Nuova ricerca

VALERIA RIBEIRO COROSSACZ

Professore Associato presso: Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2020 - "Domestic work is work”. Le lotte delle lavoratrici domestiche e la divisione socio-sessuata del lavoro [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, VALERIA
abstract


2020 - Assédio sexual no emprego doméstico [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract


2020 - Dénoncer la violence. Silences et prise de parole autour du harcèlement sexuel envers les travailleuses domestiques au Brésil [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

L’articolo presenta una ricerca condotta in Brasile tra lavoratrici domestiche e sindacaliste sulle molestie sessuali da parte dei datori di lavoro. Dai dati raccolti emerge la difficoltà, per ragioni diverse, a trattare questo argomento, sia nella letteratura scientifica, sia nelle relazioni tra sindacaliste e lavoratrici, sia durante l’intervista. Il silenzio è uno dei modi di reagire alle molteplici forme di violenza presenti nelle molestie sessuali, una risposta strategica radicata nelle condizioni di vita delle lavoratrici. L’articolo dimostra, infatti, che le esperienze di molestie sessuali possono essere comprese solo se ricondotte alle condizioni strutturali di vita delle lavoratrici domestiche, segnate dal razzismo, diseguaglianza di classe e sessismo, che a loro volta determinano le reazioni messe in campo da esse.


2020 - Femminismo decoloniale e destabilizzazione della norma dei saperi [Prefazione o Postfazione]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract


2020 - La construction d’une pratique politique intersectionnelle dans les luttes des travailleuses domestiques au Brésil [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria; Acciari, Louisa
abstract

Cet article propose une analyse des luttes des travailleuses domestiques au Brésil, à partir de deux recherches de terrain. Nous considérons l’imbrication du racisme, du sexisme et de l’inégalité de classe dans leurs vies et luttes, et dans leur rapport avec les mouvements noir, féministe et les syndicats de travailleurs. Si cette imbrication des rapports sociaux produit des formes d’oppression multiples, elle est également un ressort pour les luttes collectives des travailleuses domestiques leur permettant de former des alliances qui ont mené à la promulgation d’une loi garantissant des droits à la catégorie en 2015. Cependant, le caractère intersectionnel de leurs revendications a également produit des tensions et des conflits avec leurs alliés, limitant la portée de leur succès.


2020 - La nozione di sessaggio: l’appropriazione della classe delle donne da parte della classe degli uomini [Prefazione o Postfazione]
RIBEIRO COROSSACZ, VALERIA
abstract


2020 - Minha cidade: espaço e tempo coletivos na Itália do coronavírus [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract


2020 - Sesso, razza e pratica del potere. L’idea di natura [Edizione critica]
RIBEIRO COROSSACZ, VALERIA; Garbagnoli, Sara; Perilli, Vincenza
abstract


2019 - Brasile: criminalizzazione dell’aborto, razzismo e pratiche politiche delle donne [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2019 - Molestie sessuali e oppressione di classe, sesso e razza. Una ricerca tra lavoratrici domestiche in Brasile [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L’articolo presenta una ricerca condotta in Brasile tra e con lavoratrici domestiche e sindacaliste sulle molestie sessuali da parte dei datori di lavoro. I dati raccolti dimostrano come queste esperienze di molestie sessuali possono essere comprese solo se ricondotte alle condizioni strutturali di vita delle lavoratrici domestiche, segnate dal razzismo, diseguaglianza di classe e sessismo, che a loro volta determinano le reazioni messe in campo da esse. Le molestie sessuali sono negate dai datori di lavoro e da una cultura sessista di classe media bianca, a cui possono partecipare anche le datrici di lavoro, mentre sono riconosciute dalle sindacaliste che condividono le stesse condizioni materiali di vita e lavoro delle lavoratrici, e che quindi sanno identificare le forme di azione e resistenza messe in atto dalle esse.


2019 - Postfazione [Marielle, presente!] [Prefazione o Postfazione]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2019 - Sexual harassment and assault in domestic work: An exploration of domestic workers and union organizers in Brazil [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

The literature has shown that sexual harassment and assault of domestic workers in the workplace is a problem globally. It is widespread in Brazil, where it is closely linked to the country’s slave-owning past. This article uses interviews with domestic workers and union organizers to investigate this issue in relation to the conditions that characterize domestic work and the racism and sexism in Brazilian society. The analysis focuses on women’s reactions to sexual assault and the silence surrounding it. I argue thatwomen’s silence in relation to their experiences of sexual assault should be interpreted as a form of agency and resilience within a broader context of social oppression.


2018 - The uses of silence. Researching sexual harassment against female domestic workers in Brazil”, [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

In this paper I discuss the experiences of silence related to two fieldworks in Brazil (Rio de Janeiro), during which I was investigating the topic of sexual harassment against female domestic workers by male employers. In the first fieldwork I interviewed a group of upper-middle class men self-identifying themselves as white. With the aim of investigating their apprenticeship of whiteness and masculinity, I discussed their «sexual initiation» with female domestic workers. Men presented these «sexual initiations» as a form of «normal» violence, well known in Brazilian society. Even if for those men it was easy to name these harassments, I had to face the way they silenced the multiple forms of domination included in them (sexual, racial and class). In the second fieldwork, I interviewed female domestic workers and union organizer (most of them black) asking them to talk about the problem of sexual harassment by male employers. Contrary to the men, for female domestic workers it was much harder to talk about it: silence was the main code to relate to this experience, and I had to find out the right words to approach the question. Comparing these two fieldwork experiences I consider how silence can be at the same time a way to legitimate power relations and to contrast them.


2018 - Usi ed abusi del Genere e l’idea di Natura [Capitolo/Saggio]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

Il dibattito che si è acceso in Italia negli ultimi anni sulla così detta “teoria” o “ideologia del genere”, ha un tratto peculiare e non affatto casuale: concentrarsi sulla scuola e sui bambini visti come persone indifese sottratte alle proprie famiglie nelle scelte educative. Focalizzarsi sui bambini e gli adolescenti definisce il quadro della discussione nei termini di emotività, di paure e di desiderio percepito come universale e incontestabile di proteggere soggetti più o meno indifesi verso cui si nutrono sentimenti di amore incondizionato. Si tratta di un quadro che mobilita emozionalità, laddove le questioni poste dalle iniziative e dalle lotte che storicamente si sono agglomerate attorno alla nozione di genere si sono espresse contro l’oppressione sessista rivolgendosi all’intera società. Questo articolo analizza da una prospettiva antropologica alcune delle argomentazioni impiegate per attaccare la nozione di genere, concentrandosi in particolare sul ruolo che l’idea di natura umana ha nella costruzione di tali argomentazioni.


2018 - White middle-class men in Rio de Janeiro. The making of a dominant subject [Monografia/Trattato scientifico]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

Based on the biographical accounts of upper-middle-class white men living in wealthy parts of Rio di Janeiro, Valeria Ribeiro Corossacz analyzes specific experiences of whiteness as they are produced at the intersection of multiple categories, in particular gender, class, and sexuality. White middle class men in Rio de Janeiro investigates what it means to be classified as a white person and a man in a society known for its valorization of racial mixing and yet deeply structured by racism, class and gender inequalities. Ribeiro Corossacz focuses on certain experiences in the men’s biographical trajectories representing moments of apprenticeship in a specific model of white, heterosexual and heteronormative middle-class masculinity and describes how these experiences are constructed as normative. This book explores how class, gender and race privilege are mutually produced and perceived by these men as “normal”. Examining instances of silence and what is left unsaid but also these men’s ability to provide precise descriptions of power relations and violent episodes, the author encourages us to observe the condition of dominant subjects as a keystone of the reproduction social discrimination.


2017 - Lutte des travailleuses domestiques au Brésil. Racisme, sexisme et inégalités de classe [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

This article presents data collected during fieldwork conducted in 2013-2015 among 20 domestic workers and 10 domestic worker activists in Rio de Janeiro, São Paulo and Campinas (Brazil). In particular, it examines the domestic workers’ job conditions and political struggles to achieve the same labor rights as other workers by demanding that state institutions recognize that «domestic work is work» and accept their claims. These struggles made it possible for domestic workers, who are poor, non-educated and mostly black women, to achieve significant results that improved their lives and self-esteem. In these political actions, activists established coalitions with other subjectivities such as the black movement. Domestic workers’ struggles have always faced opposition, and this article argues that these forms of opposition are linked not only to the conservative interests of most right-wing groups, but also to a more complex imbrication of structures of inequality based on the social division of domestic labor and its links with racism and class inequalities. Domestic workers’ battles thus pave the way for a broader political project that aims to dismantle structures of inequality such racism, sexism and class inequality and their intersection.


2017 - Nomear a branquitude. Uma pesquisa entre homens brancos no Rio de Janeiro [Capitolo/Saggio]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

This paper discusses how whiteness is perceived and described by upper-middle class men self-identifying as white in Rio de Janeiro. In part one I present a brief history of critical whiteness studies and the specific characteristics of studying whiteness in Brazilian, with particular attention to Brazilian color classification and the relationship between class and color. In part two I explore the main methodological problems related to the study of whiteness within the framework of Brazilian research on whiteness and French sociological analysis of the upper-middle class and aristocracy. I then discuss interviewees’ efforts to give definitions of whiteness, their silences and laughter, and the different types of answer they offer. Class appears as a privileged language for giving concrete content to whiteness: while class is described as something more tangible and objective, whiteness is perceived by these men as elusive and impossible to put into words.


2017 - Pour une anatomie politique des sexes : l’actualité de la pensée de Nicole-Claude Mathieu [Capitolo/Saggio]
Ribeiro Corossacz, Valeria; Perilli, Vincenza; Garbagnoli, Sara
abstract

Le texte présente les spécificités de l'analyse de Mathieu en insistant sur son inscription au sein du courant du féminisme matérialiste francophone. Les textes de Mathieu présentent un réseau intertextuel très dense, renvoyant souvent, explicitement ou tacitement, aux travaux de Guillaumin, de Tabet, de Wittig ou de Delphy. Cela témoigne de la fidélité à une méthode – expliquer le social avec du social –, à un engagement théorique – « visibiliser » l’oppression des femmes et en étudier l'amplitude et les différents pans –, à un but politique – abolir le genre, c’est à dire le système hiérarchique qui, en imposant des différences économiques, juridiques et psychologiques entre êtres humains, crée les groupes de sexes.


2016 - Da razza a razzismo, un passaggio necessario. [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

In questa presentazione discuterò della necessità di abbandonare il termine “razza” nel linguaggio istituzionale e in quello quotidiano per impiegare, al suo posto, la parola “razzismo”. Compiendo questo spostamento potremmo contribuire a combattere una visione della realtà sociale in cui ci si focalizza su un elemento naturale considerato come la causa di attitudini e comportamenti individuali e collettivi, e promuovere invece una visione che si focalizzi sulle relazioni sociali e storiche, sugli aspetti processuali, dinamici della realtà, in cui la condizione degli individui, e dei gruppi di individui, non è determinata dal loro corpo naturale, ma dal mondo in cui vivono.


2016 - Molestie sessuali nel lavoro domestico e passato schiavista. Un’indagine tra lavoratrici e sindacaliste in Brasile [Capitolo/Saggio]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

In questo articolo presento i dati di una ricerca condotta nel 2013 e 15 tra lavoratrici domestiche e sindacaliste del Sindacato dei lavoratori domestici di Rio de Janeiro sul tema degli abusi sessuali. Come dimostrato dagli studi, in Brasile il lavoro domestico è un’attività svolta in forma predominante da donne povere nere poco istruite. La sua diffusa presenza nelle case delle famiglie di classe media e medio-alta, storicamente bianche, è un importante indicatore di classe (medio-alta) e di colore (bianco), spesso rappresentata nei dibattiti pubblici e nei discorsi di persone di classe media come un vestigio del passato schiavista. Al lavoro domestico è stata spesso associata, in modo più o meno esplicito, la richiesta di un servizio sessuale da parte dei membri uomini della famiglia datrice di lavoro. Il legame tra lavoro domestico remunerato e servizio sessuale riporta alla condizione delle schiave di origine africana che si occupavano del lavoro domestico e di cura in cui era inclusa la disponibilità sessuale e riproduttiva. Questo legame è stato affrontato nelle interviste fatte alle sindacaliste (tutte nere) e alle lavoratrici domestiche, e sarà esaminato in relazione alla percezione del problema degli abusi sessuali presso le lavoratrici domestiche e le sindacaliste. In particolare verranno approfonditi gli strumenti legali per far fronte a questi abusi e le strategie usate dalle lavoratrici per difendersi da essi. Infine ci si soffermerà sulle categorizzazioni razziali impiegate, o non impiegate, dalle persone intervistate, e sul ruolo del razzismo come elemento che struttura il lavoro domestico remunerato e la sua associazione alla richiesta di servizi sessuali.


2016 - Una decolonizzazione mai terminata. Il modello portoghese di colonizzazione in Brasile e la costruzione dell’Altro/a africano/a nell’immaginario razzista [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

In this paper I analyse how the narrative discourse about the presumed specific characteristics of Portuguese colonization in Brazil moulded racism in Brazil and Portugal. Recently in Portugal there have been episodes of police violence against black people. These episodes have to be considered not only as the product of contemporary racism and its links with neoliberalism effects on marginalized groups, but also as the product of racist and colonial Portuguese ideology. In the case of Brazil, Portuguese colonization is a key element to comprehend the national ideology of mestiçagem, and the false idea of inclusion of African descendants in Brazilian culture that it conveys. The restrictive valorisation (Guillaumin, 1972) of black and indigenous people presents in Brazilian racist ideology is in effect rooted in the Portuguese model of colonization which has been represented as more “human” since the slavery time. Portuguese men are been described as particularly open to mingle with colonized people, especially women, of other cultures and “races”. The notion of lusotropicalism, with its celebrating spirit, has contributed to establish this representation and it has legitimized Portuguese colonization and exploitation also in Africa. These harmful representations of Portuguese colonization and lusotropicalism ideology have thus produced the double effect of negating racism in both Brazil and Portugal.


2015 - Bianchezza e mascolinità in Brasile. Etnografia di un soggetto dominante [Monografia/Trattato scientifico]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

The choice to study whiteness and masculinity in Brazil derives from my previous work on racism and sexism and my interest in focusing on the social group that has historically named and defined Others in Brazilian society. Whiteness and masculinity are expressed through the power to designate Others as such and, at the same time, to designate oneself as the universal subject. The aim of this book is to contribute to examining a topic that has long remained unspoken and obscured in dominant discourse about differences in terms of both gender and race: Other in relation to who? Different from who? The text is based on an anthropological study carried out in Rio de Janeiro from 2009 to 2012 involving interviews with 21 men who define themselves as white and upper middle class, aged from 43 to 60 years old and residing in wealthy neighborhoods in the city. The aim of this book is to understand, from an anthropological perspective, the mechanisms which serve to reproduce positions of power and privilege in class, gender and race relations in Brazilian society, and how dominant subjects construct these positions as legitimate and inevitable. The volume questions representations that depict Brazil as a society without conflictual relations between the rich and the poor, blacks and whites or men and women, focusing instead on moments of oppression and violence that even the dominant subject themselves recognize as such. This book also contributes to an understanding of the forms of resistance that dominant groups enact when faced with processes of change leading toward enhanced equality and social justice.


2015 - Feminism and sexual and reproductive rights in Latin America and the Caribbean [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

A reflection on the relationship between the concept of revolution and feminist and LGBTQI politics raises a series of questions that provide a stimulating framework for tracing the trajectory of struggles and debates on sexual and reproductive rights in Latin America. In this article I seek to establish whether the concept of revolution might aid us in understanding the incisiveness of the trajectories taken by feminist struggles for sexual and reproductive health in Latin America. I use specific examples (abortion and female sterilization) to argue that struggles for sexual and reproductive rights have represented or do represent a transformative force in women's material lives; furthermore, I show how these struggles can be understood as a permanent revolutionary project that is incomplete and contested and thus brings about a form of transformation that is subject to continual attack.


2015 - Sesso e genere, oltre natura e cultura [Capitolo/Saggio]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

Nella definizione di sesso e genere più accettata, il sesso sarebbe ciò che riguarda il dato biologico della differenza tra uomini e donne, il genere ciò che riguarda il dato storico, sociale e culturale costruito su tale differenza. Il sesso dunque avrebbe a che vedere con la natura (intesa come biologia) e il genere con la cultura, con un’antecedenza temporale del primo sul secondo. Il sesso precede il genere e, in ultima istanza, lo determina pur nella sua varietà storica, culturale e sociale. In questa definizione del rapporto tra sesso e genere ritroviamo una delle coppie oppositive più importanti dell’antropologia, natura e cultura, considerata come fondatrice di senso per la disciplina stessa. Il saggio suggerisce un’altra possibilità di pensare il rapporto tra sesso e genere, e tra natura e cultura, in cui vi è una preminenza della cultura sulla natura nell’esperienza degli esseri umani anche per ciò che riguarda il sesso/genere. Viene dunque prima la bipartizione sociale delle funzioni sociali e delle attitudini tra uomini e donne e poi la loro indicazione attraverso il sesso inteso come differenza dell’apparato riproduttivo. Si tratta di una prospettiva che risponde a una visione antropologica del rapporto tra natura e cultura come due sfere in relazione di reciproca definizione, e non come elementi separati che si pongono in modo dicotomico. La natura sarebbe un elemento evocato e conosciuto, anche scientificamente, attraverso la necessità di pensare che essa possa confermare un’esperienza storica e sociale del mondo della cultura.


2015 - Whiteness, Maleness and Power: a study in Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

This article discusses the accounts of a group of upper-middle class white men of Rio de Janeiro about their sexual access to domestic workers (empregada) during their adolescence. After a brief discussion of the specific characteristics of whiteness in Brazil, the interviewees’ sexual experiences are discussed in relation to Freyre’s description, in Casa-Grande e Senzala, of the sexual relationship of the white slave master’s son with the mulata slave. This sexual relationship was recognized by the interviewees as a symbolically dense site for understanding their own experiences with empregadas even if the empregada’s skin color is considered less relevant than her class. I argue that these sexual relationships contribute to shaping the interviewees’ experiences of whiteness. In particular, interviewees’ silence about empregadas’ skin color is also a silence about their own skin color and part of the larger silence surrounding whiteness understood as a site of class and color privilege.


2014 - Abusos sexuais no emprego doméstico no Rio de Janeiro: a imbricação das relações de classe, gênero e ‘raça’ [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

In questo articolo metto a confronto i dati di due ricerche condotte a Rio de Janeiro sugli abusi sessuali contro le lavoratrici domestiche, donne povere prevalentemente nere. Nella prima indagine ho intervistato un gruppo di uomini bianchi adulti di classe medio alta che, durante l'adolescenza, hanno abusato sessualmente delle lavoratrici domestiche; nella seconda ricerca ho intervistato sindacaliste del Sindacato delle lavoratrici domestiche e lavoratrici domestiche. In particolare esamino il rapporto tra razzismo, sessismo e classismo in questo tipo di violenza, e le strategie di resistenza messe in atto dalle lavoratrici domestiche.


2014 - Cor, classe, gênero: aprendizado sexual e relações de domínio [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

In this paper I discuss apprenticeship experiences of a heterosexual, racialized and class based sexuality in a group of upper-middle class men self-identifying as white, ranging from 43 to 60 years old, in Rio de Janeiro. I examine respondents' accounts on what was defined during the interview as "sexual initiation" with female domestic workers or prostitutes during their adolescence. I concentrate on the analysis of a relationship of domination as it is described by who exercises domination. This analysis discloses how these experiences participate in the production of men's sexuality, and at the same time determine their color and class identity.


2014 - Entre cor e classe. Definições de branquitude entre homens brancos do Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute l'articolazione tra colore e classe nelle esperienze di bianchezza di un gruppo di uomini che si autodefiniscono bianchi di classe medio-alta di Rio de Janeiro. Attraverso l'analisi delle interviste e il riferimento al dibattito internazionale e brasiliano su bianchezza e su razzismo, si sostiene l'importanza di analizzare i gruppi in condizioni di privilegio strutturale per comprendere le diseguaglianze sociali.


2014 - Relatos de branquitude entre um grupo de homens brancos do Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo esamina l'intersezione delle gerarchie di colore, classe e genere nelle definizioni di bianchezza offerte da alcuni uomini bianchi di classe medio-alta di Rio de Janeiro. In particolare si analizzano le rappresentazioni delle figura della "tata" nera nella percezione della propria bianchezza da parte degli uomini intervistati.


2014 - Sessualità e organizzazione sociale. Il femminismo materialista di Paola Tabet [Recensione in Rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

La pubblicazione del volume Le dita tagliate di Paola Tabet (Ediesse, 2014) ha il merito di presentare in modo asciutto e accessibile a un pubblico non accademico le tre tappe del lavoro di Tabet: la divisione sessuale del lavoro e il ruolo che in essa ha l’uso degli strumenti, in modo generale l’accesso differenziato tra uomini e donne alla tecnologia propria di ciascuna società e i suoi effetti sulla vita delle donne; la situazione delle donne in riferimento alla riproduzione umana, definita non come attività naturale, ma come lavoro; lo scambio sessuo-economico, ovvero il continuum di relazioni sociali tra uomini e donne che implicano una transazione economica, in cui è sempre la sessualità delle donne ad essere scambiata dietro una compenso o retribuzione di varia natura (dal denaro alla rispettabilità del matrimonio).


2013 - Per un’anatomia politica dei sessi: l’antropologia materialista di Nicole-Claude Mathieu [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio è una presentazione dei principali aspetti della produzione di Matthieu con particolare riferimento all’antropologia e in riferimento al dibattito femminista. Sono analizzati in modo più specifico l’androcentrismo, la violenza maschile contro le donne e come è stata trattata nelle scienze sociali, il ruolo della categoria di sesso sociale, la critica alla produzione queer.


2013 - Racismo e sexismo: reflexões a partir de algumas experiências feministas brasileiras [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L’articolo discute la relazione tra razzismo e sessismo in Brasile attraverso l’analisi degli usi della sterilizzazione femminile tra la fine del XX secolo e gli inizi del XXI. Appoggiandosi su dati etnografici e sull’analisi del dibattito e delle lotte per la regolamentazione della sterilizzazione femminile che hanno coinvolto femministe nere e bianche, il saggio mette in evidenza come l’imbricazione delle categorie di classe, sesso e “razza” contribuisce alle esperienze e alle esigenze delle donne ne campo della salute riproduttiva. Uno dei nodi nel dibattito femminista è stato infatti il peso che il razzismo ha nella vita riproduttiva delle donne nere e la necessità che questo fosse riconosciuto a livello nazionale e nel movimento femminista.


2012 - Colore. Si vede e non si vede. [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio illustra come la percezione del colore di pelle di un individuo non sia un atto spontaneo e semplicemente fisico, ovvero naturale, ma come sia determinato da fattori culturali e politici, nonché dal contesto storico. Attraverso alcuni esempi storici ed etnografici, si dimostra come la (auto)percezione del colore di un individuo avvenga sulla base della classificazione dell'individuo in quanto appartenente a un gruppo sociale, di come essa possa variare nel corso del tempo, e soprattutto di come l'ideologia razzista abbia determinato i contenuti delle classificazioni di colore.


2012 - In bilico tra colore e classe. Esperienze di bianchezza tra uomini bianchi di Rio de Janeiro [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio presenta i dati di un'indagine etnografica sulla bianchezza condotta a Rio de Janeiro presso un gruppo di uomini di classe medio-alta che si dichiarano bianchi. Dopo aver presentato il dibattito internazionale e brasiliano sulla bianchezza, si discutono i principali problemi metodologici nel fare ricerca presso un gruppo dominante. Attraverso l'analisi di brani di intervista, si considerano i nodi del rapporto tra classe e colore in riferimento alla bianchezza nel contesto brasiliano, in particolare in merito alla valorizzazione del meticciato.


2012 - Razza. Come liberarsene? [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Attraverso una breve ricostruzione storica della nozione di razza, si illustra il suo carattere di invenzione sociale, e il suo principale effetto politico, la naturalizzazione dei rapporti sociali. Pur essendo il nucleo centrale dell'ideologia razzista, la nozione di razza è diventata centrale nelle lotte dei movimenti antirazzisti e dei femminismi nei contesti coloniali e post-coloniali. Questo scenario pone rinnovate questioni sull'uso politico della parola razza quando è impiegata per superare il razzismo e sulle politiche identitarie che su di essa si sviluppano.


2012 - Razzismo e bianchezza in Brasile [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio affronta lo studio del razzismo in Brasile attraverso la bianchezza, intesa come costruzione storico-sociale. Dopo una presentazione dei contributi più rilevanti del dibattito internazionale sulla bianchezza, si affrontano le caratteristiche di essa nella società brasiliana, con un'attenzione specifica alla teoria del "branqueamento" e alla valorizzazione del meticciato. Sulla base dei dati raccolti in un'etnografia della bianchezza condotta a Rio de Janeiro, si discute il rapporto tra classe e colore, intesi come categorie che si modellano reciprocamente.


2012 - What makes a white man white? Definitions teetering between color and class among white men in Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

This paper discusses how whiteness is perceived and described by upper-middle class men self-identifying as white in Rio de Janeiro. In part one I present a brief history of the role played by whiteness in the formation of Brazil as a nation and the specific characteristics of the relationship between class and color. In part two I explore the main methodological problems related to the study of whiteness within the framework of Brazilian research on whiteness and French sociological analysis of the upper-middle class.


2011 - Aggressività e razzismo. Note per un'analisi antropologica [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio propone un'analisi critica del rapporto tra razzismo e aggressività. Attraverso alcuni esempi di episodi di violenza razzista avvenuti in Italia negli ultimi anni, l'autrice dimostra come le aggressioni razziste siano inserite in un contesto sociale di violenza diffusa contro alcuni gruppi sociali e come dunque gli episodi di violenza non siano da ricondurre a un'innata aggressività verso ciò che è "diverso".


2010 - Bianchezza e meticciato. Note etnografiche, classificazioni sociali e silenzi nel contesto brasiliano [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L’articolo presenta alcune riflessioni tratte da una ricerca in andamento tra uomini bianchi di classe medio-alta a Rio de Janeiro. La discussione della costruzione della bianchezza come oggetto di indagine etnografica permette di considerare le caratteristiche e le difficoltà di fare ricerca etnografica su una categoria che nei contesti euro-occidentali e in quello brasiliano rappresenta il Sé a partire dal quale si definisce l’Altro sociale e culturale. Partendo da queste considerazioni l’articolo indaga su cosa significa classificarsi ed essere classificato come bianco nella società brasiliana, caratterizzata storicamente dalla valorizzazione del meticciato e attualmente da un acceso dibattito sulle politiche contro il razzismo. Dai materiali presentati emerge come l’invisibilità della bianchezza si associ da una parte alla percezione del privilegio che essa comporta, dall’altra alla preminenza della classe sociale come categoria di comprensione della realtà.


2010 - Introduzione. Antropologia, genere e femminismo: spunti per una lettura del contesto italiano. [Prefazione o Postfazione]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2010 - La produzione del genere. Ricerche etnografiche sul femminile e il maschile. [Curatela]
Ribeiro Corossacz, Valeria; A., Gribaldo
abstract

Il volume presenta ricerche etnografiche di giovani antropologhe italiane che hanno come oggetto la costruzione sociale del genere in Italia e all'estero.


2010 - L’apprendimento della mascolinità tra uomini bianchi di classe medio-alta a Rio de Janeiro. [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio presenta i dati di una ricerca etnografica condotta presso un gruppo di uomini bianchi di classe medio-alta di Rio de Janeiro. Il materiale presentato si concentra sulla ricostruzione delle esperienze di costruzione della mascolinità nell'infanzia e nell'adolescenza, e sulle riflessioni su questo tema degli intervistati, in modo da analizzare come la mascolinità sia in relazione al contesto socio-economico di appartenenza.


2009 - Comment se classifient ceux qui se mélangent? Observations sur la classification raciale dans les politiques contre le racisme dans le Brésil contemporain. [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'article analyse la relation entre race, métissage et classification raciale au Brésil en étudiant deux politiques publiques contre le racisme : la politique des quotas universitaires réservés aux étudiants noirs et pardos et la collecte des informations sur la couleur et la race dans les documents médicaux. Le matériel proposé se réfère au débat scientifique dans le premier cas, tandis que, dans le deuxième cas, il est extrait d’une recherche de terrain effectuée entre 2000 et 2001.


2009 - O corpo da nação. Classificação racial e gestão social da reprodução em hospitais da rede pública do Rio de Janeiro [Monografia/Trattato scientifico]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Segundo a declaração universal dos direitos humanos, em seu artigo primeiro: "todos os homens nascem livres e iguais em direito (...)". Mas o que dizer hoje sobre as classificações raciais supostas ordenar os seres humanos em superiores e inferiores, mais ou menos bem dotados para terem acesso ao "paraiso da modernidade"?O livro de Valéria Ribeiro Corossacz ultrapassa o terreno especulativo, ao estudar a mestiçagem como emblema da nacionalidade, para examinar como o "batismo social" dos certificados médicos e das certidões de nascimento constituem verdadeiros mecanismos de ordenação dos individuos e por conseguinte permitem melhor entender a relevância das classificações racialistas para a continuidade da ordem política.Ao nascer, cada bebê recebe um nome que o singulariza, identidade que só se torna duradoura e invariavel se declarado em cartório de registro civil, o que supõe que o pai ou a mãe levem a "declaração de nascidos vivos" no momento da declaração. A etnografia minuciosa das condições sociais e culturais do nascimento - enquanto fato biológico- e da incorporação de cada novo ser individualizado à naçao brasileira ("batismo social" ou ritos de passagem) permite a autora questionar o valor atual das categorias racialistas e como seu uso contribui para a reafirmação de hierarquias passadas (e ultrapassadas), inclusive nas relações de gênero. A pesquisa em maternidades do Rio de Janeiro permite prolongar a analise das formas sociais em que natalidade se processa, para refletir também sobre os modos de controle da natalidade, particularmente das altas taxas de esterilizaçao feminina. O estudo detalhado do processo de decisão sobre as escolhas em matéria de reprodução humana revela a disjunção entre exercício da sexualidade e maternidade, acentuando as diferenças na construção de futuros individuais ou intergeracionais, a dissimetria na responsabilidade de mulheres e de homens ao assegurar a procriação da espécie, recompondo as questões de ordem médica, jurídica e simbólica em jogo nos destinos sociais das crianças postas no mundo. Este estudo de caso de maternidades torna-se assim um potente instrumento para melhor entender a relação entre classificações pretensamente científicas e classificações ordenadoras de posições sociais. O nascimento de todo indivíduo, a irrupção de nova vida em uma configuração social, faz funcionar procedimentos médicos e jurídicos que permitem compreender como a nação moderna, enquanto coletividade instituida, se recria a cada instante nos corpos dos indivíduos que asseguram sua longevidade. Resumidamente: como a ordem política se inscreve nos corpos.


2008 - Da marucchen a marrocchino. Il razzismo descritto da operai meridionali e stranieri a Modena [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Mettendo a confronto le testimonianze di migranti meridionali e stranieri a Modena emerge la continuità del razzismo nel contesto delle esperienze di operai metalmeccanici, ossia da una parte la memoria di un passato di discriminazioni contro i lavoratori meridionali che si recavano nel nord (la sovrapposizione tra il "marucchen" del passato e l'attuale "marocchino"), dall'altra la difficoltà attuale a nominare il razzismo, a definirlo, a riconoscerlo. Il razzismo non si presenta come una conseguenza delle migrazioni, ma come un fenomeno che lo precede, un aspetto che caratterizza la società italiana, presente anche in una regione storicamente orientata a sinistra.


2008 - Discriminazione razziale, diritti e lavoro. Una ricerca qualitativa tra gli operai metalmeccanici a Modena [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute i dati di una ricerca etnografica presso operai metalmeccanici di Modena, in cui sono analizzate le forme di razzismo verso stranieri e verso italiani provenienti dalle regione del Sud, con particolare attenzione ai rapporti di lavoro e sul posto di lavoro.


2008 - Razza e Natura nel processo di produzione di identità politiche razziali nel contesto brasiliano [Abstract in Atti di Convegno]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute uno dei dispiegamenti dell'attuale dibattito su razzismo e meticciato in Brasile: la ridefinizone della nozione di razza alla luce dei recenti studi di genetica e delle posizioni del movimento negro in riferimento ad alcune patologie definite "razziali". Gli studi di genetica hanno trasformato ciò che si intende per natura umana, influenzando anche la percezione e l'uso della nozione di razza e di gruppi razziali. Nel contesto brasiliano la produzione di identità sociali e pratiche politiche volte a contrastare il razzismo include anche alcune iniziative nel campo della salute (uso della classificazione razziale nei documenti medici e sensibilizzazione su alcune patologie definite razziali).Partendo da questo nuovo scenario, l'articolo propone una riflessione su come si trasformi l'identità nazionale dei brasiliani basata sul meticciato in un contesto in cui si rievoca la dimensione naturale della razza all'interno di una politica antirazzista.


2007 - Altri Femminismi. Corpi Culture Lavoro [Recensione in Rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2007 - Ancora schiavi del passato [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo presenta il quadro delle diseguaglianze razziali nella società brasiliana attraverso una prospettiva antropologica e storica con l'obiettivo di comprendere le trasformazioni che hanno portato il Brasile da società fondata sulla democrazia razziale a società che si impegna, attraverso diverse iniziative sociale e politiche istituzionali, a combattere il razzismo.


2007 - Chi è bianco, chi è nero. La politica delle quote universitarie per negros e le trasformazioni di un'identità meticcia [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute la politica delle quote per studenti che si classificano come pardos e neri nelle università pubbliche brasiliane come esempio di politica volta a combattere il razzismo. In particolare si analizzano le pratiche e i discorsi sulle forme di classificazione razziale in contesti istituzionali in riferimento alla valorizzazione del meticciato e all'identità nazionale brasiliana.


2007 - Il Brasile tra razzismo e democrazia razziale. Saggi in antropologia e critica letteraria [Curatela]
Ribeiro Corossacz, Valeria
abstract

Il volume raccoglie contributi di antropologia e critica letteraria che affrontano lo studio del razzismo e della democrazia razziale nella storia e nella società brasiliana. Il volume mette in evidenza l'attuale processo di trasformazione che attraversa la società brasiliana, passando da un'ideologia culturale all'insegna dell'eterogeneità e della pluralità culturale come base dell'armonia nazionale, a una fase in cui alcuni dei gruppi sociali che compongono questa eterogeneità elaborano progetti politici e culturali all'insegna del riconoscimento di identità specifiche, e a volte allo stesso tempo diasporiche, all'interno dello spazio nazionale.


2007 - Introduzione [Il Brasile tra razzismo e democrazia razziale] [Prefazione o Postfazione]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

N/A


2007 - La natura e la parentela viste attraverso la riproduzione medicalmente assistita [Recensione in Rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2007 - Razza e politiche pubbliche contro il razzismo in Brasile: un'analisi antropologica [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute le iniziative volte a combattere il razzismo in Brasile difese dal movimento negro e, in alcuni casi, adottate dalle istituzioni, come materiale per comprendere le trasformazioni che attraversano la società brasiliana per ciò che riguarda la percezione del razzismo e la relazione tra meticciato e razzismo nell'ambito dell'identità nazionale.


2006 - Imprenditori immigrati: il dibattito scientifico e le evidenze empiriche dell'indagine ISFOL - Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche per l'impiego n.7/, ISFOL [Working paper]
Ribeiro Corossacz, Valeria; Laj, S.
abstract

La monografia affronta lo studio dell'imprenditorialità immigrata in Italia, cercando di comprendere gli elementi che hanno determinato la crescita dell'iniziativa imprenditoriale degli immigrati nel quadro dei processi di cambiamento del mercato del lavoro e dei flussi migratori. Dopo una presentazione critica del dibattito scientifico sul fenomeno dell'imprenditorialità immigrata in contesto euro-occidentale, vengono discussi i dati quantitativi relativi al territorio nazionale e dati qualitativi in riferimento al contesto della città di Roma.


2005 - Dalle teorie sull'ineguaglianza razziale alla democrazia razziale: breve storia del meticciato in Brasile [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo propone una discussione critica della nozione di meticciato esaminando il ruolo che esso ha avuto nella storia del Brasile dall'abolizione della schiavitù (1888) fino ai giorni nostri. Basandosi su una revisione degli studi storici e antropologici e sull'esperienza etnografica, si analizza l'uso e i significati attribuiti alle nozioni di razza e meticciato, e alle forme di classificazione e identità razziale che caratterizzano il contesto brasiliano.


2005 - Il colore delle razze. Classificazione razziale e sapere medico in Brasile: un'analisi storico-etnografica [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo esamina le teorie sul meticciato e sulla classificazione delle "razze" nell'antropologia medica brasiliana nel XIX e dell'inizio del XX secolo per poi analizzare i dati etnografici relativi ad una ricerca sulla classificazione razziale in documenti medici di pazienti e neonati in ospedali pubblici della periferia di Rio de Janeiro.


2005 - L’imprenditoria immigrata: prime osservazioni e linee di ricerca [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo affronta il tema delle esperienze dell'imprenditoria immigrata in Italia, facendo riferimento al dibattito scientifico sviluppatosi in Italia e in Occidente e ai dati quantitativi e qualitativa, con particolare attenzione al territorio della provincia di Roma. Il fenomeno dell'imprenditoria immigrata è considerato in relazione al quadro più ampio dei cambiamenti nel processo migratorio che interessano l'Italia e l'Europa, e delle trasformazioni del mercato del lavoro, in particolare delle forme di lavoro autonomo.


2005 - Pratiche e discorsi dei femminismi in America latina: l'esperienza degli Encuentros [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo propone un percorso nella storia del dibattito e della pratica femminista in America Latina negli ultimi 30 anni basandosi sui principali temi discussi negli Encuentros feministas latinoamericanos y del Caribe. L'esperienza femminista latinoamericana, inserita in un contesto geo-politico segnato prima da dittature e regimi militari e poi dal binomio democrazia/neo-liberismo, si caratterizza per esprimere una radicale critica a quello che è stato definito il "femminismo universalista ed etnocentrico". Attraverso alcuni esempi (le testimonianze di donne indigene e chicanas in Messico, le esperienze di donne negras in Brasile, la partecipazione alla conferenza di Beijing), si prende in esame come le differenze di classe, "razza" e orientamento sessuale s'intersechino e segnino anche la pratica femminista e i rapporti tra donne e tra femministe.


2005 - Razzismo, meticciato, democrazia razziale. Le politiche della razza in Brasile [Monografia/Trattato scientifico]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il volume discute la formazione della categoria razza e dell'ideologia razzista nel processo di costruzione dell'identità nazionale brasiliana tra XIX e XX secolo, con particolare attenzione alla valorizzazione del meticciato e al sistema di classificazione razziale, per comprendere le attuali politiche volte alla promozione dell'uguaglianza razziale difese dal movimento negro e portate avanti in alcuni contesti istituzionali.


2004 - Identité nationale et procréation au Brésil. Sexe, classe, race et stérilisation féminine [Monografia/Trattato scientifico]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il volume presenta i dati di una ricerca etnografica sul ruolo che il controllo del corpo riproduttivo delle donne ha avuto nella formazione dell'identità nazionale brasiliana, in particolare in riferimento ai discorsi sul meticciato e sul razzismo. Attraverso l'analisi dell'uso della sterilizzazione femminile presso donne nere di classe popolare in due ospedali pubblici della periferia di Rio de Janeiro, si discutono le attuali scelte e politiche riproduttive e le loro giustificazioni nei discorsi di medici e pazienti.


2004 - Il corpo della nazione. Classificazione razziale e gestione sociale della riproduzione in Brasile [Monografia/Trattato scientifico]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il libro propone un'analisi della riproduzione come luogo dell'identità nazionale brasiliana, momento in cui si producono discorsi sulla collettività nazionale, sul rapporto tra il singolo e la comunità. Il campo di ricerca è costituito da due reparti di maternità di ospedali pubblici di Rio de Janeiro, all'interno dei quali sono state prese in esame due pratiche sociali: la classificazione razziale di neonati e pazienti nei documenti dell'ospedale, e la sterilizzazione femminile, metodo anticoncezionale molto diffuso. A partire dall'analisi di questi due ambiti di intervento e classificazione del corpo sociale e naturale, si discutono le categorie di razza, sesso, nazione, e i discorsi attorno al meticciato, al razzismo e all'identità nazionale brasiliana.


2004 - Qual prevenção? Aids, sexualidade e gênero em uma favela carioca [Recensione in Rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2004 - Sapere medico, contraccezione e sessualità. I corsi di pianificazione familiare in due ospedali pubblici di Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo presenta le caratteristiche di alcuni aspetti della salute riproduttiva in Brasile, in riferimento all'uso dei metodi anticoncezionali, a come vengono presentati dal personale medico e come vengono usati dalle utenti. Attraverso l'esame del contenuto di corsi di pianificazione familiare condotti all'interno di reparti di maternità di due ospedali pubblici di Rio de Janeiro, si esaminano le tecniche di presentazione e discussione impiegate dal personale medico, viste in relazione con le linee guida delle politiche sulla salute riproduttiva definite a livello nazionale. In particolare si analizza come la sessualità è vista e tratta dal sapere medico in relazione alle scelte riproduttive.


2003 - La ligadura/stérilisation féminine: une analise de la gestion sociale de la reproduction au Brésil [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo si situa nel dibattito sui diritti riproduttivi, soprattutto in riferimento ai paesi del Sud del mondo, e a come essi sono discussi nell'ambito dei programmi internazionali di pianificazione familiare. Basandosi sul dibattito scientifico e sui dati di una ricerca etnografica presso due ospedali pubblici della periferia di Rio de Janeiro, si analizzano le cause della diffusione della sterilizzazione femminile, le motivazioni che spingono le donne a scegliere così frequentemente questo metodo anticoncezionale definitivo, in particolare in riferimento all'esercizio della sessualità. Inoltre viene presentata la lotta intrapresa dalle donne del movimento negro negli anni 80 per denunciare l'uso indiscriminato di questo metodo presso le donne nere di classe popolare, considerato come una forma per controllare la crescita della popolazione nera.


2003 - Vinigi Grottannelli [Voce in Dizionario o Enciclopedia]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2002 - Género, raza y mestizaje: las mujeres africanas en la construcción de la identidad nacional brasileña [Capitolo/Saggio]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute come le gerarchie di razza e sesso si sono combinate nella formazione dell'identità nazionale brasiliana,in particolare in riferimento al processo di valorizzazione del meticciato. Attraverso l'analisi dei alcuni passi dell'opera di Freyre Casa-Grande e Senzala (1933) si analizza come il discorso sul meticciato sia un discorso su un determinato modello di relazioni sessuali tra padroni di origine portoghese e schiave di origine africana.


2001 - San Giuseppe Moscati [Voce in Dizionario o Enciclopedia]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


2000 - Giovanni Giannini [Voce in Dizionario o Enciclopedia]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract


1999 - "Negro e pure sordo: quale differenza contro il razzismo" , in "Razzismo e sessismo: riflessioni sulle impercettibili discriminazioni" [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria; Vincenzo, C.
abstract

L'articolo discute il ruolo che la categoria di "differenza" ha nel discorso e nella pratica razzista, e nelle forme di resistenza ad essa. Nel pensiero razzista, la categoria di differenza fa riferimento ad una differenza in natura, originaria e perenne nel tempo, che ha come esito naturalizzare le differenze sociale e appiattire le altre forme di variabilità sociale che caratterizzano i gruppi e gli individui parte di essi. La categoria di differenza è stata peraltro recuperata anche nei discorsi anti-razzista e femminista negli anni 80 e 90 per costruire un'identità dei diversi gruppi subalterni, anche se alcune autrici hanno messo in evidenza la debolezza politica e analitica di tale categoria.


1999 - Egualitarismo e razzismo nelle favelas di Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

Il saggio affronta il tema della percezione del razzismo all'interno di alcune favelas di Rio de Janeiro attraverso l'analisi dei discorsi e delle interazioni sociali tra bambini e giovani che vivono in due favelas della città. Emerge da questi dati una divisione dello spazio urbano tra due mondi sociali contrapposti, le favelas e i quartieri benestanti: gli intervistati elaborano una mappa sociale del razzismo e dei rapporti egualitari, individuando il primo nel mondo dei quartieri ricchi e i secondi nelle comunità delle favelas. Un'analisi più attenta tuttavia permette di considerare come le stesse comunità delle favelas siano attraversate da meccanismi di discriminazione razziale.


1999 - Forme di razzismo in una scuola di Rio de Janeiro [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo esamina le forme di razzismo presenti tra studenti di una scuola pubblica situata in una favela di Rio de Janeiro. Attraverso l'analisi etnografica, si prendono in esame i discorsi e le pratiche sociali, interni allo spazio della scuola, relativi al razzismo tra studenti provenienti da diverse favelas della città, e che si classificano come bianchi, neri e pardos (letteralmente scuri). Dai dati presentati emerge come il razzismo sia riconosciuto dagli studenti come fenomeno presente nella società brasiliana, e come esso si manifesti anche nella vita scolastica anche se riconosciuto con maggiore difficoltà dagli studenti.


1999 - Razzismo e gerarchia nella società brasiliana [Articolo su rivista]
RIBEIRO COROSSACZ, Valeria
abstract

L'articolo discute la relazione tra razzismo e sistema di classificazione razziale tipico della società brasiliana, definito continuum, per comprendere le caratteristiche del Brasile riguardo alle forme di discriminazione razziale. Riprendendo l'analisi di Dumont sulla categoria di gerarchia, definita come "un ordine basato sul concetto di valore", il sistema del continuum viene esaminato come un sistema gerarchico che assegna valori diversi e opposti alle posizioni che lo compongono in quanto gradazioni di colori e tratti, che a loro volta compongono un tutto, definito come la comunità nazionale costruita sulla valorizzazione del meticciato.