesini, M.
abstract

La presenza di reperti archeobotanici di vite (Vitis vinifera L.) nei siti di Periodo Romano per la colonia di Modena è molto diffusa. Sicuramente i reperti sono prevalentemente di vite coltivata, ma doveva essere presente anche la vite selvatica, liana legata a siepi, lembi di querceto misto e boschi ripariali , ambienti tipici della pianura modenese in età romana.


2017 - Segnali di pascolo nei siti di Mutina [Capitolo/Saggio]
Torri, P.; Mazzanti, M.; Bosi, G.; Montecchi, M. C.; Florenzano, A.; Rinaldi, R.
abstract

Il prato/pascolo a Mutina è documentato da una grande varietà di micro e macro-reperti di piante erbacee, alcune pascolate, con possibilità quindi di accumulo negli escrementi animali (Trifolium e varie Fabaceae, Asteraceae, Poaceae), altre poco o per niente appetite, che dunque si possono diffondere come risposta a un pascolo intensivo (es. Carduus, Cirsium, Cirsium arvense). Le entità che caratterizzano il prato/pascolo sono comprese in buona parte nella categoria degli Indicatori Antropogenici “spontanei”, costituiti da piante nitrofile, indicatrici di luoghi calpestati, oltre che da specie commensali e degli incolti, tutte piante che di solito vanno a formare banche dei semi persistenti. Allo studio dei reperti di tali entità, si affianca l’analisi delle spore dei funghi coprofili, che proliferano sugli escrementi soprattutto di erbivori, e che danno un’indicazione fortemente locale della presenza degli stessi.


2017 - Sezione VIII. Sulla Tavola dei Mutinenses: in Mutina splendidissima. La città romana e la sua eredità [Curatela]
Bosi, G.; Corti, C.
abstract

Cura della sezione dedicata all'alimentazione nel volume "Mutina splendidissima. La città romana e la sua eredità"


2017 - The agro-sylvo-pastoral system of 3600-3200 years ago (Terramare, Po Plain; SUCCESSO-TERRA project) [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Florenzano, Assunta; Torri, Paola; Bosi, Giovanna; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella; Clo', Eleonora; Fornaciari, Rita; Mazzanti, Marta
abstract

An interdisciplinary geoarchaeological and archaeobotanical (pollen and macroremains) investigation is carried out in the framework of the national-funded project SUCCESSO-TERRA (Human societies, climate, environment changes and resource exploitation/sustainability in the Po Plain at the Mid-Holocene times: the Terramara; PRIN-20158KBLNB). The research is providing significant data on the land transformations that occurred at the onset, duration, and end of the Terramare culture in the southern-central Po Plain (Emilia Romagna region). The Terramare are archaeological remains of banked and moated villages, located in the central alluvial plain of the Po River and dated to Middle/Recent Bronze ages (3600-3200 yr. BP). Pedosedimentary features and biological records from Terramare sites help to shed light on the relationships between Late Holocene regional environmental vicissitudes and land use changes, and allow a detailed comprehension of adaptive strategies of the Terramare people (1). Pollen samples were collected from trenches excavated within the main structures of the archaeological sites (namely Santa Rosa di Poviglio and Vasca Grande di Noceto sites). The pollen spectra resulted from both human presence/action and natural vegetation cover in the area. A set of anthropogenic pollen indicators, also common in the spectra from other Italian archaeological sites (2), was considered especially useful to reconstruct the agro-sylvo-pastoral system besides the distribution of wetland plant associations. The palynological research showed a transformation in flora composition and plant communities, suggesting a complex and dynamic agricultural economy based on wood management, fruit collection on the wild, and crop fields. At the top of the sequence of Santa Rosa di Poviglio, in correspondence with a global, dry climatic episode, a dramatic decrease of fields and woods is recorded. Along with aridity, an intensive landuse might have played a fairly synchronous action on vegetation. Data suggest a scenario of an impoverished plant landscape at the end of the life of the Poviglio Santa Rosa village, and connected with the collapse of the Terramare culture.


2017 - The life of a Roman colony in Northern Italy: ethnobotanical information from archaeobotanical analysis [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Montecchi, Maria Chiara; Torri, Paola; Rinaldi, Rossella
abstract

Archaeobotanical analyses (mainly on seeds and fruits e over 1000 l of sieved material with unpublished data) from three urban sites (2nd cent. BC e 2nd cent. AD) provided interesting ethnobotanical information about a Roman colony, Mutina (Emilia-Romagna, Northern Italy), founded in 183 BC. In this paper, comparisons are made between productive areas, landfills and one site that shows the evolution of a rich domus. The information obtained concerns the environment in which the town was born and developed, but especially plant-man relationships (food, crafts, green decor etc.) in a thriving Roman colony in Northern Italy. A good example is provided by analyses carried out in a tank, where the recovery of some archaeozoological finds indicates that it was used for fish farming; this hypothesis is supported by some particular vegetal findings.


2016 - Analisi archeobotaniche a confronto tra la necropoli suburbana di Mutina (scavo ex Parco Novi Sad) e una necropoli prediale nell’agro centuriato mutinese (scavi cava Corpus Domini – Marzaglia). In: Marchetti C.M. (ed.) Theoretical Roman Archaeology Conference 26/Roman Archaeology Conference 12, 16-19 March 2016, Roma. Edizioni Quasar, Roma, p. 106. ISBN 978-88-7140-701-2. [Abstract in Atti di Convegno]
Riso, FEDERICA MARIA; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Labate, D.
abstract

I recenti scavi in necropoli romane dell’agro Mutinense e la crescente attenzione verso le tracce archeologiche più esigue, ha permesso di individuare elementi relativi alla frequentazione delle necropoli. L’importanza di questi tipi di rinvenimenti è decisiva, poiché essi riflettono direttamente le procedure di seppellimento e le azioni che accompagnavano la frequentazione rituale delle aree sepolcrali: esaminandoli con attenzione si possono dunque ricavare informazioni fondamentali per comprendere i comportamenti legati alle pratiche funerarie. Le tombe analizzate sono quelle delle necropoli in parte già indagate di Mutina e dell'agro Mutinense. In particolare, per l'ambito urbano, si prenderà in esame la necropoli dell’area “Novi Sad”, che fiancheggiava un ramo della Via Emilia e ha restituito alcune centinaia di tombe, la cui cronologia va dal I secolo a.C. al IV d.C. Per quanto riguarda il suburbio, verrà presa in considerazione la necropoli rinvenuta in località Marzaglia, sito che può fornire importanti dati di confronto tra le due realtà territoriali. La ricerca si prefigge di analizzare l’ideologia funeraria romana nelle sue numerose sfaccettature, soprattutto attraverso lo studio dei resti archeobotanici ed archeologici rinvenuti nei contesti di necropoli, dove si possono riconoscere consistenti tracce delle offerte legate al culto funerario. Le osservazioni che sono state riportate sono una parte preliminare delle analisi archeologiche e archeobotaniche oggetto di un progetto di dottorato in corso presso il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica con la collaborazione della Soprintendenza ai Beni archeologici dell’Emilia Romagna.


2016 - Diversification of Portulaca oleracea L. complex in the Italian peninsula and adjacent islands [Articolo su rivista]
Danin, A.; Buldrini, Fabrizio; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Caria, M. C.; Dandria, D.; Lanfranco, E.; Mifsud, S.; Bagella, S.
abstract

There is an increasing interest in the taxonomy and distribution of the forms of the Portulaca oleracea complex. The information accruing from specimens collected in the Italian peninsula and surrounding islands (Sicily, Sardinia, Corsica and Malta) is here described. Eleven morphotypes were recorded: ‘P. cypria’, ‘P. granulatostellulata’, ‘P. nitida’, ‘P. oleracea’, ‘P. papillatostellulata’, ‘P. rausii’, ‘P. sardoa’, ‘P. sativa’, ‘P. sicula’, ‘P. trituberculata’, ‘P. zaffranii’ and a still unclear form Portulaca oleracea f. Three occur in almost all the Italian peninsula and adjacent islands; three are scattered in the Italian peninsula and in the adjacent islands; the remnant have a distribution restricted to the islands such as Sicily and Sardinia. The morphotypes can be divided into two main categories: seeds smooth, without ornamentations; seeds with ornamentations. The morphotypes with ornamentations are more widespread than smooth ones, probably because seed ornamentations play an important role in seed dispersal, which is perhaps mainly anthropochorous given that P. oleracea is a synanthropic species that can tolerate mechanical disturbance. There are cases of multiple occurrence, as evidenced by the presence of different morphotypes in some of the sites. Such populations can count up to five morphotypes growing together. Seven morphotypes were here recorded from Malta; they are all hexaploid, even those which in other areas are tetraploid.


2016 - Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 7. Dipingere con i colori delle piante [Articolo su rivista]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

l Gruppo Guide dell’Orto Botanico dell’Università di Modena e Reggio Emilia continua nell’esposi- zione delle attività didattiche rivolte alle Scuole. In questo contributo viene preso in esame l’itinerario didattico dedicato ai pigmenti vegetali.


2016 - Le lettere dei Savi a Giovanni de’ Brignoli di Brunnhoff: uno spaccato di botanica della prima meta dell’Ottocento italiano [Articolo su rivista]
Buldrini, Fabrizio; Bosi, Giovanna; Circelli, M.; Mazzanti, Marta
abstract

Si presenta qui il carteggio inviato da Gaetano Savi e dai figli Paolo e Pietro, scienziati di chiara fama della Toscana granducale, a Giovanni de’ Brignoli di Brünnhoff, direttore dell’Orto Botanico di Modena e professore di Botanica e Agraria nel locale ateneo. Le missive, in tutto 23, facenti parte dell’Autographotheca Horti R. Botanici Mutinensis, coprono un periodo che va dal 1817 al 1849 e trattano per lo più temi quali lo scambio di piante e di lavori scientifici, ma non mancano accenni ad altri impegni civili e accademici e alla vita familiare. Tramite queste lettere, è possibile tentare una ricostruzione, almeno parziale, delle personalità e del carattere dei tre Savi: un padre valente scienziato; un figlio assai impegnato sul piano civile e accademico, anch’egli valente scienziato; un secondo figlio forse meno capace sul piano scientifico, ma dotato di un ottimo senso pratico e orga- nizzatore di svariate iniziative accademiche.


2016 - L’analisi degli elementi trutturali lignei della miniera di Perticara [Capitolo/Saggio]
Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Garcia Alvarez, Salvia; Piastra, Stefano
abstract

Vengono qui presentati i risultati delle analisi xilologiche effettuate come saggio su dodici elementi strutturali lignei della miniera di zolfo di Perticara (Novafeltria, RN). L’individuazione dei taxa utilizzati per la realizzazione delle armature e di altri elementi della miniera fornisce uno spunto per fare ipotesi sull’utilizzo di risorse vegetali locali o provenienti da altri luoghi, al fine di fornire altre informazioni sul sistema-miniera nel suo complesso.


2016 - Modena, loc. Marzaglia, Cava Corpus Domini. Le analisi archeobotaniche di una piccola necropoli rurale di età romana [Articolo su rivista]
Riso, F. M.; Bosi, G.
abstract

Le analisi archeobotaniche condotte per la necropoli di Marzaglia (I sec. d.C.) sono state svolte per verificare se vi fossero tracce delle pratiche del rituale funebre legate a risorse vegetali che potevano accompagnare il viaggio del defunto dalla vita terrena a quella ultraterrena. Queste analisi s’inseriscono in un progetto di dottorato in corso e in un quadro più ampio di ricerche che negli ultimi anni hanno riguardato numerosi siti romani del territorio modenese con caratteristiche molto diverse fra loro


2016 - The limits and potential of paleogenomic techniques for reconstructing grapevine domestication [Articolo su rivista]
Wales, N.; Ramos Madrigal, J.; Cappellini, E.; Carmona Baez, A.; Samaniego Castruita, J. A.; Romero Navarro, J. A.; Carøe, C.; Avila Arcos, M. C.; Penaloza, F.; Moreno Mayar, J. V.; Gasparyan, B.; Zardaryan, D.; Bagoyan, T.; Smith, A.; Pinhasi, R.; Bosi, Giovanna; Fiorentino, G.; Grasso, A. M.; Celant, A.; Bar Oz, G.; Tepper, Y.; Hall, A.; Scalabrin, S.; Miculan, M.; Morgante, M.; Di Gaspero, G.; Gilbert, M. T. P.
abstract

In ancient DNA (aDNA) research, evolutionary and archaeological questions are often investigated using the genomic sequences of organelles: mitochondrial and chloroplast DNA. Organellar genomes are found in multiple copies per living cell, increasing their chance of recovery from archaeological samples, and are inherited from one parent without genetic recombination, simplifying analyses. While mitochondrial genomes have played a key role in many mammalian aDNA projects, including research focused on prehistoric humans and extinct hominins, it is unclear how useful plant chloroplast genomes (plastomes) may be at elucidating questions related to plant evolution, crop domestication, and the prehistoric movement of botanical products through trade and migration. Such analyses are particularly challenging for plant species whose genomes have highly repetitive sequences and that undergo frequent genomic reorganization, notably species with high retrotransposon activity. To address this question, we explored the research potential of the grape (Vitis vinifera L.) plastome using targeted-enrichment methods and high-throughput DNA sequencing on a collection of archaeological grape pip and vine specimens from sites across Eurasia dating ca. 4000 BCEe1500 CE. We demonstrate that due to unprecedented numbers of sequence insertions into the nuclear and mitochondrial genomes, the grape plastome provides limited intraspecific phylogenetic resolution. Nonetheless, we were able to assign archaeological specimens in the Italian peninsula, Sardinia, UK, and Armenia from pre-Roman to medieval times as belonging to all three major chlorotypes A, C, and D found in modern varieties of Western Europe. Analysis of nuclear genomic DNA from these samples reveals a much greater potential for understanding ancient viticulture, including domestication events, genetic introgression from local wild populations, and the origins and histories of varietal lineages.


2016 - Vinca il migliore. L’agonismo nel mondo naturale dal nucleo atomico alla scala cosmica [Esposizione]
Brunetti, Rossella; Battistuzzi, Gianantonio; Malavasi, Giancarlo; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Il progetto 2016 del ciclo La Curiosità fa lo Scienziato ha proposto una riflessione sui temi della competizione e collaborazione nel mondo naturale, coinvolgendo gli ambiti disciplinari di fisica, chimica e scienze naturali. In tutto il mondo naturale osservabile equilibri e dinamiche sono riconducibili ad entità in competizione, secondo regole che si vanno scoprendo man mano che aumenta la capacità di interrogare la natura. In fisica entrano nell’arena poche forze fondamentali, dalla micro scala atomica fino alla macro scala cosmologica. In chimica diversi composti competono nel determinare l’evoluzione e gli effetti delle reazioni. Nel mondo biologico il rapporto che si stabilisce in un determinato ambiente tra le varie specie animali e vegetali, legate tra loro da relazioni antagonistiche, ma anche mutualistiche, è condizione indispensabile per la sopravvivenza. Gli incontri previsti all’interno del Progetto, dedicati a platee di età diverse, hanno sempre incluso conversazioni a tema arricchite da esperimenti includendo in talune circostanze anche esecuzioni di brani musicali. Le attività hanno complessivamente raggiunto un pubblico di circa 1200 persone. Nel seguito vengono elencate e brevemente descritte le varie attività svolte. Il materiale documentale prodotto durante il Progetto è messo a disposizione a libero accesso sul sito del Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche dell’Università di Modena e Reggio Emilia al link: http://www.outreach.fim.unimore.it/site/home/divulgazione/la-curiosita-fa-lo-scienziato


2015 - Analisi carpologiche per la Vasca dello Specchio (Ferrara, XIV-XV sec. d.C.): metodologie d’indagine e risultati [Articolo su rivista]
Dal Fiume, L.; Mazzanti, Marta; Guarnieri, C.; Bosi, Giovanna
abstract

Lo scavo condotto tra Corso Porta Reno e Via Vaspergolo, nel centro storico di Ferrara, ha portato alla luce un vano sotterraneo rettangolare denominato “Vasca dello Specchio”, utilizzato per lo smaltimento dei rifiuti tra XIV e XV secolo. Il riempimento, in parte già analizzato e pubblicato, è stato oggetto di nuove analisi carpologiche. I semi e i frutti, conservati prevalentemente per sommersione e in ottimo stato, sono complessivamente oltre 400.000 e la lista floristica comprende 168 taxa. La maggior parte dei reperti appartiene a piante coltivate/coltivabili o spontanee correlate all’uomo, che forniscono nuove informazioni sulla dieta vegetale e sull’ambiente urbano della Ferrara basso-medievale/rinascimentale. I reperti evidenziano anche pratiche domestiche e culinarie talora curiose.


2015 - Archaeobotanical evidence of fig (Ficus carica L.) in Europe on the axis of South-North gradient. Preliminary information about Papaver Centre research project [Abstract in Atti di Convegno]
Bbeneš, J.; Karg, S.; Kodýdková, K; Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Pokorná, A.; Preusz, M.; Rösch, M.; Fischer, E.; And, Collaborators
abstract

Ficus carica L. is one of the oldest domesticated fruit trees in the world. The sweet fruits were widespread across Europe and seeds frequently recorded in many archaeobotanical datasets. The use of figs in diet varied substantially along the geographical South-North European axis. The question is, if this is determined by its local availability or by cultural factors. The aim of the research project in framework of the Papaver Centre is to collect every proper information about chronology and chorology of fig finds in archaeological contexts using archaeobotanical databases in Italy (BRAIN research group), in the Southern part of Germany (ARBODAT Ba-Wü), in Czech archaeobotanical database (CZAD) and in the archaeobotanical databases of Scandinavia (HANSA network project). The main effort of the study is an attempt to explain patterns of fig occurrence in time and trace its diffusion from the Mediterranean to Central and Northern Europe. An additional goal is to explain fig finds in archaeological context by correlating the finds with specific human behaviour. Collaborators: BRAIN: D. Arobba, M. Bandini Mazzanti, A. Bernardová, M. Buonincontri, R. Caramiello, M.L. Carra, E. Castiglioni, A. Celant, L. Costantini, G. Fiorentino, A. Florenzano, V. Komárková, M. Marchesini, M. Mariotti Lippi, M. Maritan, S. Marvelli, A. Masi, A. Miola, M. Mori Secci, R. Nisbet, L. Peña-Chocarro, C. Pepe, R. Rinaldi, M. Rottoli, D. Sabato, L. Sadori L., M. Ucchesu


2015 - Archeologia e sociologia del cibo: l’esperienza della “terramara” di Pilastri (Bondeno – FE) [Articolo su rivista]
Nizzo, V.; Bergamini, S.; Bosi, Giovanna; Dal Fiume, L.; Osti, G.; Pecci, A.; Pirani, M.; Tassi, S.; Vidale, M.
abstract

Risultati delle analisi archeologiche e archeobiologiche dei materiali rinvenuti nella "terramara" di Pilastri (Bondeno - FE) inerenti al cibo e all'alimentazione nel periodo del Bronzo


2015 - Collezioni museali fra natura, storia e cultura: una collaborazione fra Orto Botanico di Modena e la Riserva Naturale Regionale delle Salse di Nirano [Abstract in Atti di Convegno]
Dallai, Daniele; Buldrini, Fabrizio; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Conventi, M.; Rebecchi, C.
abstract

Progetto di realizzazione percorsi tra collezioni e territorio (es. Puccinellia fasciculata)


2015 - Digging up the roots of the Italian flora, 1. Fossil record of Lycopus (Lamiaceae, Mentheae) [Abstract in Atti di Convegno]
Martinetto, E.; Ardenghi, N. M. G.; Arobba, D.; Bertini, A.; Bosi, Giovanna; Caramiello, R.; Castiglioni, E.; Florenzano, Assunta; Maritan, M.; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Miola, A.; Perego, R.; Ravazzi, C.; Rinaldi, Rossella; Rottoli, M.
abstract

Usually, scholars dealing with modern and past biology of plants develop parallel and overlapping researches, sometimes with poor interchanges. A recent study of the genus Carex showed that the existing knowledge about the fossil record is neglected by people dealing with the biology of this genus, almost ignoring the wealth of information poten- tially useful for their studies that is available in several palaeobotanical collections. To overcome this missing communication we present the first step of a project aiming at revising and summarizing the fossil record of taxa recorded in the modern Italian flora. The team of authors has been assembled starting from a group of persons working with fossil records (mainly the BRAIN network) who invited experts of modern floristics to analyse and discuss the palaeobotanical data in the light of the knowledge on the modern flora. The focus is on Italy, because of the exceptionally rich plant fossil record of this country. Furthermore, the Italian record ade- quately covers the last 6 Ma, in a less discontinuous way than in other countries. Such analysis addressed to a national perspective does not preclude an expansion to an Eurasian and global scale; this is true for example when analysing evolutionary and historical bio- geography issues, for which a country-scaled analysis may not be successful. We choose to start this project with Lycopus. This genus has a highly diagnostic morphology of fossilizable parts (nutlets), it has a well-assessed phylogenetic placement and its divergence from the most closely related genera is attributed to relatively deep times. The fossil record of Lycopus is mainly represented by nutlets, that are easily preserved in sedimentary deposits containing scarcely to moderately altered organic matter, and were formed in waterlogged continental palaeoenvironments. The nutlet morphology is considered to provide diagnostic characters for the distinction of the living species. Contrarily, pollen grains are not easily identifiable at the light microscope, thus they are com- monly included in the Mentha type or in the Lamiaceae undifferentiated grains. The genus Lycopus includes approximately 16 species, distributed in the northern Hemisphere and in Australia. In Europe, three species are known: Lycopus europaeus L., L. exaltatus L.f. and L. lucidus Turcz. ex Benth., the latter intro- duced in recent times from eastern Asia. In contrast to the purported “lack of a strong fossil record”, several authors reported fossil fruit records in Europe and West Asia: from the oldest ones of the Oligocene (ca. 30 Mya), limited to West Siberia, through the more frequent Miocene (23- 5 Mya) records, ranging from West Siberia to central Europe, to the abundant Pliocene and Pleistocene records (5-0.01 Mya). The last ones were mainly assigned to the modern species L. europaeus, whereas the Oligocene and Miocene records (plus a few Pliocene ones) were assigned to the fossil-species L. antiquus E.M.Reid. The Italian fossil records assigned to Lycopus have been reported in a table, where the localities have been listed alphabetically within selected time intervals. The preliminary analysis of these data suggests that several fossil records dating from 4 Ma to 0.1 Mya show a morphology of the nutlet’s collar which is diagnostic for L. europaeus. The occur- rence of fossil nutlets which possibly refer to L. exaltatus is under investigation for a site dating ca. 1.5-1.3 Ma, while the abundant Holocene records, including some archaeologi- cal sites, are only referred to L. europaeus. The available fossil records firmly demonstrate the long-lasting presence of L. europaeus in Italy and its widespread occurrence in the Holocene. The past occurrence of other exotic or extinct species of Lycopus does not emerge from the fossil record.


2015 - Dimmi cosa butti e ti dirò chi sei: informazioni da materiali archeologici, botanici e zoologici in vasche di scarico a Ferrara tra Medioevo e Rinascimento [Abstract in Atti di Convegno]
Guarnieri, C.; Cesaretti, G.; Bosi, Giovanna; Dal Fiume, L.; Mazzanti, Marta; Caselli, Valentina; Pederzoli, Aurora; Ansaloni, Ivano
abstract

Ferrara presenta caratteristiche peculiari di giacitura che ne fanno un caso di estremo interesse, prima tra tutte la perfetta conservazione dei resti organici tra cui gli oggetti in legno ed i resti di pasto. Lo studio che s’intende presentare in questa sede prende in considerazione dapprima i butti di età medievale che venivano gettati in semplici buche realizzate nel terreno passando poi ad una forma di smaltimento più “strutturato” e cioè le camere da butto; si tratta di vani sotterranei in muratura nei quali veniva smaltita la spazzatura, pertinenti a comunità religiose, case di ceto medio- alto o appartenenti ai palazzi estensi. Si cercherà così di analizzare la presenza di oggetti di produzione locale o d’importazione, che evidenziano in maniera talvolta macroscopica, il ceto d'origine di questi butti; attraverso lo studio dei resti botanici e zoologici, particolarmente numerosi, saranno indagate le abitudini alimentari. Butti e camere da butto saranno poi contestualizzate in un quadro più generale che ponga in rapporto queste strutture con le norme pertinenti allo smaltimento dei rifiuti.


2015 - European open Landscapes: the comparason of the human land use strategies of three Mediterranean Mountains: The Mont Lozére (France), the Sierra de Gredos (Spain) ant the Monte Cimone (Italy) since the Neolithic period. International AGRESPE network [Abstract in Atti di Convegno]
Bal, M.; Allée, P.; Benatti, Alessandra; Garcia Alvarez, S.; Rubiales, J. M.; Mercuri, Anna Maria; Garcia Amorena, I.; Bosi, Giovanna
abstract

The presentation aims to compare the origin of the open landscapes of pastoral mountain systems located in the Mediterranean Basin (France: Mont Lozère, Spain: Sierra de Gredos, Italy: Tosco-Emiliano Apennines) since the Neolithic period. Even if the three mountains selected show several differences linked to the climate, vegetation types, altitude, they are characterized by the change from an intense agro-pastoral and industrial exploitation to a gradual abandonment which leads to an open landscape part of the heritage identity. Until 2011, date of the construction of the network AGRESPE ( Gestion de Ressources Environnementales passéeS et Patrimonialisation paysagèrE, dir. Bal et Allée) these three mountain systems were studied with a strong difference in the scientific interest. For example, the Mont Lozère was considered very early as an anthroposylvosystem. Therefore, the palaeoecological and archaeological studies were developed with the same importance. Unlike the Sierra de Gredos (Spain) and the Monte Cimone (Italy) for which there is a lot of pastoral structures but the archaeological study was inexistent. The objective of the Agrespe network is to apply the same geographical approach and the same scientific methodology in all of these European mountains. Pedoanthracology is a potent method allows study of the composition of past plant woody communities and to highlight the history of the ligneous landscape at a high spatial scale (the scale of the slope). In order to increase the knowledge of these open landscapes and to obtain new data at a high spatial scale, the pedoanthracology was applied according to an altitudinal transect and compared with preliminary data (pollen, subfossil wood, historical sources, pastoral archaeology) concerning each area. Even if these mountains shared some similarities in the use of the environmental resources, the construction and the management of the open spaces reveal some dissimilarities. At the Mont Lozère, the soil charcoal data extracted from the Nardus stricta grassland located at above 1400 m altitude, permit to identify this open area like a mountain belt recovered by an ancient open beech forest that has been used and transformed by societies since the Neolithic period. At the Sierra de Gredos (Spain), the pedoanthracological data reveal an ancient Pinus timberline located at around 1700 m a.s.l., and above 1700 m a.s.l. a natural open space dominated by Fabaceae since the last 9000 year BP. At the northern Apennines, the preliminary pedoanthracological results demonstrate that the ancient timberline was probably located at higher altitude (around 1800 m asl.) than the actual (1550 m asl.). The increase of the knowledge of these landscapes help us to propose future management of these open spaces in collaboration with parks and heritage associations at the scale of each country and at the scale of Europe.


2015 - Fish and plants! Archaeobotanical analyses in a roman tub [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Montecchi, Maria Chiara; Mercuri, Anna Maria; Fanetti, Delia; Mazzanti, Marta
abstract

Archaeobotanical analyses provided interesting information about a Roman tank (1st cent. BC – 1st cent. AD) discovered in Modena (Emilia Romagna, Northern Italy). The tank must have been shielded by a hedge of Buxus sempervirens (720 seeds/13l, first Italian recovery, combined with good pollen %). The recovery of few archaeozoological finds let suppose that the tank was used for fish farming and this hypothesis is supported by some particular vegetal findings. The presence of Ceratophyllum sp.pl. (with 1382 achenes/13l, traces of pollen and leaf spinule), combined with Myriophyllum spicatum (29 achenes/13l), suggests a suitable habitat for fish farming; hornwort and watermilfoil, that must have formed a thick “carpet” on the bottom of the tank, are excellent to support fish eggs in fish farm. Furthermore, the recovery of many mericarps (110/13l) of Pastinaca sativa is peculiar; parsnip was used by Romans in cooking and as a medicinal and mellipherous plant as well (Apicio 3,21; Columella VI, 17.8, 33.1; IX, 4.5; Plinio XI 3.14; XII 7.1-2; XIX 62, 88-89). This plant presents an interesting peculiarity in this context: it is rich with normal butyric acid (of fermentation) in the form of octyl ester. Butyric acid is used for its strong smell as additive in fishing baits, even if it is not clear how this molecule turns out to be so attractive for fishes. Parsnip mericarps identified in the tank therefore could suggest baiting practices of fishes. Hydrophytes comprehensively show an environment consistent with the supposed use of the tank: Cerathophyllum sp.pl., Myriophyllum spicatum, Ranunculus subgen. Batrachium, Lemna minor/gibba, taxa quite tolerant to human disturbance, indicate stagnant waters rich in nourishing substances (condition confirmed also by algae of the genus Tribonema between NPPs) and limestone and characterised by some summer heating.


2015 - Il mondo delle palme: spunti didattici dai campioni della Carpoteca storica dell’Orto Botanico di Modena [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna; Bertoni, Daniele; Buldrini, Fabrizio; Rinaldi, S.; Dallai, Daniele
abstract

Prosegue il lavoro di revisione sugli oltre mille campioni della Carpoteca Storica dell’Orto Botanico di Modena. Dopo i reperti di Gimnosperme, sono stati affrontati quelli delle Monocotiledoni, risultati circa 1/7 della collezione, afferenti a 21 diverse famiglie attuali. La famiglia con il maggior numero di campioni nella Carpoteca (51 - circa 1/3 delle Monocotiledoni) è quella delle Arecaceae ( “Palmae”), riconducibili a 36 taxa. È stato interessante notare che i taxa presenti avevano zone d’origine che coprivano l’intero globo terrestre: Africa (7), Africa/Asia (1), Asia (9), Bacino del Mediterraneo (tra cui Italia – 1), America (12), Australia/Nuova Zelanda (5). Tenendo conto della grande importanza economica ed etnobotanica di tante palme e di molti aspetti botanici curiosi ad esse legati, si è pensato di strutturare un itinerario interdisciplinare a loro dedicato, rivolto alla scuola primaria. L’itinerario, da svolgere all’Orto e in classe, è supportato da oltre 20 schede e un gioco didattico. I reperti della famiglia delle Arecaceae hanno trovato collocazione nelle vetrine dell’Aula Storica, in una mostra semi-permanente funzionale al percorso stesso.


2015 - Image Analysis application on waterlogged archaeological Prunus remains from a medieval context in Sardinia [Abstract in Atti di Convegno]
Sarigu, M.; Bosi, Giovanna; Ucchesu, M.; Loi, M. C.; Venora, G. F.; Grillo, O.; Bacchetta, G.
abstract

Fruit remains such as cherries, plums, sloes and peaches are frequently recovered from archaeological waterlogged contexts. During an archaeological excavation in the city centre of Sassari (Italy), in 2007, a medieval well, dated at 1330-1360 AD, was discovered. The sediment appeared very rich in waterlogged plant remains and a consistent presence of Prunus endocarps, attributed to different species, was recorded. Thanks to the exceptional state of preservation of the remains, the morphological and morphometric analysis was performed. The discrimination among Prunus species is routinely based on visual evaluations of some traditional morphological characters of the endocarps. Currently, computer vision and image analysis techniques represent a more accurate, reliable and repeatable method to distinguish wild species from cultivated ones. Digital images, acquired with a flatbed scanner, were processed and analysed using the image analysis software KS-400 (Carl Zeiss Vision, Germany). A macro, specifically developed to measure endocarps of the Prunus L. genus, allowed measuring 33 morpho-colorimetric features and 80 elliptic Fourier descriptors (EFDs). In this work, the results obtained from the comparison between archaeological endocarps and the modern samples of Prunus collected in Sardinia, are presented. A clear statistical discrimination among 17 P. domestica, 111 P. domestica subsp. insistitia and 130 P. spinosa archaeological endocarps, was achieved. Moreover, from the comparison with the modern endocarps samples, the medieval ones were correctly identified with an overall percentage of 98.4 %. The LDA applied an archaeological Prunus endocarps preserved in waterlogged contexts have allowed us to investigate the taxonomic level of Prunus species present in the medieval period in Sardinia.


2015 - La Xiloteca Storica dell’Orto Botanico di Modena [Relazione in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Bertoni, Daniele; Dallai, Daniele; Mazzanti, Marta
abstract

Nell’ambito dei progetti di valorizzazione museale delle collezioni storiche, in corso presso l’Orto Botanico dell’Università di Modena e Reggio Emilia, un recente intervento ha riguardato la Xiloteca Storica e, in particolare, 345 campioni di legno acquisiti nel periodo 1890-1969, provenienti sia da esemplari abbattuti nell’Orto Botanico modenese che da raccolte effettuate in natura oppure da donazioni da parte di istituzioni o privati.


2015 - Le Piante e la Gloria: una mostra tra Botanica e Filosofia [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; Ansaloni, Ivano; Antonini, Eraldo; Mazzanti, Marta
abstract

L’Orto Botanico di Modena collabora da quattro anni con il Festival-Filosofia Modena/Carpi/Sassuolo, ospitando nella sua suggestiva cornice diverse esposizioni e iniziative artistiche e organizzando laboratori per bambini attinenti al tema della manifestazione. Nel 2014 per il tema Gloria è stata proposta la mostra “Gloria in Cielo, Verde sulla Terra. Iconologia vegetale nelle immaginette sacre”, presentando oltre trecento “santini” (1800-1930), da collezioni private, con simboli vegetali caratterizzanti legati a figure sacre e momenti del rito cristiano. Sono così nate le varie sezioni della mostra: il giglio, la palma, la rosa, la vite e l’uva, l’erbario e il giardino mariano, le piante della Passione ecc. La collocazione nelle vetrine dell’Aula Storica dell’Orto ha permesso di affiancare a immaginette e poster i vegetali, freschi o essiccati, dando così materialità al legame tra botanica e gloria celeste. Ancora una volta l’associazione piante-arte si è dimostrata un grande catalizzatore d’interesse e curiosità, portando i visitatori a vivaci scambi tra loro e con il personale addetto all’esposizione.


2015 - Pollen and macroremains from Holocene archaeological sites: A dataset for the understanding of the bio-cultural diversity of the Italian landscape [Articolo su rivista]
Mercuri, Anna Maria; Allevato, Emilia; Arobba, Daniele; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Caramiello, Rosanna; Castiglioni, Elisabetta; Carra, Maria Letizia; Celant, Alessandra; Costantini, Lorenzo; Di Pasquale, Gaetano; Fiorentino, Girolamo; Florenzano, Assunta; Guido, Mariangela; Marchesini, Marco; Mariotti Lippi, Marta; Marvelli, Silvia; Miola, Antonella; Montanari, Carlo; Nisbet, Renato; Peña Chocarro, Leonor; Perego, Renata; Ravazzi, Cesare; Rottoli, Mauro; Sadori, Laura; Ucchesu, Mariano; Rinaldi, Rossella
abstract

Over the last millennia, the land between the Alps and the Mediterranean Sea, characterized by extraordinary habitat diversity, has seen an outstanding cross-cultural development. For the first time, this paper reports on the census of the Holocene archaeological sites that have been studied as part of archaeobotany in Italy (continental Italy, the Italian peninsula and islands) over the last quarter in a century. Pollen, non-pollen palynomorphs, seeds and fruits, woods/charcoals and other plant remains have all been analysed in multidisciplinary researches. A list of 630 sites has been provided by more than 15 archaeobotanical teams. The sites are located across the 20 regions of Italy, and in the Republic of San Marino (356 sites in northern Italy, 118 in central Italy, 156 in southern Italy and on the islands). They belong to several cultural phases: 321 sites are only pre-Roman, 264 are Roman/post-Roman, and 45 sites cover a broader range of time, present in both time spans. Site distribution is plotted in maps of site density according to geographical districts and the main chronological phases. The reference list helps to find analytical data referring to the descriptive papers that may be scattered throughout monographies and specific books on the matter.


2015 - Renaissance Gardens in Northern Italy: archaeobotanical evidence for urban environment reconstructions [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Torri, Paola; Mazzanti, Marta
abstract

Archaeobotanical analyses have been carried out on three gardens in Northern Italy that belonged to the important Renaissance families of Este and Gonzaga: the “Duchesses’ Garden” of the Ducal Palace of Ferrara, the garden of Te Palace of Mantua and the green spaces of Giardino Palace of Sabbioneta. Pollen and macroremains from the three sites were studied to ensure a reliable reconstruction of the gardens. At Ferrara, seeds/fruits collected from a discharging pit of the Este Ducal Palace were particularly useful for describing the flora of the garden and the plant landscape of the city1. All the botanical evidences (more than 200 taxa including ornamental plants), integrated to the few historical and iconographic sources, have provided detailed information for reconstructing the features of the garden and the surrounding urban environment between the 15th and 16th century AD2. At Mantua and Sabbioneta, the on-going archaeobotanical studies from the Gonzaga’s palaces give interesting information that enhance the historical data. The preliminary results3 show, for example, the presence of Citrus in pollen spectra from both the sites; this pollen is very rare in archaeological deposits, and confirms the presence of the renowned citrus collection in the Gonzaga’s gardens. Archaeobotanical records from the three urban contexts examined are characterized by the recurring presence of evergreen plants (especially Buxus), which are best suited for the topiary art. These plants have good relationship with the maintenance of the harmony of the garden and does not take account of seasonal variations.


2015 - Segnali botanici dal butto: alcune informazioni alimentari [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Buldrini, Fabrizio; Rinaldi, Rossella
abstract

L’importanza delle analisi dei resti organici provenienti da indagini archeo- logiche è ormai affermata e condivisa. In parte sono state quindi superate le perplessità che in passato esistevano sul- la reale efficacia dell’Archeobiologia per indagare i periodi storici, perplessità che limitavano il suo apporto sostanziale ai soli siti preistorici. In particolare, le innovazioni nelle tecniche e nell’approccio dell’Archeobotanica sono state il motivo della sua affermazione e considerazione in campo archeologico per ogni tipo di indagine, a partire dalle problematiche legate alla domesticazione delle piante fino alla ricostruzione dell’alimentazione vegetale nei più diversi contesti temporali e sociali. Nel caso di Palazzo Guerrieri Gonzaga sono stati indagati i macroresti botanici rinvenuti nel riempimento di una struttura di scarico utilizzata attiva- mente tra la metà del XVI e la fine del XVII secolo d.C..


2015 - Semi, frutti e legni dallo scavo di un pozzo nella città di Sassari: uno spaccato della vita quotidiana di un centro urbano nella Sardegna del XIV secolo [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Becca, G.; Biccone, L.; Deiana, A.; Filigheddu, R.; Mazzanti, Marta
abstract

Recenti lavori di riqualificazione nel centro storico di Sassari hanno portato al ritrovamento di un pozzo a canna circolare munito di “pedarole” e profondo circa 6 metri. La setacciatura totale del suo riempimento (circa 3500 l di sedimento), databile al secondo quarto del XIV sec. d.C., ha permesso il recupero di un'ingente quantità di materiali, interpretabili come uno scarico di rifiuti domestici, con avanzi di pasto e stoviglie, formatosi in un lasso di tempo piuttosto breve. Le analisi carpologiche condotte presso il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica dell'Università di Modena e Reggio Emilia, hanno finora interessato oltre 880.000 reperti divisi in 117 taxa, di cui la maggior parte appartiene alla categoria della “frutta”, seguita da ruderali s.l. e ortive. Interessante è il ritrovamento di un alto numero di semi di mirto, pianta importante per le tradizioni etnobotaniche della Sardegna. Lo studio dei reperti xilo-antracologici, ancora in corso presso il Laboratorio di Archeobotanica dell'Università di Sassari, ha identificato almeno 8 taxa (fra cui quercia sempreverde, faggio, castagno, ontano, pino e olivo) appartenenti a manufatti perlopiù di ambito domestico e piccoli attrezzi da lavoro. Il riempimento del pozzo ha quindi forti connotazioni di tanatocenosi e le informazioni che da esso ci giungono parlano soprattutto del rapporto uomo-piante, ma è possibile ottenere anche qualche elemento interessante riguardo la vegetazione naturale coeva al deposito.


2015 - Stable isotope and in situ trace element analyses on human bone tissue (Roccapelago, 16th-18th cent.): preliminary inferences on diachronic change in eating habits and trace element reliability [Abstract in Atti di Convegno]
Lugli, Federico; Brunelli, Daniele; Cipriani, Anna; Bosi, Giovanna; Gruppioni, G.
abstract

We measured trace elements and stable isotopes (C and N on collagen) on 19 samples, taken from different anatomical area of 7 individuals from the medieval site of Roccapelago (Modena): our attempt is to reconstruct the diet of these individuals and discuss the role of trace elements in palaeodiet. The good preservation of these bodies represents a unique chance to work on likely diagenesis-free archaeological human remains, to test the trustworthiness of trace element analyses. In fact, in the last decades, trace element reliability was questioned several times. We particularly focus our attention on magnesium, strontium and zinc. Our data set shows different eating habits for the studied individuals. While collagen of the samples dated at 16th century yields typical values of a C3-plant based diet, collagen of samples dated at 18th cent yields higher values of both δ13C and δ15N, probably linked to an higher trophic level and to a shift toward a C4-environment. Similarly, Sr and Mg show the same increment in individuals of 18th cent, while Zn does not show any significant variation. The latter is quite discussed in the scientific literature and has been commonly used as a marker for a protein-rich diet. Our lack of correlation between Zn and stable isotopes (especially N) confirms the uselessness of this element in palaeodiet reconstruction. Geochemical data are also corroborated by the botanical evidence of maize presence (C4 plant) and by historical sources that attest the presence of maize in Emilia-Romagna during 18th century.


2015 - The Pollen Reference Collection of LPP – UNIMORE [Abstract in Atti di Convegno]
Torri, Paola; Torri, F.; Florenzano, Assunta; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria
abstract

The Pollen Reference Collection of the Laboratory of Palynology and Palaeobotany (LPP) of the University of Modena and Reggio Emilia is titled to Daria Bertolani Marchetti who carried out to Modena the first slides in 1989. The Reference Collection is organized in the following sections: 1) Envelopes, with pollen from plant material collected in the field or from herbarium sheets, are 3098, and refer to about 1100 different species. 2) Microtubes, contain acetolysed pollen preserved in glycerol jelly, and are about 1440. 3) Slides are mounted with acetolysed and fresh pollen. Therefore, the pollen collection can be used for paleopalynology and actuopalynology. The slides, put into boxes slide rack, are classified according to the morphological criterion (NPC = Number - Position - Character of the apertures - Erdtman, 1969). Their number is about 2000. In the Reference Collection there are three sections: Reference Collection, containing the reference material, described above; Research Collection, relating to materials and sites studied in the laboratory (ca. 22,000 slides); Educational Collection, containing two types of reference slides: slides with the pollen of a single species and “mixed slides” with more species with the same aperture type, number and position, set up to facilitate the distinction of similar pollen. The Educational Collection includes selected slides with material from research work, e.g. archaeological sites, lake/fluvial sediments, forensic cases, honeys, plant systematics. The use of the collection has been recently improved by a database designated by F. Torri and P. Torri, to search the reference material by taxonomic criteria and/or morphological characteristics. Users can search the database according to a single criterion or a combination of morphological characteristics commonly used to visually identify pollen: aperture, exine ornamentation, size range. Images of the pollen will be associated to relevant species.


2015 - The evolution of Roman urban environments through the archaeobotanical remains in Modena – Northern Italy [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Mazzanti, Marta; Florenzano, Assunta; Montecchi, Maria Chiara; Torri, Paola; Labate, Donato; Rinaldi, Rossella
abstract

The paper reports on the urban archaeobotany of Modena, a town that lies on the southern Po Plain of the Emilia Romagna region, Northern Italy. Founded in 183 BC, it was an important Roman colony known as Mutina. The integrated study of micro- and macro- remains, the interdisciplinary archaeological and botanical approach, and the comparison of on-site / off-site records allow the reconstruction of an urban environment of the past. Pollen and macroremains from four archaeological sites located in and around the ancient walls, along with pollen from an off-site trench, were studied with an integrated approach, aimed at reconstructing the main floristic, vegetational and palaeoecological features of the town and its surroundings between the 6th century BC and the 10th century AD. During the Roman age, the natural plant landscape was characterised by wetlands, thinly scattered mixed oak woods, cereal fields, gardens and other human environments; during the Late Roman and Early Medieval age, the woodlands increased. Some currently rare, or locally extinct, species lived in the area. The fragmentation of the landscape has been evident since the Roman times because pieces of the natural environments have survived near lands strongly modified by inhabitants.


2015 - The memory of water: archaeobotanical evidence of wetland plants from Modena (Emilia-Romagna, Northern Italy) and palaeoecological remarks [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Benatti, Alessandra; Rinaldi, Rossella; Dallai, Daniele; Santini, Claudio; Carbognani, Michele; Tomaselli, Marcello; Mazzanti, Marta
abstract

Modena, founded by the Romans (183 BC), has always been conditioned by water in all its urban history. In the city, numerous archaeobotanical investigations have been carried out in order to reconstruct the natural landscape and human– environment interactions over time. During these investigations, four archaeological sites (two Roman and two medieval) have revealed deposits with a marked character of palaeobiocoenosis, largely resulting from the natural environment surrounding the sites, due to natural “seed rain”. These deposits are characterized by widespread evidence of plants related to water, constituting a valuable archive to investigate habitats which currently have become very rare and threatened, if they have not completely disappeared. The present paper aims to reveal the peculiarities of the Roman/medieval archaeocarpological floristic lists (through a comparison with the flora over the last two centuries in the area of Modena) and highlight the possible causes explaining the presence or the demise of several taxa, considering also the palaeoecological reconstruction of the environment in which they have been found.


2015 - The reconstruction of the natural and cultural landscape of the Cimone mountain (Northern Apennines, Italy) since the Neolithic from a pedoanthracological approach [Abstract in Atti di Convegno]
Benatti, Alessandra; Bal, M.; Allée, P.; Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna
abstract

Mont Cimone is the highest mountain of the Northern Apennines mountain system, feature that allowed him to be in the past until today an important place of cultural identity for indigenous populations. Mont Cimone is located in the "Parco regionale dell'Alto Appennino Modenese" and is an important spot of biodiversity that is protected in the Natura 2000 network. This territory has a rich and diversified floral heritage due to his geographical position between two great phytogeographic regions: Euro-Siberian and Mediterranean region. In the north-western slope of Mt. Cimone, the summital part between 1600m and 2100m a.s.l. is characterized by the presence of heathland dominated by Vaccinium myrtillus and Vaccinium gaultherioides and above 1600 m asl. there is a coppice beech forest. At the scale of the northern Apennines, the palaeoecological records (pollen, wood, organic matter, sedimentary) obtained from peat bogs located in the Apennines Ligure (from 800 to 1500 m a.s.l.) (Branch, 2004; Cruise, 1990a, 1990b; Cruise et al., 2009) and Tosco-Emiliano, (from 700 to 1800 m a.s.l.) (Bertolani Marchetti et al., 1994; Bertoldi et al., 2007; Lowe et al., 1994a, 1994b; Watson, 1996) have reconstructed the history of the vegetal landscape linked to climatic changes since the Tardiglacial. In Italy, few studies concerning the relationship between societies and environment are developed in mountain systems. The archaeological data concern essentially the plain where the archaeological remains are very frequent. The first survey on the Mont Cimone, has revealed the numerous archaeological remains like charcoal platforms located within the beech coppice and pastoral huts situated at the upper part between 1700m a.s.l. and 2000 m a.s.l. This fieldwork demonstrates that the Cimone landscape is an anthroposylvosystem transformed by societies since a long time. The aim of this PhD research is to develop an interdisciplinary approach based on geography, archaeology, history and palaeoecology methods. Convince by the role of societies in the construction of the landscape of the Cimone without discarding the role of the climate change, pedoanthracological transect was applied for the first time on this mountain in order to obtain at a more precise spatial scale, the reconstruction of the ligneous palaeolandscape and the history of fire events since a long time. In this context nine soil profiles were sampled at the north-west slope of Mt. Cimone across an altitudinal transect from 1650 m a.s.l. to 2078 m a.s.l. 8 pits are located in the current grassland and one pit is situated at the limit of the actual limit of the beech forest at around 1650 m a.s.l. The presence of charcoals in all the pits suggest the importance of fire events in the history of the Cimone landscape's. The charcoal assemblages show a strong dominance of Ericaceae (1077 - 1153 cal AD) at higher altitudes (above 1700m a.s.l.) as occurs in the present. The occurrence of forest species charcoals as Fagus and Abies in the current grassland between 1650 m and 1800 m a.s.l., shows that in the past these trees were well above the present treeline. The radiocarbon dating will provide useful data for the interpretation of temporal vegetational dynamics at the scale of the slope. These new information will be useful for a multiproxy interpretation to refine the knowledge of the vegetation and fire history of this area.


2015 - Vino o non vino? Nuovi dati sui vinaccioli della Terramara di Montale (Modena) tra la fine della media etaà del Bronzo e il Bronzo recente [Abstract in Atti di Convegno]
Cardarelli, Andrea; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Ucchesu, M.; Bacchetta, G.
abstract

Tradizionalmente l’introduzione della coltivazione della vite in Italia viene fatta risalire ad un momento inoltrato della prima età del Ferro (VIII sec. a.C.), in relazione con le prime colonie greche dell’ Italia meridionale. Tuttavia alcuni recenti rinvenimenti pertinenti a vinaccioli in contesti dell’età della fase avanzata del Bronzo Medio e/o del Bronzo Recente dell’Italia continentale e della Sardegna fanno supporre che l’avvio di una coltivazione della vite possa essere anticipata di diversi secoli e non sia stata l’esito di contatti con le colonie della Magna Grecia. Inoltre la presenza di evidenze archeologiche legate al consumo di bevande verosimilmente fermentate cresce in modo significativo nel corso del Bronzo Medio e soprattutto nel Bronzo Recente, come dimostrano l’aumento esponenziale delle tazze munite di anse atte ad attingere e di vasi di norma messi in relazione a processi di produzione o filtraggio di bevande, fra cui il famoso colino bronzeo da Peschiera. Associazioni di reperti archeologici di questo tipo provengono anche da contesti rituali quali l’area cerimoniale individuata nella necropoli di Casinalbo, in cui probabilmente erano praticate libagioni correlate al rito funerario. Durante gli scavi condotti nella Terramara di Montale (1996–2001) è stato possibile recuperare una notevole quantità di resti carpologici grazie all’uso sistematico della flottazione durante lo scavo. La concentrazione significativa di vinaccioli comincia nella fase stratigrafica VIII B, databile ad un momento molto tardo del Bronzo Medio (BM 3b) con una datazione radiocarbonica a 3130±30 (calibrata 68,2%: 1438 -1321 BC) e si rafforza decisamente nella fase iniziale del Bronzo Recente (fasi stratigrafiche IX e X con datazioni radiocarboniche calibrate datate al più tardi all’inizio del XIII sec. a.C.). Nello scavo della Terramara di Montale sono stati rinvenuti quasi 80.000 semi/frutti su 16000 l di materiale setacciato. Il deposito appare decisamente dominato dai cereali (98%) ma circa una trentina di taxa al di fuori di questa categoria testimoniano una discreta varietà soprattutto tra le piante alimentari. Un aspetto interessante dell’assemblaggio carpologico del sito è la presenza costante in tutte le fasi del deposito di endocarpi di corniolo (Cornus mas), che tuttavia hanno una concentrazione minima nelle ultime due fasi di vita della terramara (IX e X), quando si assiste invece ad un incremento notevole di vinaccioli di vite (Vitis vinifera), fino a quel momento presenza sporadica e di poco impatto. Questo fatto fa supporre una sorta di “passaggio di testimone” fra i due taxa, entrambi impiegati nella produzione di bevande fermentate, come documentato in diversi siti più antichi e lontani o supposto per siti coevi e vicini. La buona presenza nel deposito di vinaccioli, rinvenuti per lo più integri e non carbonizzati (in qualche caso solo lambiti dal fuoco), ha fatto intraprendere, durante le analisi dei materiali del sito tra la fine degli anni ’90 e primi anni Duemila, un lavoro approfondito di misure morfo-biometriche sui vinaccioli stessi , per cercare di evidenziare se ci si trovava in presenza di vite selvatica o coltivata. Sono stati presi in considerazione, sui 210 vinaccioli rinvenuti (di cui 166 presenti nelle fasi IX e X), 152 reperti idonei per le analisi (dalla VII al X fase del sito), utilizzando 14 parametri morfobiometrici per arrivare a calcolare gli indici proposti da Stummer, Perret e Mangafa & Kotsakis. La distinzione fra vite selvatica e vite coltivata è un argomento che appassiona archeologi e archeobotanici da sempre; con l’elaborazione negli anni ’90 di nuovi indici si pensò di poter dare risposte più chiare sulla questione, come dimostra l’elevato numero di lavori usciti negli stessi anni sul tema sia in ambito nazionale che internazionale. Purtroppo nel nostro caso questo lavoro, lungo e laborioso, portò al risultato che, secondo gli in


2014 - Archaeobotany for reconstruction of Gardens [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Benatti, Alessandra; Dal Fiume, L.; Mazzanti, Marta
abstract

Our Laboratory carries out the reconstruction of green spaces of the past through archaeobotanical analysis integrated with evidence from other disciplines. For the Roman Period, research on domus of Modena and Forlì reported ornamental species, some frequently recurring (such as box, acanthus and myrtle); for the suburban area was rebuilt green furniture around a fish farming. The Middle Ages and Renaissance presents the most interesting cases: in Ferrara, the Giardino delle Duchesse of Este family, the green space of the Benedictine Monastery of S. Antonio in Polesine and the kitchen gardens of via Vaspergolo/corso Porta Reno; in Modena, the green space of the Bishop’s Palace. For the Modern Age it was investigated the Giardino dei Semplici of the Ospedale Maggiore of Milan and the gardens of Palazzo Giardino in Sabbioneta and Palazzo Te in Mantua. Some investigations have provided information on the history of important crops and ornamental plants.


2014 - Archeobotanica [Capitolo/Saggio]
M., Mariotti Lippi; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; M., Buonincontri; E., Castiglioni; G., Di Pasquale; M., Giardini; M., Marchesini; A., Miola; C., Montanari; M., Rottoli; L., Sadori; Mercuri, Anna Maria
abstract

Molto più giovane della paleobotanica, l’archeobotanica vide i suoi albori in Italia nel XVIII secolo. Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli studi archeobotanici condotti in Italia si sono fatti sempre più numerosi, costituendo oggi una ricca fonte di informazione sulla storia dell’Uomo e del suo rapporto con il territorio. In questo lavoro sono presentate alcune tra le principali tematiche affrontate dagli archeobotanici italiani negli ultimi anni e citati i siti principali.


2014 - Biodiversity of Brassicaceae in medieval landfills of Emilia Romagna (Northern Italy); archaeobotanical and genetic analysis (aDNA) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; De Felice, S.
abstract

The records of Brassicaceae in archaeological sites of Emilia Romagna Region are rather scarce at Roman Period, while increasing in the Middle Ages (10th – 15th cent. AD). Indeed, many seeds of Brassica sp.pl. (approximately from 10 to 1500 seeds per liter) were recovered from garbage of kitchen, garden or craft activities (unpublished data) from two urban sites (Ferrara and Lugo, near Ravenna). Archeobotanical seeds were identified (Brassica cf. juncea, B. napus, B. nigra, B. cf. oleracea, B. rapa) and then analyzed to find any traces of aDNA (by Simona De Felice during PhD of Aberystwyth University, UK) using several precautionary measures to prevent exogenous contamination: a) seeds with unbroken integument were treated with UV light to break and immobilize any contaminant DNA present on seed coat surface; b) DNA extractions were made on internal seed tissues that had been isolated from their surrounding seed coat under a sterile dissecting microscope; c) DNA extractions and PCR (Polymerase Chain Reaction) were performed under sterile conditions (sterilized laminar flow hood), using pipettes with filter tips and in a different building from that where modern Brassica samples were routinely analysed. In total DNA of 325 seeds was extracted an approximately a third (98) of such samples were able to generate sequences. The results of genetic analysis confirm the Brassica genus to 97%, with a dominance of B. nigra.


2014 - Le collezioni botaniche come strumento per dialogare col territorio [Abstract in Atti di Convegno]
Dallai, Daniele; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Buldrini, Fabrizio; Cavazza, G.; Casari, P.; Cazzuoli, A.; Mazzanti, Marta
abstract

Sulla base del progetto MIUR per la Diffusione della Cultura Scientifica (legge 6/2000) “Orto Botanico e territorio: collezioni botaniche e biodiversità vegetale nei territori dell’Emilia”, nel 2013 è iniziata una collaborazione tra gli Orti Botanici universitari di Modena e di Parma e il Giardino Botanico “La Pica” ONLUS (San Felice sul Panaro, Modena), allo scopo di creare una rete d’istituzioni coinvolte nella diffusione della cultura scientifica e naturalistica, in sinergia con Enti di gestione del territorio, favorendo la cultura e la sensibilità ecologica a scala locale. La digitalizzazione dell’Erbario Storico dell’Orto Botanico di Modena, attualmente in corso nell’ambito del progetto, e le iniziative in collaborazione tra l’Orto modenese e il Giardino “La Pica” per lo svolgimento di attività didattiche sul territorio sono illustrati In questa sede.


2014 - Le piante, l’amore e la gloria: Storia di due piccole mostre tra botanica e filosofia [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; Ansaloni, Ivano; Antonini, Eraldo; Mazzanti, Marta
abstract

L’Orto Botanico di Modena collabora da quattro anni con FestivalFilosofia Modena/Carpi/Sassuolo, ospitando nella sua suggestiva cornice verde diverse esposizioni ed iniziative artistiche ed organizzando laboratori per bambini attinenti al tema della manifestazione, dal 2011 al 2014 Natura, Cose, Amare ed infine Gloria. La collaborazione con il Consorzio del Festival (che vede insieme le tre municipalità, Provincia di Modena e le Fondazioni del Collegio San Carlo e della Cassa di Risparmio di Modena), s’inserisce sulla scia delle molteplici attività che l’Orto ha portato avanti negli ultimi vent’anni in sinergia con il territorio, per aprire le sue porte ad un sempre maggiore numero di persone. Questo è finalizzato a due obiettivi, e cioè avvicinare il pubblico alla Botanica, oggi più che mai impresa difficile e non priva di ostacoli, e trovare sempre nuove occasioni ed opportunità per rinforzare il rapporto fra i modenesi (ma non solo) e l’Orto, un vero e proprio organismo vivente, con le sue precarietà (fondi al minimo, personale a ranghi ridottissimi, work in progress continui,…) ma anche con innumerevoli punti di forza (collocazione nel cuore della città, attività di ricerca universitaria nei suoi spazi, fascino del luogo,…). Negli ultimi due anni l’Orto ha partecipato all’evento in maniera ancora più attiva, presentando due piccole mostre homemade, con possibilità di visite guidate e libere, con l’intento di collegare i temi botanici a quelli filosofici e di far passare nozioni e curiosità scientifiche in modo corretto ma anche allettante per fruitori molto variegati. Per ogni edizione mediamente le mostre sono state visitate, su tre giorni di esposizione, da oltre duemila persone (con le donne in netta maggioranza), confermando come il Festival, evento importante a livello italiano ed europeo e con ampia esposizione mediatica nazionale, sia un canale privilegiato per dialogare con un pubblico vasto e vario, che difficilmente sarebbe possibile raggiungere. Nel 2013 per il tema Amare è stata allestita la mostra “Rose rosse per te. Simbologie amorose nel mondo vegetale”. Il tema proposto era di grande richiamo, ma racchiudeva anche il rischio di cadere in una stucchevole banalità. Per questo la parte scientifica ha avuto un grande rilievo e ci si è concentrati soprattutto sulle vere protagoniste, le piante: acanto, agave, alloro, caprifoglio, edera, fico, garofano, ginkgo, loto, melo, melograno, mirto, rosa e rosmarino, essenze che nei miti e racconti delle diverse culture sono state associate alle molte sfumature dei sentimenti del cuore. Negli spazi aperti dell’Orto Botanico sono state messe in mostra le piante vive, accompagnate da grandi poster con rimandi a mitologia, letteratura ed etnobotanica nell’ambito del verbo “amare”. Nel 2014 con Gloria si è pensato di proporre “Gloria in Cielo, Verde sulla Terra. Iconologia vegetale nelle immaginette sacre”, presentando oltre trecento “santini”, da collezioni private, con simboli vegetali caratterizzanti legati a figure sacre e momenti del rito cristiano, spesso con radici lontane in altre fedi e culture. Sono così nate le varie sezioni della mostra: il giglio, la palma, la rosa, la vite e l’uva, l’erbario e il giardino mariano, le piante della Passione, …. La collocazione nelle vetrine dell’Aula Storica dell’Orto ha permesso di affiancare a immaginette e poster i vegetali, freschi o essiccati, dando così materialità al legame tra botanica e gloria celeste. Come già notato l’anno precedente, l’associazione piante-arte è un grande catalizzatore d’interesse e curiosità, che porta i visitatori a vivaci scambi tra loro e con il personale addetto all’esposizione. Una delle sezioni più apprezzate è stata la dettagliata spiegazione della simbologia di Passiflora coerulea, che collega una pianta americana, arrivata nel Vecchio Continente nel XVI secolo, alla Passione del Cristo, avv


2014 - Le ruderali sensu lato a Modena: sintesi di dati carpologici da siti archeologici (III sec. a.C. – XIII sec. d.C.) e primo rilievo della flora urbica attuale del centro storico [Articolo su rivista]
M., Ieranò; Mazzanti, Marta; Buldrini, Fabrizio; Rinaldi, Rossella; D., Labate; C., Santini; Bosi, Giovanna
abstract

Si presentano i risultati di un rilievo della flora ruderale della città di Modena, dal periodo romano ai giorni nostri, condotto mediante lo studio dei reperti carpologici rinvenuti in quattro siti archeo- logici del centro storico della città (due romani e due medievali) e un primo censimento della flora urbica cittadina attuale. Il declino della biodiversità vegetale è notevole: a fronte di una lista di 141 taxa presenti nei siti archeologici di età romana, già nel Medioevo si scende a 76, mentre il censimento della flora odierna, anche se preliminare, ne ha rilevati solo 69.


2014 - L’alimentazione e l’ambiente vegetale ricostruiti attraverso le analisi carpologiche [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; S., Marvelli; Mazzanti, Marta
abstract

Analisi archeocarpologiche dell'insediamento medievale (X-XI sec. d.C.) nel territorio di S. Agata (BO). Informazioni su coltivazioni, alimentazione e paesaggio vegetale.


2014 - Palaeoenvironment, land-use and palaeoethnobotany from archaeobotany research in Italy [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Torri, Paola; Benatti, Alessandra; Florenzano, Assunta; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella
abstract

Plant remains - including pollen, non-pollen palynomorphs, seeds and fruits, woods and charcoals - are among the most important biological archives upon which past environmental reconstructions are based. From one hand, plants are known to respond, in fact, to both climate change and human impact. From the other hand, humans collected plants that were available in the territory they explored, and even involuntary they shaped the landscape. As humans lived in a region, ‘cultural transformations of natural habitats’ began, and were the inevitable consequence of human presence in lands. Consequently, changes in flora and vegetation cover may have occurred earlier near settlements and in the places that today we call ‘archaeological sites’. The weak anthropogenic influence on the environment firstly occurred in the vicinity of the settlements, and then became a true local impact. Then, human impact became evident at a larger regional scale depending on the chronological and cultural variables, and on the distance and intensity of activity performances. In archaeological contexts, humans and their animals largely bring plant micro- and macro- remains to the site and thus cultural variables strongly influence the pollen spectrum and the archaeobotanical record. Far from being a problem, this taphonomical peculiarity is crucial to explore human behaviour and cultural aspects of plant exploitation. A set of palynological / archaeobotanical research has been carried out in the last decades by our research team. In Italy, investigations cover most of the regions from Northern (especially Emilia Romagna), Central (especially Tuscany) and Southern Italy (especially Basilicata and Sicily). Chronology ranges from the Middle Bronze age (e.g. Terramara di Montale), to the Roman and Medieval ages (e.g. Modena; Parma; Villa del Casale), to Renaissance ages (e.g. Ferrara). The research joins multidisciplinary archaeological study to palaeoenvironmental–ecological approach, with focus on the Italian peninsula and its impressive prehistoric and historic archaeological heritage.


2014 - Reperti di corniolo (Cornus mas L.) e vite (Vitis vinifera L.) dalle terramare modenesi: considerazioni paletnobotaniche. Convegno “Ambiente, Terra e civiltà nella Pianura Padana dell’Età del Bronzo” - Poviglio (RE), 9-10 Maggio 2014. [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Il corniolo (Cornus mas L.) e la vite (Vitis vinifera L.) sono due taxa importanti per l’alimentazione umana fin da epoche pre-protostoriche. Per il corniolo alcuni autori hanno ipotizzato in Italia Settentrionale pratiche colturali già all’Età del Bronzo. Gli endocarpi di corniolo delle terramare di Montale e di S. Ambrogio, confrontati con quelli romani della città di Modena e con un campione attuale commerciale, evidenziano cambiamenti nella loro forma; si nota, infatti, un progressivo incremento dell’indice L/l dagli endocarpi più antichi a quelli più recenti. La modifica potrebbe essere compatibile con l’avvio di pratiche selettive che hanno favorito nel tempo lo sviluppo della polpa rispetto al nocciolo, pratiche che possono aver avuto inizio già al Bronzo. Se si considerano i dati carpologici dell’Italia Settentrionale, al Bronzo finale/Ferro i reperti di corniole (che potevano forse essere utilizzati per produrre bevande fermentate) diventano trascurabili, mentre aumentano quelli di vite, come avviene in maniera chiara anche nell’ambito della Terramara di Montale nelle sue fasi finali. La vite di Montale ha caratteri che possono essere definiti intermedi tra forma spontanea e coltivata, forse un segnale di cure antropiche su individui selvatici presenti nell’area del sito. La maggiore attenzione rivolta alla vite è sottolineata anche dal “passaggio di testimone” con il corniolo, che sembra perdere d’importanza e visibilità.


2014 - Sulle tracce della biodiversità vegetale per riscoprire la biodiversità animale: esempio di uno studio integrato presso il Museo di Zoologia ed Anatomia Comparata di Modena [Articolo su rivista]
Pederzoli, Aurora; Mingucci, Marta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Guidetti, Roberto
abstract

In the Museum of Zoology and Comparative Anatomy of the Modena and Reggio Emilia University restoration works on mounted skin specimens have been recently done. Among primates, a triptych formed by a male, a female and a young specimens of Colobus guereza without the historical identification tag has been renewal. During the cleaning steps of the Guereza specimens fur, two mericarps belonging to Cynoglossum amplifolium were found. The distribution area of this species allowed to possibly identify the place of origin of Guereza specimens as Ethiopia.


2014 - The LPP of Modena and Archeobotany: research in Italy over the last twenty years [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola; Mazzanti, Marta; Benatti, Alessandra; Florenzano, Assunta; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Rinaldi, Rossella
abstract

The study of pollen, NPPs, seeds and fruits, wood and charcoal from archaeological contexts is essential to investigate the history of man and the environmental changes connected to the anthropic pressure in a territory. The archaeobotanical record is highly influenced by human activity; this feature has to be considered in order to correctly interpret the data, and also it is valuable to obtain detailed informations on relationship between humans and plants from prehistoric to recent times. Over the last twenty years, archaeobotanical materials from about eighty Italian sites have been studied by our Laboratory; the investigation has focused on regions of Northern (especially Emilia Romagna), Central (mainly Tuscany) and Southern (mainly Basilicata and Sicily) Italy. The sites range in dates from the Bronze Age, Roman Period, Middle Ages, Renaissance, up to the modern age. These investigations have become more multidisciplinary using the paleo-ecological and ethnobotanical approaches. The data have been interpreted as a possible source of information for the understanding of the biodiversity of the past, even for purposes of conservation. A new field is represented by the analysis of ancient DNA (aDNA), which can be a source of new and interesting information, especially on crops.


2014 - The challenge of the book “The Time’s Islands”; Palaeobotany for kids [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Serventi, Paolo; Merlo, R.
abstract

Who does not know the Brontosaurus or Tyrannosaurus rex? Almost all. How many know Rhynia and Sigillaria? Almost nobody. “The Time’s Islands” is the first book for children that specifically describes the evolution of the plant world. In this case the plants are actors and not the background for the animal’s adventures! The project was born to disseminate Palaeobotany and to share our love for the lost green world. The book starts with an amazing eventful story, carrying on with a "travel diary", over thirty botanical plates covering the main themes of evolution with scientific (but attractive) illustrations. The book ends with a herbarium of living plants, suggestions for practical activities and a suggestive illustrated chronology. The work also had an edition in French; the authors and publisher are looking for someone who has an interest to make an edition in English. For information please contact: commerciale@editorialescienza.it - Sabina Stavro. “Although the paleontologist is interested in the geologic history of animals, the paleobotanist is concerned with the plants that inhabited the Earth throughout geologic time. In a general sense, the paleobotanist is a plant historian who attempts to piece together the intricate and complicated picture of the history of the Plant Kingdom.”


2014 - The charcoal sequence of a Roman site located in the town of Modena (Northern Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Benatti, Alessandra; Mercuri, Anna Maria; Allée, P.; Bosi, Giovanna; Bal, M. C.; Labate, D.
abstract

In 2009, an archaeological excavation (named “Ex Cinema Capitol”) was carried out in the current historical centre of the city of Modena (Northern Italy) by the Superintendence for Archaeological Heritage of Emilia Romagna. It has reached a depth of 6.7 metres from the current roadway level (corresponding to 27.1 metres a.s.l.) that has allowed to highlight an important archaeological sequence dated from the 3rd cent. BC to the 2nd cent. AD. Archaeological investigations allowed to highlight walls, floors and foundation structures pertinent to a urban domus. For this site, seed and fruit analyses were carried out at the laboratory of Modena. In this context, archaeological charcoals have been studied in order to provide new botanical knowledge and to further understand the human-environment relationship (such as the choice of timber supply) at the local scale as well as to help the palaeoecological reconstruction of woody vegetation of the area. The analyzed charcoals were recovered by sieving the archaeological sediments from about forty layers or stratigraphic units. Nearly all the remains present an excellent state of preservation allowing a good identification, and a relatively large size with a very feeble curvature of the tree rings. This suggests that the caliber of the logs or branches was rather large in size in most of the remains. Of almost thousand total charcoals, at the moment, about 900 were identified and the anthracological results show a strong dominance of Fraxinus sp. and Carpinus sp. followed by Acer sp., Ulmus sp., Quercus sp. and other genera. Given the importance and complexity of the archaeological sequence, it will be necessary to compare the archaeobotanical data with the archaeological context in order to clearly relate the results with the relevant layers and archaeological context. The data probably refer to the mixed broadleaved forest that grew in the area. This work will provide interesting information by integrating the anthracological with the carpological data.


2014 - The city of Modena (Emilia Romagna, Northern Italy). Seeds and fruits, pollen and non pollen palynomorphs from layers dated to Roman period [Abstract in Atti di Convegno]
Torri, Paola; Bosi, Giovanna; Montecchi, Maria Chiara; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Archaeobotanical analyses have been carried out on the site “Novi Ark” in the city of Modena. The excavation has also brought to light a necropolis, rural buildings, tanks and production facilities. Pollen, NPPs, seeds/fruits were collected from archaeological layers dated between the 5th-4th BC and 2nd AD. Below are reported the main features of samples significant for NPPs analyses, grouped by chronological phases. 5th-4th BC soil – The analyses show an open oak-dominated wood. The good value of riparian trees (alders and willows) with sedges, Nuphar and Thalictrum flavum type suggests proximity to wetlands. A high concentration of large size microcharcoals might suggest anthropogenic fire, that could have caused the formation of large clearings colonized by bracken fern, which responds readily to the fire, thanks to the rootstock resistant to high temperature. 1st BC-2nd AD circular tank - The tank was surrounded by a hedge of boxwoods, testified by a good percentage of pollen and seeds. The presence of Ceratophyllum spines in the pollen samples, many achenes of Ceratophyllum sp.pl., some achenes of Myriophyllum spicatum suggests a situation suitable for the fish farm. Hornwort and water-milfoil are optimal to provide support to the eggs of fish. This hypothesis is supported by the occurrence of fish remains. The occurrence of algae of genus Tribonema type and hydrophytes as Cerathophyllum sp.pl., Myryophyllum spicatum, Ranunculus subgen. batrachium, Lemna minor/gibba indicates stagnant or slowly flowing waters, from meso- to eutrophic, nutrient-rich. Near the tank there were grasslands, probably used for grazing, as suggested by the dominance of Poaceae, Cichorieae, Dicrocoelium eggs and dung fungal spores. 1st AD deposit of basin – The prevalence of Poaceae accompanied by Cichorieae, Centaurea nigra type, Trifolium, Medicago, and dung fungal spores testifies the presence of grassland that could be grazed. The high values of pollen and seeds of Lemna indicate the presence of still waters. This is also supported by the finding of spermatophores of copepods. On the whole archaeobotanical analyses highlighted the presence of various environments, such as woods, wetlands and grazed grassland.


2014 - The history of the Portulaca oleracea aggregate in the Emilia-Romagna Po Plain (Italy) from the Roman Age to the present [Articolo su rivista]
A., Danin; Buldrini, Fabrizio; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

Portulaca oleracea L. is a cosmopolitan synanthropic species, of uncertain origin, known in Italy since the Roman Age. The aim of this work is to reconstruct the history of P. oleracea aggregate in the Emilia-Romagna Po Plain, by discovering the microspecies that have lived in this region. A qualitative study was carried out to determine the microspecies documented in the archaeological sites of Emilia-Romagna, from the Roman to Medieval/Renaissance periods. A comparison between archaeological seeds and recent and present records was made by sampling in historical herbaria and field collections. Seven different microspecies were identified: Portulaca papillatostellulata, P. trituberculata, P. cypria, P. sativa, P. oleracea (all hexaploid); P. granulatostellulata and P. nitida (both tetraploid = 4x). They are distinguished on the basis of seed coat morphology. The findings in archaeological sites and in the present collections are discussed. Two independent events of European colonization could be proposed: First to arrive were the hexaploid (6x) species, followed by the tetraploid species. In future, the application of similar analyses to the well-preserved archaeobotanical remains of purslane, particularly the microspecies from America, could be a good way to understand the history of this interesting species aggregate from a chronological and geographical standpoint.


2014 - The “green” history of the city of Modena (Emilia Romagna, Northern Italy): archaeobotanical information from Roman to Medieval Ages [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Benatti, Alessandra; Osti, G.; Labate, D.; Bosi, Giovanna
abstract

The study of seeds/fruits in archaeological excavations in urban areas helps to outline the history of the city, for the reconstruction of the process of urbanization; the organic materials preserved in waterlogged conditions below the historical towns are a fundamental resource. The Archaeobotanyin such cases provides important results when the material examined comes from several sites that show the territory over a quite long period. This contribution refers to the palaeoenvironmental reconstruction of Mutina, a roman colony founded in 183 BCE, important both for strategic and economic reasons, described by Cicero as a “firmissimam et splendidissimam populi romani coloniam”. Numerous archaeological sites of the Roman Period (2nd BCE – 6th centuries CE) which have come to light in Modena have been investigated. The information provided by botanical remains has allowed the interpretation of palaeoethnobotany, history and knowledge of flora and vegetal landscape of the Modena area during the Roman Age. The archaeobotanical research brings the most obvious evidence of wealth and welfare of the city, including the availability of luxury products and the cultivation of exotic and ornamental plants. The sites show a large range of crops, including several related to textiles, dyeing and sheep breeding for wool, for which the city of Modena was famous. From the environmental/floristic point of view, all sites give clear evidence of wetlands (which have characterized the urban area until the early 20th century), with the presence of plants then disappeared from Modena and, in some cases, by whole Emilia Romagna region, underlining the most biodiversity existing in the area compared to the current. Research has revealed a floristic list numerically superior than the one available (almost 300 taxa) for the over thirty Roman sites previously studied from a carpological standpoint in Emilia Romagna. Further studies were performed for the Middle Ages, providing informations about the urban environment during some of the maximum expansion phases of the city (9th – 13th centuries CE). The collected data confirmed the persistence of this high plant biodiversity, combined with a great presence of wetlands vegetation. This can be related to the connotation of medieval Modena as a water city, characterized by an extended network of canals, considerable as the main vector of commerce. Another information that emerged regards the richness and the persistence of traditional economic cultivations, both for the voluptuary genders and for the subsistence ones, suggesting a strong component of cultural continuity.


2014 - Un tesoro ritrovato: Autographoteca Botanica Horti R. Archygymnasii Mutinenis [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Barbieri, Giovanna; Dallai, Daniele; Bertoni, Daniele; Bosi, Giovanna
abstract

Presso l’Orto Botanico Universitario di Modena, è stata rinvenuta una collezione di lettere, datate 1799-1849, accompagnata dal catalogo a firma del destinatario, Giovanni De Brignoli di Brunnhoff, direttore dell’Orto e tito- lare della relativa cattedra (1817-1857). La collezione (755 lettere), conta 193 corrispondenti: per ognuno il “Catalogus” riporta un commento di Brignoli. Per nascita, stranieri e italiani si equivalgono; fra i primi emergo- no gli studiosi mitteleuropei, area con la quale Brignoli era ben integrato. Il maggior flusso di lettere viene da Nord-Centro Italia e le altre da 20 stati. Fra i corrispondenti citiamo: C.A. Agardh, A.L. De Candolle, G. Gallesio, J.S. Henslow, G. Jan, J. Lamouroux, C.F. Martius, C.G. Nees von Esenbeck, J. F. Schouw, C.P. Thunberg. La raccolta è l’esempio inedito di una rete internazionale di scambio di conoscenze, che comprende accademici, curatori, cacciatori di piante, cultori e fitofili. Il completamento delle trascrizioni porterà informa- zioni sulla storia della botanica.


2013 - Archaeobotanical evidences of food plants in northern Italy during the Roman Age [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; M., Rottoli; E., Castiglioni; Mazzanti, Marta
abstract

This paper is a review of carpological records obtained from about one hundred archaeological sites of the Roman Period (3th century BC – 6th century AD) located in Northern Italy (Piedmont, Lombardy, Trentino – Alto Adige, Veneto, Friuli – Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna) and in the Republic of San Marino. The types of deposit are various, such as necropolis, sacred areas, inhabited and productive structures. The aim of this study is to highlight carpological remains of food plants that have been found in Roman archaeological sites of this area. Only the cultivated and wild plants reported as food by the Latin literary sources were considered. The result is a list of about 100 taxa of plants that can be used for food. There are several categories; cereals (ruling naked wheats, einkorn, emmer and barley; broomcorm millet prevalent among the minor cereals), pulses (mostly faba bean – Vicia faba var. minor – and lentil), more than thirty taxa of fruits (besides versatile grape, also walnut, hazelnut, fig and peach are the species with the highest frequency), vegetables (including bottle gourd and chicory), condiments (dill, celery, coriander, mint, savory, cultivated poppy,…) and plants for beverages, oils and food dyes. Moreover, findings of food preparations (eg. bread) were found in several sites. Ethnobotanical information about the use of the plants recognised in this study are collected to show how traditions sometimes has persisted to the present day and in the same areas of archaeological sites.


2013 - Archaeobotany and the archaeological park “Terramara Montale” (northern Italy): a winner joint-venture. [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Rinaldi, Rossella; Barbieri, Giovanna; Fraulini, Elisa; Zanasi, C.
abstract

The Archaeological Park and Open-Air Museum Terramara Montale, opened in 2004 under the direction of the Civic Museum of Archaeology and Ethnology of Modena, was built in the homonymous archaeological area, in which several years of excavation have brought to light finds of the terramare civilizations settled in the Po plain during the Bronze Age (2nd millennium BC). Along with several archaeological remains, the large amount of archaeozoological and archaeobotanical finds allowed to obtain more detailed information about the everyday life of the inhabitants of the site, useful to reconstruct the environment and the history of the terramara.The archaeobotanical research (eg. Mercuri et al., 2006a, 2006b) has brought a great surplus value to the realization of the Park; the green area of the Open-Air Museum has been realized following the indications obtained from palynological, carpological and xylo-antracological analyses. Panels show the landscape cat the time of the village. Moreover, the study of archaeobotanical remains has been essential to understand the man-plants interactions (for fortifications, houses and furniture, crops and agricultural practices, plants food, weavings and textiles) during the life of the settlement. Thanks to the archaeobotanical analyses, the Park creates workshops, activities and demonstrations of experimental archaeology to involve the visitors of all ages in ethnobotanical aspects of the site: The environment at the time of terramare - Demonstration of the techniques employed to reconstruct past environments; Archaeobotany for kids - All at work sieving soils, collecting and identifying fruits and seeds of plants cultivated or collected in the Bronze Age; The woodworking - With the original essences, demonstration of manufacturing techniques employed to realize different tools; Building without bricks: the houses of the terramara - Demonstrations of experimental archaeology: how create weaves with reeds, branches and leaves, and daub surface of plaster on the walls of the houses; The bread cycle - From cutting the wheat, to beating, milling, cooking and tasting the final product; Archaeology of flavors - Exhibition on finds and panels about food, along with activities and tastings; Archaeology of wine - The use of fermented beverages through the archaeobotanical evidences; Weaves of plant fibers and marsh grasses - Demonstration of processing techniques of vegetal fibers to make baskets, ropes, nets and mats; A thread pull another thread - Observation of the functioning of the reconstructed looms and realization of colored linen bracelets using the Bronze Age techniques; The park in blue - The use of ford, madder and mignonette in dyeing techniques of flax.


2013 - Archaeobotany in urban sites: the case of Mutina [Articolo su rivista]
Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

The present paper aims to show the importance of analyzing plant macroremains from urban excavations. organic materials preserved below the historical city in waterlogged conditions are a fundamental resource, and the study of seeds and fruits gives a good contribution to historical and archaeological research. archaeobotany in urban contexts provides important results when the examined material comes from several excavations that “photograph” the territory over quite a long period. an overview of archaeobotanical analyses carried out on material from archaeological sites of Modena (Emilia-Romagna), from the 2nd century BC to the 6th century ad, made by the laboratory of palynology and palaeobotany of the University of Modena and Reggio Emilia, is presented. The floristic list of seed/fruit analyses result is reported and interesting subject matters are tackled concerning both cultivated/cultivable plants (fruits and nuts, vegetables/aromatics/spices/medicinal plants, fibre and oil plants, cereals and pulses, flowers and other ornamental plants) and wild plants of no obvious use, together with wetland plants which are rare and endangered species in Emilia-Romagna today.


2013 - Archaeobotany of urban sites: the macro (seeds, fruits, wood) and microremains (pollen, charcoal particles, NPPs) from Mutina – Roman Age, northern Italy. [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Montecchi, Maria Chiara; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Mazzanti, Marta
abstract

Recent drillings of cores taken from the town of Modena (Emilia Romagna, northern Italy) have permitted to reconstruct the Holocene vegetation history of this areas based on pollen, charcoal particles and non pollen palynomorphs. Radiocarbon datings, TOC and lito-stratigraphical analyses were carried out. The cores include layers referring to the Roman period that saw the foundation of the town (183 BC). Contextually, a large set of investigations on archaeobotany of archaeological sites of Roman age (2nd century BC – 6th century AD) have been studied for macro and microremains. The set of the very well-preserved plant records and the high number of off-site and on-site locations studied in the same town give firm data for a detailed reconstruction of the urban environment. This is one further proof of the great interest that these integrated research of archaeobotany of urban sites has to understand history and ecology of modern cities. Current and past biodiversity, land use and relationship between on-site and extra-urban environments, palaeoethnobotanical features and traditional uses of plants are only part of the issues that can be inferred from these studies.


2013 - Dal Pinetum di Moncioni alla Carpoteca Storica dell’Orto Botanico di Modena: le testimonianze di una collezione vivente di biodiversità ante litteram. [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; S., Fregni; Bertoni, Daniele; Buldrini, Fabrizio; Barbieri, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

La Carpoteca Storica dell’Orto Botanico di Modena, su cui è in atto un lavoro di riordino, presenta oltre un migliaio di campioni, i più antichi della prima metà dell’Ottocento. Un primo approfondimento ha riguardato i campioni di Gimnosperme (circa 1/7 della collezione); è emerso che di questi più della metà arrivava dal Pinetum di Moncioni presso Montevarchi (AR), donati nel 1895 dal proprietario, l’avvocato Giuseppe Gaeta. Si è dunque indagata questa realtà, tuttora esistente anche se in abbandono; il Parco, visitabile su richiesta, fa parte del giar- dino della villa del Poggiolo, ancora privata. Gaeta, appassionato di piante pur senza studi botanici, a partire da metà ’800 realizzò un bosco di conifere pubblicando l’elenco degli individui messi a dimora. Il Pinetum voleva dimostrare che si potevano introdurre conifere esotiche ottime per i rimboschimenti, ma produsse anche un’in- teressante collezione vivente, che a Modena ha lasciato un’importante traccia museale.


2013 - Domenico Bruschi e l’Orto Botanico di Perugia attraverso l’Autographotheca Horti R. Botanici Mutinensis di Giovanni de Brignoli di Brunnhoff (prima metà ‘800) [Articolo su rivista]
Mazzanti, Marta; Maovaz, M.; Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; Lim, G. M.; Buldrini, Fabrizio
abstract

Presso l’Orto Botanico di Modena è stata di recente ritrovata una collezione di lettere autografe indi- rizzate a Giovanni de Brignoli di Brunnhoff, direttore dell’orto modenese nella prima metà del XIX secolo. Molto interessante è il fascicolo della corrispondenza da parte di Domenico Bruschi, diret- tore dell’Orto Botanico di Perugia, che ha fornito materiali inediti sull’Orto Botanico di Monte Mor- cino nella città di Perugia, fra cui un’accurata mappa acquerellata con legenda e un fascicolo mano- scritto di note storiche, oltre a precise informazioni sulla persona dello stesso Bruschi. Grazie a que- sto materiale siamo in grado di conoscere la storia e l’assetto dell’Orto perugino, ora non più visi- bile, in quanto esso fu in seguito spostato in altro sito (San Pietro), mentre l’area di Monte Morcino fu edificata e destinata a ospitare strutture universitarie.


2013 - Hortus Botanicus R. Archigymnasii Mutinensis al tempo di Giovanni de Brignoli di Brunnhoff (1817-1856). Atti Soc. Nat. Mat. Modena 143 (2012): 91-109. [Articolo su rivista]
Dallai, Daniele; Buldrini, Fabrizio; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Lim, G. M.; Vecchi, T.
abstract

In questo articolo si delineano la storia e la vita dell’Orto Botanico di Modena durante l’Ottocento, con speciale attenzione al periodo di direzione di Giovanni de Brignoli di Brunnhoff. La descrizione dell’Orto Botanico di allora traccia il punto di arrivo dell’evoluzione storica e culturale della bota- nica e della floricoltura di quel periodo e può porsi come punto di partenza per ricostruire le vicen- de che il giardino ha subito giungendo ai nostri tempi. Abstract


2013 - Il verde nei parchi archeologici e nei giardini storici: linee-guida dalle ricerche archeobotaniche [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola; Mazzanti, Marta
abstract

Il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica di Modena da tempo lavora nell’ambito delle ricostruzioni del pae- saggio vegetale attraverso le analisi archeobotaniche (semi/frutti, legni/carboni, polline, palinomorfi non pollinici - NPP, microcarboni). Recentemente i risultati ottenuti da questo tipo di analisi sono stati finalizzati alla progettazione di parchi archeo- logici e di giardini storici scomparsi. In alcuni casi si è arrivati alla fase applicativa completa (es. Parco Archeo- logico della Terramara di Montale) o parziale del progetto (es. Giardino delle Duchesse a Ferrara), mentre in altri casi è stata data l’indicazione circostanziata per il futuro progetto di sistemazione (es. Giardino della Farmacia dell’Ospedale Maggiore a Milano). Un caso di grande interesse è rappresentato dal sito archeologico “Novi Sad”, nelle immediate vicinanze del centro storico di Modena. In questo sito sono state trovate numerose testimonianze della storia della città, in par- ticolare per il periodo romano (insediamenti, attività produttive, aree funerarie, discariche,...). A tale sito, nello stesso luogo di rinvenimento, è stato dedicato un parco archeologico, il Novi Ark, la cui collocazione è una sorta di “vetrina” per la città anche dal punto di vista turistico. L’Archeobotanica è risultata fondamentale per l’inter- pretazione delle strutture rinvenute e per il loro inserimento in un adeguato arredo verde progettato sia in base alle analisi eseguite nel sito stesso, sia per confronto con i dati già disponibili per il periodo romano in Emilia Romagna, senza trascurare le fonti classiche. Nel territorio di Modena si possono poi citare altri due esempi sempre attinenti al periodo romano. Il primo riguarda la valorizzazione di un importante monumento funerario dedicato ad una donna, Vetilia, morta nel I sec. d.C. Dell’ara, conservata ai Musei Civici di Modena, è stata riprodotta una copia realizzata con i medesimi materiali lapidei dell’originale. La sua collocazione, in una rotatoria sulla via Emilia, poco distante dal punto del ritrovamento, ha richiesto un progetto per l’arredo verde, poi messo in opera, realizzato dal nostro Laboratorio te- nendo conto dei dati archeobotanici regionali, delle fonti ed anche delle esigenze della manutenzione dell’arredo verde in un contesto trafficato. Il secondo caso riguarda l’importante sito di Montegibbio (350 m s.l.m., Sassuolo - MO), nel quale è stata rinvenuta una villa romana di un certo pregio. Le analisi archeobotaniche hanno fornito una prima base di dati utili per il progetto, in fase di stesura, di un futuro parco che comprenda e valorizzi tutte le emergenze, naturalistiche e storico-archeologiche, dell’area. Come dimostra il caso del Parco di Montale (con migliaia di visitatori l’anno), questi contesti diffusi sul terri- torio creano un circolo virtuoso legato al turismo “intelligente”. La speranza è che questo meccanismo venga maggiormente potenziato e sostenuto sia a livello locale che nazionale, in virtù della consapevolezza (che ancora manca) che la nostra maggiore ricchezza è rappresentata dall’immenso patrimonio culturale e ambientale che l’Italia possiede.


2013 - Informazioni etnobotaniche dai reperti carpologici del pozzo: risultati di un saggio preliminare [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Risultati di un primo saggio del contenuto archeocarpologico di un pozzo nel contesto del centro storico di Sassari (Sardegna); informazioni su alimentazione e rapporto uomo-piante nella città durante il Medioevo (XIV sec. d.C.)


2013 - Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 6. Piante dinosauro? [Articolo su rivista]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Steffanini, C.; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide Orto Botanico di Modena continua nell’esposizione delle attività didattiche rivolte alle Scuole. In questo contributo viene preso in esame l’itinerario didattico dedicato alla Paleobota- nica e al libro “Le isole del tempo”.


2013 - L'Etnobotanica per la conservazione della natura e della cultura dei popoli [Capitolo/Saggio]
G., Caneva; G., Aliotta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; F., Camangi; V., Consoli; G., Forti; Mercuri, Anna Maria; G., Puppi; A., Ranfa; F., Taffetani; M., Tufano; P. M., Guarrera
abstract

Il contributo di Bosi, Mercuri e Bandini Mazzanti ha riguardato soprattutto i parchi archeologici (es. Parco della Terramara di Montale), in cui, attraverso la ricerca archeobotanica e l'applicazione di tecniche di archeologia sperimentale è possibile fare compiere percorsi educativi-informativi ad adulti e ragazzi su vari aspetti etnobotanici.


2013 - Le analisi polliniche [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Torri, Paola; Bosi, Giovanna
abstract

Analisi polliniche di campioni (del periodo romano imperiale) prelevati sotto al pavimento a mosaico dello spazio che metteva in comunicazione esterno ed interno della domus. Queste analisi forniscono elementi utili per individuare le specie ornamentali utilizzate negli ambiti verdi dell'edificio, per identificare alcune attività domestiche legate ai vegetali e per delineare il paesaggio circostante la villa.


2013 - L’Orto Botanico di Modena e il “Mese della scienza per ragazzi” [Articolo su rivista]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; W., Martinelli
abstract

Viene presentata l’iniziativa “Mese della Scienza per Ragazzi” promossa dalle Biblioteche del Comune di Modena. Il “Mese”, che si svolge da oltre un decennio fra ottobre e novembre, consiste in un ciclo di labora- tori, letture animate e spettacoli per divertirsi con la scienza, con l’obiettivo di avvicinare, anche lontano dai banchi di scuola giovani e giovanissimi alla scienza. Dal 2006 l’Orto Botanico partecipa alla progettazione e conduzione delle iniziative, insieme ad altri operatori dei Musei Scientifici Universitari Modenesi.


2013 - Materiali e fonti della ricerca etnobotanica [Capitolo/Saggio]
G., Aliotta; F., Avolio; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; I., Camarda; A., De Natale; A., Pollio
abstract

Il contributo di Bandini Mazzanti e Bosi riguarda il peso degli studi archeobotanici nella ricerca etnobotanica; prende in esame la ricerca delle fonti e le problematiche interpretative, analizzando poi una serie di casi-studio esemplificativi


2013 - Palinologia e Archeobotanica applicate allo studio del paesaggio mediterraneo: modellamenti e impatto antropico durante i cambiamenti ambientali dell’Olocene [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Torri, Paola; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Olmi, Linda; Florenzano, Assunta; Rinaldi, Rossella; Montecchi, Maria Chiara; Rattighieri, Eleonora; Benatti, Alessandra; Buldrini, Fabrizio; Fanetti, D.
abstract

La complessità odierna del paesaggio mediterraneo è il risultato di dinamiche di interazione ‘natura-cultura’ che ne hanno determinato e condizionato l’evoluzione. La ricerca interdisciplinare basata sull’integrazione di dati botanici, ecologici, geomorfologici e archeologici offre la possibilità di ottenere una conoscenza approfondita di tali interazioni, congiungendo l’osservazione dell’ambiente attuale a quella delle sue trasformazioni nel passato. La prospettiva diacronica olocenica attraversa le fasi più cruciali di tali trasformazioni, dalla creazione di spazi per coltivazioni e insediamenti, all’abbattimento di boschi e deviazione di corsi d’acqua, alla importazione di nuove culture e ampia diffusione di sinantropiche a marcare gli insediamenti umani (1,2,3). Palinologia e archeobotanica sono da anni al centro della ricerca del Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica di Modena. Il poster illustra i principali siti studiati nella penisola italiana e nelle isole, e una rassegna di articoli scientifici redatti in questi ultimi anni sul tema dell’applicazione di queste materie allo studio del modellamento del paesaggio mediterraneo, con particolare attenzione all’azione antropica. Dati archeobotanici (polline, NPPs, semi/frutti, legni/carboni) sono stati ottenuti da oltre 70 siti archeologici, mentre dati pollinici sono stati ricavati o sono in studio da 10 carotaggi (in ambiente terrestre e marino). Le analisi polliniche spesso mostrano significativi valori di indicatori antropici [sensu Behre (4)]. I primi agricoltori vivevano in insediamenti stabili circondati da un’area di influenza nella quale agire continuativamente su un’area limitata. Ma è dall’età del bronzo che le testimonianze della presenza di ambienti sviluppati grazie all’influenza antropica diventano chiaramente leggibili nella combinazione di polline di cereali e sinantropiche spontanee. In seguito, nei diagrammi pollinici crescono le curve degli alberi coltivabili/coltivati (Olea, Juglans, Castanea) (5). Alcuni recenti lavori di analisi su semi e frutti hanno mostrato la incontestabile validità dei reperti carpologici da sito archeologico per studi di tipo etnobotanico (6, 7, 8). Il confronto tra lo studio di siti archeologici (in-sito) e carote marine o continentali (extra-sito) permetterà nei prossimi anni di comprendere l’impatto dell’insediamento umano, per definizione locale, a livello regionale o su vaste aree.


2013 - Piante & Uomo: etno e archeobotanica in Europa [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Torri, Paola; Mercuri, Anna Maria; Rinaldi, Rossella; Florenzano, Assunta; Rattighieri, Eleonora; Olmi, Linda; Montecchi, Maria Chiara; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Buldrini, Fabrizio; Fanetti, D.; Benatti, Alessandra; Maritan, M.
abstract

A Modena esiste una lunga tradizione di ricerche archeobotaniche. Il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica nel 2012 ha festeggiato in tal senso venticinque anni di attività continuativa, anche se la sua fondatrice, Daria Bertolani Marchetti, avviò questo settore per l’Emilia Romagna già all’inizio degli anni ’60 con un lavoro legato a frequentazioni umane di circa 4000 anni dal presente sul Monte Cimone. Nell’ultimo decennio, oltre ad implementare l’esistente, si è cercato di stabilire contatti e rapporti di ricerca con diverse realtà italiane e straniere, per aumentare le competenze e le conoscenze anche nel campo specifico dell’et- nobotanica, disciplina che indaga in maniera privilegiata il rapporto, nel passato e nel presente, tra uomo e piante. Le nostre ricerche si sono quindi particolarmente indirizzate verso i campi d’indagine riguardanti agricoltura, alimentazione vegetale e in generale utilizzo da parte dell’uomo delle piante per vari scopi, dalla preistoria fino all’attuale. Il Progetto PaCE dell’Unione Europea (Plants and Culture: seeds of the Cultural Heritage of Europe – Culture programme 2007-2013, EACEA 09/2006) ha rappresentato una sorta di sintesi di questo nuovo indirizzo. Il progetto ha coinvolto 30 gruppi di ricerca provenienti da 12 paesi europei, portando la mostra trans-europea ad esso collegata in 28 diverse location e coinvolgendo oltre 300000 visitatori. A distanza di sei anni dalla sua prima esibizione, la mostra PaCE è ancora presente in alcune sedi quali università e musei in Grecia, Polonia e Turchia, e la sua versione virtuale è visitabile al sito: www.plants-culture.unimore.it/virtual_exhibition.htm


2013 - Seeds, fruits and charcoal from the Fewet compound [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Buldrini, Fabrizio
abstract

Research on plant macrofossils from Fewet has been carried out in a multi- disciplinary perspective to understand the land use and transformation that the Garamantes introduced in Fezzan, Central Sahara, at the time of their cultural development. The site of Fewet preserved a fairly abundant archaeobotanical record thanks to the fire events that reduced much of the plant material contained in several rooms to a charred state. The characteristic species of the archaeobotanical record of Fewet include: (a) culti- vated plants: the trees such as Phoenix dactylifera, and to a smaller extent Ficus carica, Vitis vinifera and Acacia nilotica subsp. nilotica; cereals such as Hordeum vulgare, Triticum aesti- vum/durum/turgidum and T. monococcum, and some Panicoideae (Pennisetum glaucum, and Sorghum bicolor); pulses such as Vigna unguiculata and Vicia species; some vegeta- bles and herbs such as Lagenaria siceraria and Apium graveolens; (b) wild woody plants such as Tamarix species, and wild grasses including Sorghum halepense and Setaria and Panicum species. Plant remains were particularly abundant in Room FW5 and, to a lesser extent, in FW6. Date palm and barley are the best represented plants in the archaeobo- tanical record and were the most characteristic crops cultivated by the Garamantes. They marked the landscape of the Fewet oasis and of the entire Fezzan at that time. Phoenix dactylifera; Hordeum vulgare; Tamarix.


2013 - THE TRANS-EUROPEAN EXHIBITION “PaCE – PLANTS AND CULTURE IN THE HISTORY OF EUROPE” [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Sadori, Laura; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; M., Giardini; A., Masi; Mazzanti, Marta; Olmi, Linda; Rinaldi, Rossella
abstract

The project PaCE-Plants and Culture: seeds of the Cultural Heritage of Europe (Culture Programme 2007-2013, EACEA 09/2006) has promoted and still promotes the green cultural heritage common to Europe. PaCE project was proposed with the main idea of creating an interdisciplinary cooperation on the scientific and humanistic cultural heritage of Europe; this was performed by contacting institutions of several countries, involving research centres and museums, searching for a wide international work group and a common interest which went beyond geographical and chronological frontiers. The net of PaCE consisted of 30 teams belonging to 12 countries. The main successful action of this project was the performance of the trans-European PaCE Exhibition, translated in 11 languages and exhibited in 28 locations in different countries. From September 2008 to today, the exhibition has been set in 10 European countries (Norway, Poland, Hungary, Romania, Bulgaria, Greece, Turkey, Italy, San Marino, Spain) and approximately at least 320,000 persons have visited it. Since the beginning of 2009 the virtual exhibition is available on the web (http://www.plants-culture.unimore.it). Different botanical cultures, which are part of the history of European countries, are represented. The project has valorised the relationships between plants and people as cultural markers, and has improved the knowledge on the evolution and the history of the green cultural heritage.


2012 - A marine/terrestrial integration for mid-late Holocene vegetation history and the development of the cultural landscape in the Po Valley as a result of human impact and climate change [Articolo su rivista]
Mercuri, Anna Maria; Mazzanti, Marta; Torri, Paola; L., Vigliotti; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Olmi, Linda; MASSAMBA N'SIALA, Isabella
abstract

Marine/terrestrial integration of pollen data contributes to the reconstruction of thetiming of climate-human forces that shaped cultural landscapes in the Italian peninsula. The paperfocuses on the relation between natural and human landscapes, and the development of the culturallandscape from the Bronze age to the Medieval and modern times. Two records were studiedwithin independent projects: the marine core RF93-30, central Adriatic, with a sediment sourcearea including the Po Valley, spans the last 7000 years; material from the Terramara di Montalethat was settled in the Po plain from approximately 3550 to 3200 cal B.P. The original chronologyof the marine core was developed by using the magnetic inclination of the secular variation recordand two 14C datings carried out on benthic and planktic foraminifera (at 527 and 599 cm of depth).Its pollen record shows a gradual irreversible trend towards increasing aridity since 5700 cal B.P.and, just after around 5100 cal B.P., Picea decline and Quercus ilex type increase marked less coolconditions. Human impact introduces rapid changes, as the decrease of silver fir, thinned by thereduction of precipitations and further cut before/at the early Bronze age, followed by the fall ofoaks. The latter started after around 3900 cal B.P., and became evident at around 3600 cal B.P.The gradual landscape openness and forest clearance correspond to the onset of Middle Bronzeage settlements in the Po Valley, and to the development of the cultural landscape in the region.The impact of terramaras includes wood management by coppicing, and patching of the territory inpastures and fields. Xeric environments (Cichorioideae), resulting from the continuative humanpressure, spread since the Recent Bronze age. In the multi-causal explanation for the decline ofterramaras event, we suggest that climate would have been less important in the decline than in theonset phases. The further human landscapes were mainly traced by the trends of Olea, Juglans and Castanea while modern times were marked by the findings of Zea mays


2012 - Analisi archeobiometriche e reperti carpologici: scopi e prospettive [Abstract in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola
abstract

L’Archeobiometria applicata ai reperti di semi/frutti nei siti archeologici ha note applicazioni storiche riguardanti i più importanti taxa di erbacee (cereali e legumi) e di legnose coltivate (vite e olivo), ai fini del riconoscimento specifico (o sottospecifico) e ai fini di percorrere le strade della domesticazione di queste importanti piante alimentari (es. Renfrew, 1968). Tali indagini sono ancora di attualità con vari affinamenti e l’uso di più moderne tecniche, che accostano spesso alle indagini biometriche quelle di genetica antica (es. Terral et al, 2004). Più recentemente, già negli anni ’80-90, l’Archeobiometria si è allargata a fruttiferi, in particolare Prunoideae (es. Pollmann et al., 2005; Depypere et al, 2007), e ad altre specie legnose ed erbacee del Nuovo e Nuovissimo Mondo (es. Lepofsky et al., 1998). Ancora più recentemente si assiste ad una convergenza di interessi e di metodi fra discipline apparentemente diverse, in realtà con numerosi punti di contatto. Infatti sul lato agronomico si è sviluppato il tema, attraverso analisi morfobiometriche e genetiche, della caratterizzazione degli ecotipi colturali a varia ampiezza geografica, per la ricerca di quelli dimenticati e per la valorizzazione delle antiche risorse vegetali che possono costituire un punto di forza per l’identità geo-colturale e per l’ecoturismo eno-gastronomico (es. Paris & Nerson, 2003; Laghetti & Hammer, 2007; Cox & Van der Veen, 2008). Da qui solo un passo porta all’archeobiometria dei reperti di piante coltivate/coltivabili soprattutto in periodo storico, dal Romano al Rinascimento/ inizio Evo Moderno, principalmente quando le parti conservabili sono importanti anche nella tipizzazione delle forme attuali (nell’ambito europeo, ma non solo, ne sono esempi gli endocarpi di Prunoidee, Olea e Cornus, i semi di Vitis, di Cucurbitacee, i semi/frutti di specie aromatico/condimentarie, ecc.). Lo scopo non è solo la caratterizzazione dei documenti di ecotipi colturali del passato, ma la ricerca del possibile tratto di unione fra archeoreperti e attuale. In ogni caso, le applicazioni nel settore carpologico della archeobiometria possono fornire svariate informazioni: dalla più scontata (ma non sempre facile) distinzione fra forma selvatica e forma coltivata, alla documentazione dell’avvenuto processo di domesticazione in particolare delle meno studiate “specie marginali”, alla progressione in senso cronologico di una stessa specie verso forme colturali “migliori” e/o “più uniformi” (Sadras, 2007), perfino per segnalare quel “luxury food” che sottolinea l’alto stato sociale dei fruitori. I limiti di questo tipo di ricerche sono, oggi come un tempo, da ricercare nello stato di conservazione dei reperti e nella disponibilità di un campione statisticamente valido: applicazioni di tipo biometrico in assenza di tali requisiti, se non in casi particolari, sono poco significative e, talora, possibile fonte di errore.


2012 - Analisi archeobiometriche e reperti carpologici: scopi e prospettive [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola
abstract

È presentata una panoramica dei lavori di Archeobiometria su reperti carpologici, lavori realizzati a Modena sulla base di ricerche che coprono un periodo ventennale. Si mettono in luce le molte potenzialità della materia dando alcune prospettive per un suo ulteriore sviluppo.


2012 - Archeobotanica, archeologia e fonti storico-iconografiche per il ripristino di “paesaggi urbani”: il Giardino delle Duchesse del Palazzo Ducale Estense di Ferrara alla fine del XV secolo. [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; C., Guarnieri; Mercuri, Anna Maria; R., Merlo; F., Scafuri; Torri, Paola
abstract

Il Giardino delle Duchesse a Ferrara, realizzato tra il 1473 ed il 1481 da Ercole I d’Este, veniva descritto come un luogo paradisiaco. Alla fine del ‘400 il giardino era caratterizzato da piante da frutto, ornamentali e siepi di bosso in figure geometriche. Agli inizi del ‘600 il giardino ospitava fruttiferi, cipressi, erbe medicinali, bosso scolpito, un pozzo marmoreo e un percorso pavimentato che suddivideva il giardino in quattro parti uguali. A partire dal ‘600 per il giardino cominciò un lento degrado e nel ‘700 non ne rimaneva che il ricordo. Nel contesto della volontà espressa dalle autorità comunali di valorizzazione del Giardino delle Duchesse, sono state svolte sia indagini archeologiche che indagini archeobotaniche. A tale scopo sono stati analizzati campioni pollinici e carpologici prelevati nel corso degli scavi archeologici del sito e campioni carpologici dal riempimento di una vasca di scarico del Palazzo Ducale, vicina e coeva alla fase iniziale del Giardino. Gli spettri pollinici presentano una buona ricchezza floristica e comprendono taxa arboreo/arbustivi riconducibili ad arredo verde e numerose erbacee con possibile utilizzo ornamentale. Un sostegno alle analisi polliniche viene da quelle carpologiche, in quanto diverse entità polliniche sono testimoniate anche da semi/frutti, talora da foglie. I dati archeobotanici, con l’aiuto delle fonti storiche ed iconografiche hanno reso possibile una più oggettiva ricostruzione del Giardino delle Duchesse.


2012 - Cucurbitaceae e archeobiometria [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

La famiglia delle Cucurbitaceae comprende vegetali di grande importanza in ambito alimentare, come cocomeri, meloni, cetrioli e zucche da vino. Nei depositi archeologici europei si trovano per lo più i semi delle piante sopra elencate, conosciute dai tempi classici, mentre la presenza di reperti di zucca (Cucurbita sp.pl.) assume il significato di marker archeologico, in quanto tutte le specie del genere hanno origine americana. I rilievi morfobiometrici, che affrontano problematiche diverse, relativi ai semi di Cucurbitaceae dei depositi archeologici da noi indagati, hanno fornito dettagli preziosi per una migliore comprensione degli aspetti etnobotanici dei vari contesti. Elementi distintivi tra i semi di melone (Cucumis melo) e di cetriolo (Cucumis sativus) - molti depositi dell’Emilia Romagna sono ricchi di semi che possono appartenere a questi due taxa. Grazie alle analisi morfobiometriche (riguardanti il disegno della parete cellulare, la presenza di “ali” e la posizione e forma dell’ilo – Frank & Stika, 1988) è stato possibile constatare la forte presenza del melone, rimasto poi nelle tradizioni colturali e gastronomiche della zona fino ai nostri giorni, e l’assenza per il momento di testimonianze di cetriolo. Qual è l’origine delle zucche da vino (Lagenaria siceraria) presenti nei depositi emiliano-romagnoli? – in Regione questi semi compaiono dal I sec. d.C. a Modena e continuano fino ai depositi medievali. In generale i reperti si presentano di colore giallo mai scuro, con auricole basali evidenti, una coppia di linee prominenti e il rapporto L/l > 2; questi elementi fanno propendere per le forme domesticate asiatiche del taxon e non per quelle africane (sensu Schlumbaum & Vandorpe, 2010). Indagini sulla comparsa della zucca (Cucurbita sp.pl.) in Emilia Romagna – i primi (e per ora unici) semi sono stati rinvenuti in una latrina di un monastero rinascimentale (prima metà XVI sec. d.C.) di Argenta (FE). Nonostante tutti gli esami morfobiometrici possibili, l’esiguo numero e il cattivo stato di conservazione dei reperti non hanno purtroppo permesso una determinazione specifica precisa. Cocomero (Citrullus lanatus) da polpa o da seme? - fuori dal contesto regionale, in un deposito basso medievale (XIV sec. d.C.) di Sassari sono stati rinvenuti diversi semi su cui sono state effettuate le misurazioni standard (L e l). I dati ottenuti sono stati confrontati con quelli di siti egiziani di periodo romano ed islamico (Cox & van der Veen, 2008). Le dimensioni dei nostri reperti farebbero propendere per varietà coltivate per consumare i semi come snack food, ma il fatto che essi siano privi di segni di rottura caratteristici di questa tipologia di consumo farebbe escludere l’ipotesi. La presenza nella vicina Corsica di ecotipi colturali quasi dimenticati della var. citroides (Laghetti & Hammer, 2007) indurrebbe ora a tentare la strada delle indagini di genetica antica per ottenere maggiori informazioni.


2012 - Dalla Collezione Archeocarpologica i ricordi della biodiversità del passato nell’area modenese: dati insoliti per il ripristino e la conservazione degli ambienti umidi. [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Benatti, Alessandra; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

La Collezione Archeocarpologica si è costituita grazie alle attività di ricerca in ambito archeobotanico del nostro Laboratorio. Copre un arco di tempo che va dall’Età del Bronzo al Rinascimento e, pur incentrata sull’Emilia Romagna, ospita reperti di varie provenienze italiane e non. E’ noto che gli studi archeobotanici sono determinanti per la ricostruzione del paesaggio e per il rapporto uomo-piante, ma lo sono altrettanto per studiare la biodiversità del passato e comprendere e salvaguardare la biodiversità attuale. In particolare le indagini carpologiche rappresentano il mezzo per colmare lo hiatus fino al XVIII sec., quando si sviluppano ricerche floristiche/raccolte di erbario; i semi/frutti, se ben conservati, sono di solito riconducibili a una specie, testimoniandone la pregressa esistenza in una area circoscritta. Un esempio applicativo riguarda l’area di Modena, da sempre caratterizzata da una forte presenza di ambienti umidi fin dall’età classica. Dall’esame di 110.000 reperti di piante di ambiente umido, afferenti a oltre 100 taxa, dal Periodo Romano al Medioevo, e dal confronto con il censimento della flora attuale nella stessa area, è emerso che 8 specie sono ora assenti, 8 sono citate nelle vecchie flore e non più ritrovate, mentre 21 sono presenti ma minacciate/rarefatte (es. Baldellia ranunculoides, Cicuta virosa, Cladium mariscus, Eleocharis acicularis, Radiola linoides). Tali dati, insieme alle ricostruzioni paleoambientali dei siti di rinvenimento, sono alla base della possibilità di effettuare sagge opere di conservazione, ripristino/reintroduzione in residue aree umide del modenese. La Collezione Archeocarpologica, un oggetto museale nato dalla ricerca, continua così a svolgere una importante funzione applicativa.


2012 - Dati archeobotanici e offerte votive dallo scavo [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Accorsi, Carla Alberta; Marchesini, Marco; Rinaldi, Rossella
abstract

The paper presents pollen and seed/fruit analyses carried out on the site Piazza Garibaldi of Parma (Emilia Romagna, Northern Italy), dated to the 4th - 3rd/2nd centuries BC, i.e. around the time of Roman foundation of this town. The site was probably a sacral area. Archaeobotanical samples were collected from two layers: L325 (pollen samples Pro1, Pro2, and carpological sample Cro1); L320 (Pro3, Cro2). Data are useful both for palaeoenvironmental reconstructions and to make hypotheses about the divinities to which plant votive offerings were offered. Around the site, oak woods and hygrophilous woods were not extended. The plant landscape was probably dominated by herbs, and human activities highly influenced environmental features. In fact, cultivations including cereals, legumes, hemp, with possibly chestnut tree and vinegrape among woody plants, and especially a number of medicinal/vegetables/spices plants characterized the archaeobotanical record. Ficus, Vitis and Pomoideae, together with a number of other fruits, cereals and wild anthropogenic plants were well represented. In particular, Papaver somniferum, Coriandrum sativum, together with Fragaria vesca, are peculiar in the carpological record, while pollen of entomophilous plants are common and sometimes abundant in the spectra. Altogether, they well correspond to votive offerings to several gods, and particularly some of them including opium poppy and cereals would have been offered to Demeter/Ceres, the goddess of crops and soil fertility.


2012 - Indagini archeobotaniche sui riempimenti delle buche da rifiuti e del pozzo nero di via Cavestro a Parma (X - XI sec. d.C.) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Pederzoli, Aurora; Torri, Paola; Florenzano, Assunta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Archaeobotanical analyses were carried out on pits and latrine, dated to the 10th – 11th centuries AD, from the site of Piazza Garibaldi. According to archaeological data, the site was a market square in Mediaeval times. Data from pollen and seeds/fruits were useful for both palaeoenvironmental and palaeoethnobotanical reconstruction, and together with NPPs including parasite remains contributed to add details on the function of the site. In the Middle Ages, cereal fields, together with legumes, grapevines and fruit trees to be grown in the area, together olive trees and Prunoideae. The analyses of plant and parasite remains in four pits and one latrine suggested that their infillings consisted of waste, human and animal excrements, deteriorated vegetable food and marcs. Human parasite eggs of Ascaris and Trichuris were found in the latrine, while parasites of animals were found also in the pits.


2012 - Indagini archeologiche sull’antico giardino dei semplici della Spezieria dell’Ospedale Maggiore di Milano [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Montecchi, Maria Chiara; Mazzanti, Marta; Galimberti, Paolo; Mills, John; Rottoli, Mauro
abstract

Archive documents record that the pharmacy was working since the beginning of hospital activity. In 1641 a garden to grow medical herbs was laid, and 18th and 19th century maps show the layout of the area. During these years a vast quantity of maiolica containers were purchased, and lists were compiled of the plants and relative treatments. In the first half of the 19th century domestic production was abandoned and the area became an ornamental garden. While aware that post-war reconstruction may have affected the area, was taken the decision to make a study of the garden in order to verify the cartographic and documentary evidence, as well as to search for traces of the original plants. This survey is a preliminary part of the project for the restoration of the garden, called «giardino dei semplici».


2012 - Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 5. Le imprese della clorofilla: il Laboratorio Fotosintesi. [Articolo su rivista]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Ronconi, Liliana; D., Dallari; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide Orto Botanico dell'Università di Modena continua nell'esposizione delle attività didattiche rivolte alle scuole. In questo contributo è preso in esame il Laboratorio dedicato alla fotosintesi clorofilliana.


2012 - La Xiloteca Storica dell’Orto Botanico di Modena. [Abstract in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; D., Di Falco; Bertoni, Daniele; Dallai, Daniele; Mazzanti, Marta
abstract

L’Orto Botanico di Modena possiede collezioni vegetali viventi e non viventi; tra queste ultime, la Xiloteca Storica presenta diversi spunti d’interesse e di possibile approfondimento, in ambito dendrocronologico, sistematico ed ecologico, oltre che collezionistico e museale. Lo spazio dedicato alla Xiloteca è situato nell’edificio storico dell’Orto e la struttura espositiva è costituita da quattro vetrine illuminate, costruite su misura per adattarsi allo spazio a disposizione. Nel 2011 è stato effettuato un intervento di restauro dei campioni e la revisione della catalogazione (sulla base dei cartellini), realizzando inoltre ex-novo l’archivio fotografico dell’intera collezione. La Xiloteca comprende 345 campioni, che si presentano per lo più come cilindri o rondelle (sezione trasversale) e come “libri”, uniti da cerniere metalliche (sezione longitudinale). Sono presenti anche campioni a “mattonella” e alcuni di diversa tipologia (come radici o fusti non legnosi). I campioni rappresentano 78 famiglie, tra le quali la più numerosa è quella delle Fabaceae, con 38 campioni, mentre il genere più frequente è Quercus (Fagaceae), con 18 campioni. I campioni provengono da raccolte effettuate ad hoc e da attività di scambio. Per circa un quarto dei campioni (25%) è ignota la provenienza, ma la maggior parte di essi (65%) proviene dagli Orti Botanici di Modena, Cagliari e Pisa; il 6% proviene dalla Somalia Italiana e i restanti dalla zona di Modena e da altre località italiane e straniere. Circa il 30% dei campioni non presenta una data di arrivo nella Xiloteca, ma per il 70% si ha un range che va dal 1890 al 1969. Il livello di conoscenza e collocazione museale della Xiloteca Storica era già di buon livello, ma i lavori di restauro e di revisione hanno permesso di creare una base solida dalla quale possono partire nuovi progetti per la valorizzazione di queste testimonianze di vita vegetale passata.


2012 - La coltura della reseda biondella: un primato nell’area di Mutina? [Relazione in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; Benatti, Alessandra; Mazzanti, Marta
abstract

Il sito romano del canale della ex Cassa di Risparmio di Modena rappresenta un unicum per l’Emilia Romagna per le informazioni archeobotaniche fornite su un territorio urbano. Il canale fu bonificato (15-40 d.C.) con anfore rovesciate e con apporto di grandi quantità di materiali, biologici e no, provenienti dall’area urbana/peri-urbana. Lo studio dei reperti carpologici ha fornito molte informazioni paletnobotaniche sulle attività dell’uomo (colture attuate, dieta vegetale, introduzione di specie esotiche,…). Questi dati hanno prodotto un quadro che si può ritenere rappresentativo per ricostruire l’ambiente di Mutina nel momento di massimo fulgore dell’Impero e della città. Tra le evidenze più significative emerge l’inusuale abbondanza (1625 semi) di Reseda luteola L., specie euroasiatica naturalizzata nell’area mediterranea e attualmente presente, ma rara, nei rudereti della pianura e collina modenese. La reseda in tutte le parti aeree, comprese infiorescenze e semi, produce flavonoidi, il più importante dei quali è la luteolina, pigmento molto stabile usato da tempi antichi per la colorazione di tessuti, come lana, lino e seta. Nei semi romani, per confronto con semi attuali commerciali e con metodi chimici routinari, non è stato possibile evidenziare se non minime tracce del pigmento, per il livello di degradazione delle strutture del seme, che ha lasciato visibile solo parte dello spettro della componente lipidica endospermica. R. luteola è la pianta classica per ottenere il colore giallo, come suggerisce la denominazione specifica, da luteus = giallo, nota anche nelle tradizioni etnobotaniche italiane. I Romani sembra che della reseda utilizzassero i semi, insieme con il fusto, per tingere gli indumenti nuziali e quelli delle Vestali. Durante il Medioevo la zona della Pianura Padana fu uno dei principali centri di produzione di diverse piante tintorie, tra cui la reseda; la sua coltivazione e commercio ebbero poi grande importanza in Italia e Francia durante il Rinascimento e oggi la reseda è di nuovo considerata a livello agronomico per la sempre maggior richiesta di coloranti naturali. L’abbondanza del ritrovamento, compatibile con le modalità di raccolta della pianta che deve avvenire alla maturazione dei frutti, quando il pigmento è più abbondante, suggerisce pratiche colturali attuate nell’area peri-urbana modenese e presumibilmente collegate all’economia di questa fiorente colonia romana. Infatti, nonostante Mutina sia spesso ricordata per le attività agricole e per la produzione ceramica, aveva anche come elementi forti della sua economia l'allevamento ovino e il settore tessile. Strabone ricorda che i luoghi intorno a Modena forniscono “una lana morbida e molto più bella di tutte” (Geographia V, 1, 12 - C 218) e Columella cita le pregiate pecore “che popolano i Campi Macri fra Parma e Modena” (Res rustica VII, 2,3), luogo vicino alla città dove si svolgeva una fiera annuale con un mercato bestiame famoso in tutta la penisola (Strabone, Geographia V, 1, 11 - C 217). Una conferma tangibile viene dal fatto che gli ovicaprini dominano il quadro dei reperti archeozoologici nel sito del canale bonificato. È da ricordare che nel IV sec. d.C. mutinensis diventa sinonimo di alcune qualità di lane e tessuti, e che lanarii e vestiarii sono spesso attestati nelle steli funerarie modenesi, testimonianza della grande diffusione di queste attività nel territorio. A titolo di esempio ricordiamo la stele modenese di Caius Purpurarius Nicephor (fine I sec. d.C.), conservata nel Lapidario di Modena: il purpurarius si occupava principalmente della tintura, dopo le fasi di sgrassatura e candeggio della lana. E alla reseda, che impartisce velocemente ai tessuti un colore giallo, che va dal dorato all’oliva a seconda del mordenzante utilizzato, possiamo accostare quanto si legge nell’Editto di Diocleziano (301 d.C.): “lana modenese,


2012 - Prima coltivazione di vite nei Colli Euganei? Dati archeobotanci ed archeometrici [Abstract in Atti di Convegno]
M., Maritan; Bosi, Giovanna; A., Miola
abstract

La coltivazione e domesticazione della vite è un argomento molto dibattuto in Italia (Forni, 2007; Mariotti Lippi e Mori Secci, 2007) e in tutta l’area mediterranea (Terral et al., 2010). Si ritiene che abbiano avuto inizio tra il VII e il IV millennio a.C. in un’area compresa tra il Mar Nero e l’Iran e che poi la vite sia stata diffusa dall’uomo nel resto dell’Oriente e in Europa centrale (ibidem). In Italia un primo areale di domesticazione è stato ipotizzato nell’Italia peninsulare (III-II millennio a.C.) e un secondo nella regione padano - veneta e nella parte della Toscana al margine settentrionale della penisola (I millennio a.C.) (Forni, 2007). Lo studio della coltivazione e domesticazione della vite si basa su dati provenienti da indagini archeologiche, fonti storiche, indagini archeobotaniche e recentemente anche da indagini di biologia molecolare. L’indagine archeobotanica si basa principalmente sullo studio dei vinaccioli. Il principale problema resta nella individuazione di metodi appropriati per la distinzione di varietà coltivate e selvatiche. Se sembra essere ancora problematica l’applicazione di tecniche di biologia molecolare (aDNA) ai reperti antichi (Manuen et al., 2003), Terral et al. (2010) hanno invece rivalutato i metodi archeometrici nello studio comparativo dei vinaccioli dei più importanti vitigni francesi e dei vinaccioli estratti in scavi archeologici in territorio francese. I dati archeobotanici provenienti dall’area veneta sono molto scarsi. Il nostro laboratorio ha avuto occasione di reperire vinaccioli in siti romani e preromani (Padova, Colli Euganei, Altino). In questo lavoro presentiamo i primi dati archeometrici emersi dallo studio di un elevato numero di vinaccioli dell’area archeologica di Montegrotto Terme (Colli Euganei, Padova). Il sito di via Neroniana frequentato sin dall’età del Bronzo, ha visto lo sviluppo di un importante insediamento romano imperiale e poi medievale. Dal riempimento naturale di una negativa del I a.C. – I d.C. (possibile canale di bonifica) sono stati estratti 51 vinaccioli, alcuni semi e polline di infestanti di coltivazioni ed anche polline di vite. Nell’insieme suggeriscono la presenza locale della vite e forse anche una sua coltivazione. Altri vinaccioli (1031) sono stati estratti da contesti antropici medievali che hanno rioccupato lo spazio dell’insediamento romano. Assieme a questi sono stati rinvenuti anche semi di piante infestanti. Le misure dei vinaccioli romani e di quelli medievali vengono confrontate tra loro e con le misure disponibili in letteratura di altri vinaccioli ritrovati nell’area veneta (Motella, 2002). I vinaccioli romani si distinguono da quelli medievali e sono simili a quelli preromani, riscontrati nella vicina Este. Questi elementi nell’insieme propongono la coltivazione della vite nei Colli Euganei nell’I a.C. – I d.C., finora mai documentata da reperti archeobotanici.


2012 - Testimonianze archeocarpologiche dallo spazio verde del Palazzo Vescovile di Modena (XII sec. d.C.) e confronto con la flora modenese attuale. [Articolo su rivista]
Benatti, Alessandra; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; D., Labate; F., Benassi; C., Santini; Mazzanti, Marta
abstract

The archaeological excavations in the Bishop’s Palace of Modena brought to light a canal (12th century AD) filled with plant material. Seeds and fruits, above all waterlogged and with a good state of preservation, are more than 50.000 and the floristic list include 156 taxa. Archaeobotanical analyses show that the canal was partly naturally, partly anthropically filled up, but it was rarely used as garbage and latrine waste. Probably the canal, rich of wet ground plants, was close to a kitchen garden and a little orchard, with fruits, vegetables, aromatics/medicinal plants and weeds and ornamental plants. The revision of the Flora of the Province of Modena allows us to compare past and present; many taxa found in the archaeobotanical record are today rare, disappeared and take cover in the hills of the Emilia Romagna.


2012 - The Significance of Intestinal Parasite Remains in Pollen Samples from Medieval Pits in the Piazza Garibaldi of Parma, Emilia Romagna, Northern Italy [Articolo su rivista]
Florenzano, Assunta; Mercuri, Anna Maria; Pederzoli, Aurora; Torri, Paola; Bosi, Giovanna; Olmi, Linda; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

This paper presents the study of parasite remains recovered in pollen samples collected from archaeological layers. Laboratory treatment enabled us to ob- tain very high concentrations of both pollen and parasite eggs from the same samples. The case study of the site of Piazza Garibaldi in Parma, a town in the Po plain, is reported. The site was a sacred area in Roman times and a market square in Medieval times (10th–11th century A.D.). Pollen, seeds, and fruits from the latter phase were collected from four Medieval pits and one cesspit. After a palynological treatment including sieving, floating, and light acetolysis, abundant quantities of parasite eggs were extracted. Human and animal parasite eggs belonging to Trichuris, Ascaris, Taenia/Echinococcus, Capillaria, Dicrocoelium, and Diphyllobothrium were found. The analyses of an- imal and plant remains identified in the same samples suggested that the pit infillings consisted of waste, human and animal excrements, deteriorated plant food, and refuse of grapes. Therefore, parasite remains help the inter- pretation of archaeobotanical data in identifying human behaviors and site functions.


2011 - Archaeobotany and Urban Sites: the case of Mutina (Modena - Northern Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; D., Labate; Mazzanti, Marta
abstract

The study of seeds/fruits in archaeological excavations in urban areas helps to outline the history of a city and provide informations for the reconstruction of urban land and for the process of urbanization during a certain period of time. Mutina (Modena - Emilia Romagna), “firmissimam et splendidissimam populi romani coloniam” (Cicerone, Philippicae, V, 24,26), founded in 183 BC, was an important city in Roman period to the military-strategic aspects and economic aspects, and therefore worthy of being studied from the point of archaeobotanical view. Carpological research were conducted on six sites, ranging from the Late Republican period and the Late Roman Empire: 1. Ex Cassa di Risparmio (15-40 AD) - reclaimed channel; 2. Palazzo Vaccari (III-VI AD) - domus; 3. Ex Capitol Cinema (II BC-IV AD) - domus; 4. Viale Amendola (II BC-post II AD) - water drainage system and forest; 5. Baggiovara (II BC-VI AD) - necropolis; 6. Cittanova (I BC-II AD) - sanctuary The Ex Cassa di Risparmio site - first Imperial age - brings the most obvious evidence of wealth and welfare of the city, including the availability of non-local products (Olea europaea, Dyospirus lotus, Prunus dulcis), non-fundamental products for subsistence as fruit (over 23 taxa), the cultivation of exotic arrived a short time (Prunus persica, Cucumis melo, Lagenaria siceraria, Morus nigra, ...) and ornamentals (Myrtus communis, Cupressus sempervirens, Platanus orientalis, Celtis australis, Juniperus communis, ...). The area features a large range of crops, including several related to textiles, dyeing and sheep breeding for wool, for which the city of Modena was historically famous (Linum bienne/usitatissimum, Reseda luteola, Cannabis sativa, Carthamus tinctorius, Dipsacus laciniatus, Rubia tinctorum). From the environmental/floristic point of view, in all sites emerge traces of wetlands, which have characterized the urban area until the early XX century, with the presence of species then disappeared from Modena and, in some cases, by whole Emilia Romagna region (Baldellia ranunculoides, Radiola linoides, Cladium mariscus, Cicuta virosa, Callitriche brutia, Leersia oryzoides,…), underlining the most biodiversity exists in the area compared to the current.


2011 - Archeobotanica, archeologia e fonti storico-iconografiche per il ripristino di “paesaggi urbani”: il Giardino delle Duchesse del Palazzo Ducale Estense di Ferrara alla fine del XV sec. d.C. [Altro]
Bosi, Giovanna; Merlo, R.; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola; Guarnieri, C.; Scafuri, F.; Mazzanti, Marta
abstract

Il Giardino delle Duchesse a Ferrara, realizzato tra il 1473 ed il 1481 da Ercole I d’Este, veniva descritto come un luogo paradisiaco, caratterizzato da piante da frutto, ornamentali e siepi di bosso in figure geometriche. A partire dal ‘600 per il giardino cominciò un lento degrado e nel ‘700 non ne rimaneva che il ricordo. Nella prospettiva di ricreare il giardino estense e di renderlo fruibile al pubblico, sono stati incrociati i risultati provenienti da diversi approcci di indagine (Bosi et al., 2006; Bosi et al, 2009; etc.): 1) scavi archeologici per identificare la planimetria del giardino stesso; 2) indagini archeobotaniche (palinologiche e carpologiche) su campioni di polline e di semi e frutti (datati alla fine del ‘400) prelevati nel sito stesso e nel riempimento di una vasca di scarico del Palazzo Ducale, prossima al Giardino; 3) indagini storico-archivistiche-architetturali; 4) confronto con gli studi fitoiconografici nel coevo Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia (Piccoli, 1989); 5) confronto con la lista floristica del più tardo “Erbario Estense” (Camus,1885). I risultati sono confluiti in una ricostruzione iconografica mediata che ha avuto come base più importante l’oggettività delle emergenze archeologico-architettoniche e dei dati botanici.


2011 - Autographotheca Botanica Horti R. Archygymnasii Mutinensis [Abstract in Rivista]
Barbieri, Giovanna; Bertoni, Daniele; Dallai, Daniele; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Nel 2010 nell'Orto Botanico di Modena è stata rinvenuta una cospicua raccolta di lettere autografe (oltre 700 databili tra la fine 1700 e prima metà 1800) a cura di Giovanni de Brignoli Brunnhoff. La lista dei corrispondenti è quasi di 200 autori, tra cui botanici/naturalisti illustri come Giorgio Gallesio, Giovanni Gussone, Filippo Parlatore, Filippo Re, Antonio Targioni Tozzetti, Michele Tenore,...., oltre che "cacciatori di piante", curatori di orti botanici,.... e anche tre donne, Clelia Durazzo Grimaldi, Candida Lena-Perpenti e Enrica Treves. Sono iniziati diversi approfondimenti su queste lettere che riportano importanti informazioni sia dal punto di vista della storia della botanica che di quella del nostro Paese.


2011 - Endocarpi di Prunus avium e Prunus cerasus da siti archeologici basso-medievali di Ferrara: identificazione ed analisi morfobiometrica [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; E., Santoro; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Lo studio dei semi/frutti nei siti archeologici è fonte di molte informazioni per chiarire le dinamiche dei nodi cruciali della domesticazione/introduzione di piante alimentari e dello sviluppo di landraces in un’area geografica (3,5). Le informazioni fornite da tali ricerche possono offrire un utile supporto per la caratterizzazione della vocazione agraria di una regione, per la valorizzazione del turismo eco-culturale, per le possibilità di riallacciare al passato antiche forme oggi ancora in coltura nel territorio, contribuendo a datare l’origine delle tradizioni colturali/ culturali di una regione. Il ciliegio dolce, nativo in Italia e presente già al romano in Emilia Romagna (4) con endocarpi indicativi della forma coltivata (5), e il ciliegio amaro, un’esotica documentata qui solo dall’Alto Medioevo (1), fanno parte delle nostre tradizioni colturali, come attesta l’abbondanza di endocarpi nei siti archeologici. Lo studio morfobiometrico di tali reperti, nella stessa area (Ferrara), ha lo scopo di caratterizzare queste forme colturali e di valutare eventuali modifiche che possano collegarsi a selezione e messa a coltura di landraces diverse. 2. Materiali e metodi Sono stati esaminati 511 endocarpi integri, non carbonizzati, provenienti da scarichi di rifiuti domestici nella Ferrara medievale: S1) Butti/latrina di un borgo nell’area del Castello Estense (fine XIII – fine XIV sec. d.C.); S2) Cisterna dello Specchio – vano in muratura di abitazione signorile (seconda metà XV sec. d.C.); S3) Vasca Ducale – vano in muratura della Casa d’Este (seconda metà XV sec. d.C.) Parametri considerati: Lunghezza, larghezza, spessore e rapporto L/l (forma endocarpo); Trattamenti statistici: varianza e test “t” di Student. Principali parametri morfologici considerati: suture dorsale e ventrale, ilo, parte distale. 3. Risultati e conclusioni Basandosi soprattutto sulla forma dell’ilo (Fig.1 e 2), i 511 endocarpi sono stati così ripartiti: P. avium: 266 (S1: 208; S2: 18; S3: 40) e P. cerasus: 245 (S1: 153; S2: 30; S3: 62). I dati biometrici più affidabili sono apparsi Lunghezza, larghezza e indice L/l, mentre lo spessore è più soggetto ad effetti di compressione causati dalla giacitura. Dal complesso dei dati, si può dire che: - per ambedue le specie non è evidente un aumento di taglia degli endocarpi collegabile alla cronologia (S1 è più vecchio di ca. un secolo di S2 e S3, tra loro ± coevi), ma per P. avium è manifesto un incremento rispetto a endocarpi di età romana (es. Canale Cassa di Risparmio, 15-40 d.C. – MO: L media su105 reperti = 7,2 mm) (4). - P. cerasus: presenta in S2 endocarpi significativamente più grandi e di forma più allungata rispetto agli altri due siti. Inoltre in S3 si evidenza una bassa variabilità dei dati morfobiometrici, che potrebbe indicare una forma colturale ben stabilizzata. La diversità degli endocarpi in S2 rispetto a S1 e S3, fa ipotizzare che nell’area ferrarese potessero essere in coltura almeno due forme diverse. - P. avium: le maggiori somiglianze si hanno tra gli endocarpi dei siti S1 e S2, mentre si discosta il sito S3, per gli endocarpi significativamente di taglia più piccola. Altro carattere di questi ultimi è l’assoluta dominanza di suture ventrali piatte, tipica delle forme coltivate, ma con carene poco evidenti e molto arrotondate. Anche per P. avium è quindi possibile pensare alla coltura di due forme diverse, una delle quali peculiare di S3. Alla luce del quadro globale dell’assemblaggio e del tipo di deposito, le piccole ciliegie dolci del sito S3 - Vasca Ducale, meritano un commento. Questo immondezzaio è un unicum in Europa poiché rende testimonianza di quanto giungeva sulle tavole di una delle più grandi Signorie del tempo. I reperti di varie specie di frutta della Vasca Ducale (es. melone, melograno, nespole) sono di taglia maggiore (10-20%) rispetto a quelli di siti co


2011 - Flax and weld: archaeobotanical records from Mutina (Emilia Romagna, Northern Italy), dated to the Imperial Age, first half 1st century A.D. [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

In the city centre of Modena (Emilia Romagna, Northern Italy) a noteworthy amount of carpological remains attributable to flax and weld came to light dated to the Imperial Age (first half 1st century A.D.). Flax remains, i.e. capsules and extremely small seeds, suggest the pre- sence of either immature seeds and fruits of cultivated flax (Linum usitatissimum L.) or of a wild flax species (Linum bienne Mill.). The quantity of these remains along with the co-presence of seeds of Reseda luteola, an important dye plant, leads to the hypothesis of the cultivation of both flax and weld for textile manufacturing purposes, which are attested as important in the economy of the Roman period.


2011 - I semi/frutti tra l'Età del Ferro e il Periodo Tardoantico [Capitolo/Saggio]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Nel corso di lavori edili a Baggiovara (Modena) tra via Giardini e via Stradello Buracchione sono venute alla luce importanti strutture archeologiche, datate archeologicamente tra l’Età del Ferro e il Periodo tardo-antico. Sul sito insisteva un insediamento della Seconda Età del Ferro, a carattere mononucleare e di breve durata (Losi, infra), seguito da insediamenti di Età Romana che si prolungano al Periodo tardo-antico. Questi ultimi hanno il carattere di centro rurale fondato sulla piccola e media proprietà con modesti impianti produttivi (Losi et al., infra). Nello stesso sito è stata portata alla luce anche una necropoli ad inumazione, datata probabilmente intorno al VI sec. d.C. (Palazzini, infra). Nel corso degli scavi sono stati prelevati campioni per analisi archeocarpologiche, associati a varie tipologie di strutture (fossa di capanna, buche di palo, aree combuste, tombe, ecc.). Lo studio dei semi/frutti nei siti archeologici ha grandi potenzialità nelle risposte che può fornire, che spaziano dalla comprensione della tafonomia dei depositi che li contengono, ad informazioni sulle colture attuate nell’area, sulla dieta umana e/o degli animali domestici, sul livello socio-economico dell’insediamento, sui riti legati alla sfera esoterica ed infine sulla flora e sull’ambiente vegetale circostante il sito (es. Bandini Mazzanti et al., 2005a; Hastorf, 1999; Hastorf, Popper, 1989; Pearsall, 2008). Maggiori e più puntuali indicazioni sono di solito legate alla quantità di reperti rinvenuti e al loro stato di conservazione, ma talora anche relativamente scarsi ritrovamenti di macroreperti botanici possono essere informativi in merito a particolari situazioni, ad es. come accade nel caso di quelli associati a depositi rituali (es. Rovira, Chabal, 2008) o a riempimenti di contenitori (es. Bandini Mazzanti et al., 2006), che possono informare sulla destinazione di questi ultimi. In questo contributo vengono presentati i primi risultati ottenuti da un saggio di campioni compresi nell’intero arco cronologico del sito, per ottenere informazioni in particolare sulle colture attuate nell’area, ma anche su aspetti legati alla sfera rituale.


2011 - Il mirto in Sardegna tra passato e presente: testimonianze carpologiche dal Medioevo di Sassari ed etnobotanica [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; Notardonato, G.; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

L’analisi carpologica di un saggio dal pozzo medievale (XIV sec. d.C.) nel centro storico di Sassari (via Satta), ha restituito circa 60.000 reperti, attribuibili a più di 80 taxa, soprattutto piante coltivate/coltivabili o raccolte dallo spontaneo per usi antropici. Una presenza di rilievo è quella del mirto (Myrtus communis L.), con circa 4000 semi/8 litri (33% dei reperti, esclusi fico e vite). Il mirto è molto diffuso in Sardegna: viaggiando negli anni ’20 nelle zone di Nurra e dell’Asinara, Domenech riportava di “sardi che vivono sugli alberi, principalmente di mirto, il cui spesso fogliame serve di tetto”. Ricca è la presenza del mirto nelle tradizioni etnobotaniche sarde (vedi fonti citate nella bibliografia di riferimento): in cucina le bacche sono utilizzate per preparare marmellate, le foglie per aromatizzare le carni e i rametti fioriti l'acquavite. Le proprietà di questa pianta sono riconosciute in diverse farmacopee, ma alcune applicazioni sono tipiche del territorio sardo e talora corso. Il distillato della pianta intera è usato per bronchiti, diarree, emorroidi e atonia digestiva. Il distillato delle foglie ha azione astringente, balsamica, stomachica e diuretica; l’infusione è utile contro il catarro; il decotto contro bronchiti ed asma. Nelle diarree e nelle infezioni intestinali di uomo e animali si usa il decotto di giovani getti fogliosi freschi. Negli arrossamenti di neonati e bambini ("iscardiduras") e per combattere l'eccessiva sudorazione dei piedi, si applica la polvere di foglie; a scopo espettorante si consuma lo sciroppo con foglie essiccate, a scopo digestivo e antinfluenzale il vino medicinale di bacche, preparato per macerazione in vino rosso e poi filtrato. Le foglie erano impiegate nella concia delle pelli per dare il colore giallo chiaro agli zaini ("sas tascas") o per la tintura nera dei capelli, e ancora oggi sono in uso come integratore alimentare per il bestiame. Sicuramente il prodotto più importante legato al mirto è l’omonimo liquore digestivo: si prepara con le bacche (talora anche le foglie), raccolte in novembre-dicembre, in macerato alcolico. In una Flora sarda della metà del 1800 è riportato il vinum myrtites e si fa risalire allo stesso periodo la nascita e la diffusione del liquore, con la ricetta tramandata in ambito familiare. Ma la notevole quantità di semi di mirto rinvenuti in questo contesto archeologico medievale rimanda ad un massiccio refuso risultante probabilmente da pratiche di macerazione delle bacche, facendo avanzare l’ipotesi che il liquore abbia una tradizione molto antica. Ulteriori analisi (es. a-DNA) potranno contribuire ad una lettura più accurata del passato, radicando in tempi lontani usi e tradizioni giunte fino ai nostri giorni.


2011 - Informazioni etnobotaniche dai rifiuti della Ferrara medievale-rinascimentale [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

Questo lavoro presenta una sintesi delle “piante utili” evidenziate dalle ricerche archeobotaniche nei siti urbani di Ferrara datati tra la fine del XIII e il XV secolo d. C. e i depositi interessati sono immondezzai e discariche sia all’aperto che in strutture in muratura (Bandini Mazzanti et al., 2005, 2006, 2009; Bosi, 2000; Bosi, Bandini Mazzanti, 2006; Bosi et al., 2006, 2009a, 2009b e dati non pubblicati). La spazzatura domestica è importante per ricostruire le abitudini alimentari e le pratiche riguardanti i vegetali sia coltivati che spontanei ma raccolti e utilizzati dall’uomo per vari usi; infatti molte delle piante ritrovate hanno utilizzi alimentari/officinali documentati sia da fonti storico-letterarie che etnobotaniche.


2011 - La coltura della reseda: un primato nell'area di Mutina? [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Il sito romano del canale della ex Cassa di Risparmio di Modena rappresenta un unicum per l’Emilia Romagna per le informazioni archeobotaniche fornite su un territorio urbano. Il canale fu bonificato (15-40 d.C.) con anfore rovesciate e con apporto di grandi quantità di materiali, biologici e no, provenienti dall’area urbana/peri-urbana (LABATE & MALNATI, 1988). Lo studio dei reperti carpologici ha fornito molte informazioni paletnobotaniche sulle attività dell’uomo (colture attuate, dieta vegetale, introduzione di specie esotiche,…). Questi dati hanno prodotto un quadro che si può ritenere rappresentativo per ricostruire l’ambiente di Mutina nel momento di massimo fulgore dell’Impero e della città (RINALDI, 2011). Tra le evidenze più significative emerge l’inusuale abbondanza (1625 semi) di Reseda luteola L., specie euroasiatica naturalizzata nell’area mediterranea (PIGNATTI, 1982) e attualmente presente, ma rara, nei rudereti della pianura e collina modenese (ALESSANDRINI et al., 2010). La reseda in tutte le parti aeree, comprese infiorescenze e semi, produce flavonoidi, il più importante dei quali è la luteolina, pigmento molto stabile usato da tempi antichi per la colorazione di tessuti, come lana, lino e seta (ANGELINI et al., 2003). Nei semi romani, per confronto con semi attuali commerciali e con metodi chimici routinari, non è stato possibile evidenziare se non minime tracce del pigmento, per il livello di degradazione delle strutture del seme, che ha lasciato visibile solo parte dello spettro della componente lipidica endospermica (MUCCI, in litteris). R. luteola è la pianta classica per ottenere il colore giallo (LUNDBORG, 1983), come suggerisce la denominazione specifica, da luteus = giallo (ANDRÈ, 1985), nota anche nelle tradizioni etnobotaniche italiane (GUARRERA, 2006). I Romani sembra che della reseda utilizzassero i semi, insieme con il fusto, per tingere gli indumenti nuziali e quelli delle Vestali (BRUNELLO, 1968). Durante il Medioevo la zona della Pianura Padana fu uno dei principali centri di produzione di diverse piante tintorie, tra cui la reseda (ROSTEAU, 1997); la sua coltivazione e commercio ebbero poi grande importanza in Italia e Francia durante il Rinascimento e oggi la reseda è di nuovo considerata a livello agronomico per la sempre maggior richiesta di coloranti naturali (ANGELINI et al., 2003). L’abbondanza del ritrovamento, compatibile con le modalità di raccolta della pianta che deve avvenire alla maturazione dei frutti, quando il pigmento è più abbondante, suggerisce pratiche colturali attuate nell’area peri-urbana modenese e presumibilmente collegate all’economia di questa fiorente colonia romana. Infatti, nonostante Mutina sia spesso ricordata per le attività agricole e per la produzione ceramica, aveva anche come elementi forti della sua economia l'allevamento ovino e il settore tessile. Strabone ricorda che i luoghi intorno a Modena forniscono “una lana morbida e molto più bella di tutte” (Geographia V, 1, 12 - C 218) e Columella cita le pregiate pecore “che popolano i Campi Macri fra Parma e Modena” (Res rustica VII, 2,3), luogo vicino alla città dove si svolgeva una fiera annuale con un mercato bestiame famoso in tutta la penisola (Strabone, Geographia V, 1, 11 - C 217). Una conferma tangibile viene dal fatto che gli ovicaprini dominano il quadro dei reperti archeozoologici nel sito del canale bonificato (DE GROSSI MAZZORIN, 1988). È da ricordare che nel IV sec. d.C. mutinensis diventa sinonimo di alcune qualità di lane e tessuti, e che lanarii e vestiarii sono spesso attestati nelle steli funerarie modenesi, testimonianza della grande diffusione di queste attività nel territorio (CALZOLARI, 2008). A titolo di esempio ricordiamo la stele modenese di Caius Purpurarius Nicephor (fine I sec. d.C.), conservata nel Lapidario di Modena: il purpurarius si occupava principalmente della tintura, dopo le fasi di sgrassatura e candeggio della l


2011 - Les îles du temps: la forêt au temps du dinosaures. , Paris. ISBN/EAN 978-2-7465-0576-6/9782746505766 (translator: Sophie Lem). [Monografia/Trattato scientifico]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Merlo, R.
abstract

Nous voilà partis pour un voyage fantastique dans le monde préhistorique ! Le fameux botaniste Jacynthe Salsepareille, embarqué dans un voyage d’exploration autour du monde, s’échoue avec son équipage, dans une curieuse île dont il ne connaissait pas l’existence. Et voilà que cette île renferme des plantes sidérantes, et ne voilà-t-il pas des dinosaures ? Mais où le bateau du professeur Salsepareille a-t-il échoué ?Une aventure amusante et captivante, complétée par des planches scientifiques précises et magnifiques des plantes aujourd’hui disparues, mais aussi de celles que nous connaissons encore aujourd’hui…Vous saurez tout des différentes espèces végétales préhistoriques, de la conquête de la terre ferme à l’apparition des plantes à fleurs, de l’évolution des mécanismes de reproduction depuis l’apparition des spores jusqu’à celle de la graine…


2011 - L’Orto Botanico di Modena e il “Mese della Scienza per Ragazzi” [Abstract in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Martinelli, W.
abstract

Viene presentata l’iniziativa “Mese della Scienza per Ragazzi” promossa dalle Biblioteche del Comune di Modena. Il “Mese”, che si svolge da oltre un decennio fra ottobre e novembre, consiste in un ciclo di laboratori, letture animate e spettacoli per divertirsi con la scienza, con l’obiettivo di avvicinare, anche lontano dai banchi di scuola giovani e giovanissimi alla scienza. Dal 2006 l’Orto Botanico partecipa alla progettazione e conduzione delle iniziative, insieme ad altri operatori dei Musei Scientifici Universitari Modenesi.


2011 - Plant micro-and macroremains from urban roman context of Northern and Central Italy [Abstract in Atti di Convegno]
L., Sadori; Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; M., Giardini; A., Masi; Mazzanti, Marta; Rinaldi, Rossella; C., Pepe; D., Sabato
abstract

In Italy, archaeobotanical research from urban contexts dated to the Roman period, if compared with results from other areas under the influence of Romans, is rather scanty. Available analytical data suggest that the landscape of Rome during the Imperial period in the area of the Seven Hills kept natural conditions. Archaeological levels rich in charcoal interpreted as traces of a fire, probably the Nero’s one (64 AD) were found in the founding of Tabernae belonging to Domus Tiberiana, facing via Nova, at the foot of Palatine hill. Charcoals belong both to native and imported trees. Recent archaeological excavations brought to light seedbeds (dating back to the 1st century AD) of the garden of Horti Luculliani. Pollen suggested an open natural environment, where deciduous and evergreen arboreal elements were accompanied by spontaneous herbs. Romans used also exotic trees like palms as decoration elements of important monuments like the mausoleum of Antinous at Villa Hadriana near Tivoli. Near Rome, the town of Portus arose and developed together with the imperial harbour. Two sediment cores taken in the area indicate that since the 1st century AD a typical Mediterranean coastal environment was present, with coexistence of deciduous and evergreen elements. Clear signs of increasing human presence linked to the expansion of the town are evidenced by both pollen and seeds/fruits since the 3rd cent. AD. In the Emilia Romagna region, the archaeobotanical analyses of two towns permitted to explore palaeo-environmental and ethnobotanical features of colonies located more northern in the Italian peninsula. At the time of its foundation, around the 3rd century BC, Parma, hosted a sacred area in the place that today is the central square of Piazza Garibaldi. Votive plant offerings were recorded. The association of opium poppy seeds and cereal pollen suggested that the area was mainly dedicated to Ceres, the goddess of crops and soil fertility. Mutina, today Modena, was founded in 183 BC and became soon a strategic center of economic relevance. The seeds and fruits from six sites showed a rich biodiversity (454 taxa) especially including records from wetlands and human environments. A significant amount of seeds of Linum bienne/usitatissimum and Reseda luteola was interpreted as an evidence of the long-time tradition of textile industry carried out in this area.


2011 - Primi vegetali americani nel paesaggio agrario emiliano-romagnolo: intrusi alieni o piuttosto il rinnovamento di consolidate tradizioni colturali/culturali? [Altro]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Rinaldi, Rossella; Guarnieri, C.; Mazzanti, Marta
abstract

Nel quadro delle indagini archeocarpologiche in Emilia Romagna, quelle nel territorio ferrarese, che hanno comportato l’esame di alcuni milioni di semi/frutti e l’identificazione di oltre 400 specie, sono state fondamentali per mettere in luce l’origine delle tradizioni colturali/ gastronomiche/ culturali di questa area. Lagenaria siceraria, ritrovata per la prima volta nella regione a Modena in un sito romano datato al 15-40 d.C. (Rinaldi, 2010), è la nota zucca da vino, “cucurbita” per i Romani, con origine africana (Zimbabwe - Decker-Walters et al., 2004), ma domesticata per la prima volta in Asia, presumibilmente in Cina (Erickson et al., 2005). I semi romani sono di colore giallo, con auricole basali evidenti, coppia di linee prominenti e Lunghezza/larghezza >o ± 2, quindi probabilmente da forme domesticate asiatiche (Erickson et al., 2005). Ma è nei siti archeologici medievali dell’area ferrarese che questi reperti, a partire dal IX sec., hanno diffusione ubiquitaria, in armonia con le tradizioni dell’area. Nel sito di Argenta (FE), datato al 1275-1325 d.C., i semi di Lagenaria sono particolarmente numerosi e accompagnati da resti di “bucce”. Curiosamente ad Argenta appartengono anche i primi semi dell’americana Cucurbita, 2 reperti rinvenuti nella latrina, datata alla I metà del XVI sec., dell’antico Monastero di Santa Cristina e, per la conservazione imperfetta, attribuiti al tipo carpologico C. pepo/moschata. Essi sono forse il documento di coltivazioni di avanguardia negli orti del monastero? Nessun dubbio che tale rinvenimento ad Argenta sia testimonianza di pianta aliena dal punto di vista botanico, tuttavia esso appare inserirsi perfettamente, come analogo moderno, sulla scia di consolidate tradizioni locali.


2011 - Seeds/fruits, pollen and parasite remains as evidence of site function: Piazza Garibaldi - Parma (N Italy) in Roman and Mediaeval times [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Florenzano, Assunta; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Pederzoli, Aurora; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Mercuri, Anna Maria
abstract

Archaeobotanical analyses were carried out on layers from the site of Piazza Garibaldi in Parma, a town located in the plain of Emilia Romagna, in northern Italy. The layers dated to the 3rde2nd centuries BC, around the time of the foundation of the Roman town, and to the 10the11th centuries AD. According to archaeological data, the site was a sacred area in Roman times, while it was a market square in Mediaeval times. Data from pollen and seeds/fruits were useful for both palaeoenvironmental and palae- oethnobotanical reconstructions, and together with NPPs including parasite remains contributed to add details on the function of the site in the different chronological phases.Since Roman times, woods have grown far from the site, and human activities highly influenced the landscape. Cereals, legumes and hemp were cultivated together with figs, grapevines, and a number of medicinal, vegetables and spice plants. Altogether, data confirmed the presence of votive offerings, and particularly the association of opium poppy and cereals suggested that they were mainly offered to Ceres, the goddess of crops and soil fertility.In the Middle Ages, cereal fields, together with legumes, grapevines and fruit trees continued to be grown in the area, but olive trees and Prunoideae revealed a different arboricultural economy. The analyses of plant and parasite remains in four pits and one latrine suggested that their infillings consisted of waste, human and animal excrements, deteriorated vegetable food and marcs. Human parasite eggs of Ascaris and Trichuris were found in the latrine, while parasites of animals were found also in the pits.The interpretation of archaeobotanical data was so tightly linked to the archaeological context that similar spectra must be differently interpreted in the two chronological phases.


2011 - Un tesoro ritrovato: Autographoteca Botanica Horti R. Archygymnasii Mutinenis [Abstract in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bertoni, Daniele; Dallai, Daniele; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna
abstract

Durante la sistemazione di locali nella palazzina dell’Orto Botanico di Modena, è stata rinvenuta una raccolta di lettere autografe, datate tra la fine del 1700 e la I metà del 1800. La collezione è accompagnata da un catalogo a firma di Giovanni de Brignoli di Brunnhoff: “Catalogus Epistolarum clarorum Botanicorum, Hortulanorum et Phytophylorum quas Joannes de Brignoli a Brunnhoff dono concedit Horto R. Botanico Mutinensi ut Initium constituante Autographothecae ibi instruendae Anno 1847”. Le lettere, in ottimo stato, sono ripartite in cartelline per Autore in ordine alfabetico e radunate in 5 pacchi. La collezione, sottoposta a controllo, risulta costituita da 733 lettere rispetto alle 750 dichiarate nel catalogo originale. L’epistolario comprende 193 autori, con numero di lettere variabile, da 1 a 49 per “Bertoloni (Antonius) Eques, Professor Botanicus emeritus Bononiensis; auctor Florae Italicae”. La raccolta è l’esempio inedito di una rete internazionale di scambio di conoscenze che si sviluppa nell’arco di ca. 50 anni e che comprende accademici, curatori/progettisti di giardini, cacciatori di piante e fitofili, tra cui 3 donne. Infatti se gli stati rappresentati per nascita sono 21, quasi tutti europei, il numero dei paesi dove si è svolta una parte significativa del lavoro di tali botanici s.l. è più ampio e comprende Africa (es. Egitto, Algeria, Sudafrica), Asia (es. India, Giappone, Siberia), Sudamerica (es. Brasile, Cuba), e, per taluni, il “mondo”. Fra i personaggi, molti dei quali politicamente impegnati sulle più varie posizioni, citiamo: C.A. Agardh, A. Bunge, A.L. De Candolle, M. Colmeiro, G. Gallesio, J.S. Henslow, G. Jan, J. Lamouroux, C.F. Martius, C.G. Nees von Esenbeck, G. Passerini, J. F. Schouw , M. Szubert, C.P. Thunberg, F. Unger, N. Wallich.


2010 - Ambiente ed economia nelle terramare: ricerche archeobotaniche nel modenese e nel bolognese [Poster]
Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; L., Forlani; M., Marchesini; S., Marvelli; Torri, Paola
abstract

Circa una decina di siti dell'Età del Bronzo, distribuiti nel modenese e nel bolognese, sono già stati indagati o sono in fase di studio dal punto di vista archeobotanico. Questa ricerca ha reso possibile contribuire sotto molti aspetti alla ricostruzione del paesaggio culturale e della economia dei diversi siti, arricchita di informazioni di tipo naturalistico-biologico di dettaglio emersi dall’esame diretto dei reperti botanici macroscopici e microscopici portati alla luce durante gli scavi. Risultati migliori per completezza e attendibilità sono stati raggiunti là dove è stato possibile condurre in parallelo analisi quali-quantitative su varie tipologie di reperti, in particolare analisi palinologiche, microantracologiche, carpologiche e xilo-antracologiche. Ognuna di esse, infatti, rappresenta una insostituibile fonte di informazioni di simile valore “scientifico”, ma di diverso significato ai fini della ricostruzione del paesaggio e delle attività dell’uomo. L’analisi pollinica comparata di profili on-site e out-site ha reso possibile, ad esempio, evidenziare alcune trasformazioni dovute ad effetti climatici da altre legate principalmente all’impatto antropico sul manto vegetale. Il complesso delle analisi ha consentito, tra l’altro, di inquadrare i siti dal punto di vista climatico-vegetazionale, di valutare il peso delle attività antropiche sul territorio (ad esempio, l’estensione dei campi a cereali), di avere un quadro delle specie messe a cultura e delle spontanee curate/mantenute dall’uomo. I macroresti hanno in particolare messo in evidenza gli scopi di tali pratiche, tra i quali preminente è quello alimentare, visibile ad esempio nello stoccaggio dei cereali, e poi ancora l’utilizzo/lavorazione del legno, la scelta dei legnami da lavorare e di quelli da utilizzare come combustibile, a fini sia domestico-tecnologici sia rituali. La qualità delle ricostruzioni, oltre alla valenza scientifica, ha mostrato una grande importanza ai fini della divulgazione educativa consentendo ad esempio di ricreare per immagini e per ambientazioni la “realtà botanica” del sito di Montale.


2010 - Archaeobotany and history of the local flora: the case of 12th century AD archaeobotanical records from the Bishop's Palace of Modena (Emilia Romagna, Italy) [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; D., Labate; C., Santini; Mazzanti, Marta
abstract

\


2010 - Archaeobotany and the history of local flora: the case of archaeobotanical records (12th cent. AD) from the Bishop's Palace of Modena (Emilia Romagna, Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; L., Labate; C., Santini; Barbieri, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

\


2010 - Archaeobotany, historical and iconographical sources, from Roman to Medieval age to reconstruct the diffusion of Prunus persica in Italy [Abstract in Atti di Convegno]
Sadori, Laura; E., Allevato; Bosi, Giovanna; G., Caneva; E., Castiglioni; A., Celant; G., Di Pasquale; M., Giardini; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Rinaldi, Rossella; M., Rottoli; F., Susanna
abstract

\


2010 - Cultural landscape and human impact in circum-mediterranean countries: the multidisciplinary archaeobotanical research of the PICAR project [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; L., Sadori; A., Miola; C., Colacino; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; M., Giardini; M., Iberite; B., Gaudioso; M., Maritan; D., Roubis
abstract

\


2010 - Cultural landscape and human impact reconstruction by an archaeobotanical-biological approach [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Torri, Paola; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Olmi, Linda; Montecchi, Maria Chiara; Rinaldi, Rossella; Gianassi, Elisa; Buldrini, Fabrizio; Florenzano, Assunta; M., Guerzoni
abstract

The project PICAR (Cultural landscaPe and human Impact in Circum-mediterranean countries: multidisciplinary Archaeobotanical research for environmental, phylogeographic, climatic and virtual Reconstructions; Programmi di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale 2008FJCEF4 - Italy) focuses on cultural landscape reconstructions and on the recognition of plants related to anthropic presence or activities in a territory (collected or cultivated economic plants; useful, including those that are currently neglected, plants; wild synanthropic plants). The focus is on the knowledge of the general response of environmental dynamics to human impact in the past, and on how different environments changed under the pressure of different civilizations. This communication will report some examples of the multidisciplinary archaeobotanical studies that the research team of the laboratory of Modena has carried out in the last years, mainly dealing with contexts from Italian archaeological sites. Pollen and macroremains analyses were and are commonly integrated with archaeological data. This methodology allows comparisons between different times and geographical areas giving new hints to human landscape reconstructions, by comparing in which way humans exploited plant resources in their territories, adapting them to the changing environment under the changing Holocene climate, and by transforming soils and vegetation according to their cultural needs.


2010 - Dal Pinetum di Moncioni alla Carpoteca Storica dell'Orto Botanico di Modena: le testimonianze di una collezione vivente di biodiversità ante-litteram [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; S., Fregni; Barbieri, Giovanna; Bertoni, Daniele; Dallai, Daniele
abstract

\


2010 - Educational Activities proposed for tha trans-european exhibition "PaCE - Plants and Culture in the History of Europe" [Relazione in Atti di Convegno]
Olmi, Linda; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Florenzano, Assunta; Buldrini, Fabrizio; Montecchi, Maria Chiara; Torri, Paola; MASSAMBA N'SIALA, Isabella
abstract

For the PaCE exhibition set at the “Foro Boario” (Modena, 8th-30th November, 2008) some educational activities were adaptable to different age groups, based on experiences long established in our Botanical Garden. All activities were based on the idea of a “trip”: the visitors make a trip in several European countries through the most representative plants and traditions related to them. The aims are to show the importance of plants in building an European identity and to improve the enhancement of the local identities across space/time changes of the relationship between man and plants. The activities proposed are based on the concept of “Europe portrayed through plants, with the hope that the roots of our past become the seeds of our future”.


2010 - Fewet (Libya, Central Sahara) and the archaeobotanical research on Garamantian times [Abstract in Rivista]
Gianassi, Elisa; Bosi, Giovanna; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Mercuri, Anna Maria
abstract

The site of Fewet, located in the south-western part of the Fezzan region (Libya), was inhabited by a clan or a tribe of ancient peoples of the Sahara who, exploiting oases and controlling the Saharan caravan routes, have flourished in this region in the period c.500 BC - 500 AD. By the ancient Greek and Roman sources they are known with the name of the Garamantes. The site includes a little agricultural compound (200 BC - 0) and an adjacent necropolis (650 BC - 350 AD). The research on plant macroremains and charcoals has allowed to know the “mature phase” of the Garamantian culture and economy in a territory at the edges of their mythical kingdom, where it is possible to follow better the transition from the Late Pastoral period to this culture. Phoenix dactylifera, in the form of stones, fruits and charcoals, is the best represented plant in the archaeobotanical record. The biometrical and morphological data of date palm stones are important markers of domestication and cultural cares. Cereals, above all Hordeum vulgare, are always in association with pulses suggesting a complementary use of these crops in Central Sahara. So the landscape of the oases was already like a garden in the Garamantian times, with trees for fruits, fuel and timber, and herbaceous plants cultivated in the shadow of tree leaves. Many of these plants together with plants from spontaneous desert vegetation were used by the Garamantes in many ways, like weaving mats and baskets.


2010 - First archaeobotanical analysis from a medieval well (14th century AD) in Sassari (Sardinia, Italy) [Abstract in Rivista]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; D., Rovina; L., Biccone; Mazzanti, Marta
abstract

\


2010 - Il contributo dei macroresti vegetali per la ricostruzione del paesaggio culturale nell'insediamento altomedievale (IX-XII sec. d.C.) di via Neroniana a Montegrotto Terme (PD) [Abstract in Atti di Convegno]
M., Maritan; Bosi, Giovanna; B., Gaudioso; A., Miola
abstract

\


2010 - Il contributo dell'Orto Botanico di Modena alla mostra "Darwin: Modena e 200 anni di evoluzione" [Abstract in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna
abstract

\


2010 - La biodiversità vegetale del passato mostrata ai ragazzi: la scommessa del libro "Le isole del tempo. Avventure nel mondo verde preistorico" [Abstract in Rivista]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Serventi, Paolo; R., Merlo
abstract

\


2010 - Le Isole del Tempo: avventure nel mondo verde preistorico [Monografia/Trattato scientifico]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; R., Merlo
abstract

Nell’archivio di Castelfiorentino viene rinvenuto un antico manoscritto: è un diario di viaggio, ricco di preziosi disegni, che racconta l’esplorazione di lontane e misteriose isole, occupate da piante che sembrano dei veri e propri “dinosauri vegetali”. Ogni isola, infatti, mostra caratteristiche diverse, che corrispondono ai paesaggi che si sono succeduti nel corso delle ere geologiche. I quaderni ritrovati sono, così, una cronaca del pianeta Terra prima della comparsa dell’uomo.Seguono l’avvincente racconto, bellissime e rigorose tavole scientifiche delle piante estinte, tavole d’erbario con piante oggi esistenti, spunti per attività.Per quanto sia un libro per bambini, potrà informare e divertire persone di ogni età.


2010 - Plants and Culture in Euromediterranean Area: archeobotany and the PaCEM Network [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Sadori, Laura; Mazzanti, Marta; J., Benes; Bosi, Giovanna; A. M., Ciarallo; E. O., Donmez; A. G., Fahmy; M., Giardini; J. A., Lopez Saez; P., Marinval; A., Masi; L., Pena Chocarro; A., Sarpaky; S. M., Valamoti
abstract

\


2010 - Prime analisi carpologiche nel sito di Montegibbio [Abstract in Atti di Convegno]
Rinaldi, Rossella; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Il contributo vuole fornire i risultati delle analisi archeocarpologiche ottenuti da un saggio di campioni prelevati nell’area della villa romana di Montegibbio e compresi nell’arco cronologico che va da II-I sec. a.C. al V-VI sec. d.C.


2010 - Sulle tracce della biodiversità vegetale per riscoprire la biodiversità animale: uno studio integrato presso il Museo di Zoologia [Abstract in Rivista]
Pederzoli, Aurora; M., Mingucci; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Guidetti, Roberto
abstract

\


2010 - The city of Parma (Emilia Romagna - Italy). Seeds and fruits, pollen and parasite remains from layers dated to Medieval Age [Abstract in Atti di Convegno]
Florenzano, Assunta; Pederzoli, Aurora; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Mercuri, Anna Maria
abstract

Archaeobotanical analyses have been carried out on the site Piazza Garibaldi of Parma, a city located in the Po plain in Emilia Romagna, a region of Northern Italy. The studied layers were dated to the 4th - 2nd cent. BC, i.e. around the time of the Roman foundation of the city, and to the 9th – 12th cent. AD. In Roman times the site was probably a sacral area, while in Medieval Age it was a market square. Concerning Medieval Age, the archaeological structures which were archaeobotanically studied included four pits and one latrine. Pollen, seeds/fruits and parasite remains were useful for both palaeoenvironmental and palaeoethnobotanical reconstructions. Analyses of plant and parasite remains suggested that the infillings consisted of waste, human and animal excrements, deteriorated vegetal food and marcs. Pollen samples were treated according to a method using Na-pyrophosphate, HCl 10%, filtration, acetolysis, heavy liquid separation, HF 40%. Eggs of intestinal parasites belonging to Trichuris, Ascaris, Taenia, Capillaria, Dicrocaelium, Diphyllobotrium genera were observed during pollen analyses. Eggs of Ascaris and Trichuris are present in large amount in all samples. Eggs of Ascaris are extremely abundant in the medieval sites in Europe, and they are considered a faecal pollution indicator. Ascaris lumbricoides and A. suum (human and pig parasite respectively) have morphologically similar eggs. Contrarily, eggs of Trichuris trichiura (human parasite) are statistically considerably smaller than those of T. suis (pig parasite). Therefore, 100 eggs of genera Trichuris were measured and data were statistically analyzed. Concerning the latrine are all distributed around the mean size value of T. trichiura. The combination of T. trichiura and Ascaris sp. is typical for human escrements (Bouchet et al., 2003). Thus may be assumed that this latrine was not used for animal faeces. Interestingly pollen from entomophilous plants was common in the latrine, possibly partly due to human consumption of honey (Pearsall, 2008). Concerning pits, Trichuris eggs showed a wider size range and probably belong to both the species. Moreover, eggs of other animal parasites (Capillaria, Dicrocoelium dendriticum, Diphyllobothrium) were found in small amount. The combination of human and animal parasite eggs and the large amount of Graminae pollen, suggest that pits placed in the market square were used to eliminate plant and animal waste products.References Bouchet F., Harter S., Le Bailly M., 2003. The state of the art of paleoparasitological research in the old world. Mem. Inst. Oswaldo Cruz 98(Suppl. 1): 95-101.Pearsall D.M., 2008. Paleoethnobotany. A handbook of procedures. Emerald Group Publishing Limited


2010 - The city of Parma (Emilia Romagna, Italy) in the Roman and Medieval Periods: seeds and fruits, pollen and parasite remains [Abstract in Rivista]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; Rinaldi, Rossella; Torri, Paola; Pederzoli, Aurora; Mazzanti, Marta
abstract

Archaeobotanical analyses have been carried out on the site Piazza Garibaldi of Parma, a city located in the plain of Emilia Romagna, a region of Northern Italy. The studied layers were dated to the 4th - 2nd cent. BC, i.e. around the time of the Roman foundation, and to the 9th – 12th cent. AD. In Roman times the site was probably a sacral area, while in Medieval Ages it was a market square. Pollen and seeds/fruits data were useful for both palaeoenvironmental and palaeoethnobotanical reconstructions. Oak woods and hygrophilous woods grew far from the site, while human activities highly influenced the environment in early times. Cereals, legumes and hemp were probably cultivated together with chestnut trees, fig trees, grapevines and Pomoideae. Moreover, a number of medicinal/ vegetables/spices plants were present. Papaver somniferum, Coriandrum sativum, together with Fragaria vesca, were characteristic in the carpological record. Altogether, archaeobotanical data well correspond to votive offerings to several gods, and particularly some of them including opium poppy and cereals would have been offered to Demeter/Ceres, the goddess of crops and soil fertility. Concerning Medieval Ages, the archaeological structures which were studied included four pits and one latrine. Analyses of plant and parasite remains have suggested that the infillings were made by waste, human and animal excrements, deteriorated vegetal food and marcs. In particular, human parasite remains (belonging to the genera Ascaris and Trichuris) were found in the latrine, while also parasites of animal (such as species of Capillaria, Dicrocoelium dendriticum, Diphyllobothrium) were present in pits. Pollen from entomophilous plants (such as Digitalis purpurea which lives wild today only in Sardinia) were common in the latrine, possibly also due to human consumption of honey. Cultivated fields of Triticum aestivum/durum/turgidum, T.monococcum, T. dicoccum and other cereals, together with legumes, grapevine and fruits trees, were grown in the area. Some olive trees were probably cultivated in the hills. Many wild species were found in the deposits, including Agrostemma githago and Thymelaea passerina. The archaeobotanical record from the Medieval Age revealed two main ‘agro-ethno-botanical’ features this city: a) a particular consideration for Prunus spinosa whose fruits are still today collected and prepared as an alcoholic drink (“Bargnolino”); b) a low consideration and importance of Cucumis melo in the economy of this area with respect to other areas of Emilia Romagna (e.g., provinces of Ferrara and Ravenna ).


2010 - The support of Botanical Gardens in School Biology teaching methodology: the experience of Modena Botanical Garden. In: L. Menabue, G. Santoro (eds.) New Trends in Science and Technology Education: Selected Papers. CLUEB, Bologna, Vol. I, pp. 196-200. ISBN [Relazione in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

This paper presents the potentialities that the Botanical Garden of Modena offers to the teachers for school biology teaching methodology.


2009 - Analisi carpologiche di saggio nel sito dell'ex Monte di Pietà nel centro storico di Forlì [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Durante lo scavo archeologico che ha interessato il piano terreno dello stabile dell’ex Monte di Pietà e attuale sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì, sono stati prelevati da varie strutture archeologiche campioni di saggio per analisi carpologiche. Lo studio dei semi/frutti e annessi fiorali rinvenuti nei depositi archeologici mantiene un ruolo chiave in tutte quelle ricerche dove l’uomo è l’oggetto centrale, per due motivi: l’uomo è il principale artefice, volontario o involontario, della presenza dei semi/frutti nei siti archeologici; i semi/frutti sono assai significativi dal punto di vista sistematico/tassonomico, per cui quasi sempre ne è possibile l’identificazione a livello di specie, risalendo con grande dettaglio alle piante legate all’uomo. Un buono stato di conservazione permette determinazioni a livello anche sottospecifico, mentre l’abbondanza dei reperti offre un quadro statisticamente valido e quindi permette ricostruzioni più attendibili del rapporto uomo-piante. Tuttavia dati anche quantitativamente modesti danno sempre qualche informazione utile per inquadrare il sito archeologico nel contesto dell’ambiente vegetale strettamente circostante, delle colture attuate nell’area e della raccolta di piante utili sullo spontaneo. Per il sito in esame sono stati considerati sia riempimenti provenienti da depositi di scarico, sia riempimenti di manufatti, come boccali e vasetti, con la speranza che questi ultimi potessero rivelare attraverso il loro contenuto carpologico lo scopo al quale erano stati destinati, come già avvenuto nel caso dei boccali del Convento di S. Antonio a Ferrara, che hanno mostrato la composizione erboristica di preparazioni officinali (Bandini Mazzanti et al., 2006). I dati ottenuti dal sito di Forlì saranno importanti per ampliare il quadro delle conoscenze archeocarpologiche relative all’età medievale/rinascimentale in Emilia Romagna, aggiungendo un nuovo tassello nella prospettiva di una sintesi regionale. Essi infatti si affiancano ai numerosi studi analoghi condotti su altre aree e su diversi siti archeologici, fra cui Argenta, Lugo, Modena, Ferrara, Parma, Imola, Faenza, ecc., per un totale di diversi milioni di reperti carpologici esaminati e studiati.


2009 - Archaeobotany and Cultural Heritage in the Mediterranean area: the research of the PaCEM - Plants and Culture in Euromediterranean Area - Network [Abstract in Atti di Convegno]
Sadori, Laura; Mercuri, Anna Maria; A. G., Fahmy; L., Pena Chocarro; J. A., Lopez Saez; A., Sarpaki; S. M., Valamoti; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; M., Giardini; A., Masi
abstract

Among the sciences applied in archaeology, archaeobotany fills a crucial piece of the Cultural Heritage puzzle. It assists us in understanding how a population exploits the environment. The study of Archaeobotany allows researchers to explore the evolution of the cultural landscape (1,2) through the use of plants, which is at the core of understanding modern human impact and sustainability. These issues also include conditions of life and diet, the exploitation of domestic and wild plants, the relationship between environmental modifications and cultural patterns as a result of human settlements. Social responses to climate change are the result of both human perception of nature and adaptation to its changing environment.(3) As a follow-up to an EU PaCE project (4), and under the same key-words ‘Plants and Culture’, we propose to extend our archaeobotanical network into Mediterranean countries. The main aim of this PaCEM network is to establish joint and coordinated associations with archaeological sites belonging to major ancient civilizations. In the communication we wish to present case studies from this research.Cultural landscape reconstruction, based on integrated micro- and macro-remains studies, is one of the last challenges for palynologists and archaeobotanists. The knowledge of past environments plays an important role in assisting archaeologists, historians, environmentalists, geographers and many other experts. A correct and adapted sampling strategy is at the base of all scientific investigations at archaeological sites; however, a univocal protocol can be difficult to assess. Recent studies point out that archaeobotanical sampling has not only to be carried out in the case of visible records, but should be carefully located within “anthropic” layers. It is clear that all known techniques for the archaeological recovery of plants and analysis conducted, should be applied consistently to all samples. Distinguishing signs of anthropic action, influence and impact by means of not-intentional or intentional plant management can be achieved not only by approaching the problem within a multidisciplinary framework, but also by parallel studies carried out both on pollen and macro-remains. It is only through the careful application of both forms of data collection and treatment, that a more complete picture of the past landscape can be achieved. (1) “Cultural Landscapes of the Past. Special issue of Plant Biosystems (Sadori L., Mercuri A.M. eds), in preparation(2) Morel J.-P., A.M. Mercuri (eds), 2009 – Plants and Culture: seeds of the cultural heritage of Europe. Centro Europeo per i Beni Culturali Ravello, Edipuglia Bari.(3) “Mid-Holocene climate change in the Mediterranean region and its consequences”. Special issue of The Holocene (Roberts Ch. N., Sadori L., Perez R. eds)(4) “Plants and culture: seeds of the cultural heritage of Europe” PaCE project. (CLT2007/1.2.1/it-182; 15 November 2007-15 July 2009; coordinator A. M. Mercuri) – www.plants-culture.unimore.it


2009 - Ethnobotany of purslane (Portulaca oleracea L.) in Italyand morphobiometric analyses of seeds from archaeological sitesin the Emilia Romagna Region (Northern Italy) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Guarrera, P. M.; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Il presente lavoro, dopo un breve quadro tassonomico di Portulaca oleracea L., fornisce una sintesi delle informazioni etnobotanichesulla specie in Italia e i risultati delle analisi morfobiometriche su semi di porcellana rinvenuti in diversi siti archeologici(dal Periodo Romano all’Evo Moderno) in Emilia Romagna (Nord Italia); queste analisi tendono a rilevare lapresenza/assenza nel tempo delle due sottospecie P. oleracea subsp. oleracea (forma spontanea) e P. oleracea subsp. sativa(forma coltivata), per meglio comprendere il rapporto uomo/porcellana nel corso dei secoli.


2009 - Exploiting a monastic territory: a multi-disciplinary approach using GIS and pollen analysis to study the evolution of medieval landscape of the Jure Vetere monastery (Calabria Italy). [Capitolo/Saggio]
Roubis, D.; Sogliani, F.; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, C. A.; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Florenzano, Assunta; MASSAMBA N'SIALA, Isabella
abstract

Lo sfruttamento di un territorio monastico: un approccio multidisciplinare con l’utilizzo del GIS e delle analisi polliniche per lostudio dell’evoluzione del paesaggio medievale del monastero di Jure Vetere (Calabria-Italia).Nelle pagine che seguono analizzeremo i dati relativi all’ambiente naturale e le modalità di sfruttamento del territorio dell’insediamentomonastico di Jure Vetere, sorto nell’altipiano silano della Calabria (1100 m s.l.m.), tra gli ultimi anni del XII secoloe i primi decenni del XIII. Si tratta dei due periodi cronologici (Periodi I e II) riferibili alla frequentazione medievale delComplesso Architettonico A, così come essa risulta dalle ricerche multidisciplinari condotte sul sito dall’IBAM-CNR dal 2002fino al 2005. Del complesso Architettonico A sono stati riconosciuti due episodi costruttivi: il Corpo di Fabbrica 1 e il Corpo diFabbrica 2. Alla fine del Periodo II si verificano il definitivo trasferimento della comunità monastica e l’abbandono del sito. Diparticolare importanza si è rivelato lo studio di ricostruzione paleoambientale relativa al territorio circostante, prima e durantel’epoca della frequentazione del monastero nonché dopo il suo abbandono, ottenuto su base palinologica. Tali analisi hannoconsentito di ricostruire l’ambiente e il paesaggio vegetale del pianoro dove era stato fondato il protomonastero, fornendo i datinecessari per la lettura interpretativa delle dinamiche di sfruttamento delle risorse vegetali da parte della comunità monastica.Le analisi dei manufatti archeologici e degli ecofatti eseguite sul GIS hanno permesso di calcolare il costo di spostamento in terminidi tempo e di avanzare una proposta di classificazione dei diversi tipi di suoli potenzialmente sfruttabili attorno al sito. L’elaborazioneinformatica dei dati ha suggerito quindi di riconoscere due principali aree di provenienza delle materie primarie esecondarie necessarie alla vita nel monastero: un bacino interno funzionale allo sfruttamento totale intensivo delle risorse, unbacino esterno per le attività lavorative sussidiarie a carattere estensivo (suoli per orti e seminativi, aree a vocazione pastoralee aree per lo sfruttamento dei boschi). Infine, in una prospettiva del proseguimento futuro delle ricerche, si forniscono alcuneindicazioni riguardo i possedimenti ubicati a lunga distanza dal sito e sono avanzate ipotesi in merito ai terreni per il pascolo invernale,i tenimenti con colture e i punti di sosta lungo i tragitti di collegamento.


2009 - From the “Treasure of Domagnano” to the Archaeobotany of a Roman and Gothic settlement in the Republic of San Marino. [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, C. A.; Mazzanti, Marta; Bigi, P.; Bottazzi, G.; Bosi, Giovanna; Marchesini, M.; Montecchi, Maria Chiara; Pedini, D.
abstract

Dal tesoro di Domagnano all’archeobotanica di un insediamento romano e goto della Repubblica di San Marino. La Repubblicadi San Marino (61 km2) è caratterizzata dal rilievo del Monte Titano (738 m s.l.m.; sito UNESCO patrimonio mondiale dell’umanità),che svetta sul solco vallivo del fiume Marecchia, importante direttrice transappenninica, e sulla costa adriatica delRiminese, distante da esso circa 20 km. Nella rete delle antiche percorrenze naturali, la visibilità a lunga distanza e la centralitàfra la costa e i passi appenninici hanno reso il Monte Titano un punto strategico per il controllo del territorio. Recenti ricerchearcheologiche hanno messo in luce numerosi siti nel territorio, frequentato sin dal Neolitico. I siti includono insediamenti rusticiromani, caratterizzati da un settore residenziale (Domagnano), o aree per la produzione di tegole, mattoni e ceramiche(Ca’Rigo e Maiano). Il sito di Domagnano (255 m s.l.m.), scavato negli anni 1998-2000, è stato oggetto di una ricerca multidisciplinarenell’ambito della quale gli studi archeobotanici sono stati principalmente mirati alla ricostruzione archeoambientalee alla comprensione delle relazioni uomo-ambiente durante le fasi insediative. La sintesi qui presentata è stata svoltanell’ambito del Progetto Europeo PaCE.Il sito di Domagnano qui studiato ha restituito strati che sono stati archeologicamente datati dal II secolo a.C. al VI sec. d.C.,testimonianze di una occupazione in età romana e gota, epoca alla quale è riferibile il “Tesoro di Domagnano” (fine del V-primametà del VI secolo d.C.). Sei momenti insediativi sono stati individuati dagli archeologi: 1) Fase I: II-I secolo a.C. - insediamentorustico di età repubblicana; 2) Fase IIA: I secolo a.C. - I secolo d.C., età tardo repubblicana-prima età imperiale - villa urbanorustica;3) Fase IIB: ultima decade del II-prima metà V secolo d.C. - modifiche e parziale abbandono dell’insediamento; 4) FaseIIIA: fine V-prima metà VI secolo d.C. - edificio rurale di età gota; 5) Fase IIIB: metà del VI secolo d.C., modifiche e abbandonodell’edificio rurale di età gota; 6) Frequentazione altomedievale. Le analisi archeobotaniche hanno previsto lo studio dipolline prelevato da fasi precedenti e coeve all’insediamento, di semi/frutti relativi al contenuto di un pozzo riempito in età gotae di legni/carboni provenienti da due riempimenti di età romana e gota. Le analisi archeobotaniche sono state eseguite su campioniprecedenti l’insediamento (Fase 0, strato non antropizzato; polline), su campioni relativi ad alcune fasi di frequentazioneromana (Fasi I, IIA, IIB; polline e legni) e gota (Fase IIIA; polline, semi/frutti e legni/carboni).I campioni precedenti l’insediamento hanno messo in luce una fase forestata a conifere, con tracce deboli di cereali, probabilmenterelativa a un periodo più fresco e umido del medio olocene. La ricostruzione su base archeobotanica ha messo in luce cheal momento dell’insediamento la copertura forestale era bassa, mentre prime tracce di piante coltivate quali olivo-Olea, noce-Juglans, vite-Vitis e cereali abbondanti tracciano i segni principali del paesaggio culturale modellato in periodo romano prima,e goto successivamente. Sin da questa fase, il territorio era ricco di aree umide e il bosco, ai margini del sito, forniva materialeper la costruzione di case e oggetti. Piante legate alle attività economiche e alla frequentazione del sito sono evidenti e le loropresenze dimostrano un significativo impatto antropico sul paesaggio vegetale. È probabile che il territorio sia stato prima maggiormenteinteressato da pratiche di pastorizia (Fase I) e in seguito si siano espanse maggiormente le pratiche agricole che includevanocoltivazione e trattamento di arboree ed erbacee (Fasi II e III).In età gota erano presenti frutteti, campi di orzo e grano, orti con legumi e piante condimentarie e medicinali, mentre le pressaturedi olio e vino erano eseguite in sito.


2009 - Human-plant relationships in the Garamantian culture (Fezzan, Libya, Central Sahara) [Relazione in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Olmi, Linda; L., Mori; E., Gianassi; Florenzano, Assunta
abstract

This paper reports archaeobotanical data which can help understand the relationships between humans and plants in Garamantian times in Fezzan. This region of the Central Sahara was inhabited by a sedentary population, the Garamantes, who exploited wells in the oasis and developed a network of sites controlling the Saharan caravan routes, as attested by archaeological and epigraphic sources since halfway through the 1st millennium BC. The research on pollen and plant macrofossils has been carried out from a multidisciplinary perspective on Garamantian settlements belonging to different occupational phases. Phoenix dactilyfera and Hordeum vulgare are the best represented plants in the archaeobotanical record, together with other fruits such as grapes and figs. Therefore, palms and cereals would have been the most characteristic crops cultivated by the Garamantes, and markers of the Fezzan landscape at that time. Plants were planted in the oasis, along channels and in gardens, or imported by trade and exchanges. It emerges that the Garamantes knew the limits and potentialities of the environment they inhabited, which was already in its current hyperarid climatic phase.


2009 - I semi/frutti del butto rinascimentale nell'area di via Micheline a Faenza (RA) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

Alcune informazioni desunte dal materiale archeocarpologico proveniente da un butto rinascimentale a Faenza (RA)


2009 - I viaggi delle piante raccontati attraverso le carte [Abstract in Atti di Convegno]
Barbieri, Giovanna; Bertacchini, Milena; Bosi, Giovanna
abstract

\


2009 - Le evidenze archeobotaniche [Capitolo/Saggio]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana
abstract

Analisi archeobotaniche (pollini, semi/frutti, legni/carboni) e la loro interpretazione per la realizzazione del Parco Archeologico della Terramara di Montale


2009 - Luxury food and ornamental plants at the 15th century A.D. Renaissance court of the Este family (Ferrara, northern Italy) [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; C., Guarnieri; Mazzanti, Marta
abstract

The paper reports the archaeobotanical data from the Ducal Pit, a brickwork rubbish pit discovered in the basal floor of the Ducal Palace of Ferrara (Emilia-Romagna, Northern Italy). It was in use during the second half of the 15th cent. AD, when the Este family inhabited the palace. Therefore, it helps to investigate food customs of a Renaissance reigning court. The pit fill largely consists of zoological remains, with plant remains and some artefacts. Though seed/fruit concentration was not high, a fairly diversified list of taxa, mainly belonging to food and ornamental plants, was identified. Data suggest that the pit was used for disposal of dining waste and for floor sweepings. Archaeobotanical data were compared with those obtained from other sites of the area, and with two Renaissance documentary evidence: the frescos in the “Room of the Months” in Ferrara’s Palazzo Schifanoia, and the cookbook by Cristoforo da Messisbugo, chef at the Este Court. The archaeobotanical record of the Ducal Pit proved to be fairly different from the other sites studied in Ferrara, especially because of the presence of luxury or exotic foods (for example, Punica granatum, Prunus armeniaca, Coriandrum sativum).


2009 - Mediaeval kitchen-gardens in Ferrara [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; E., Cuoghi; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta
abstract

\


2009 - Plants and Man in the urban environment: the history of the city of Ferrara (10th - 16th cent. A.D.) through its archaeobotanical records [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Mazzanti, Marta
abstract

An overview of the archaeobotanical analyses carried out on material from archaeological sites of the city of Ferrara (Emilia-Romagna; 10th – 16th cent. A.D.), made by the Laboratory of Palynology and Palaeobotany of the University of Modena and Reggio Emilia during over 15 years of research, is presented. The floristic list from seed/fruit analyses is reported, and interesting subject matters are tackled concerning both cultivated/cultivable plants (fruits and nuts, vegetables/aromatics/spices/medicinal plants, fibre and oil plants, cereals and pulses, flower and other ornamental plants), and wild plants not obviously used, together with plants of wet grounds, which represent rare and endangered species in the Emilia-Romagna region today.


2009 - The archaeobotanical analysis [Capitolo/Saggio]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana
abstract

Analisi archeobotaniche (pollini, semi/frutti, legni/carboni) e la loro interpretazione per la realizzazione del Parco Archeologico della Terramara di Montale


2009 - The introduction and diffusion of peach in ancient Italy [Capitolo/Saggio]
Sadori, L.; Allevato, E.; Bosi, Giovanna; Caneva, G.; Castiglioni, E.; Celant, A.; Di Pasquale, G.; Giardini, M.; Mazzanti, Marta; Rinaldi, Rossella; Rottoli, M.; Susanna, F.
abstract

Questo articolo nasce dalla cooperazione di ricercatori che portano avanti indagini archeobotaniche e iconografiche in camponazionale (Gruppi di interesse scientifico e tecnico operativo di Paleobotanica e di Botaniche Applicate della Società BotanicaItaliana) ed internazionale (International Work Group for Palaeoethnobotany). L’idea di cooperazione su una pianta di notevoleinteresse culturale è nata in seno al progetto PaCE, che vede riunita in questo volume molta ricerca centrata sulla ricostruzionedella storia botanica d’Europa. In questo lavoro sono state verificate dagli autori sia le rappresentazioni iconografiche che lenotizie provenienti da fonti letterarie sul pesco. Il pesco venne introdotto in Italia nella prima metà del I sec. d.C. Le fonti storicheindicano la sua presenza da circa il 40 d.C., ma i reperti archeobotanici sembrerebbero retrodatare di almeno un decennio la suapresenza, almeno in Italia settentrionale. I macroresti di pesco sono costituiti quasi esclusivamente dai resistenti endocarpilegnosi o da frammenti degli stessi. Sono spesso rinvenuti in quantitativi scarsi in contesti funerari ed in zone portuali di etàRomana imperiale, ma talvolta trovati in grandi quantità in sedimenti archeologici ricchi d’acqua, sepolti e spesso conservati incondizioni anossiche (i cosiddetti waterlogged remains riportati nella letteratura inglese, la cui traduzione italiana “restisommersi” non sembra rendere a pieno la denominazione originale di quei macroresti considerati un tempo come particolari restimummificati). La loro presenza in giardini privati e ville rustiche di età classica fa pensare che il pesco fosse utilizzato eapprezzato sia a scopo ornamentale che alimentare. Dati preliminari ottenuti da ricerche morfobiometriche condotte sui nòcciolidi pesca sembrano indicare l’esistenza di diverse cultivar già durante il primo periodo di coltivazione in Italia (del resto eranostate importate dall’Asia dove erano già in fase ben avviata di coltivazione) e che una grande variabilità si sia conservata anchenel Medioevo. I ritrovamenti di età medievale e rinascimentale suggeriscono che all’epoca il consumo di pesche era ridotto, senon limitato, a contesti abitativi particolarmente ricchi quali castelli o palazzi signorili.


2009 - The peach in Italy: archaeobotanical, historical and iconographical sources from Roman to Medieval Age [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; E., Allevato; G., Caneva; E., Castiglioni; A., Celant; G., Di Pasquale; M., Giardini; Mazzanti, Marta; Rinaldi, Rossella; M., Rottoli; Sadori, Laura; F., Susanna
abstract

\


2009 - The useful plants of the city of Ferrara (Late Mediaeval/Renaissance) based on archaeobotanical records from middens and historical/culinary/ethnobotanical documentation [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Guarnieri, C.
abstract

Gli scavi archeologici nel centro storico di Ferrara (Emilia-Romagna, Nord Italia), dichiarato World Heritage Site dall’UNESCOnel 1995, hanno dato la possibilità di disporre di numerosi dati archeobotanici. Qui vengono considerati i dati archeocarpologiciottenuti da nove immondezzai urbani ed una latrina secondariamente adibita a immondezzaio, datati tra la fine del XIV e il XVIsec. d.C. I semi/frutti di questi depositi sono importanti per ricostruire le abitudini alimentari e come le piante siano statemanipolate in ambito domestico. I resti appartengono principalmente a comuni piante alimentari delle quali la parte rinvenutaè uno scarto derivante dall’azione “di aver mangiato” o di “aver manipolato” quella pianta. Tuttavia gli assemblaggi comprendonoanche resti di piante coltivate/coltivabili delle quali la presenza del seme/frutto non è direttamente collegabile all’utilizzo dellapianta (ad es. erbe da foglia, piante da fibra) e molti resti di piante spontanee delle quali non è ovvio l’utilizzo. In base a fontistorico-letterarie-botaniche coeve e a documentazioni etnobotaniche è stato estrapolato dalla lista floristica globale, un elencodi piante potenzialmente utilizzabili a scopo alimentare/medicinale/tecnologico/ornamentale e sono stati suggeriti, anche in basea caratteri quali-quantitativi dei relativi reperti, gli impieghi e le modalità che più facilmente possono aver portato alla loroimmissione negli immondezzai urbani.


2009 - Un metodo per contare i microcarboni nei preparati pollinici [Abstract in Atti di Convegno]
Torri, Paola; Accorsi, Carla Alberta; Bosi, Giovanna; L., Forlani; Montecchi, Maria Chiara
abstract

L’analisi dei microcarboni è frequentemente affiancata all’analisi pollinica per valutare letracce di incendi locali o no. In letteratura sono citati metodi diversi basati sostanzialmentesul conteggio delle particelle suddivise in varie classi in base all’area o alla dimensione maggiore.Le classi sono ritenute indicative della distanza da cui provengono le particelle. Il metodoqui proposto si basa sui seguenti principi: A) l’analisi dei microcarboni viene condottasugli stessi vetrini esaminati per il polline, usando le spore di Lycopodium per valutare leconcentrazioni; B) il materiale viene incluso in gelatina glicerinata e montato con vetrini coprioggettoquadrati, 20 x 20 mm; C) il vetrino viene osservato interamente per il polline, percui è noto il numero di licopodi presenti; D) i microcarboni vengono suddivisi in 5 classi ditaglia (taglia = diametro maggiore): Classe 1: particelle > 250 μm; Classe 2: > 125-250 μm;Classe 3: > 50-125 μm; Classe 4: 10-50 μm; Classe 5: < 10 μm; E) il conteggio avviene nelmodo seguente: E1) le particelle delle classi 1 e 2, meno numerose, vengono contate su tuttoil vetrino, in contemporanea o no rispetto al polline; E2) le particelle delle altre classi, generalmenteassai più numerose, vengono contate separatamente rispetto al polline, a 400x inmodo statistico come segue: E2.1) viene effettuata una stima di riferimento dell’abbondanzadelle particelle, scegliendo a caso 3 campi e contando le particelle delle classi 3,4,5 presentiin essi, a 400x; E2.2) in base all’abbondanza media delle particelle rinvenute nei 3 campi diriferimento viene calcolato il numero di campi da osservare per avere una conta di ca. 1000particelle (totali, per le classi 3,4,5); E2.3) a questo punto viene effettuata l’analisi, osservandoi campi in modo casuale ma tale che essi siano distribuiti su tutta l’area del vetrino, contandole particelle presenti in ogni campo, suddivise nelle tre classi 3,4,5. I campi osservativengono numerati e le coordinate dei loro centri vengono segnate. In questo modo ogni campoè identificato da un numero e due coordinate; E2.4) l’area di un campo microscopico vienemisurata e moltiplicata per il numero dei campi letti e così viene conosciuta l’area totale esaminataper i microcarboni; E2.5) conoscendo l’area totale esaminata e il numero dei microcarboniin essa presenti, si risale al numero delle particelle presenti in tutta l’area del vetrinoe poiché il numero di licopodi è noto dall’analisi pollinica, è possibile calcolare le concentrazionidei microcarboni di ciascuna delle tre classi. Il metodo è stato testato su materiali pollinicidiversi, contenenti microcarboni in concentrazioni varie: cenere, droga, escremento dicapra, muschio, sedimento lacustre, sedimento in grotta, strato archeologico, torba. Vengonopresentati i dati ottenuti analizzando vetrini dei materiali sopra elencati. Il metodo consentela sospensione/ripresa dell’analisi e il controllo della conta da parte di analisti diversi, essendoi campi identificati. In generale, il metodo sembra abbastanza agevole per chi è abituatoall’analisi pollinica.


2009 - Writing history through plants as a means of recovering a common culture. the example of PaCE Project (Culture Programme 2007-2013) [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Sadori, Laura; J., Madeja; D., Moe; J. P., Morel; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; M., Giardini; A., Masi; I., Massamba Nsiala; Olmi, Linda; P. H., Salvesen
abstract

Not considering Identity and Globalisation as antithetic and contradictory words is one of the striking challenges of the present century. Scientists deal with evidence to document our cultural roots, evidence that can be regarded either as different features or as similarities between people from different countries. Plants are an exceptional medium for observing identity and globalization of food, exploitation of natural resources for different uses, and popular traditions. Since 2007, the team of botanists and archaeologists of the PaCE project have jointly operated in this direction working on the Intercultural Dialogue (European Year 2008) under the call 09/2006 of the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency (EACEA). PaCE - ‘peace’ in Italian, ‘rhythm’ in English - is the acronym for ‘Plants and Culture: seeds of the cultural heritage of Europe’, a Culture Programme 2007-2013 project promoting the recovering and dissemination of the green cultural heritage common to Europe. The project promotes joint actions based on an innovative partnership among universities, research institutions and museums involving countries from North, East, South and West Europe: Italy, Poland, Norway and Spain as partners, were supported by institutions from Bulgaria, England, France, Hungary, Greece, Romania, San Marino, and Turkey. The leaves of box (Buxus sempervirens L.) were drawn in the project logo (in the figure): the plant is well known today, mainly because it is excellent for hedging, but its history as a plant useful to humans goes far back. For the Ancient Greeks, box was a symbol of life, sacred to Pluto, while in northern European countries, it is a plant of peace, used in Palm Sunday traditions. The PaCE project has developed scientific knowledge on the significance of plants in human life, in a diachronical vision, using the language of archaeobotany and ethnobotany. The main researches contribution presented data from the history of useful plants (for example, box-Buxus, peach-Prunus persica, purslane-Portulaca oleracea), key archaeological sites (Rome and its vicinity, Budapest, Ferrara, Pompei), popular practices (leaf-throwing-Phyllobolia from ancient Greece) and the value of trees and scented herbs in symbolic and religious sphere. The project has focused on the links between plants and culture in its research and popularization activities: i) a scientific research network and printing of a scientific book (1); ii) a dissemination network for the popularization of this theme, providing plant history and traditions in the languages and cultures of Europe; iii) a web-site and an exhibition realised as joint actions. This project translates intercultural dialogue on the scientific and humanistic cultural heritage of Europe into a concrete action in the form of the PaCE trans-European exhibition, that proves a simple, visible way of getting the message of intercultural dialogue across to people at all levels. A total of 80 posters, realised by research groups from eleven countries, and translated into ten languages, were housed at 23 locations of Europe. The complete list of partners and associated partners, the virtual exhibition and free downloading of scientific papers are available in the project website: www.plants-culture.unimore.it.(1) Morel J.-P., A.M. Mercuri (eds), 2009 – Plants and Culture: seeds of the cultural heritage of Europe. Centro Europeo per i Beni Culturali Ravello, Edipuglia Bari.


2008 - Analisi polliniche a Cà di Rigo – Tratti del paesaggio vegetale al VI-IV sec. a.C. [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, C. A.; Mazzanti, Marta; Trevisan Grandi, G.; Bosi, Giovanna; Marchesini, M.
abstract

Analisi polliniche nel sito di Cà di Rigo


2008 - CORSO D'AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI (Scuola Primaria e Secondaria)I viaggi delle piante raccontati attraverso le carteGennaio 2008 Memo - viale Jacopo Barozzi, 172 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Bertacchini, Milena; Padovani, Veronica
abstract

Approfondimento cartografico introduttivo ai viaggi delle piante I viaggi delle piante, a Modena dai 5 continenti Conoscenza e riconoscimento delle 10 piante prescelte, tra quelle diffuse nel verde pubblico modenese e presenti all’Orto e/o al Giardino Ducale. La cartografia usata quale filo conduttore per raccontare gli affascinanti viaggi che alcune piante ornamentali hanno effettuato nello spazio e nel tempo, per essere presenti oggi nel nostro territorio. Taccuini di viaggio ricostruiti attraverso la visualizzazione delle rotte seguite da queste piante attraverso le carte, dove testi, documenti storici e immagini dialogano in perfetto equilibrio. Un percorso che sottolinea le potenzialità degli strumenti cartografici illustrando carte utili a rappresentare la distribuzione naturale di alcune specie di piante a scala globale, in passato e nel presente; carte efficaci a testimoniare ai nostri giorni la presenza delle stesse piante all’interno degli spazi verdi pubblici cittadini.Hanno partecipato una 20 d'insegnati


2008 - First archaeobotanical data from the ancient thermal area of the Euganean Hills (Montegrotto Terme, Padova - North eastern Italy) [Abstract in Rivista]
M., Maritan; A., Miola; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; C., Ceschi Berrini; P., Cordella; P., De Coppi; W., Meneghini
abstract

First archaeobotanical data from the ancient thermal area of the Euganean Hills (Montegrotto Terme, Padova - North eastern Italy)


2008 - I suoli a mirtillo (Appennino Modenese) [Relazione in Atti di Convegno]
P., Marchetto; Laurora, Angela; Malferrari, Daniele; Brigatti, Maria Franca; Bosi, Giovanna
abstract

Lo scopo dello studio è di verificare se la crescente diffusione di falso mirtillo nei vaccinieti spontanei del territorio del Frignanp (Alto Appennino modenese) sia correlata con la variazione delle caratteristiche chimico-ficsiche del suolo.


2008 - ITINERARI E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE ALL'ORTO BOTANICO anno 2008/2009 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Alla fine degli anni ‘90 alcune giovani laureate presso l’Istituto Botanico di Modena, costituitesi nel Gruppo Guide Orto Botanico, partendo da precedenti esperienze, progettarono nuovi percorsi tenendo presenti alcune “idee” di base: a) diffondere nelle scuole la “cultura botanica”, a volte relegata in secondo piano nei programmi didattici; b) diffondere l’abitudine a conoscere, quindi apprezzare, proteggere e conservare l’Orto Botanico, patrimonio dell'Università e della città di Modena; c) diffondere in modo accessibile alcune ricerche nell'ambito della Botanica, per fare da tramite tra la ricerca botanica e il mondo della scuola, che comprende coloro che, domani, saranno possibili utenti dell’Università. Accanto a queste “idee”, tre principi sono stati e sono alla base dei percorsi: 1) divulgazione scientificamente corretta, non pedante e gradevole; 2) scelta di argomenti che rispondano a quanto incluso nei programmi scolastici dei cicli e che permettano all’insegnante di usufruire della più specifica professionalità della “guida”; 3) flessibilità dell’offerta didattica, pronta ad adeguarsi a motivate richieste della “utenza-scuola” e ai cambiamenti dei programmi didattici. Il nucleo delle “guide” si pose anche l’impegno di dare ai nuovi percorsi e a quelli precedenti una forma precisa, stabilendo: 1) classe di utenza a cui erano destinati; 2) obiettivi didattici da raggiungere; 3) sviluppo delle “tappe” didattiche all’interno di ogni percorso e tipologia/ allestimento del materiale esplicativo da utilizzarsi da parte della “guida”; 4) realizzazione di materiale didattico da consegnare all’insegnante, allo scopo di permettere all’insegnante stesso di “ridefinire” in classe gli obiettivi raggiunti, consolidare l’apprendimento degli alunni ed eventualmente trarre spunti per procedere in proprio sul tema trattato. Oggi sono mediamente circa 200 le classi che ogni anno usufruiscono dell’offerta didattica.ANNO 2008 ITINERARI(1/1,5 ora all’Orto)1. Gli abitanti dell’Orto - It. Generale – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore2. Le piante, i colori, le forme e gli odori… - It. Sensi – Scuola Infanzia – S. Elementare 1° ciclo 3. Storie di piante del Piccolo Popolo - It. Storie (fiabe e favole) – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare 1° ciclo4. Piante, miti e Magia - It. Storie (mitologia e tradizioni) e Proprietà Piante – Scuola Elementare 2° ciclo5. Piante, polline & C. - It. Riproduzione – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore6. Le piante di qui - It. Piante Autoctone – Scuola Media – S. Superiore7. Adattamenti e Difese delle piante - It. Adattamenti – Scuola Media – S. SuperioreMINILABORATORI(2 ore all’Orto)1. Riconoscere e classificare gli alberi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media2. La Fotosintesi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media3. Officina Botanica – Inverno – Scuola Infanzia 5 anni – S. ElementareLABORATORI(2 ore in classe + 2 ore all’Orto)1. Polline – Scuola Superiore2. L'Erbario in classe – Scuola Elementare 2° ciclo - S. Media


2008 - Il Mese della Scienza per ragazzi 2008Botanica13 ottobre - 9 novembre 2008Biblioteche Comune di ModenaOrto Botanico [Esposizione]
W., Martinelli; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Barbieri, Giovanna; Grimaudo, Maddalena; Dallai, Daniele
abstract

Un mese pieno di incontri, laboratori, mostre, visite sul tema della Botanica per i ragazzi, nelle biblioteche del Comune di Modena e all'Orto Botanico


2008 - Il mirtillo (Vaccinium myrtillus L.): inquadramento botanico ecenni storici [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Sgarbi, Elisabetta; Bosi, Giovanna; Grimaudo, Maddalena
abstract

Vaccinium myrtillus è una specie spontanea ad ampia distribuzione in Eurasia e nel Nord America; in Italia cresce sulle Alpi e sull'Appennino settentrionale e centrale. Nel presente lavoro la specie è descritta e inquadrata dal punto di vista sistematico e storico. Sono inoltre riportate preliminari indicazioni per la propagazione da seme e la micropropagazione di genotipi selvatici per il mantenimento della biodiversità intraspecifica, nella prospettiva di una possibile riproduzione su ampia scala e il reimpianto in natura


2008 - Le Legnose dell'Orto Botanico: II. Juglans L. [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Dallai, Daniele; Maffettone, Luigi; Rinaldi, Rossella; Romagnoli, Carlo; Mazzanti, Marta
abstract

Secondo contributo alla conoscenza di alcune entità legnose interessanti per aspetto, portamento e maestosità dell’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. In questo articolo sono presentate le specie presenti in Orto afferenti al genere Juglans, con particolare riguardo a Juglans regia, meritevole di attenzione sia dal punto di vista botanico che per i suoi molteplici rapporti, passati e attuali, con l’uomo.


2008 - MUSEI DA GUSTARE: ORTO BOTANICOaprile 2008Orto Botanico [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Dallai, Daniele; Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria
abstract

Giardini delle fattorie estive norvegesi e Orti dei fari - prof. Dagfinn Moe (Università di Bergen - Norvegia) con A.M. MercuriFoglie per tutti i gusti - laboratorio scientifico-creativo - dott.ssa G. Barbieri in collaborazione con Istituto Statale d'Arte A. Venturi di ModenaIl mirtillo (Vaccinium myrtillus L.); lo gustiamo, ma lo conosciamo davvero? - prof. M. Bandini Mazzanti


2008 - Multi-disciplinary and multi-scalar approach to the study of a medieval occupation deposit from Montegrotto Terme (Padova, northern Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
P., Forlin; C., Nicosia; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

Multi-disciplinary and multi-scalar approach to the study of a medieval occupation deposit from Montegrotto Terme (Padova, northern Italy)


2008 - Plants and Culture in the history of Europe8-30 Novembre 2008Foro Boario - Modena [Esposizione]
Mercuri, Anna Maria; C., Ferrarini; F., Cepelli; Bosi, Giovanna; Olmi, Linda; Mazzanti, Marta; Serventi, Paolo; MASSAMBA N'SIALA, Isabella; Rinaldi, Rossella; Montecchi, Maria Chiara; Torri, Paola
abstract

That plants have always held an essential value for human life may be obvious, but nevertheless it is true. Despite this, in the IT- and technology-oriented societies of 21st century Europe, plants are largely disregarded. Most people are unaware of the role plant derivatives play in a number of their everyday activities, whether it’s baking a mouth-watering cake, sipping a favourite brandy, relaxing in a chair, or slipping on a pair of jeans. Nowadays, though, a great deal of ancient botanical ingredients have been replaced by artificial chemical products. We select our fruits unknowing whether they come from tall exotic trees or common low-lying shrubs; for this information is of no matter to us, modern-day hunter-gatherers, when we are searching for food in supermarkets as our ancestors once did in forests. Because of the decline in farming in many countries, and likewise the perception of seasonal rhythms (largely marked by plant life cycles), relative popular traditions are gradually disappearing. The outcome of this general loss of plant knowledge is that most people are no longer aware of the importance of plant use in their lives. Plants are generally perceived as limited to the realms of either ecologists or intellectuals and therefore any consideration of plant issues today is implicitly viewed as superfluous. Nevertheless, even today, plants provide for primary needs, such as food, medicine, clothing, tools, furniture and homewares, as well as social needs, such as body painting, make-up and ornaments, and are also common symbols and emblems. They have also always been employed in ceremonies and religious rites, thereby fulfilling transcendental needs.The aim of this pan-European exhibition, ‘Plants and Culture in the history of Europe’, is to show the importance of plants in building a European identity. As part of the European Culture Programme (2007-2013), a network containing dozens of researchers has been involved in a complex joint project to present a new and unique set of stories. These cover botany, archaeology, plant use throughout history, and popular traditions from eleven European countries, offering also a brief glance at European botanical history. The exhibition is based on the concept of Europe portrayed through plants, in the hope that the roots of our past become the seeds of our future.QUESTA MOSTRA HA RICEVUTO IL CONTRIBUTO DI 35.000 EURO DA PARTE DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MODENACollaboratori: D. Bertoni, R. Scansani, G. Leonardi, L. Maffettone, P. Gibertini, T. Toni, C. Baraccani, F. Buldrini, M. Grimaudo, G. Menziani, R. Maramaldo, G. Trevisan Grandi, L. Ronconi, A. Florenzano


2008 - Prime analisi polliniche a San Marino - Poggio Castellano (Età del Bronzo finale) [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna
abstract

Primi dati su analisi polliniche da Poggio Castellano (San Marino), Età del Bronzo


2008 - Primi dati sui microcarboni a Cà Rigo - San Marino (Età del Ferro, VI - inizi IV sec. a.C.) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Primi dati microantracologici da Cà Rigo (San Marino), Età del Ferro


2008 - Primi dati sui microcarboni a S. Marino- Poggio Castellano (Età del Bronzo Finale) [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta
abstract


2008 - The archaeo-environmental reconstruction from the Roman-Gothic site Fiorina di Domagnano (Repubblica di San Marino, 1st cent. BC - 6th cent. AD) based on pollen and macroremains. [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Marchesini, Marco; Montecchi, Maria Chiara; P., Bigi; Mercuri, Anna Maria
abstract

Pollen, seeds/fruits and woods/charcoals for archaeoenvironment recostruction in Fiorina di Domagnano site (Repubblica di San Marino, 3th cent. BC - 6th cent. AD)A multidisciplinary archaeobotanical investigation (pollen, seeds/fruits, woods/charcoals – EU PaCE project) has been carried out for reconstructing the landscape of Fiorina di Domagnano (260 m asl) renown for its Ostrogothic Treasure (late 5th-early 6th cent.AD). 13 pollen samples belonging to 5 layers cover the phases preceding the onset of the site (before the 3rd cent. BC), and the time it was inhabited (till the 6th cent.AD). Seeds/fruits and most of woods (including hand-made objects)/charcoals were collected from a Roman well secondarily used by Gothic people (6th cent.AD). Pollen data showed that, prior to the onset of the settlement, a conifer forest grew in the area. Traces of cultivations were absent. At the establishment of a Roman rustic-productive settlement (1st cent.BC), forest cover drastically reduced, pollen of Olea, Juglans and Vitis was recorded, and cereal pollen was found in notable amount (>13%). A clear impact of the Roman settlement on the plant landscape, with cultivations in the area and possibly cereal processing in the site, is shown by pollen. Later, a residential house was built (1st cent.AD), and accordingly cultivated trees increased and cereals decreased. When the Roman residential house declined (approximately 3rd cent.AD), cereals increased again. At the last phase, there was a rural Gothic building (6th cent.AD) in the site. The recovering of macroremains provided more detailed environmental reconstruction from this phase. The cultural landscape included grazing open areas, and cultivations of cereals (Hordeum vulgare and Triticum), Olea europaea, Vitis vinifera subsp. vinifera. The high presence of cereal pollen, and the pips and olive endocarps broken by pressing suggest that agricultural products were processed in the site. Anthemis tinctoria (about 9% of the carpological record) was perhaps used for dye works. Other useful plants were grown around the building (e.g., Ficus carica, Juglans regia, Pinus pinea, Taxus baccata). There were kitchen gardens (e.g., Coriandrum sativum, Fragaria vesca, Melissa officinalis, Papaver somniferum, Portulaca oleracea, Vicia faba) with some fruit trees (e.g., Malus domestica, Pyrus communis, Prunus domestica subsp. insititia). Also, there were wet environments with Alisma plantago-aquatica, Lemna, Najas minor, Nymphaea alba, Phragmites, Zannichellia palustris, etc. Woods were in the background, not far from the site, including hygrophilous or deciduous oak wood, and beach wood with conifers.


2007 - Analisi dei microcarboni nel sito di Jure Vetere: il periodo premonastico e la fase monastica [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Primi dati dalle anali microantracologiche nel sito di Jure Vetere prima e dopo laa fondazione del monastero medievale


2007 - Applicazioni morfobiometriche in campo archeocarpologico: primi dati su Papaver somniferum nell’Alto Medioevo di Ferrara [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Berti, Patrizia; Maioli, Marco; F., Costantini; Mazzanti, Marta
abstract

Viene presentata la caratterizzazione morfo-biometrica di due campioni archeobotanici di semi di Papaver somniferum L., provenienti dallo scavo archeologico di Corso Porta Reno - Via Vaspergolo (FE), da strati del Periodo II (prima metà XI secolo d.C.), fase con un assetto che rimanda al casale o casale suburbano. I semi del deposito archeologico ferrarese sono molto simili a quelli attuali commerciali, in particolare i semi dell’US 2659, ed hanno caratteri morfobiometrici in accordo con quelli riportati nella letteratura per le forme di P. somniferum subsp. somniferum a seme grande. E’ quindi plausibile che essi possano appartenere a P. somniferum subsp. somniferum, pur tenendo conto della difficoltà di discriminare su basi carpologiche la forma spontanea (P. somniferum subsp. setigerum) da quella che comprende le forme coltivate (P. somniferum subsp. somniferum). I dati archeomorfo-biometrici su questi semi altomedievali di P. somniferum costituiscono un piccolo tassello, che potrà contribuire a comporre la storia del papavero domestico e dei suoi rapporti con l’uomo nel territorio italiano.


2007 - Human-plant relationships in the Garamantian culture (Fezzan, Libya, Central Sahara) [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna
abstract

\


2007 - ITINERARI E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE ALL'ORTO BOTANICO anno 2007/2008 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Alla fine degli anni ‘90 alcune giovani laureate presso l’Istituto Botanico di Modena, costituitesi nel Gruppo Guide Orto Botanico, partendo da precedenti esperienze, progettarono nuovi percorsi tenendo presenti alcune “idee” di base: a) diffondere nelle scuole la “cultura botanica”, a volte relegata in secondo piano nei programmi didattici; b) diffondere l’abitudine a conoscere, quindi apprezzare, proteggere e conservare l’Orto Botanico, patrimonio dell'Università e della città di Modena; c) diffondere in modo accessibile alcune ricerche nell'ambito della Botanica, per fare da tramite tra la ricerca botanica e il mondo della scuola, che comprende coloro che, domani, saranno possibili utenti dell’Università. Accanto a queste “idee”, tre principi sono stati e sono alla base dei percorsi: 1) divulgazione scientificamente corretta, non pedante e gradevole; 2) scelta di argomenti che rispondano a quanto incluso nei programmi scolastici dei cicli e che permettano all’insegnante di usufruire della più specifica professionalità della “guida”; 3) flessibilità dell’offerta didattica, pronta ad adeguarsi a motivate richieste della “utenza-scuola” e ai cambiamenti dei programmi didattici. Il nucleo delle “guide” si pose anche l’impegno di dare ai nuovi percorsi e a quelli precedenti una forma precisa, stabilendo: 1) classe di utenza a cui erano destinati; 2) obiettivi didattici da raggiungere; 3) sviluppo delle “tappe” didattiche all’interno di ogni percorso e tipologia/ allestimento del materiale esplicativo da utilizzarsi da parte della “guida”; 4) realizzazione di materiale didattico da consegnare all’insegnante, allo scopo di permettere all’insegnante stesso di “ridefinire” in classe gli obiettivi raggiunti, consolidare l’apprendimento degli alunni ed eventualmente trarre spunti per procedere in proprio sul tema trattato. Oggi sono mediamente circa 200 le classi che ogni anno usufruiscono dell’offerta didattica.In collaborazione con:Docenti, ricercatori e personale tecnico Orto BotanicoAssessorato Istruzione Comune di ModenaProvincia di ModenaANNO 2007 ITINERARI(1/1,5 ora all’Orto)1. Gli abitanti dell’Orto - It. Generale – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore2. Le piante, i colori, le forme e gli odori… - It. Sensi – Scuola Infanzia – S. Elementare 1° ciclo 3. Storie di piante del Piccolo Popolo - It. Storie (fiabe e favole) – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare 1° ciclo4. Piante, miti e Magia - It. Storie (mitologia e tradizioni) e Proprietà Piante – Scuola Elementare 2° ciclo5. Piante, polline & C. - It. Riproduzione – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore6. Le piante di qui - It. Piante Autoctone – Scuola Media – S. Superiore7. Adattamenti e Difese delle piante - It. Adattamenti – Scuola Media – S. SuperioreMINILABORATORI(2 ore all’Orto)1. Riconoscere e classificare gli alberi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media2. La Fotosintesi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media3. Officina Botanica – Inverno – Scuola Infanzia 5 anni – S. ElementareLABORATORI(2 ore in classe + 2 ore all’Orto)1. Polline – Scuola Superiore2. L'Erbario in classe – Scuola Elementare 2° ciclo - S. Media3. I Viaggi delle Piante - Scuola Elementare 2° ciclo - S. Media


2007 - Il paesaggio vegetale di Jure Vetere prima e durante la vita del monastero medievale sulla base dei primi dati pollinici [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Trevisan, Giuliana
abstract

Ricostruzione dell'ambiente vegetale nel sito di Jure Vetere prima e durante la vita del monastero medievale attraverso le analisi polliniche


2007 - Indagini archeobotaniche al Teatro greco-romano di taormina; i microcarboni del sondaggio esterno del porticus post-scaenam [Relazione in Atti di Convegno]
Accorsi, Carla Alberta; Bosi, Giovanna; Montecchi, Maria Chiara; F., Terranova
abstract

analisi microantracologiche da saggi nel Teatro greco-romano di Taormina


2007 - Introduzione botanica sul mirtillo, storia del mirtillo nell'alimentazione [Abstract in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Baroni, Roberta; Bosi, Giovanna
abstract

\


2007 - Itinerari e Laboratori all'Orto Botanico: 3. Le piante, gli adattamenti e le difese [Articolo su rivista]
Grimaudo, Maddalena; Bosi, Giovanna; I., Massamba N'siala; Barbieri, Giovanna; Sgarbi, Elisabetta; Baroni, Roberta; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide dell'Orto Botanico presenta il terzo contributo alle attività didattiche extra-universitarie rivolte alle scuole, illustrando l'itinerario "Le piante, gli adattamenti e le difese". vengono trattai alcuni degli adattamenti più straordinari, che permettono alle piante di occupare i diversi ambienti presenti sulla terra.


2007 - Lo studio archeobotanico di un villaggio garamantico e osservazioni floristiche nell’oasi di Fewet, in Fezzan – Libia sud-occidentale [Abstract in Rivista]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; I., Massamba N’siala; Olmi, Linda; L., Mori
abstract

Lo studio archeobotanico di un villaggio garamantico e osservazioni floristiche nell’oasi di Fewet, in Fezzan – Libia sud-occidentale


2007 - L’Archeobotanica arriva a scuola. Progetto didattico per la scuola secondaria di secondo grado [Abstract in Rivista]
Olmi, Linda; Bosi, Giovanna; I., Massamba N’siala; Mercuri, Anna Maria
abstract

Progetto multidisciplinare sull'Archeobotanica realizzato con/per la Scuola Media Superiore


2007 - Mutina and the plant remains of Roman Age in Emilia Romagna (Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria
abstract

Mutina and the plant remains of Roman Age in Emilia Romagna (Italy)


2007 - Orto Botanico (redazione testi scientifici in CD interattivo - serie CD multimediali Musei Scientifici Universitari di UNIMORE) [Altro]
Dallai, Daniele; Bosi, Giovanna; Vescogni, Alessandro
abstract

La serie di CD multimediali dedicata ai Musei Scientifici Universitari costituisce parte di un più ampio pro- getto, grazie al quale l’Università di Modena e Reggio Emilia si propone di “aprire” in modo sempre più efficace le proprie risorse culturali. I Musei universi- tari costituiscono un settore fondamentale di questo patrimonio. Essi sono doppiamente preziosi in quanto, accanto al ruolo di divulgazione delle ultime scoperte scientifiche, sono al contempo testimonianza storica dell’evoluzione delle scienze e della passione che da secoli anima gli studiosi del nostro Ateneo. Rendere sempre più accessibile questa ricchezza è quindi un compito irrinunciabile, da intra- prendere ricercando modi di comunicazione atti a coinvolgere la totalità dei possibili utenti. Da questa esigenza è nata la collaborazione fra i Dipartimenti cui i Musei fanno capo e il Ser- vizio Accoglienza Studenti Disabili dell’Ateneo. Due sono gli ambiti in cui si è scelto di operare: in primo luogo è stata intrapresa una progres- siva rimozione delle barriere architettoniche che impediscono un completo accesso alle strut- ture museali. Parallelamente si sta procedendo alla creazione di percorsi e supporti didattici innovativi, che risultino pienamente utilizzabili anche da chi per problemi fisici, sensoriali o cognitivi, può avere difficoltà nell’attingere a queste risorse. I Cd di presentazione dei Musei sono stati strutturati per poter essere pienamente sfruttati sia da chi utilizza periferiche di ausilio visivo (ingranditori, screen reader) sia da chi non è in grado di utilizzare il mouse per operare la selezione dei contenuti. Gli scopi sono molteplici: fornire un’immagine sintetica ma esauriente del contenuto dei diversi Musei, consultabile an- che quando non sia possibile collegarsi ai relativi siti internet; una “visita guidata” utilizzabile anche nell’impossibilità di recarsi personalmente nella sede; uno strumento prezioso per chi volesse “prepararsi” ad una visita e gustare appieno la ricchezza delle collezioni museali.


2007 - Plants and man in the urban environment: the history of the city of Ferrara (9th-16th cent. AD) through its archaeobotanical records [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Mazzanti, Marta
abstract

\


2007 - Prime considerazioni paleoambientali sui depositi pleistocenici della grotta inferiore dei Covoli di Velo (VR - Italia) [Articolo su rivista]
F., Bona; R., Zorzin; M., Accordini; R., Mazzi; R., Gatto; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Trevisan, Giuliana; Torri, Paola
abstract

Primi dati su fauna ed ambiente vegetale dai reperti della Grotta inferiore dei Covoli di Velo (Pleistocene superiore)


2007 - Resti carpologici da un canale d'età romana (15-40 d.C.) del centro storico di Mutina; primi dati di nuove analisi [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Olmi, Linda
abstract

Primi dati di nuove analisi carpologiche di materiale proveniente da un canale d'età romana (15-40 d.C.) del centro storico di Modena (Emilia Romagna)


2007 - The Terramara di Montale (Emilia Romagna, Northern Italy): archaeobotanical-museological reconstruction of the fields in the Middle and Late Bronze Age. [Poster]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, C. A.; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Cardarelli, A.; Labate, D.; Marchesini, M.; TREVISAN GRANDI, G.
abstract

.


2006 - Analisi carpologiche preliminari dei contenuti stomacali dello Storno (Sturnus vulgaris) per individuare la componente vegetale della dieta in periodo riproduttivo [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; S., Tomasini; E., Bari; Mazzanti, Marta; A., Andreotti
abstract

Analisi carpologiche preliminari dei contenuti stomacali dello Storno (Sturnus vulgaris) per individuare la componente vegetale della dieta in periodo riproduttivo


2006 - Caratteri morfologici distintivi e biometria di semi di Cucumis melo L. da siti medievali a Ferrara [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Berti, Patrizia; Maioli, Marco; S., Santoro; Mazzanti, Marta
abstract

Caratteri morfologici distintivi e biometria di semi di Cucumis melo L. da siti medievali a Ferrara


2006 - Cereal fields from the Middle-Recent Bronze Age, as found inthe Terramara di Montale, in the Po Plain (Emilia Romagna,Northern Italy), based on pollen, seeds/fruits and microcharchoals [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; G., Trevisan Grandi; Cardarelli, Andrea; D., Labate; M., Marchesini; Olmi, Linda; Torri, Paola
abstract

Nell’ambito del Progetto Europeo ‘Cultural Landscapes of the Past: recovering crop fields and gardens in archaeologicalparks of Europe’ (coord. Jordi Juan Tresserras), lo studio archeobotanico della Terramara di Montale è statoportato avanti con lo scopo di giungere a una ricostruzione dei campi di cereali. Il sito è uno dei più importanti per lostudio delle terramare, una società che caratterizzò la Pianura Padana durante il Bronzo Medio e Recente. Il lavoroqui presentato mostra una sintesi dei dati archeobotanici relativi alla ricostruzione dei campi. I campioni(pollinici/microantracologici e di semi/frutti) sono stati raccolti in diversi punti: a) all’interno del villaggio (Profilo1, campionato nel 1996, e unità stratigrafiche delle fasi di vita del villaggio), b) nel fossato che circondava l’abitato(Trincea Ovest, campionata nel 1994), c) in un punto a circa 50 m all’esterno del fossato (Profilo 3, campionato nel2002). I risultati mostrano una presenza molto alta di cereali nel villaggio, mentre all’esterno i cereali sono più scarsi.Nel Profilo 1, dentro il villaggio, polline di Avena/Triticum gruppo, Hordeum gr., Panicum cf. e Secale cereale èin media ca. 20%, mentre le cariossidi carbonizzate di T. aestivum/durum, Triticum dicoccum, T. monococcum,Hordeum vulgare, Panicum miliaceum, Avena sp. e Secale cereale sono il 98% dei semi/frutti studiati. I microcarbonidocumentano episodi di incendio o presenza di focolari, in parte connessi alle attività antropiche. I campi, puressendo presenti nell’area di influenza della Terramara, non dovevano trovarsi in stretta vicinanza dei punti campionatialla periferia (Trincea Ovest) e vicino al villaggio (Profilo 3). Nell’area, i campi di cereali erano alternati apascoli, probabilmente anche soggetti a ignicoltura.


2006 - Dal recupero dei semi e frutti all'interpretazione del loro insieme per la storia dell'uomo [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna
abstract

Metodologia didattica per affrontare a scuola temi come l'alimentazione, l'agricoltura, i paesaggi del passato partendo dai reperti carpologici di un sito archeologico.


2006 - Economy and Environment of Bronze Age settlements - Terramaras - on the Po Plain (Northern Italy): first results from the archaeobotanical research at the Terramara di Montale [Articolo su rivista]
Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; A., Cardarelli; D., Labate; M., Marchesini; G., Trevisan Grandi
abstract

The paper presents a synthesis of the on-site archaeobotanical investigations of the Terramara di Montale, one of the most important sites of the Terramara cultural system which characterised the Po Plain in the Middle-Late Bronze Age (1650-1200 B.C.). Samples for pollen analysis and macroremains, including seed/fruit and wood/charcoal records, were collected from stratigraphic sequences and occupation levels during the excavations 1996-2001. The results permitted the reconstruction of the main characteristics of the landscape which at the onset of the Terramara rapidly passed from a natural, more forested landscape with mixed oak wood and conifers to a more open and anthropic landscape characterised by cereal fields, pastures and meadows. People felled oaks and other trees such as Populus/Salix and Fraxinus to make piles or walls for houses. Wood from these species was also recorded as charcoal in the hearths. Palynological and carpological data show that the inhabitants of the Terramara largely founded their economy on cereals (mainly Triticum aestivum/durum, T. dicoccum and Hordeum vulgare). They also grew a few legumes (Vicia faba var. minor, Vicia sp. and Lens culinaris ). There was also grazing by domestic animals, mainly ovicaprines but also pigs and cattle, and these were fed exploiting wild plants such as Carpinus. In the paper the four main steps of the history of the Terramara are described (before the Terramara, the onset, the Terramara phase, the decline) during which both human influence and climatic changes were important. At the onset of the Terramara (around 1600 B.C.) a warm and possibly dry phase occurred. The intense use of the territory and a climatic deterioration at around 1300 B.C. might have triggered the decline of the Terramara di Montale.


2006 - Frutti e semi: esaminarli, distinguerli, collezionarli [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna
abstract

Come affrontare l'argomento dei frutti e dei semi a scuola dal punto di vista "sistematico"


2006 - ITINERARI E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE ALL'ORTO BOTANICO anno 2006/2007 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Alla fine degli anni ‘90 alcune giovani laureate presso l’Istituto Botanico di Modena, costituitesi nel Gruppo Guide Orto Botanico, partendo da precedenti esperienze, progettarono nuovi percorsi tenendo presenti alcune “idee” di base: a) diffondere nelle scuole la “cultura botanica”, a volte relegata in secondo piano nei programmi didattici; b) diffondere l’abitudine a conoscere, quindi apprezzare, proteggere e conservare l’Orto Botanico, patrimonio dell'Università e della città di Modena; c) diffondere in modo accessibile alcune ricerche nell'ambito della Botanica, per fare da tramite tra la ricerca botanica e il mondo della scuola, che comprende coloro che, domani, saranno possibili utenti dell’Università. Accanto a queste “idee”, tre principi sono stati e sono alla base dei percorsi: 1) divulgazione scientificamente corretta, non pedante e gradevole; 2) scelta di argomenti che rispondano a quanto incluso nei programmi scolastici dei cicli e che permettano all’insegnante di usufruire della più specifica professionalità della “guida”; 3) flessibilità dell’offerta didattica, pronta ad adeguarsi a motivate richieste della “utenza-scuola” e ai cambiamenti dei programmi didattici. Il nucleo delle “guide” si pose anche l’impegno di dare ai nuovi percorsi e a quelli precedenti una forma precisa, stabilendo: 1) classe di utenza a cui erano destinati; 2) obiettivi didattici da raggiungere; 3) sviluppo delle “tappe” didattiche all’interno di ogni percorso e tipologia/ allestimento del materiale esplicativo da utilizzarsi da parte della “guida”; 4) realizzazione di materiale didattico da consegnare all’insegnante, allo scopo di permettere all’insegnante stesso di “ridefinire” in classe gli obiettivi raggiunti, consolidare l’apprendimento degli alunni ed eventualmente trarre spunti per procedere in proprio sul tema trattato. Oggi sono mediamente circa 200 le classi che ogni anno usufruiscono dell’offerta didattica.In collaborazione con:Docenti, ricercatori e personale tecnico Orto BotanicoAssessorato Istruzione Comune di ModenaProvincia di ModenaANNO 2006 ITINERARI(1/1,5 ora all’Orto)1. Gli abitanti dell’Orto - It. Generale – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore2. Le piante, i colori, le forme e gli odori… - It. Sensi – Scuola Infanzia – S. Elementare 1° ciclo 3. Storie di piante del Piccolo Popolo - It. Storie (fiabe e favole) – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare 1° ciclo4. Piante, miti e Magia - It. Storie (mitologia e tradizioni) e Proprietà Piante – Scuola Elementare 2° ciclo5. Piante, polline & C. - It. Riproduzione – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore6. Le piante di qui - It. Piante Autoctone – Scuola Media – S. Superiore7. Adattamenti e Difese delle piante - It. Adattamenti – Scuola Media – S. SuperioreMINILABORATORI(2 ore all’Orto)1. Riconoscere e classificare gli alberi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media2. La Fotosintesi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media3. Officina Botanica – Inverno – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare4. Propagazione in vitro di piante spontanee e coltivate – Scuola Media – S. SuperioreLABORATORI(2 ore in classe + 2 ore all’Orto)1. Polline – Scuola Superiore2. L'Erbario in classe – Scuola Elementare 2° ciclo - S. Media


2006 - Il Giardino delle Duchesse del Palazzo Ducale Estense di Ferrara da Ercole I (XV sec.) ad oggi: basi archeobotaniche e storico-archeologiche per la ricostruzione del giardino [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola; G., Trevisan Grandi; C. A., Accorsi; C., Guarnieri; C., Vallini; F., Scafuri
abstract

Il Giardino delle Duchesse a Ferrara, realizzato tra il 1473 ed il 1481 da Ercole I d’Este, veniva descritto come un luogo paradisiaco. Alla fine del ‘400 il giardino era caratterizzato da piante da frutto, ornamentali e siepi di bosso in figure geometriche. Agli inizi del ‘600 il giardino ospitava fruttiferi, cipressi, erbe medicinali, bosso scolpito, un pozzo marmoreo e un percorso pavimentato che suddivideva il giardino in quattro parti uguali. A partire dal ‘600 per il giardino cominciò un lento degrado e nel ‘700 non ne rimaneva che il ricordo. Il Comune di Ferrara, oggi, ha rilevato l’area per ricreare un giardino estense fruibile dal pubblico. A tale scopo sono stati analizzati campioni pollinici e carpologici (collocabili tra fine ‘400 – fine ’600) dagli scavi archeologici del sito e campioni carpologici dal riempimento di una vasca di scarico del Palazzo Ducale, vicina e coeva alla fase iniziale del Giardino. Gli spettri pollinici presentano una buona ricchezza floristica (quasi 200 tipi) e comprendono taxa arboreo/arbustivi riconducibili ad arredo verde e numerose erbacee con possibile utilizzo ornamentale. Un sostegno alle analisi polliniche viene da quelle carpologiche; diverse entità polliniche sono testimoniate da semi/frutti, talora da foglie.


2006 - Il Mese della Scienza per ragazzi 2006 Archeologia e Geologia 9 ottobre - 5 novembre 2006 Biblioteche Comune di Modena [Mostra]
W., Martinelli; I., Pulini; C., Zanasi; Cardarelli, Andrea; Marchetti, Mauro; Bosi, Giovanna
abstract

Un mese denso di mostre, attività, laboratori, incontri su archeologia, archeobotanica e geologia dedicati ai ragazzi sul territorio comunale di Modena


2006 - Itinerari e Laboratori all'Orto Botanico 2. Le piante narrate: tre Itinerari (Storie di piante del Piccolo Popolo - le piante raccontano - Le Erbe magiche) [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna; Ronconi, Liliana; Serventi, Paolo; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide Orto Botanico di Modena continua nell’esposizione delle attività didattiche rivolte alle Scuole. In questo contributo sono presi in esame i tre Itinerari che trattano di piante e storie, leggende, miti, magie, favole e fiabe legate ad esse. A guisa di esempio è proposto il nocciolo (Corylus avellana L.), essenza presente in tutti e tre i percorsi esposti.


2006 - Itinerari e Laboratori all'Orto Botanico: 4. Piante, Polline & C. e Laboratorio polline: due attività per far conoscere il microscopico mondo del polline [Articolo su rivista]
Barbieri, Giovanna; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide Orto Botanico di Modena continua nell'esposizione delle attività didattiche rivolte alle Scuole. In questo contributo sono prese in esame le due attività inerenti al polline.


2006 - La frutta sulle tavole medievali e rinascimentali emiliane: testimonianze carpologiche dai siti archeologici [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna
abstract

A review of carpological records dated to Mediaeval/Reinassance period in the Emilia Romagna region is presented, focusing on records of fruit (in the common sense of edible fruits). The records come from 7 archaeological sites located in 3 plain provinces. Altogether, 36 species were recognised (plus 4 carpological taxa) belonging to 23 genera and 14 families. In this article the fruit processing and consumption of the cultivated and wild plants, , is discussed. An attempt to reconstruct the cultural landscape of the fruit plants on the basis of taphonomical and archaeological data was carried out too.


2006 - Lo spettro carpologico del vano sotterraneo di scarico USM5 del monastero di S. Antonio in Polesine: qualche notizia botanica sulla dieta bassomedievale e sull’assetto degli spazi interni. In: (a cura di) , Firenze, pp 189-192. ISBN [Capitolo/Saggio]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Partendo dai reperti archeocarpologici trovati nella discarica chiusa del monastero benedettino di S. Antonio a Ferrara, alcune notizie su dieta e orti


2006 - Percorsi e Laboratori all’Orto Botanico di Modena: oltre vent’anni di storia e nuove proposte [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna; Ronconi, Liliana; Dallai, Daniele; Mazzanti, Marta
abstract

Percorsi e Laboratori all’Orto Botanico di Modena: oltre vent’anni di storia e nuove proposte


2006 - Portulaca oleracea L. fra il Periodo Romano e il Rinascimento in Emilia Romagna: informazioni dai reperti archeocarpologici [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Using archaeobotanical data and morfo-biometric analyses of subfossil seeds, it has been into considerations the history of Portulaca oleracea in Emilia Romagna from the Roman period to the Renaissance, with particular attention to the question of the discrimination between P. oleracea subsp. sativa and P. oleracea subsp. oleracea. A short taxonomical framing and ethnobotanical data about species of that period are also shown.


2006 - Reperti carpologici in due boccali (Convento benedettino di S. Antonio in Polesine - Ferrara, fine XV-XVI sec. d.C.): possibili documenti di antiche preparazioni officinali [Relazione in Atti di Convegno]
Romagnoli, Carlo; Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

During the archaeological excavations in the Benedictine Convent of S. Antonio in Polesine- FE, were collected six vessels dated back to the end of XV and the begin of XVI century. Results of archaeocarpological analyses carried out in their fills (and in the sediments round the vessels), were reported. Only two vessels (Pot n° 1 – US 46 and Pot n° 5 – US 420) contained seeds/fruits and the aim of this work was to identify the plant species and the most probably use of the content of each vessel. The seeds/fruits (sf), in mediocre conservation state, belonged to few and different taxa. All the taxa were common medicinal plants. This fact, together with various other clues, indicated that their presence in the vessels was not casual, but that they were introduced with a precise aim; we hypothesized that the vessel probably contained preparations for therapeutical use. In particular we think that the plants contained in the Pot n° 1 (Ficus carica, Galium cf. aparine, Sambucus ebulus, Umbelliferae) probably could be used as a topic remedy for skin diseases. The Pot n° 5 contained, instead, abundant sf of five plants (Chenopodium/Atriplex, Euphorbia peplus, Malva sp., Mercurialis annua, Portulaca oleracea); for all these species it was possible to found a synergic action, on the gastro enteric apparatus. So our hypothesis was that this preparation possessed strong cathartic action due to Euphorbia peplus, and Mercurialis annua, alleviated by the antispasmolytic action of the other plants. In conclusion, even if we are conscious that may appear hazardous our attempt to understand the possible therapeutic use of these mixtures prepared long time ago with different knowledges and way of life, we retain that our hypothesis, based on the reference to books dated back to that age, could be enough realistic and not in contrast with the current knowledgements on these plants.


2006 - Semi e frutti in boccali del monastero benedettino di S. Antonio in Polesine: indizi di antiche preparazioni officinali? [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Romagnoli, Carlo
abstract

La presenza di semi e frutti all'interno di boccali rinvenuti in indagini archeologiche presso il monastero benedettino di S. Antonio a Ferrara, ha portato ad ipotesi di antiche preparazioni officinali


2006 - Soils under bilberry in the Frignano area (Modena Apennine) [Articolo su rivista]
Marchetto, Patrizia; Laurora, Angela; Malferrari, Daniele; Brigatti, Maria Franca; Bosi, Giovanna
abstract

nd


2006 - The Duchesses Garden of the Ducal Palace at Ferrara, from Ercole I d’Este (15th cent. AD) to the current time: archaeobotanical and historical-archaeological reconstruction. [Poster]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Accorsi, C. A.; Mercuri, Anna Maria; Torri, Paola; TREVISAN GRANDI, G.; Guarnieri, C.; Vallini, C.
abstract

.


2006 - The Greek-Roman Theatre of Taormina:pollen and microanthracological data for the proposalof an ‘Historical Green Park’ [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; F., Terranova; Torri, Paola; G., Trevisan Grandi; Montecchi, Maria Chiara; Olmi, Linda
abstract

Sono presentati i dati relativi alle analisi polliniche e microantracologiche delle carote TaOr-orchestra e TaSc-scaenacampionate all’interno del Teatro Greco-Romano di Taormina che fu probabilmente costruito nel III sec. a.C., inepoca greca, e poi ristrutturato in epoca romana. Le analisi hanno lo scopo di migliorare le conoscenze sulla florache caratterizzò il sito e i suoi dintorni in passato, e di offrire la base scientifica per la realizzazione di un parco con‘verde storico’ all’interno e in vicinanza del teatro. Purtroppo, le carote non hanno fornito sequenze indisturbate perchécostituite in gran parte da materiale di riporto. Ciononostante, le analisi relative ai due punti di campionamentohanno permesso di ottenere una lista floristica coerente, realistica e verosimile. Il confronto con spettri recenti dasuoli superficiali e cuscinetti di muschio raccolti attorno al teatro ha mostrato che la pioggia pollinica attuale registrataè molto diversa da quella registrata nelle carote, soprattutto per la presenza di piante esotiche. Le analisi pollinichesuggeriscono per il parco di Taormina l’utilizzo di siepi di bosso, mirto, rosa e biancospino, e inoltre ginepri ecipressi, piante con frutti eduli come pruni, castagno, noce, vite e olivo, alberi ornamentali quali platano, pini, pioppi,leccio, altre querce, e acanto nelle aiuole.


2006 - The archaeobotanical remains (pollen, seeds/fruits and charcoals) [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna; L., Forlani; Buldrini, Fabrizio
abstract

The Cultural Landscape of the Garamantes through the lens of Archaeobotanical Data (pollen, seeds/fruits and charcoals)


2005 - Frutti/semi della vasca di scarico del Palazzo Ducale di Ferrara (seconda metà XV sec. d.C.) [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; C., Guarnieri; Mazzanti, Marta
abstract

Primo quadro emerso dall'analisi dei macroresti vegetali presenti nella vasca di scarico di rifiuti del Palazzo Ducale estense a Ferrara (XV se. d.C.); informazioni sull'alimentazione e altro di una corte rinascimentale


2005 - ITINERARI E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE ALL'ORTO BOTANICO anno 2005/2006 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Alla fine degli anni ‘90 alcune giovani laureate presso l’Istituto Botanico di Modena, costituitesi nel Gruppo Guide Orto Botanico, partendo da precedenti esperienze, progettarono nuovi percorsi tenendo presenti alcune “idee” di base: a) diffondere nelle scuole la “cultura botanica”, a volte relegata in secondo piano nei programmi didattici; b) diffondere l’abitudine a conoscere, quindi apprezzare, proteggere e conservare l’Orto Botanico, patrimonio dell'Università e della città di Modena; c) diffondere in modo accessibile alcune ricerche nell'ambito della Botanica, per fare da tramite tra la ricerca botanica e il mondo della scuola, che comprende coloro che, domani, saranno possibili utenti dell’Università. Accanto a queste “idee”, tre principi sono stati e sono alla base dei percorsi: 1) divulgazione scientificamente corretta, non pedante e gradevole; 2) scelta di argomenti che rispondano a quanto incluso nei programmi scolastici dei cicli e che permettano all’insegnante di usufruire della più specifica professionalità della “guida”; 3) flessibilità dell’offerta didattica, pronta ad adeguarsi a motivate richieste della “utenza-scuola” e ai cambiamenti dei programmi didattici. Il nucleo delle “guide” si pose anche l’impegno di dare ai nuovi percorsi e a quelli precedenti una forma precisa, stabilendo: 1) classe di utenza a cui erano destinati; 2) obiettivi didattici da raggiungere; 3) sviluppo delle “tappe” didattiche all’interno di ogni percorso e tipologia/ allestimento del materiale esplicativo da utilizzarsi da parte della “guida”; 4) realizzazione di materiale didattico da consegnare all’insegnante, allo scopo di permettere all’insegnante stesso di “ridefinire” in classe gli obiettivi raggiunti, consolidare l’apprendimento degli alunni ed eventualmente trarre spunti per procedere in proprio sul tema trattato. Oggi sono mediamente circa 200 le classi che ogni anno usufruiscono dell’offerta didattica.In collaborazione con:Docenti, ricercatori e personale tecnico Orto BotanicoAssessorato Istruzione Comune di ModenaProvincia di ModenaANNO 2005 ITINERARI(1/1,5 ora all’Orto)1. Gli abitanti dell’Orto - It. Generale – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore2. Le piante, i colori, le forme e gli odori… - It. Sensi – Scuola Infanzia – S. Elementare 1° ciclo 3. Storie di piante del Piccolo Popolo - It. Storie (fiabe e favole) – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare 1° ciclo4. Piante, miti e Magia - It. Storie (mitologia e tradizioni) e Proprietà Piante – Scuola Elementare 2° ciclo5. Piante, polline & C. - It. Riproduzione – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore6. Le piante di qui - It. Piante Autoctone – Scuola Media – S. Superiore7. Gli adattamenti delle piante - It. Adattamenti & Risorse – Scuola Media – S. SuperioreMINILABORATORI(2 ore all’Orto)1. Riconoscere e classificare gli alberi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media2. La Fotosintesi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media3. Officina Botanica – Inverno – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare4. Propagazione in vitro di piante spontanee e coltivate – Scuola Media – S. SuperioreLABORATORI(2 ore in classe + 2 ore all’Orto)1. Polline – Scuola Superiore2. L'Erbario in classe – Scuola Elementare 2° ciclo - S. Media


2005 - Itinerari e Laboratori all'Orto Botanico: 1. Officina Botanica Inverno [Articolo su rivista]
Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna; I., Massamba; Ronconi, Liliana; Storci, Maria Chiara; Mazzanti, Marta
abstract

Il Gruppo Guide dell’Orto Botanico presenta una sintesi delle attività didattiche rivolte alle Scuole (itinerari, laboratori e mini-laboratori) ormai bene consolidate e fruite ogni anno da oltre 250 classi di ogni ordine e grado. A ca. 20 anni dall’avvio dell’iniziativa delle “visite guidate”, voluto dalla Prof. Daria Bertolani Marchetti, il Gruppo propone le linee guida seguite nella progettazione degli attuali itinerari/laboratori e i principali obiettivi didattici che i percorsi tendono a raggiungere. E’ proposto l’elenco degli itinerari, laboratori e minilaboratori disponibili e, come primo approfondimento, l’esempio progettuale/ descrittivo del minilaboratorio Officina-Inverno.


2005 - Le legnose dell'Orto Botanico di Modena. I. Taxus L. e Taxus baccata L. [Articolo su rivista]
Torri, Paola; Dallai, Daniele; Bosi, Giovanna; Maffettone, Luigi; Romagnoli, Carlo; Mazzanti, Marta
abstract

Primo contributo alla conoscenza di alcune entità legnose interessanti per aspetto, portamento e maestosità dell'Orto Botanico dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. In questo articolo è presentato il tasso (Taxus baccata L.) meritevole di attenzione sia dal punto di vista botanico che per i suoi molteplici rapporti, passati ed attuali, con l'uomo


2005 - Macroresti vegetali di Aghram Nadharif: Nuove informazioni per la comprensione della civiltà dei Garamanti (I-IV sec. d.C., Libia sud-occidentale) [Relazione in Atti di Convegno]
Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna; Forlani, Luisa; Buldrini, Fabrizio
abstract

Informazioni date dai macroresti vegetali (semi, frutti, legni, carboni) dal sito di Aghram Nadharif in epoca garamantica


2005 - Morfobiometria degli endocarpi di Cornus mas L. nell'Età del Bronzo e nel Periodo Romano in Emilia [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Rinaldi, Rossella
abstract

Confronto fra le misure degli endocarpi dell'Età del Bronzo e del Periodo Romano in Emilia. Valutazioni statistiche e morfologiche


2005 - Paleoeconomia vegetale: origine dell'agricoltura e delle specie coltivate [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria
abstract

La storia e le metodiche dell'archeocarpologia in un testo didattico-scientifico rivolto a docenti, studenti ed operatori nell'ambito dei Beni Culturali


2005 - Plant use in a city in Northern Italy during the Late Medieval and Reinaissance periods: results of the archaeobotanical investigation of "The Mirror Pit" (14th - 15 th century A.D.) in Ferrara [Articolo su rivista]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi; C., Guarnieri
abstract

Results are presented from archaeocarpological analyses carried out in ‘The Mirror Pit’, a rectangular pit, situated in the city of Ferrara, in Emilia Romagna - Northern Italy. The study is part of wider research focused on the Mediaeval period of this city. The pit belongs to a building which was in use from the second half of 14th to the end of 15th century A.D. The pit itself was filled with domestic rubbish during a few years in the middle of the 15th century. The layers were preserved by waterlogging and are therefore extraordinarily rich in organic remains and artifacts, among which was the beautiful spherical mirror which gave its name to the pit. Approximately 256,000 well-preserved seeds and fruits belonging to 98 species or carpological types were identified in 12 litres of sediment from the different layers. Ficus carica, Brassica rapa subsp. rapa/subsp. sylvestris and Vitis vinifera subsp. vinifera prevailed. Many cultivated plants and weeds were present, together with a smaller number of wild plants of wet environments and woodlands. Altogether they provided much new information on the diet (cultivated and wild fruits, cereals and pulses, vegetables, spices and medicinal/fibre/oil plants) of the middle to upper class inhabitants of a city in Northern Italy during the Renaissance period. The records also yielded evidence of domestic activities such as winemaking, oil making, mustard making and other kitchen practices.


2005 - Semi, frutti e annessi fiorali: l'archeocarpologia [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria
abstract

La storia e le metodiche dell'archeocarpologia in un testo didattico-scientifico rivolto a docenti, studenti ed operatori nell'ambito dei Beni Culturali


2005 - XV Settimana della Cultura Scientifica - Acqua è vita - ORTO BOTANICO marzo 2005 Orto Botanico [Esposizione]
DEL PRETE, Carlo; Bosi, Giovanna; Maffettone, Luigi; Torri, Paola; Sgarbi, Elisabetta; Trevisan, Giuliana
abstract

Mostre: "Piante e acqua" - "Le piante acquatiche: usi e curiosità" - "Elodea peste d'acqua"Conferenza: "Gli adattementi delle piante all'ambiente"Laboratori: "Il polline di piante d'acqua" - "Allestimento di una vasca per piante acquatiche" (con L. Maffettone, C. Baraccani, P. Gibertini, T. Toni)


2004 - Analisi polliniche e microantracologiche al Teatro Antico di Taormina: primi dati [Capitolo/Saggio]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; F., Terranova; Torri, Paola; Trevisan, Giuliana; A., Valenti
abstract

Primi dati sui pollini e i microcarboni da saggi effettuati nel teatro antico di Taormina


2004 - Conchiglie-meraviglie di un mondo sconosciuto [Esposizione]
Russo, Antonio; Vescogni, Alessandro; Serventi, Paolo; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Ferretti, Annalisa; Guioli, S.; Papazzoni, Cesare Andrea; Corradini, Domenico; Corradini, Elena; Padovani, Veronica; Leonardi, Giancarlo
abstract

Mostra dedicata al mondo delle conchiglie. La storia evolutiva dei molluschi dalla loro origine fino ai giorni nostri. Vengono esaminati tutti gli aspetti della tematica: paleontologia, paleoecologia, paleogeografia, mitologia, l'importanza alimentare e di costume


2004 - ITINERARI E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE ALL'ORTO BOTANICO anno 2004/2005 [Esposizione]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Barbieri, Giovanna
abstract

Alla fine degli anni ‘90 alcune giovani laureate presso l’Istituto Botanico di Modena, costituitesi nel Gruppo Guide Orto Botanico, partendo da precedenti esperienze, progettarono nuovi percorsi tenendo presenti alcune “idee” di base: a) diffondere nelle scuole la “cultura botanica”, a volte relegata in secondo piano nei programmi didattici; b) diffondere l’abitudine a conoscere, quindi apprezzare, proteggere e conservare l’Orto Botanico, patrimonio dell'Università e della città di Modena; c) diffondere in modo accessibile alcune ricerche nell'ambito della Botanica, per fare da tramite tra la ricerca botanica e il mondo della scuola, che comprende coloro che, domani, saranno possibili utenti dell’Università. Accanto a queste “idee”, tre principi sono stati e sono alla base dei percorsi: 1) divulgazione scientificamente corretta, non pedante e gradevole; 2) scelta di argomenti che rispondano a quanto incluso nei programmi scolastici dei cicli e che permettano all’insegnante di usufruire della più specifica professionalità della “guida”; 3) flessibilità dell’offerta didattica, pronta ad adeguarsi a motivate richieste della “utenza-scuola” e ai cambiamenti dei programmi didattici. Il nucleo delle “guide” si pose anche l’impegno di dare ai nuovi percorsi e a quelli precedenti una forma precisa, stabilendo: 1) classe di utenza a cui erano destinati; 2) obiettivi didattici da raggiungere; 3) sviluppo delle “tappe” didattiche all’interno di ogni percorso e tipologia/ allestimento del materiale esplicativo da utilizzarsi da parte della “guida”; 4) realizzazione di materiale didattico da consegnare all’insegnante, allo scopo di permettere all’insegnante stesso di “ridefinire” in classe gli obiettivi raggiunti, consolidare l’apprendimento degli alunni ed eventualmente trarre spunti per procedere in proprio sul tema trattato. Oggi sono mediamente circa 200 le classi che ogni anno usufruiscono dell’offerta didattica.In collaborazione con:Docenti, ricercatori e personale tecnico Orto BotanicoAssessorato Istruzione Comune di ModenaProvincia di ModenaITINERARI(1/1,5 ora all’Orto)1.Gli abitanti dell’Orto - It. Generale – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore2.Le piante, i colori, le forme e gli odori… - It. Sensi – Scuola Infanzia – S. Elementare 1° ciclo 3.Storie di piante del Piccolo Popolo - It. Storie (fiabe e favole) – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare 1° ciclo4.Le piante raccontano - It. Storie (mitologia e tradizioni) – Scuola Elementare 2° ciclo5.Le Erbe magiche - It. Proprietà Piante – Scuola Elementare 2° ciclo6.Piante, polline & C. - It. Riproduzione – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media – S. Superiore7.Le piante di qui - It. Piante Autoctone – Scuola Media – S. Superiore8.Gli adattamenti delle piante - It. Adattamenti & Risorse – Scuola Media – S. SuperioreMINILABORATORI(2 ore all’Orto)1.L’Erbario – Scuola Media – S. Superiore2.Riconoscere e classificare gli alberi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media3.La Fotosintesi – Scuola Elementare 2° ciclo – S. Media4.Officina Botanica – Inverno – Scuola Infanzia 5 anni – S. Elementare5. Le Stagioni dell’Orto (2 + 2 + 2 ore) – Scuola Elementare 6.Le piante officinali e l’Orto dei Semplici – Scuola Media – S. SuperioreLABORATORI(2 ore in classe + 2 ore all’Orto)1.Polline – Scuola Superiore2.Biondicatori vegetali – Scuola Superiore


2004 - Il Parco Archeologico della Terramara di Montale (1650 - 1200 a.C. - Nord Italia): il contributo delle ricerche archeobotaniche [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Trevisan, Giuliana
abstract

Il Parco Archeologico della Terramara di Montale (1650 - 1200 a.C. - Nord Italia): il contributo delle ricerche archeobotaniche


2004 - Le evidenze archeobotaniche [Capitolo/Saggio]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; M., Marchesini; Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana
abstract

I dati archeobotanici provenienti dagli scavi della Terramara di Montale utilizzati per la realizzazione del Museo e Parco Archeologico nella medesima area ed esposti nella guida


2004 - Preliminary pollen diagram of Terramara di Montale - profile 1 (Bronze Age - Emilia Romagna, Italy) and 3 models for museological exhibition [Abstract in Rivista]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Marchesini, Marco; Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana
abstract

Preliminary pollen diagram of Terramara di Montale - profile 1 (Bronze Age - Emilia Romagna, Italy) and 3 models for museological exhibition


2004 - Seeds and fruits of Ferrara (Northern Italy) from Medieval to Reinassance age (X-XVI cent. A.D.) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Seeds and fruits of Ferrara (Northern Italy) from Medieval to Reinassance age (X-XVI cent. A.D.)


2004 - Seeds and fruits of Ferrara (Northern Italy) from Medieval to Reinassance age (X-XVI cent. A.D.) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Seeds and fruits of Ferrara (Northern Italy) from Medieval to Reinassance age (X-XVI cent. A.D.)


2004 - The archaeobotanical research at the Terramara di Montale (1650 - 1200 B.C. - Northern Italy) and its contribution to the Archaeological Park [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Trevisan, Giuliana
abstract

The archaeobotanical research at the Terramara di Montale (1650 - 1200 B.C. - Northern Italy) and its contribution to the Archaeological Park


2004 - The plant remains from the Etruscan-Celtic Village (IV-II th cent. B.C.) of "Pianella di Monte Savino" - Monte Bibele (Northern Italy) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; L., Forlani
abstract

The plant remains from the Etruscan-Celtic Village (IV-II th cent. B.C.) of "Pianella di Monte Savino" - Monte Bibele (Northern Italy)


2004 - XIV Settimana della Cultura Scientifica e tecnologica - Impronte di Clima - ORTO BOTANICO marzo 2004 Orto Botanico [Esposizione]
Accorsi, Carla Alberta; Dallai, Daniele; Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Barbieri, Giovanna; Sgarbi, Elisabetta; Baroni, Roberta; DEL PRETE, Carlo
abstract

Mostra - I pollini parlano di climaLaboratorio - Laboratori aperti di PalinologiaProgetti - Controlliamo i pollini in aria con la "pilla areobiologica" (con Liceo Scientifico Statale A. Tassoni di Modena) - Chi semina raccoglie...nell'orto della scuola (con la Scuola Elementare Statale P.L. da Palestrina di Modena)Itinerario - Piante, ambiente e clima: lo spettacolo vivente delle forme e dei colori


2003 - La collezione museale archeobotanica della Terramara di Montale (Bronzo Medio - Bronzo recente). Sezione I - I modelli di tipi pollinici di cereali [Abstract in Atti di Convegno]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Barberini, Ercole; Bosi, Giovanna; C., Gianaroli; Mercuri, Anna Maria; Trevisan, Giuliana
abstract

La collezione museale archeobotanica della Terramara di Montale (Bronzo Medio - Bronzo recente). Sezione I - I modelli di tipi pollinici di cereali


2003 - Lo studio dei semi e dei frutti nei siti archeologici [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco
abstract

Storia, metodiche di recupero e di studio dell'Archeocarpologia in un volume destinato principalmente a studenti dei Corsi in beni Culturali


2003 - “Rifiuti vegetali” e costumi alimentari nella Ferrara del XIV-XV secolo (semi e frutti dalla Cisterna dello Specchio e prime analisi delle cisterne di Palazzo Ducale) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta
abstract

“Rifiuti vegetali” e costumi alimentari nella Ferrara del XIV-XV secolo (semi e frutti dalla Cisterna dello Specchio e prime analisi delle cisterne di Palazzo Ducale)


2002 - A high resolution pollen record of the Younger Dryas cold event from core RF95-13, Central Adriatic shelf. [Poster]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, C. A.; Asioli, A.; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Calzolari, A.; Trincardi, F.
abstract

Studio sulla carota ad alta risoluzione RF95-13


2002 - Archeobotanica a San Marino: pollini, semi e frutti, legni e carboni dell'insediamento goto di Fiorina di Domagnano (VI sec. d.C.) [Abstract in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Archeobotanica a San Marino: pollini, semi e frutti, legni e carboni dell'insediamento goto di Fiorina di Domagnano (VI sec. d.C.)


2002 - Manufatti lignei di Ferrara tardo-medievale (X-XV sec. d.C.): 1 - oggetti da cucina e oggetti personali [Abstract in Atti di Convegno]
L., Forlani; B., Zama; C., Guarnieri; Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Manufatti lignei di Ferrara tardo-medievale (X-XV sec. d.C.): 1 - oggetti da cucina e oggetti personali


2002 - Semi e frutti del pozzo di Cognento (Modena) dal periodo tardo romano all'età moderna [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Marchesini, Marco; S., Marvelli; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Dati archeocarpologici da un pozzo deposito di Cognento (MO) dal periodo tardo romano all'età modena


2002 - Semi e frutti rinvenuti in buche medievali a Parma (XI - XIII sec. d.C.) [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Semi e frutti rinvenuti in buche medievali a Parma (XI - XIII sec. d.C.)


2002 - Vuoi imparare a conoscere i Regni Floristici? ... Giochiamo insieme [Abstract in Atti di Convegno]
Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna
abstract

Gioco per le scuole per imparare i Regni Floristici


2001 - "The archaeobotanical archive: plants used by man (which, where, how, when?)" - What fruits did Romans eat in Emilia Romagna (Northern Italy)? Some responses from seeds and fruits [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Marchesini, Marco; Mercuri, Anna Maria
abstract

SIntesi di dati archeobotanici su semi e frutti da numerosi siti archeologici dell'Emilia Romagna


2001 - A high resolution pollen record of the Younger Dryas cold event from core RF95-13, Central Adriatic shelf [Abstract in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta; A., Asioli; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; A., Calzolari; F., Trincardi
abstract

A high resolution pollen record of the Younger Dryas cold event from core RF95-13, Central Adriatic shelf


2001 - La Cisterna dello Specchio e il suo contenuto archeocarpologico: uno spaccato di vita domestica nella Ferrara basso-medievale [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mazzanti, Marta
abstract

Reperti archeocarpologici da una vasca di scarico di rifiuti medievale a Ferrara


2001 - La Xiloteca Storica dell'Orto Botanico dell'Università di Modena e Reggio Emilia: interventi di recupero e valorizzazione museale [Articolo su rivista]
Dallai, Daniele; Maffettone, Luigi; Barberini, Ercole; Bosi, Giovanna; DEL PRETE, Carlo; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Nell'ambito dei progetti di valorizzazione museale delle collezioni storiche, in corso presso l'Orto Botanico dell'Università di Modena e Reggio Emilia, recenti interventi hanno riguardato la xiloteca storica e, in particolare, 341 campioni di legno acquisiti nel periodo 1890-1969, provenienti sia da esemplari abbattuti nell'Orto Botanico modenenese che da raccolte effettuate in natura oppure da donazioni da parte di istituzioni o privati. Il recupero di questa parte di xiloteca storica ha richiesto interventi di restauro e catalogazione, nonchè azioni di valorizzazione per esporre al pubblico la collezione, nell'ambito delle attività di diffusione della cultura scientifica che l'Orto Botanico in questi anni sta svolgendo e potenziando.


2001 - Primi dati archeobotanici a Domagnano: I legni e i carboni ((II-VI sec. d.C.) [Capitolo/Saggio]
Marchesini, Marco; Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna
abstract

Primi dati sui legni e carboni provenienti dallo scavo di periodo romano-goto di Domagnano (San Marino)


2001 - Primi dati archeobotanici a Domagnano: I pollini (I- VI sec. d.C.) [Capitolo/Saggio]
Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Mazzanti, Marta; Trevisan, Giuliana; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Primi dati pollinici da campioni provenienti dal sito romano-goto di Domagnano (San Marino)


2001 - Primi dati archeobotanici a Domagnano: I semi e i frutti (prima metà del VI sec. d.C.). [Capitolo/Saggio]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Primi dati sui semi e frutti provenienti da un pozzo del sito romano-goto di Domagnano a San Marino.


2001 - Quale frutta circolava sulle tavole emiliano-romagnole nel periodo romano? Suggerimenti dai semi e frutti rinvenuti in siti archeologici. [Articolo su rivista]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; M., Marchesini; Mercuri, Anna Maria; C. A., Accorsi
abstract

Le ricerche archeocarpologiche condotte in siti archeologici emiliano-romagnoli di età romana hanno fornito reperti in gran numero e assai diversificati dal punto di vista floristico. Viene qui presentata una breve rassegna dei reperti di "frutta?, che rappresentano una parte non trascurabile tra i reperti (semi/frutti) studiati. I reperti provengono da 11 siti (dati editi e inediti), collocati in 6 provincie, in area planiziale. La cronologia, su basi archeologiche e datazioni radiometriche, va dal II sec. a.C. al VII sec. d. C. I reperti sono stati ripartiti in tre fasi: 1) repubblicana (2 siti; II-I sec. a.C.); 2) imperiale (6 siti; I-IV sec. d.C.); 3) tardo antica (4 siti; V-VII sec. d.C.). Globalmente sono stati identificati 23 taxa specifici o infraspecifici (22 specie più un tipo carpologico corrispondente a un gruppo di specie), appartenenti a 15 generi e 9 famiglie, che rappresentano ca. 1/10 dell?intera lista floristica carpologica del periodo romano. In maggioranza si tratta di frutta coltivata o di probabile coltura in qualche momento del periodo romano (16 tipi: ciliegia, corniola, cocomero, fico, fragola, mandorla, mela ,mirabolana, noce, pera, pesca, pinolo, sorba del Sorbo comune, susina, susina damascena, uva), accompagnati da alcuni frutti spontanei (7 tipi: ciliegia canina, frutto del Biancospino, frutto del Sambuco nero, mora del Rovo, nocciola, prugnola, sorba del Ciavardello). Nel periodo repubblicano sono presenti 11 tipi di frutta (7 di frutta coltivata o di probabile coltura, 4 di frutta spontanea), fra le quali prevalgono quantitativamente uva e fichi, seguiti da fragole, mele, pere, ciliegie dolci, ecc., tutte specie native, con dubbi per il Fico. Nella fase imperiale aumenta la varietà (18 tipi di frutta: 14 di frutta coltivata o di probabile coltura e 4 di frutta spontanea), soprattutto si diversificano le Prunoideae e compaiono alcune esotiche (cocomero, mandorla, mirabolana, pesca). Nella fase tardo antica la varietà della frutta cala (13 tipi: 8 di frutta coltivata o di probabile coltura e 5 spontanei) e fra le Prunoideae restano solo la susina damascena e la pesca. I reperti suggeriscono che nel periodo romano possono essere trovate le radici di alcuni tratti della nostra alimentazione e anche dell'attuale paesaggio colturale planiziario della nostra regione, in particolare quelle dei vigneti e dei frutteti a prunoidee.


2001 - “The archaeobotanical archive: plants used by man (which, were, how, when?)”. What fruits did Romans eat in Emilia Romagna (Northern Italy)? Some responses from seeds and fruits [Relazione in Atti di Convegno]
Mazzanti, Marta; Mercuri, Anna Maria; Bosi, Giovanna; Marchesini, Marco; Accorsi, Carla Alberta
abstract

In the last ten years, an increasing number of studies concerning seeds and fruits recorded in archaeological sites of the Emilia Romagna region were carried out thanks to the co-operation between our laboratory and the Soprintendenza Archeologica. The archaeological sites involved dated from the Neolithic to the Modern Age. On the whole, the seeds and fruits studied were several hundred thousands and their floristic list includes hundreds of species/carpological types. Many of them belong to plants producing ‘fruits’ (in the common – not strictly botanical - sense of the word). In the Roman times, these records increased suggesting that fruit became an important and habitual food on the tables of Emilia Romagna, during that period. This paper presents a brief review of the ‘fruit’ records found in 11 archaeological sites of the region dated in the Roman period, based on published and unpublished data. Other information and references can be found in a more detailed paper


2000 - La frutta sulle tavole dell'Emilia Romagna nel Periodo Romano in base alle ricerche carpologiche [Abstract in Atti di Convegno]
Bosi, Giovanna; Mercuri, Anna Maria; Marchesini, Marco; Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta
abstract

La frutta sulle tavole dell'Emilia Romagna nel Periodo Romano in base alle ricerche carpologiche


1999 - Palinologia, questa sconosciuta...o no? [Relazione in Atti di Convegno]
Trevisan, Giuliana; Bosi, Giovanna
abstract

In questo lavoro sono presentati scheda e primi risultati di un sondaggio condotto su studenti di scuole elementari, medie inferiori e superiori e studenti universitari. Il tema era quello della Palinologia e la conoscenza del microscopico mondo del Polline. la Palinologia risulta essere una scienza ancora avvolta da una certa nebulosità, e per questo sarebbe auspicabile una sua maggior presenza a tutti i livelli scolastici di ogni ordine e grado.


1999 - Seeds and fruits from the town of Ferrara (Emilia Romagna - Northern Italy) in the Middle Age (X - XII cent. A.D.) [Relazione in Atti di Convegno]
Mercuri, Anna Maria; E., Gasparini; Bosi, Giovanna; C., Guarnieri; Mazzanti, Marta
abstract

Dati archeobotanici (carpologici) dallo scavo di Porta Reno (Ferrara)


1997 - Archaebotany of the Cognento hiding well (Modena; northern Italy; 34 m a.s.l.; 44°38'12'' N 10°35'2'' E; late roman - modern age) [Relazione in Atti di Convegno]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Forlani, Luisa; Giordani, Nicoletta; Marchesini, Marco; S., Marvelli; Bosi, Giovanna
abstract

Archaebotany of the Cognento hiding well (Modena; northern Italy; 34 m a.s.l.; 44°38'12'' N 10°35'2'' E; late roman - modern age)


1995 - Archaeobotany of the Cognento hiding well (Modena; Northern Italy; 34 m a.s.l.; 44°40' N 10°55' E; Late Roman - Modern Age) [Abstract in Atti di Convegno]
Accorsi, Carla Alberta; Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; L., Forlani; L., Giordani; Marchesini, Marco; S., Marvelli
abstract

Archaeobotany of the Cognento hiding well (Modena, Emilia Romagna; Late Roman - Modern Age)


1993 - Archaeobotany: cereal pollen and caryopses in Subatlantic archaeological sites of Emilia Romagna (Northern Italy) [Abstract in Rivista]
Mazzanti, Marta; Bosi, Giovanna; Torri, Paola; Accorsi, Carla Alberta
abstract

Cereal pollen and caryopses in archaeological sites of Emilia Romagna