Nuova ricerca

Giovanna GALLI

Professore Ordinario presso: Dipartimento di Comunicazione ed Economia


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2020 - An Online Education System to Produce and Distribute Video Lectures [Articolo su rivista]
Furini, Marco; Galli, Giovanna; Martini, Maria Cristiana
abstract

Nowadays, the term “student” embraces people with different needs and lifestyles (e.g., people with part-time or full-time jobs, people with some forms of disabilities, etc.) and, in the attempt to reach out to these students, many educational institutes are recording and releasing classroom lessons. In this paper, we share our experience building ONELab, a system designed to capture, record, edit and stream video lectures. ONELab was designed to provide flexibility to educational contents (i.e., no time and geographical constraints) and to improve the students’ learning process. Moreover, the system had to be scalable and cost-effective. The system has been used in the 2017-18 Academic Year to manage the 49 courses offered by the five-degree programs available at our Department. In numbers, it supported 1,251 students and produced 1,376 video lectures (for a total of 2,064 hours). The usage analysis showed that students want to adapt the learning process to their lifestyle and showed that students who used ONELab acquired more credits (+119%) and had better grades (+9.4%) than those who did not use the system.


2019 - Offshoring e Reshoring nelle strategie di internazionalizzazione [Monografia/Trattato scientifico]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

Il reshoring, ossia la decisione d’impresa di riportare tutte o parte delle attività precedentemente delocalizzate nel Paese di origine, è un fenomeno recente in grado di attrarre l’interesse di studiosi e manager, così come di istituzioni e policy maker, per le potenziali ricadute positive ad esso connesse. Questo volume affronta il tema del reshoring, concentrando l’attenzione su uno dei principali stakeholder d’impresa fino ad ora non esplicitamente considerato in questo ambito, ovvero il lavoratore dipendente. Si utilizzerà questa specifica prospettiva per leggere ed approfondire il reshoring e le sue ricadute. Il fine è di esaminare in che termini il lavoratore è orientato a premiare l’impresa che ritorna a produrre nel Paese di origine, analizzandone alcune risposte specifiche e i meccanismi che le attivano. Le evidenze empiriche illustrate nel volume si basano su un caso reale, implementato da un’impresa italiana, leader nel comparto della meccanica agricola, che ha sviluppato e concluso la rilocalizzazione di tutte le attività produttive in Italia. Sono analizzate le opinioni dei dipendenti dell’impresa stessa; da questi dati primari sono tratte considerazioni utili all’avanzamento della comprensione del reshoring e dei suoi risvolti.


2018 - Argo Tractors: un caso di reshoring di successo [Working paper]
Bursi, T.; Galli, G.; Scaccaglia, S.
abstract

Il reshoring è un fenomeno che suscita crescente interesse sia in ambito accademico che istituzionale, e consiste nella decisione di riportare in Patria attività precedentemente delocalizzate. Può essere motivato dal perseguimento di vantaggi di diversa natura, non solo economica. L’emergere recente del fenomeno richiede approfondimenti per potere coglierne i risvolti in maggior dettaglio. Questo lavoro mira ad approfondire il caso di rilocalizzazione produttiva implementato da una nota impresa italiana, annoverabile tra i player mondiali del settore della agro-meccanica, che ha deciso di rilocalizzare tutte le attività produttive in Italia.


2018 - Brand Extension Acceptability in Food and Beverage Product Categories [Relazione in Atti di Convegno]
Martini, Maria Cristiana; Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello
abstract

Brand extension is a powerful marketing strategy that allows firms to offer new product categories, taking advantage from the original brand name and its positive associations. It helps firms to launch new products without the risks connected to the introduction of a new brand in the market. Firms have repeatedly adopted this marketing strategy, not always with success. Moreover, a bad brand extension performance might have negative consequences on the original brand/product, both in terms of brand reputation and market positioning. Indeed, consumers perceived fit, namely the perceived similarity between the core brand product and its extension, has a crucial impact on brand extension acceptability by the market. Because of the important role of consumers’ judgment, the identification of constructs that might support a good similarity perception can help firms to choose appropriate brand extension strategies. This paper presents an exploratory study focused on three products hypothetically introduced on the market by Coca Cola with the same core brand, in order to investigate the role trust might have to foster consumer perceived brand extension acceptability. The experimental set is based on an energy drink, that can be considered as part of the same product category, chips and a chocolate bar, belonging to food category. For each product, consumers acceptability depends on product category fit and brand level fit, both these last two constructs depending in turn on brand trust. The results show that cognitive brand trust can sustain a high product category perceived fit, whereas affective brand trust supports high brand level fit.


2018 - Collective Brands and Intention to Buy: A Preliminary Study on Wine Consumption [Relazione in Atti di Convegno]
Tedeschi, Marcello; Martini, Maria Cristiana; Galli, Giovanna
abstract

Agri-food collective brands are the outcome of long institutional and normative certification paths and aim to guarantee the preservation of tradition and to assert the unicity of products, depending on the area where they are produced or on the origin of their components. Because of their nature, they can be considered as institutional guarantee of goods’ quality standard or of country/region of origin and, more important, they can be considered as instruments to reinforce and better communicate local and traditional products. Because of their potential ability to enhance product uniqueness perception, collective brands could be a powerful tool to preserve and reinforce firm market positioning: indeed, strong positive associations between products and places can highly support marketing success. This paper aims to test how awareness about collective brands impact on consumer intention to buy. More specifically, an empirical study has been carried out on 198 Italian wine consumers, that has been asked to describe their knowledge about wine, their wine consumption patterns, their attitude towards wine consumption, their commitment with the product and their intention to buy collective branded or generic branded wine. Respondents have also been distinguished on the basis of weak, medium or strong associations they were able to elicit about collective brands. Preliminary results show collective brands are preferred in social consumption contexts, as they probably guarantee good product performance and therefore social approval. Moreover, buying intention of consumers with strong associations are mainly driven by emotional judgment, whereas cognitive judgment prevail when consumers show weak collective brands associations.


2018 - Il mercato delle case di legno: analisi strategica di un caso reale [Working paper]
Bursi, T.; Galli, G.
abstract

Il presente lavoro vuole restituire un’analisi strategica di un caso reale di impresa, operante nel settore delle case di legno. Dopo aver delineato le caratteristiche generali del settore in cui l’impresa svolge la propria attività, ne viene approfondito il modello competitivo specifico per individuare possibili vie di sviluppo. L’obiettivo del lavoro è di fornire un caso reale di analisi strategica, condotta su un’impresa che opera sul mercato e che, per motivi di riservatezza, viene mantenuta anonima nell’elaborato.


2018 - OneLab: Online education with minimal human supervision [Relazione in Atti di Convegno]
Furini, Marco; Galli, Giovanna; Martini, Maria Cristiana
abstract

Many educational institutes are recording classroom lessons to improve the students’ learning process. Unfortunately, a simple recording does not necessarily imply benefits. Indeed, when producing video lectures, there are different challenges that must be faced: production costs, accessibility, usability, video indexing, just to name a few. In this paper, we share our experience building ONELab, a system designed to capture, record, edit and stream video lectures. ONELab was designed to be scalable and to have low-cost implementation and maintenance. The system has been used in the 2017-18 Academic Year to manage the 49 courses offered by the five degrees available at our Department. In numbers, it supported 1,054 freshman students and produced 1,376 video lectures (for a total of 2,064 hours). The usage analysis showed that students appreciated the system and a comparative analysis between students who used the system and students who did not use the system, showed that the former passed more exams (+97.8%), had better grades (+8%) and acquired more credits (+105%).


2018 - The Frame Effect Revisited: Is Trust able to Transform People from Risk Averse to Risk Taker? [Relazione in Atti di Convegno]
GALLI, Giovanna; TEDESCHI, Marcello; MARTINI, Maria Cristiana
abstract

When people have to choose between two equivalent options, they prefer the certain one in gain domain and probabilistic one in loss domain: this is the main statement of Tversky and Kahneman (1981) Frame effect. It has been explained through rational choice theory, according to which people tend to underestimate large probabilities and therefore to under-evaluate the expected value of a probabilistic choice. Nevertheless, different literature contributions assert trust is able to reduce risk perception and therefore can drive people towards decisionsthey wouldn’t have taken with high risk perception. If this assertion is generally valid, trust should have impact also on frame effect, at least reducing risk aversion in gain domain. Three preliminary tests have been conducted to measure the impact of trust on risk perception in binary choices. Frame effect has been reproduced in three different scenarios, people having to choose between two alternatives with the same expected value, both in gain and loss domain. Each scenario was first tested in its original formulation and then with the introduction of a more detailed description of the context or alternatives, introducing items able to represent cognitive and emotional dimensions of trust. Results confirm risk aversion reduction in gain domain with a ‘magnitudo’ of the effect depending on the trust construct adopted to enrich alternatives.


2017 - Il settore delle casette prefabbricate di legno: il posizionamento e la strategia di accesso al mercato internazionale di Giancasette. [Altro]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

Le casette in legno prefabbricate, per le loro caratteristiche di funzionalità e facilità di inserimento in un ambiente aperto, possono assolvere a una pluralità di usi e funzioni. Le case di legno sono realizzate con materiali ecologici, legno naturale di provenienza nazionale e spesso di importazione da paesi del Nord Europa, sono trattate e rivestite di norma con materiali atossici. I canali di distribuzione più diffusi sul mercato nazionale sono rappresentate da catene di bricolage, rivenditori di materiali edili e da costruzione e anche sul canale on-line. Le caratteristiche ed i vantaggi descritti spiegano la loro rapida diffusione in tutta Italia e il crescente interesse soprattutto da parte di privati e famiglie, per arricchire giardini e spazi all'aperto.


2017 - On and Off-line Purchase Intention: the Role of Brand Trust as Moderator of Risk Perception [Relazione in Atti di Convegno]
Tedeschi, Marcello; Galli, Giovanna; Martini, Maria Cristiana
abstract

Interpersonal trust is considered a risk moderator in choice under uncertainty (Einhorn, Hogarth, 1988) so it can help people to make decisions otherwise considered too risky (Galli, Nardin, 1997). Specifically, trust has been defined as a multi-dimensional construct, with cognitive and affective dimensions playing a different role to reduce perceived risk in low or high complexity tasks. In marketing field, trust has received increasing interest and research on brand trust scale validation has restated the multi-dimensionality of the construct, with a first detection of two crucial dimensions -competence and benevolence- (Delgado, 2003, 2004). Further research has enclosed other two dimensions, honesty and empathy (Martini, Galli, Arseni, 2016), and has hypothesised an evolutionary pattern, with cognitive dimensions preceding emotional ones in brand trust strengthening. With these premises, the research is aimed to evaluate the role of brand trust as moderator of risk perception in different buying contexts, characterized by increasing perceived complexity of the task. More specifically, the hypotheses are: purchase intention decreases when perceived complexity of the task increases; decreasing purchase intention is due to increasing risk perception; brand trust, with its cognitive and affective dimensions, is able to reduce risk perception and to moderate its impact on purchase intention. To test hypotheses, 432 Italian respondents to a structured online questionnaire had to declare their intention to buy a pair of Nike shoes, facing three different buying contexts: a traditional off-line store, the official online brand store and a famous on-line retailer. The results confirm that buying online is more complex than buying offline, with a corresponding increasing of risk perception and decreasing of purchase intention. Brand trust can reduce risk perception in both off and online contexts, with cognitive dimension playing a crucial role in offline context and emotional dimension in online one.


2016 - Brand Trust: un costrutto multidimensionale ed evolutivo [Articolo su rivista]
Martini, Maria Cristiana; Galli, Giovanna; Arseni, Chiara
abstract

In marketing research brand trust has received increasing interest with the diffusion of relationship marketing principles both in academic literature and in managerial practice. An important role has moreover been played by Fournier who claimed the relevance of brand-consumer relationship research in order to better understand consumer buying behaviour. Research on brand trust scale validation has until now recognised the multi-dimensionality of the construct but it has detected two crucial dimensions - competence and benevolence - in spite of others frequently mentioned in marketing literature. This paper reports results on a study aimed to validate a multi-dimensional brand trust scale, enclosing other dimensions besides those of competence and benevolence. Moreover it analyses multi-group invariance between two product categories: notebook and washing machine. Brand trust appears as a multi-dimensional construct, with rational dimensions preceeding emotional ones, on the basis of a hypothesised sequential pattern, confirmed in both product categories. Finally, it seems that benevolence has a main role in order to reinforce attitudinal loyalty.


2015 - Le imprese italiane dell’industria agro-alimentare: mercati internazionali, relazioni di canale e strategie e politiche di branding [Articolo su rivista]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

Il lavoro inquadra il sistema agro-alimentare italianoe mettendo in luce le principali caratteristiche delle sue filiere sotto in profilo delle relazioni di mercato, approccio al mercato internazionale e delle politiche di branding


2012 - Decisioni strategiche, pianificazione delle attività e crescita internazionale [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna
abstract

Il processo di internazionalizzazione delle imprese richiede sul piano strategico decisioni relative alle modalità d'entrata sui mercati esteri, alle scelte di concentrazione e diversificazione geografica e delle aree prodotto/mercato. A tal fine e per definire in modo preciso obiettivi di medio e lungo periodo occorre un'analisi dell'attrattività dei mercati esteri per selezionari quelli con maggiore potenzialità competitive


2012 - Entrata ed espansione sui mercati internazionali: l'esportazione [Capitolo/Saggio]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

Il contributo mette in luce l'apprroccio commerciale delle imprese al mercato estero conseguito con l'esoprtazione nelle sue diverse modalità di realizzazione e dei diversi canali di entrata utilizzabili.


2012 - Marketing internazionale [Monografia/Trattato scientifico]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

Il volume fornisce un contributo significativo alla differenziazione dell'offerta della letteratura di matrice nazionale relativamente ai temi del marketing internazionale e delle strategie di internazionalizzazione delle imprese con una attenzione specifica alle piccole e medie imprese.I contenuti del volume riguardano l'analisi degli scenari, le strategie di presenza sui mercati esteri, le politiche di marketing sui mercati internazionali e le attività che definiscono il ciclo operativo delle esportazioni.


2012 - Prefazione [Marketing internazionale] [Prefazione o Postfazione]
Bursi, Tiziano; Galli, Giovanna
abstract

La prefazione mette in luce le specificità del volume in termini di originalità dei contenuti, di organizzazione e di presentazione degli stessi alla luce dei cambiamenti introdotti dai processi di globalizzazione e di integrazione dell'economia internazionale.


2008 - L'INTEGRAZIONE TRA MARKETING E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE: L'APPROCCIO DEL MARKETING INTERNO [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello; Gabrielli, Veronica; Neri, M.
abstract

Lo studio presenta un modello operativo da utilizzare nella gestione delle attività svolte dalla direzione RU, nell'idea che quest'ultima unità organizzativa sia ri-definita come un centro di servizi con la finalità di soddisfare le moteplici esigenze dei clienti interni


2008 - The impact of situational factors on brand repurchase intention [Relazione in Atti di Convegno]
Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello
abstract

The paper proposes to trace a first and preliminary framework aimed to integrate marketing literature on brand repurchase intention and loyalty with psychological literature on consumer decision making. The model hypothesizes that brand knowledge and usage situation influence behavioural and attitudinal loyalty, which are the main determinant of brand repurchase intention. Data is collected and analyzed from two surveys of cell phone and television purchasers. Although differences emerges in the two studies, structural modelling largely supports the hypothesis that brand loyalty depends on ‘situational’ factors.


2007 - APPROFONDIMENTI: PERCEZIONE DELLE RETI DI SUBFORNITURA E MODELLI DECISIONALI PREVALENTI [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna; Vignola, Marina
abstract

Le reti di sub-fornitura sembrano subire il processo di internazionalizzazione delle imprese capo-filiera. Queste ultime richiedono all’indotto locale un impegno importante di adattamento per consolidare le relazioni di network, ma al contempo spesso procedono con modelli decisionali emergenti, basati sullo sfruttamento di opportunità contingenti


2007 - Conclusioni [I processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese della provincia di Modena. Il ruolo degli investimenti diretti all'estero] [Prefazione o Postfazione]
Galli, Giovanna
abstract

Gli investimenti diretti all'estero costituiscono un canale d'entrata utilizzato poco di frequente dalle piccole e medie imprese sia per vincoli strutturali sia per valutazioni di orgine imprenditoriale


2007 - Gli investimenti diretti all’estero: le principali direttrici di sviluppo [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna; Vignola, Marina
abstract

L’industria manifatturiera modenese si propone come una realtà dinamica e a forte vocazione esportativa. È invece in fase ancora iniziale il processo di consolidamento delle posizioni acquisite sui mercati esteri con il ricorso a forme di presidio strutturate. Sono capofila di questa dinamica embrionale le realtà dei settori bio-medicale, ceramico, dell’editoria e della meccanica. Gli investimenti sono però ancora prevalentemente diretti sui mercati tradizionali, ed in particolare nell’Unione Europea


2007 - I fattori agevolanti ed ostacolanti il presidio diretto dei mercati [Capitolo/Saggio]
Gabrielli, Veronica; Galli, Giovanna; Vignola, Marina
abstract

Le imprese modenesi scelgono di investire prevalentemente in partecipazioni di controllo e nell’Unione europea. Un segnale di un processo avviato e non ancora concluso del quale vengono individuati obiettivi, motivazioni, fattori agevolanti ed ostacolanti.


2007 - Percezione delle reti di subfornitura e modelli decisionali prevalenti [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna; Vignola, M.
abstract

Le reti di sub-fornitura sembrano subire il processo di internazionalizzazione delle imprese capo-filiera. Queste ultime richiedono all’indotto locale un impegno importante di adattamento per consolidare le relazioni di network, ma al contempo spesso procedono con modelli decisionali emergenti, basati sullo sfruttamento di opportunità contingenti


2006 - Componenti valutative e comportamentali della fedeltà al punto vendita [Articolo su rivista]
Gabrielli, Veronica; Galli, Giovanna; Grappi, Silvia; Martinelli, Elisa
abstract

This paper investigates the determinants of behavioural loyalty in retailer-consumer relationships. It aims to demonstrate that also relational dimensions play an important role to support loyal behaviours, beyond satisfaction, often advocated as one of the major determinants. The paper presents and tests a conceptual model of the process by which satisfaction and attitudinal loyalty – with commitment and affective loyalty as its antecedents – enhance behavioural loyalty.Results confirm that attitudinal loyalty significantly affects behavioural loyalty and that satisfaction plays a marginal role.


2005 - Attitudinal and behavioural loyalty in a retailing context: some preliminary results [Relazione in Atti di Convegno]
Gabrielli, Veronica; Galli, Giovanna; Grappi, Silvia; Martinelli, Elisa
abstract

The theoretical and empirical perspectives suggested in this work are focused on loyalty construct, its dimensions and determinants. Indeed, numerous previous studies on brand-consumer relationship have been focused on loyalty concept, investigating its attitudinal and behavioural components. Customer satisfaction has been identified as a key determinant of loyalty, even though not the only one. In these studies, satisfaction is supposed to be able to preserve relationships with customers and, consequently, to improve loyalty. This kind of studies, however, has hardly ever been referred to the theoretical background suggested by relational marketing. The relational marketing contribution is generally embedded in industrial vertical connections (BtoB). On the contrary this work aims to identify and analyse the relational loyalty components in retailer-consumer dyad. In particular, the study aims to obtain two objectives: the first one is to empirically demonstrate the multidimensional nature of loyalty construct; the second one is to investigate the causal relationship between psychological and behavioural loyalty dimensions.


2005 - La fedeltà del consumatore al punto vendita: determinanti di natura cognitiva ed affettiva [Relazione in Atti di Convegno]
Gabrielli, Veronica; Galli, Giovanna; Grappi, Silvia; Martinelli, Elisa
abstract

La prospettiva di studio contenuta in questo lavoro è principalmente incentrata sul concetto di fedeltà, sulle sue componenti e sulle sue determinanti. Molteplici lavori, prevalentemente focalizzati sul rapporto marca-consumatore finale, hanno infatti concentrato la sistematizzazione teorica e l’indagine sperimentale sul concetto di fedeltà, con le sue componenti attitudinale e comportamentale, sulle sue determinanti e sui possibili strumenti di misurazione. La soddisfazione del consumatore è stata spesso identificata come una determinante chiave, sebbene non l’unica, in grado di supportare il mantenimento dei rapporti con la clientela e quindi di fidelizzarla. Questi lavori, pur avendo approfondito il tema della fedeltà del cliente hanno raramente fatto riferimento al bagaglio concettuale proposto dal marketing relazionale, producendo schemi concettuali e di analisi sperimentale del tutto autonomi. L’intenzione che muove il lavoro, quindi, è quella di individuare le componenti relazionali insite nel costrutto di fedeltà. In particolare l’indagine si concentra sulla diade retailer – acquirente, più volte auspicata come ambito privilegiato a cui estendere i risultati ad oggi ottenuti dalla scuola relazionale in un contesto BtoB o di canale verticale di marketing.Il lavoro si propone dunque tre obiettivi. Il primo è quello di fornire evidenza empirica a supporto dell’ipotesi che la fedeltà del cliente è un costrutto multidimensionale costituito di componenti sia psicologiche che comportamentali. Il secondo è quello di verificare in che misura le dimensioni psicologiche della fedeltà del cliente possano essere considerate determinanti della dimensione comportamentale in un contesto retailer-consumer. Il terzo obiettivo è quello di stimare l’influenza esercitata dagli strumenti comunicativi nella formazione delle dimensioni psicologiche e comportamentali della fedeltà.


2004 - Crescita internazionale e piccole medie imprese: determinanti istituzionali strutturali e di business nell'industria manifatturiera reggiana [Monografia/Trattato scientifico]
Galli, Giovanna
abstract

Lo studio proposto vuole indagare i modelli di sviluppo internazionale delle piccole e medie imprese, gli atteggiamenti e le motivazioni alla scelta delle forme di presidio diretto dei mercati esteri. L'ambito di ricerca è l'industria manifatturiera reggiana che all'elevata vocazione all'export affianca modelli di presenza strutturata sostenuta da disegni strategici di diversificazione geografica estesa.


2003 - Choice under uncertainty: the role of trust [Relazione in Atti di Convegno]
Galli, Giovanna; Nardin, Giuseppe
abstract

Trust may be considered a risk moderator in choice under uncertainty and may help people to follow courses of action otherwise too risky to be undertaken. This hypothesis has been tested following a two-step research design. Results confirm the different role of cognitive and affective trust as risk moderators depending on the complexity of the task to perform


2003 - Format e attributi rilevanti di servizio nel comparto della ristorazione e dell’intrattenimento: un’analisi di attrattività sul centro storico di Modena [Relazione in Atti di Convegno]
Galli, Giovanna; Martinelli, Elisa
abstract

Il paper discrive l'attrattività dei format di erogazione di servizi di ristorazione sulla base degli attributi rilevanti individuati dall'utenza reale e potenziale


2003 - Lo sviluppo internazionale dell’industria reggiana. Il ruolo degli investimenti diretti in entrata e in uscita [Working paper]
Galli, Giovanna; V., Gabrielli
abstract

Il paper censisce le partecipazioni internazionali delle imprese dell'industria manifatturiera reggiana


2002 - La scelta in condizioni di incertezza: il ruolo della fiducia [Working paper]
Galli, Giovanna; Nardin, Giuseppe
abstract

Il paper propone un'analisi esplorativa delle dimensioni del costrutto di fiducia ed individua il ruolo delle sue componenti come moderatrici della percezione di incertezza dei processi di giudizio e scelta


1999 - I processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese: analisi dei percorsi di sviluppo nel settore meccano-ceramico [Monografia/Trattato scientifico]
Galli, Giovanna
abstract

Il volume si propone di descrivere il processxo di internazionalizzazione delle PMI, per comprendere gli specifici percorsi di crescita sovranazionale che caratterizzano le 'realtà minori'.


1999 - Marca e prezzo nel processo di scelta del consumatore [Monografia/Trattato scientifico]
Galli, Giovanna
abstract

Il libro propone una rassegna dei risultati di alcuni disegni sperimentali finalizzati a studiare il processo di formazione delle preferenze dei consumatori in seguito all'introduzione della marca e alla modifica dell'unità di misura per l'indicazione del prezzo in un contesto di scelta semplificato.


1998 - I modelli di coordinamento fornitore-cliente nel mercato francese della piastrella: il punto di vista dei produttori italiani [Articolo su rivista]
Galli, Giovanna; Nardin, Giuseppe
abstract

Lo studio affronta il tema delle relazioni tra imprese manifatturiere e distributori internazionali. Sulla base della letteratura di marketing internazioanele e degli studi sulle relazioni di canale, viene messa a fuoco la molteplicità di modelli efficaci di interazione tra fornitore e clienti che possono consentire anche a imprese minori di conseguire un solido posizionamento sui mercati esteri. L'analise empirica affronta il caso dei produttori italkiani di piastrelle e delle loro interazioni commerciali sul mercato francese


1998 - Ruolo e strategie degli intermediari commerciali nei processi di internazionalizzazione delle imprese [Articolo su rivista]
Galli, Giovanna; DE LUCA, P.; Marcati, A.
abstract

L'articolo si propone di descrivere il ruolo degli intermediari commerciali nazionali ed esteri nel processo di internazionalizzazione delle imprese, alla luce dei recenti contributi teorici e di una ricerca empirica condotta su imprese di intermediazione italiane, europee, statunitensi e dell'Est Europa.


1997 - Il portafoglio servizi nelle relazioni internazionali: l’esperienza dei produttori italiani di piastrelle sul mercato francese [Relazione in Atti di Convegno]
Galli, Giovanna; Nardin, Giuseppe
abstract

Lo studio affronta il tema delle relazioni tra imprese manifatturiere e distributori internazionali. Sulla base della letteratura di marketing internazionale e degli studi sulle relazioni di canale, viene messa a fuoco la molteplicità di modelli efficaci di interazione tra fornitore e clienti che possono consentire anche a imprese minori di conseguire un solido posizionamento sui mercati esteri.


1997 - Individual perception and social context in consumer decision making: three experimental analysis [Relazione in Atti di Convegno]
Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello
abstract

The paper aims to validate the role fo social context and accountability in consumer preference coonstruction


1997 - L'internazionalizzzione dell'economia modenese [Capitolo/Saggio]
Bursi, T.; Galli, Giovanna
abstract

Internazionalizzaione e provincia di Modena


1996 - Annovi e Reverberi: l'innovazione di prodotto e la crescita internazionale [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna
abstract

Il capitolo contiene un caso di studio che descrive il processo di internazionalizzazione di una piccola media impresa del settore meccanico


1996 - Conclusioni [I processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese modenesi] [Prefazione o Postfazione]
Galli, Giovanna
abstract

Il contenuto delle relazioni di scambio, lo sviluppo di capacità e competenze specifiche e i percorsi di innovazione organizzativa sono i temi che connotano il processo di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese


1996 - L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE: FORME DI PRESENZA E PERCORSI DI CRESCITA [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello
abstract

Le strategie di internazionalizzazione di alcune imprese di successo sono descritte tramite la ricostruzione del loro percorso di crescita sui mercati esteri, con un'analisi dei principali canali d'entrata utilizzati


1996 - MANTOVANI BENNE: LA RISTRUTTURAZIONE ORGANIZZATIVA PER LO SVILUPPO INTERNAZIONALE [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna
abstract

Il capitolo contiene un caso di studio che descrive il processo di internazionalizzazione di una piccola media impresa del settore meccanico


1996 - ROSSI MOTORIDUTTORI: GLI INVESTIMENTI COMMERCIALI PER LA CRESCITA INTERNAZIONALE [Capitolo/Saggio]
Galli, Giovanna
abstract

Il capitolo contiene un caso di studio che descrive il processo di internazionalizzazione di una piccola media impresa del settore meccanico


1994 - L'evoluzione dei processi di crescita esterna delle imprese dell'industria Tessile - Abbigliamento [Working paper]
Galli, Giovanna; Tedeschi, Marcello
abstract

Il paper presenta una descrizione del processo di crescita nazionale ed internazionale delle imprese del tessile-abbigliamento con il ricorso ad alleanze strategiche e joint venture attraverso l'analisi di fonti secondarie


1994 - Un'indagine empirica sui processi di intermediazione commerciale con l'estero nell'industria tessile - abbigliamento [Working paper]
Galli, Giovanna
abstract

Il paper contiene un'analisi del ruolo delle figure di intermediazione commerciale nel processo di internazionalizzazione delle imprese del tessile abbigliamento e descrive opportunità e vincoli relativi all'accesso indiretto sui mercati esteri delle piccole e medie imprese.


1992 - Le joint venture e le acquisizioni di minoranza [Working paper]
Galli, Giovanna
abstract

Il paper censisce le operazioni di joint venture delle imprese del tessile-abbigliamento effettuate tra il 1985 ed il 1991