Nuova ricerca

Annalisa FERRETTI

Professore Associato presso: Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche - Sede Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Insegnamento: Paleontologia ed evoluzione dei vertebrati

Didattica e Comunicazione delle Scienze (D.M.270/04) (Offerta formativa 2020)

Obiettivi formativi

L’obiettivo generale del corso è di fornire allo studente le linee fondamentali dell’evoluzione dei Vertebrati durante il Fanerozoico.
Obiettivi più specifici sono le tecniche di riconoscimento delle diverse parti dello scheletro, la comprensione degli adattamenti e delle relazioni tra organismi ed ambiente, la conoscenza di come i processi tafonomici influenzano quantità e qualità dei fossili.

Prerequisiti

Le conoscenze di base della paleontologia e soprattutto la familiarità con la scala dei tempi geologici sono caldamente raccomandate. La conoscenza dell’anatomia comparata dei vertebrati può agevolare la comprensione del corso, ma non è strettamente necessaria.

Programma del corso

Le basi: teoria dell’evoluzione e paleontologia.
Cenni di sistematica e nomenclatura. Evoluzione e sistematica: l’approccio cladista.
Elementi di anatomia comparata: le strutture scheletriche fondamentali.
Origine dei vertebrati: parentele e forme arcaiche.
Agnati e Gnatostomi. Pesci cartilaginei (Condritti) ed ossei (Osteitti).
Sarcopterigi. Origine dei tetrapodi. Gli Anfibi.
L’uovo amniotico: i Rettili. Anapsidi, Sinapsidi, Diapsidi.
Dinosauri saurischi ed ornitischi. Paleobiologia dei Dinosauri.
Rettili marini: ittiosauri, plesiosauri, mosasauri.
L’estinzione K/Pg. Uccelli primitivi ed evoluzione degli uccelli.
La transizione rettili/mammiferi. Mammiferi primitivi. I monotremi. I marsupiali.
La radiazione dei Placentati: Insettivori, Carnivori, Roditori e Lagomorfi.
Ungulati: i Perissodattili, gli Artiodattili.
Sirenidi e Proboscidati. I Cetacei
I Primati. L’evoluzione dell’uomo.
Elementi di tafonomia dei vertebrati.
Tecniche di scavo, recupero, trattamento in laboratorio.
Giacimenti a vertebrati in Italia.

Metodi didattici

Lezioni frontali.
Esercitazioni pratiche in aula.

Le lezioni teoriche e le esercitazioni potrebbero essere svolte in presenza o a distanza a seconda dell'evoluzione della situazione COVID19.

Testi di riferimento

Dispense del corso e selezionate letture che verranno suggerite durante il corso.

Testi di base:
M.J. Benton, 2000, Paleontologia dei Vertebrati. Franco Lucisano Ed., 504 pp.
M.J. Benton, 2015, Vertebrate Paleontology (4th edition). Wiley Blackwell, 506 pp.
A.C. Marra, 2004, Vertebrata in fieri - Vita, morte e fossilizzazione dei Vertebrati. Aracne Ed., 93 pp.

Verifica dell'apprendimento

Colloquio orale finale sulle tematiche trattate durante il corso. Il colloquio comprende 5 domande su argomenti trattati durante il corso. Per ogni domanda sono assegnati max. 6 punti a seconda della correttezza e completezza della risposta, nonché dell’uso della terminologia appropriata. Per la eventuale lode si aggiunge una sesta domanda, valutata come le precedenti.
Le prove potrebbero essere svolte in presenza o a distanza a seconda dell'evoluzione della situazione COVID19.

Risultati attesi

1) Conoscenza e capacità di comprensione
Alla fine del corso lo studente dovrà conoscere:
- le caratteristiche delle principali Classi di Vertebrati, viventi ed estinti;
- le principali strutture scheletriche dei Vertebrati;
- le principali modifiche subite dai Vertebrati durante la loro evoluzione.

2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Alla fine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
- identificare correttamente i principali elementi scheletrici sui fossili;
- riconoscere gli elementi adattativi presenti ed usarli per inferire dati sui paleoambienti;
- riconoscere le tracce dei processi tafonomici che hanno agito sui resti fossili.

3) Autonomia di giudizio
Alla fine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
- decidere le migliori tecniche di scavo e recupero;
- pianificare autonomamente uno studio su materiale fossile a Vertebrati.

4) Abilità comunicative
Alla fine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
- comunicare oralmente le proprie conoscenze con proprietà di linguaggio e rigore scientifico;
- utilizzare strumenti informatici per elaborare autonomamente presentazioni dei propri risultati, anche in lingua inglese.

5) Capacità di apprendimento
Alla fine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
- consultare la letteratura di riferimento, anche in lingua inglese, per approfondire autonomamente i contenuti della paleontologia dei Vertebrati.