Nuova ricerca

Sergio ROVESTI

Professore Associato
Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze Sede ex Sanità Pubblica


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2023 - Clinical Judgment Skills Assessment in High Fidelity Simulation: A Comparison Study in Nursing Education [Capitolo/Saggio]
Bertozzi, Sarah; Ferri, Paola; Cortini, Carla; Mentasti, Riccardo; Scalorbi, Sandra; DI LORENZO, Rosaria; Rovesti, Sergio; Alberti, Sara; Rubbi, Ivan
abstract

Background: In nursing education, self-assessment associated with effective feedback promotes reflective learning, which is crucial for the acquisition of complex skills such as clinical judgment. The Lasater Clinical Judgment Rubric (LCJR) is one of the most frequently used scales for the evaluation of self-assessment among nursing students and it can be used by students and instructors for providing shared clinical judgment feedback. However, too few studies have evaluated its applicability. Objective of the study was to compare the LCJR scores assigned by the instructors with those self-reported by the nursing students to evaluate the students’ self-assessment skills. Methods: A comparative study was conducted in a probabilistic sample of 80 students enrolled in the 3rd year of the Nursing Programme in an Italian University. At the end of the high-fidelity simulation, the students and two instructors completed the LCJR scale. Results: The mean scores reported by instructors and students in the 4 subscales of LCJR were similar. In the 3 subscales, “Interpreting”, “Responding” and “Reflecting”, no significant differences were observed; only in the cognitive domain “Noticing” was a difference at the limit of statistical significance (p = 0.049) observed, with a slightly higher scores reported by instructors. Finally, the mean score of Overall Clinical Judgment of the LCJR scale reported by the instructors was slightly higher than that of the students (p = 0.044). Conclusions: Our results suggest that LCJR provides a common language between students and teachers and increases the training effectiveness of high-fidelity simulation through self-directed and reflective learning.


2022 - Effectiveness and Quality of Life with Paliperidone Palmitate 3-Monthly in Comparison with Other Long-Acting Drugs [Articolo su rivista]
Di Lorenzo, Rosaria; Iorio, Anita; Pinelli, Margherita; Magarini, Federica Maria; Marchi, Mattia; Sacchetti, Andrea; Calogero, Chiara; Galeazzi, Gian Maria; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Minarini, Alessandro
abstract

Purpose: Antipsychotic long-acting injections (AP-LAIs) are indicated for patients affected by schizophrenia especially those with poor treatment adherence. Patients and Methods: To compare paliperidone palmitate 3-monthly (PP3M), paliperidone palmitate one-monthly (PP1M) and haloperidol decanoate (HAL-D) treatment, we enrolled 90 patients with schizophrenia treated in Mental Health Center with one of the three AP-LAIs for at least six months and followed them for another 6 months. At 6 and 12 months of treatment we administered Clinical Global Impression-Severity, Global Assessment of Functioning and World Health Organization Quality of Life-26 items (WHOQOL-BREF). At 1-year treatment, we evaluated relapses (psychiatric hospitalizations and urgent consultations), side effects and drop-outs. Results: We did not highlight any statistically significant difference among the three treatments in relapses and scale scores. Weight increase was significantly higher in PP1M and PP3M groups. Twelve patients (13.3%) discontinued AP-LAI. At 1-year AP-LAI treatment, 69% of patients rated quality of life as “good” or “very good” and 71% declared themselves to be “satisfied” or “very satisfied”. Conclusion: HAL-D, PP1M and PP3M 1-year treatments were similarly effective in preventing relapses and improving quality of life and health satisfaction. All discontinuations in the new 3-monthly antipsychotic treatment were caused by patient refusal to continue it.


2022 - Pain Management in a Prehospital Emergency Setting: A Retrospective Observational Study [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Gambaretto, Carlo; Alberti, Sara; Parogni, Pierpaolo; Rovesti, Sergio; DI LORENZO, Rosaria; Sollami, Alfonso; Bargellini, Annalisa
abstract

Purpose: Acute pain is a prevalent symptomatology in prehospital emergency care. Although inadequate assessment and treatment of acute pain are associated with various complications, about 43% of adults suffering from pain are undertreated. This phenomenon is poorly studied, and limited data are available in the literature. The objective was to investigate the pain management in a prehospital emergency health-care setting, verifying pain assessment, pharmacological treatment adherence and the effectiveness of pain relief therapy. Patients and Methods: A retrospective observational study was conducted in a sample including all adults treated by the professionals of nurse-staffed ambulances and medical cars in an Italian Emergency Medical Services (EMS) from 1 January 2019 to 31 May 2019. We collected both demographic information and Numeric Rating Scale scores, which evaluated presence and intensity of pain, from the EMS paper forms. All analyses were performed using SPSS, version 27. Results: The study sample was composed of 629 people: 310 males (49%) and 319 females (51%), with an average age of 64.2±22 years (range 18–108). Pain information was collected in 75.5% (n = 475) of our sample; among them 222 patients (46.7%) suffered from pain. We recorded that 79.7% (n = 177) of the subjects with pain received no pharmacological treatment, and in almost all of the treated cases they did not adhere to the analgesia algorithm in use. Among those who were pharmacologically treated, pain statistically significantly decreased in intensity, from before to after, in both emergency vehicles (nurse-staffed ambulances pre m = 8.36±0.9 vs post m = 4.18±2.2, p<0.001; medical cars pre m = 7.25±1.7 vs post m = 3.50±2.6, p<0.001). Subsequently, pain was only reascertained in 24.3% of subjects. Conclusion: Our findings confirm that pain is a prevalent symptom in prehospital patients, especially in the younger age range, but that it remains an underrecognized, underestimated, and undertreated symptom with the risk of causing worse health outcomes.


2022 - The Collaboration Among Pediatric Residents, Nursing and Midwifery Students for Newborn Health: A Quasi-experimental Study on Interprofessional High-Fidelity Patient Simulation [Relazione in Atti di Convegno]
Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Vivarelli, Chiara; Volpi, Paola; Cavani, Daniela; Masoni, Barbara; Morotti, Elena; DI LORENZO, Rosaria
abstract

Background: Pediatricians, midwives and nurses are the health professionals who provide treatment and care to newborns in life-threatening clinical conditions. Their professional training also consists of the development of communicative and collaborative capacities. Interprofessional simulation is effective training for improving students’ collaborative attitudes, although many questions remain about its feasibility and acceptability. Study design and participants: with the aim of investigating if interprofessional high-fidelity patient simulation (IHFPS) increases interprofessional collaboration, we implemented a pre and posttest design study in a Northern Italian University. The sample was composed of 126 nursing students and 20 midwifery students attending the last year of Nursing and Midwifery programs respectively and 20 residents attending the last two years of the Pediatric Residency Program. Methods: participants, who were grouped into small interprofessional teams, participated in an experimental intervention based on an IHFPS. To measure interprofessional collaboration attitude, the Jefferson Scale of Attitudes toward Physician-Nurse Collaboration was administered to all participants in pre- and post-test of IHFPS. Results and conclusions: at the pre-test, nursing and midwifery students presented greater attitude of interprofessional collaboration than pediatric residents. At the post-test, only nursing students presented a statistically significant increase in their attitude of interprofessional collaboration, although midwifery students and pediatric residents also presented an improvement in interprofessional collaborative attitude. The results indicated that all three professional groups presented a more positive attitude toward collaboration following the interprofessional simulation event compared to the pre-training, suggesting that IHFPS is beneficial for increasing collaborative attitudes in different professional groups.


2022 - The Follow-Up of Eating Disorders from Adolescence to Early Adulthood: A Systematic Review [Articolo su rivista]
Filipponi, Caterina; Visentini, Chiara; Filippini, Tommaso; Cutino, Anna; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Latella, Emanuela; Di Lorenzo, Rosaria
abstract

Eating disorders (EDs) are common among children and adolescents and are characterized by excessive concerns for physical appearance, distorted body image, and fear of gaining weight. The purpose of this review is to evaluate the follow-up of EDs from adolescence to adulthood, analyzing persistence, relapses, and associated comorbidities. We searched scientific articles in PubMed, PsycInfo, Scopus, and Embase through two research strings, one for quantitative outcomes (recovery/persistence, relapse, and remission) and one for the other outcomes (psychiatric and medical comorbidities, substance use, and social-relational complications). From a total of 8043 retrieved articles, we selected 503 papers after exclusion of duplicates and title/abstract screening. After a full-text evaluation, we included 16 studies eligible for this review. We performed a meta-analysis describing the quantitative results, and we created a narrative synthesis for the qualitative outcomes. Results: Our results confirm that EDs can persist in early adulthood in 40.7% of cases with a relapse percentage of 24.5%. Individuals with an ED more frequently present with an empathy deficit and comorbid anxiety and depressive disorders. EDs are chronic and complex disorders, more frequent in females. In most cases, EDs reduce the autonomy of individuals who present many difficulties in affirming their independence from parental family.


2022 - The Impact of COVID-19 Pandemic on Psychiatric Emergencies in Two Different Settings: Emergency Room and Community Mental Health Service [Articolo su rivista]
Di Lorenzo, Rosaria; Pinelli, Margherita; Bertani, Davide; Cutino, Anna; Dragone, Diego; Elia, Claudia; Farina, Riccardo; Fiore, Gianluca; Luisi, Filippa; Panico, Sofia; Valeo, Laura; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola
abstract

Background: The SARS-CoV-2 pandemic caused a public health emergency with profound consequences on the physical and mental health of individuals. Emergency Rooms (ER) and Community Mental Health Services (CMHS) played a key role in the management of psychiatric emergencies during the pandemic. The purpose of the study was to evaluate urgent psychiatric consultations (UPCs) in the ERs of the General Hospitals and in the CMHS of a Northern Italian town during the pandemic period. Methods: This monocentric observational study collected UPCs carried out in ER from 01/03/2020 to 28/02/2021 (the so-called “COVID-19 period”) and the demographic and clinical characteristics of patients who required UPCs in the 12-months period, comparing these data with those collected from 01/03/2019 to 29/02/2020 (the so-called “pre-COVID-19 period”). The same variables were collected for UPCs carried out in CMHS from 01/03/2020 to 31/01/2021 and compared with those collected from 01/03/2019 to 31/01/2020. The data were statistically analyzed through STATA 12-2011. Results: In ER, we reported a 24% reduction in UPCs during the COVID-19 period (n = 909) in comparison with the pre-COVID-19 period (n = 1,194). Differently, we observed an increase of 4% in UPCs carried out in CMHS during the COVID-19 period (n = 1,214) in comparison with the previous period (n = 1,162). We observed an increase of UPCs in ER required by people who lived in psychiatric facilities or with disability pension whereas more UPCs in CMHS were required by older people or those living in other institutions compared to the previous period. In the COVID-19 period, the most frequent reasons for UPCs in ER were aggressiveness, socio-environmental maladjustment and psychiatric symptoms in organic disorders whereas in CMHS we reported an increase of UPCs for control of psychopharmacology therapy and mixed state/mania. Conclusion: In light of our findings, we conclude that the most vulnerable people required more frequent attention and care in both ER and CMHS during pandemic, which disrupted individuals’ ability to adapt and induced many stressful reactive symptoms. In order to reduce the impact of the COVID-19 pandemic on mental health, psychological support interventions for the general population should be implemented, having particular regard for more psychologically fragile people.


2021 - Interprofessional high-fidelity simulation on nursing students’ collaborative attitudes: A quasi-experimental study using a mixed-methods approach [Relazione in Atti di Convegno]
Ferri, P.; Rovesti, S.; Barbieri, A.; Giuliani, E.; Vivarelli, C.; Panzera, N.; Volpi, P.; Di Lorenzo, R.
abstract

Background: interprofessional simulation appears to be effective training for nursing students, yet many questions remain about its feasibility, acceptability and efficacy in improving students’ collaborative attitudes. Study design and participants: the aim of this quasi-experimental study, with a mixed-methods approach, was to evaluate changes in interprofessional collaborative attitudes after a training session based on an interprofessional high-fidelity patient simulation (IHFPS). The sample was composed of students attending the 2nd and 3rd year of the Nursing Degree Program and residents of the Anaesthesia Residency Program at University of Modena and Reggio Emilia in 2019. Methods: nursing students and residents were grouped into small interprofessional teams and participated in an IHFPS focused on acute care. To measure interprofessional collaboration attitude, the Jefferson Scale of Attitudes toward Physician-Nurse Collaboration (JSAPNC) and the Readiness for Interprofessional Learning Scale (RIPLS) were administered to nursing students. They completed a post-test to investigate their satisfaction with IHFPS and they replied to open-ended statements. Results and conclusions: 204 nursing students completed both the pre- and post-test surveys. Our results suggested that an IHFPS, with small teams of nursing students and residents, improved interprofessional collaborative attitudes of nursing students. We reported a statistically significant improvement in three factors of JSAPNC and in the RIPLS, which showed the positive effects of this experience on many collaborative skills. The students expressed high satisfaction with the training conducted in a realistic and safe setting, which improved their awareness of working in an effective multidisciplinary team.


2021 - Psychiatric Emergencies During the Covid-19 Pandemic: A 6-Month Observational Study [Articolo su rivista]
Di Lorenzo, R; Frattini, N; Dragone, D; Farina, Riccardo; Luisi, Filippa; Ferrari, Silvia; Bandiera, G; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola
abstract

Background: The new SARS-CoV-2 has caused an ongoing pandemic. Health prevention measures to contain the outbreak are profoundly affecting the physical and mental health as well as personal freedom of the population. Aim: To evaluate psychiatric emergencies in a 6-month period during the COVID-19 pandemic in 2020 compared to those of the corresponding period of the previous year. Methods: This monocentric observational study preliminarily collected variables of the urgent psychiatric consultations (UPCs) carried out in emergency room (ER) from 1-3-2020 to 31-8-2020 and the socio-demographic and clinical characteristics of patients who required UPCs in the 6-month period, comparing these data with those collected from 1-3-2019 to 31-8-2019. The data, collected in alpha-numeric code, were statistically analyzed through STATA 12-2011. Results: This research reported a reduction of both UPCs and hospital psychiatric admissions. Concomitantly, we observed an increase of UPCs required by people already being treated by psychiatric and other health services, residents in psychiatric facilities and non-Italians. In 2020, differently from 2019, the most frequent reasons for urgent psychiatric consultations were aggressive behavior and adjustment disorders with anxiety and depressive mood. Conclusion: This preliminary study suggests that, during the COVID-19 epidemic, urgent psychiatric consultations in ER were reduced, except for the most vulnerable people due to their clinical and/or social conditions.


2020 - Attitude towards drug therapy in a Community Mental Health Center evaluated by the Drug Attitude Inventory [Articolo su rivista]
Di Lorenzo, R; Perrone, D; Montorsi, Anushree; Balducci, J; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola
abstract

Introduction: Negative attitude towards drug therapy can foster limited adherence to treatment, which remains one of the biggest obstacles for implementing effective treatments, especially long term. Purposes: The purposes of the study were 1) to evaluate the attitude towards drug therapy among a representative sample of patients treated in a community psychiatric service using 30-item Drug Attitude Inventory (DAI-30); 2) to evaluate the DAI-30 dimensions, applying factorial analysis; and 3) to highlight the socio-demographic and clinical variables correlated to DAI-30 score and factors. Methods: The DAI was administered, over a 7-month period, to all patients treated in our psychiatric outpatient services who agreed to participate in this study and provided their informed consent. Data were statistically analyzed. Results: With a response rate of 63.3%, 164 females and 136 males completed the DAI-30 with an average score of 14.24 (±10.46 SD), indicating moderately positive attitude towards drug therapy. The analysis of DAI-30 internal consistency confirmed its reliability (Cronbach’s alpha=0.84). Our factorial analysis highlighted three factors: Factor 1 (Cronbach’s alpha=0.81), composed of 7 items which indicate positive, trustful attitude; Factor 2 (Cronbach’s alpha=0.78), composed of 5 items indicating negative attitude of suspiciousness; and Factor 3 (Cronbach’s alpha=0.66), composed of 4 items suggesting defensive and control attitude towards drug therapy. Discussion: Among the selected variables, “monotherapy” and “total number of hospitalizations” were negatively correlated to the final score of DAI-30, whereas being “married” was positively correlated to it, in a statistically significant way, using the multiple linear regression model. These correlations suggest that positive attitude towards drug therapy could be reinforced by the condition of being married and reduced by relapses with hospitalization, as literature highlighted, and, paradoxically, by a monotherapy, which could suggest a sort of psychological dependence on therapy and, indirectly, on psychiatric service, potentially correlated to the long-term treatments of our patients.


2020 - Perceptions of Caring Behavior Among Undergraduate Nursing Students: A Three-Cohort Observational Study [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Stifani, Serena; Morotti, Elena; Nuvoletta, Maria; Bonetti, Loris; Rovesti, Sergio; Cutino, Anna; Di Lorenzo, Rosaria
abstract

Introduction: Increase in the knowledge of “caring science” among nurses plays a key role in ensuring a correct caring behavior towards patients. Caring training for students is a priority in nursing education, but unfortunately there are limited and conflicting studies which explore this outcome. The purpose of this observational study was to explore the perceptions of caring behaviors by nursing students during their clinical practice training in order to highlight if the level of caring behaviors changes as the nursing course progresses. Materials and Methods: The Caring Behaviors Inventory-24 (CBI-24) was administered to 331 students, enrolled in the three years of an Italian Nursing Course, who accepted to participate in the study (89.2% response rate). The data were analyzed using SPSS software version 26.0 (SPSS Inc., Chicago, IL). Results: The total mean score of CBI-24 was 4.82 in the first, 5.12 in the second and 5.26 in the third-year students. The CBI-24 dimensions “Responding to individual needs” and “Being with” obtained the highest scores among the students of the first year. At the end of the first year, our students were already able to perform expressive caring, whereas instrumental caring developed at a high level in the second and third years. We did not highlight any statistically significant difference between the two gender CBI-24 item scores. Conclusion: In light of our results, we put in evidence that Nursing Degree Programme favours the development in students of both relational and technical components of caring behaviors. We hope that in future students’ self-assessment of caring behaviors could be considered an educational outcome for Nursing Programme.


2020 - Retrospective Analysis of Factors Associated with Long-Stay Hospitalizations in an Acute Psychiatric Ward [Articolo su rivista]
DI LORENZO, Rosaria; Montardi, Giulia; Panza, Leda; DEL GIOVANE, Cinzia; Saraceni, Serena; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola
abstract

Purpose: To evaluate the longest hospitalizations in an acute psychiatric ward [Service of Psychiatric Diagnosis and Treatment (SPDT)] and the related demographic, clinical and organizational variables to understand the factors that contribute to long-stay (LOS) phenomenon. The term “long stay” indicates clinical, social and organizational problems responsible for delayed discharges. In psychiatry, clinical severity, social dysfunction and/or health-care system organization appear relevant factors in prolonging stays. Patients and Methods: We divided all the SPDT hospitalizations from 1 January 2010 to 31 December 2015 into two groups based on the 97.5th percentile of duration: ≤36 day (n=3254) and >36 day (n=81) stays, in order to compare the two groups for the selected variables. Comparisons were made using Pearson’s chi-square for categorical data and t-test for continuous variables, the correlation between the LOS, as a dependent variable, and the selected variables was analyzed in stepwise multiple linear regression and in multiple logistic regression models. Results: The longest hospitalizations were significantly related to the diagnosis of “schizophrenia and other psychosis” (Pearson Chi2=17.24; p=0.045), the presence of moderate and severe aggressiveness (Pearson chi2=29; p=0.000), compulsory treatment (Pearson Chi2=8.05; p=0.005), parenteral or other route administration of psycho-pharmacotherapy (Pearson Chi2=12.91; p=0.007), poli-therapy (Pearson Chi2=6.40; p=0.041), complex psychiatric activities (Pearson Chi2=12.26; p=0.002) and rehabilitative programs (Pearson Chi2=37.05; p=0.000) during the hospitalization and at discharge (Pearson Chi2=29.89; p=0.000). Many demographic and clinical variables were statistically significantly correlated to the LOS at our multiple linear and logistic regression model. Conclusion: In our sample, clinical illness severity and need for complex therapeutic and rehabilitative treatments were associated with prolonged psychiatric hospitalizations. Understanding this phenomenon can have not only economic but also clinical, ethical and social relevance.


2019 - Early death in Munchausen Syndrome: a case report [Articolo su rivista]
DI LORENZO, ROSARIA; Lannocca, Ludovica; Burattini, Maritea; VASTA, Andrea; GALLETTI, MARTINA; MINARINI, ALESSANDRO; Mongelli, Francesca; Sportiello, Salvatore; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola
abstract

This case contributes to raising awareness and understanding of the complex clinical presentations of Munchausen syndrome (MS). Education of staff to the seriousness and genuineness of this disorder should be implemented, especially in hospital units, in order to detect such complex clinical situations quickly and accurately, preventing iatrogenic risks.


2019 - Effect of expert-patient teaching on empathy in nursing students: a randomized controlled trial [Articolo su rivista]
Ferri, P; Rovesti, S; Padula, Ms; D’Amico, R; Di Lorenzo, R
abstract

Background: Empathy is a relevant clinical competence for nursing students. Involvement of expert patients in nursing education could help students develop their innate capacity to empathize. Objective: To evaluate the effect of expert-patient teaching on empathy development in nursing students. Methods: This randomized controlled trial was conducted among 144 first-year undergraduate nursing students divided into two equal groups. In the experimental group, the educational intervention consisted of a seminar focused on empathy, followed by a presentation on expert-patient function. Subsequently, each student participated in two interactive meetings with nursing teacher and expert patient. At the end, the nursing teacher encouraged students to reflect on this experience. In the control group, students only attended a similar seminar focused on empathy and afterward participated in two interactive meetings with a nursing teacher to reflect on this topic without expert-patient involvement. Before (T0) and after (T1) the training intervention, the Balanced Emotional Empathy Scale, Jefferson Scale of Empathy — Health Professions Student (JSE-HPS), and a short demographic questionnaire were administered to the two student groups to measure their empathy levels. The study was approved by the Local Ethics Committee of Area Vasta Emilia Nord (protocol 1763, May 11, 2017). Data were statistically analyzed. Results: We found a statistically significant difference between mean scores at T0 and T1 in both scales in the experimental group. Male students, who presented significantly lower levels of empathy at baseline in comparison with females, showed increased in empathy after training on the the Balanced Emotional Empathy Scale in both the experimental and control groups. Conclusion: The present study highlights that involvement of expert patients in teaching is effective in improving empathy levels in both male and female nursing students. Expert-patient teaching can be a promising nursing-education modality for developing empathy.


2019 - Effectiveness of 1-year treatment with long-acting formulation of aripiprazole, haloperidol, or paliperidone in patients with schizophrenia: retrospective study in a real-world clinical setting [Articolo su rivista]
DI LORENZO, Rosaria; Ferri, Paola; Cameli, Michela; Rovesti, Sergio; Piemonte, Chiara
abstract

Background: Schizophrenia is a chronic mental illness that requires lifelong antipsychotic treatment. Therapy discontinuation, often due to poor adherence, increases the risk of relapses after both first and subsequent psychotic episodes. Long-acting injectable (LAI) antipsychotic drugs (APDs) have been introduced to increase therapeutic adherence, reducing blood-level variability compared to corresponding oral preparations. Purpose: To compare the effectiveness of three LAI-APDs: aripiprazole (Apr) prolonged release once monthly (OM) haloperidol decanoate (Hal-D) and paliperidone palmitate (PP-OM). Methods: We retrospectively collected data for all patients with schizophrenia or other psychoses (n=217) treated with the three LAI-APDs for the first time from January 1, 2012 to October 31, 2016: n=48 with Apr-OM, n=55 with Hal-D, and n=114 with PP-OM. After 6 and 12 months of LAI treatments, we assessed clinical and functioning improvement, urgent consultations, psychiatric hospitalizations, adverse effects, and dropout. We compared urgent consultations and psychiatric hospitalizations required by the same patient 6 and 12 months before and after LAI implementation. Data were statistically analyzed. Results: The three LAI groups differed significantly only for “need for economic support from social service” (more frequent in the Hal-D group) and “schizoaffective disorder” (prevalent in the Apr-OM group). Apr-OM was prescribed at the maximum dose required by the official guidelines, whereas the other two LAIs were prescribed at lower doses. After 6 and 12 months’ treatment with the three LAI-APDs, we registered similar and significant reductions in both urgent consultations and psychiatric hospitalizations (P,0.001) and overlapping clinical and functioning improvement-scale scores (P,0.001), and 14.28% of patients dropped out, with no difference among the three LAI-APDs. Different kinds of adverse effects, though similar for number and severity, were reported in the three LAI groups. Conclusion: Our results suggest that both first- and second-generation LAI-APDs represent important therapeutic options, useful for improving schizophrenia’s clinical course and its economic burden. Our study, which offers a wide and comprehensive observation of real-world clinical settings, combined an effectiveness evaluation through mirror analysis performed for each individual patient to a subsequent comparison among the three LAI-APDs, allowing us a more complete evaluation of clinical efficacy.


2019 - Evaluation of empathy among undergraduate nursing students: a three-year longitudinal study [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Bonetti, Loris; Stifani, Serena; Panzera, Nunzio; DI LORENZO, Rosaria
abstract

Background and aim: An empathic approach is considered fundamental in order to ensure the identification of patient needs and to provide the appropriate care, although the studies on the development of empathic attitude during nursing course reported conflicting results. Different empathic tendencies have been observed in the two genders: many studies showed greater empathy in females. Methods: To assess empathy level of students enrolled in the academic year 2015/16 at an Italian University nursing course, the Balanced Emotional Empathy Scale (BEES) was administered at the start of Year 1 (n=118), at the mid-point of Year 2 (n=99) and at the end of Year 3 (n=67). Data were statistically analyzed. Results: Cronbach’s values were satisfactory (0.87 at Year 1, 0.89 at Year 2, 0.79 at Year 3), confirming the good internal reliability of BEES. The nursing students obtained a total BEES mean ± SD score of 37.0 ± 19.5 at Year 1, 33.5 ± 22.6 at Year 2 and 35.4 ± 16 at Year 3, without any statistically significant difference among the three years. The BEES mean scores reported by males were lower in comparison with females during the three years of the course, although, at the end of the third year, males showed a significant increase at the “Emotional spread responsiveness” dimension of the scale. Conclusions: The study suggests that empathy can be maintained at good levels during the nursing education especially if nursing teaching and internship are focused on this topic, acting up the innate aptitude of each student.


2019 - Indagine sulle motivazioni alla base dell’adesione o del rifiuto vaccinale antinfluenzale nei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta [Abstract in Atti di Convegno]
Creola, Giacomo; Berghella, Lisa; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

INTRODUZIONE Nonostante la vaccinazione rappresenti la misura più efficace di prevenzione dell’influenza, i livelli di copertura negli operatori sanitari sono lontani dall’obiettivo minimo (75%). Per aumentare l’adesione al vaccino è necessario, tra l’altro, agire sulle determinanti del comportamento vaccinale. Scopo dell’indagine è di raccogliere informazioni sulle motivazioni che inducono i medici di medicina generale (MMG) e pediatri di libera scelta (PLS) ad effettuare o meno la vaccinazione. MATERIALI E METODI Lo studio, di tipo trasversale, è stato condotto sui MMG e PLS che esercitano in provincia di Modena. Per la raccolta dati è stato utilizzato un questionario autosomministrato costruito ad hoc contenente, tra l’altro, due domande sulle motivazioni che avevano spinto il medico a vaccinarsi o meno contro l’influenza nella stagione 2017/18 (per entrambi i quesiti era possibile indicare più di una motivazione). Il questionario anonimo è stato caricato online dove è rimasto compilabile durante l’estate 2018. I medici sono stati invitati a partecipare tramite e-mail. RISULTATI Dei 593 medici invitati, 233 (177 MMG e 56 PLS) hanno compilato il questionario (39,3%), di cui 173 si sono vaccinati nell’autunno inverno 2017/18 (74,2%). La copertura vaccinale è risultata maggiore nei MMG (82,5%) rispetto ai PLS (48,2%). Tra le motivazioni riportate per l’adesione vaccinale risultano: essere favorevole alle vaccinazioni in generale (76,9%), evitare di trasmettere l’influenza agli assistiti (57,2%), evitare problemi gestionali dello studio in caso di influenza (51,4%), essere più a rischio di influenza di altre persone (49,1%), evitare di trasmettere l’influenza ai famigliari (38,7%). Tra le motivazioni indicate per il rifiuto vaccinale figurano: ammalarsi raramente di influenza (35%), non essere a rischio di forme gravi/complicate di influenza (25%), scarsa efficacia del vaccino (20%). Quest’ultima motivazione è stata scelta dal 37,9% dei PLS e dal 3,2% dei MMG. CONCLUSIONI La copertura vaccinale nei medici che hanno partecipato allo studio è in linea con quelle osservate in studi italiani simili che però hanno considerato solo i MMG. Rispetto ad altre indagini si evidenzia la maggiore importanza attribuita all’evitare problemi gestionali dello studio in caso di influenza e la minore rilevanza assegnata alla paura di effetti/reazioni indesiderate del vaccino. E’ dunque necessario promuovere la vaccinazione dei medici anche attraverso l’offerta di incontri di aggiornamento volti, tra l’altro, ad eliminare superficialità e convinzioni inesatte e a favorire il consolidarsi di comportamenti virtuosi.


2019 - L’attenzione degli operatori sanitari agli stili di vita degli adulti in Italia [Abstract in Atti di Convegno]
Berghella, Lisa; Creola, Giacomo; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

INTRODUZIONE Si stima che entro il 2020 gli stili di vita inadeguati saranno responsabili dei due terzi del carico globale di malattia, in modo particolare delle malattie croniche non trasmissibili. In Italia sin dal 2005 il contrasto alle patologie croniche è riconosciuto come obiettivo prioritario, da perseguire anche tramite la promozione della medicina di iniziativa, quale modello assistenziale orientato tra l’altro, all’assunzione del bisogno di salute prima dell’insorgere della malattia. Scopo dello studio è valutare l’attenzione degli operatori sanitari agli stili di vita della popolazione adulta. MATERIALI E METODI Sono stati esaminati i codici deontologici degli operatori sanitari (medico, infermiere, fisioterapista ecc.) ed i principali piani nazionali vigenti (della prevenzione e della cronicità). E’ stata utilizzata la sorveglianza PASSI quale fonte di dati nazionali sull’attenzione degli operatori sanitari agli stili di vita degli adulti. E’ stata consultata la banca dati Medline (PubMed) per la ricerca di articoli scientifici, utilizzando parole chiave come “lifestyle medicine”, “behaviour change”, “medical education”. RISULTATI I codici deontologici prevedono che i professionisti sanitari promuovano corretti stili di vita e i piani nazionali contemplano strategie di prevenzione primaria in gruppi a rischio. Tuttavia dall’analisi dei dati PASSI 2015-2018, è emerso che ha ricevuto il consiglio di fare più attività fisica il 38,5% degli intervistati sovrappeso o obesi; di perdere peso il 47,5% delle persone in eccesso ponderale; di smettere di fumare il 51,4% dei fumatori; di bere meno alcol il 6,4% dei bevitori a maggior rischio. Alcuni articoli mostrano come in altri Paesi la maggioranza degli operatori sanitari non effettui regolarmente l’identificazione o l’assistenza dei loro pazienti nella modifica degli stili di vita a rischio per ragioni riconducibili all’inadeguata formazione specifica, alla mancanza di fiducia nelle potenzialità della medicina dello stile di vita, alla riluttanza nel consigliare comportamenti che non perseguono personalmente. CONCLUSIONI La promozione di stili di vita sani rappresenta l’arma più valida per combattere le malattie croniche, ma nonostante le indicazioni contenute nei codici e nei piani, l’attenzione degli operatori sanitari agli stili di vita risulta ancora insoddisfacente. Per questo è auspicabile includere l’educazione alla medicina dello stile di vita nella formazione di base, post-base e continua dei sanitari. In aggiunta, sarebbe utile pensare all’introduzione di una figura specifica adeguatamente formata che abbia il ruolo di professionista dello stile di vita, previa analisi economica che valuti i relativi costi ed i benefici in termini di riduzione delle ospedalizzazioni, disabilità e mortalità correlate alle malattie croniche.


2018 - Indagine sulle motivazioni alla base dell’adesione o del rifiuto vaccinale antinfluenzale negli infermieri [Abstract in Atti di Convegno]
Creola, Giacomo; Mazzenga, Elisa; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

INTRODUZIONE La bassa adesione alla vaccinazione antinfluenzale è un fenomeno largamente diffuso tra gli operatori sanitari tra cui anche gli infermieri. L’alta adesione è invece particolarmente importante, perché è necessario che gli operatori garantiscano la loro presenza durante l’epidemia influenzale ed evitino il rischio di trasmettere l’infezione nella comunità dove esercitano la propria attività. Per aumentare la compliance occorre tra l’altro lavorare sulle determinanti del comportamento vaccinale. Scopo dell’indagine è quello di raccogliere informazioni sulle motivazioni che inducono gli infermieri a sottoporsi o meno alla vaccinazione. MATERIALI E METODI Lo studio, di tipo trasversale, è stato condotto sugli infermieri di un ospedale emiliano impegnati nell’assistenza ai pazienti. Per la raccolta dati è stato utilizzato un questionario autosomministrato costruito ad hoc contenente, tra l’altro, due domande sulle motivazioni che spingono un infermiere a vaccinarsi o meno contro l’influenza (per entrambi i quesiti era possibile indicare più di una motivazione). Il questionario anonimo è stato distribuito agli infermieri nell’estate 2016. RISULTATI Su 908 infermieri di 41 reparti/servizi 595 hanno compilato il questionario (65,5%), di cui 50 hanno fatto la vaccinazione nell’autunno inverno 2015-2016 (8,4%). Tra le motivazioni riportate per l’adesione vaccinale risultano: essere favorevole alle vaccinazioni in generale (46%), evitare di trasmettere l’influenza ai propri famigliari (32%), essere più a rischio di influenza di altre persone (26%), ammalarsi spesso di influenza (24%), evitare di trasmettere l’influenza ai propri pazienti (22%). Tra le motivazioni indicate per il rifiuto vaccinale figurano: ammalarsi raramente di influenza (49,5%), non essere a rischio di forme gravi/complicate di influenza (17,6%), scarsa efficacia del vaccino (17,4%), non essere più a rischio di influenza di altre persone (17,1%), aver paura di effetti/reazioni indesiderate del vaccino (14,5%). Ben 42 infermieri hanno dichiarato di essere contrari alle vaccinazioni in generale (7,7%). CONCLUSIONI La copertura vaccinale negli infermieri partecipanti all’indagine è bassa ed è poco più della metà di quella negli operatori sanitari dell’ospedale. Ai primi posti tra le motivazioni per l’adesione vaccinale figurano, come atteso: essere a maggior rischio di acquisire l’influenza rispetto alla popolazione generale e rappresentare potenziali sorgenti dell’infezione. Le motivazioni più frequenti per il rifiuto vaccinale risultano essere la bassa percezione del rischio di influenza e le perplessità sull’efficacia e sicurezza del vaccino. Occorre pertanto promuovere la vaccinazione antinfluenzale degli infermieri, fornendo tra l’altro informazioni sulla malattia e sui vaccini, con particolare riguardo a quelli che prestano assistenza nei reparti/servizi a più elevato rischio di acquisizione/trasmissione dell’infezione.


2018 - The efficacy of interprofessional simulation in improving collaborative attitude between nursing students and residents in medicine. A study protocol for a randomised controlled trial [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Magnani, Daniela; Barbieri, Alberto; Bargellini, Annalisa; Mongelli, Francesca; Bonetti, Loris; Vestri, Annarita; Alunni Fegatelli, Danilo; DI LORENZO, Rosaria
abstract

Background: Effective collaboration among health professionals is an essential component to ensure quality of care. Many adverse events experienced by patients are attributed to misunderstanding or poor communication among members of the interprofessional team. Interprofessional simulation is a learning strategy used to improve collaboration and facilitate communication between medical and nursing students. Aim of the work: To determine the efficacy of educational program based on high-fidelity interprofessional simulation aimed at improving collaborative attitude. Method: For this purpose, a protocol for a planned single-center, non-blinded and Randomized Controlled Trial (RCT) was chosen. The present has been approved by the Ethics Committee of Area Vasta Emilia Nord (Italy) (n° 479/2018). All students attending the second and third year of nursing and all resident physicians in anesthesia, reanimation, intensive care and pain management of University of Modena and Reggio Emilia, will be recruited and randomly assigned to two groups. The Experimental Group (EG) will receive an educational intervention based on high-fidelity simulation and the Control Group (CG) will attend a traditional classroom lesson. Jefferson Scale of Attitudes toward Physician-Nurse Collaboration (JSAPNC) and Readiness for Interprofessional Learning Scale (RIPLS) will be administered before and after the educational program in both the EG and CG. Conclusion: Expected outcomes is that, at the end of the study, nursing students and resident physicians who participated in the interprofessional simulation show significantly higher levels of interprofessional collaboration compared to the CG, evaluated through the JSAPNC.


2017 - Empathic attitudes among nursing students: a preliminary study [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; Panzera, Nunzio; Marcheselli, Luigi; Bari, Alessia; Di Lorenzo, Rosaria
abstract

Background and aim: An empathic approach is fundamental for therapeutic relationship between nurse and patient. According to some researchers, female nursing students show higher empathic attitude in comparison with males, but both show a decline in empathy level as their studies progress. This preliminary study evaluated the self-reported emotional empathy level among undergraduate students at first and second year of nursing 3-year course. Method: To assess empathy level, the Balanced Emotional Empathy Scale (BEES) was administered to all students enrolled in the 2015/16 academic year (N=142), at the beginning of first year (T0) and at mid-point of second year (T1) of nursing course. Data were statistically analyzed. Results: 118 nursing students participated in the first and 99 in the second survey. The BEES global mean score for the longitudinal group (n=99) slightly decreased from T0 (mean=37.1±19.5 SD) to T1 (mean=33.5±22.6 SD) (t=1.20, p=0.23; t-test for paired data). Female students reported a statistically significant higher mean BEES score compared to male students in both surveys. Conclusions: Our preliminary data suggest a slight decline in empathy level among nursing students with the progress of study course, in accordance with previous studies. In particular, our study shows higher levels of empathy in female students and lower levels in male students, compared to other studies. Further surveys aimed at investigating the empathy attitude at the end of nursing course could confirm the decline tendency reported by this preliminary study. Other research focusing on the causes of empathy decline are necessary to explain this phenomenon.


2016 - Motivational factors for choosing the degree course in nursing: a focus group study with nursing students [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Laffi, Patrizia; Rovesti, Sergio; Artioli, Giovanna; Di Lorenzo, Rosaria
abstract

Background and aim of the work: Maintaining the number of new students entering nursing programs and remaining in the nursing occupation largely depends on the ability to recruit and retain young people. The motivational factors that induce young people to choose nursing as a career were investigated through a qualitative research approach. Methods: Different focus groups were organised involving 32 students at the end of the first year of Nursing. Then the factors affecting their choice of course and the reasons for satisfaction and frustration connected with the course of study were analyzed. Results: The main motivational factors for choosing Nursing that emerged include the following: having done voluntary work in the care area, attraction to the occupation since childhood/adolescence, failure of other plans, possibility to find work, personal acquaintance of nurses. The reasons for satisfaction with the course include: tutor support, workshop activities, placement experience. The reasons for frustration among the students included the complexity and extent of the study plan, elements that often they had not envisaged or had underestimated upon enrolment. Conclusions: Providing more information on the course of study, the working conditions and characteristics of the nursing occupation, could help young people to make an informed and aware decision, in order to reduce any disappointment and students dropping out of nursing education and attrition in the future. Improving the organisation of the course of study, supporting students’ motivation through counselling activities and choosing suitable placement sites, could prevent drop outs.


2014 - Anestetici alogenati. Limiti di esposizione professionale [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio
abstract

Viene ricostruita la situazione relativa ai limiti di esposizione professionale agli anestetici alogenati. Nell’attesa dell’eventuale definizione dei limiti di esposizione a isofluorano, desfluorano e sevofluorano da rispettare nel nostro Paese, il datore di lavoro deve adoperarsi affinché il rischio sia eliminato o ridotto al minimo e, se necessario, scegliere i valori limite di riferimento scientificamente più appropriati.


2014 - El abandono universitario: Qué motiva a los estudiantes a dejar el Curso de Grado en Enfermería? [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; K., Saguatti; M., Pisani; D., Magnani
abstract

The attrition of nursing students, before the end of the course, is a problem for at least sixty years old, which covers all countries of the world. Many studies have been conducted on this topic, aimed to investigate the reasons for this phenomenon, however, the high dropout rates continue to be a cause for concern, because we are far from finding a solution to the problem. The purpose of this investigation was to analyze the phenomenon of within the two degree courses in Nursing, University of Modena and Reggio Emilia, with the aim to identify the following strategies to counteract the loss of future professionals. Methods: Structured telephone interviews were administered to students who have formally renounced studies between 01/01/2005 and 31/12/2009. The interviews were carried out during the period between July and October 2010 and were conducted according to a questionnaire consisting of 19 closed questions. Results: Out of a total of 94 students contacted, 59 telephone interviews were carried out (62.7%); 6 students (6.3%) refused the interview, while the remaining 31% has proved unreachable. The factors related to the motivation to leave the course, are divided into subjective factors and structural factors, and cover both the theoretical part of the course, the training in addition to environmental elements. Among the structural factors such as motivation of the withdrawal, the 28.8% of respondents claimed to have had learning problems in some aspects, while 23.8% said they had experienced difficulties in the clinical internship. Respondents then indicated as causes of attrition of the study, the disillusionment with the nursing profession (32.8%) and the lack of correspondence between what are the expectations and the reality that a student lives (14%).


2013 - Psychomotor Performance of Truck Drivers Before and After Day Shifts [Articolo su rivista]
R., Vivoli; Rovesti, Sergio; P., Bussetti; M., Bergomi
abstract

Objective: The aim of the present study is to evaluate the psychomotor performance of professional drivers in a field setting and in relation to certain variables, including age, behavioral factors, urinary levels of 6-sulfatoxymelatonin (aMT6s) normalized to urinary creatinine excretion, and the characteristics of the work shifts. Methods: The study was carried out on 16 professional male truck drivers aged 34–53 years. The drivers were submitted to the Vienna Reaction Test (RT) and Vienna Determination Test (DT) and provided urine specimens before and after 39 work shifts. They were also asked to record the road and traffic conditions (motorways, suburban and urban roads, traffic jams, visibility), duration, and mileage for each driving shift. Results: Using the 50th percentile as a cut point to arbitrarily categorize the performance measurements (Vienna RT reaction time and motor time, Vienna DT reaction time and number of correct reactions) into low and high performance levels, a direct relation emerged between the risk of low performance levels, as assessed by RT reaction time and motor time, and morning urinary levels of aMT6s categorized by tertiles. Before the driving shifts, the odds ratios of low performance levels (adjusted for start time and age) were 8.39 (95% confidence interval [CI]: 1.23–57.10) in the highest tertile compared to the lower tertile of aMT6s for RT reaction time and 4.15 (95% CI: 1.26–13.65) for RT motor time, respectively. After driving shifts, negative age-related effects on motor performance were detected. Multiple linear regression analyses, performed using early morning urinary aMT6s levels, age, and driving shift characteristics (start time, duration of driving shift) as predictors of performance measurements, showed aMT6s levels to be the primary independent predictor of RT reaction time before driving shifts and age as the primary predictor of RT motor time after driving shifts. No correlation was found between the risk of low performance levels as assessed by Vienna DT (reaction time and number of correct reactions) and aMT6s levels. Conclusions: The wide interindividual variability of urinary aMT6s excretion observed before driving shifts and the direct association between aMT6s levels in the early morning and performance measurements suggest that the circadian typology of drivers should be taken into account when scheduling the work shifts of professional drivers.


2012 - La sexualidad de las personas con estoma: encuesta sobre las vivencias del paciente ostomizado y la atencion realizada por la enfermera especialista [Articolo su rivista]
Ferri, Paola; C., Bernini; M., Pisani; C., Vaccari; N., Lami; Rovesti, Sergio
abstract

ABSTRACT IntroducciònLas personas a quienes les ha sido praticado un estoma experimentan un profundo cambio en la integridad fìsica y del concepto de sì mismos, con alteraciones de la imagen corporea y repercusiones en sus funciones sexuales. Ya que a menudo el tema de la sexualidad viene excluido en el care del asistido, con el presente estudio se ha querido esplorar lo vivido por un grupo de pacientes adultos estomizados.Metodos e instrumentosLa encuesta ha sido realizada en el 2010 en un consultorio de estomaterapia, con la entrega de un cuestionario anònimo a 53 personas. ResultadosEl 58,4% de los subjetos ha partecipado al estudio. En el 64% de los casos, los entervistados senalan que nunca han afrontado el tema de la sexualidad con los preofesionistas sanitarios, con un 60% hubiera querido hacerlo. El 68% de los pacientes afirma que su propia sexualidad ha cambiado después de la aplicaciòn del estoma y la mayor parte informa de sentir sentimientos de desconfianza en sì mismos, estorbo, verguenza y miedo. DiscusiònUn porcentaje significativo de los encuestados vive un fuerte malestar por el impacto de la estomia en su propia imagen corporea e en su propia sexualidad.ConclusionesEl conocimiento de los problemas que los pacientes estomizados reportan podrà ayudar a el enfermero en planificar una asistencia individualizada y crear un ambiente de suporte para una mejor calidad de vida.


2011 - Indagine conoscitiva sugli infortuni occorsi agli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica di Modena dal 2002 al 2009 [Abstract in Rivista]
Ferri, Paola; C., Giudice; N., Panzera; L. F., De Donno; Rovesti, Sergio
abstract

Se numerosi sono i dati di letteratura relativi agli infortuni sul lavoro dei professionisti sanitari in generale e degli infermieri in particolare, poco conosciuto è il fenomeno che interessa gli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica in Italia. Eppure diversi studi evidenziano la particolare vulnerabilità di questi studenti, in particolare rispetto agli infortuni biologici. Tale vulnerabilità sarebbe determinata dalla limitata esperienza clinica, dalle scarse abilità tecniche, da un background di conoscenze ancora insufficiente per riconoscere il livello di rischio di un particolare paziente e i principi per il controllo delle infezioni. Nell’indagine realizzata abbiamo analizzato la frequenza e le caratteristiche del fenomeno degli infortuni occorsi agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Infermieristica di Modena dal 2002 al 2009, utilizzando un disegno di ricerca osservazionale e retrospettivo. Nel periodo di osservazione sono stati registrati 217 infortuni su 2.756 studenti iscritti al corso. La percentuale d’infortuni per anno accademico è andata da un massimo del 10,6% ad un minimo del 6,5%, attestandosi negli ultimi 2 anni al 7%.Tipologia di infortuni occorsi: le punture da aghi si classificano al primo posto con 124 casi (57%), seguono poi il contatto e lo schizzo con sangue ed altri materiali biologici a rischio infettivo con 49 casi (23%), al terzo posto troviamo altri tipi d’infortunio quali fratture, ferite, escoriazioni, sincopi, con 27 casi (12%) e infine 17 casi (8%) d’infortunio in itinere.La frequenza degli infortuni biologici sembra, fortunatamente, interessare un numero abbastanza limitato di studenti (6,2%), anche se il Center for Disease Control and Prevention (CDC, 2007) asserisce che almeno la metà degli infortuni biologici non vengono denunciati dagli operatori sanitari. Una ricerca svolta presso l’Università di Chieti riporta una percentuale di infortuni biologici del 6,6% su un campione di 2.047 studenti infermieri, nel periodo 2002-2006. Altre ricerche che hanno esplorato la frequenza degli infortuni biologici negli studenti infermieri, però mediante questionario anonimo, indicano percentuali più elevate 13,9% (Smith & Leggat), 18% (Massaro et al.), 49% (Talas) e il 100% (Yao WX et al.). Similarmente alla letteratura di riferimento l’80% degli infortuni riguarda una esposizione biologica (puntura da ago, tagliente o contatto mucocutaneo con liquidi e materiale biologico). In considerazione del rischio infettivo a cui le punture da ago espongono, si ritiene importante proseguire con il monitoraggio degli incidenti, incentivare gli studenti a denunciare gli infortuni occorsi, ma soprattutto promuovere una cultura della sicurezza tra gli stessi e una attività tutoriale di supporto ed educazione in ambito clinico.


2011 - La divisa infermieristica: preferenze dei bambini e dei loro genitori in un contesto di ricovero ospedaliero [Abstract in Rivista]
Ferri, Paola; F., Cerullo; D., Fraticola; Rovesti, Sergio
abstract

Obiettivi dello studioValutare quale divisa preferiscono i bambini ospedalizzati e i loro genitori.DisegnoIndagine quantitativa con approccio descrittivo.Materiali e MetodiIl campione di convenienza era costituito da 50 bambini ricoverati nel reparto di Pediatria nel Policlinico di Modena dal 10 al 16 maggio 2010 e dai loro genitori. Età superiore ai 3 anni, comprensione della lingua italiana e assenza di deficit visivi, intellettivi e neurologici. L’indagine è stata realizzata mediante l’utilizzo di due strumenti: • un disegno che rappresentava 5 tipi di divisa: bianca, arancione, viola, una con Topolino e una con i Puffi. Il disegno è stato mostrato ai bambini per capire quale era la divisa che preferivano; • il secondo strumento utilizzato è un questionario proposto ai genitori composto da 9 domande inerenti l’impatto della divisa sulla relazione assistenziale e l’identificazione del professionista. RisultatiLa divisa preferita dai bambini in quanto meno paurosa e più vicina alle loro esigenze è quella viola. Le divise bianche comunemente più utilizzate dal personale infermieristico sono quelle che fanno più paura e piacciono meno ai bambini. Indossare una divisa colorata trasmette ai bambini un senso di fiducia senza apparire minacciosi. Secondo la letteratura, il colore viola è uno dei colori che emerge frequentemente nei disegni dei bambini. E' il colore dell'arte, della fantasia, del sogno, dell'altruismo e della guarigione attualmente è anche un colore di moda, per cui è possibile che i bambini possano essere stati influenzati da questo aspetto. I genitori esprimono la necessità che gli infermieri indossino una divisa che si avvicini alle preferenze e ai gusti dei loro figli in quanto mezzo per favorire la relazione fra le due parti. Non emergono grandi differenze nelle scelte delle divise tra i genitori e i bambini, entrambi preferiscono una divisa diversa dal modello convenzionale.


2011 - L'infermiere della pediatria e l'errore terapeutico: studio multicentrico sul territorio modenese [Abstract in Rivista]
R., Cavaleri; Bargellini, Annalisa; Rovesti, Sergio; F., Cerullo; Ferri, Paola
abstract

Tra il 15 maggio e il 15 giugno 2010 abbiamo condotto uno studio trasversale sulla popolazione infermieristica che prestava servizio nei reparti di Pediatria della provincia modenese per stimare, sulla base del ricordo degli infermieri, l’esperienza di errore terapeutico durante l’intera carriera lavorativa in ambito pediatrico. Hanno risposto al questionario 85 infermieri su 104 totali pari al 81,7% con una età media di 38,9±7,7 anni (range, 24-62). Solo due appartenevano al genere maschile (2,3%). Il titolo di studio prevalente era il diploma regionale (60,0%), seguito dalla Laurea in Infermieristica (26,0%) e dal Diploma Universitario (7,0%). La media degli anni di servizio prestati in ambito pediatrico era di 13,1± 8,3 anni (range, 1-37).Una percentuale molto elevata di infermieri (90,6%) dichiara di aver assistito durante la propria carriera lavorativa ad errori di terapia. Nel processo di gestione del farmaco è nella fase di somministrazione che si verifica il maggior numero di errori, tra i quali spicca l’errato dosaggio. Il 33,3% degli eventi avversi descritti dettagliatamente dal campione riguardava un’errata dose e tra questi il 18,2% un “ten-fold error” (somministrazione di una dose dieci volte superiore). Il farmaco maggiormente coinvolto risulta l’insulina, dato sovrapponibile alla letteratura di riferimento. Gli orari più a rischio di errore risultavano essere quelli della somministrazione della terapia, che coincidevano anche con quelli dell’ingresso dei visitatori, della fine del turno infermieristico e della preparazione alla visita medica.I nostri dati possono fornire validi spunti per interventi correttivi e di prevenzione del rischio clinico in ambito pediatrico, in particolare, la progettazione di eventi formativi mirati, il miglioramento della precisione nelle prescrizioni farmacologiche e soprattutto la creazione di un contesto organizzativo e strutturale che consenta all’infermiere di operare in sicurezza.


2011 - Parameters predictive of Legionella contamination in hot water systems: association with trace elements and heterotrophic plate counts [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Marchesi, Isabella; Righi, Elena; Ferrari, Angela; S., Cencetti; Borella, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

The contamination of hot water samples with Legionella spp. was studied in relation to temperature, total hardness, trace element concentrations (iron, zinc, manganese, and copper) and heterotrophic plate counts (HPC) at both 22 and 37 °C. Factor analysis and receiver operating characteristic (ROC) curves were used to establish the cut-off of water parameters as predictors for Legionella contamination. Legionella spp. were isolated in 194 out of 408 samples (47.5%), with L. pneumophila being the most common (92.8%). After multiple logistic regression analysis, the risk for legionellae colonisation was positively associated with Mn levels >6 µg l-1, HPC at 22 °C >27 CFU l-1, and negatively with temperature >55 °C and Cu levels >50 µg l-1. Multiple regression analysis revealed that Legionella spp. counts were positively associated with Mn, HPC at 37 °C and Zn and negatively associated with temperature. Only 1 out of the 97 samples (1%) having a Mn concentration, an HPC at 22 °C and an HPC at 37 °C below the respective median values exhibited a Legionella spp. concentration exceeding 104 CFU l-1 vs. 41 out of the 89 samples (46.1%) with the three parameters above the medians. Our results show a qualitative and quantitative relationship between Legionella spp., the Mn concentration and heterotrophic plate counts in hot water samples from different buildings, suggesting that these parameters should be included in a water safety plan. The role of manganese in biofilm formation and its possible involvement in the mechanisms favouring Legionella survival and growth in water niches should be investigated further.


2011 - Prevenzione dell’ipotermia intraoperatorianon provocata nell’adulto [Abstract in Rivista]
Rompianesi, Maria Chiara; S., Benini; P., Giacobazzi; Begliomini, Bruno; Rovesti, Sergio; Ferri, Paola; G., Andreoli; E., Longhitano; M., Miselli; S., Cencetti
abstract

OBIETTIVI: L’ipotermia intraoperatoria, definita come una temperatura centrale (Tc) <36°C, è un evento indissociabile dall’anestesia, frequente in assenza di prevenzione ed importante perché favorisce la comparsa di complicanze (ischemia miocardica e turbe del ritmo, aumento del sanguinamento intraoperatorio, infezione e ritardata cicatrizzazione della ferita chirurgica) che possono allungare il ricovero ospedaliero.Ciononostante, spesso l’ipotermia non è conosciuta od affrontata come si dovrebbe. L’indagine ha inteso verificare la Tc nel periodo perioperatorio, la relazione tra Tc ed estensione della superficie corporea esposta al riscaldamento con termocoperte e la temperatura dell’aria della sala operatoria.METODI: La Tc è stata monitorata durante interventi chirurgici laparotomici di lunga durata (>4 ore) su pazienti adulti effettuati in una delle sale dell’AOU Policlinico di Modena. La Tc è stata misurata prima dell’induzione e dopo il risveglio dall’anestesia mediante termometro digitale auricolare e nel periodo post-induzione–pre-risveglio tramite sonda esofagea monousoconnessa al monitor di anestesia. Per la prevenzione dell’ipotermia sono stati utilizzati i dispositivi scaldaliquidi e il sistema di riscaldamento ad aria forzata, con copertura del paziente limitata al torace, agli arti superiori e al capo od estesa anche agli arti inferiori. La temperatura dell’aria è stata rilevata con un multiacquisitore microclimatico e i dati sono stati confrontati con quelli riportati nel DPR 14.1.97.RISULTATI: Prima dell’induzione e dopo il risveglio dall’anestesia, la Tc era >36°C in tutti i pazienti finora studiati. Durante l’anestesia, invece, la Tc era scesa al di sotto dei 36°C in tutti i pazienti. Nei pazienti con riscaldamento limitato alla parte superiore del corpo, rispetto a quelli con riscaldamento esteso anche alla parte inferiore, la Tc rimaneva <36°C (valore minimo più basso 34,7°C vs 35,2°C) per un periodo di tempo più lungo. I valori medi della temperatura dell’aria (21,4-21,6°C) erano all’interno del range previsto (20-24°C).CONCLUSIONI: I pazienti sono in condizioni di normotermia primadell’induzione e dopo il risveglio dall’anestesia, in linea con le più recenti raccomandazioni della letteratura. L’aumento della superficie corporea esposta al riscaldamento, con la copertura anche degli arti inferiori, assicura un migliore controllo dell’ipotermia intraoperatoria e quindi del brivido postoperatorio. L’ipotermia si verifica anche quando la temperatura dell’ariaè nella norma. È opportuno monitorare la Tc negli interventi di lunga durata e diffondere le conoscenze sull’ipotermia fra gli operatori sanitari.


2010 - Elementi in traccia e carica batterica totale come parametri predittivi della contaminazione e crescita di Legionella spp. nell’acqua calda sanitaria. [Abstract in Rivista]
Bargellini, Annalisa; Marchesi, Isabella; Rovesti, Sergio; Frezza, Giuseppina; R., Masironi; Borella, Paola
abstract

Obiettivi. Stabilire la relazione tra parametri chimico-fisici e batteriologici dell’acqua e contaminazione da Legionella spp in campioni di acqua calda prelevati da abitazioni, alberghi e strutture sanitarie. Metodi. Fe, Mn, Cu, Zn, Mg and Ca sono stati analizzati in spettroscopia di assorbimento atomico in 408 campioni prelevati prima di ogni trattamento di disinfezione. Temperatura e durezza sono stati misurati con metodi standard. Per la determinazione di Legionella spp e cariche batteriche totali (CBT) a 37°C e 22°C sono stati utilizzati specifici metodi colturali. Risultati. Legionella è stata isolata da 194 campioni (47,5%) con una carica media di 4.500 ufc/l. I campioni di acqua positivi per Legionella spp mostravano livelli di Fe, Mn, Zn, CBT a 22°C e 37°C significativamente più elevati rispetto ai campioni negativi. La concentrazione di Legionella correlava positivamente con Mn, Fe, Zn e CBT, negativamente con temperatura e durezza dell’acqua. Applicando la regressione lineare multivariata, rimanevano come variabili predittive il Mn, la CBT a 37°C, lo Zn e la temperatura. Applicando invece la regressione logistica multipla, il Mn e la CBT a 22°C risultavano i principali parametri di rischio della presenza di Legionella spp, seguiti da temperatura e rame come fattori di protezione. Conclusioni. In questo studio abbiamo dimostrato che alcuni parametri chimico-fisici e batteriologici dell’acqua sono utili a predire la contaminazione da Legionella spp nell’acqua calda sanitaria. Particolare importanza riveste la misurazione dei livelli di Mn e le cariche batteriche totali, in grado di influire sia sul numero di campioni positivi che sulla concentrazione di legionelle, presumibilmente perché sono indicatori della crescita del biofilm. Si è inoltre confermato che la contaminazione da Legionella si riduce quando la temperatura dell’acqua supera i 55°C.


2010 - Il fumo di tabacco tra gli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica di Modena [Abstract in Rivista]
G., Andreoli; F., Marzo; C., Basili; A., Sorzia; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

OBIETTIVI: In Italia i fumatori sono circa 11 milioni (22% delle persone di 15 anni e più) e i decessi/anno attribuibili al fumo sono circa 80000. L’infermiere riconosce la salute come bene fondamentale della persona e interesse della collettività e si impegna a tutelarla con attività di prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione. La prevalenza di fumatori tra gli infermieri però è molto elevata e questo può condizionare l’attuazione di idoneemisure di prevenzione da parte del personale sanitario che, con il suo comportamento negativo, può rappresentare un modello non corretto a cui ispirarsi. Lo scopo dello studio era di analizzare il comportamento degli studenti di un CdL in Infermieristica nei confronti del fumo.MATERIALI: Nel 2007 agli studenti di Infermieristica di Modena è stato somministrato un apposito questionario; agli studenti del I anno è stato poi ri-somministrato nei due anni seguenti per valutare eventuali modificazioni dell’abitudine tabagica. Di seguito si presentano i dati preliminari dell’indagine relativi al solo 2007.RIASSUNTO: Su 302 studenti i fumatori erano 134 (44,4%), gli ex-fumatori 39 (12,9%) e 129 quelli che non avevano mai fumato (42,7%); i fumatori abituali (88%) prevalevano su quelli occasionali (12%). Si osservava un trend crescente di fumatori dal I al III anno con un picco del 51,6% in quest’ultimo. La maggioranza degli studenti riteneva scorretto per un infermiere fumare in presenza di pazienti e sentiva la necessità di unaspecifica formazione sul fumo, sui danni alla salute e sui metodi diprevenzione e disassuefazione. La maggior parte infine dichiarava di accogliere positivamente l’attuazione di un programma contro il tabagismo che prevedeva un’indagine conoscitiva, un ciclo di seminari e la possibilità di frequentare per un tirocinio formativo il Centro Antifumo del Policlinico di Modena.CONCLUSIONI: L’abitudine tabagica è ampiamente diffusa tra gli studenti di Infermieristica di Modena ed è superiore a quella della popolazione italiana adulta, ma è sovrapponibile a quella di studi simili. Nonostante una percentuale maggiore di fumatori all’ultimo anno, sembra che il CdL abbia un’influenza positiva in quanto si nota una progressione crescente di exfumatori dal I al III anno. È evidente che gli studenti sono sensibili al loro futuro ruolo di educatori alla salute e alla prevenzione e sentono la necessitàdi essere formati, non solo mediante insegnamenti teorici, ma anche con corsi atti a rafforzare la capacità di affrontare i problemi e resistere alle pressioni psicologiche e socio-ambientali e a far acquisire le competenze necessarie per poter attuare campagne di prevenzione in collaborazione con gli altri professionisti della salute.


2010 - Microclima e comfort termico in sala operatoria [Abstract in Rivista]
M. C., Rompianesi; P., Giacobazzi; G., Andreoli; Ferri, Paola; Rovesti, Sergio; C., Basili; E., Longhitano; M., Miselli; S., Cencetti
abstract

OBIETTIVI: Il comfort microclimatico riveste molta importanza in sala operatoria, dove vengono svolte attività che richiedono la massima efficienza psicofisica. L’indagine ha inteso verificare la conformità alle norme dei parametri e degli indici microclimatici, l’andamento della temperatura e dell’umidità relativa dell’aria durante le sedute operatorie e la relazione tra la valutazione oggettiva e soggettiva del comfort termico negli operatori di sala.MATERIALI: Sono state scelte, in accordo con le caposala, due sale per ciascun reparto operatorio dell’AOU Policlinico di Modena. I parametri/indici microclimatici sono stati rilevati/calcolati con il multiacquisitore microclimatico Babuc A e il software InfoGAP evoluto per ambienti moderati, durante intere sedute operatorie tipo invernali ed estive. I dati sono stati confrontati con quelli riportati nel DPR 14.01.97, in linee guida dell’ISPESL e nella norma UNI EN ISO 7730. Le sensazioni termiche degli operatori disala sono state rilevate somministrando loro un apposito questionario.RIASSUNTO: In inverno, per umidità relativa e velocità dell’aria sono stati spesso registrati valori medi inferiori ai livelli previsti. In estate, per temperatura, umidità e velocità dell’aria sono stati talvolta registrati valori medi superiori o inferiori ai livelli previsti. Quando l’impianto di climatizzazione era senza umidificazione, l’umidità dipendeva dalla temperatura e dall’umidità dell’aria esterna. I valori di temperatura e umidità hanno fatto registrare una discreta variabilità durante le sedute operatorie. In inverno,in condizioni di non conformità per umidità e velocità dell’aria, i valori medi dell’indice termico voto medio previsto (PMV) erano interni all’intervallo di accettabilità (±0.5). In estate, in condizioni di non conformità per temperatura, umidità e velocità dell’aria, i valori medi del PMV erano esterni all’intervallo di accettabilità nelle sale dove i valori di temperatura erano al di fuori del range previsto. Tra l’analisi oggettiva e soggettiva del comfort termico non è stata trovata una relazione soddisfacente. L’indagine ha infine evidenziato un problema di discomfort locale da correnti d’aria fastidiose che colpiscono testa/collo.CONCLUSIONI: Le caratteristiche microclimatiche della sala sono correlate direttamente all’efficienza dell’impianto di climatizzazione. Il funzionamento della sezione di umidificazione sull’unità di trattamento dell’aria è importante per l’umidità dell’aria in sala. La temperatura sembra essere il parametrofisico col maggior impatto sul PMV. La discordanza tra i dati oggettivi e soggettivi di sensazione termica solleva perplessità sull’utilizzo del PMV quale unico parametro oggettivo di comfort termico.


2010 - Ruolo di alcuni fattori psico-fisiologici sulla sicurezza alla guida [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio; Bussetti, Pamela; Ferrari, Angela; R., Vivoli
abstract

Nell’ambito di un più vasto progetto di ricerca sul ruolo di alcuni fattori umani nel determinismo degli incidenti stradali, il presente studio si propone di studiare, in giovani adulti, le relazioni tra i comportamenti alla guida e i tratti della personalità indagando altresì i correlati neuroendocrini degli aspetti psicologici e comportamentali esplorati. Un ulteriore obiettivo è quello di stimare in quale misura i livelli di performance siano condizionati da fattori demografici, cronobiologici e psicologici.E’ stata rilevata una correlazione tra frequenza di violazioni del codice della strada, il tratto della personalità che esprime l’estroversione e il punteggio della scala “Sensation Seeking”, confermando l’influenza di tale componente della personalità nell’adozione di comportamenti a rischio. E’ inoltre emerso che i soggetti maggiormente predisposti alla mattutinità sono più propensi ad avere comportamenti di guida sicuri.Circa le relazioni tra neutrasmettitori e comportamenti alla guida è stata individuata una associazione positiva tra i livelli di dopamina e la frequenza di violazioni del codice della strada, mentre è stata registrata una correlazione negativa tra frequenza di errori alla guida e livelli di adrenalina.Concludendo, l’individuazione delle variabili psico-fisiologiche correlate a comportamenti di guida rischiosi potrebbe essere un utile strumento per impostare interventi di prevenzione degli incidenti stradali mirati ai soggetti ad alto rischio.


2009 - Il controllo della pressione differenziale in sala operatoria come fattore di prevenzione delle infezioni associate al processo chirurgico: un impianto per il monitoraggio in continuo installatopresso l’AOU Policlinico di Modena [Abstract in Rivista]
G., Andreoli; C., Basili; L., Pederzini; P., Marchegiano; F., Marzo; L., Traldi; Rovesti, Sergio; E., Longhitano; M., Miselli; S., Cencetti
abstract

OBIETTIVI: I controlli ambientali nelle sale operatorie (SO) sono di primaria importanza nel processo di prevenzione delle infezioni nosocomiali della ferita chirurgica, problema che comporta conseguenze, anche gravi, per la salute dei pazienti e costi aggiuntivi per il sistema sanitario. Il monitoraggio in continuo della pressione differenziale è stato effettuato per rilevare, inmodo tempestivo, eventuali condizioni di depressione ambientale, fattore di rischio della contaminazione microbiologica.MATERIALI: L’installazione di un impianto per il monitoraggio in continuo della pressione differenziale presso le SO dell’AOU Policlinico di Modena ha permesso di mettere in evidenza alcune criticità di sistema che determinavano basse pressioni. A fronte di tali rilevazioni sono stati effettuati interventi correttivi per raggiungere livelli pressori ottimali secondo le più recenti linee guida internazionali (UNI EN ISO 14644). I dati di pressione differenziale forniti dal sistema di monitoraggio ambientale,registrati su un terminale collegato da remoto, sono stati raccolti e valutati mediante anche l’elaborazione di report periodici (mensili) al fine di rilevare eventuali valori inferiori al livello minimo accettabile ed attuare azioni correttive.RIASSUNTO: I dati ottenuti dal monitoraggio in continuo delle pressioni differenziali ci hanno permesso di raggiungere i seguenti risultati: rilevare criticità strutturali e impiantistiche e mettere in atto azioni correttive; individuare comportamenti “non corretti” degli operatori su cui si è intervenuto con incontri di formazione ad hoc; seguire nel tempo l’andamento dei valori di pressione differenziale quale parametro significativo di qualità dell’aria per individuare altri eventuali episodi di criticità.CONCLUSIONI: Il monitoraggio in continuo della pressione differenziale può fornire importanti indicazioni sul mantenimento di uno standard di sicurezza in SO che, insieme ad altri indicatori di qualità dell’aria, va a costituire il cosiddetto “cruscotto ambientale”. Ciò permette di avere sotto controllo in ogni momento la situazione ambientale nelle SO per potere rilevare e correggere tempestivamente eventuali situazioni “a rischio” per pazienti ed operatori.


2008 - Il controllo della qualità dell'aria in sala operatoria come fattore di prevenzione delle infezioni associate al processo chirurgico: il ruolo della pressione differenziale e del particolato aerodisperso [Abstract in Rivista]
S., Cencetti; M., Miselli; C., Basili; L., Pederzini; G., Andreoli; F., Marzo; L., Traldi; Rovesti, Sergio
abstract

PREMESSE: I controlli ambientali nelle sale operatorie (SO) sono di primaria importanza nel processo di prevenzione delle infezioni nosocomiali della ferita chirurgica, problema che comporta conseguenze, anche gravi, per la salute dei pazienti e costi aggiuntivi per il sistema sanitario.OBIETTIVI: Il monitoraggio in continuo della pressione differenziale e della contaminazione particellare è stato effettuato per rilevare, in modo tempestivo, eventuali condizioni rispettivamente di depressione ambientale e di superamento dei limiti di concentrazione particellare, fattori entrambi frequentemente associati ad un aumentato rischiodi contaminazione microbiologica.METODI: Il protocollo di lavoro ha previsto una prima fase di convalida per la classificazione ambientale, secondo la normativa UNI EN ISO 14644, delle SO di un blocco operatorio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena. I dati di pressione differenziale e di contaminazione particellare forniti dal sistema di monitoraggio ambientale per il controllo in remoto della qualità dell’aria, sono stati seguiti nel tempo per rilevare eventuali valori non compresi nei limiti specificati.RISULTATI: I dati ottenuti dal monitoraggio in continuo ci hanno permesso di raggiungere i seguenti risultati:1. rilevare criticità di sistema e mettere in atto tempestivamente azioni correttive;2. individuare comportamenti “non corretti” degli operatori su cui si è intervenuto con incontri di formazione ad hoc;3. seguire nel tempo l’andamento dei parametri di qualità dell’aria per individuare altri eventuali episodi di criticità.CONCLUSIONI: Il monitoraggio in continuo di pressione differenziale e particolato aerotrasportato può fornire importanti indicazioni sul mantenimento di uno standard di sicurezza in SO che, insieme ad altri indicatori di qualità dell’aria, va a costituire il cosiddetto “cruscotto ambientale”. Ciò permette di avere sotto controllo in ogni momento la situazione ambientale nelle SO per potere rilevare e correggere tempestivamente eventuali situazioni “a rischio” per pazienti ed operatori.


2008 - Prevalence of anti-legionella antibodies among Italian hospital workers [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Bargellini, Annalisa; Marchesi, Isabella; Rovesti, Sergio; G., Stancanelli; S., Scaltriti; M., Moro; M. T., Montagna; D., Tatò; C., Napoli; M., Triassi; S., Montegrosso; F., Pennino; C. M., Zotti; S., Ditommaso; M., Giacomuzzi
abstract

This study evaluated the prevalence of anti-legionella antibodies in workers at hospitals with a long-term history of legionella contamination. The hospitals are located in Milan and Turin, northern Italy, and in Naples and Bari, southern Italy. Antibody prevalence and titres of healthcare workers, medical and dental students and blood donors were assessed. In total 28.5% of subjects were antibody positive, most frequently to L. pneumophila serogroups 7-14. Major differences were observed in seroprevalence and type of legionella antibody in persons from different geographic areas. Healthcare workers had a significantly higher frequency of antibodies compared with blood donors in Milan (35.4 vs 15.9%, P<0.001), whereas in Naples both groups exhibited high antibody frequency (48.8 vs 44.0%) and had a higher proportion of antibodies to legionella serogroups 1-6. Dental workers had a higher seroprevalence than office staff in Bari, but not in Turin, where daily disinfecting procedures had been adopted to avoid contamination of dental unit water. No association was found between the presence of antibodies and the presence of risk factors for legionellosis, nor with the occurrence of pneumonia and/or flu-like symptoms. In conclusion, the presence of legionella antibodies may be associated with occupational exposure in the hospital environment, but there was no evidence of any association with disease.


2008 - Protezione da anestetici volatili: monitoraggio ambientale e biologico dell'esposizione professionale a desfluorano e sevofluorano in sala operatoria [Abstract in Rivista]
Rovesti, Sergio; P., Marchegiano; G., Corona; G., Andreoli; G., Bianchini
abstract

OBIETTIVI: Il desfluorano (D) e il sevofluorano (S) sono gli anestetici alogenati più recenti. Il D non viene utilizzato per l’induzione dell’anestesia. Abbiamo condotto un’indagine per valutare l’esposizione a D/S in sala operatoria. Poiché mancano i limiti “ufficiali” di esposizione a D e S, per interpretare i dati di monitoraggio abbiamo utilizzato il limite ambientale di 2 ppm raccomandato dal NIOSH per i primi alogenati e i limiti biologici riportati in letteratura.METODI: Il monitoraggio dell’esposizione a D/S ha riguardato 124operatori monitorati nel corso delle rispettive attività nelle saleoperatorie del Policlinico di Modena. Il monitoraggio ambientale èstato eseguito mediante campionatori personali Radiello e quellobiologico è stato effettuato dosando il D, il S e il metabolita del S,l’esafluoroisopropanolo (HFIP), nelle urine raccolte a fine turnooperatorio.RISULTATI: Per il D non sono stati osservati superamenti del limite ambientale di 2 ppm; un anestesista e un infermiere hanno fatto registrare livelli urinari eccedenti il limite biologico di 0,9 μg/L. Per il S i superamenti del limite ambientale di 2 ppm e/o dei limiti biologici di 3 μg/L per il S e di 488 μg/L per l’HFIP sono stati riscontrati nelle sedute di chirurgia pediatrica in senso lato con induzione inalatoria. I superamenti hanno riguardato gli anestesisti e gli infermieri aiuto anestesia, con gli anestesisti che hanno fatto registrare i valori più alti. Questi risultati possono essere interpretati sulla base della posizione che questi professionisti assumono e mantengono anche per periodi prolungati durante l’induzione inalatoria e che risulta molto vicina alle vie aeree del paziente.CONCLUSIONI: L’indagine ha evidenziato l’esposizione al S deglianestesisti e degli infermieri aiuto anestesia che effettuano induzioni/anestesie inalatorie con maschera nei bambini; un’esposizione che attualmente non si può eliminare ma solo cercare di ridurre al minimo attraverso l’applicazione di misure preventive e protettive.


2008 - Relation between psychoneuroendocrine profile in stressful conditions and antibodies to herpesvirus 6 and 7 [Articolo su rivista]
R., Vivoli; Rovesti, Sergio; Borella, Paola; Cermelli, Claudio
abstract

The aim of the present study is to evaluate whether the individual susceptibility to infectious disease is influenced by the psychological profile of cadets exposed to stressful events associated with military lifestyle in academy and if the neuroendocrine responses to stressful events is related with humoral immunity estimated by measuring antibody titres to human herpesvirus (HHV-6)7 (HHV-7) and to what extent it is influenced by personality traits. It has been observed that cadets with lower psychoaptitude scores (1-2) have a significant higher susceptibility to infectious disease (x2=7.95; p=0.019) compared to subjects with higher scores. A positive relationship between cortisol and antibody titers to HHV-6 (r=0.304; p=0.024) it has been found. It can be interesting to observe that antibody titers on HHV-6 are also related to psychoaptitude profile (r=0.239; p=0.044). The antibody titers to HHV-7 are negatively related to the 5 scales of BFQ and in particular with subdimension Co (cordiality) of BFQ (r=0.401; p=0.002). The survey carried out on over 1,500 cadets of the Military Academy of Modena shows that the susceptibility to infectious diseases during the first six months of admission to the Academy seem to be influenced by the psychoaptitudinal profile. The finding of a positive relationship between serum cortisol and antibody vs HHV-6 suggests that the impairment of the immune system linked to circulatory cortisol levels may induce a reactivation of a latent herpesvirus 6 with related increase of antibody titers.


2008 - Studio dei correlati biochimici della personalità e dei comportamenti alla guida [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, R; Bussetti, Pamela; Ferrari, Angela; Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio
abstract

PREMESSE: Nell’ambito di un più vasto progetto di ricerca volto adapprofondire il ruolo svolto da alcuni fattori umani nel determinismo degli incidenti stradali, ci siamo proposti di indagare i possibili correlati biochimici di alcune variabili psicologiche e dei comportamenti alla guida che possono compromettere la sicurezza sulla strada, quale base conoscitiva per la messa a punto di idonee strategie di prevenzione.MATERIALI E METODI: A 100 soggetti di età compresa tra 20 e 39anni sono stati somministrati questionari tesi a stimare i comportamenti abituali alla guida (Driver Behavioural Questionnaire), il profilo di personalità (Big Five Questionnaire) e l’inclinazione a ricercare sensazioni forti (Sensation Seeking Scale). Quali correlati neuroendocrini della personalità e dei comportamenti alla guida sono stati misurati i livelli urinari di adrenalina, noradrenalina, dopamina e serotonina mediante la tecnica HPLC.RISULTATI: L’analisi delle correlazioni semplici ha documentato una associazione positiva tra livelli urinari di dopamina punteggio della Sensation Seeking Scale (r= 0,237; p= 0,020), e un rapporto associativo inverso tra livelli di adrenalina e frequenza di errori che possono compromettere la sicurezza alla guida (r= -0,269; p= 0,010). L’analisi di regressione multipla, condotta utilizzando i comportamenti alla guida come variabili dipendenti, ha confermato l’effetto indipendente dell’adrenalina sugli errori alla guida e, nei soggetti non fumatori, un ruolo predittivo dei livelli di dopamina nei confronti delle violazioni del codice della strada.CONCLUSIONI: I risultati ottenuti supportano l’ipotesi che un certogrado di attivazione adrenergica, ed i conseguenti effetti sullo stato di vigilanza, possa avere ricadute positive sulla sicurezza alla guida. La relazione positiva tra dopamina, punteggio della Sensation Seeking Scale e frequenza di violazioni al codice della strada avvalora l’ipotesi della letteratura che alla base della diversa propensione individuale a ricercare sensazioni forti, tra cui comportamenti di guida rischiosi, ci siano differenze del sistema dopaminergico.


2007 - Personality traits as predictors of risky driving [Abstract in Rivista]
Vinceti, Marco; Bergomi, Margherita; Vivoli, R.; Rovesti, Sergio; Bussetti, Pamela; Vivoli, Gianfranco
abstract

Objective:The purpose of the study was to evaluate, in young subjects, the relationships between risky driver behavior and personality factors. Another aim was to assess the neuroendocrine correlates of personality and behavioral factors.Materials and Methods:We recruited 68 students (32 men and 36 women), after having obtained their informed consent. The subjects completed the following self-report questionnaires: the Big five Questionnaire, designed to evaluate the Big Five personality traits, the Sensation Seeking Scale, and the Driver Behaviour Questionnaire that evaluates driving behavior by frequency of lapses, errors, and violations. In urine samples collected from 8 am to 11 am we measured adrenaline, noradrenaline, dopamine, and serotonin levels using a HPLC system with an ESA detector.Results:Both lapses and errors were negatively related with emotional stability. The number of violations of highway code resulted positively related with extroversion and sensation seeking scores. Negative associations of violations with conscientiousness and cooperativity were observed. Regarding the relationship between driving behavior, personality traits, and neuroendocrine parameters, positive relations between violations and dopamine levels, and between driving errors and serotonine levels were observed. The stepwise regression analyses performed using psychological and biochemical measures as predictors and behavioral measures as dependent variables showed conscientiousness and dopamine levels as the main predictors of highway code violations. Only emotional stability remained significant in the final model, including lapses as dependent variable, whereas emotional stability and serotonin levels resulted predictors of errors.Conclusions:Our results, in agreement with previous researches, give further support to the role played by personality dimensions on unsafe driving, and improve the knowledge of the different risky driving behaviors. The interesting findings concerning the neuroendocrine correlates of driving behavior contribute to a better understanding of the biological bases of risky behaviors, including unsafe driving.


2007 - Risk factors for particulate and microbial contamination of air in operating theatres. [Articolo su rivista]
Scaltriti, Stefania; S., Cencetti; Rovesti, Sergio; Marchesi, Isabella; Bargellini, Annalisa; Borella, Paola
abstract

This study was designed to standardize dust collection in recently built operating theatres equipped with a continuous monitoring system. The objectives were to establish the relationship between microbiological and dust contamination, and then to compare those parameters with the main indicators of surgical activity in order to better define risk factors affecting air quality. The air quality during 23 surgical operations was studied in three conventionally ventilated operating theatres. Microbiological air counts were taken using both passive and active sampling methods. Air dust particles, > or =0.5 and > or =5 microm in size, were measured using a light-scattering particle analyser. The overall dust load was mainly (98%) composed of fine particulate matter, most probably due to its longer suspension time before settlement. These particles positively correlated with operation length, but not with surgical technique, suggesting that fine particles may be a good tracer of operation complexity. In contrast, the surgical technique was the main predictor for the concentration of particles > or =5 microm, with a higher risk from general conventional surgery compared with scope surgery. The frequency of door-opening, taken as an index of staff and visitor movement, was the main negative predictor of over-threshold values of both fine and larger dust particles but, conversely, was a positive predictor of raised bacterial counts.


2007 - Valutazione del case-mix nelle strutture residenziali pubbliche e private convenzionate territoriali del distretto e nei reparti di lungodegenza degli ospedali di Modena [Abstract in Rivista]
L., Cavazzuti; L., Belloi; L., De Salvatore; A., Guerzoni; G., Iorio; R., Lugli; C., Maccaferri; T., Pesi; M., Pini; Rovesti, Sergio; M., Tamburi; MMG delle, Residenze
abstract

OBIETTIVO: valutazione del case - mix effettivo nelle strutture residenzialiterritoriali del Distretto di Modena e nei reparti di lungodegenzadell’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena e delNuovo Ospedale Civile Sant’Agostino - Estense di Baggiovara.MATERIALI E METODI: gli strumenti utilizzati sono stati: la schedaB.I.N.A. (breve indice di non autosufficienza), la scheda di nursinggeriatrico, la scheda “miscellanea” creata ad hoc per lo studio, alfine di rilevare alcune patologie di interesse. Nell’unica schedaraggruppante gli strumenti sono stati raccolti anche i dati anagrafici di ciascun utente. La rilevazione è stata effettuata nel corso di una “settimana indice” dal 25 Maggio al 1 Giugno 2006.RISULTATI: complessivamente sono state raccolte 858 schede. Hanno partecipato all’indagine 2 case protette a gestione diretta del Comune, 3 case protette a gestione appaltata, 5 case protette private convenzionate, 2 RSA e 2 reparti di lungodegenza, insistenti sul territorio del Distretto di Modena. 1/3 degli utenti è risultato di sesso maschile e 2/3 di sesso femminile. L’età media è risultata di 81,5±11,6 anni. Il punteggio BINA è risultato ≤ 210 (autosufficienti) nel 5% dei dati, compreso tra 220-390 (dipendenti per le attività di vita quotidiana) nel 23%, tra 400-590 (gravi) nel 37%; ≥ 600 (gravissimi) nel 35% dei dati. Il punteggio di nursing sanitario compreso tra 0-30 (assistenza minima) rappresentava il 24% dei dati, tra 31-50 (assistenza media) il 37%, tra 50-74 (assistenza alta) il 33%; ≥ 75 (assistenza intensiva) il 6%. Il punteggio di nursing tutelare compreso tra 0-29 (assistenza minima) rappresentava il 10% dei dati, tra 30-45 (assistenza media) il 21%, tra 46-59 (assistenza alta) il 28%; ≥ 60 (assistenza intensiva) il 42%. La patologia più frequentemente rilevata attraverso la scheda miscellanea è stata la demenza (27,9%).CONCLUSIONI: il case-mix ha messo in evidenza che globalmentegli utenti necessitano di un’assistenza media - alta.


2006 - Biological and behavioral factors affecting driving safety. [Articolo su rivista]
R., Vivoli; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Bussetti, Pamela; G. M., Guaitoli
abstract

It can be estimated that human factors concerning the psychophysical condition of the driver are involved in 60-80% of road accidents. Several driver characteristics and driving behaviours due to age, personality traits, diet, alcohol consumption, circadian rhythms, drugs intake and diseases may contribute to a reduced alertness and to unsafe driving behaviours, thus increasing the risk of car crashes. Objective of this article is to highlight the driver characteristics that may contribute to a reduced alertness and/or are correlated to unsafe driving behaviours, thus increasing the risk of car crashes. A better understanding of the human factors affecting motor-vehicle accidents is required to adopt appropriate preventive measure and increase driving safety.


2006 - Certificazioni sanitarie richieste per l’ammissione ai corsi di laurea delle facoltà mediche italiane [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; L., Cavazzuti; D., Faggiano
abstract

Per l’immatricolazione ai corsi di laurea delle facoltà mediche italiane è previsto che gli studenti si sottopongano ad accertamenti sanitari e a misure preventive. Scopo di questa indagine è il censimento e la valutazione delle certificazioni sanitarie richieste dagli atenei. Le informazioni sono state raccolte dai bandi di ammissione ai corsi pubblicati sui siti internet delle università. Per l’anno accademico 2005-2006 la maggioranza degli atenei ha richiesto la presentazione di certificati sanitari. Per i corsi di laurea in medicina e chirurgia e in odontoiatria e protesi dentaria, le richieste hanno generalmente riguardato i rischi di tubercolosi ed epatite virale B. Per i corsi delle professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche, della riabilitazione, tecniche e della prevenzione, si richiedeva anche certificazione relativa all’idoneità psicofisica alla mansione specifica. La richiesta avanzata da diverse università del certificato di vaccinazione antitubercolare strideva con la relativa normativa vigente. La maggioranza degli atenei non ha pubblicizzato sui bandi la successiva richiesta di accertamento dell’idoneità psicofisica. L’indagine ha evidenziato che le università hanno adottato comportamenti differenti riguardo alla richiesta di certificazioni, tipologia e modalità della stessa, e che le richieste spesso non erano aggiornate. Emerge dunque l’esigenza che i medici competenti degli atenei siano sempre consultati per definire se e quali certificazioni sanitarie siano da richiedere agli studenti per l’ammissione ai predetti corsi.


2006 - Esposizione professionale ad anestetici volatili in sala operatoria [Relazione in Atti di Convegno]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; L., Cavazzuti; D., Faggiano
abstract

Dopo aver esaminato i contenuti della Circolare del Ministero della Sanità 5/89, alla luce delle vigenti norme per la protezione da agenti chimici, delle odierne tecniche di anestesia e degli ultimi dati di letteratura, vengono presentati i principali cambiamenti introdotti e i recenti dati sull'esposizione ad anestetici volatili degli addetti alle sale operatorie di ospedali italiani.


2006 - I fattori umani negli incidenti stradali [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, R; Rovesti, Sergio; Bussetti, Pamela; Vivoli, Gianfranco
abstract

Nonostante sia opinione largamente condivisa che i fattori umani legati alla condizione psicofisica del conducente contribuiscano in misura rilevante nel determinismo degli incidenti stradali, che rappresentano la prima causa di morte nella fascia di età compresa tra i 15 e i 30 anni, non è stato ancora ben definito il ruolo svolto dai suddetti fattori, né quantificato con precisione il loro contributo. Diverse variabili di natura psicofisiologica, socio-comportamentale e sanitaria legate all’età, alla dieta, al debito di sonno, al ritmo sonno/veglia, al cronotipo, all’assunzione di farmaci e/o ad alcune patologie, possono tradursi in una ridotta vigilanza nella conduzione dell’autoveicolo e/o addirittura al colpo di sonno, con pericolose conseguenze sulla capacità di guida. Il Centro di Ricerca per lo Studio dei Determinanti Umani degli Incidenti Stradali, istituito presso l’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, è impegnato nello studio dei fattori psicofisiologici e comportamentali che incrementano il rischio di incorrere in incidenti stradali.In particolare stiamo esplorando le relazioni tra alcuni tratti della personalità quali impulsività, aggressività e “sensation seeking” (ricerca di sensazioni forti) e i comportamenti alla guida, valutandone altresì le basi biologiche (dopamina, adrenalina, noradrenalina, serotonina).Dal momento che molti degli incidenti stradali più gravi sono attribuiti allo stato di sonnolenza del guidatore, stiamo inoltre indagando se e in che misura il cronotipo del guidatore ed i livelli di melatonina, assunta come marcatore del ritmo circadiano, possano condizionarne, almeno in certi orari della giornata, i livelli di performance, stimati tramite la misura dei tempi di reazione a stimoli semplici e complessi.I risultati finora conseguiti hanno evidenziato interessanti relazioni tra i fattori psicologici ed i comportamenti di guida rischiosi, e se confermati da più estese indagini, forniranno le basi conoscitive per l’adozione di specifiche misure di prevenzione degli incidenti stradali, in accordo con gli obiettivi previsti dal Piano Nazionale della Sicurezza Stradale.


2006 - Influenza di fattori psicofisiologici sul comportamento alla guida. Abstract book del Convegno “La ricerca scientifica per la sanità pubblica” della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica - Sezione Emilia-Romagna, Modena 22 maggio 2006. [Abstract in Atti di Convegno]
Bussetti, Pamela; Rovesti, Sergio; Vivoli, Roberto; Cacciari, Cristina; Vinceti, Marco; Bergomi, Margherita
abstract

.


2006 - L'epidemiologia della Legionellosi [Relazione in Atti di Convegno]
Borella, Paola; Marchesi, Isabella; Bargellini, Annalisa; Cauteruccio, Laura; Rovesti, Sergio; Aggazzotti, Gabriella
abstract

La legionellosi è considerata una malattia emergente perchè è in forte aumento sia in Italia che nel resto dell' Europa. Le ragioni sono molteplici: maggiore attenzione alla diagnosi da parte dei medici, anche grazie ai nuovi test rapidi che permettono di identificare il caso precocemente, moltiplicazione delle occasioni espositive per intensificazione dei viaggi, tendenza a centralizzare la gestione e produzione di acqua potabile, utilizzo di tecnologie che producono aereosolizzazione dell'acqua. Inoltre, aumentano le persone a rischio di ammalare perchè portatori di fattori predisponenti il passaggio da infezione a malattia. Attualmente si segnalano in Italia circa 600 casi l'anno, un numero certamente sottostimato rispetto al reale perchè una sorveglianza attiva da noi condotta in pochi ospedali ha permesso di identificare 34 casi in soli 6 mesi e di stabilire che legionella è responsabile di circa il 4% delle polmoniti ricoverate.


2006 - Relationship between trace elements and cardiovascular disease [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Bargellini, Annalisa; Rovesti, Sergio; Marchesi, Isabella; Vivoli, Gianfranco; R., Masironi
abstract

Some trace elements have been studied for their alleged protective effects on cardivascular function (Cr, Mn, Se, Zn and Cu), others instead for their possible negative effects (Al, As, Cd, Fe, Hg, Pb and Cu- the latter being considered both protective and harmful). The results of recent epidemiological studies highlight the role of the most controversial elements: Fe, Se, Cr, Cd, Pb, Zn and Cu on cardiovascular disease (CVD).


2005 - ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A RISCHIO BIOLOGICO NEGLI OPERATORI SANITARI [Abstract in Rivista]
L., Cavazzuti; C., Grossi; D., Faggiano; Rovesti, Sergio
abstract

E’ diffusa da tempo la consapevolezza del rischio professionale degli operatori sanitari di contrarre infezioni da patogeni a trasmissione parenterale. Gli incidenti da punture accidentali rappresentano infatti la seconda causa di infortunio negli operatori sanitari.Obiettivi: Analizzare alcuni aspetti dell’esposizione professionale a materiale biologico degli operatori sanitari in presidi ospedalieri di un’azienda sanitaria romagnola.Metodi: I dati relativi agli infortuni sul lavoro a rischio infettivo, verificatisi nel periodo 2001-2003, sono stati raccolti dai registri degli infortuni e dagli archivi vaccinali.Risultati: L’età media degli operatori infortunati era di 36,7±9,3 anni, più bassa nel presidio più frequentato da personale in formazione. Un maggior numero di incidenti si verificava a carico di operatori di sesso femminile. Gli infermieri risultavano la categoria professionale più esposta, seguiti dai medici. Il 6% degli incidenti riguardava il personale in formazione. La maggior percentuale di infortuni riguardava l’area medica e dell’emergenza, seguita dall’area comprendente sale operatorie, anestesia-rianimazione e centrale di sterilizzazione. La modalità di contaminazione percutanea prevaleva su quella mucocutanea. Il sangue rappresentava il contaminante biologico in circa il 90% dei casi. La maggior parte delle notifiche riguardava esposizioni avvenute nell’arco della mattinata. Il 77% degli operatori infortunati era già vaccinato contro HBV.Conclusioni: Una bassa percezione del rischio da parte degli operatori potrebbe indurre un’omissione di notifica, con conseguente sottostima del fenomeno. La già elevata copertura vaccinale contro HBV dovrebbe essere attivamente incentivata al fine di tutelare al meglio la salute dei lavoratori a rischio. Un’opportuna scheda di segnalazione rappresenta uno strumento indispensabile per la gestione del problema. Rispetto delle precauzioni standard, informazione/formazione permanente, disponibilità e utilizzo dei dispositivi di protezione sono elementi fondamentali di un adeguato programma di prevenzione e protezione.


2005 - LE CADUTE DEI PAZIENTI IN OSPEDALE [Abstract in Rivista]
D., Faggiano; U., Filippi; L., Cavazzuti; Rovesti, Sergio
abstract

Le cadute dei pazienti durante l'ospedalizzazione rappresentano un'evenienza di grande rilievo per le possibili spiacevoli conseguenze per il paziente e la sua famiglia, per i sanitari, nonché per lo stesso ospedale.Obiettivi: Analizzare la frequenza e le caratteristiche delle cadute. Valutare la scheda di segnalazione dell'evento.Metodi: Sono state esaminate le relative schede di segnalazione pervenute alla direzione sanitaria di un ospedale emiliano nel biennio 2002-2003. Risultati: La percentuale delle cadute rispetto ai ricoveri ordinari è pari a 0,75, dato vicino a quello osservato in altri ospedali. Reparti quali medicina fisica/riabilitazione, neurologia e oncoematologia registrano percentuali superiori. La fascia oraria più interessata dall'evento è quella notturna seguita da quella mattutina. La fascia d’età più colpita è quella 65-84 anni. I pazienti cadono di più tra il 3° ed il 7° giorno di ricovero. I pazienti cadono più frequentemente nella camera di degenza. La caduta dal letto è la modalità più frequente. Spesso le cadute non comportano lesioni e non richiedono provvedimenti. In 3 casi su 4 manca il dato sulla presenza/assenza di testimoni al momento della caduta. Nei reparti interessati dalle ricadute la loro percentuale variava dal 4,5% al 20%. Conclusioni: E’ possibile che l’evento sia stato sottostimato a causa dell’omissione di notifica in caso di cadute senza conseguenze. Per risalire ai molteplici fattori di rischio ed analizzarli si dovrebbero integrare i dati della scheda di segnalazione con quelli relativi a diagnosi, terapie particolari, patologie concomitanti, ecc. La scheda dovrebbe essere considerata, oltre che strumento di tutela giuridica, anche mezzo di analisi e di possibile miglioramento. Ciò spingerebbe a compilarla sempre correttamente in tutte le sue parti. Infine sarebbe opportuno l'utilizzo di strumenti di valutazione del rischio di caduta e l'applicazione di protocolli di prevenzione.


2005 - Monitoraggio dell'esposizione professionale ad anestetici volatili in sala operatoria: misurazioni ambientali e biologiche [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; D., Faggiano; G., Vivoli
abstract

Sono state determinate le concentrazioni di protossido d’azoto (N2O) e isofluorano in campioni ambientali e urinari di soggetti professionalmente esposti ad anestetici volatili nelle sale operatorie di un ospedale emiliano. Lo scopo era quello di valutare: se per stimare l’esposizione personale sia utilizzabile un analizzatore automatico (spettrometro Brüel & Kjaer 1302) per campionamenti in posizione fissa (“zona anestesista” e “zona chirurgo/ strumentista”); se con periodici controlli dell’esposizione si possa ottenere una riduzione della stessa; se l’esposizione a N2O e isofluorano sia contenuta entro i rispettivi valori limite; se ci sia differente esposizione tra anestesisti e chirurghi/strumentisti. Sono stati effettuati due controlli dell’esposizione ad anestetici distanziati di sei mesi: nel primo l’esposizione è stata misurata mediante lo spettrometro, nel secondo tramite campionatori personali passivi. Nel primo controllo sono state raccolte informazioni sui periodi di presenza del personale in sala. Le concentrazioni ambientali di N2O ottenute con il campionatore fisso sono risultate correlate con quelle urinarie. I livelli urinari di N2O ricavati dalla retta di regressione sono risultati sovrapponibili a quelli ottenuti con i campionatori personali. I livelli ambientali e urinari di N2O sono significativamente diminuiti dal primo al secondo controllo. Nel secondo rilevamento il 70% dei soggetti ha presentato un’esposizione a N2O e isofluorano contenuta entro i rispettivi limiti ambientali (50 ppm per N2O e 0,5 ppm per isofluorano). Soltanto al primo controllo gli anestesisti hanno presentato un’esposizione a N2O significativamente più alta di quella dei chirurghi/strumentisti. L’indagine ha evidenziato che: i dati del campionamento in posizione fissa, se analizzati tenendo conto dei periodi di presenza dei lavoratori in sala, possono essere utilizzati per stimare l’esposizione individuale; l’esposizione diminuisce dopo i controlli in seguito all’applicazione di misure preventive; la ripetizione dei controlli risulta necessaria perché l’esposizione supera spesso i valori limite; il gradiente espositivo tra le diverse figure professionali scompare quando diminuisce l’inquinamento in zona anestesista.


2005 - Risposta psiconeuroendocrinoimmunitaria allo stress psicofisico. [Abstract in Rivista]
R., Vivoli; Rovesti, Sergio; Borella, Paola
abstract

Con il presente studio si intende valutare in quale misura le risposte biochimiche ed immunitarie indotte da condizioni di stress psico-fisico siano influenzate da alcuni tratti della personalità.


2005 - Studio pilota sui correlati biochimici e psicologici dei comportamenti alla guida. [Abstract in Atti di Convegno]
Bergomi, Margherita; Bussetti, Pamela; Rovesti, Sergio; Cacciari, Cristina; Vivoli, Roberto; Ferrari, A; Vinceti, Marco; Vivoli, Gianfranco
abstract

Studio pilota sui correlati biochimici e psicologici dei comportamenti alla guida.


2004 - Controllo dell'esposizione professionale a sevofluorano in sala operatoria [Abstract in Rivista]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; D., Faggiano; P., Bussetti; R., Vivoli; L., Cavazzuti; P., Marchegiano
abstract

Negli ultimi anni è cambiata l’esposizione professionale ad anestetici volatili nelle sale operatorie del Policlinico di Modena: è stato abbandonato il protossido d’azoto ed il sevofluorano è attualmente l’anestetico maggiormente in uso. Obiettivi. Determinare l’esposizione a sevofluorano mediante misurazioni ambientali e biologiche. Analizzare la regressione tra dati ambientali e biologici. Esaminare la relazione tra tecnica di somministrazione dell’anestesia e grado di esposizione. Metodi. E’ stata controllata l’esposizione a sevofluorano di 58 operatori sanitari durante 10 sedute operatorie svoltesi in sale con efficienti sistemi di ventilazione e di gas-evacuazione. A tal fine sono stati impiegati campionatori personali a diffusione, analizzati in gas-cromatografia (GC) con spettrometro di massa, e campioni urinari raccolti a fine turno, in cui è stato determinato l’esafluoroisopropanolo (HFIP) (metabolita del sevofluorano) in GC con rivelazione a spettrometria di massa (GC-MSD) e a ionizzazione di fiamma (GC-FID). Informazioni sulla tecnica di anestesia (tubo/maschera, bassi/alti flussi di gas freschi) sono state tratte dalle schede anestesiologiche. Risultati. L’esposizione mediana a sevofluorano è risultata pari a 0,04 ppm (range 0,004-3,82 ppm): I valori limite ambientali di 0,5 e 2 ppm proposti dal NIOSH sono stati superati rispettivamente in 4 casi e in 1 caso. Le concentrazione di HFIP sono risultate comprese negli intervalli 2-1848 mcg/L in GC-MSD e 0-88 mcg/L in GC-FID. Correlazioni significative sono state riscontrate tra le concentrazioni ambientali di sevofluorano e quelle urinarie di HFIP. Le esposizioni più alte a sevofluorano sono state registrate per gli operatori impegnati in sedute di chirurgia pediatrica, in cui l’anestesia veniva somministrata con maschera ed alti flussi di gas freschi. Conclusioni. Complessivamente i dati ambientali e biologici denotano un’esposizione a basse dosi di sevofluorano. E’ tuttavia opportuno proseguire le attività di controllo dell’esposizione, particolarmente nelle sedute in cui vengono impiegate tecniche di anestesia che possono determinare una maggiore aerodispersione ambientale di sevofluorano.


2004 - Igiene e sicurezza in ambiente odontoiatrico: rischio chimico [Capitolo/Saggio]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio
abstract

L'attenzione ai possibili rischi chimici in campo odontoiatrico è relativamente recente, nonostante gli operatori del settore siano potenzialmente esposti ad una vasta gamma di agenti chimici (materiali dentari, disinfettanti, lattice...), alcuni dei quali dotati di elevata reattività biologica. Alcuni di questi agenti sono specifici del settore odontoiatrico (materiali dentari) mentre altri (disinfettanti, lattice...) sono comuni ad altri settori sanitari.Non essendo possibile, in questo contributo, trattare tutte le sostanze potenzialmente pericolose presenti in un ambulatorio odontoiatrico, vengono presi in considerazione soltanto gli aspetti di maggior rilievo e/o di specifico interesse per il personale odontoiatrico.


2004 - Immunoprofilassi del tetano in pronto soccorso [Abstract in Rivista]
D., Faggiano; E., Venturelli; L., Cavazzuti; Rovesti, Sergio
abstract

Il tetano, pur calato di incidenza, rimane a tutt’oggi un rilevante problema di sanità pubblica, contro cui però esiste un’efficace immunoprofilassi attiva e passiva. Sulla base della valutazione del rischio di infezione tetanica, pur essendo spesso difficile risalire allo stato vaccinale, viene stabilito il tipo di trattamento da eseguire in pronto soccorso. Obiettivi. Valutare la frequenza delle ferite a rischio tetano, dei soggetti adeguatamente vaccinati, della prescrizione di immunoglobuline antitetaniche umane (TIG) e dell’adesione informata alla loro somministrazione. Metodi. Lo studio, svolto presso il PS di un ospedale emiliano, ha analizzato i dati relativi agli accessi negli anni 2001-2002 per ferite a potenziale rischio tetano ed individuate da codici diagnosi relativi a traumi, morsi di animale/punture di insetto, ustioni e corpi estranei. Risultati. I pazienti con ferita giudicata a rischio rappresentavano il 43.1% (range 5,2-100%), di cui solo il 43,2% era correttamente vaccinato (range 0-100%). Agli altri sono state proposte le TIG e solo il 40% (range 19,5-100%) ha acconsentito. Conclusioni. La bassa proporzione di vaccinati evidenzia la necessità che la vaccinazione venga offerta attivamente agli adulti/anziani. Le TIG, ancora ampiamente prescritte, sono state somministrate in PS, mentre il vaccino è stato generalmente inoculato presso il Servizio Igiene Pubblica. Risulta alquanto bassa la quota di consensi alle TIG, probabilmente in relazione a fattori quali: livello culturale del paziente e sua percezione del rischio di contrarre il tetano in rapporto al tipo di ferita; livello di fiducia nei confronti della sicurezza degli emoderivati; capacità di «persuadere» il paziente da parte del personale di PS (accettano più spesso le TIG i pazienti presentanti ferite con lesione muscolare, punture d’insetto con reazione generalizzata o ferite penetranti, mentre le accettano più di rado i pazienti con ustioni di I grado, ferite da taglio o contuso-abrasioni multiple); percezione del rischio da parte dello stesso personale sanitario.


2004 - Metaboliti mielotossici del benzene nella leucemia umana [Abstract in Rivista]
Vivoli, R; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Marasca, Roberto
abstract

E' stato osservato che alcuni soggetti presentano una più spiccata attitudine metabolica alla biotrasformazione del benzene in un metabolita mielotossico. Si intende verificare se la proporzione di efficienti metabolizzatori sia più elevata nei soggetti affetti da leucemia rispetto ad un gruppo di controllo appaiato per le principali variabili confondenti.


2004 - Performance di guida in conducenti di mezzi pesanti [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vivoli, R.
abstract

Abbiamo esplorato in quale misura i livelli di vigilanza e performance dei conducenti di veicoli pesanti risentono di caratteristiche individuali quali età, profilo di personalità, abitudini voluttuarie e cronotipo oltre che di altri fattori legati alla turnazione lavorativa.


2004 - Relación entre micronutrientes y enfermedades cardiovasculares: pruebas epidemiológicas [Capitolo/Saggio]
Borella, Paola; Bargellini, Annalisa; Rovesti, Sergio; Basili, Consuelo; Mazzini, Elisa
abstract

En esta revision presentamos los resultados de los estudios epidemiologicos recientes sobre la function del hierro y el selenio en las enfermedades cardiovasculares (ECV). Ademas, se tratarà la relacion entre los oligoelementos toxicos/esenciales y la hipertension humana.


2003 - Concentrazioni ambientali di protossido di azoto e isofluorano in sala operatoria [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; L. F., Pecone; Vivoli, Gianfranco
abstract

Un’indagine ambientale è stata condotta nelle sale operatorie di un ospedale emiliano per verificare: se le concentrazioni di protossido di azoto (N2O) e isofluorano sono comprese entro i valori limite, se l’inquinamento da anestetici diminuisce quando viene periodicamente controllato, se il grado di inquinamento da isofluorano è prevedibile in base alle misurazioni di N2O. Tre controlli dell’inquinamento da N2O e isofluorano sono stati effettuati, con periodicità semestrale, utilizzando un analizzatore a spettroscopia fotoacustica. Le concentrazioni medie di N2O erano inferiori ai valori limite proposti per le sale ristrutturate (50 ppm) o non rinnovate (100 ppm) nel 58% delle sedute operatorie esaminate. Le concentrazioni medie di isofluorano erano inferiori ai valori limite proposti per gli anestetici alogenati, utilizzati assieme al N2O (0,5 ppm) o da soli (2 ppm), nel 39% dei casi. L’inquinamento da anestetici diminuiva solo dopo il secondo controllo. Le concentrazioni medie di isofluorano e N2O correlavano con un grado di associazione molto buono (r =0,77). L’indagine ha evidenziato che è necessario controllare l’inquinamento in sala operatoria perché i livelli di anestetici spesso superano i valori limite. Per migliorare le condizioni ambientali è importante prendere coscienza del problema. Le misurazioni di N2O sono indicative dell’inquinamento da isofluorano; tuttavia, per una completa e più accurata rilevazione dell’inquinamento da anestetici, è necessario misurare anche l’anestetico alogenato.


2003 - Variabilità dell’inquinamento da anestetici volatili durante le sedute operatorie [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; L. F., Pecone; Vivoli, Gianfranco
abstract

Nelle sale operatorie di un ospedale emiliano è stata condotta un’indagine ambientale per valutare: alcuni fattori che influenzano i livelli di anestetici volatili durante le sedute operatorie; la relazione tra i livelli di protossido di azoto (N2O) e di anidride carbonica (CO2); l’andamento dei livelli di isofluorano in relazione al riempimento di evaporatori dell’anestetico alogenato. I livelli istantanei di N2O, isofluorano e CO2 sono stati misurati utilizzando un analizzatore a spettroscopia fotoacustica. Durante l’erogazione di anestetici, elevati livelli di inquinamento sono stati osservati in concomitanza con perdite di anestetici dal respiratore, difetti di funzionamento del sistema di evacuazione dei gas espirati dal paziente, aperture delle porte della sala. Discreti livelli di N2O sono stati misurati all’inizio delle sedute, quando c’erano perdite di gas nei circuiti del N2O. Negli intervalli tra gli interventi chirurgici e al termine delle sedute, l’inquinamento è stato influenzato dalla ventilazione della sala. Nelle sale con minore ventilazione, livelli di N2O superiori a 100 ppm sono stati registrati quando i livelli di CO2 erano maggiori di 800 ppm. Il caricamento dei vaporizzatori ha causato significativi incrementi dei livelli di isofluorano. L’indagine ha evidenziato che è necessario adottare misure di prevenzione dell’inquinamento quali: controllo delle perdite di gas dai circuiti di anestesia e del funzionamento dell’evacuatore dei gas espirati; chiusura delle porte della sala; adeguato numero di ricambi d’aria; corretta gestione degli evaporatori di anestetici.


2002 - Il monitoraggio biologico nella valutazione dell'esposizione ambientale al benzene [Relazione in Atti di Convegno]
Vivoli, Gianfranco; Fallico, R; Gilli, G; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vivoli, R; Ferrante, M; Fiore, M; Bono, R; Amodio Cocchieri, R; Cirillo, T.
abstract

Viene riportata un’analisi critica della letteratura recente sui biomarker più utilizzati nella valutazione dell’esposizione a benzene (benzene nell’aria espirata, nel sangue e nell’urina, metaboliti urinari acido t,t-muconico e acido S-fenilmercapturico), con lo scopo di individuare, anche sulla base dei risultati di ricerche personali, indicatori biologici affidabili e idonei al monitoraggio dell’ esposizione a bassi livelli del solvente.


2001 - Effects of chronic exposure to anaesthetic gases on some immune parameters [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Rovesti, Sergio; Barbieri, Alberto; R., Vivoli; R., Roncaglia; Righi, Elena; Borella, Paola
abstract

A cross-sectional survey was carried out to evaluate the relation between occupational exposure to low levels of anaesthetic gases (nitrous oxide and isoflurane) and immune parameters. Fifty-one anaesthetists were recruited among different Services of Anaesthesiology and Reanimation. The control group consisted of non-exposed physicians, similar for gender, age, and job grade. Total number of lymphocytes, lymphocyte subpopulations and the natural killer (NK) cytotoxic activity were measured. Information on personal and professional characteristics and on short- and long-term exposure was collected. Percentages of T cells (CD3) decreased significantly in anaesthetists compared to controls, whereas numbers of NK cells (CD16(+)CD3(-)) increased. After correction for confounders, short-term (last 2 weeks) exposure was associated with a decrease in percentages of total T and T helper (CD4) cells. Furthermore, T helper percentages were significantly reduced with increasing individual exposure score evaluated on the basis of working days and levels of anaesthetic gases in operating rooms. A significant X-ray-associated increase of numbers and percentages of NK cells was lastly observed. Despite limited present exposure to anaesthetic gases, a specific derangement in lymphocyte subpopulations, with T lymphocytes more affected than B, has been observed.


2001 - Effetti teratogeni dell'esposizione ambientale a piombo: uno studio caso-controllo di popolazione. [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Calzolari, E.; Vivoli, R.; Astolfi, G.; Bergomi, Margherita
abstract

Al fine di valutare l'associazione tra rischio di malforma¬zioni congenite ed esposizione materna a piombo, abbiamo calcolato il rischio relativo (RR) di malformazioni del siste¬ma cardiovascolare e di labiopalatoschisi associato alla resi¬denza matema nel Distretto Ceramico, un'area delle provin¬ce di Modena e Reggio Emilia. Tale area è stata caratterizza¬ta sino al termine degli anni '80 da una severa contaminazio¬ne ambientale da piombo, dovuta all'elevato numero di sta¬bilimenti ceramici in essa localizzato. Il rischio di malfor¬mazioni cardiovascolari associato alla residenza materna nel Distretto Ceramico è risultato pari a 2,7 nel periodo 1982-88 (intervallo di confidenza (IC) al 95% 1,6-4,5), mentre nel periodo successivo 1989-96, caratterizzato da livelli di con¬taminazione ambientale da piombo sensibilmente minori, il RR si è ridotto a 0,9 (IC 95% 0,5-1,5). L'eccesso di rischio associato alla residenza matema nel Distretto Ceramico è risultato evidente anche limitando l'analisi ai nati da madre casalinga e da padre non professionalmente esposto a piom¬bo. Abbiamo inoltre riscontrato un moderato eccesso di ri¬schio di labiopalatoschisi nei figli di madri residenti nel Di¬stretto Ceramica, ma le stime ad esso relative sono risultate caratterizzate da un notevole instabilità statistica e non han¬no evidenziato una chiara tendenza al decremento nel tem¬po. I figli di madri residenti nel Distretto Ceramico occupate quali operaie nel settore industriale hanno evidenziato un incremento del rischio di malformazioni del sistema cardiovascolare (RR 2,9, IC 95% 1,3-6,8) e, con minore evi¬denza, di labiopalatoschisi (RR 1,6, rc 95% 0,4-5,6).


2001 - Risk of birth defects in a population exposed to environmental lead pollution [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; E., Calzolari; S., Candela; A., Campagna; M., Milan; Vivoli, Gianfranco
abstract

To investigate the relation between environmental lead and risk of birth defects in humans, we examined the prevalence at birth of congenital anomalies in an industrial area of northern Italy heavily polluted with lead. Through a population-based registry of birth defects, we identified anomalies diagnosed during three consecutive periods characterized by decreasing environmental lead exposure, 1982-1986, 1987-1990 and 1991-1995. In the lead-polluted area, we observed an excess risk of cardiovascular defects which decreased from 2.59 [95% confidence interval (CI) 1.68-3.82] in the first period to 1.18 (95% CI 0.62-2.06) and 0.97 (95% CI 0.57-1.54) in the subsequent periods. We also found an excess risk of oral clefts and musculoskeletal anomalies, with decreasing trends over time. We could not identify homogeneous patterns of temporal variation for other congenital anomalies, neither did we detect cases of neural tube defects. These results appear to support an association between severe parental lead exposure and specific birth defects.


2000 - Lead and other trace elements in osteoporosis [Relazione in Atti di Convegno]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; M., Ciaravolo; S., Gnudi; Vivoli, Gianfranco
abstract

Although it is well known that bone is the major organ of Pb deposition, it has only recently been considered a target of Pb toxic action. To investigate the hypothesized relationship between Pb exposure and osteoporosis, we evaluated whether women with previous occupational Pb exposure are at higher risk of osteoporosis during the peri-menopausal period, and sought to elucidate the mechanisms by which Pb might influence bone metabolism. Bone mineral density and biochemical parameters of bone turnover were measured in occupational Pb exposed and control women. Preliminary results show a Pb mobilization in the post-menopausal period related to bone loss, an increased risk of osteoporosis, lower bone alkaline phosphatase activity and osteocalcin levels in Pb exposed compared to control women.


2000 - Relation between immune variables and burnout in a sample of physicians [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Barbieri, Alberto; Rovesti, Sergio; R., Vivoli; R., Roncaglia; Borella, Paola
abstract

OBJECTIVES: To evaluate in a group of physicians the relation between burnout, demographic or job characteristics, anxiety, and immune variables. METHODS: Seventy one physicians of all grades were recruited among different departments to a cross sectional survey. The Maslach burnout inventory, scales of emotional exhaustion, depersonalisation, and personal accomplishment, the trait scale of anxiety inventory (STAI-Y2), and a questionnaire on personal and professional characteristics were administered. The immune profile included quantitative (number (%) of lymphocytes and subsets) and functional (natural killer cytotoxicity) measures. RESULTS: With a model of stepwise multiple regression analysis, emotional exhaustion was significantly affected by both personal (marital, sex) and job characteristics (qualification, working activity), whereas only patient contact explained a portion of variation in depersonalisation. Furthermore, trait anxiety was found to predict the Maslach burnout inventory scores. After correction for potential confounders, physicians who scored high levels of personal accomplishment showed significantly higher numbers of total lymphocytes, T cells (CD3), T helper cells (CD4), and T suppressor cells (CD8) than those who scored low levels. No other correlation was found between burnout and immune variables. CONCLUSIONS: In our group of relatively young physicians a high degree of personal accomplishment was associated with an increase in the number of peripheral lymphocytes, particularly T subsets. The meaning of this is not clear, although it could be speculated that to evaluate oneself positively, particularly with regard to work with patients in the health services, might help to stimulate the immune system. By contrast, there is no evidence that to work hard, to feel tired from work, and to have a cynical reaction towards patient care is related to immunosuppression.


2000 - The epidemiology of selenium and human cancer [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

The relation between the trace element selenium and the etiology of cancer in humans remains elusive and intriguing, despite the number of epidemiologic studies published on the topic. We address some methodologic issues, such as misclassification of exposure, particularly to single selenium compounds, effect modification, confounding, and other sources of bias, which may explain the inconsistencies in the literature. We also review the results of cohort studies, which have yielded either inverse or null or direct associations between selenium exposure and subsequent cancer risk. To date, no beneficial effect on cancer incidence at major sites, including prostate cancer, has emerged from the Finnish program begun in 1984 to increase the average selenium intake in its population. Populations exposed to unusually high or low levels of environmental selenium might offer unique opportunities to investigate if selenium exposure is related to the etiology of human cancer.


2000 - Trace elements in hypertension [Relazione in Atti di Convegno]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Borella, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

This volume containing the proceedings of the tenth of the highly successful TEMA meetings, presents recent progress in the research. In this review we briefly summarize the controversial data reported in literature, as well as the results of our studies on the role played by some toxic and essential trace elements in the pathogenesis and development of hypertension.


2000 - Zinc and copper in cardiovascular diseases. [Relazione in Atti di Convegno]
Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

Animal and human studies suggest that trace elements such as Zn and Cu may be implicated in the pathogenesis of cardiovascular diseases, but the physiopathological role of these elements is still controversial. Aim of the review is to provide an update on this topic.


1999 - Aspetti epidemiologici del burnout in un campione di medici anestesisti. [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Barbieri, Alberto; Rovesti, Sergio; Vivoli, R.; Borella, Paola
abstract

E’ stata condotta un’indagine trasversale su un gruppo di anestesisti, e per confronto su un gruppo di medici di sanità pubblica, per verificare se lo stress occupazionale misurato con il Maslach Burnout Inventory correla con alcune variabili personali e con la tipologia dell’attività lavorativa. I risultati indicano l’esistenza di un profilo di rischio secondo il quale non essere coniugati, essere di sesso femminile ed espletare mansioni superiori si associa ad un maggior livello di esaurimento emotivo, mentre la depersonalizzazione è correlata alle mansioni e alla tipologia del servizio in cui si opera. Va inoltre sottolineato che elevati livelli di ansietà correlano positivamente con l’esaurimento emotivo e negativamente con la realizzazione personale.


1999 - Emotional stability, anxiety, and natural killer activity under examination stress. [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Bargellini, Annalisa; Rovesti, Sergio; M., Pinelli; R., Vivoli; V., Solfrini; Vivoli, Gianfranco
abstract

This study was performed to evaluate the relation between a stable personality trait, a mood state and immune response to an examination stress. A self-reported measure of emotional stability (BFQ-ES scale) was obtained in a sample (n = 39) randomly selected from 277 cadets; this personality trait was also investigated by completing a neuroticism scale (Eysenck personality inventory) and a trait-anxiety scale (STAI). Natural killer (NK) cell activity was measured at baseline, long before the examination time and the examination day. The state-anxiety scale evaluated the response to the stressful stimulus. Taking subjects all together, the academic task did not result in significant modification over baseline in NK cell activity. Subjects were then divided into three groups based on emotional stability and state-anxiety scores: high emotional stability/low anxiety, medium, and low emotional stability/high anxiety. Examination stress induced significant increases in NK cell activity in the high emotional stability/low anxiety group, no effect in the medium group, and significant decreases in the low emotional stability/high anxiety group. The repeated-measure ANOVA revealed a significant interaction of group x period (baseline vs. examination) for both lytic units and percent cytolysis. The results did not change after introducing coffee and smoking habits as covariates. Our findings suggest that the state-anxiety acts in concert with a stable personality trait to modulate NK response in healthy subjects exposed to a psychological naturalistic stress. The relation between anxiety and poor immune control has been already described, whereas the ability of emotional stability to associate with an immunoenhancement has not yet reported. The peculiarity of our population, a very homogeneous and healthy group for life style and habits, can have highlighted the role of emotional stability, and may account for the difference with other studies.


1999 - Genetic polymorphisms influence variability in benzene metabolism in humans [Articolo su rivista]
A. M., Rossi; C., Guarnieri; Rovesti, Sergio; Gobba, Fabriziomaria; S., Ghittori; Vivoli, Gianfranco; R., Barale
abstract

The role of genetic polymorphism in modulating urinary excretion of two benzene metabolites, i.e. trans,trans-muconic acid (t,t-MA) and S-phenylmercapturic acid (PMA), has been investigated in 59 non-smoking city bus drivers, professionally exposed to benzene via vehicle exhausts. Exposure to benzene was determined by personal passive samplers (mean +/- SD = 82.2 +/- 25.6 micrograms/m3), while internal dose and metabolic rate were evaluated by measuring urinary excretion of unmodified benzene (mean +/- SD = 361 +/- 246 ng/l), t,t-MA (mean +/- SD = 602 +/- 625 micrograms/g creatinine), and PMA (mean +/- SD = 5.88 +/- 4.76 micrograms/g creatinine). Genetic polymorphism at six loci encoding cytochrome-P450-dependent monooxygenases (CYP2E1 and CYP2D6), glutathione-S-transferases (GSTT1, GSTP1 and GSTM1) and NAD(P)H:quinone oxidoreductase (NQOR) was determined by polymerase chain reaction-based methods. No evidence emerged for a possible role of CYP2E1, GSTM1 and GSTP1 polymorphisms in determining the wide differences observed in the rate of benzene biotransformation. Conversely, a significantly higher t,t-MA urinary excretion was found to be correlated to, GSTT1 null genotype, and a significantly lower PMA excretion was detected in the subjects lacking NQOR activity and in the CYP2D6 extensive-metabolizers. Many biological (i.e. age and body burden) or lifestyle factors (i.e. rural or urban residence, use of paints and solvents, medication, alcohol and coffee intake), also taken into account as potential confounders, did not influence the correlations found. These findings suggest that CYP2D6, GSTT1 and NQOR polymorphisms contribute in explaining the metabolic variability observed in our sample. Therefore, these polymorphisms should be regarded as potential risk factors for benzene-induced adverse health effects.


1999 - Rilascio in vivo di nichel e cromo da apparecchi ortodontici fissi [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Fantuzzi, Guglielmina; Rovesti, Sergio; C., Plessi; M., Tassinari; F., Zerbinati
abstract

Sono state misurate le concentrazioni di nichel e cromo nella saliva di 15 soggetti sottoposti a terapia ortodontica, con lo scopo di valutare l'eventuale rilascio di questi metalli da parte degli apparecchi ortodontici fissi. I soggetti sono stati seguiti per 45 giorni e per 10 di essi è stato possibile effettuare un'ultima seduta ortodontica a 8-12 mesi dall'inizio del trattamento; 3 pazienti sono stati sottoposti a monitoraggio giornaliero della durata di 2 settimane. Durante ciascuna seduta si è provveduto a raccogliere un campione di saliva prima e dopo l'intervento dell'ortodontista, mentre per il monitoraggio è stato effettuato un prelievo giornaliero. Dai risultati della nostra indagine è emerso che gli apparecchi ortodontici fissi cedono una quota misurabile di nichel e cromo in corrispondenza dell'intervento dell'ortodontista, anche se i dati relativi al monitoraggio giornaliero sembrano suggerire che si tratti di un rilascio temporaneo. Benché il numero di soggetti esaminati sia esiguo, i risultati ci inducono a ipotizzare che il rilascio di nichel e cromo non sia di entità tale da comportare implicazioni di tipo igienico-sanitario.


1998 - Lead exposure and bone mineral density in perimenopausal women [Relazione in Atti di Convegno]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Borciani, N; Gnudi, S; Ripamonti, C; Pratelli, L; Buzzi, M; Pizzoferrato, A.
abstract

This paper reports preliminary results from a study carried out to evaluate whether women with higher stores of lead from previous exposures present a significant increase of circulating levels of this metal during the post-menopausal period and if they are at higher risk for bone loss and/or osteoporosis.


1998 - Valutazione del rischio di danno neuropsicologico per esposizione al piombo nell'infanzia [Articolo su rivista]
Borella, Paola; N., Sturloni; Rovesti, Sergio; R., Vivoli; Bargellini, Annalisa; Vivoli, Gianfranco
abstract

Potential neurotoxicity of lead in children has been explored in many recent epidemiological studies carried out all over the world. Within a multicentric European study, an investigation was carried out also in Italy on children living in an industrial area and characterised by a non steady-state exposure condition with higher exposure at the early stages of life. This peculiar feature allowed to observe interesting associations between neurobehavioural functions and the levels of Pb measured in teeth, but not in blood. Indeed, Pb in teeth was associated with the results of psychometric tests which evaluate the discriminant ability and the attention. Other associations, like those found between the intelligence quotient (IQ) scores and Pb in teeth disappeared after correction for the socioeconomical status of parents. In general, in children exposed to environmental Pb, more consistent associations were found with visual-motor integration and attention than with IQ measurements. In agreement with literature data from other countries, we suggest that the relevance of neurotoxic effects of Pb is limited, at least at the current exposure levels, but also that a threshold Pb level associated with no effect cannot be identified


1997 - Biological indicators of stress in racing car drivers [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; R., Vivoli; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

To evaluate neuroendocrine and cardiovascular parameters of stress related to car racing, 24 healthy amateur drivers were studied both before and during a car race. For this purpose, we measured catecholamines and cortisol in urine and monitored the dynamic electrocardiogram (ECG). Urinary epinephrine (E) and norepinephrine (NE) increased significantly during the race, whereas dopamine (DA) remained unchanged and cortisol rose, but not significantly. Urinary excretion of E during the race increased in all drivers, and the increase was, on average, about fourfold that observed for NE and cortisol. A significantly lower NE/E ratio and significantly higher 10 E/DA and 10 NE/DA ratios were observed during racing. The percentage change in E excretion levels (from before to during the race) was positively related to anxiety scores. Continuous ECG Holter recordings in 6 out of the 24 volunteers showed heart rates of 76 to 152 beats/min over the 15 min before the start of the car race. During the race, heart rate reached a mean of 163.5±7.4 beats/min with a range of 146 to 180 beats/min. Except for sporadic ectopic beats, no significant arrhythmias, and S-T segment changes were observed in the electrocardiograms.


1997 - Epidemiology of amyotrophic lateral sclerosis in Italy, 1988-1993. [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; R., Vivoli; N., Borciani; Vivoli, Gianfranco
abstract

Epidemiology of amyotrophic lateral sclerosis in Italy, 1988-1993.


1997 - Inter-individual variability of benzene metabolism to trans-trans-muconic acid and its implications in the biological monitoring of occupational exposure [Articolo su rivista]
Gobba, Fabriziomaria; Rovesti, Sergio; Borella, Paola; R., Vivoli; Caselgrandi, Eva; Vivoli, Gianfranco
abstract

Unmodified benzene (UBz) and trans,trans-muconic acid (t,t-MA) were measured in urine samples collected at the end of the first half-shift in 80 bus drivers from a large city in Northern Italy. Mean UBz was 1155 ng/l (S.D. = 494), range 85-1980 ng/l; these values roughly correspond to 10-1000 micrograms/m3 of benzene in air. Mean t,t-MA was 297 micrograms/g creatinine; the range was large (20-1295 micrograms/g creatinine), and the distribution of values was bimodal. At further analysis of t,t-MA data, two subgroups of 59 and 18 subjects were identified (3 outliers were excluded): mean values of the index were 108 (S.D. = 65) and 916 (S.D. = 264) micrograms/g creatinine respectively, and the values within each subgroup were normally distributed. The mean ratio between t,t-MA and UBz in the subgroups were 0.15 and 0.85, respectively; the difference was significant. The first subgroup was defined as 'poor t,t-MA metabolizers', the other as 'efficient t,t-MA metabolizers'. No inter-subgroup differences were observed regarding the main characteristics (age, dietary and smoking habits, etc.). As the parent compound of t,t-MA, trans,trans-muconaldehyde is myelotoxic, and its production has been implicated in benzene-induced leukemia. 'efficient' t,t-MA metabolizers may be at higher risk of developing benzene toxicity. If confirmed in further studies, the inter-individual variability rate of metabolizing benzene to t,t-MA may introduce some limitations in the application of this metabolite as an exposure index of low benzene exposure. Nevertheless, the t,t-MA/UBz ratio may be an important index of susceptibility to benzene toxicity.


1997 - Lead, cadmium, and selenium in blood of patients with sporadic amyotrophic lateral sclerosis. [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; D., Guidetti; Bergomi, Margherita; E., Caselgrandi; R., Vivoli; M., Olmi; L., Rinaldi; Rovesti, Sergio; F., Solime
abstract

We determined whole blood lead and cadmium levels, and serum selenium levels in patients with sporadic amyotrophic lateral sclerosis and age- and sex-matched controls. Disability due to the disease directly correlated with lead levels, and there was a strong inverse correlation with selenium concentrations. Lead and selenium concentrations tended to be similar in the cases and controls, bath in the study population as a whole and after the removal from the analysis of the patients with the highest degree of disability. In the patients with limited disability, cadmium concentrations were higher than in the controls. Our findings lend limited support to a possible involvement of cadmium, but not lead, in the etiology of sporadic amyotrophic lateral sclerosis, and strongly suggest that short-term indicators of exposure are inadequate to investigate the relationship between selenium and the disease.


1997 - Personalità, stress psicologico e attività natural killer: studio preliminare [Articolo su rivista]
Borella, Paola; BERNINI CARRI, E; Bargellini, Annalisa; Micaletti, E; Vivoli, R; Rovesti, Sergio
abstract

In questo studio preliminare vengono riportati i risultati di una indagine effettuata su giovani adulti per valutare se una situazione di stress psicologico, quale un esame di profitto, si accompagna ad alterazioni nella funzionalità del sistema immunitario, in particolare nella attività citolitica delle cellule natural killer (NK). Circa 300 cadetti del primo anno di corso della Accademia Militare di Modena sono stati sottoposti a una valutazione psicometrica per quantificare i tratti d’ansia della personalità e, su questa base, sono stati selezionati due gruppi di soggetti collocati agli estremi delle scale di valutazione. L’attività delle cellule NK è stata misurata, utilizzando una nuova metodica messa a punto nei nostri laboratori, prima dell’esame e, per confronto, in una giornata “tipo” all’inizio dell’anno accademico. L’attività NK è risultata inferiore negli allievi con un elevato punteggio di ansia di tratto, rispetto a quelli con un basso punteggio, e in occasione dell’esame rispetto alla giornata di controllo. Inoltre l’attività NK correlava con il punteggio di un questionario somministrato prima dell’esame, tendente a valutare l’ansia legata a questo evento stressante. È infine emersa una interessante relazione tra ansietà, risposta immunitaria e caratteristiche antropometriche, in quanto l’indice di massa corporea degli allievi correlava positivamente con l’attività NK e negativamente con il punteggio dell’ansia di stato.


1997 - Zinc and copper status and blood pressure [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vinceti, Marco; E., Caselgrandi; Vivoli, Gianfranco
abstract

In order to elucidate the relationships between Zn and Cu and blood pressure, the present case-control study was carried out. Zn and Cu status was evaluated in 60 subjects, pharmacologically untreated, affected by mild stable hypertension and in 60 normotensives matched for sex, age and smoking habits. Different markers of Zn and Cu status, including serum, erythrocyte and urine levels of the two trace elements and activities of some Znor Cu-dependent enzymes (alkaline phosphatase, lactic dehydrogenase, superoxide dismutase and Iysyl oxidase) were evaluated. No significant difference between hypertensives and normotensives was observed in the mean levels of Zn and Cu as well as in Zn- or Cu-dependent enzymes, though higher levels of serum copper were associated with increased risk of hypertension. Interesting relationships between the biological parameters investigated were observed in the hypertensive subjects. Inverse correlations between blood pressures and serum Zn were observed. Furthermore, blood pressure was inversely related to lysyl oxidase activity. These findings give further support to the hypothesis that an imbalance of Zn and Cu bioavailability may be associated to hypertensive condition.


1996 - Amyotrophic lateral sclerosis after long-term exposure to drinking water with high selenium content [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; D., Guidetti; M., Pinotti; Rovesti, Sergio; M., Merlin; L., Vescovi; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

We examined 9 years' incidence of amyotrophic lateral sclerosis, a disease previously associated with a high-selenium environment, in a cohort of 5,182 residents of Reggio Emilia, Italy. This cohort had accidentally been exposed to drinking water with high selenium content. Four cases were diagnosed during the follow up. Using the remainder of the municipal population as the reference group, the standardized incidence ratio was 4.22 (95% confidence interval=1.15-10.80). The standardized incidence ratio was higher after limiting the analysis to the subcohort with the longest ascertainable exposure period. The findings appear to confirm a causal association between overexposure to environmental selenium and amyotrophic lateral sclerosis.


1996 - Potenzialità degli studi descrittivi nell’analisi epidemiologica dei servizi sanitari [Articolo su rivista]
Aggazzotti, Gabriella; Righi, Elena; Rovesti, Sergio
abstract

Gli autori evidenziano le molteplici possibilità di utilizzo degli studi epidemiologici di tipo descrittivo nella programmazione e nella valutazione dei servizi sanitari e di specifici interventi sanitari. I principali indicatori sanitari, basati su informazioni ottenibili con l’epidemiologia descrittiva, vengono riportati e analizzati partendo dai più classici indicatori dello stato di salute, (mortalità e morbosità, funzionalità e disfunzione, “health profiles” e indicatori globali) fino ad arrivare ai più recenti indicatori di efficienza e di qualità emanati con il DM 24.7.95; particolare attenzione viene rivolta agli indici adottati per la valutazione dell’area dell’assistenza ospedaliera.


1996 - Quality control in hair analysis: a systematic study on washing procedures for trace element determinations. [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Rovesti, Sergio; Caselgrandi, Eva; Bargellini, Annalisa
abstract

Trace element analysis of human hair is widely used to provide an indicator of body burden, but there is a major problem associated with preparation. The washing procedure adopted before analysis represents still a critical point which deserves particular attention. This study aimed at comparing the efficiency of the most commonly used washing methods to identify the procedure which allows for satisfactory removal of external contamination alone. As results depend strongly on the element, toxic (Cd and Pb), essential trace (Cr, Cu, Se and Zn) and major (Ca, K and Mg) elements were tested. The comparison was carried out with six different methods which include use of ionic and non-ionic detergents, organic solvents, chelating agents and sonication. Removal efficiency varied according to the element and pretreatment, the highest being observed for EDTA and the lowest for sonication. Unsatisfactory results were found using an acetone/methanol mixture for the potential contamination caused by it. Organic solvents showed the highest removal efficiency for K and toxic elements, and seemed to be effective in removing a limited but significant fraction of element incorporated in the lipid matter of hair. The ionic detergent Na lauryl sulphate, instead, was more effective for essential elements, but also triggered a higher analytic variability. As detergents appear to remove only external contamination, a non-ionic detergent such as Triton X-100 is proposed as a reliable alternative to the acetone method recommended by IAEA. Practical advantages are safe working conditions, rapidity of application and reduction in costs.


1996 - Test di autovalutazione. Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica [Monografia/Trattato scientifico]
Borella, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

Contenuti: Metodologia epidemiologica. Demografia e statistiche sanitarie. Epidemiologia e profilassi generale delle malattie infettive. Epidemiologia e profilassi speciale delle malattie infettive e parassitarie. Epidemiologia e profilassi generale delle malattie non infettive. Epidemiologia e profilassi speciale delle malattie non infettive a eziologia multifattoriale. Fattori comportamentali e salute. Sanità pubblica: epidemiologia e prevenzione nelle varie età e fasi della vita. Igiene degli alimenti. L'acqua potabile. Inquinamenti ambientali e riflessi sulla salute. Legislazione e organizzazione sanitaria. Bibliografia.


1995 - Cancer mortality in a residential cohort exposed to environmental selenium through drinking water. [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; C., Gabrielli; C., Marchesi; Bergomi, Margherita; M., Martini; Vivoli, Gianfranco
abstract

Cancer mortality from 1986 to 1992 was examined in a cohort of 4419 individuals who had been residing in an area of the municipality of Reggio Emilia, northern Italy, where tap water with unusually high selenium content was accidentally supplied. Mortality for all cancers was not significantly different, both in males and in females, from that expected using death rates in the remaining municipal population as standard rates. No significant difference in mortality for site-specific cancers was observed in males, while in females a higher mortality for malignancies of the lymphatic-hematopoietic tissue overall considered and for non-Hodgkin's lymphoma was detected. Even if evaluation of the results is hampered by the low number of cancer deaths on which the analysis is based, findings of the study do not support the hypothesis of a strong inverse independent relationship between dietary intake of selenium and cancer mortality in humans.


1995 - L’AIDS pediatrico come problema di sanità pubblica: linee guida per medici e genitori [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Rovesti, Sergio; INCERTI MEDICI, C.
abstract

L’infezione da HIV in età pediatrica è particolarmente diffusa in Italia, prevalentemente a causa della trasmissione verticale da madri sieropositive. Ciò porta alla necessità di una informazione più accurata sul problema della trasmissione madre-figlio e alla incentivazione di campagne preventive indirizzate a sottogruppi di donne a rischio. Vengono qui riportate le più recenti acquisizioni sulle modalità di trasmissione verticale dell’HIV, sui fattori di rischio associati alla trasmissione e sulle norme di comportamento in caso di gravidanza a rischio, oltre a informazioni e consigli riguardo al problema dell’allattamento, delle vaccinazioni, della scolarizzazione dei bambini nati da madre sieropositiva.


1995 - Relationship between lead exposure and endocrine system [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio; Vivoli, R.
abstract

In this paper are briefly reviewed the current knowledge on the relationship between lead exposure and the endocrine system. In particular are pointed out the interference of lead on reproductive function both in males and females and the hormonal mechanism involved. Another effect only recently recognized as public health problem regards the supposed interference of lead on somatic growth, even if the results obtained in the field are very conflicting. Our personal studies carried out on children and adolescents have shown a negative relationship between lead and stature as well as with hormones involved in somatic growth, such as LH and FSH. Several other endocrine mechanism to explain the effect of lead on growth are also described. For what concern the thyroid function, from the majority of studies seems that this hormonal activity is affected by lead only for long-term and heavy exposure. Finally the relationship between low lead exposure and blood pressure has been examined as well as the hormonal mechanism involved. The controversial results from literature may be partly accountable to the difficulty to control the several confounding factors affecting the blood pressure.


1995 - ZINC, COPPER, AND ZINC- OR COPPER-DEPENDENT ENZYMES IN HUMAN HYPERTENSION [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; M., Pinotti; Caselgrandi, Eva
abstract

Imbalance of zinc and copper status has been hypothesized in human hypertension. A ease-control study was carried out to elucidate the possible relationship between zinc and copper status and essential hypertension. Thirty-one subjects affected by mild stable hypertension, pharmacologically untreated, were investigated together with 31 normotensive controls individually matched for sex, age, and smoking habits. Zinc and copper in serum and urine were measured, and serum activities of alkaline phosphatase (AP), lactic dehydrogenase (LDH), copper-zinc superoxide dismutase (Cu-Zn SOD), lysyl oxidase (LOX), and monoamine oxidase (MAO) were evaluated. No significant difference in serum and urine zinc and copper content as far as in serum activity of zinc (AP and LDH) or copper (Cu-Zn SOD, LOX, and MAO)-dependent enzymes was found between hypertensives and normotensives. Positive relationships were found in normotensives between serum and urine levels of zinc (r = 0.577; p = 0.001) and copper (r = 0.394; p = 0.028), and between serum copper and Cu-Zn SOD (r = 0.534; p = 0.002). In normotensives, diastolic blood pressure and serum zinc were positively related (r = 0.370; p = 0.041). In hypertensives, inverse correlations were observed between diastolic blood pressure and AP (r = -0.498; p = 0.004) and Cu-Zn SOD (r = -0.452; p = 0.011), and between systolic blood pressure and LOX (r = -0.385 p = 0.033). Diastolic blood pressure was related to LDH inversely in hypertensives (r = -0.357; p = 0.049) and positively in normotensives (r = 0.457; p = 0.010). In normotensives, diastolic blood pressure was inversely related with MAO (r = -0.360; p = 0.046). These findings support the hypothesis that an imbalance of zinc and copper status might he involved in human hypertension.


1994 - Changes in drinking water selenium and mortality for coronary disease in a residential cohort [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; C., Marchesi; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

In a part of the municipal territory of Reggio Emilia, northern Italy, selenium in drinking water decreased from 7 mu g/L to less than 1 mu g/L. In a cohort of 4419 individuals, previously exposed for at least 5 yr to the drinking water with higher selenium content, the 7-yr temporal distribution of deaths for coronary disease and for stroke was analyzed to examine a possible relationship with changes in drinking water selenium. From January 1986 until August 1988, when tap water selenium was 7 mu g/L, deaths for coronary disease were one in males and two in females. After the decrease in drinking water selenium, 21 and 10 coronary deaths were observed, respectively, in males and in females from September 1988 to December 1992. No significant difference in the temporal distribution of stroke deaths was observed both in males and in females. Even if an effect of chance and aging in the temporal distribution of coronary deaths may not be excluded, findings of the study seem to be consistent with the hypothesis of a beneficial effect of selenium on coronary disease mortality.


1994 - Diet as a risk factor for abnormal glucose tolerance in subjects with and without family history of diabetes mellitus [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; C., Pacchioni; G., Ropa; R., Roncaia; P., Benedetti; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

The relationship between diet and glucose tolerance was examined in 118 middle-aged subjects with normal glucose tolerance, impaired glucose tolerance and Type II diabetes mellitus. A significant relationship between body mass index and intake of protein and fat from animal source was observed in the whole study population and in subjects without family history of diabetes, but not in individuals with family history of the disease. An association between worsening of glucose tolerance and higher caloric intake was shown in males, but this appeared to be linked to the increased intake of animal fat and animal protein of these subjects. Adjusting for obesity and total intake of energy, no significant difference in intake of nutrients was detected in males, while in females a lower intake of refined carbohydrate, fibre and potassium was observed in diabetic subjects after adjustment for body mass index. In males without family history of diabetes, after adjustment for obesity and total energy intake a significant association between abnormal glucose tolerance and lower intake of plant protein as well as higher intake of protein from animal source was detected, while total and complex carbohydrate intake was lower in subjects with impaired glucose tolerance than in the two other diagnostic groups. In females without heredity of diabetes, a significantly lower intake of energy, carbohydrates, fibre, plant protein, calcium and potassium was detected in the diabetic group after adjustment for obesity. No significant difference in nutrient intake was observed in subjects with family history of diabetes. Even if evaluation of results is hampered by the limited number of subjects examined, findings of the study support in middle aged subjects an association between vegetarian diet and normal glucose tolerance, suggesting that this relationship might be enhanced in individuals without family history of diabetes.


1994 - High sulphate content in drinking water and assessment of related effects in humans [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Carrozzi, G; Vivoli, Gianfranco
abstract

Some drinking waters present levels of sulphates exceeding the EEC standard for drinking water quality (250 mg SO4/l). We designed the present study since very few studies have been carried out to date on the human biological effects associated with water intake of sulphates. On urine collected from 180 school-children, aged 11-14 years, living in two mountain areas of Northern Italy with very different sulphate content (of geological origin) in the water supply (area A: ranging from 275 to 345 mg/l; area B: ranging from 35 to 65 mg/l), inorganic sulphate, calcium, magnesium, sodium and potassium were measured. Data on health conditions and drinking water habits were collected. No significant difference in urinary excretion of sulphate, calcium and potassium was observed between the subjects living in the two examined areas. Urinary magnesium and sodium were lower in subjects from area A than in area B. Urinary sulphates were significantly related with the cations, with the exception of potassium in area A subjects. Our results suggest that the drinking of water with sulphate levels (mainly calcium sulphate) ranging from 275 to 345 mg/l, does not increase the total daily sulphate intake nor seems to significantly affect the urinary parameters investigated.


1994 - Ricerche sulla qualità microbiologica e chimica delle acque del torrente Idice, con particolare riferimento a metalli, organoalogenati volatili e pesticidi [Articolo su rivista]
DE LUCA, G; Stampi, S; Zanetti, F; Tonelli, E; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Ferrari, Angela
abstract

La qualità delle acque del torrente Idice – affluente del fiume Reno – è stata valutata ricercando i principali parametri batteriologici – indicatori di contaminazione fecale, salmonelle, pseudomonas e stafilococchi – e chimici, tra cui, oltre ai parametri tradizionali, i metalli, i composti organoalogenati volatili e alcuni pesticidi. I risultati relativi alle 4 stazioni di campionamento hanno messo in evidenza un aumento dell’inquinamento di tipo domestico dalla prima alla terza stazione ed una successiva riduzione nell’ultima stazione, a monte dell’immissione nel Reno, probabilmente per processi di autodepurazione. Relativamente ai parametri batteriologici accessori, sono stati riscontrati Pseudomonas aeruginosa in quantità elevate in tutte le stazioni, e alcune specie del genere Staphylococcus (ad eccezione di S. Aureus). Per quanto concerne i metalli, soprattutto nel tratto montano le concentrazioni sono risultate generalmente modeste e i composti organoalogenati volatili sono stati riscontrati saltuariamente e a dosi contenute. Sono state inoltre rilevate saltuariamente scarse quantità di lindano e, nei mesi in cui viene maggiormente impiegata (aprile e maggio), di atrazina. Complessivamente, la qualità microbiologica e chimica delle acque del torrente Idice è risultata soddisfacente e migliorata rispetto a quella riscontrata in precedenti indagini.


1993 - Biochemical and haemodynamic indicators of stress in truck drivers [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; G., Carrozzi; A., Vezzosi
abstract

In order to investigate the extent of stress reaction during driving, this study was carried out on truck drivers engaged in long distance work. For each driver, epinephrine, norepinephrine, and cortisol were measured in urine, and dynamic ECG and blood pressure were monitored. The excretion rates of catecholamines showed great individual differences in the size of variations related to driving conditions. Epinephrine excretion rates were particularly high when weather and traffic conditions were more stressful. A relationship was found between epinephrine urinary levels and state-anxiety scores. Urinary excretion of norepinephrine was generally increased at the end of the working day and while driving in fog. The pattern of cortisol was not affected by the stress related to driving. The highest mean heart rates were monitored during difficult traffic and bad weather conditions.


1993 - Sympathoadrenergic and hemodynamic response to exaustive acute exercise in man [Articolo su rivista]
Becchi, Maria Angela; Rovesti, Sergio; A., Franzelli; M., Pagani; E., Caselgrandi; M., Bergomi
abstract

The purpose of the present study was to investigate the relationship between sympathoadrenergic and hemodynamic responses to exaustive acute exercise. Plasma hearth rate (HR), systolic and diastolic blood pressure (SBP, DBP), plasma norepinephrine (NE) and epinephrine (E) were misured in 23 male athletes before and after an 1 minute exaustive exercise on cycle ergometer. NE, E, SBP and HR levels significantly increased in response to exercise, while no change in DBP was found. NE and E variations were positively correlated with SBP and negatively with DBP changes. Results od the present stusy showed that cardiovascular responses to exaustive exercise is associated with an increased sympathoadrenergic activity.


1992 - A study on microbial and chemical pollution of surface waters with special reference to metals, VHO and pesticides. [Articolo su rivista]
Zanetti, F.; Stampi, S.; DE LUCA, G.; Tonelli, E.; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Caselgrandi, Eva
abstract

The Authors of the present study have evaluated the quality of Torrente Savena water, examining the major bacteriological and physical-chemical parameters such as metals, volatile halogenated organocompounds and pesticides, known for their persistence in the environment. The results, obtained from two sampling points, Pianoro (hilly country) and S. Lazzaro di Savena (before Savena’s inflow into the Idice torrent) showed a remarkable worsening of microbiological conditions of the torrent’s terminal segment, below the S. Lazzaro di Savena depurator outflow. Along with the microbiological parameters, also the traditional physical-chemical parameters were increased in this sampling point, with the exception of dissolved oxygen. As to the metals, their concentrations were generally modest, especially in the hilly segment. VHO were not found in Pianoro; although in low concentrations, such compounds were detected four times in S. Lazzaro only. Finally, during the investigation period, chlorinated pesticides were not present in measurable quantities; as to triazine pesticides, only the atrazine was detected in 3 S. Lazzaro samples. A comparison with traditional microbiological and chemical parameters, furnished by a previous similar study, showed a worsening of water pollution in Pianoro; on the contrary, S. Lazzaro water conditions appeared improved.


1992 - Biological response to noise and other physical stressor in places of entertainment [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vivoli, Gianfranco
abstract

The present study was designed in order to evaluate if the stressors produced in discotheques, and in particular high levels of noise, may lead to the impairment of some psychophysiological functions. The survey was carried out on 34 students who were exposed to noise in a discotheque (with levels ranging from 90 to 103 dBA) and to other environmental stressors (vibrations, psychedelic lights) for a period of five hours. The same subjects were examined on another day in the absence of relevant acoustical and visual stimulations. Biochemical (urinary catecholamines and cortisol) and cardiovascular (bio od pressure and heart rate) indicators of stress were measured. Selected psychophysiological functions (reaction-time task and visual acuity) and some personality traits were also estimated.An increase in urinary excretion of epinephrine, norepinephrine, dopamine and cortisol was observed in most of the subjects during their presence in the discotheque in comparison to the control condition. A moderate variation was found with reference to cardiovascular parameters. No significant variation of reaction time was observed in performance tasks, while a significant impairment of visual stereoscopic perception was detected after exposure to stressors in the discotheque. The preliminary findings suggest that physical stressors, and, in particular, noise, may be related to a marked activation of the neuroendocrine system and impairment of some sensory functions.


1992 - Effetti extrauditivi del rumore urbano [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio
abstract

La presente rassegna analizza criticamente le possibili interazioni del rumore urbano sull’apparato cardiovascolare. Le sperimentazioni sull’animale hanno documentato che l’esposizione acuta a rumori di intensità paragonabile a quella del rumore urbano induce un’attivazione neuroendocrina associata ad un rialzo pressorio. La non costante osservazione di una risposta pressoria nelle sperimentazioni sull’uomo potrebbe essere attribuita alla diversa reattività individuale che è legata a fattori quali il sesso, l’età, la personalità, la familiarità o la condizione ipertensiva. Anche la contemporanea esposizione ad altri stressors fisici e/o mentali sembra condizionare l’ampiezza della risposta pressoria. Un’aumentata prevalenza della condizione ipertensiva e/o un aumentato consumo di farmaci antipertensivi sono stati documentati in persone esposte al rumore di aerei o del traffico stradale. I risultati degli studi sperimentali ed osservazionali fanno ritenere che la protratta esposizione a rumore urbano possa rappresentare, specialmente per i soggetti con una spiccata reattività individuale, un fattore di rischio per l’ipertensione essenziale.


1992 - Hypertension in newly diagnosed non-insulin-dependent diabetic subjects [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; P., Benedetti; C., Pacchioni; M., Beneduce; Vivoli, Gianfranco
abstract

Medical records of newly diagnosed non-insulin-dependent diabetic patients attending a Diabetic Centre in Modena, northern Italy, during the period 1985-88 were reviewed to analyze the prevalence of hypertension at age of diagnosis of diabetes and its association with selected risk factors. The prevalence of hypertension was also determined in a representative sample of control subjects. In the multivariate analysis, greater body mass index and older age, but not smoking, were strongly associated with increased rates of hypertension both in control and in diabetic subjects. In diabetic patients, family history of diabetes, defined as presence of diabetes in close relatives, was not significantly associated with hypertension, while rates of hypertension were significantly lower in patients who reported at least one parent affected by diabetes. After adjustment for age and body mass index, newly diagnosed non-insulin-dependent diabetes was not an independent risk factor for hypertension. These findings seem to be consistent with the hypothesis that diabetes and hypertension are not linked by a common genetic background.


1992 - Indagine epidemiologica sul ruolo di alcuni fattori di rischio del diabete non-insulino-dipendente [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Lodi, G; Beneduce, M; Roncaia, R; Benedetti, P.
abstract

Il ruolo di alcuni fattori di rischio del diabete non-insulino-dipendente è stato indagato mediante l’analisi dei dati ricavati dalle cartelle cliniche dei pazienti affetti da diabete non-insulino-dipendente di nuova diagnosi e l’esame di una popolazione di controllo. L’obesità e l’età sono risultati significativi fattori di rischio di tale patologia. La familiarità diabetica, significativamente associata al diabete nell’indagine multivariata, sembra interagire in modo sinergico con il grado di sovrappeso nel favorire l’insorgenza della malattia. L’appartenenza al sesso maschile rappresenta un fattore di rischio per il diabete, ma tale incremento di rischio non è documentabile nei gruppi caratterizzati da un livello più elevato di obesità. Le abitudini tabagiche e, limitatamente al sesso maschile, l’ipertensione non sono risultate associate in modo indipendente all’insorgenza del diabete non-insulino-dipendente.


1992 - Relazioni tra acido urico e alcuni fattori di rischio cardiovascolare. [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vinceti, Marco; Vivoli, Gianfranco
abstract

Il metabolismo dell’acido urico è influenzato da numerosi fattori via via identificati con il sesso, l’età, il peso corporeo, l’assunzione di alcol e di farmaci. Accertata la presenza di iperuricemia in associazione ad alcuni stati di malattia, rimanevano da indagare le possibili relazioni tra i livelli ematici di acido urico e quelli di altri parametri le cui modificazioni sono state documentate in patologie metaboliche e cardiovascolari di rilevante interesse sociale. Vengono qui presentati i risultati di una ricerca multicentrica italiana, che grazie a nove laboratori di analisi chimico-cliniche ha potuto raccogliere i dati relativi a 1596 soggetti di uricemia, creatininemia, glicemia, trigliceridemia, colesterolemia totale e frazionata, azotemia e insulinemia. Dall’analisi statistica è emersa una significativa correlazione tra l’uricemia e la trigliceridemia, parametro che funge anche da rinforzo dell’associazione tra l’uricemia e la colesterolemia. E’ stata confermata la relazione tra sesso maschile ed elevati livelli uricemici, che peraltro sono risultati parzialmente indipendenti dall’età dei soggetti in esame. Azotemia e creatininemia, espressione del ruolo della funzionalità renale, hanno presentato un andamento correlabile a quello dell’uricemia, a causa dell’escrezione prevalentemente renale dell’acido urico. L’associazione dell’acido urico con diversi fattori di rischio per affezioni metaboliche e cardiovascolari fa sospettare per il parametro in esame una probabile funzione predittiva nei confronti di tali patologie.


1991 - Biological markers of stress in surgeons [Relazione in Atti di Convegno]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; G., Carrozzi
abstract

This study was carried out to evaluate whether the job-related stress of surgeons during operations is higher than ward-work and which factors can influence the biological reactions. Biochemical (urinary catecholamines and cortisol) and circulatory (heart rate and blood pressure) measurements were made on surgeons during an operating day and on another day, at the same hour, during ward-work.


1991 - Effetti sulla salute dell'inquinamento degli ambienti confinati [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Vivoli, Gianfranco
abstract

L’inquinamento dell’aria degli ambienti confinati e i suoi effetti sfavorevoli sulla salute sono oggetto di una crescente attenzione scientifica. Nella presente rassegna sono presi in esame i principali quadri morbosi attribuibili a tale fenomeno. Un ampio numero di osservazioni sembra confermare la relazione tra inquinamento degli ambienti confinati e patologie di tipo irritativo, immunologico ed infettivo, mentre più controversa è la possibile associazione con alcune patologie neoplastiche. Misure più incisive di sanità pubblica sembrano necessarie per ridurre i rischi per la salute potenzialmente attribuibili alla contaminazione dell’aria negli ambienti confinati.


1991 - La familiarità diabetica quale fattore di rischio del diabete non-insulino-dipendente [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Benedetti, P. G.; Pacchioni, C; Bergomi, Margherita
abstract

Nel corso di una indagine epidemiologica, condotta mediante l’esame delle cartelle cliniche di pazienti diabetici di nuova diagnosi e di un gruppo di soggetti controllo, è stato esaminato il ruolo della familiarità diabetica quale fattore di rischio del diabete non-insulino-dipendente. Dopo aggiustamento per età, indice di massa corporea, sesso, abitudini tabagiche e condizione ipertensiva, l’odds ratio per il diabete non-insulino-dipendente associato alla familiarità diabetica è risultata pari a 4.99 (p<0.001). I dati ottenuti suggeriscono inoltre un effetto sinergico tra la familiarità diabetica e il grado di obesità nel favorire l’insorgenza del diabete non-insulino-dipendente.


1991 - Weather and cardiovascular diseases [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Guaitoli, G; Pasini, W; Vivoli, Gianfranco
abstract

Morbidity and mortality rates from cardiovascular diseases have been shown to undergo seasonal variations and it has been suggested that these variations may be attributed to weather changes. Epidemiological studies have shown a peak of coronary and cerebral vascular morbidity and mortality during the cold season. Large increases in morbidity and mortality from cardiovascular diseases during the hot summer weather and heat waves have also been shown. It has been observed that, among the meteorological factors, temperature has the highest effect on the incidence of cardiovascular diseases. Cold and heat appear to have an acute effect on the incidence of cardiovascular diseases, while the possible chronic effect has rarely been investigated.


1990 - Biochemical indicators of stress in shift workers of the ceramic industry [Relazione in Atti di Convegno]
Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Caselgrandi, Eva; Tartoni, Pier Luigi; Vivoli, Gianfranco
abstract

This study was carried out to evaluate the degree of activation of some biochemical indicators of stress (urinary catecholamines and cortisol) in rotating shift operators of ceramic kilns and to compare the pattern of these parameters in relation to different shift schedules (shift schedule A consisted of 4 mornings, 4 afternoons and 4 nights, each shift followed by two days of rest; shift schedules B consisted of 1 morning, 1 afternoon and 1 night followed by two days of rest).


1990 - Diabete non-insulino-dipendente e ipertensione essenziale: basi razionali per una strategia integrata di prevenzione [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vinceti, Marco; Rovesti, Sergio; Vivoli, Gianfranco
abstract

Il diabete non-insulino-dipendente e l’ipertensione essenziale sembrano condividere gli stessi meccanismi patogenetici e i medesimi fattori di rischio. Ciò confermerebbe la validità di un intervento integrato di prevenzione, comprendente adeguate misure dietetiche e comportamentali. La determinazione dell’insulinemia potrebbe rivelarsi una metodica efficace per l’identificazione, sin dalla giovane età, dei soggetti ad alto rischio nei confronti di tali patologie.


1989 - Determinants of bile secretion: effect of bile salt structure on bile flow and biliary cation secretion [Articolo su rivista]
Loria, Paola; Carulli, Nicola; Medici, G.; Tripodi, A.; Iori, R.; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Rosi, A.; Romani, M.
abstract

The effect of five bile salts, deoxycholate, chenodeoxycholate, cholate, ursodeoxycholate, and ursocholate, possessing (in decreasing order) different hydrophobicity, on bile flow and biliary secretion of total calcium, magnesium, sodium, and potassium was studied in 10 patients with T-tubes. Each subject was infused intraduodenally with one or two bile salts, given separately, to produce a selective enrichment of biliary bile salts with the infused bile salt. The choleresis induced per 1-mumol increase of bile salt output was greater during the secretion of 7 beta-hydroxylated bile salts, ursodeoxycholate (0.029 ml), and ursocholate (0.027 ml), followed in decreasing order by deoxycholate (0.023 ml), chenodeoxycholate (0.019 ml), and cholate (0.009 ml). Deoxycholate stimulated the greatest increase in cation secretion per unit increase in bile salt output, followed by chenodeoxycholate and cholate. The two 7 beta-hydroxylated bile salts induced greater cation secretion than did their 7 alpha-epimers. Whereas biliary concentration of divalent cations differed depending on the structure and concentration of the infused bile salt, the concentration of monovalent cations was constant for any species and concentration of infused bile salt. Relationships between bile salt and divalent cation concentration indicate that 1 mumol of secreted biliary deoxycholate, the most hydrophobic bile salt, associates with the greatest amount of calcium (0.046 mumol) and magnesium (0.022 mumol), followed by chenodeoxycholate (0.020 and 0.010 mumol, respectively) and cholate (0.012 and 0.008 mumol, respectively). The capacity of ursodeoxycholate and ursocholate to associate with calcium and magnesium seems to be less than that of their 7 alpha-epimers. These data suggest that of the common bile salts, the more hydrophobic bile salts stimulate bile flow and cation secretion better than the more hydrophilic bile salts, whereas ursodeoxycholate and ursocholate are more effective than their more hydrophobic 7 alpha-epimers. Whereas different bile salts seem to influence the secretion of sodium and potassium mainly by virtue of their choleretic properties, the effect of bile salt structure on biliary secretion of calcium and magnesium suggests the presence of a secretory link that might be consistent with cation-bile salt binding.


1989 - Zinc and copper in hypertension [Relazione in Atti di Convegno]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vivoli, Gianfranco
abstract

In order to evaluate the relationship between zinc and copper and blood pressure levels a case-control study was planned. In hypertensives selected from hospitalized patients and normotensive controls matched for sex, age, smoking habits zinc and copper levels in serum and urine were measured; in the same subjects we also assayed the activity of some zinc and copper dependent enzymes (AP, LDH, MAO) that our previous studies showed significantly related to blood pressure values. The mean levels of zinc found in serum of hypertensives were higher than controls. The preliminary results seem not confirm the higher urinary excretion of copper found in our previous investigation carried out on early untreated hypertensives. Blood pressure levels (both systolic and diastolic) were significantly and positively correlated to copper serum values and to AP activity in hypertensives only. Another interesting findings are the negative and positive correlations found, respectively between zinc/copper ratio in serum and urine and blood pressure only in hypertensives.


1988 - Catecolamine urinarie in operai turnisti dell’industria ceramica [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Ianiri, G; Giubarelli, G.
abstract

La presente indagine è stata condotta su 27 addetti alla conduzione di forni ceramici che lavorano secondo due tipi di turnazione: A (4 mattine, 4 pomeriggi e 4 notti, intervallati da due giorni di riposo) e B (1 mattino, 1 pomeriggio ed una notte seguiti da due giorni di riposo). Per valutare se le turnazioni studiate inducono significative modificazioni neuroendocrine, abbiamo misurato nelle urine del turno lavorativo l’escrezione di adrenalina (A) e noradrenalina (NA) mediante cromatografia liquida ad alta pressione e rivelazione elettrochimica. La minore escrezione urinaria di A e NA è stata registrata durante la notte, mentre i valori più elevati sono stati generalmente rinvenuti nei turni pomeridiani con un massimo al 4° giorno lavorativo rispetto al 2°. L’andamento osservato in linea di massima non si discosta dal fisiologico ritmo circadiano di tali amine biogene. La sostanziale omogeneità dei livelli escretivi di A e NA riscontrati nei lavoratori delle due turnazioni fa supporre che esse generino una risposta neuro-endocrina e psicologica praticamente sovrapponibile.


1988 - Comportamento degli indicatori biochimici di stress in addetti ai videoterminali [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Caselgrandi, Eva; Rovesti, Sergio; Tartoni, Pier Luigi; Vivoli, Gianfranco
abstract

Gli AA hanno vagliato il comportamento di alcuni indicatori biochimici di stress in 25 soggetti, esposti per tempi diversi (ore/die) ai VDT, valutando l’eventuale esistenza di un rapporto tra tali indicatori, la durata dell’esposizione ed alcune componenti della personalità. E’ stata misurata l’escrezione urinaria delle catecolamine (A e NA) e del cortisolo in un giorno lavorativo e, per confronto, in un giorno di riposo. Per entrambe le amine biogene si è registrato un incremento dell’escrezione, anche se non statisticamente probante, durante l’attività lavorativa. Un comportamento opposto si è osservato per il cortisolo, che ha fatto registrare livelli urinari più elevati durante il giorno di riposo (p ≤0,001). I livelli di ansietà sono risultati significativamente più elevati nel giorno di lavoro rispetto al giorno di riposo. I livelli escretivi degli indicatori biochimici saggiati ed i punteggi di ansietà non sono tuttavia risultati associati con le ore/die di utilizzo dei VDT.


1988 - Comportamento delle catecolamine urinarie nella ipertensione [Articolo su rivista]
Vivoli, Gianfranco; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Caselgrandi, Eva
abstract

Gli studi diretti a quantificare l’aumentata attività del sistema nervoso simpatico, ed il ruolo da esso svolto nella eziopatogenesi dell’ipertensione essenziale hanno portato a risultati controversi. Onde portare un contributo al chiarimento di tale complessa problematica abbiamo indagato il comportamento delle catecolamine urinarie (adrenalina e noradrenalina) in 63 ipertesi non trattati farmacologicamente ed in un pari numero di normotesi appaiati per le principali variabili confondenti (età, sesso, abitudini tabagiche, attività lavorativa, indice di massa corporea). Ambedue le catecolamine sono state misurate nelle urine della notte utilizzando la cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC) e la rilevazione spettrofluorimetrica. Negli ipertesi sono stati rinvenuti livelli urinari di noradrenalina (NA) significativamente più elevati rispetto ai normotesi (50.83 contro 37.16 µg/g di creatinina; p<0.005) mentre nessuno scarto probante è stato osservato tra i 2 gruppi per quanto riguarda l’escrezione di adrenalina (A). Le concentrazioni di NA sono inoltre risultate significativamente correlate con la pressione diastolica e sistolica in ambedue i gruppi considerati. Suddividendo i soggetti in 2 classi di età si è osservato che lo scarto dell’escrezione urinaria di NA tra ipertesi e normotesi è più accentuato nei soggetti di età pari o inferiore ai 40 anni. Questo reperto confermerebbe l’ipotesi avanzata da alcuni autori che l’iperattività del sistema nervoso simpatico svolga un importante ruolo nelle prime fasi dell’ipertensione essenziale.


1988 - Il consumo di caffè in gravidanza si associa a ridotti livelli ematici di zinco e calcio [Articolo su rivista]
Borella, Paola; Polmonari, G; Rovesti, Sergio
abstract

In questo studio è stato valutato il rapporto tra consumo di caffé in gravidanza e livelli ematici di alcuni elementi essenziali (zinco, rame, calcio, magnesio e ferro), nelle madri e nei rispettivi neonati. È emersa una significativa riduzione della concentrazione plasmatica ed eritrocitaria di zinco in rapporto all’assunzione di questa bevanda solo nel sangue materno, mentre nel sangue del funicolo il calcio era significativamente e progressivamente ridotto all’aumentare del numero di tazze di caffé bevute giornalmente dalle madri. Dai risultati di questo studio, gli AA ritengono di avanzare la proposta di una limitazione all’assunzione di caffé durante il periodo gestazionale.


1988 - Lo stress come fattore di rischio dell’ipertensione essenziale. [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio; Vaccari, C.
abstract

Oggetto della presente nota è una rassegna critica della letteratura più recente sui possibili rapporti tra stress e ipertensione essenziale. Numerose sono le evidenze sperimentali che supportano l’ipotesi di una relazione tra esposizione a stressors fisici e psichici e incrementi pressori transitori e/o permanenti. A risultati non sempre concordi sono giunte le indagini epidemiologiche, probabilmente per l’intervento di numerose variabili interferenti. Una particolare rilevanza sembra inoltre avere la reattività emozionale, strettamente in rapporto con la personalità del singolo individuo.


1988 - Perceived stress during videoterminal use: a preliminary study. [Articolo su rivista]
Cipolli, C.; Rovesti, Sergio; Tartoni, Pier Luigi; Vivoli, Gianfranco
abstract

Modifications in stress, measured using Spielberger, et al.’s self rating State-Trait Anxiety Inventory were assessed on working and rest days for bank employees making regular use of videodisplay terminals. While on work days state-anxiety increased over that on rest days, it did not vary with respect to amount of use of videodisplay terminals. Moreover, state-anxiety significantly covaried with scores on trait-anxiety. These findings suggest that, while increases in state-anxiety can be induced by use of videodisplay terminals, these are not proportional to the amount of use but rather depend on such factors as personality.


1988 - Ricerche sull’accrescimento somatico degli scolari trentini. Nota 1: Gli standards antropometrici e la valutazione auxologica degli alunni di Scuola Media [Articolo su rivista]
Tonelli, E; Zanetti, F; Gatto, M. R. A.; DEL DOT, M; Fantuzzi, Guglielmina; Bergomi, Margherita; Rovesti, Sergio
abstract

Gli Autori avendo osservato che i valori medi della statura e del peso degli scolari trentini elaborati 18 anni fa non sono più adeguati come termini di confronto per le valutazioni auxologiche dei ragazzi di oggi hanno determinato nuovi standards antropometrici per i soggetti di 11-14 anni, confrontandoli con quelli del passato. Oltre alla elaborazione dei valori medi perequati della statura e del peso rispetto all’età e del peso rispetto alla statura, gli AA hanno individuato, per i suddetti caratteri, i limiti di normalità, paranormalità ed extranormalità scegliendo e indicando i limiti mediante i percentili ma calcolandoli con il metodo sigmatico. In base alle fasce di normalità, paranormalità ed extranormalità così determinate, è stata quindi valutata la situazione auxologica e la complessione somatica dei soggetti esaminati. Hanno inoltre paragonato i valori medi staturo-ponderali relativi ai ragazzi trentini con quelli dei coetanei di altre località italiane rilevati nell’ultimo decennio.


1988 - Studio epidemiologico sul rapporto tra esposizione a rumore ed ipertensione [Articolo su rivista]
Fantuzzi, Guglielmina; Rovesti, Sergio; Cenesi, P.
abstract

Ancora controverso è il ruolo dell’esposizione professionale al rumore nell’eziopatogenesi dell’ipertensione arteriosa. Lo studio degli effetti della rumorosità ambientale sulla pressione arteriosa è stato condotto su 368 dipendenti delle Ferrovie dello Stato, suddivisi in tre gruppi: un I gruppo di 93 soggetti di controllo esposti a rumore di intensità <70 dB(A), un II gruppo di 149 lavoratori esposti ad una rumorosità compresa tra 70 e 85 dB(A) ed un III gruppo di 126 soggetti esposti a livelli sonori >85 dB(A). L’età media dei tre gruppi di lavoratori è risultata sostanzialmente omogenea. E’ stata osservata una più elevata frequenza di ipertesi (20,63%) fra i soggetti esposti a rumorosità >85 dB(A) rispetto ai controlli (13,98%) ed un forte incremento nella prevalenza dell’ipertensione, all’aumentare dell’anzianità lavorativa, solo nei soggetti esposti a rumorosità ≥70 dB(A) (2=25,92; p<0,001).


1987 - Cadmium, zinc, and copper in hypertension [Relazione in Atti di Convegno]
Borella, Paola; Bergomi, Margherita; Fantuzzi, Guglielmina; Rovesti, Sergio; Vivoli, Gianfranco
abstract

Cadmium, zinc and copper levels in blood, hair and urine were measured in hypertensives and matched normotensives. A significant increase of cadmium in blood was found in relation to hypertension, particularly when subjects were non smokers. Furthermore, cadmium levels in blood and the ratio Cd/Zn in blood and urine appeared to be significantly and positively related to both systolic and diastolic blood pressure levels. Copper excretion in urine of hypertensives and normotensives was 14.1 and 9.2 µg/g creat., respectively, and the difference was statistically significant. As far as zinc-dependent enzymes were concerned, alkaline phosphatase activity was significantly lower in both untreated and treated hypertensives compared with their controls.