Nuova ricerca

Sara COLOMBINI

Personale tecnico amministrativo presso: Dipartimento di Economia "Marco Biagi"


Home |


Pubblicazioni

2020 - Covid-19 e studenti UNIMORE: come l’emergenza cambia lo studio e l’esperienza universitaria [Working paper]
Russo, M.; Alboni, F.; Colombini, S.; Morlini, I.; Pavone, P.; Sartori, L.
abstract

The research report presents the results of the online survey conducted by the University of Modena and Reggio Emilia on the living and study conditions of students in the period 8 April - 2 May 2020. The online survey was answered by 20% of students: an adequate participation rate to capture some significant differences between courses of study. The aim of the survey is to overcome the Covid-19 emergency with greater awareness, analysing the living and study conditions of the students and looking for the most useful tools for inclusive teaching and study that contribute to giving each student the possibility to proceed in their own study and life path in the best possible way. The questionnaire, the survey tools and the results that emerge from the multivariate analysis are presented, both for the closed-answer questions and for the openended questions, on which textual analysis techniques have been applied. The different tools and methods are presented to emphasize the specificity of the dataset, which presents a different level of variability of the answers in the different thematic areas. The report concludes with a series of considerations that we offer to the Unimore community to support the discussion on what we have learned and continue to learn thanks to the voice of the students. It is now clear that the exit from the emergency will be a gradual process. The students' point of view, which we gather from this survey, will be really valuable to plan next year's educational activities and services for students, in order to offer a high quality teaching that responds to different needs and study contexts. Further developments of the analysis may concern other in-depth studies on specific teaching methods (distance and in-presence) and on the evaluation of the living and working conditions of teaching and technical-administrative staff. The basic idea is to read, through the Covid-19 emergency lens, the essential dimensions to improve the quality of teaching highlighted by the empirical survey


2020 - Gli studenti EIDI al tempo del coronavirus. Risultati della rilevazione online del 21 marzo 2020 [Working paper]
Russo, Margherita; Colombini, Sara; Pavone, Pasquale; Alboni, Fabrizio; Sartori, Laura; Piscitelli, Giulia; Di Santo, Erminia
abstract

Questo rapporto di ricerca presenta i risultati della prima rilevazione di monitoraggio online delle condizioni di vita e di studio degli studenti di Economia e Istituzioni dei Distretti industriali (2019-20) di Unimore (rilevazione on line del 21 marzo 2020). Il monitoraggio on line, che si svolgerà periodicamente fino alla fine del corso (lezioni e esami) è un esperimento di collaborazione che mira a superare l’emergenza covid-19 con maggiore consapevolezza e strumenti per praticare una didattica e uno studio che contribuiscano nel dare a ciascuno studente la possibilità di studiare e procedere nel proprio percorso di studi e di vita nel migliore dei modi. Vengono presentati il questionario, gli strumenti di rilevazione e i risultati che emergono da una prima elaborazione dei dati. Il rapporto si conclude con spunti per la prossima rilevazione e proposte per allargare la rilevazione. Le specifiche proposte didattiche e di studio che sono emerse anche grazie al primo monitoraggio non sono presentate in questo rapporto: sono in continua evoluzione e sono condivise con gli studenti nella piattaforma online del corso.


2020 - Indagine sulle condizioni di vita e di studio degli studenti di UNIMORE al tempo del coronavirus [Banca dati]
Russo, Margherita; Colombini, Sara
abstract

Vengono resi disponibili i dati e i metadati relativi alla rilevazione online condotta dall'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia sulle condizioni di vita e di studio degli studenti ai tempi del coronavirus. All'indagine (rilevazione on line nel periodo 8 aprile-2 maggio 2020), ha risposto il 20% degli studenti: un tasso di partecipazione adeguato per cogliere alcune significative differenze tra corsi di studi. L'indagine è un esperimento di collaborazione che mira a superare l'emergenza Covid-19 con maggiore consapevolezza e strumenti per praticare una didattica e uno studio che contribuiscano nel dare a ciascuno studente la possibilità di studiare e procedere nel proprio percorso di studi e di vita nel migliore dei modi. La presentazione dei risultati è disponibile nel DEMB WP172/2020 http://merlino.unimo.it/campusone/web_dep/wpdemb/0173.pdf


2019 - I risultati di P.I.P.P.I. e il loro impatto nelle politiche regionali e locali [Articolo su rivista]
Milani, P.; Santello, F.; Petrella, A.; Colombini, S.; Ius, M.
abstract

I risultati di P.I.P.P.I. e il loro impatto nelle politiche regionali e locali


2018 - L’implantation du programme P.I.P.P.I. (Programme d’intervention pour prévenir l’institutionnalisation de l’enfant) en Italie: méthode d’intervention avec les familles et résultats de recherche [Capitolo/Saggio]
Colombini, S.
abstract

Le programme P.I.P.P.I., promu par le Ministère du Politiques Sociales, vise à la mise en œuvre de pratiques d’intervention innovantes avec les familles négligentes. Dans le programme on a réalisé la première implantation de l’Assessment Framework britannique, dans le but de construire une articulation cohérente des différents cadres d’action autour des besoins des enfants à partir de l’implication des parents et des enfants dans l’analyse de la situation familiale, dans la construction du plan et son évaluation. Cet article porte sur les données qui proviennent de l’évaluation de l’implantation du programme P.I.P.P.I. en 56 territoires en 2013-2015.


2017 - P.I.P.P.I.: What has changed? How and why? The empirical evidence [Articolo su rivista]
Colombini, Sara; Santello, Francesca; Milani, Paola; Ius, Marco
abstract

This paper provides a summary of the results of the P.I.P.P.I. Program in achieving the prefixed goals on the final, intermediate and proximal outcome variables, regarding children’s development, the positive exercise of parental competences and the effective action of services respectively. Therefore, the main purpose is to describe the impact of the program on the overall well-being of children and families in relation to the processes implemented. This is possible thanks to the wealth of information gathered by professionals through the tools provided for the analysis, design and monitoring activities in the work with families.


2016 - Challenges for the Evaluation of the P.I.P.P.I. - Programme of Intervention for Prevention of Institutionalisation: between Partecipative and Experimental Pathways [Articolo su rivista]
Serbati, Sara; Santello, Francesca; Colombini, Sara; Milani, Paola
abstract

Evaluation is constantly requested by governments and decisionmakers, to prove that social policies and actions undertaken are effective in responding to problems. Also, programmes contrasting child neglect are involved in such request to guarantee that children enjoy their childhood and ensure access to quality service. This paper focuses on an Italian evaluation experience of such a programme, thanks to the collaboration between University of Padua and Italian Ministry of Welfare. It is called P.I.P.P.I. - Programme of Intervention for Prevention of Institutionalisation. The paper questioned and challenged the experimental designs normally used for these evaluation purposes, highlighting how knowledge of effective treatments is far from the practices delivered. The study purposes an innovative evaluation path, intertwining the participative evaluation where the professionals build their own knowledge through an evaluation in the field, with the choice of matching as (quasi) experimental evaluation, responding to the Government’s request of effective investments.


2013 - ICESmo3 Terza Indagine sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie nella provincia di Modena [Banca dati]
Silvestri, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara
abstract

La terza indagine sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie della provincia di Modena. Anno 2012 L’obiettivo principale della terza indagine ICESmo3 è la raccolta d'informazioni utili per l’analisi dei cambiamenti intervenuti nel periodo 2008-2012. Per indagare con accuratezza gli effetti della crisi economica sulla distribuzione del reddito e sulle condizioni di vita dei modenesi, il disegno della terza indagine prevede di valorizzare la componente longitudinale del campione. La rilevazione ha interessato 2020 famiglie ed è iniziata a metà maggio 2012, pochi giorni prima del terremoto che ha colpito i comuni della bassa modenese. In 5, dei 19 comuni del campione, la rilevazione è stata immediatamente sospesa e il questionario da utilizzare in questi comuni è stato parzialmente modificato. Le interviste sono riprese alla fine di settembre e concluse nel gennaio 2013. L’indagine è stata resa possibile grazie al supporto finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e del Comune di Modena. Alla ricerca ha collaborato la Fondazione Ermanno Gorrieri per gli Studi Sociali.


2011 - Spin Off: Well_B_Lab* - Il valore del benessere. Società cooperativa [Spin Off]
Addabbo, Tindara; G., Badalassi; Colombini, Sara; F., Corrado; G., Facchinetti; B., Maiani; A., Picchio; Pirotti, Tommaso; S., Saltini; P., Pecorari
abstract


2010 - LE CONDIZIONI DI VITA DELLE FAMIGLIE CON BAMBINI [Capitolo/Saggio]
Colombini, Sara; Silvestri, Paolo
abstract

L’indagine ICESmo2 dedica una breve sezione del questionario ai bambini fino a 14 anni, in cui sono raccolte informazioni sui servizi utilizzati dalle famiglie quando i figli non sono con i genitori e su alcuni aspetti riguardanti l’educazione e la cura dei bambini. L’esame di queste informazioni, in combinazione con quelle sulle caratteristiche sociali degli intervistati, consente di offrire una descrizione dettagliata della condizione economica delle famiglie con minori e d’indagare le modalità di custodia a cui i genitori fanno ricorso per conciliare gli impegni lavorativi con le responsabilità familiari. Permette, inoltre, di analizzare la presenza di aree di potenziale sofferenza nelle opportunità educative e di sviluppo dei bambini, oltre e in connessione con quelle inerenti alle condizioni economiche e materiali in senso stretto. Si tratta di questioni rilevanti, in particolare in un contesto caratterizzato da tassi di partecipazione delle donne al mercato del lavoro particolarmente elevati.


2010 - La componente longitudinale a Modena [Capitolo/Saggio]
Colombini, Sara; Lalla, Michele
abstract

This chapter analyzes the longitudinal panel data of the income survey in province of Modena, the comparison between the first and the second wave. Specifically, it illustrates the coherence of the panel sample with the target population, the net variation of the individual income, and the gross change, i.e., the individual variation of the income. Moreover, the inequalities and poverty are analyzed to ascertain the determinants.


2008 - Dentro la famiglia: le condizioni di vita dei bambini [Working paper]
COLOMBINI, Sara; SILVESTRI, Paolo
abstract

On the basis of a local household survey, this paper examines the economic and social conditions of families with children under fifteen. The analysis refers to a particular area, the province of Modena, one of the richest in Italy, with high female occupation rates and a good deal of public child care services. We study child care services available outside the family and the costs afforded by parents. We also analyze some critical areas in childcare and discuss their links with the economic conditions of the families.


2006 - Il contesto provinciale [Capitolo/Saggio]
Addabbo, Tindara; Colombini, Sara
abstract

Questo saggio analizza il contesto del mercato del lavoro delle due province coinvolte nell'indagine sulla conciliazione fra tempi di vita e di lavoro. Allo scopo si utilizzano fonti statistiche campionarie (fra queste si riportano indicatori tratti dalle rilevazioni campionarie ISTAT sulle forze di lavoro e dall’indagine Icesmo sulle condizioni socioeconomiche delle famiglie residenti in provincia di Modena) e amministrative (avviamenti al lavoro, dimissioni per maternità entro il primo anno di vita del figlio, incidenza servizi all’infanzia) per ricostruire il contesto nel quale si inserisce il problema di rendere compatibili i tempi di vita e di lavoro. Si presentano i principali indicatori del mercato del lavoro (tassi di attività, occupazione, disoccupazione) disaggregati per sesso e classi di età, ricostruendo il profilo lavorativo nel ciclo di vita e gli avviamenti avvenuti per tipologia contrattuale e qualifica. Viene quindi analizzata la diversa distribuzione del lavoro pagato e non pagato (domestico e di cura) per genere nel contesto della provincia di Modena, le motivazioni della scelta del lavoro part-time e le variabili che influenzano maggiormente la percezione di problemi di conciliazione fra tempi di vita e di lavoro in provincia di Modena. Questa analisi è stata posta alla base dell'indagine volta a cogliere gli effetti dello sviluppo di forme di lavoro flessibili sul mercato del lavoro locale nelle province di Modena e Reggio Emilia (con particolare riferimento all'occupazione femminile e alle problematiche di conciliazione fra tempi di vita e di lavoro) fornendo spunti utili di riflessione sia per la costruzione degli strumenti di indagine che per il campione.


2005 - Condizioni di lavoro, retribuzioni e carriere nella cooperazione sociale. [Working paper]
Colombini, Sara; Giovannetti, Enrico; Solinas, Giovanni
abstract

La produzione di servizi sociali e di interesse collettivo è garantita da una molteplicità di soggetti istituzionali: pubblica amministrazione, organizzazioni no-profit e imprese for profit con ruoli almeno parzialmente sovrapposti. Alla pubblica amministrazione è demandato in misura crescente il ruolo di soggetto finanziatore e di detentore del controllo di ultima istanza sull’utilizzo delle risorse e sulla qualità dei servizi. Alle imprese private profit e no-profit fa capo l’erogazione diretta dei servizi. In questo contesto si è sviluppato in Italia il terzo settore e la cooperazione: in tutto il territorio si contano non meno di 5mila cooperative sociali. Nei soli settori dell’istruzione, della sanità e dell’assistenza sociale gli occupati nel terzo settore sono non meno di 45-50mila. Nelle pagine che seguono ci si occupa di una di queste imprese, una cooperativa sociale di tipo A, di dimensioni medio-grandi che opera nella provincia di Modena: Gulliver.Lo scopo del saggio è quello di fornire una prima descrizione della struttura dell’occupazione e del rapporto di lavoro in riferimento a un’impresa che, da molti punti di vista, può essere considerata rappresentativa del “terzo settore”. Gulliver è di particolare interesse perché è una cooperativa di produzione e lavoro, nella quale la maggioranza dei lavoratori sono anche soci, e che ha conosciuto uno sviluppo molto rapido. Un caso di successo in un settore, quello della cura alla persone, in forte espansione e in altrettanto rapida trasformazione.


2004 - Efficacia selettiva dell’Ise nell’erogazione di prestazioni sociali agevolate nella provincia di Modena [Altro]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara
abstract

analisi degli effetti dell'applicazione dell'Isee alle politiche locali in provincia id Modena


2004 - Efficacia selettiva dell’Ise nell’erogazione di prestazioni sociali agevolate nella provincia di Modena [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Colombini, Sara
abstract

.


2004 - L'Ise nelle politiche sociali [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara; Matteuzzi, M.
abstract

effetti distributivi dell'Isee nelle politiche socili locali


2004 - Nota metodologica dell'indagine [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; D., Bigarelli; Colombini, Sara; C., Fregni; Silvestri, Paolo
abstract

Il capitolo illustra le caratteristiche dell'indagine campionaria ICESmo; la struttura del questionario; le modalità di esecuzione dell'indagine sul campo; gli esiti; il controllo e imputazione dei dati mancanti.


2002 - Territorial Poverty Analysis: a Comparison of Different Approach [Relazione in Atti di Convegno]
Colombini, Sara; Coccia, Giuliana; Masi, Alessandra
abstract

La scelta di una linea di povertà, cioè di una soglia (di spesa o reddito) che discrimini le famiglie in povere e non povere costituisce una scelta arbitraria. Usualmente viene utilizzata una soglia pari alla spesa media pro-capite calcolata a livello nazionale. Tale metodologia è stata oggetto più volte di critiche, in quanto la determinazione di una soglia nazionale non consente di cogliere particolari evidenze di carattere territoriale. In questo lavoro vengono utilizzate linee di povertà distinte per ripartizione geografica, calcolate sulla base delle spese mensili familiari dell’Indagine sui consumi. L’analisi che ne consegue pur presentando livelli diversi dei principali indicatori di povertà, mostra profili di povertà analoghi a quelli che emergono dalla tradizionale analisi.


2001 - La povertà in Italia: considerazioni su età e genere [Articolo su rivista]
Colombini, Sara; Masi, Alessandra
abstract

Considerazioni sulla condizione di povertà legata al genere e alle famiglie con minori tratte dall'indagine sui consumi delle famiglie condotta dall'Istat.