Nuova ricerca

Alessia CADAMURO

Professore Associato
Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze - sede Padiglione De Sanctis - Campus San Lazzaro


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2022 - A Moderated Mediation Analysis of the Effects of the COVID-19 Pandemic on Well-Being and Sport Readiness of Italian Team Sports Players: The Role of Perceived Safety of the Training Environment [Articolo su rivista]
Vitali, F.; Bisagno, E.; Coco, M.; Cadamuro, A.; Maldonato, N. M.; Di Corrado, D.
abstract

Background: The protective restrictions (e.g., lockdowns, quarantines, social and physical distancing) consequent to the global pandemic caused by COVID-19 posited new challenges to athletes practicing competitive team sports. This study aimed to gain an understanding of the impact of the ongoing COVID-19 pandemic on the well-being and sports readiness to train and to compete of competitive female and male athletes practicing outdoor (i.e., rugby, soccer) and indoor (i.e., volleyball, basketball) team sports who were active during the Italian first and second waves of COVID-19. Methods: An online survey assessing demographic characteristics, perceived safety of the training environment, COVID-19 risk, fear of COVID-19, well-being, and sport (training and competition) readiness was administered to 619 team sports players. We examined differences by gender, previous COVID-19 experience, and team sport setting (i.e., outdoor vs. indoor). A moderated mediation analysis was conducted to assess the impact of perceived COVID-19 risk and fear of COVID-19 on athletes’ well-being and sports readiness, using perceived safety of the training environment as a mediator and gender and sport setting as moderators. Results: Indoor team sports and female athletes showed higher perceived COVID-19 risk, while athletes with no-COVID-19 experience reported higher fear of COVID-19. Perceived COVID-19 risk (directly and via perceived safety of the training environment) and fear of COVID-19 were negatively associated with athletes’ well-being and sports readiness. Conclusions: This study highlighted an understanding of the psychological implications of the COVID-19 pandemic, emphasizing the role of the perceived safety of the training environment on athletes’ well-being and sports readiness. Future studies may advance safety-based interventions to promote well-being and a safer return to sport.


2022 - A developmental outlook on the role of cognition and emotions in youth volleyball and artistic gymnastics [Articolo su rivista]
Bisagno, Elisa; Cadamuro, Alessia; Rubichi, Sandro; Robazza, Claudio; Vitali, Francesca
abstract

Developmental and cognitive psychology recently started to take an interest in the sports domain, exploring the role of either cognitive functions or emotions in youth sport. However, to the extent that cognition and emotions are inextricably linked, studying them jointly from a developmental perspective could inform on their interplay in determining performance in different sports. This research examined the role of general cognitive abilities, attentional style, and emotions (controlling for age and experience), in predicting performance in youth volleyball and artistic gymnastics. A total of 218 female participants, of which 114 volleyball players and 104 artistic gymnasts (11-17 years old) were administered two measures of working memory and six measures of executive functions (namely inhibition, updating, and shifting). They also completed an attentional style and an emotion-related questionnaire. For each volleyball player, an individual performance index based on every gesture performed during the games and controlled for the team performance was computed. As a measure of gymnasts' performance, scores in 2017-2018 competitions were used. Regression analysis showed that the main predictor of the volleyball players' performance (R-2 = 0.23) was a working memory-updating factor (ss = 0.45, p = 0.001), together with experience (ss = 0.29, p = 0.030) and high-arousal unpleasant emotions (ss = 0.30, p = 0.029), which positively predicted performance. Experience (ss = 0.30, p = 0.011), age (ss = -0.036, p = 0.005) and high-arousal unpleasant emotions (ss = -0.27, p = 0.030) were the predictors of gymnasts' performance (R-2 = 0.25). These results represent a first step in understanding if and how youth female athletes of open- and closed-skills sports rely on different psychological abilities. This line of research could offer insight to practitioners regarding which psychological abilities could be more relevant to train depending on the type of sport.


2022 - Bambini e il terremoto: come la gestione delle emozioni e le relazioni possono ridurne l’impatto psicologico [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris; Trifiletti, Elena; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Margherita
abstract

Un disastro naturale può avere gravi conseguenze psicologiche sui bambini a causa delle loro immature capacità di comprendere gli eventi e attivare adeguate strategie. È fondamentale, pertanto, identificare i fattori che possono aiutarli ad affrontarlo psicologicamente in modo più adattivo. Uno studio suggerisce, ad esempio, come la Teoria della Mente (ToM), cioè la capacità di attribuire stati mentali (emozioni e credenze), a sé e ad altri, sia un importante fattore di protezione in quanto promuove l’utilizzo di strategie efficaci di coping, in grado di attenuare gli effetti traumatici in bambini esposti ad un terremoto. Cruciale risulta il supporto percepito dai pari e dai genitori. In particolare, il livello di stress materno è emerso come in grado di influenzare maggiormente i vissuti psicologici dei figli. Per promuovere l’elaborazione psicologica di un evento traumatico, come un terremoto, appare fondamentale, pertanto, intervenire anche nella relazione genitori-figli.


2022 - Il ruolo della diversità culturale nella risposta al terremoto [Abstract in Atti di Convegno]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Trifiletti, Elena; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Margherita
abstract

La ricerca ha largamente ignorato il ruolo della diversità culturale delle comunità nell’orientare la risposta ai disastri naturali. Il programma di ricerca da noi condotto all’indomani del sisma 2012 dell’Emilia-Romagna si è focalizzato sulle diversità etniche e, in particolare, sull’appartenenza al gruppo italiano e a quello di origini straniere, considerando campioni di adulti e bambini. In particolare, si sono analizzati i predittori e i processi psicologici alla base degli atteggiamenti e del sostegno reciproco, indagando i fattori che dividono la comunità a causa delle differenze tra i gruppi e quelli che la uniscono precisamente grazie a queste diversità. I risultati offrono un ricco panorama di elementi rilevanti, con risultati spesso diversi e addirittura opposti tra adulti e bambini oltre che tra italiani e persone di origine straniera.


2022 - L’impatto sociale del terremoto: la risposta della comunità [Abstract in Atti di Convegno]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Trifiletti, Elena; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Margherita
abstract

Non è raro che i disastri naturali portino a una forte risposta da parte della popolazione, in termini di aiuti per i sopravvissuti ma anche, in qualche caso, di sostegno reciproco tra coloro che sono stati colpiti. La ricerca si è tuttavia prevalentemente concentrata sulla popolazione esterna nei termini dei fattori che favoriscono l’aiuto. Il programma di ricerca che presentiamo, condotto nell’ambito del sisma 2012, considera le popolazioni colpite. Si esaminano in particolare le determinanti dell’aiuto per le persone della propria comunità e l’atteggiamento nei loro confronti. Inoltre, si considerano i processi psicologici sottostanti, analizzando un ampio spettro di età, dai bambini agli adulti. Un fattore di novità è rappresentato dall’analisi dell’impatto psicologico del terremoto che, sebbene abbia conseguenze negative a livello individuale, rappresenta in qualche modo il collante che consente alla comunità di affrontare la situazione e tentare di risollevarsi.


2022 - Once upon a time…: Using fairy tales as a form of vicarious contact to prevent stigma-based bullying among schoolchildren [Articolo su rivista]
Cocco, V. M.; Bisagno, E.; Visintin, E. P.; Cadamuro, A.; Di Bernardo, G. A.; Shamloo, S. E.; Trifiletti, E.; Molinari, L.; Vezzali, L.
abstract

We conducted a vicarious contact intervention with the aim of promoting bystanders' intentions to react to stigma-based bullying among schoolchildren. Participants were Italian primary schoolchildren (N = 117 first to third graders); the outgroup was represented by foreign children. Vicarious contact was operationalized with story reading, creating fairy tales on stigma-based bullying where minority characters were bullied by majority characters. Once a week for 3 weeks, participants were read fairy tales in small groups by an experimenter and engaged in reinforcing activities. Results revealed that the intervention increased intergroup empathy (but not intergroup perspective-taking) and anti-bullying peer norms and fostered contact intentions. The intervention also had indirect effects via intergroup empathy on helping and contact intentions and on bystanders' reactions to stigma based-bullying. We discuss theoretical and practical implications, also in terms of the relevance of the present results for school policy. Please refer to the Supplementary Material section to find this article's Community and Social Impact Statement.


2022 - Secondary transfer effect and moral distance as a form of deprovincialization [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris; Di Bernardo, Gian Antonio; Mckeown, Shelley
abstract


2022 - Sequential models of intergroup contact and social categorization: An experimental field test of integrated models [Abstract in Rivista]
Vezzali, L; Trifiletti, E; Wolfer, R; Di Bernardo, Ga; Stathi, S; Cocco, Vm; Cadamuro, A; Shamloo, Se; Hewstone, M
abstract

Research has proposed different models of how contact situations should be structured to maximize contact effects, focusing in particular on the role of categorization during contact. We conducted two experimental field interventions (Ns = 247 and 247) to test models that integrate different levels of categorization. Each of the tested models was contrasted against a no-intervention control condition. In both studies, we assessed effects shortly after the intervention (1 week later; i.e., posttest) and then after approximately 6 months (i.e., follow-up). In the first study, results generally supported the model where categorization precedes decategorization, showing effects on major dependent measures highlighted in research on intergroup contact: quantity and quality of contact, cross-group friendships, intergroup anxiety (marginal effect at follow-up), outgroup attitudes (only at follow-up). Evidence for follow-up effects for this model was, however, weaker in Study 2, where the delayed effects of the intervention emerged only indirectly, via changes in contact quality, outgroup attitudes, and approach behavioral intentions at posttest. Comparisons of the other two models (decategorization then categorization; and simultaneous categorization and decategorization) with the control condition (only in Study 1) provided weaker and inconsistent results.


2022 - Social dominance orientation in children: The validation of the long and short version of the child SDO6 scale [Articolo su rivista]
Cadamuro, A.; Di Bernardo, G. A.; Trifiletti, E.; Bisagno, E.; Shamloo, S. E.; Faccini, M.; Vezzali, L.
abstract

We aimed to validate a long and a short version of the popular SDO6 scale for children, by testing their reliability and factorial structure, as well as divergent and criterion validity. Italian fourth- and fifth-graders (N = 271; 49.45% female) were administered the Child SDO6 scale, composed of 16 items, along with a series of personality and intergroup relations measures (using foreigners as the minority group). Paralleling results obtained with adults, findings concerning the short version provided evidence for a two-factorial structure, consisting of an SDO-Dominance and an SDO-Anti-egalitarianism dimension. Both for the long and the short version, greater levels of SDO-Dominance and SDO-Anti-egalitarianism were associated with more neuroticism, attitudinal and stereotypic bias, and with less agreeableness, openness to experience, dispositional and intergroup empathy. In conclusions, the two SDO dimensions as assessed by the short Child SDO6 Scale may be relevant variables to consider when testing intergroup relations processes among children.


2022 - Using sport media exposure to promote gender equality: Counter-stereotypical gender perceptions and the 2019 FIFA Women’s World Cup [Articolo su rivista]
Vezzali, L.; Visintin, E. P.; Bisagno, E.; Broker, L.; Cadamuro, A.; Crapolicchio, E.; De Amicis, L.; Di Bernardo, G. A.; Huang, F.; Lou, X.; Stathi, S.; Valor-Segura, I.; Harwood, J.
abstract

By relying on literature on counter-stereotypes and media contact, we investigated whether media exposure is associated with counter-stereotypical gender perceptions. Focusing on the 2019 FIFA Women’s World Cup, we recruited samples (N = 2,228) from eight competing countries (China, France, Germany, Italy, Scotland, Spain, England, US) across three continents. We hypothesized that exposure to media coverage of the competition’s counter-stereotypical female exemplars would be associated with increased counter-stereotypical perceptions of women. Results revealed that media exposure was associated with greater communion and agency attributed to women. In turn, communion and agency were associated (negatively and positively, respectively) with attribution of stereotypically male abilities (abilities to engage in stereotypically male academic disciplines and jobs) to women compared to men. No effects emerged for perceptions of stereotypically female characteristics. Gender moderated these effects, with associations being stronger among male than among female respondents. Theoretical and practical implications of findings are discussed.


2021 - Comparing story reading and video watching as two distinct forms of vicarious contact: An experimental intervention among elementary school children [Articolo su rivista]
Cocco, Veronica Margherita; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia; Riboldi, Sara Debora; Crapolicchio, Eleonora; Trifiletti, Elena; Vezzali, Loris
abstract

Research has shown that vicarious contact, that is observing an interaction between ingroup and outgroup members, can improve intergroup relations. Although vicarious contact has been operationalized in different ways, mainly via story reading or video watching, an experimental comparison of these different strategies is still missing. We conducted a school intervention with the aim of comparing the two most used forms of vicarious contact, namely story reading and video watching. Elementary schoolchildren without disabilities (N = 292) were assigned to one of three different conditions: reading a story; watching a video; control. In the two vicarious contact conditions, participants read or watched the story of a child with disability becoming friends with children without disabilities; in the control condition, participants only completed the dependent measures. Results revealed that, in general, both vicarious contact conditions were equally effective in improving outgroup attitudes and behavioural intentions. In addition, they operated with the same strength through the same underlying processes (IOS, ingroup norms). We discuss theoretical and practical implications in the context of vicarious contact as a prejudice‐reduction intervention.


2021 - Distance learning and teaching as a consequence of the covid-19 pandemic: A survey of teachers and students of an italian high school taking into account technological issues, attitudes and beliefs toward distance learning, metacognitive skills [Articolo su rivista]
Cadamuro, A.; Bisagno, E.; Rubichi, S.; Rossi, L.; Cottafavi, D.; Crapolicchio, E.; Vezzali, Loris
abstract

The Covid-19 pandemic has forced the education system to a rapid and unprepared transition to distance learning, inducing many teachers to organize lessons via information and communication technologies (ICTs), albeit often without sufficient technological and organizational support. Our study aims to evaluate teachers’ and students’ experience with ICTs during the first lockdown, considering three categories of relevant factors: technical issues, attitudes and beliefs towards online learning, and metacognitive skills. Participants were 486 students and 83 teachers of a Northern Italy high school, who were administered a self-reported online questionnaire. Video-lessons and audio-lessons emerged as overlooked teaching modalities. The desktop was the less used device, teachers preferred the tablet, while students preferred the smartphone. In general, students displayed appreciation of distance learning, even if they wished for more interactive activities. Teachers’ level of metacognitive competence and self-efficacy were rather high. For students, the perception of the e-learning environment predicted positively the perception of distance education and negatively the experienced anxiety, with anxiety also being higher among females. For teachers, the evaluation of distance learning was positively predicted by their beliefs about ICTs. This demonstrates the importance of promoting positive ICTs beliefs to motivate teachers in engaging in distance learning. Moreover, higher perceived self-efficacy was associated with lower levels of anxiety, thus showing the need to engage in training activities enabling teachers to feel confident when using ICTs.


2021 - Fighting stigma-based bullying in primary school children: An experimental intervention using vicarious intergroup contact and social norms [Articolo su rivista]
Cocco, V. M.; Bisagno, E.; Visintin, E. P.; Cadamuro, A.; Di Bernardo, G. A.; Trifiletti, E.; Molinari, L.; Vezzali, L.
abstract

In this theory-driven experimental field intervention, we used vicarious intergroup contact, a popular prejudice-reduction strategy, to fight stigma-based bullying. We focused on the role of peer norms, manipulated by asking participants to work individually or collectively in reinforcing activities following vicarious contact (operationalized as story reading). Participants were 346 Italian 4th-5th grade primary school children (48% females). Participants were allocated to a 2 (Target: outgroup vs. ingroup vicarious contact) × 2 (reinforcing activities: collective vs. individual) experimental design. Results revealed that outgroup (vs. ingroup) vicarious contact was indirectly associated with greater intentions to react to name-calling and socially exclusionary behavior (two common forms of bullying) toward foreign children, only when participants collectively negotiated responses to reinforcing activities.


2021 - Incontro con gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Diotti di Casalmaggiore (Cremona) ai fini di discutere interventi volti alla prevenzione del bullismo (19 gennaio 2021) [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Incontro con gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Diotti di Casalmaggiore (Cremona) ai fini di discutere interventi volti alla prevenzione del bullismo (19 gennaio 2021)


2021 - May the odds be ever in your favor: The Hunger Games and the fight for a more equal society. (Negative) Media vicarious contact and collective action [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; McKeown Jones, Shelley; McCauley, Patrick; Stathi, Sofia; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia; Cozzolino, Valeria; Trifiletti, Elena
abstract


2021 - Metacognizione, literacy e numeracy come fattori predittivi del successo universitario degli studenti: analisi preliminare [Capitolo/Saggio]
DE SANTIS, Annamaria; Sannicandro, Katia; Bellini, Claudia; Cadamuro, Alessia; Minerva, Tommaso
abstract


2021 - Promoting social inclusion of children with disability in the school using vicarious and imagined intergroup contact [Abstract in Atti di Convegno]
Bisagno, Elisa; Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita; Ginevra, Maria Cristina; Di Bernardo, Gian Antonio; Birtel, Michèle; Vezzali, Loris
abstract

We present five studies conducted with non-disabled schoolchildren, showing that an active and preventive approach can be effective in promoting social inclusion. We relied on indirect intergroup contact strategies, and specifically on vicarious contact (observing an interaction between ingroup and outgroup members) and imagined contact (mentally simulating a positive intergroup interaction). In Study I (N = 81), 4 to 6 years old children were asked to imagine a positive interaction with a child in a wheelchair while drawing it. Results obtained by contrasting the experimental with a control condition revealed effects on a behavioral measure of resource allocation and intentions to be friends with children with disabilities. The effect was mediated by improved outgroup attitudes. In Study II (N = 292), 6 to 9 years old children were presented with a story or a comparable video depicting positive interactions between a child in a wheelchair and his non-disabled peers. Compared with a control condition, children reading the story or watching the video revealed more positive intentions to become friends with children with disabilities. In this case, the effect was mediated by inclusion of the other in the self, ingroup norms, empathy. In Study III, we adopted a pre-post experimental design with children (N = 142) with an average age of approximately 10 years. Results revealed that, compared to a control condition, outgroup attitudes, stereotypes and feelings about peers with disability, and intentions to engage in contact with them, were more positive in a condition that combined imagined contact (behavioral approach) with an information intervention (cognitive approach), rather than when imagined contact or the information intervention were delivered separately. Effects were assessed two weeks after the intervention, and were consistent across types of disability (intellectual disability, hearing disability, psychological disability). In Study IV, children aged 5 to 11 years old (N = 215) were administered a 3-week imagined contact intervention, each week imagining making friendship with a child in wheelchair and defending him/her from bullies. Results revealed positive effects of the intervention (vs. control), assessed after one week, on contact and helping intentions, and intentions to react to exclusionary and name-calling behaviors. The effects were mediated by empathy and outgroup attitudes. In Study V, 6 to 9 years old (N = 56) schoolchildren engaged in a 3-week intervention. Each week, they were asked to imagine contact with a child with disability (type of disability varied across sessions: hearing, visual, physical). Results, assessed one week after the last intervention session, revealed positive effects of the experimental (vs. control) condition on intentions to help children with disability and outgroup attitudes. These effects were mediated by perceptions to belong to a common group. We also used a behavioral measure, asking participants to interact for 5 minutes with a child with disability in a room filmed by cameras, with a novel technology capturing tridimensional images. Results (indices obtained from external coders) revealed that children in the experimental condition remained closer than children in the control condition to the child with disability.


2021 - Resilience in children in the aftermath of disasters: A systematic review and a new perspective on individual, interpersonal, group, and intergroup level factors [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; Birtel, Michele; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Crapolicchio, Eleonora; Vezzali, Loris; Drury, John
abstract

Disasters can impact upon individuals, families, and communities in multiple ways. Research has mainly focused on risk and protective factors relating to the child (individual level) and the family (interpersonal level), not taking into account the processes at the level of social groups. The present review aims to (a) review psychological research on disasters determined by natural events in childhood, (b) distinguish individual, interpersonal, group, and intergroup levels, (c) emphasize the importance of considering resilience as a key outcome. We reviewed 294 studies (in addition to 28 reviews-meta-analyses, and 29 naturalistic interventions), and identified factors at the individual (e.g., demographics, exposure, individual differences), interpersonal (e.g., parent–child relationship, family and school environment), group (e.g., social identity, group membership), and intergroup (relations between different groups) levels. We argue that an integrated model of these factors and their interplay is needed to design interventions to enhance resilience in children and their communities. We extend previous theorizations by providing a wider conceptualization of distress and resilience, and by considering the interplay between factors at different levels. A multidimensional approach to the consequences of disasters in children is crucial to understand their development and well-being, and to design effective interventions. Please refer to the Supplementary Material section to find this article's Community and Social Impact Statement.


2021 - Sport: impegno e benessere vanno a braccetto! Relazione tra clima motivazionale, enjoyment sportivo e benessere in rugbisti di età compresa tra 10 e 15 anni [Abstract in Atti di Convegno]
Bisagno, Elisa; Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio; Vezzali, Loris; Robazza, C; Vitali, Francesca
abstract

Sport: impegno e benessere vanno a braccetto! Relazione tra clima motivazionale, enjoyment sportivo e benessere in rugbisti di età compresa tra 10 e 15 anni


2021 - Students' academic achievements: clusters based on metacognition, literacy and numeracy skills [Articolo su rivista]
DE SANTIS, Annamaria; Sannicandro, Katia; Bellini, Claudia; Cadamuro, Alessia; Minerva, Tommaso
abstract

Which models and frameworks can guide research investigating the link between metacognition, literacy, numeracy, and academic success? The study we present here is based on research involving 107 students enrolled in the Digital Education degree course at the University of Modena and Reggio Emilia. We put in relation the results of three questionnaires on metacognition awareness (MAI), literacy, and numeracy to the students’ university achievement and profiles. Using cluster analysis, we identified groups of students with similar results in the three questionnaires. After, we verified if different values on academic performances characterized the clusters. The Euclidean distance best fits our data, the method chosen to aggregate the groups is the Complete-linkage. A six-clusters solution was proposed. Positive test results affect the quality and not the quantity of the exams passed. Students with higher exam grades be- long to the groups in which numeracy test results are higher. The percentages of university credits acquired seemed higher when there was less uniformity in the students’ entry test results.


2021 - Vicarious intergroup contact as a weapon against interethnic bullying [Abstract in Atti di Convegno]
Bisagno, Elisa; Cocco, Veronica Margherita; Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio; Topputo, Sarah; Sitra, Natalia; Vezzali, Loris
abstract

We presented studies showing how to use vicarious contact to fight stigma-based bullying in primary schools


2020 - Articolo de Il Resto del carlino, sezione di Modena, intervista n merito alla ricerca svolta con le famiglie per esaminare l’impatto della pandemia sulla risposta emotiva di bambini e genitori (23 settembre 2020). [Altro]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Articolo de Il Resto del carlino, sezione di Modena, intervista n merito alla ricerca svolta con le famiglie per esaminare l’impatto della pandemia sulla risposta emotiva di bambini e genitori (23 settembre 2020).


2020 - Don’t hurt my outgroup friend: A multifaceted form of imagined contact promotes intentions to counteract bullying [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; Birtel, Michèle; Di Bernardo, Gian Antonio; Stathi, Sofia; Crisp, Richard; Cadamuro, Alessia; Visintin, Emilio Paolo
abstract

A growing body of research has shown that imagined intergroup contact can improve outgroup attitudes. The aim of the present study was to examine the effectiveness of a multifaceted form of imagined contact in counteracting bullying in school children, and additionally to test the underlying processes of this effect. Two hundred and fifteen Italian elementary school children took part in a three-week intervention, where they were asked to imagine a scenario in which they become friends with an unknown disabled child, interact in various social settings, and react to forms of discrimination toward the newly acquired friend. After each session, they discussed collectively what they had imagined. The dependent measures were administered one week after the last session. Results revealed that inclusion of an outgroup member in the self mediated the effect of imagined contact on intentions to counteract social exclusion and bullying of disabled children, as well as helping intentions. Imagined contact also promoted greater willingness for outgroup contact via more positive outgroup attitudes and empathy. Our findings are important in delineating new forms of imagined contact, and understanding ways to promote behaviors that defend victims of social exclusion and bullying in school environments.


2020 - Intergroup fears and concerns among minority and majority groups: Implications for contact and attitudes [Articolo su rivista]
Stathi, S.; Pavetich, M.; Di Bernardo, G. A.; Cadamuro, A.; Cocco, V. M.; Vezzali, L.
abstract

Aims: Driven by the literature on pluralistic ignorance, our research investigates fear of appearing racist, being rejected, discriminated, and disinterest in intergroup contact as antecedents of contact and outgroup attitudes, focusing on attributional differences between the majority and minority group perspectives. Methods: Questionnaires were distributed in schools in Northern Italy. Participants were 400 Italian and 141 immigrant high-school students. Results: The results showed that the lack of interest in contact was the strongest predictor of contact for the majority group. For the minority group, fear of rejection emerged as the strongest predictor. The majority group attributed the minority to avoid contact most strongly due to the fear that they would be rejected, and the minority group perceived it was due to the majority not being interested in contact. Conclusion: Our research contributes to understanding the divergent concerns the majority and minority groups have in relation to intergroup contact and discusses the importance of tackling these concerns.


2020 - Intervista per il Resto del Carlino, sezione di Modena, in merito a uno studio per comprendere lo stati di ansia determinato dalla situazione dovuta al Covid sui bambini, unitamente ai fattori protettivi anche in ambito familiare e scolastico [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Intervista per il Resto del Carlino, sezione di Modena, in merito a uno studio per comprendere lo stati di ansia determinato dalla situazione dovuta al Covid sui bambini, unitamente ai fattori protettivi anche in ambito familiare e scolastico


2020 - La didattica a distanza come strumento per ridurre lo stress correlato al Covid-19 in bambini di scuola primaria [Abstract in Atti di Convegno]
Bisagno, Elisa; Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Margherita; Crapolicchio, Eleonora; Trifiletti, Elena; Vezzali, Loris
abstract

La didattica a distanza come strumento per ridurre lo stress correlato al Covid-19 in bambini di scuola primaria


2020 - La funzione riflessiva materna come fattore di protezione dallo stress correlato al Covid-19 in bambini di scuola primaria [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Margherita; Crapolicchio, Eleonora; Trifiletti, Elena; Vezzali, Loris
abstract

La funzione riflessiva materna come fattore di protezione dallo stress correlato al Covid-19 in bambini di scuola primaria


2020 - Making the School Smart: The Interactive Whiteboard Against Disparities in Children Stemming From Low Metacognitive Skills [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Vezzali, Loris; Versari, Annalisa
abstract

The demand for an increasingly differentiated education, which takes into account the individual differences of children to stimulate effective learning, accompanies the introduction of new technologies at school. Amongst these, the Interactive Whiteboard (IWB), which allows multimodality and sharing of contents, is one of the most widespread tools in schools. The aim of the study was to test with a sample of primary school children the impact of a teaching session with the use of the IWB (vs. traditional lessons) on knowledge performance. In addition, we were interested in investigating the role of metacognition as a potential moderator on learning effects. Our results revealed an advantage of IWB use in learning achievement. Notably, the increase in learning outcomes only occurred among children with low metacognitive skills. This shows that new technologies can play an important role both per se and in supporting learning processes, especially of less metacognitive students, therefore contributing to reduce the gap between children with differential metacognitive skills. The results are analyzed in light of the important role in the nowadays world of Information and Communication Technologies, which can become an extremely relevant and appealing educational and cultural compensation tool.


2020 - Organizzazione dell’incontro pubblico in modalità webinar “Di pari passo. Pari opportunità anche nello sport”, 24 novembre 2020. [Altro]
Bisagno, Elisa; Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Crapolicchio, Eleonora
abstract

Organizzazione dell’incontro pubblico in modalità webinar “Di pari passo. Pari opportunità anche nello sport”, 24 novembre 2020. Hanno preso parte all’evento tra gli altri Chiara Sortino (Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Mantova), Giuseppe Faugiana (Delegato Provinciale CONI), Isabella Morlini (Delegato allo Sport Unimore), Tindara Addabbo (Delegato Pari Opportunità Unimore).


2020 - The psychometric properties of the Motivated Strategies for Learning Questionnaire (MSLQ): Multidimensional Rasch Analysis on primary school data [Articolo su rivista]
Bonanomi, Andrea; Cadamuro, Alessia; Olivari Maria, Giulia; Versari, Annalisa; Confalonieri, Emanuela
abstract

The paper investigates the psychometric properties, construct and concurrent validity of the Italian version of the Motivated Strategies for Learning Questionnaire (MSLQ) in an Italian primary school student sample through Multidimensional Rasch Analysis. The aim is fivefold: to identify the factorial structure for the Italian primary school sample using both the multidimensional rating scale model and the multidimensional partial credit model; to test the internal consistency of the subscales of the MSLQ; to investigate the item fit of each item of the MSLQ; to detect the item bias based on gender; and to explore the concurrent validity of the MSLQ with the Academic Self-Efficacy Beliefs Scale and anxiety and concentration subscales of AMOS QAS. Participants included 692 primary school students (grades 3 to 5). The MSLQ resulted a reliable measure in the Italian context for the evaluation of motivational beliefs and cognitive strategy use among primary school students.


2020 - Webinar “Effetti psicologici del COVID-19 su bambini e genitori”, condotto da Alessia Cadamuro e Loris vezzali in merito alla ricerca svolta con le famiglie per esaminare l’impatto della pandemia sulla risposta emotiva di bambini e genitori. [Altro]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Webinar “Effetti psicologici del COVID-19 su bambini e genitori”, condotto da Alessia Cadamuro e Loris vezzali in merito alla ricerca svolta con le famiglie per esaminare l’impatto della pandemia sulla risposta emotiva di bambini e genitori.


2019 - A longitudinal test of the bidirectional relationships between intergroup contact, prejudice, dispositional empathy, and social dominance orientation [Articolo su rivista]
Trifiletti, Elena; Cocco, Veronica Margherita; Pecini, Chiara; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris; Turner, Rhiannon N.
abstract

We conducted a longitudinal study to test the bidirectional relationships between intergroup contact, prejudice, and a range of individual difference variables relevant to intergroup relations such as social dominance orientation (SDO) and dispositional empathy (empathic concern, perspective-taking). Participants were Italian high-school students, who completed a questionnaire at two time points separated by an interval of approximately seven months, focusing on immigrants as the outgroup. Results provide support for the importance of contact in reducing prejudice and changing personality. In particular, contact (i.e., cross-group friendships) was longitudinally associated with less SDO (although the effect was marginal) and more positive behavioral intentions. In addition, SDO revealed negative effects over time, on dispositional empathy and behavioral intentions. Mixed findings emerged for dispositional empathy, with positive effects for perspective-taking (negative association with SDO), and negative effects for empathic concern (negative association with contact, and positive associations with SDO and avoidance behavioral tendencies). Results are discussed in terms of importance of an approach that takes into account both situational and personality variables, and of the need to conduct studies that simultaneously consider a wide range of variables relevant to prejudice.


2019 - Combattere il bullismo interetnico con il contatto vicario [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Bisagno, Elisa; Cocco, Veronica Margherita; Di Bernardo, Gian Antonio; Vezzali, Loris
abstract

Introduzione Il bullismo interetnico rappresenta una piaga rilevante del mondo della scuola attuale. Per affrontare questo tema, è importante riferirsi alla letteratura sulle relazioni intergruppi oltre che a quella sul bullismo. In questo studio, ci siamo focalizzati sul contatto indiretto, e specificamente sul contatto vicario, come un modo efficace di affrontare il tema in bambini di scuola primaria, sulla base delle ampie evidenze che mostrano come avere un amico dell’ingroup che ha amici nell’outgroup sia sufficiente per ridurre il pregiudizio. Metodo Hanno preso parte allo studio 117 bambini italiani (59 maschi, 50 femmine) dalle classi prima, seconda e terza di scuola primaria (età media = 7.58 anni). Si sono create tre fiabe ad hoc, strutturate in modo che il/la protagonista fosse una persone straniera proveniente da un Paese lontano, discriminata, emarginata e trattata sistematicamente male a causa della sua diversità. Le storie avevano una struttura comune: presentazione del/la protagonista che proveniva da un Paese lontano, solitudine nel Paese di arrivo, percezione di diversità del/la protagonista da parte dei locali, azioni negative nei suoi confronti motivate dalla diversità, realizzazione delle ingiustizie perpetrate, riconciliazione. Le fiabe, accompagnate da attività miranti a riconoscere l’appropriatezza o meno del comportamento verso il/la protagonista e ad identificare le proprie reazioni emotive, sono state realizzate in tre incontri della durata di un’ora ciascuno, nelle quali i bambini ascoltavano la storia letta dagli sperimentatori, svolgevano le attività e discutevano in piccolo gruppo. Una settimana circa dopo il termine dell’intervento, si somministrava un questionario. Vi era anche un gruppo di controllo, in cui ai bambini era semplicemente chiesto di compilare il questionario. Risultati I risultati hanno evidenziato un effetto della condizione sperimentale su misure di empatia e di norme sociali contrarie al bullismo. Sebbene non si siano ottenuti effetti diretti su una misura di reazione a una situazione di bullismo, si è rilevato un effetto indiretto, mediato dall’empatia. Conclusioni Il tema del bullismo interetnico va affrontato sin da piccoli. In questo studio si è dimostrato che storie ad hoc, pensate per bambini delle prime classi di scuola primarie, è efficace per promuovere reazioni contrarie ai bulli e alle loro azioni vessatorie nei confronti di bambini stranieri.


2019 - Contatto vicario e bullismo interetnico [Abstract in Atti di Convegno]
Cocco, Veronica Margherita; Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Bisagno, Elisa; Pecini, Chiara
abstract

Il bullismo interetnico rappresenta una piaga rilevante del mondo della scuola attuale. In questo studio, ci siamo focalizzati sul contatto indiretto, e specificamente sul contatto vicario, come un modo efficace di affrontarlo. Hanno preso parte allo studio 117 bambini italiani dalle classi prima, seconda e terza di scuola primaria. Si sono create tre fiabe ad hoc, strutturate in modo che il/la protagonista fosse una persona straniera discriminata, emarginata e trattata sistematicamente male a causa della sua diversità. Le fiabe, accompagnate da attività miranti a riconoscere l’appropriatezza o meno del comportamento verso il/la protagonista e ad identificare le proprie reazioni emotive, sono state realizzate in tre incontri della durata di un’ora ciascuno, nelle quali i bambini ascoltavano la storia letta dagli sperimentatori, svolgevano le attività e discutevano in piccolo gruppo. Una settimana circa dopo il termine dell’intervento, si somministrava un questionario. Vi era anche un gruppo di controllo, in cui ai bambini era semplicemente chiesto di compilare il questionario. I risultati hanno evidenziato un effetto della condizione sperimentale su misure di empatia e di norme sociali contrarie al bullismo. Sebbene non si siano ottenuti effetti diretti su una misura di reazione a una situazione di bullismo, si è rilevato un effetto indiretto, mediato dall’empatia. Il tema del bullismo interetnico va affrontato sin da piccoli. In questo studio si è dimostrato che storie ad hoc, pensate per bambini delle prime classi di scuola primarie, è efficace per promuovere reazioni contrarie ai bulli e alle loro azioni vessatorie nei confronti di bambini stranieri.


2019 - Effetti dell’orientamento alla dominanza sociale sulla capacità di attribuire stati mentali all’outgroup. Una ricerca nella scuola primaria [Abstract in Atti di Convegno]
Bisagno, Elisa; Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita; Di Bernardo, Gian Antonio; Pecini, Chiara; Vezzali, Loris
abstract

L’orientamento alla dominanza sociale è presente già in età evolutiva, e si associa ad una minor tendenza ad attribuire tratti di umanità ai membri dell’outgroup, con conseguente minor predisposizione a comprendere gli stati mentali degli stessi. Da un punto di vista applicativo, risulta dunque fondamentale favorire strategie educative mirate a stimolare l’uguaglianza sociale.


2019 - Flipped Classroom e didattica tradizionale. Uno studio in una scuola primaria. [Articolo su rivista]
Lazzaretti, Letizia; Cadamuro, Alessia; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Pecini, Chiara
abstract

La ricerca ha coinvolto 41 alunni di quarta primaria tra nove e dieci anni. Il gruppo sperimentale (11 M, 10 F) ha studiato storia tramite la Flipped Classroom (fc), quello di controllo (8 M, 12 F) ha seguito l’approccio tradizionale. Gli obiettivi erano: valutare l’effetto della fc sull’apprendimento e la sua relazione con metacognizione e creatività. Gli strumenti utilizzati sono stati: la versione in italiano del Children’s Perceived use of Self-Regulated Learning Inventory, un questionario sulla metacognizione degli alunni percepita dagli insegnanti, il test di creatività Unusual Uses Test e una verifica sulle conoscenze. Dai risultati emerge che la relazione tra fc e apprendimento è moderata dalla metacognizione. La fc è risultata efficace nel migliorare l’apprendimento soprattutto per gli alunni con bassa metacognizione. Dunque, sembra che chi ha scarsa metacognizione riesca a sopperire alle sue carenze grazie alla fc.


2019 - Flipped classroom e insegnamento tradizionale a confronto: una ricerca nella scuola primaria [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio; Lazzaretti, Letizia; Bisagno, Elisa; Vezzali, Loris
abstract

Il modello Flipped Classroom, attraverso la costruzione di contesti educativi plurimi, permette l’individualizzazione e la personalizzazione dell’apprendimento (Baldacci, 2002). La flessibilità di tempi e spazi e la collegialità dello studio offrono un maggior coinvolgimento dell’alunno e maggior responsabilità nel costruire la conoscenza (Cecchinato & Papa, 2016). Nonostante ciò, questa metodologia è poco diffusa e indagata nella scuola primaria (Aidinopoulou & Sampson, 2017). Il presente lavoro intende dunque esplorare questo modello nella scuola primaria italiana. Lo studio ha coinvolto due classi quarte: il gruppo sperimentale ha studiato storia in modalità Flipped, mentre il gruppo di controllo ha seguito l’approccio tradizionale. L’obiettivo era indagare l’effetto della Flipped Classroom sull’apprendimento e valutare il coinvolgimento di variabili trasversali, come metacognizione e creatività, in un simile contesto. Sono stati somministrati: un questionario sulla metacognizione auto-percepita (Vandevelde, Van Keer & Rosseel, 2013) e uno sulla metacognizione etero-percepita (Carr & Kurtz, 1991), un test di creatività (Guilford, 1967) e una prova di conoscenza. I risultati hanno mostrato un effetto mediato (dagli stili metacognitivi) e moderato (dal genere) della condizione sull’apprendimento. La metacognizione risulta pertanto fondamentale per un buon apprendimento (Cornoldi, 1995) anche in un contesto di Flipped Classroom. Per quanto riguarda la creatività, non sono emersi effetti significativi.


2019 - Il ruolo dell’identità comunitaria come strategia per far fronte ai disastri comunitari [Abstract in Atti di Convegno]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Drury, John
abstract

I disastri naturali possono avere un impatto devastante sulla popolazione, non solo a livello di danni materiali, ma provocando anche serie conseguenze psicologiche. Fondamentale è lo sviluppo delle capacità di resilienza, nonché un approccio di comunità che consenta di far fronte al disastro in virtù dello sviluppo di una rete di rapporti sociali e dell’aiuto e del sostegno reciproco. Abbiamo condotto un programma di ricerca in seguito al terremoto che ha colpito l’Emilia-Romagna nel 2012, testando non solo la solidità dei rapporti sociali, ma anche se il disastro potesse paradossalmente avere conseguenze positive e stringere i legami comunitari. I risultati forniscono una panoramica piuttosto complessa. Per quanto riguarda gli adulti, il disastro e rapporti interetnici negativi in seguito al terremoto hanno ridotto la volontà dei terremotati italiani di aiutare i terremotati stranieri; al contrario, il terremoto ha portato gli immigrati a vedersi più come una comunità e a desiderare di aiutare gli italiani. Tra i bambini, il terremoto ha indotto i bambini italiani terremotati a percepirsi come un gruppo unico con i bambini stranieri e all’intenzione di sostenerli in una varietà di situazioni; sebbene il terremoto non influisse sulla loro percezione di costituire il gruppo dei terremotati con i bambini italiani, più i bambini stranieri si percepivano come un gruppo unico con gli italiani e più desideravano sostenerli. E’ inoltre emerso che, quando le distinzioni etniche non erano salienti, la salienza del terremoto portava tutti i bambini colpiti a stringere i rapporti reciproci, indipendentemente dall’appartenenza di gruppo.


2019 - Imagining contact reduces prejudice in preschool children [Articolo su rivista]
Birtel, Michèle D.; Di Bernardo, Gian Antonio; Stathi, Sofia; Crisp, Richard J.; Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

We examined the effectiveness of an imagery‐based strategy designed to reduce prejudice in preschoolers in Italy. Three studies involving different target groups (disabled children, Black children) were conducted within Italian preschools. Children (4–6 years) were asked to imagine and draw meeting an outgroup member (Studies 1 and 2) or to imagine writing a letter to an outgroup member (Study 3). Results revealed that preschoolers in the experimental condition, relative to a control group, reported less intergroup bias in the form of contact intentions and resource allocation as well as greater behavioral inclusiveness; effects were mediated by improved intergroup attitudes. Our findings are important in understanding ways that promote positive intergroup relations in ways that align with the interests of young children.


2019 - Incontro con i genitori dell’Istituto Comprensivo di Casalmaggiore (Cremona), nell’ambito delle attività annuali che saranno condotte nella scuola. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Incontro con i genitori dell’Istituto Comprensivo di Casalmaggiore (Cremona), nell’ambito delle attività annuali che saranno condotte nella scuola.


2019 - Reflecting a… “Bit”. What relationship between metacognition and ICT? [Articolo su rivista]
Cadamuro, A.; Bisagno, E.; Pecini, C.; Vezzali, L.
abstract

Abstract Using Information and Communication Technologies (ICT) in educational environments has become widespread in latest years. Since research underlined the important role played by metacognition and self-regulation abilities in fostering learning outcomes, the relationship between these aspects appears to be particularly worthy of investigation. In this review, we present 14 studies that have deepened the relationship between ICT, metacognitive skills and learning outcomes by identifying two main categories. Some articles investigated the effects of ICT environments combined with metacognitive aspects of learning outcomes, while others investigated the reciprocal relationship between ICT and metacognition. In general, from our review, the interaction between ICT and metacognition in producing better learning outcomes appears well established and the results highlight a bi-directional relationship between metacognition and ICT, but also allow to draw attention to gaps requiring further research.


2019 - Vicarious intergroup contact and interethnic bullying [Abstract in Atti di Convegno]
Cocco, Veronica Margherita; Pecini, Chiara; Bisagno, Elisa; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Interethnic bullying represents an emerging phenomenon that can have serious consequences on students. In this study we focused on vicarious intergroup contact, as an indirect contact form that can be used to fight it, providing a positive social environment where all individuals can be accepted. To operationalize vicarious contact, we created three fairy tales, structured so that the main character was a foreigner that was systematically discriminated and emarginated only because of his/her foreigner origin and diversity. The study was conducted with 117 elementary school children from first to third grade. They were read the fairy tales in three encounters, where they also took part to activities aimed to identify the rightness or not of the behavior read and the emotions felt as a consequence of the stories. Results from the administration of a questionnaire revealed that, compared to a control condition where children did not engage in any activity, the intervention elicited greater empathy toward the victim and social norms against bullying. In addition, empathy mediated the effects of the intervention on greater intentions to face interethnic bullying.


2018 - 12 novembre 2018. Incontro con insegnanti e genitori della scuola Marconi di Casalmaggiore, al fine di presentare i risultati delle attività condotte e introdurre le nuove attività. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita
abstract

12 novembre 2018. Incontro con insegnanti e genitori della scuola Marconi di Casalmaggiore, al fine di presentare i risultati delle attività condotte e introdurre le nuove attività.


2018 - Change context to change intolerance? Social diversity and intergroup contact in majority and minority school children [Abstract in Atti di Convegno]
Birtel, Michele D.; Wölfer, Ralf; Hewstone, Miles; Vezzali, Loris; Stathi, Sofia; Crisp, Richard J.; Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio
abstract

We presented a series of studies aimed at fostering intergroup tolerance in educational contexts based on the theoretical framework provided by the contact hypothesis.


2018 - Comportamento non verbale intergruppi “oggettivo”: una replica dello studio di Dovidio, kawakami e Gaertner (2002) [Abstract in Atti di Convegno]
Di Bernardo, Gian Antonio; Vezzali, Loris; Giovannini, Dino; Palazzi, Andrea; Calderara, Simone; Bicocchi, Nicola; Zambonelli, Franco; Cucchiara, Rita; Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita
abstract

Vi è una lunga tradizione di ricerca che ha analizzato il comportamento non verbale, anche considerando relazioni intergruppi. Solitamente, questi studi si avvalgono di valutazioni di coder esterni, che tuttavia sono soggettive e aperte a distorsioni. Abbiamo condotto uno studio in cui si è preso come riferimento il celebre studio di Dovidio, Kawakami e Gaertner (2002), apportando tuttavia alcune modifiche e considerando la relazione tra bianchi e neri. Partecipanti bianchi, dopo aver completato misure di pregiudizio esplicito e implicito, incontravano (in ordine contro-bilanciato) un collaboratore bianco e uno nero. Con ognuno di essi, parlavano per tre minuti di un argomento neutro e di un argomento saliente per la distinzione di gruppo (in ordine contro-bilanciato). Tali interazioni erano registrate con una telecamera kinect, che è in grado di tenere conto della componente tridimensionale del movimento. I risultati hanno rivelato vari elementi di interesse. Anzitutto, si sono creati indici oggettivi, a partire da un’analisi della letteratura, alcuni dei quali non possono essere rilevati da coder esterni, quali distanza interpersonale e volume di spazio tra le persone. I risultati hanno messo in luce alcuni aspetti rilevanti: (1) l’atteggiamento implicito è associato a vari indici di comportamento non verbale, i quali mediano sulle valutazioni dei partecipanti fornite dai collaboratori; (2) le interazioni vanno considerate in maniera dinamica, tenendo conto che si sviluppano nel tempo; (3) ciò che può essere importante è il comportamento non verbale globale, piuttosto che alcuni indici specifici pre-determinati dagli sperimentatori.


2018 - Intervista sul TG3 Regionale andata in onda il 17/12/2018 sul progetto di Bullismo interetnico presso l'istituto Comprensivo Marconi di Casalmaggiore (CR) [Altro]
Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita
abstract

Intervista sul TG3 Regionale andata in onda il 17/12/2018 sul progetto di Bullismo interetnico presso l'istituto Comprensivo Marconi di Casalmaggiore (CR)


2018 - Organizzazione Multiplier Event organizzato a Reggio Emilia il 26 settembre 2018 nell’ambito del progetto Erasmus + “TILL – A European qualification of teacher competences for lifelong learning”. [Altro]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Organizzazione Multiplier Event organizzato a Reggio Emilia il 26 settembre 2018 nell’ambito del progetto Erasmus + “TILL – A European qualification of teacher competences for lifelong learning”.


2018 - Organizzazione del partner meeting del progetto Erasmus + “TILL – A European qualification of teacher competences for lifelong learning”, 25 settembre 2018, Reggio Emilia. [Altro]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Organizzazione del partner meeting del progetto Erasmus + “TILL – A European qualification of teacher competences for lifelong learning”, 25 settembre 2018, Reggio Emilia.


2018 - Organizzazione del partner meeting del progetto Erasmus + “UPPER - Systemic Upscaling of Peace Education Practices”, 25-26 maggio 2018, Reggio Emilia. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Organizzazione del partner meeting del progetto Erasmus + “UPPER - Systemic Upscaling of Peace Education Practices”, 25-26 maggio 2018, Reggio Emilia.


2018 - Out-group threats and distress as antecedents of common in-group identity among majority and minority group members in the aftermath of a natural disaster [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; Versari, Annalisa; Cadamuro, Alessia; Trifiletti, Elena; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO
abstract

The aim of the present study was to examine the role of out-group threats in fostering one-group perceptions directly and indirectly via post-traumatic stress symptoms in the aftermath of a natural disaster.We also tested whether these relationships differ depending on the ethnic group of belonging (majority vs. minority). Participants were 589 Italians and 122 immigrants from a region strongly affected by the earthquakes that struck Northern Italy in 2012. Results revealed that among Italians threat stemming from negative out-group behaviour was associated positively with post-traumatic stress symptoms and negatively with perceptions of being a common group with immigrant survivors. Among immigrants, threat posed by the out-group for economic resources was positively associated with post-traumatic stress symptoms and, indirectly, with higher one-group perceptions.


2018 - Ridurre il pregiudizio a scuola con il contatto intergruppi vicario [Abstract in Atti di Convegno]
Cocco, Veronica Margherita; Vezzali, Loris; Hewstone, Miles; Stathi, Sofia; Lasticova, Barbara; Jasinskaja-Lahti, Inga; Liebkind, Karmela; Makinen, Viivi; Cadamuro, Alessia
abstract

Sebbene il contatto intergruppi diretto si sia rivelato uno strumento di riduzione del pregiudizio estremamente efficace, il suo uso in contesti reali può talvolta essere difficoltoso, ad esempio per motivi pratici e/o organizzativi o a causa di ambienti segregati. In questi casi, si è trovato che semplicemente osservare un incontro positivo tra membri dell’ingroup e dell’outgroup è sufficiente per migliorare gli atteggiamenti intergruppi. In un primo studio, in una prima fase di contatto diretto studenti delle scuole superiori hanno prodotto video interculturali focalizzati sul tema dell’amicizia interculturale. In una seconda fase, tali video sono stati mostrati ad altri studenti delle scuole considerate, in modo da mostrare loro che l’amicizia tra italiani e stranieri è possibile. Rispetto a una condizione di controllo dove non era mostrato alcun video, quelli della condizione sperimentale hanno rivelato atteggiamenti, stereotipi e intenzioni intergruppi più positive. In un secondo studio, parte di una ricerca più ampia condotta in Italia, Finlandia e Slovacchia, si è condotto nelle scuole superiori un intervento dove si sono usate tecniche di contatto vicario (lettura di storie e realizzazione e visione di filmati a tema interculturale) per migliorare la relazione tra italiani e stranieri. In particolare, si è utilizzato un intervento strutturato, adottabile anche dagli insegnanti, che coinvolgesse gli studenti in maniera attiva. I risultati mettono in luce l’importanza di interventi come questo ai fini della riduzione del pregiudizio.


2018 - Ridurre il pregiudizio etnico in età prescolare: gli effetti di un intervento di contatto immaginato [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Di Bernardo, Gian Antonio; Cocco, Veronica Maria; Vezzali, Loris
abstract

Si sono condotti due studi che dimostrano come il contatto immaginato sia efficace per ridurre il pregiudizio in bambini di scuola dell'infanzia.


2018 - Secondary Transfer Effect among Children: The Role of Social Dominance Orientation and Outgroup Attitudes [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; Di Bernardo, Gian Antonio; Stathi, Sofia; Cadamuro, Alessia; Lášticová, Barbara; Andraščiková, Simona
abstract

Research has provided evidence that the effects of intergroup contact on prejudice reduction are not limited to the outgroup one has contact with (primary outgroup). Rather, they extend to secondary outgroups uninvolved in the contact situation (secondary transfer effect; Pettigrew, 2009). We aimed to provide the first empirical evidence for the emergence of the secondary transfer effect among children. Majority (Italian) and minority (with an immigrant background) elementary school children were administered a questionnaire including measures of contact with the primary outgroup (minority children for the majority, majority children for the minority), prejudice toward the primary outgroup and toward a dissimilar secondary outgroup (disabled children), and social dominance orientation. Results revealed that among the majority group, contact with the primary outgroup had indirect associations with reduced prejudice toward the secondary outgroup. Specifically, we found evidence for sequential mediation by social dominance orientation and prejudice toward the primary outgroup. No secondary transfer effects emerged among minority group members. We discuss theoretical and practical implications of the findings, arguing for the importance of identifying the core processes driving the secondary transfer effect.


2018 - Using Kinect camera for investigating intergroup non-verbal human interactions [Abstract in Atti di Convegno]
Vezzali, Loris; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia; Cocco, Veronica Margherita; Crapolicchio, Eleonora; Bicocchi, Nicola; Calderara, Simone; Giovannini, Dino; Zambonelli, Franco; Cucchiara, Rita
abstract

A long tradition in social psychology focused on nonverbal behaviour displayed during dyadic interactions generally relying on evaluations from external coders. However, in addition to the fact that external coders may be biased, they may not capture certain type of behavioural indices. We designed three studies examining explicit and implicit prejudice as predictors of nonberval behaviour as reflected in objective indices provided by Kinect cameras. In the first study, we considered White-Black relations from the perspective of 36 White participants. Results revealed that implicit prejudice was associated with a reduction in interpersonal distance and in the volume of space between Whites and Blacks (vs. Whites and Whites), which in turn were associated with evaluations by collaborators taking part in the interaction. In the second study, 37 non-HIV participants interacted with HIV individuals. We found that implicit prejudice was associated with reduced volume of space between interactants over time (a process of bias overcorrection) only when they tried hard to control their behaviour (as captured by a stroop test). In the third study 35 non-disabled children interacted with disabled children. Results revealed that implicit prejudice was associated with reduced interpersonal distance over time.


2017 - 26 ottobre 2017. Incontro presso la scuola primaria Pertini, insieme ad Alessia Cadamuro, per presentare agli insegnanti i progetti sulla riduzione del pregiudizio, in particolare legati ai prodotti Disney. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

26 ottobre 2017. Incontro presso la scuola primaria Pertini, insieme ad Alessia Cadamuro, per presentare agli insegnanti i progetti sulla riduzione del pregiudizio, in particolare legati ai prodotti Disney.


2017 - A new era in the study of intergroup nonverbal behaviour: Studying intergroup dyadic interactions “online” [Abstract in Atti di Convegno]
DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Vezzali, Loris; Palazzi, Andrea; Calderara, Simone; Bicocchi, Nicola; Zambonelli, Franco; Cucchiara, Rita; Cadamuro, Alessia
abstract

We examined predictors and consequences of intergroup nonverbal behaviour by relying on new technologies and new objective indices. In three studies, both in the laboratory and in the field with children, behaviour was a function of implicit prejudice.


2017 - Contatto immaginato e bullismo pregiudiziale: un intervento con bambini di scuola primaria [Abstract in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Stathi, Sofia; Crisp, Richard J.
abstract

Introduzione. Il bullismo è un fenomeno presente anche in bambini di scuola primaria e risulta particolarmente insidioso quando è rivolto a persone appartenenti a gruppi svantaggiati che soffrono già di episodi di discriminazione, come ad esempio i disabili. Per indagare questo fenomeno e, in particolare, come sia possibile arginarlo, abbiamo condotto un intervento basato sul contatto immaginato, secondo cui immaginare un incontro positivo con membri dell’outgroup è sufficiente per migliorare gli atteggiamenti intergruppi (Crisp & Turner, 2012). Metodo. L’intervento, condotto su 215 bambini di scuola primaria (M = 8.80, SD = 1.35; 106 maschi, 109 femmine), aveva l’obiettivo di verificare l’efficacia del contatto immaginato sia rispetto al tema del pregiudizio nei confronti dei bambini disabili, sia rispetto a comportamenti di bullismo nei loro confronti. In particolare, eravamo interessati a stimolare le reazioni dei bambini qualora si fossero trovati di fronte ad un atto di bullismo nei confronti di un coetaneo disabile. Nella condizione sperimentale (108 partecipanti, 57 maschi, 51 femmine) abbiamo condotto tre incontri, ciascuno dei quali diviso in due fasi: nella prima il bambino doveva immaginare di fare amicizia con un coetaneo in sedia a rotelle; nella seconda, doveva immaginare che questo coetaneo fosse preso in giro (primo incontro), escluso socialmente (secondo incontro), insultato apertamente (terzo 34 incontro). Nella condizione di controllo (107 partecipanti, 49 maschi, 58 femmine), i bambini non svolgevano alcuna attività. La valutazione dell’intervento è stata effettuata con un questionario somministrato a una settimana dall’ultimo incontro. Risultati. I risultati, ottenuti conducendo una serie di ANOVA a una via, hanno evidenziato un forte effetto dell’intervento sulla valutazione dei bambini disabili in sedia a rotelle e sul decentramento dal proprio gruppo: i normodotati sono stati valutati peggio nella condizione sperimentale rispetto alla condizione di controllo. È da notare che gli effetti non si estendevano alla valutazione di bambini con altre disabilità (ad esempio, ciechi) e ai disabili in generale. L’intervento ha aumentato il desiderio di avere in futuro rapporti con bambini disabili in sedia a rotelle. Si sono inoltre osservati effetti sulla vicinanza psicologia ai bambini disabili e sull’empatia affettiva nei loro confronti, ma non su quella cognitiva: la capacità di mettersi nei panni dei bambini disabili non era diversa tra le due condizioni. L’intervento ha prodotto effetti sull’intenzione di reagire in presenza di esclusione sociale di bambini in sedia a rotelle, ma non sull’intenzione di reagire a insulti a bambini in sedia a rotelle, anche se si è ottenuto un effetto indiretto su quest’ultima variabile tramite la vicinanza psicologica. Conclusione. L’intervento ha permesso di dimostrare l’efficacia della strategia del contatto immaginato sulle valutazioni dei disabili e, soprattutto, sull’intenzione di reagire ad atti di bullismo nei loro confronti. Un limite per l’interpretazione dei risultati è tuttavia determinato dall’assenza di un pre-test.


2017 - I Risultati della Ricerca: Qual è la Strategia pìù efficace? [Capitolo/Saggio]
Vezzali, Loris; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Trifiletti, Elena; Cadamuro, Alessia
abstract

Il capitolo presenta i risultati di una ricerca condotta con studenti di scuola superiore in cui si è testata l'efficacia di diverse strategie di contatto.


2017 - In the Aftermath of Natural Disasters: Fostering Helping Towards Outgroup Victims [Capitolo/Saggio]
Vezzali, Loris; Andrighetto, Luca; Drury, John; Di Bernardo, Gian Antonio; Cadamuro, Alessia
abstract

After a natural disaster, solidarity and helping behaviours among survivors are crucial for alleviating the adverse consequences of this event (Bioterrorism: Psychological and public health interventions, Cambridge University Press, Cambridge, UK, 200–229, 2004). However, fostering mutual helping may turn out to be problematic in most of the today’s affected communities, given their increasingly multi-ethnic nature. Indeed, prejudice and intergroup biases may constitute serious obstacles to the willingness to help outgroup members. Yet, while a substantial body of literature has examined the intergroup processes affecting helping in bystander groups (see e.g., Zagefka, Noor, Brown, Hopthrow, & de Moura, Asian Journal of Social Psychology 15:221–230, 2012), only recently has social psychological research explored these processes within ethnic groups actually involved in the disaster. In the present chapter, we review research that focused on the conditions and the processes shaping intergroup helping in victimised ethnic groups. In presenting this research, we focus on the interplay between individual reactions to the disaster and group variables in determining the willingness to help outgroup members. Further, we stress the importance of adopting a multi-ethnic perspective because the processes of the majorities and minorities that drive intergroup helping are often radically different. Particular attention is devoted to the mechanisms triggering children’s intergroup helping, as they appear to be different from those driving helping responses among adults. We conclude by identifying effective strategies that would potentially make the salience of a natural disaster an unexpected opportunity to promote helping outgroup members and, ultimately, to improve intergroup relations and facilitate the recovery among individuals of affected communities.


2017 - Incontro presso la scuola primaria Pertini per presentare a insegnanti e genitori degli alunni le attività svolte e i risultati maturati. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Incontro presso la scuola primaria Pertini per presentare a insegnanti e genitori degli alunni le attività svolte e i risultati maturati.


2017 - Nuove tecnologie, atteggiamento verso lo studio e creatività: una ricerca con studenti di scuola secondaria di primo grado [Abstract in Atti di Convegno]
Versari, Annalisa; Cadamuro, Alessia; Farneti, Alessandra
abstract

Nuove tecnologie, atteggiamento verso lo studio e creatività: una ricerca con studenti di scuola secondaria di primo grado Versari1 A., Cadamuro1 A., Farneti2 A. 1 Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 2 Facoltà di Scienze della Formazione, Libera Università degli Studi di Bolzano Introduzione. L’introduzione di nuove tecnologie (ICT) a scuola è un’occasione per riflettere ed innovare i processi di insegnamento-apprendimento. Se adeguatamente introdotti ed utilizzati, gli strumenti tecnologici possono sostenere la riflessione metacognitiva e l’autoregolazione e possono contribuire allo sviluppo del pensiero creativo, grazie alla multimedialità e flessibilità dei supporti. Infine, rappresentano un’opportunità per migliorare l’atteggiamento emotivo-motivazionale degli studenti verso la scuola, aumentando partecipazione e socialità. Metodo. Allo scopo di indagare la relazione tra le ICT, in particolare la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), i processi metacognitivi e la creatività, abbiamo condotto una ricerca su un campione di 343 studenti di scuola secondaria di primo grado, di età compresa tra 11 e 15 anni. A ciascun studente sono stati somministrati alcuni questionari che intendevano indagare: l'approccio allo studio (QAS-AMOS 8-15); l’utilizzo della LIM in classe (IWBs), il tempo trascorso in internet e la frequenza di utilizzo dei videogiochi. Agli studenti è stata infine proposta una prova di creatività (Alternative Uses Task, Guilford,1967). Gli insegnanti hanno invece risposto ad un questionario sul loro utilizzo delle ICT in classe. 105 Risultati. Le analisi hanno evidenziato una relazione positiva tra l’utilizzo della LIM in classe e le variabili “concentrazione”, “atteggiamento verso la scuola” e “organizzazione” del QAS e una correlazione negativa tra utilizzo delle ICT e la dimensione “originalità di pensiero” misurata dall’Alternative Uses Task. Sono emerse correlazioni positive tra il “tempo di navigazione in internet” e la variabile “flessibilità” del QAS e le variabili “apprendimento e motivazione” e “percezione dell’efficacia della LIM” misurate dall’IWBs. È stata rilevata invece una correlazione negativa tra la variabile “utilizzo dei videogiochi” e le variabili del QAS “atteggiamento verso la scuola”, “motivazione” e “concentrazione”. Infine, è emersa una correlazione negativa tra la variabile “percezione di effetti negativi nell’utilizzo della LIM” dell’IWBs e le variabili “originalità” e “fluency”, misurate dalla prova di creatività e la variabile “concentrazione” del QAS. Conclusione. La ricerca ha messo in luce una relazione articolata e complessa tra l’utilizzo delle nuove tecnologie, l’atteggiamento verso lo studio e la creatività. In generale, sembra legittimo concludere che le ICT possano rappresentare uno strumento di promozione per le abilità metacognitive. La relazione con la creatività appare invece più problematica e necessita di ulteriori approfondimenti.


2017 - Vicarious, extended and imagined intergroup contact: A review of interventions based on indirect contact strategies applied in educational settings [Articolo su rivista]
DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Vezzali, Loris; Stathi, Sofia; Cadamuro, Alessia; Cortesi, Lisa
abstract

Although research has shown that interventions within educational contexts based on direct, facetoface contact are effective in reducing prejudice, they may be difficult to implement. Recent research has demonstrated that also indirect contact is a useful strategy to improve intergroup relations. In the present work, we focus on three forms of indirect contact which have received consistent attention by social psychologists in recent years: vicarious contact, extended contact, imagined contact. The interventions reviewed support indirect contact strategies as effective and flexible means of reducing prejudice within schools. In the final part of the article, we discuss the theoretical and practical implications of our literature review and provide some suggestions for future research.


2016 - Antidoti al pregiudizio [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Partecipazione all’incontro “Antidoti al pregiudizio”, tenutosi a Carpi nell’ambito del Festival Internazionale delle Abilità Differenti 2016 promosso dalla Cooperativa sociale Nazareno. Si sono in particolare presentati due progetti per il miglioramento delle relazioni con persone disabili.


2016 - I bambini e il terremoto: strategie per fronteggiare lo stress [Capitolo/Saggio]
Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Vezzali, Loris; Giovannini, Dino
abstract

Il capitolo tratta di un programma di ricerca da noi condotto all'indomani del terremoto che ha colpito l'Emilia-Romagna nel 2012 volto a comprendere le conseguenze dell'evento sui bambini unitamente alle modalità per preservare al meglio le proprie funzioni cognitive e reagire all'evento in maniera efficace.


2016 - La formazione del gruppo nei bambini e il ruolo delle caratteristiche di personalità [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

Intervento assieme ad Alessia Cadamuro del contributo “La formazione del gruppo nei bambini e il ruolo delle caratteristiche di personalità” al seminario “Fare ricerca. Approfondimenti teorici e metodologici sui temi: la formazione del gruppo nei bambini, l’apprendimento implicito, la costruzione delle competenze sociali”, organizzato congiuntamente dall’Università di Modena e Reggio Emilia e dall’Istituzione Scuole e Nidi d’Infanzia del Comune di Reggio Emilia.


2016 - Le relazioni tra italiani e stranieri all’indomani del terremoto [Capitolo/Saggio]
Vezzali, Loris; Giovannini, Dino; DI BERNARDO, GIAN ANTONIO; Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa
abstract

In seguito al terremoto che ha colpito l’Emilia-Romagna nel 2012, si è portato avanti un programma di ricerca che ci ha permesso di comprendere in parte i processi psicologici legati alla reazione al terremoto in contesti multiculturali. Tale programma rientra nell’ambito delle attività promosse da RIMILab (Centro di Ricerca su Relazioni Interetniche, Multiculturalità e Immigrazione del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, Unimore). Oltre a quella degli adulti, abbiamo anche considerato la reazione dei bambini che ne sono stati vittime, i quali sono stati scarsamente considerati dalle ricerche volte a indagare le conseguenze sociali dei disastri naturali. L’obiettivo era quello di comprendere come la reazione al terremoto abbia influito sulle intenzioni di aiutare membri di gruppi etnici diversi dal proprio e come tali processi differissero tra vittime italiane e straniere. In questo capitolo si presentano gli studi che abbiamo svolto, delineandone inoltre il quadro teorico di riferimento. Nelle conclusioni trarremo le somme derivanti dai risultati degli studi e ne indicheremo le ricadute applicative.


2016 - Preventing the detrimental effect of posttraumatic stress in young children: The role of theory of mind in the aftermath of a natural disaster [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Vezzali, Loris; Trifiletti, Elena
abstract

We conducted a field study to test whether parents’ negative reactions to a natural disaster affected children’s reactions, together with the factors buffering this negative influence. Specifically, we examined whether parents’ posttraumatic stress symptoms following an earthquake were associated with children’s posttraumatic symptoms and their use of negative coping strategies. Theory of Mind (ToM) was tested as the factor allowing children to reduce the detrimental effects of posttraumatic stress symptoms on negative coping. Hypotheses were tested in a sample of elementary school children and their parents in the aftermath of the earthquakes that struck Northern Italy in 2012. Results revealed that mothers’ (but not fathers’) posttraumatic stress symptoms were positively associated with children’s posttraumatic stress symptoms, which acted as mediator on the use of negative coping strategies by children, but only among children with low ToM abilities. We discuss the theoretical and practical implications of findings.


2016 - Sharing distress increases helping and contact intentions via social identification and inclusion of the other in the self: Children’s prosocial behaviour after an earthquake [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; Drury, John; Versari, Annalisa; Cadamuro, Alessia
abstract

We surveyed young children (N = 517) affected by two major earthquakes to shed light on the role of identity processes in relation to the common observation that disasters can bring survivors closer together and enhance helping amongst them. As expected, posttraumatic stress symptoms caused by the earthquake were positively associated with intentions to have contact with and help other survivors of the earthquake, these effects being sequentially mediated by inclusion of the other in the self and by one-group representation. These findings extend previous research on both the antecedents and the behavioural effects of identity-fusion. The results are also the first quantitative test of a social identity account of collective resilience in children. We argue that these findings have practical as well as theoretical significance, as they demonstrate the adaptive function of group processes in informal responses to disasters.


2016 - Stili cognitivi e stili di apprendimento [Capitolo/Saggio]
Cadamuro, Alessia
abstract

Alla luce della legge 107/2015 (la cosiddetta “Buona Scuola”), questo testo intende creare un punto di incontro tra ricerca psicologica e prassi che aiuti gli insegnanti ad affrontare e risolvere i tanti problemi che si trovano a dover fronteggiare nella vita scolastica. Il libro è rivolto sia a chi già opera, o si accinge a operare, nella scuola sia agli studenti di Scienze della Formazione e di Psicologia e a tutti quei genitori che vogliono conoscere le condizioni che favoriscono, dal punto di vista psicologico, il benessere a scuola in termini, ad esempio, di apprendimento, motivazione e relazioni sociali. I vari temi trattati sono presentati in modo semplice e chiaro, per favorire la comprensione anche di chi non ha dimestichezza con le complesse metodologie di ricerca utilizzate.


2015 - Cognitive Performance in the Aftermath of a Natural Disaster: The Role of Coping Strategies, Theory of Mind and Peer Social Support [Articolo su rivista]
Cadamuro, A.; Versari, A.; Vezzali, L.; Giovannini, D.; Trifiletti, E.
abstract

Background: In May 2012, Northern Italy was struck by a tremendous series of earthquakes, which had devastating consequences and persisted for several months. Previous research shows that coping strategies and Theory of Mind (ToM) can help sustaining cognitive performance after a traumatic experience. Objective: We conducted a study to examine whether coping strategies used by elementary school children who were victims of the earthquakes were helpful in facing the consequences of these earthquakes by being positively associated with ToM and, in turn, with better cognitive performance. Methods: We administered a questionnaire to 517 elementary school children a few months after the earthquakes of May 2012. Results: Results revealed that active coping strategies were associated with greater ToM abilities that, in turn, were related with better cognitive performance. In contrast, negative coping strategies were negatively associated with the ability to mentalize others’ mental states and, in turn, with less positive cognitive performance. Avoidant coping strategies were positively associated with improved cognitive performance. Moreover, they were also associated with better cognitive performance via greater ToM abilities (this latter effect was present only among those perceiving stronger social support from their peers). Conclusions: Active and avoidant coping strategies and ToM are important factors associated with better cognitive performance in the aftermath of a natural disaster.


2015 - Feeling like a group after a natural disaster: Common ingroup identity and relations with outgroup victims among majority and minority young children [Articolo su rivista]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Giovannini, Dino; Trifiletti, Elena
abstract

We conducted a field study to test whether the common ingroup identity model (Gaertner & Dovidio, 2000, reducing intergroup bias: The common ingroup identity model. Philadelphia, PA: Psychology Press) could be a useful tool to improve intergroup relations in the aftermath of a natural disaster. Participants were majority (Italian) and minority (immigrant) elementary school children (N = 517) living in the area struck by powerful earthquakes in May 2012. Results revealed that, among majority children, the perceived external threat represented by the earthquake was associated with greater perceptions of belonging to a common ingroup including both ingroup and outgroup. In turn, heightened one-group perceptions were associated with greater willingness to meet and help outgroup victims, both directly and indirectly via more positive outgroup attitudes. Among immigrant children, perceived disaster threat was not associated with any of the dependent variables; one-group perceptions were positively associated with outgroup attitudes, helping and contact intentions towards outgroup victims. Thus, onegroup perceptions after a natural disaster may promote more positive and supporting relations between the majority and the minority group. We discuss the theoretical and practical implications of the findings.


2014 - Il terremoto in Emilia Romagna: effetti sui bambini di scuola primaria a Carpi, Novi di Modena e Rovereto sulla Secchia [Capitolo/Saggio]
Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Vezzali, Loris; Giovannini, Dino
abstract

Un evento traumatico può comportare nelle persone uno stress psicologico intenso, con conseguenze non solo nell’immediato, ma anche a lungo termine. E’ probabile, ad esempio, che in seguito ad un terremoto le persone coinvolte sviluppino uno stato di disagio tale da configurarsi come un vero e proprio Disturbo Post-Traumatico da Stress. Ogni individuo però interagisce con la situazione traumatica in modo del tutto personale, in funzione del tipo di evento, dell’età, del grado di sviluppo cognitivo, emotivo e sociale, del contesto di vita e, nel caso dei bambini, della presenza di figure adulte di riferimento adeguate (insegnanti e genitori). Allo scopo di individuare quale impatto abbiano avuto i terremoti che si sono verificati nelle province di Modena e Reggio Emilia nel mese di maggio 2012, come abbiano reagito le persone coinvolte e quali risorse psicologiche hanno messo in campo, abbiamo condotto uno studio su circa 900 alunni (il 24% con origini straniere), insieme ai loro genitori, delle scuole primarie di Carpi, Novi di Modena e Rovereto sulla Secchia. In questo capitolo presentiamo i risultati principali di questa ricerca.


2014 - La dimensione cognitiva e metacognitiva nell'età senile tra memoria e apprendimento [Capitolo/Saggio]
Cadamuro, Alessia
abstract

Vengono analizzati i principali deficiti cognitivi nell'anziano, in particolare attenzione e memoria, e sono suggerite strategie di intervento che più di altre si sono dimostrate efficaci nella formazione dell'anziano


2014 - Mentalizzazione e autovalutazione nelle scuole elementari e medie [Altro]
Cadamuro, Alessia; Vezzali, Loris
abstract

Presentazione e discussione con gli insegnanti dei risultati delle ricerche condotte in merito agli studi condotti presso le scuole di Novi di Modena e Rovereto sulla Secchia sulle capacità di mentalizzazione e ai loro effetti sulle relazioni tra i gruppi e sull’autovalutazione scolastica.


2013 - Conferenza stampa per presentazione ricerche terremoto svolte dal RIMILab [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Giovannini, Dino
abstract

Conferenza stampa per presentazione ricerche terremoto svolte dal RIMILab


2013 - Intervista al TG di TeleReggio a Loris Vezzali e Alessia Cadamuro in relazione alle ricerche svolte per indagare gli effetti del terremoto su adulti e bambini. [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

14 giugno 2013. Intervista al TG di TeleReggio a Loris Vezzali in relazione alle ricerche svolte per indagare gli effetti del terremoto su adulti e bambini.


2013 - Intervista del GR1 in relazione alle ricerche svolte per indagare gli effetti del terremoto su adulti e bambini [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia
abstract

30 maggio 2013. Intervista del GR1 a Loris Vezzali e Alessia Cadamuro in relazione alle ricerche svolte per indagare gli effetti del terremoto su adulti e bambini.


2013 - Presentazione di due ricerche sul terremoto all’interno dell’iniziativa organizzata dal Dipartimento di Educazione e Scienze Umane “Quando il terremoto fa tremare il cuore. L’università con le scuole del cratere” [Altro]
Vezzali, Loris; Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; L., Andrighetto; Giovannini, Dino; C., Nadi; G., Bergamini
abstract

29 maggio 2013. Presentazione di due ricerche sul terremoto all’interno dell’iniziativa organizzata dal Dipartimento di Educazione e Scienze Umane “Quando il terremoto fa tremare il cuore. L’università con le scuole del cratere”.


2013 - Presentazione ricerca terremoto presso le scuole di Novi di Modena e Rovereto sulla Secchia [Altro]
Cadamuro, Alessia; Versari, Annalisa; Vezzali, Loris
abstract

Si sono presentati e discussi con le insegnanti i risultati delle ricerche condotte nelle scuole in relazione agli effetti psicologici del terremoto. L'incontro si è tenuto lunedì 9 settembre presso le scuole di Novi di Modena e Rovereto sulla Secchia.


2011 - Processi di autovalutazione in età evolutiva: aspetti metacognitivi e stili attributivi [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; Versari, A.; Battistelli, P. G.
abstract

Scopo della ricerca è indagare le capacità di autovalutazione delle prestazioni cognitive in età evolutiva e verificare se sia osservabile il bias di sopravvalutazione dei soggetti meno abili e sottovalutazione dei più abili, come evidenziato in letteratura (Krueger & Dunning, 2002; Krajc & Ortmann, 2008). Vogliamo poi analizzare se i bias valutativi siano correlabili con diversi stili di attribuzione causale.


2011 - Stili cognitivi e differenze culturali [Capitolo/Saggio]
L., Taverna; Cadamuro, Alessia; A., Farneti
abstract

Con questa ricerca si intendeva verificare se esistessero delle differenze tra gli studenti appartenenti al gruppo linguistico italiano e quelli appartenenti al gruppo linguistico tedesco relativamente alle preferenze negli stili cognitivi e di apprendimento. Dall’analisi dei dati emergono differenze significative che necessitano di essere ulteriormente approfondite e confermate attraverso studi con altre popolazioni studentesce allo scopo di verificare se le differenze riscontrate siano legate a variabili culturali caratterizzanti i gruppi linguistici, e quindi trasversali a vari corsi di laurea e/o età di formazione, oppure determinate dal rinforzo di particolari stili in ambiti educativi e disciplinari differenti


2010 - Le stime metacognitive e le attribuzioni di causalità in età evolutiva [Articolo su rivista]
Battistelli, P.; Cadamuro, Alessia
abstract

Il presente lavoro si propone di osservare se e come i fattori emotivi e motivazionali della personalità influiscano sull’autovalutazione delle proprie prestazioni ed abilità. Il quadro teorico a cui ci riferiamo è pertanto quello fornito dagli studi sulla metacognizione, termine utilizzato per la prima volta da Flavell (1976), in riferimento principalmente agli studi sulla memoria.I nostri dati suggeriscono complessivamente che i soggetti, in tutte e tre le fasce di età, siano sostanzialmente consapevoli della prestazione data: i più bravi sono consapevoli di esserlo, così come i soggetti meno abili sembrano rendersene conto.Per quanto riguarda tuttavia le autovalutazioni comparative, l’andamento dei dati indica che in tutte le tre fasce di età (8, 10, 12 anni circa) compare il fenomeno (Kruger e Dunning, 1999) della sopravvalutazione nei soggetti meno abili rispetto al livello reale della loro prestazione. Il fenomeno della sottovalutazione, nei soggetti più abili, inizia invece a definirsi nei soggetti frequentanti la II media. Questo sembrerebbe confermare l’idea da noi espressa in un lavoro precedente (si veda Battistelli ed al., 2006) che tale fenomeno sia da attribuirsi a processi cognitivi alimentati da atteggiamenti epistemici legati alla maturazione dell’elaborazione metacognitiva.


2009 - Do university students know how they perform? [Articolo su rivista]
P., Battistelli; Cadamuro, Alessia; A., Farneti; A., Versari
abstract

The aim of the research is to study the capacity for self-evaluation of University studentsundergoing tests involving mathematics, linguistic and formal reasoning. Subjects wereasked to estimate the number of correct answers and subsequently to compare theirperformance with that of their peers. We divided the subjects into three groups on the basisof performance: poor, middle and top performers. The results demonstrate that all thesubjects in all tests showed good awareness of their level of actual performance. Analyzingcomparative assessments, the results reported in literature by Kruger and Dunning wereconfirmed: poor performers tend to significantly overestimate their own performance whilst top performers tend to underestimate it. This can be interpreted as a demonstration thatthe accuracy of comparative self-evaluations depends on a number of variables: cognitiveand metacognitive factors and aspects associated with self-representation. Our conclusion is that cognitive and metacognitive processes work as “submerged” in highly subjectiverepresentations, allowing dynamics related to safeguarding the image one has of oneself toplay a role.


2009 - La relazione mente-corpo [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia
abstract

Il lavoro tratta della formazione del pensiero a partire dal rapporto corporeo con il mondo in bambini in età prescolare. La capacità di pensare il proprio pensiero e quello degli altri è una competenza fondamentale per giungere alla consapevolezza dei processi e delle strategie cognitive, alla coscienza di sé e alla rappresentazione delle relazioni.


2008 - Grandparents and new communication’s technologies [Abstract in Rivista]
Farneti, A; Cadamuro, Alessia; Quadrello, T.
abstract

In this study, collected with the Intercultural Research Training Network Project, coordinated by Peter Smith from some years, we looked at the feelings of both Italian grandparents and grandchildren in using new written communication technologies (particularly text messages, e-mail, e-card and Internet chat) and the extent to which these technologies are used in the GP-GC relationship compared to face-to-face interactions and more traditional technologies (telephone, fax). The hypothesis is that in Italy grandparents have a lot of difficulties in using new technologies and that the contact with the GC is almost face to face. We also think that the data will confirm the prevalent matrilinearity of the relationship.


2008 - Insegnanti e bambini. Idee e strumenti per favorire la relazione [Monografia/Trattato scientifico]
Cadamuro, Alessia; Farneti, A.
abstract

Quando un insegnante incontra i suoi piccoli allievi per la prima volta, cosa vorrebbe o dovrebbe sapere di loro? In che modo le sue conoscenze psico-pedagogiche gli serviranno per comprendere meglio il comportamento, le emozioni, i sentimenti, le capacità cognitive e relazionali dei bambini? Il volume è stato scritto con l'intento di rispondere, almeno in parte, a queste domande. Non si tratta di un manuale ma di un testo che ruota intorno a una scheda-guida, richiamando alcuni argomenti fondamentali di psicologia e, soprattutto, fornendo semplici elementi di metodologia e statistica. In tal modo si auspica che gli insegnanti possano non solo riflettere su alcuni contenuti teorici utili alla comprensione del mondo infantile, ma anche cimentarsi con la ricerca scientifica, trasformando le aule in piccoli laboratori dove verificare sperimentalmente gli effetti della didattica.


2008 - Recognizing Cognitive and Learning Styles. Project AISFU: a research with high school students [Relazione in Atti di Convegno]
Cadamuro, Alessia; Versari, A.
abstract

Cognitive and learning styles represent a bridge between cognition and personality and seem to have important implications in understanding, predicting, and improving educational achievements. The AISFU Project (integrated actions for university studies), promoted by theUniversity of Modena and Reggio Emilia, has been realized to study cognitive and learning styles of seventeen years old students’ of the fourth year of high schools of Modena and Reggio Emilia. This research aims to answer to the need, pointed out both from high school and university teachers’ to help students to find appropriate methods for studying and acquiring useful strategies to process information according to different contexts and tasks. The use of strategies consistent with their own cognitive profiles can lead students to achieve a more efficient way to study and, as a consequence, to obtain better academic performances.


2006 - L’autovalutazione tra processi euristici e processi metacognitivi. [Capitolo/Saggio]
Battistelli, P; Cadamuro, Alessia; Farneti, A.
abstract

Scopo della ricerca è studiare la capacità di autovalutazione di studenti universitari in prove di ragionamento aritmetico, linguistico, formale. Ai soggetti era richiesto di stimare il numero di risposte corrette fornite e successivamente di comparare la loro performance con quella di soggetti loro pari. Abbiamo suddiviso i soggetti in 3 gruppi sulla base della prestazione: poor, middle, top performers. I risultati dimostrano che tutti i soggetti in tutte le prove esibiscono una buona capacità di rilevare il livello di prestazione reale. Analizzando invece le valutazioni comparative, trovano conferma i dati evidenziati in letteratura da Kruger e Dunning: i poor performers tendono a sopravvalutare significativamente la propria performance, i top al contrario a sottostimarla. Interpretiamo il fenomeno come la dimostrazione che la precisione delle autovalutazioni comparative dipenda da diverse variabili: fattori cognitivi, metacognitivi e aspetti legati alla rappresentazione di Sé. Concludendo, affermiamo che i processi cognitivi e metacognitivi operano “immersi” in rappresentazioni fortemente soggettive, che lasciano spazio a dinamiche legate alla salvaguardia dell’immagine di sé.


2006 - Modi di pensare e modi di apprendere: uno studio correlazionale con studenti di Scienze della Formazione. [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; Giovannini, Dino; Pintus, A.
abstract

Un’analisi della letteratura psico-pedagogica mostra come siano state raccolte prove circa la consistenza dei costrutti di stile cognitivo e di stile di apprendimento. In particolare, nell’ambito di ricerca sulla metacognizione è stato dimostrato che le persone adottano differenti modalità di elaborazione dell’informazione e che ciò ha una forte ricaduta sulla qualità del loro apprendimento. Tuttavia, ciò che resta ancora da approfondire è lo studio di una possibile relazione tra stili cognitivi e stili di apprendimento. Per fornire un contributo in questa direzione, abbiamo condotto uno studio esplorativo somministrando il Questionario sugli Stili di pensiero di Sternberg (1996) e il Learning Style Inventory di Kolb (1985) a 252 studenti universitari frequentanti la facoltà di Scienze della Formazione dell’Universitè degli studi di Bologna.. Sui dati raccolti sono state condotte analisi descrittive interne a ciascun strumento, analisi correlazionali tra le risposte fornite ai due questionari, nonchè un’analisi di varianza ad una via, considerando come variabile indipendente gli stili di apprendimento e come variabile dipendente gli stili cognitivi. I risultati hanno evidenziato come i soggetti si percepiscano prevalentemente “monarchici” e “accomodatori”, mentre per quanto riguarda le possibili relazioni tra stili cognitivi e stili di apprendimento, sono emerse correlazioni positive tra stile cognitivo “oligarchico” ed “esperienze concrete” e “sperimentazione attiva” nonché tra stile cognitivo“esecutivo” e ”osservazione riflessiva”. L’analisi di varianza mostra inoltre che i soggetti “oligarchici” risultano essere maggiormente “accomodatori”, a differenza degli “analitici” che appaiono più “divergenti”.


2006 - Sapere di non sapere. L'autovalutazione delle prestazioni cognitive [Relazione in Atti di Convegno]
Battistelli, P.; Cadamuro, Alessia; Farneti, A.
abstract

Scopo della ricerca è studiare la capacità di autovalutazione di studenti universitari in prove di ragionamento aritmetico, linguistico, formale. Ai soggetti era richiesto di stimare il numero di risposte corrette fornite e successivamente di comparare la loro performance con quella di soggetti loro pari. Abbiamo suddiviso i soggetti in 3 gruppi sulla base della prestazione: poor, middle, top performers. I risultati dimostrano che tutti i soggetti in tutte le prove esibiscono una buona capacità di rilevare il livello di prestazione reale. Analizzando invece le valutazioni comparative, trovano conferma i dati evidenziati in letteratura da Kruger e Dunning: i poor performers tendono a sopravvalutare significativamente la propria performance, i top al contrario a sottostimarla. Interpretiamo il fenomeno come la dimostrazione che la precisione delle autovalutazioni comparative dipenda da diverse variabili: fattori cognitivi, metacognitivi e aspetti legati alla rappresentazione di Sé. Concludendo, affermiamo che i processi cognitivi e metacognitivi operano “immersi” in rappresentazioni fortemente soggettive, che lasciano spazio a dinamiche legate alla salvaguardia dell’immagine di sé.


2005 - La rappresentazione del legame nonni-nipoti nel suo evolversi nel tempo [Articolo su rivista]
Farneti, A; Cadamuro, Alessia
abstract

The aim of this study was to assess the quality of the relationship with grandparents experienced by young and adult grandchildren. The study is based on questionnaires administered to a sample of university students and their parents. The questionnaire consisted of 42 questions designed to illustrate the relationship with grandparents (time spent together, amount of pleasure, comparison of affection felt for the parents to the affection felt for the maternal and paternal grandfathers and grandmothers, etc.). Results confirm that the grandparent relationship is perceived very positively. Especially in younger grandchildren, grandparents represent important affective figures. No differences emerged between maternal and paternal grandparents, but there are significant differences between grandfathers and grandmothers, in favour of the latter, and between parents and grandparents, in favour of the parents. On the contrary, significant age and gender differencies emerge: young, more than adult, and female, more than male grandchildren, show a more positive and intense bond with their grandparents


2004 - Stili cognitivi e stili di apprendimento : da quello che pensi a come lo pensi [Monografia/Trattato scientifico]
Cadamuro, Alessia
abstract

Questo libro nasce dalla constatazione che, nel mondo della scuola, si avverte sempre più l'esigenza di lavorare sulle diversità tra gli alunni, piuttosto che sulle analogie. Il volume ha un doppio intento: teorico ed applicativo. Il primo consiste nel fornire una rassegna delle principali teorie sugli stili cognitivi e di apprendimento, integrando le acquisizioni classiche con i dati della ricerca più recente. La parte applicativa riguarda il modo in cui gli aspetti teorici possono essere utilizzati a fini didattici: vengono forniti suggerimenti di intervento utili a coloro che vogliano lavorare sugli stili cognitivi, con particolare riferimento alla didattica metacognitiva, al fine di mettere in pratica i metodi che la ricerca fa ritenere più idonei.


2003 - ADDESTRAMENTO METACOGNITIVO IN SOGGETTI DI ETÀ PRESCOLARE. [Articolo su rivista]
A., Farneti; Cadamuro, Alessia; V., Vivoli
abstract

L’obiettivo della presente ricerca era quello di verificare se anche con bambini di età prescolare sia possibile ed utile applicare un programma di training metacognitvo per migliorare le loro conoscenze e il loro comportamento strategico in relazione all’attenzione.La nostra ipotesi è che sia possibile migliorare le loro competenze meta-attentive con un opportuno addestramento strutturato ad hoc, condotto dalle insegnanti durante l’intero anno scolastico. Riteniamo che sia molto importante la ripetitività e la costanza dell'insegnante che deve svolgere un lavoro "di sfondo" rispetto a qualsiasi attività venga proposta ai bambini. Si tratti di un compito di memoria, di attenzione o di soluzione di un problema, è necessario che l'insegnante sottolinei le strategie usate dai bambini e li porti a divenire consapevoli degli eventuali errori o difficoltà.


2003 - Gli stili cognitivi. Una rassegna [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia
abstract

Lo scopo di questa rassegna è quello di dimostrare la necessità di tenere in giusta considerazione i diversi stili cognitivi in ambito scolastico ed educativo.


2003 - Stili di apprendimento e stili di insegnamento [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia
abstract

Affinché gli studenti ottengano il massimo beneficio possibile dall’istruzione, questa dovrebbe essere almeno in parte compatibile con i loro stili di pensiero. Metodi diversi di insegnamento funzionano meglio con stili di pensiero diversi. Per “raggiungere” davvero uno studente ed interagire positivamente con lui, un insegnante deve essere tanto flessibile da riuscire ad insegnare utilizzando differenti stili di pensiero; ciò significa che deve variare il proprio stile di insegnamento per aderire ai diversi stili di pensiero che caratterizzano gli studenti.Sembra fondamentale, allora, che gli insegnanti ed educatori dedichino una parte importante del loro lavoro all’obiettivo di portare gli allievi alla consapevolezza di quali sono i loro personali stili cognitivi, cercando di rafforzare anche quelle modalità di elaborazione dell’informazione che risultano loro più difficoltose per il fatto che l’ambiente non ha contribuito a strutturarle.In ciascun individuo si evidenziano tendenze costanti nell’utilizzare ricorsivamente determinate classi di strategie sia nella percezione della realtà, sia nell’elaborazione delle conoscenze, sia infine nei rapporti interpersonali. Anche solo volendo restringere il campo agli stili cognitivi, si riscontra che le diversità di stile corrispondono innegabilmente a diversità nell’uso dei metodi di studio e di apprendimento; diversità che, se attentamente riconosciute, concorrono a delineare il profilo cognitivo dell’allievo.Lo stile di apprendimento sarebbe, pertanto il prolungamento dello stile intellettivo e, più precisamente, un insieme di operazioni e di procedure che lo studente può usare per acquisire, ritenere e recuperare differenti tipi di conoscenza.


2002 - Attentissima…mente: un progetto per educare alla metacognizione [Articolo su rivista]
Cadamuro, Alessia; A., Farneti
abstract

La presente ricerca ha l’obiettivo di verificare l’utilità di un programma metacognitivo applicato in classe dagli stessi insegnanti. Se, già da parecchi anni si è dimostrata la relazione tra processi cognitivi e metacognitivi ed il beneficio che traggono i bambini da training che si concentrano sulle loro conoscenze e controllo strategico, altrettanta attenzione non è stata rivolta al contributo che possono dare gli insegnanti proprio nella quotidiana realtà della classe. Abbiamo pertanto coinvolto alcune insegnanti su un lavoro di formazione metacognitivo, in modo da fornire loro un approccio “nuovo” alla didattica, che potesse essere costante per l’intero anno scolastico. I risultati sono stati incoraggianti: i bambini che hanno ricevuto il training, mostrano prestazioni cognitive migliori rispetto al gruppo di controllo, che ha seguito una normale programmazione didattica.


2002 - Differenze individuali nel ricordo autobiografico [Articolo su rivista]
Cicogna, P; Occhionero, M; Cadamuro, Alessia
abstract

Examined individual differences in recollection of autobiographical events of the childhood amnesia period. Two studies were conducted: in the 1st study 3 groups of subjects (8, 12, and 18 yrs old) were tested on events recollection about different childhood periods (0-3; 3-6; 6-8 yrs), The 2nd study investigated individual differences about autobiographical recollection in children with social adaptation problems ("toughs"). Study 1 confirmed the literature data about childhood amnesia. The results obtained from the 2nd study showed that children labelled as "toughs" recollect more events from their past than the others and these events were mainly labeled with negative emotion. The results are discussed within the models supporting the idea that lifestyle and social adaptation could affect the ontogenetic development of episodic autobiographical memory


1995 - Prove per la valutazione iniziale delle abilità scolastiche trasversali. [Articolo su rivista]
R., DE BENI; Cadamuro, Alessia; L., Caccio'
abstract

Si tratta di una serie di strumenti di valutazione che possono essere somministrati e utilizzati dagli insegnanti e dalle scuole che sentano l'esigenza di adattare contenuti e metodi dell'intervento educativo ai bisogni del singolo studente per un insegnamento individualizzato capace di favorirne il massimo sviluppo. Sono previsti una serie di strumenti oggettivi volti ad esplorare abilità di base e di tipo trasversale. Le prove, graduate per livello scolare, coprono aree importanti per la progettazione degli interventi didattico-educativi ed indagano gli aspetti cognitivi, metacognitivi e affettivo-relazionali del singolo studente.


1995 - Traccia visiva e immagine mentale: analogie e differenze nell’arco della vita. [Capitolo/Saggio]
R., DE BENI; Cadamuro, Alessia
abstract

Lo studio indaga, attraverso un compito di memoria, discrepanze ed analogie tra l'attività percettiva e le immagini generate nel corso della vita.