Nuova ricerca

Angela FERRARI

Personale tecnico amministrativo
Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze Sede ex Sanità Pubblica


Home |


Pubblicazioni

2022 - Early-life exposure to phthalates among infants in Italy: characterization and time trends [Abstract in Atti di Convegno]
Righi, E; Palandri, L; Ferrari, A; Barbieri, R; Lugli, C; Trevisani, V; Passini, E; Facchinetti, F; Lucaccioni, L
abstract

BACKGROUND AND AIM: Human exposure to phthalates, endocrine disruptors, and reproductive toxicants, is ubiquitous. Urine is the matrix of choice for biomonitoring and in utero exposure is well documented. Evidence of early life exposure to phthalates is scarce. The aim of this study is to assess phthalate exposure and its changes over time in a cohort of healthy infants in the province of Modena, Italy. METHODS: In this prospective birth-cohort study, we assessed phthalate exposure(8 metabolites of 6 phthalates)in urine samples collected from mothers just after delivery and in infants at birth, 3 and 6 months using phthalate-free bags. Mother-infant pairs were enrolled in a university hospital in Modena(Italy) between January 2019 and May 2020. After solid-phase extraction, samples were analyzed by triple Quad LC/MS Mass Spectrometry. RESULTS: 188 mother-infant pairs were enrolled. MEP was always detectable and showed the highest levels, increasing over time. MMP and DEHP metabolites showed as well an increasing trend, however, they were detected at lower levels, while MnBP and MBzP showed intermediate concentrations and decreasing trends over time. Significant associations between mother-infant pairs at birth were found only for a few metabolites(MMP, MEP, and MnBP). Infant levels at 3 and 6 months appeared more related, suggesting a continuative exposure to these chemicals inside the indoor environment. CONCLUSIONS: Phthalate exposure appears wide and extended over time. Infants were exposed to several phthalates, including those more toxic and strictly regulated in infant toys, personal care products and food contact materials in the European Union. Their unregulated use in other consumers’products, building and decorating materials or home furniture may explain the potential exposure of at-risk groups, such as infants or pregnant women. To effectively protect the most vulnerable subjects, public health preventive and regulatory actions should address this specific issue as well.


2022 - Esposizione peri e postnatale a ftalati in una coorte di neonati della provincia di Modena: valutazioni preliminari. [Abstract in Atti di Convegno]
Barbieri, R; Lugli, C; Ferrari, A; Lucaccioni, L; Passini, E; Palandri, L; Righi, E
abstract

Gli ftalati, composti utilizzati come plasticizzanti in molti prodotti di uso quotidiano, possono, nell’organismo umano, agire da interferenti endocrini alterando la funzionalità ormonale e causando effetti avversi sulla salute umana. Le urine sono la matrice biologica più utilizzata per quantificare l’esposizione a ftalati in diversi momenti della vita; tuttavia, dati relativi all’esposizione nei primi mesi di vita dei bambini sono molto limitati. L’obiettivo dello studio è quindi quello di valutare l’esposizione a ftalati in un campione di neonati della Provincia di Modena e di analizzarne la variabilità temporale attraverso campionamenti ripetuti nei primi 6 mesi di vita. Da gennaio 2019 ad ottobre 2020 sono state arruolate 186 coppie madre-bambino ricoverate presso il reparto di Ostetricia del Policlinico di Modena. L’esposizione peri e postnatale a ftalati è stata valutata dosando 8 metaboliti dei 6 ftalati di più ampio utilizzo in urine raccolte subito dopo il parto (madri e neonati) e a 3 e 6 mesi di vita dei bambini. Ad esclusione di MiNP, tutti gli ftalati ricercati sono risultati ampiamente diffusi nelle urine raccolte nei diversi periodi di tempo. Alla nascita alcune correlazioni significative sono state osservate tra le concentrazioni di ftalati osservate nelle urine delle mamme e dei bambini; tuttavia, le concentrazioni dei singoli metaboliti tendono a differire e alcuni composti mostrano livelli più elevati nelle mamme e altri nei neonati. Anche i trend temporali sono apparsi differenti per i diversi composti: i livelli di MMP, MEP, MEHHP e MEOHP evidenziano infatti trend in crescita, mentre i valori di MnBP e MBzP nello stesso arco temporale risultano ridotti. L’esposizione a ftalati appare ancora molto diffusa nei neonati della provincia di Modena. La concentrazione degli ftalati nelle urine di mamme e bambini risulta diversa a seconda del metabolita analizzato e del momento di raccolta, evidenziando differenze espositive importanti tra mamme e bambini. Anche i trend temporali differenziati per metabolita indicano l’esistenza di fonti di esposizione differenziate che devono essere investigate con ulteriore attenzione. Queste informazioni saranno utili per pianificare efficaci strategie di promozione della salute indirizzate alle neomamme allo scopo di ridurre l’esposizione a queste sostanze in un periodo della vita dei loro bambini particolarmente delicato e sensibile alle alterazioni indotte da potenziali interferenti endocrini.


2022 - Exposure to phthalates, potential endocrine disruptors, in an infant cohort in Modena, Italy [Abstract in Rivista]
Lugli, C; Palandri, L; Ferrari, A; Barbieri, R; Trevisani, V; Passini, E; Lucaccioni, L; Facchinetti, F; Righi, E
abstract

Phthalates are pollutants ubiquitous in the environment. Human exposure to phthalates and their endocrine disrupting effects have been widely studied. Therefore, the European Union forbids phthalates in toys, cosmetic and kitchenware manufacturing. However, phthalate metabolites can still be found in human biological matrices. The purpose of this study is to investigate phthalate exposure over time in a group of Italian healthy newborns. In a prospective cohort study, we enlisted 187 women who gave birth in the University Hospital of Modena, Italy, between January 2019 and May 2020. Urine samples from women after delivery and from their infants at birth, 3 and 6 months were collected and 8 metabolites of 6 phthalates were analysed. Descriptive statistics were calculated and preliminary correlation coefficients tests were performed. Monoethylphthalate (MEP) was always detectable in urine samples. MEP, monomethylphthalate and diethylhexylphthalate metabolites showed an increasing trend over time, while monobutylphthalate and monobenzylphthalate showed decreasing levels over time. Associations between levels of phthalates metabolites in mother and infant pairs at birth were found for a few metabolites, while metabolites in infant samples at 3 and 6 months appeared often significantly associated. Infants’ phthalate exposure in Modena is still high and prolonged over time, even to those more toxic and strictly regulated. As phthalates presence in indoor environment can be a risk factor especially for the most fragile groups of population, such as children, public Health campaigns addressing childbearing age women should stress about the risk posed by these substances and how to avoid their exposure. Moreover, regulatory actions and a stricter legislation should be considered.


2021 - Trace elements in toenails in a population living near a modern municipal solid waste incinerator in Modena (Italy) [Articolo su rivista]
Bechtold, Petra; Gatti, Maria Giulia; Quattrini, Giulia; Ferrari, Angela; Barbieri, Giovanna; Iacuzio, Laura; Carrozzi, Giuliano; Righi, Elena
abstract

Background and objectives: A cross-sectional biomonitoring study was performed in Modena (Italy) to assess trace element levels in toenails in a population living near a municipal solid waste incinerator (SWI), and investigate potential differences in their concentrations according to SWI emission exposure and other environmental and behavioral factors. Methods: During the winter 2013/14 eligible subjects, aged 18e69 yrs, living within 4 km from SWI, were randomly selected from the population register. Toxic and essential element concentrations (As, Cd, Cr, Cu, Mn, Ni, Pb, Se, Zn) were analyzed in 489 toenail samples. Individual exposure to SWI emissions was estimated by using, as a tracer, fall-out maps of emitted particulate matter. Information on anthropometric parameters, lifestyles, diet, and road traffic, residential and work exposures were collected by questionnaires and objective measurements. Multivariate logistic regression analyses were carried out, separately for females and males. Results: Excluding As, toxic elements were found, usually at low levels, in many samples, while essential elements, especially Cu and Zn, showed higher levels. Overall, no clear relationships between element levels and SWI exposure were observed, whereas associations with other environmental and lifestyle factors were found, including local food consumption, smoking and occupation. Conclusions: The low pollutant concentrations measured in SWI emissions could explain the absence of clear patterns in toenail levels across SWI exposure levels. The associations observed with other factors suggest that, at least in this specific population, other environmental exposures and personal behaviors could act as more important predictors of trace element uptake.


2020 - Child growth, neurodevelopment and pre and postnatal exposure to phthalates: first exposure data [Abstract in Rivista]
Maione, D; Lucaccioni, L; Arletti, M; Panciroli, G; Poluzzi, F; Ferrari, A; Facchinetti, F; Fantuzzi, G; Righi, E
abstract


2019 - Esposizione prenatale e postnatale a ftalati ed effetti sullo sviluppo infantile: presentazione dei primi dati raccolti [Abstract in Rivista]
Maione, Domenico; Lucaccioni, Laura; Facchinetti, Fabio; Plessi, Carlotta; Poluzzi, Francesca; Ferrari, Angela; Fantuzzi, Guglielmina; Righi, Elena
abstract

Gli ftalati, potenziali interferenti endocrini comunemente addizionati alle materie plastiche, si ritrovano in numerosi prodotti di largo consumo quali involucri alimentari, cosmetici, prodotti per l’igiene personale, giocattoli e articoli per l’infanzia. A causa dei processi di migrazione ed evaporazione essi sono in grado di contaminare diverse matrici ambientali, determinando una esposizione umana continua e diffusa che può avvenire attraverso diverse vie e modalità. In più tali sostanze sono capaci di attraversare la barriera placentare, interferendo così anche con lo sviluppo fetale e neonatale. Le conoscenze sui livelli di esposizione prenatale e, soprattutto, postnatale a ftalati dei neonati sono tuttavia ancora molto limitate. Questo studio ha quindi l’obiettivo di valutare, attraverso il biomonitoraggio urinario, l’esposizione prenatale e postnatale a questi composti in neonati della provincia di Modena e, di indagare il potenziale effetto di questa esposizione sull’accrescimento corporeo, sui livelli ormonali e sullo sviluppo neuro-cognitivo nei primi due anni di vita


2019 - Esposizione prenatale e postnatale a ftalati ed effetti sullo sviluppo infantile: presentazione del protocollo di ricerca. [Abstract in Rivista]
Maione, D; Lucaccioni, L; Facchinetti, F; Pignatti, L; Ferrari, A; Fantuzzi, G; Righi, E
abstract

Introduzione: Gli ftalati, potenziali endocrine disruptors comunemente addizionati alle materie plastiche, si ritrovano in numerosi prodotti di largo consumo quali involucri alimentari, giochi, cosmetici e prodotti per l’igiene personale. Le conoscenze sui livelli di esposizione prenatale e, soprattutto, postnatale a ftalati dei neonati sono tuttavia molto limitate. Questo studio ha l’obiettivo di valutare, attraverso il biomonitoraggio urinario, l’esposizione prenatale e postnatale a ftalati in neonati della provincia di Modena e di indagare il ruolo/effetto di questa esposizione sull’accrescimento corporeo, sui livelli ormonali e sullo sviluppo neuro-cognitivo nei primi due anni di vita. Materiali e metodi: Si tratta di uno studio di coorte che prevede l’arruolamento, subito dopo il parto, di donne e dei loro bambini, nati a termine e normopeso, presso l’AOU di Modena. L’esposizione prenatale verrà valutata tramite il dosaggio di ftalati nelle urine (materne e neonatali) raccolte all’arruolamento e la somministrazione di un questionario che indaga le fonti espositive durante la gravidanza. L’esposizione postnatale verrà valutata raccogliendo le urine dei bambini a 6 mesi e la somministrazione di un secondo questionario espositivo. Alla nascita e durante i primi due anni di vita, mediante visite periodiche, verranno misurati accrescimento corporeo, livelli ormonali urinari (LH, FSH, testosterone/estradiolo), sviluppo neuro-motorio (metodo di Prechtl ed esame obiettivo neurologico) e sviluppo neuro-cognitivo (Scala di Griffiths). La determinazione analitica dei 6 diesteri più diffusi e dei relativi metaboliti verrà effettuata tramite cromatografia liquida e spettrometria di massa. Risultati: Le analisi dei campioni di urine raccolti dai neonati in diversi momenti permetteranno di quantificare sia l’esposizione prenatale che quella postnatale agli specifici ftalati e ai loro principali metaboliti, valutandone anche i trend temporali, di individuare le principali fonti espositive, sia durante la gravidanza che durante i primi 6 mesi di vita, e di indagare le correlazioni tra tali esposizioni e le caratteristiche antropometriche, i livelli ormonali del sistema riproduttivo e lo sviluppo neuro-motorio e neuro-cognitivo nei primi due anni di vita dei bambini. Conclusioni: Grazie al coinvolgimento dei neonati nel monitoraggio biologico, questa indagine migliorerà le conoscenze dirette sui livelli di esposizione prenatale e, soprattutto, postnatale a ftalati dei neonati, e apporterà contributi su possibili effetti sul loro accrescimento corporeo e sviluppo neurocognitivo. Inoltre, le informazioni ottenute potranno essere utilizzate per la pianificazione di strategie di prevenzione e promozione della salute della popolazione femminile in età fertile al fine di ridurre l’esposizione a queste sostanze in gravidanza e nei primi mesi di vita neonatale.


2018 - Contaminazione alimentare da piombo e stima dell’assunzione giornaliera in una popolazione del Nord Italia. [Abstract in Atti di Convegno]
Cilloni, S; Filippini, T; Violi, F; Malavolti, M; Malagoli, C; Ferrari, A; Vescovi, L; Vinceti, M.
abstract

.


2018 - Dietary intake of cadmium, chromium, copper, manganese, selenium and zinc in a Northern Italy community [Articolo su rivista]
Filippini, T; Cilloni, S; Malavolti, M; Violi, F; Malagoli, C; Tesauro, M; Bottecchi, I; Ferrari, A; Vescovi, L; Vinceti, M
abstract

This study provides the dietary intakes of six trace elements (cadmium, chromium, copper, manganese, selenium and zinc), generally characterized by both nutritional and toxicological features depending on their exposure. Being diet the most relevant source of exposure to trace elements in non-professionally exposed subjects, we measured content of these trace elements in foods composing the typical Italian diet using inductively coupled plasma-mass spectrometry, and assessing dietary habits using a validated semi-quantitative food frequency questionnaire we eventually estimated dietary daily intake of trace elements in a Northern Italian community. In the 890 analyzed food samples, the main contributors to cadmium intake are cereals, vegetables and sweets, while cereals, beverages and vegetable are to primary source of manganese. The primary contributors for copper are cereals, fresh fruits and vegetables, while for chromium are beverages, cereals and meat. The main source of selenium intake are cereals and meat, followed by fish, seafood and milk and dairy products, while of zinc intake are meat, cereals, milk and dairy products. In our Italian population sample, the estimated median (interquartile range) dietary daily intakes are 5.00 (3.17-7.65), 56.70 (36.08-86.70) and 66.53 (40.04-101.32) µg/day for cadmium, chromium and selenium, and corresponding figures are 0.98 (0.61-1.49), 2.34 (1.46-3.52) and 8.50 (5.21-12.48) mg/day for copper, manganese and zinc. The estimated intakes are generally within the average intake reported in other European populations, and in such cases well above the daily dietary intakes recommended by national international agencies, avoiding the risk of excess or deficiency. The present estimated intake data can be used to examine a specific trace element of interest and would afford enhanced health protection from those trace elements characterized by both nutritional and toxicological effects.


2018 - Trace Elements in Human Milk from Italian Lactating Women: Comparison with Infant Formulas [Abstract in Rivista]
Righi, Elena; Fantuzzi, Guglielmina; Ferrari, Angela; Marchesi, Isabella; Pescarolo, Letizia; Casali, Maria Elisabetta; Venturelli, Francesco; Bargellini, Annalisa
abstract

Background: Human milk is the best source of nutrition for the newborns, and exclusive breastfeeding is recommended by WHO up to 6 months of age. It contains all the nutrients and essential trace elements necessary to ensure correct functioning of the organism. Infant formulas, the most common substitutes for human milk, usually contain nutrient levels modeled to have a composition similar to human milk. However, few recent data on nutrient levels in breast milk and infant formula are available from women living in Italy. The aim of this study was to determine the levels of five essential (Fe, Zn, Cu, Mn, Se) and four non-essential/toxic elements (Ni, Cr, Cd, Pb) in infant formulas and breast milk of women living in Modena, Italy and to compare them with recommended values. Methods: 130 samples of human milk (mature milk: 30-40 days postpartum) and a representative sample of infant formulas (0-6 months) sold in Italy were analyzed by ICP-MS in triplicate after microwave digestion. Results: Breast milk showed adequate levels of essential trace elements, despite the inter-individual variability observed, which was not influenced by women' characteristics and dietary habits. Non-essential/toxic elements content was well below the maximum tolerable limits set by the European Food Safety Authority (EFSA). In infant formulas as well, essential element levels were within the European recommended values, however, Fe and Mn levels, were significantly higher than in breast milk. Conclusions: The levels of essential micronutrients in lactating women living in Modena are suitable for the proper development of infants and no risk for excessive toxic elements intake was detected. Infant formulas show high fortification with Fe and Mn. Considering the growing evidence of cognitive development effects due to an excessive Mn intake, a deeper discussion on infants' Mn requirement is needed. According to our findings, breastfeeding should be still encouraged and recommended.


2018 - Trace elements in starter infant formula: dietary intake and safety assessment [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Venturelli, Francesco; Casali, Elisabetta; Ferrari, Angela; Marchesi, Isabella; Borella, Paola
abstract

The aim of this study was to investigate the concentrations of five essential (Fe, Mn, Zn, Cu and Se) and four non-essential/toxic elements (Cr, Cd, Ni and Pb) in 35 different starter infant formulas (0-6 months) sold in Italy. In addition, a safety assessment of these trace elements was carried out, by comparing the estimated daily intake (EDI) with the adequate intake (AI) and the provisional tolerable daily intake (PTDI), with a view to provide information on the metal distribution patterns and health risk to infants arising from the consumption of these products. The concentrations were determined by using inductively coupled plasma mass spectrometry after microwave digestion. The concentrations expressed in geometric mean ± geometric standard deviation of Fe (6.17 ± 1.61 mg/L), Zn (6.21 ± 1.31 mg/L), Cu (416.4 ± 1.21 μg/L), Mn (121.5 ± 1.85 μg/L) and Se (13.27 ± 1.67 μg/L) were within legal limits. In spite of this, the mean EDIs of Fe (4.81 mg/day) and Mn (94.75 μg/day) were many times higher than the recommended AI, especially for Mn. Chromium, Ni, Cd and Pb concentrations were not detectable in 11, 37, 57 and 66% of the samples, respectively. Considering the overall sample, the GM ± GSD of these elements were 4.80 ± 5.35 μg/L for Cr, 1.02 ± 11.65 μg/L for Ni, 0.21 ± 14.83 μg/L for Cd and 0.14 ± 17.13 μg/L for Pb. The mean EDIs were far below the respective PTDI. When the safety assessment was based on the 75° percentile level of each elements, all EDIs remained well below the PTDI, with the exception of Cd, whose EDI approached (74.7%), albeit remaining below the PTDI. In conclusion, our results and the increased awareness on the potential risks of excessive Mn and Fe for infants support that an urgent scientific-based definition of the appropriated levels of fortification in formulas is required. Moreover, regular monitoring of all the stages of production of infant formulas is essential in order to limit toxic metal contamination.


2017 - ELEMENTI IN TRACCIA NEL LATTE MATERNO: STUDIO ANALITICO TRASVERSALE SU UN CAMPIONE DI DONNE DELLA PROVINCIA DI MODENA [Abstract in Atti di Convegno]
Pescarolo, L.; Fantuzzi, G.; Righi, E.; Ferrari, A.; Marchesi, I.; Borella, P.; Bargellini, A.
abstract

INTRODUZIONE: L’allattamento al seno rappresenta la miglior fonte di nutrimento per i neonati di tutto il mondo tanto che l’OMS ne raccomanda l’esclusività fino al 6° mese di vita del bambino. Il latte umano fornisce tutte le sostanze nutritive, tra cui elementi essenziali in traccia, necessarie al corretto funzionamento dell’organismo del neonato. Tuttavia, può anche essere una potenziale fonte di elementi tossici, pericolosi per la salute del neonato, ed il loro contenuto può riflettere sia il livello di inquinamento ambientale che la dieta della madre. Scopo dello studio è quello di determinare nel latte materno di un campione rappresentativo di donne sane residenti a Modena e Provincia le concentrazioni di 5 microelementi essenziali come Fe, Zn, Cu, Mn, Se, di 2 elementi non essenziali come Ni e Cr e di due elementi tossici di grande rilevanza per il bambino come Pb e Cd, al fine di ottenere dati aggiornati ed aumentare le conoscenze riguardanti l’esposizione neonatale a tali elementi attraverso l’allattamento. MATERIALI E METODI: I campioni di latte materno sono stati raccolti tra il 30esimo e il 40esimo giorno post partum e le concentrazioni degli elementi in traccia sono state determinate attraverso ICP-MS, previa digestione con microonde. Sono state raccolte informazioni sulle abitudini alimentari materne e sui parametri socio-demografici. RISULTATI: 130 campioni di latte sono stati analizzati. Nonostante l’ampia variabilità inter-individuale, le concentrazioni medie di elementi in traccia essenziali risultano in linea con i valori raccomandati e il contenuto di elementi non essenziali/ tossici è ampiamente al di sotto dei limiti massimi tollerabili (PTDI) stabiliti dall’EFSA e dagli altri organi competenti. Le differenze osservate con altri studi possono essere attribuite al momento di raccolta del campione, a fattori ambientali o a differenze nella valutazione analitica. CONCLUSIONI: Possiamo confermare che i latti analizzati in questo studio contengono i livelli di micronutrienti essenziali adatti al corretto sviluppo del neonato e che l’allattamento al seno costituisce un metodo sicuro per l’alimentazione del neonato.


2017 - Toenail selenium as an indicator of environmental exposure: A cross-sectional study. [Articolo su rivista]
Filippini, Tommaso; Ferrari, Angela; Michalke, B; Grill, P; Vescovi, L; Salvia, Chiara; Malagoli, Carlotta; Malavolti, Marcella; Sieri, S; Krogh, V; Bargellini, Annalisa; Martino, Antonio; Ferrante, M; Vinceti, Marco
abstract

The relation between toxicity and essentiality of selenium (Se) is of growing interest in human health, as the effects may widely differ depending of its different chemical species and the exposure levels. Toenail Se has been proposed as a reliable biomarker of long-term Se exposure, but few studies investigated the correlation between its toenail content and environmental determinants (i.e., dietary food intake). We aimed to determine the relation of toenail Se levels with serum Se species as well as food items. We recruited a random sample of Modena (Northern Italy) municipal residents, from whom we collected detailed personal information, dietary habits, toenail specimen for Se determination and a blood sample for serum Se speciation analysis. Toenail Se mean value was 0.96 µg/g (range, 0.47‑1.60), with slightly higher levels in females, in non-obese subjects and in Se supplements users, while it was lower in current smokers. Toenail Se positively correlated with organic Se forms, mainly selenoprotein P and selenocysteine, and inversely with the inorganic forms (selenite and selenate). Toenail Se was not associated with meat, cereals and dairy products consumption, positively correlated with fruit and slightly with vegetable intake, and negatively with fish and seafood consumption. Finally, no clear association emerged with estimated air Se exposure.


2017 - Trace element concentrations in breast milk [Abstract in Rivista]
Borella, Paola; Fantuzzi, Guglielmina; Righi, Elena; Marchesi, Isabella; Ferrari, Angela; Paduano, Stefania; Bargellini, Annalisa
abstract

Breast milk is the best source of nutrition for the newborn infant, and exclusive breast feeding is recommended by WHO up to 6 months of age. Human milk provides all the nutrients including essential trace elements, Conversely, human milk can also be a potential source of undesirable (toxic) elements which are dangerous for a baby, and their content reflects the level of environmental pollution and the mother’s diet. The aim of this study is to provide updated information on concentrations of a wide range of essential, non-essential and toxic elements in human milk collected from a significant group of healthy lactating women living in Modena, Italy, together with information on dietary habits. Samples were collected between day 30 and 40 after childbirth, and the trace element concentrations were determined by inductively coupled plasma mass spectrometry (ICP-MS) after microwave digestion. Preliminary results show that concentrations in human milk of some essential trace elements like Fe, Zn, Cu, Se and Mn are in line with reference standard (WHO 1989). No detectable levels of Pb were found, whereas concentrations of Cd were detected in more than one third of mother’s milk samples, although none in amounts that could represent a health hazard.


2017 - Trace element concentrations in breast milk. Journal of Trace Elements in Medicine and Biology 41S (2017) 1–88. [Abstract in Rivista]
Borella, P; Fantuzzi, G; Righi, E; Marchesi, I; Ferrari, A; Paduano, S; Bargellini, A
abstract


2017 - Work-related stress and role of personality in a sample of Italian bus drivers [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Modenese, Alberto; Ferretti, Enrica; Ferrari, Angela; Licitra, Giuseppe; Vivoli, Roberto; Gobba, Fabriziomaria; Aggazzotti, Gabriella
abstract

BACKGROUND: Several studies have shown that professional drivers are at risk of developing work-related stress. Stress may be responsible for a variety of adverse effects and may also be associated with an increased number of accidents. OBJECTIVE: Perform an integrated, objective and subjective evaluation of work-related stress in bus drivers, that also considered the role of personality traits. METHODS: Salivary α-amylase and cortisol were measured in 42 bus drivers. Subjective stress evaluation was performed with the Perceived Stress Scale (PSS-10) and Driver Stress Inventory (DSI). To evaluate personality traits, we administered the Eysenck Personality Questionnaire-Revised (EPQ-R) and the Impulsivity Inventory (IVE). RESULTS: Salivary biomarkers showed no associations with PSS-10 and personality traits. Cortisol levels were positively correlated with fatigue (r = 0.44) at the middle of the work-shift and with aggression (r = 0.51) at the end of a day off. At the end of the work-shift, cortisol levels were negatively correlated with hazard monitoring (r = -0.37) and salivary α-amylase was positively correlated with thrill-seeking (r = 0.36). Neuroticism (β = 0.44) and impulsiveness (β = 0.38) were predictors of perceived stress by multiple regression. CONCLUSIONS: An integrated method, considering both objective and subjective indicators, seems adequate to evaluate work-related stress in professional drivers. Personality traits are relevant in determining perception of stress.


2016 - CONCENTRATIONS OF ESSENTIAL AND TOXIC ELEMENTS IN HUMAN MILK AND INFANT FORMULAS [Abstract in Atti di Convegno]
Bargellini, Annalisa; Venturelli, Francesco; Casali, Maria Elisabetta; Ferrari, Angela; Reghizzi, J; Fagioli, F; Pedrazzi, Marcello; Borella, Paola
abstract

Human milk represents the most suitable pattern of nutrients to meet the physiological requirements of the young infant and exclusive breast feeding is recommended up to 6 months of age. When breast feeding is not possible, infant formulas are often used as substitutes for human milk, hence, an accurate knowledge of their composition, also in term of trace elements, is essential to understand if the nutrient requirements of the infant fed with formulas are adequate. Essential trace elements play a relevant role in growth and development. Although they are required only in small amounts, the intake may not always be adequate, and their amount in formula composition has received insufficient attention. Moreover, infant formula and human milk may hold toxic elements as a result of environment pollution or food processing. The main objective of this study is to compare the total concentrations of Fe, Zn, Cu, Mn, Se, Cr, Ni, Cd and Pb in a representative sample of infant starting (0-6 months) formulas consumed in Italy (n=35) with just as many breast milk samples of healthy lactating women from Modena (Italy) and collected on 30 day postpartum. The element concentrations were determined by ICP-MS after microwave digestion. The levels of essential elements in infant formulas were within min/max of recommended values established by the European directives. Concentrations of Pb and Cd were detected in some infant formulas, although none in amounts that could represent a health hazard for the consumer. As expected Cu, Fe, Zn and Mn are significantly higher in all investigated formulas compared to breast milk, due to fortification associated with their poor absorption from artificial products. Growing evidence of negative effects on cognitive development from excessive Mn intake suggests a reconsideration on the real need to fortify commercial human-milk substitutes to high concentrations, in order to ensure infant health


2016 - Monitoring metals in toenail samples of a population living in the vicinity of the solid waste incinerator of Modena, Northern Italy [Abstract in Rivista]
Gatti, Mg; Bechtold, P; Barbieri, G; Iacuzio, Laura; Borsari, Lucia; Casari, A; Ferrari, Angela; Righi, Elena; Quattrini, G; Botosso, E; Carluccio, Eugenia; Gherardi, B; Soncini, Francesco; Schiavi, A; Ranzi, A; Lauriola, P; Aggazzotti, Gabriella; Goldoni, Ca
abstract

Introduction: As part of the authorization process for the expansion of the solid waste incinerator (SWI), a cross-sectional biomonitoring study was conducted to identify markers of chronic exposure. Metals were measured in toenails, as a single sample is assumed to represent long-term exposure. Methods: Around 500 subjects aged 18-69 yrs. and living within 4-km from the plant were enrolled between Oct. 2013-May 2014. Sampling method implied stratification by exposure, gender and age-group. Toenails were disintegrated by acid mineralization and analyzed through inductively coupled plasma mass spectrometry for concentrations of Cd, Cr, Mn and Ni. SWI exposure was estimated through fallout maps. Biannual PM10 level prior to sampling was assigned according to subjects’ residence and workplace. Confounders were assessed by questionnaire covering personal and health data, lifestyle, residential and occupational information, traffic exposure and diet. Multivariate regression models were performed. Results: Cd, not detectable in >50% of samples, was not further analyzed. Cr, Mn and Ni were detectable in >95% of samples. Significant positive relations were observed for diet, personal and lifestyle characteristics, as well as for SWI exposure. Conclusions: results appear consistent with literature-known associations, suggesting that toenails can be appropriate in assessing chronic exposures of Ni, Mn and Cr, while Cd is probably poorly accumulated in nails. Relations observed with SWI exposure should be accurately considered.


2015 - Assessment of cadmium levels in serum, toenails and diet: A cross sectional study in Modena, Northern Italy. [Abstract in Atti di Convegno]
Filippini, Tommaso; Bottecchi, Iliaria; Arcolin, Elisa; Iacuzio, Laura; Malagoli, Carlotta; Vescovi, L; Ferrari, Angela; Martino, Antonio; Malavolti, Marcella; Cavazzuti, L; Sieri, S; Krogh, V; Michalke, B; Vinceti, Marco
abstract

Assessment of cadmium levels in serum, toenails and diet: A cross sectional study in Modena, Northern Italy.


2015 - Biomonitoring of the population living near the solid waste incinerator plant in Modena, Italy. [Abstract in Atti di Convegno]
Iacuzio, Laura; Gatti, Mg; Bechtold, P; Barbieri, G; Righi, Elena; Ferrari, Angela; Gherardi, B; Alice, Casari; Ranzi, A; Borsari, Lucia; Carluccio, Eugenia; Bottosso, Emanuele; Soncini, Francesco; Lauriola, P; Aggazzotti, Gabriella
abstract

Background and aims: As part of the authorization process for the expansion of the municipal solid waste incinerator of Modena, a cross-sectional biomonitoring study on toenail samples was conducted to identify biomarkers of exposure in resident population. Methods: Approximately 500 people were enrolled between October 2013 and May 2014, among residents for at least 3 years within 4 km from the plant. Sampling method implied stratification by exposure, gender and age-group (18-34, 35-49 and 50-69 years). Sampling exposure level was measured through the annual mean PM10 concentration map for 2010. Toenail samples were disintegrated by acid mineralization and tested through inductively coupled plasma mass spectrometry for concentrations of cadmium, chromium, manganese and nickel. Confounders were assessed through a questionnaire covering: personal and biometric data, lifestyle, residential information including traffic exposure, occupational history, health condition and diet. Effective exposure was estimated through fall-out maps from a quasi-gaussian dispersion model. Biannual PM10 concentration prior to the collection date (second semester 2013/first semester 2014) was assigned according to subjects residence and workplace address; exposure values were divided into quartiles. Multivariate regression analyses were performed. Results: Chromium, manganese and nickel were measurable in >95% of samples. Concentrations varied between 0.02-35.11 µg/g for chromium (median 0.52, 5th-95th perc 0.09-4.95), 0.02-7.23 for manganese (median 0.25, 5th-95th perc 0.07-0.97), 0.004-39.28 for nickel (median 0.28, 5th-95th perc 0.03-3.74). Cadmium resulted under the limit of quantification in 74.1% of the samples (range 0.006-0.19 µg/g), and was not included in the analysis. Multivariate regression models showed the following relations: - Chromium: positive relation with incinerator exposure, female gender, education level, hair dye, permanent make-up, woodworking hobby, locally-grown food consumption, orange juice consumption; negative relation with foreign citizenship. - Manganese: positive relation with incinerator exposure, female gender, occupational exposure, sculpture/building hobby, time spent outdoor, presence of prostheses, use of wood as heating system, locally-grown food and red wine consumption; negative relation with age and with all the months of collection except for the last one (May 2014) compared with the first (Oct 2013). - Nickel: positive relation with use of costume jewelry, presence of amalgam fillings, consumption of tomatoes and vegetable pies; negative relation with age. Conclusions: The analysis of heavy metal levels in toenails is a relatively recent technique, therefore reference levels are not available in literature and an analysis on the general distribution of sample levels cannot be performed. However, the presence of some expected associations in multivariate analysis (nickel with use of costume jewelry and tomatoes consumption; manganese with firewood use) suggests that our study method can be appropriate in assessing chronic exposures. Results showed association trends with incinerator exposure for manganese and chromium levels. Findings should be reassessed as soon as more accurate traffic exposure control is available.


2015 - Livelli di Cadmio e Manganese e correlazione con caratteristiche individuali e abitudini alimentari - Uno studio di popolazione nel Nord Italia. [Abstract in Atti di Convegno]
Filippini, Tommaso; Malagoli, Carlotta; Storani, Simone; Ferrari, Angela; Cavazzuti, L; De Girolamo, G; Michalke, B; Vinceti, Marco
abstract

.


2015 - TRACE ELEMENTS IN INFANT MILK [Abstract in Atti di Convegno]
Bargellini, Annalisa; Elisabetta, Casali; Ferrari, Angela; Venturelli, Francesco; Borella, Paola
abstract

Introduction: When breast feeding is not possible, infant formulas are often used as substitutes for human milk and play an indispensable role in infant nutrition. These substitutes are specially manufactured and fortified with micronutrients such as vitamin, trace and mineral elements, essential to satisfy the nutritional requirements of infant. Although trace elements play an important role in infants’ growth and development, their amount in formula composition has received very little attention, since recent research on such food has focused mainly on protein and energy content. We aimed to determine the levels of various essential (Fe, Zn, Cu, Mn, Se, Cr) and toxic (Cd, Pb) elements in a representative sample of infant starting (0-6 months) formulas consumed in Italy, in order to increase the knowledge on infant exposure to trace elements and to compare the results with standard recommended values. Formula milk concentrations of the investigated elements were also compared with those obtained in a sample of mother’s milk. Materials and methods: The mineral content of the commercially available milk-based infant formulas consumed in Italy together with 5 human milk samples were investigated. We included starting infant cow’s milk, powder and liquid formulas and we excluded products not officially on sale in Italy. Dry powder milk samples were reconstituted according to the manufacturer's instructions, using distilled water to avoid any external contamination. The levels of elements were determined by ICP-MS after microwave digestion. For the precision and accuracy of the method, a standard reference material (BCR 063R: whole milk powder) was analyzed. Results: The levels of essential elements were within min/max of recommended values established by European directives. Fe, Zn and Mn were significantly higher in all investigated formulas than in breast milk. Particularly, concentrations of Mn from formula varied from 15 up to 40 times the concentration of breast milk. Concentrations of Pb and Cd were detected in some infant formulas, although none in amounts that could represent a health hazard for the consumer, while they were not detected in human milk. Conclusion: The results of this study highlight two important aspects: the presence in infants formulas, although at low levels, of toxic elements such as lead and cadmium, which in our opinion should be absent in food products, and the excessive fortification of essential elements such as Fe, Zn, Mn in infant formulas in comparison to breast milk. Growing evidence of negative effects on cognitive development from excessive Fe and Mn intake suggests, in line with other researchers, a deep consideration on the real need to fortify commercial human-milk substitutes to such high concentrations, since infants are characterized by higher absorption and less effective excretion of dietary elements compared to adults


2014 - Defining the best cut-off value for lymphopenia in diffuse large B cell lymphoma treated with immuno-chemotherapy [Articolo su rivista]
Bari, Alessia; Tadmor, T.; Sacchi, Stefano; Marcheselli, Luigi; Cox, C.; Liardo, ELIANA VALENTINA; Pozzi, Samantha; Beniamini, N.; Avivi, I.; Ferrari, Angela; Baldini, L.; Falorio, S.; Gobbi, P.; Federico, Massimo; Polliack, A.
abstract

Abstract not available


2012 - A case-control study of the risk of cutaneous melanoma associated with three selenium exposure indicators [Articolo su rivista]
Vinceti, Marco; C. M., Crespi; Malagoli, Carlotta; Bottecchi, Iliaria; Ferrari, Angela; S., Sieri; V., Krogh; D., Alber; Bergomi, Margherita; Seidenari, Stefania; Pellacani, Giovanni
abstract

Aims and background. A direct association between exposure to the metalloid sele-nium and risk of cutaneous melanoma has been suggested by some observational and experimental cohort studies, whereas other studies have yielded inconsistent re-sults. Since some of the inconsistencies may be due to exposure misclassification arising from the use of exposure indicators that do not adequately reflect body tissue selenium content or the levels of the biologically relevant species of this metalloid, we examined this issue using multiple indicators of exposure. Methods. We analyzed the relation of selenium exposure with risk of cutaneous melanoma using two different biomarkers, plasma and toenail selenium concentra-tion, and estimated dietary selenium intake in a community-based case-control se-ries (54 cases, 56 controls) from an Italian community. Results. In unmatched and matched logistic regression models as well as nonpara-metric generalized additive models, higher plasma selenium levels were strongly as-sociated with excess disease risk. In contrast, toenail and dietary selenium exhibited little relation with melanoma risk. The pattern of correlation among indicators of ex-posure differed by disease status, with dietary intake associated with plasma seleni-um levels in patients but not in controls. Conclusions. Our data showed that different selenium exposure indicators can yield different inferences about melanoma risk. Although the series was small, our results are consistent with a positive association between circulating levels of selenium and melanoma risk. Further investigation of the exposure classification performance of various selenium biomarkers and of metabolic patterns of the metalloid and of its speciation are needed to help elucidate the relation between selenium exposure and human health.


2011 - Parameters predictive of Legionella contamination in hot water systems: association with trace elements and heterotrophic plate counts [Articolo su rivista]
Bargellini, Annalisa; Marchesi, Isabella; Righi, Elena; Ferrari, Angela; S., Cencetti; Borella, Paola; Rovesti, Sergio
abstract

The contamination of hot water samples with Legionella spp. was studied in relation to temperature, total hardness, trace element concentrations (iron, zinc, manganese, and copper) and heterotrophic plate counts (HPC) at both 22 and 37 °C. Factor analysis and receiver operating characteristic (ROC) curves were used to establish the cut-off of water parameters as predictors for Legionella contamination. Legionella spp. were isolated in 194 out of 408 samples (47.5%), with L. pneumophila being the most common (92.8%). After multiple logistic regression analysis, the risk for legionellae colonisation was positively associated with Mn levels >6 µg l-1, HPC at 22 °C >27 CFU l-1, and negatively with temperature >55 °C and Cu levels >50 µg l-1. Multiple regression analysis revealed that Legionella spp. counts were positively associated with Mn, HPC at 37 °C and Zn and negatively associated with temperature. Only 1 out of the 97 samples (1%) having a Mn concentration, an HPC at 22 °C and an HPC at 37 °C below the respective median values exhibited a Legionella spp. concentration exceeding 104 CFU l-1 vs. 41 out of the 89 samples (46.1%) with the three parameters above the medians. Our results show a qualitative and quantitative relationship between Legionella spp., the Mn concentration and heterotrophic plate counts in hot water samples from different buildings, suggesting that these parameters should be included in a water safety plan. The role of manganese in biofilm formation and its possible involvement in the mechanisms favouring Legionella survival and growth in water niches should be investigated further.


2011 - Valutazione dello stress in un campione di conducenti di autobus [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; M., Busacchi; Ferrari, Angela; Ferretti, Enrica; Licitra, Giuseppe; Pellegrini, Massimo; R., Vivoli
abstract

OBIETTIVI: Lo studio si prefigge di stimare in conducenti di autobus l’entità dello stress generato dalla guida e l’influenza di fattori individuali quali età, profilo psicologico e stile di vita. Metodi-Sono stati reclutati su base volontaria, previo consenso informato, METODI 40 conducenti di mezzi adibiti al trasporto di persone, di sesso maschile ed età compresa tra 28 e 58anni. I partecipanti allo studio sono stati sottoposti ad una accurata anamnesi per acquisire valutazioni antropometriche e dati circa stile di vita, durata e qualità del sonno notturno e profilo di personalità. Le caratteristiche personologiche sono state valutate con l’Eysenck Personality Questionnaire – Forma ridotta (EPQ-R) e il questionario per l’impulsività (IVE). Per la valutazione soggettiva dello stress lavorativo ai conducenti sono stati somministrati il Perceived Stress Scale (PSS) e il Driver Stress Inventory (DSI). Riguardo alla misura oggettiva dello stress, in un giorno lavorativo - prima, durante e al termine del turno diguida - e nello stesso arco orario di un giorno di riposo, i conducenti hanno provveduto a raccogliere campioni salivari, sui quali sono stati determinati cortisolo e á-amilasi, quali indicatori biochimici dei due principali sistemi coinvolti nella reazione da stress.RISULTATI: I punteggi ottenuti dai questionari (PSS, DSI, EPQ-R, IVE) somministrati nel campione finora analizzato sono collocabili per la maggior parte nel range di normalità in rapporto alla fascia di età. Relativamente agli indicatori biochimici misurati nei campioni di saliva, si è rilevato, durante il turno lavorativo rispetto al giorno di riposo assunto come controllo, un incremento dei livelli sia di á-amilasi che di cortisolo, più marcato rispettivamente all’inizio e a metà del turno di guida. L’analisipreliminare delle correlazioni ha evidenziato un’associazione positiva tra lo stress percepito (PSS) con le sottoscale thrill seeking (DSI), estroversione (EPQ-R), nevroticismo (EPQ-R) e impulsività (IVE). I livelli salivari di á-amilasi infine sono risultati positivamente correlati con le sottoscale del thrill seeking (DSI) e dello psicoticismo (EPQ-R).CONCLUSIONI: Nel campione di autisti esaminato i risultati preliminari depongono per un’associazione tra ricerca del brivido (tratto di vulnerabilità allo stress da guida) e valutazione sia soggettiva (stress percepito) che oggettiva di stress (livelli salivari di á-amilasi, marcatore biochimico della reazione di stress acuto). Se i dati preliminari verranno confermati da uno studio più esteso, potranno fornire utili strumenti per una valutazione integrata dello stress lavoro correlato.


2010 - Exposure to selenium and risk of cutaneous melanoma. [Abstract in Rivista]
Vinceti, Marco; Malagoli, Carlotta; Ferrari, Angela; Storani, Simone; Pellacani, Giovanni; Seidenari, Stefania
abstract

Selenium (Se) is a metalloid of strong toxicological and nutritional interest in human health, and both beneficial and adverse effects on the risk of human cancer have been suggested on the basis of epidemiologic and laboratory studies. A recent trial has shown no beneficial effects of Se on cancer risk, and two prospective studies indicated an excess incidence of melanoma among subjects with the highest Se exposure. We investigated this possible association through a population-based case-control study in an Italian community.Fifty-nine patients with newly-diagnosed cutaneous melanoma and fifty-nine population controls residing in the city of Modena, northern Italy, reported details about their life-style and dietary habits and yielded a blood sample. We assessed serum Se concentrations through atomic absorption spectrometry, and we calculated the relative risk (RR) of melanoma with its 95% confidence interval (CI) associated with serum Se concentrations through conditional and unconditional logistic regression models, adjusting for potential confounders.RR of melanoma was increased in the middle tertile (2.2, 95% CI 0.7-6.9) and in the upper tertile (4.4, 95% CI 1.5-12.6) of serum Se levels, as compared to subjects in the bottom tertile, with P for linear trend of 0.001. These results were substantially confirmed after adjustment for potential confounders such as family history of melanoma, number of atypical nevi, sun exposure, history of sunburns, and education. Serum Se levels were associated to dietary intake of Se, as evaluated through a semi-quantitative food frequency questionnaire, in patients but not in controls.In this population, disease risk was strongly associated with a biological indicator of Se exposure, serum Se concentration, though risk estimates were statistically unstable due to the small sample size. Study findings appear to confirm that exposure to environmental Se increases the risk of cutaneous melanoma.


2010 - I fattori umani e la sicurezza alla guida: studio dei rapporti tra alcune variabili individuali (età, metabolismo basale, variabili antropometriche, composizione corporea, variabili biochimiche) e performance psico-motoria. [Abstract in Rivista]
Licitra, Giuseppe; R., Vivoli; Malavolti, Marcella; Ferrari, Angela; Martino, Antonio; S., Lugli; Bergomi, Margherita
abstract

Considerando che è ancora scarsamente indagato il ruolo che potrebbero avere alcune variabili individuali sulla sicurezza alla guida, anche in relazione al momento della giornata e all’eventuale assunzione dei pasti, ci siamo proposti di valutare, in differenti orari della giornata, l’influenza di alcuni fattori individuali sui livelli di performance psicomotoria.Sono stati presi in esame14 soggetti di età compresa tra i 19 e 45 anni, di cui sono stati acquisiti preliminarmente i seguenti dati: età, tipologia circadiana Composite Scale of Morningness), misure antropometriche, composizione corporea (massa magra e massa grassa) e spesa energetica basale. In 3 differenti giornate, sono state effettuate le misurazioni dei tempi di reazione a stimoli semplici (RT e RT motorio) e complessi (DT) (Vienna Test System), in tarda mattinata e nel primo pomeriggio, dopo l’assunzione di pasti calibrati, per un totale di 84 acquisizioni . Sono stati inoltre misurati i seguenti parametri biochimici: glucosio, insulina, glucagone, colesterolo totale e trigliceridi (ematici) e serotonina (urinaria). I risultati hanno evidenziato interessanti rapporti associativi tra l’età, alcuni dei parametri biochimici esaminati e i livelli di performance (tempi di reazione). Nello specifico è stata rilevata una relazione diretta tra età e tempi di reazione a stimoli complessi (DT). Prendendo in considerazione invece le variabili biochimiche, una relazione inversa è stata evidenziata tra livelli ematici di glucagone e tempi di reazione a stimoli complessi (DT ), in entrambi gli orari considerati.. Una relazione inversa è emersa inoltre tra livelli ematici di glucagone, RT e tempo di reazione motorio (RT mot.), e nel contempo tra glicemia e RT mot., limitatamente alla prima rilevazione. Rapporti associativi inversi sono infine emersi dopo il pasto, tra massa magra, metabolismo basale, livelli urinari di serotonina e RT e RT mot.Considerando che la guida di un veicolo è un’attività molto complessa, che richiede prestazioni psicofisiche costantemente efficienti da parte del guidatore, i risultati conseguiti possono avere interessanti risvolti nei confronti della sicurezza stradale. Degno di nota è il reperto di un’influenza negativa dell’età sui livelli di performance. Rispetto ai parametri biochimici i risultati ottenuti evidenziano che l’omeostasi del glucosio gioca un ruolo importante nella performance ed in particolare adeguati livelli glicemici sembrano necessari per il mantenimento di una buona performance psicomotoria. Di particolare interesse sono anche le relazioni emerse tra metabolismo basale, composizione corporea e tempi di reazione.


2010 - La valutazione dello stress lavoro correlato: protocollo per stimare lo stress in conducenti professionisti mediante misure soggettive ed oggettive [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Busacchi, Marcello; Ferrari, Angela; Ferretti, Enrica; Licitra, Giuseppe; Malavolti, Marcella; R., Vivoli
abstract

Obiettivi specifici: Stimare l’entità dello stress generato dalla guida e individuare le variabili ad esso correlate, sia individuali che legate all’organizzazione del lavoro, valutando nel contempo le relazioni tra diverse metodologie di valutazione dello stress sia con misure soggettive che oggettive. Protocollo dello studio. Saranno reclutati sia conducenti di autobus urbani che di veicoli commerciali per il trasporto di merci.Il protocollo dello studio prevede l’esecuzione delle seguenti indagini: visita medica e somministrazione di questionari per stimare le caratteristiche di personalità (EPQ-R), lo stile di vita, le abitudini alimentari, lo stress percepito (Perceived Stress Scale) e l’entità dello stress da guida (DSI), l’ eventuale presenza di sonnolenza diurna e di segni e/o sintomi indicativi di apnee ostruttive nel sonno o di altre alterazioni del ciclo sonno-veglia (Questionario sui Disturbi della Vigilanza ). Su campioni di saliva raccolti prima, durante e al termine del turno di guida e nella stessa fascia oraria di un giorno di riposo saranno determinate le concentrazioni di melatonina (marcatore del ciclo sonno-veglia), oltre che di cortisolo e alfa-amilasi quali indicatori biochimici dei due principali sistemi coinvolti nella reazione da stress. Contestualmente, per 72 ore, sarà applicato all’avambraccio degli autisti l’holter motorio-metabolico Sensewear Armband, in grado di derivare alcune variabili elettrofisiologiche quali la temperatura cutanea, la risposta galvanica della cute, il calore dissipato, e il movimento corporeo.I risultati conseguiti dovrebbero permettere di approfondire le conoscenze sui seguenti aspetti:•entità dello stress legato alla guida nei guidatori professionisti e variabili individuali e lavorative ad esso maggiormente correlate;•relazioni tra stima dello stress lavorativo ottenuta con misure soggettive (questionari) e oggettive (indicatori biochimici e parametri elettrofisiologici registrati dall’holter metabolico);•ruolo dello stress o di altre variabili (debito di sonno, cronotipo, alimentazione, consumo di alcol o assunzione di farmaci, organizzazione del lavoro…) nel condizionare la percezione i stanchezza e sonnolenza durante il turno di lavoro.I risultati dello studio dovrebbero quindi fornire le basi conoscitive per identificare i metodi più idonei per una valutazione accurata dello stress lavorativo oltre che per programmare interventi volti a modificare le variabili, sia individuali che occupazionali che possono condizionare il rischio di incidenti stradali nei guidatori professionisti.


2010 - Ruolo di alcuni fattori psico-fisiologici sulla sicurezza alla guida [Articolo su rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio; Bussetti, Pamela; Ferrari, Angela; R., Vivoli
abstract

Nell’ambito di un più vasto progetto di ricerca sul ruolo di alcuni fattori umani nel determinismo degli incidenti stradali, il presente studio si propone di studiare, in giovani adulti, le relazioni tra i comportamenti alla guida e i tratti della personalità indagando altresì i correlati neuroendocrini degli aspetti psicologici e comportamentali esplorati. Un ulteriore obiettivo è quello di stimare in quale misura i livelli di performance siano condizionati da fattori demografici, cronobiologici e psicologici.E’ stata rilevata una correlazione tra frequenza di violazioni del codice della strada, il tratto della personalità che esprime l’estroversione e il punteggio della scala “Sensation Seeking”, confermando l’influenza di tale componente della personalità nell’adozione di comportamenti a rischio. E’ inoltre emerso che i soggetti maggiormente predisposti alla mattutinità sono più propensi ad avere comportamenti di guida sicuri.Circa le relazioni tra neutrasmettitori e comportamenti alla guida è stata individuata una associazione positiva tra i livelli di dopamina e la frequenza di violazioni del codice della strada, mentre è stata registrata una correlazione negativa tra frequenza di errori alla guida e livelli di adrenalina.Concludendo, l’individuazione delle variabili psico-fisiologiche correlate a comportamenti di guida rischiosi potrebbe essere un utile strumento per impostare interventi di prevenzione degli incidenti stradali mirati ai soggetti ad alto rischio.


2010 - Selenium in serum, toenails and diet in an italian population [Abstract in Rivista]
Vinceti, Marco; Malagoli, Carlotta; Ferrari, Angela
abstract

Background. Selenium is a trace element of strong toxicological and nutritional interest, and its deficiency and excess have been involved in the etiology of several human diseases. Uncertainties exist about current selenium status in the Italian population and the optimal methodologies to be used to assess intake of this metalloid in epidemiologic studies.Applied techniques. We analyzed in 56 randomly selected residents in Modena, a municipality of northern Italy, the selenium concentrations in serum and in toenails and the dietary intake of the metalloid. We also investigated the correlations between these indicators of selenium exposure. Serum and toenail selenium levels were determined using atomic absorption spectrometry with Zeeman background correction and neutron activation analysis, respectively, and dietary intake was assessed using a semiquantitative food frequency questionnaire and a specifically developed database of selenium content in foods. Correlation analysis was carried out by calculating Spearman correlation coefficient.Important results. Mean serum selenium concentration was 85.9 µg/l, with a median value of 89.2 and a standard deviation of 21.7. Average levels were higher in females (89.7) than in males (81.2). Mean toenail selenium was 0.65 µg/g, with higher values in females (0.68) than in males (0.61). Dietary selenium intake averaged 59.4 µg/day (standard deviation 19.7), with slightly higher figures for males (60.1) than for females (58.8). We found an association of serum selenium concentrations with toenail levels of the metalloid (P=0.045) but not with dietary intake (P=0.285). Despite the limitations of the study due to the small sample size, these observations clearly indicate the complexity of assessing selenium status, suggesting an association between biological indicators of exposure such as serum and toenail selenium content, and little relation between dietary intake and biomarkers.


2010 - Valutazione dell’assunzione di selenio: aspetti metodologici [Abstract in Rivista]
Vinceti, Marco; Malagoli, Carlotta; Ferrari, Angela; Storani, Simone; Bonvicini, Francesca; Bergomi, Margherita
abstract

Il selenio è un oligoelemento di notevole interesse tossicologico e nutrizionale e la sua carenza o il suo eccesso possono avere gravi effetti sulla salute umana. Tuttavia esistono incertezze in merito all’assunzione attuale di selenio nella popolazione italiana e alle metodologie ottimali da utilizzare per valutare l'assunzione di questo metalloide nell’ambito degli studi epidemiologici. In un campione di 56 residenti di una provincia dell’Italia settentrionale, abbiamo analizzato le concentrazioni di selenio nel siero e nelle unghie dei piedi e l'assunzione mediante la dieta, analizzando la correlazione tra questi indicatori di esposizione. I livelli di selenio nel siero e nelle unghie sono stati determinati mediante spettrometria ad assorbimento atomico e attivazione neutronica, rispettivamente, mentre l’assunzione dietetica è stata stimata con il questionario EPIC. La concentrazione sierica media di selenio è risultata 85,9µg/l, con deviazione standard (DS) 21,7, e livelli più elevati nelle femmine. Le concentrazioni nelle unghie sono risultate pari a 0,65µg/g, con valori più elevati nelle donne. L’apporto dietetico di selenio è stato pari a 59,4 µg/die (DS 19,7), con valori leggermente superiori nei maschi. Le concentrazioni di selenio nel siero sono risultate associate ai livelli nelle unghie (P=0,045) ma non all'assunzione alimentare (P=0,285). Nonostante i limiti dello studio soprattutto a causa delle ridotte dimensioni del campione, queste osservazioni indicano chiaramente la complessità della valutazione dello stato del selenio nell’uomo, suggerendo una stretta relazione tra indicatori biologici di esposizione ed un limitato rapporto tra essi e la stima dell’assunzione del metalloide attraverso la dieta.


2009 - Studio sperimentale sui rapporti tra tipologia del pasto assunto e performance di guida [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; B., Corradini; Ferrari, Angela; M., Malavolti; Martino, Antonio; Tarozzi, Giorgio; R., Vivoli
abstract

Introduzione – Ancora controverso è il ruolo della dieta sulle funzioni cognitive ed in particolare poco conosciuti sono gli effetti dell’assunzione di pasti diversi per apporto calorico e/o rapporto tra macronutrienti sulla performance di guida. L’obiettivo del presente studio è quello di valutare, con un disegno sperimentale, l’influenza di diverse tipologie di pasti sui livelli di performance, indagando altresì le modificazioni metaboliche e ormonali sottese.Materiali e metodi - 10 soggetti di sesso maschile, di età compresa tra 18 e 45 anni, sono stati invitati, in 3 differenti giornate, a consumare pasti diversi per apporto calorico e rapporto tra macronutrienti (2 pasti da 600 kcal e 1 da 1000 kcal). Prima dei pasti e a distanza di 30 minuti dal loro termine sono stati eseguiti i seguenti accertamenti: misura dei tempi di reazione a stimoli semplici e complessi (Vienna Reaction Test e Determination Test), misura dei livelli ematici di glucosio, insulina e glucagone, e valutazione dell’assetto lipidico.Risultati - I risultati hanno evidenziato interessanti rapporti associativi tra i parametri biochimici esaminati e i livelli di performance (tempi di reazione). In particolare è stata riscontrata una relazione inversa tra livelli glicemici e tempi di reazione a stimoli semplici, e tra livelli di glucagone e tempi di reazione a stimoli complessi. I livelli ematici di insulna sembrano invece condizionare negativamente la performance dei soggetti. I migliori livelli di performance sono stati rilevati dopo l’assunzione del pasto da 600 calorie con una maggiore proporzione relativa di proteine.Conclusioni - I dati ottenuti dallo studio documentano l’importante ruolo di un adeguato tasso glicemico e di un rapporto ottimale glucagone insulina sulla performance. L’estensione dello studio sia in termini di dimensioni del campione sperimentale che di tipologia dei pasti consentirà di definire protocolli alimentari idonei a garantire i migliori livelli di performance nei conduttori di autoveicoli.


2008 - Studies on the anti-proliferative effects of novel DNA-intercalating bipyridyl-thiourea-Pt(II) complexes against cisplatin-sensitive and -resistant human ovarian cancer cells. [Articolo su rivista]
Marverti, Gaetano; Matteo, Cusumano; Ligabue, Alessio; Maria Letizia Di, Pietro; Pasquale Antonio, Vainiglia; Ferrari, Angela; Bergomi, Margherita; Maria Stella, Moruzzi; Frassineti, Chiara
abstract

Six bipyridyl complexes of platinum(II) with thiourea, with different substituents on thiourea moiety [Pt(bipy)(R,R0NCSNR00,R000)2]Cl2(bipy = 2,20-bipyridine: R = R0 =R00 =R000 = H; R = Me, R0 =R00 =R000 =H;R=n-Bu, R0 =R00 =R000 = H; R = Et, R0 =H,R00 = Et,R000 =H; R=p-tolyl, R0 =R00 =R000 = H; R = phenyl, R0 =H, R00 = phenyl, R000 = H), rationally designed to intercalate into DNA,have been tested against a cisplatin (cDDP)-sensitive human ovarian carcinoma cell line (2008) and its -resistant variant (C13*). We showhere that the anti-proliferative efficacy of these drugs was dependent on molecular structure, since it increased with ancillary ligand bulkinessand hydrophobicity of substituents on thiourea moiety. In particular, the presence of two phenyl groups on thiourea moiety confersan outstanding cytotoxicity. The increasing cell growth inhibition along the series of complexes partially paralleled with drug accumulation,particularly in resistant cells, but not with drug intercalation into DNA since all compounds exerted comparable ethidium bromidedisplacement ability. The cDDP-resistant phenotype seems, at least in part, to be involved in the action of these compounds, since the levelof cross-resistance established for most complexes appeared to be in agreement with the observed impairment of drug accumulation in theresistant subline. These findings indicate that resistance to alkylating agents such as cDDP confers low level of cross-resistance to this classof DNA intercalators, which, however, depending on substituents on thiourea moiety may present remarkable cell growth inhibition evenof resistant cells.


2008 - Studio dei correlati biochimici della personalità e dei comportamenti alla guida [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, R; Bussetti, Pamela; Ferrari, Angela; Vivoli, Gianfranco; Rovesti, Sergio
abstract

PREMESSE: Nell’ambito di un più vasto progetto di ricerca volto adapprofondire il ruolo svolto da alcuni fattori umani nel determinismo degli incidenti stradali, ci siamo proposti di indagare i possibili correlati biochimici di alcune variabili psicologiche e dei comportamenti alla guida che possono compromettere la sicurezza sulla strada, quale base conoscitiva per la messa a punto di idonee strategie di prevenzione.MATERIALI E METODI: A 100 soggetti di età compresa tra 20 e 39anni sono stati somministrati questionari tesi a stimare i comportamenti abituali alla guida (Driver Behavioural Questionnaire), il profilo di personalità (Big Five Questionnaire) e l’inclinazione a ricercare sensazioni forti (Sensation Seeking Scale). Quali correlati neuroendocrini della personalità e dei comportamenti alla guida sono stati misurati i livelli urinari di adrenalina, noradrenalina, dopamina e serotonina mediante la tecnica HPLC.RISULTATI: L’analisi delle correlazioni semplici ha documentato una associazione positiva tra livelli urinari di dopamina punteggio della Sensation Seeking Scale (r= 0,237; p= 0,020), e un rapporto associativo inverso tra livelli di adrenalina e frequenza di errori che possono compromettere la sicurezza alla guida (r= -0,269; p= 0,010). L’analisi di regressione multipla, condotta utilizzando i comportamenti alla guida come variabili dipendenti, ha confermato l’effetto indipendente dell’adrenalina sugli errori alla guida e, nei soggetti non fumatori, un ruolo predittivo dei livelli di dopamina nei confronti delle violazioni del codice della strada.CONCLUSIONI: I risultati ottenuti supportano l’ipotesi che un certogrado di attivazione adrenergica, ed i conseguenti effetti sullo stato di vigilanza, possa avere ricadute positive sulla sicurezza alla guida. La relazione positiva tra dopamina, punteggio della Sensation Seeking Scale e frequenza di violazioni al codice della strada avvalora l’ipotesi della letteratura che alla base della diversa propensione individuale a ricercare sensazioni forti, tra cui comportamenti di guida rischiosi, ci siano differenze del sistema dopaminergico.


2008 - Valutazione dello stress nei pazienti odontoiatrici [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Vivoli, R; Fornaciari, F; Ferrari, Angela; Bussetti, Pamela
abstract

PREMESSE: Numerosi studi hanno evidenziato che una quota rilevante dei pazienti prova un certo grado di ansia e paura nei confronti del trattamento odontoiatrico e vive la seduta dal dentista come un evento stressante. È stato inoltre ipotizzato che il livello di stress generato dalla seduta odontoiatrica sia condizionato da diversi fattori sia legati allo specifico trattamento odontoiatrico che alle caratteristiche individuali del paziente stesso (sesso, età, personalità, pregresse esperienze …). Obiettivo del presente studio è valutare, attraverso la stima del grado di attivazione neuroendocrina, se e in che misura, la seduta dal dentista sia vissuta da soggetti adulti come unaesperienza stressante.MATERIALI E METODI: Ai partecipanti allo studio, adulti di entrambi i sessi, di età compresa tra i 20 e i 65 anni, vengono somministrati i seguenti questionari: STAI (State-Trait Anxiety Inventory) nella versione Y2 (ansia di tratto) e Y1 (ansia di stato) e FDPQ (Fear and Dental Pain Questionnaire) nella versione ridotta. Per ogni soggetto viene inoltre compilata una apposita scheda per la raccolta dei dati personali di interesse per la ricerca, tra cui informazioni relative ad esperienze pregresse di dolore in relazione a trattamenti odontoiatrici. Prima e dopo la seduta odontoiatrica si provvede inoltre alla raccolta, di campionidi saliva per la misura dell’alfa-amilasi e del cortisolo, markersbiochimici dei due principali sistemi coinvolti nella risposta allo stress.RISULTATI: I risultati preliminari dello studio supportano l’ipotesi di una attivazione simpatoadrenergica di grado diverso in relazione all’invasività della procedura odontoiatrica. Anche i livelli di ansia (ansia di stato) sono risultati correlati alla procedura odontoiatrica, oltre che a pregresse esperienze di dolore, alla componente ansiosa della personalità (ansia di tratto) ed al punteggio ottenuto nel questionario FDPQ.


2006 - Cadmio e rischio di tumore alla prostata [Abstract in Rivista]
Venturelli, Marianna; Vinceti, Marco; Ferrari, Angela; Bonvicini, Francesca; Bussetti, Pamela; Bianchi, Giampaolo; Sighinolfi, Maria Chiara; Farinetti, Alberto; Trerotoli, P; Serio, G; Bergomi, Margherita; Vinceti, M.
abstract

Obiettivi: In questo studio abbiamo esaminato il possibile ruolo del cadmio nell'eziologia della neoplasia prostatica attraverso l'uso di un indicatore di esposizione a lungo termine come la matrice ungueale, in due differenti regioni italiane.Metodi: Abbiamo reclutato 40 casi e 58 controlli rispettivamente presso le cliniche urologiche e quelle chirurgiche dei policlinici universitari di Modena e Bari. L'età dei soggetti reclutati varia dai 43 a 83 anni. Ogni partecipante ha fornito un campione di unghie dei piedi sul quale effet¬tuare la determinazione quantitativa degli elementi, previo lavaggio e mineralizzazione in forno a microonde, mediante spettrofotometria di assorbimento atomico con atomizzazione in fornetto di grafite. I dati sono stati elaborati statisticamente attraverso il software Stata 9.1 al fine di calcolare il rischio relativo di neoplasia prostatica mediante il calcolo del rischio relativo (RR) nei differenti intervalli di esposizione dati dai terzili utilizzati come cutoff.Risultati:1I rischio di neoplasia prostatica è risultato maggiore nel terzile internedio (RR=1.7 -IC95% 0.5/6.4) e più elevato (RR=4.3- IC95% 1.3/ 13.8) (p-trend 0.029)di esposizione a cadmio, sia nell'intera casistica che considerando i dati disaggregati per provincia. L'introduzione delle variabili confondenti quali bmi, abitudini tabagiche e dieta ha modificato sensibil¬mente le stime del rischio relativo.Conclusioni: I risultati prodotti dallo studio che abbiamo condotto, pur con la bassa stabilità statistica dovuta alle ridotte dimensioni della casistica, ci conducono a sostenere l'ipotesi, già suggerita da studi epidemiologici e di laboratorio, che l'esposizione a cadmio possa incrementare il rischio di tu¬more prostatico.


2006 - Esposizione a cadmio,selenio,rame e zinco nella popolazione emiliana e pugliese [Abstract in Atti di Convegno]
Venturelli, Marianna; Malavolti, Marcella; Trerotoli, P; Ferrari, Angela; Luisi, Mariateresa; Bussetti, Pamela; Bonvicini, Francesca; Vinceti, Marco; Battistini, Nino Carlo; Bergomi, Margherita; Serio, G; Vivoli, Gianfranco; Dugoni, Manfredo; Farinetti, Alberto
abstract

Introduzione Poche informazioni sono attualmente disponibili sulla esposizione cronica ad elementi in traccia di interesse nutrizionale e tossicologico nella popolazione italiana e sui fattori che influenzano tale esposizione. Abbiamo condotto uno studio su tale problematica in soggetti residenti in due diverse province italiane.Metodologia Abbiamo reclutato 126 soggetti su base volontaria, scelti tra i residenti nelle province di Bari e di Modena che si sono recati ai Policlinici locali nel primo semestre del 2004, per sottoporsi a visite ambulatoriali od interventi di piccola chirurgia (asportazione di cisti, medicazione post-intervento, visite proctologiche). Tra questi, 104 residenti nella provincia di Modena (65 maschi e 39 femmine) e 22 della provincia di Bari tutti di sesso maschile. Abbiamo raccolto da tali soggetti i dati relativi a peso, altezza, abitudine tabagica ed un campione di unghie dei piedi al fine di determinare le concentrazioni di Cd, Se, Cu e Zn. Le determinazioni sono state effettuate, previa digestione acida del campione, mediante spettrofotometria di assorbimento atomico a fornetto di grafite (Cd, Se, Cu) ed a fiamma (Zn). Per ottimizzare le procedure analitiche abbiamo utilizzato i campioni di riferimento della matrice biologica più simili alle unghie, owero campioni certificati di capelli umani CRM 397 e GBW 09101. L'analisi dei dati è stata condotta utilizzando il software statistico Stata (versione 9.1), mediante procedure parametri che e non-parametriche per la comparazione delle medie e l'analisi delle associazioni.Risultati Confrontando le concentrazioni osservate nei maschi modenesi e in quelli baresi, i livelli di Se sono risultati lievemente più elevati nella popolazione pugliese (0.582 ug/g vs. i 0.490 ug/g dei soggetti emiliani; p=0.02) mentre non abbiamo osservato differenze per quanto riguarda le concentrazioni degli altri elementi in traccia. Paragonando le concentrazioni degli oligoelementi tra i due sessi nella popolazione modenese, abbiamo riscontrato, nei soggetti di sesso femminile, livelli più elevati di Zn (112.20 ug/g vs 121.5 ug/g; p=0.06) e di Cd (0.023 ug/g vs 0.064 ug/g; p=0.13), mentre le concentrazioni di Se e Cu non hanno evidenziato differenze di rilievo. In riferimento alle abitudini tabagiche, nel sesso maschile i fumatori hanno evidenziato minori livelli di Cd e maggior livelli di Zn e Cu rispetto ai non fumatori, mentre le concentrazioni di Se sono risultate simili. Sempre per quanto riguarda il Se, tuttavia, le concentrazioni determinate nei non-fumatori del campione barese sono risultate più elevate (0.608 vs 0.473 ug/g dei fumatori), come atteso, di quelle riscontrate nei fumatori della medesima popolazione. Il BMI e l'età non sono risultati associati alle concentrazioni di oligoelementi sia nella popolazione complessiva presa in esame sia nei due sottogruppi identificati su base geografica, con l'unica eccezione dei livelli di Se, i quali sono risultati correlati inversamente all'età nella casistica modenese e nel totale della casistica.Conclusioni La nostra indagine è caratterizzata dall'utilizzazione di un indicatore di esposizione particolarmente adeguato a riflettere l'esposizione a medio termine ad oligoelementi, le unghie, e nel contempo da una significativa limitazione sotto il profilo metodologico, la ridotta potenza statistica. La casistica da noi esaminata è infatti numericamente assai limitata, rendendo di conseguenza difficile l'evidenziazione di associazioni di limitata entità ed un controllo adeguato dei fattori confondenti. Nelcomplesso, l'unico oligoelemento le cui concentrazioni sono risultate associate alla regione di residenza è risultato essere il Se, suggerendo livelli espositivi più elevati nelje regioni meridionali, con ogni probabilità a causa di un maggiore apporto dietetico. Il consumo di tabacco è risultato associato, come atteso, a differenze nell'esposizione a Se, Cu e Zn, mentre più d


2006 - Esposizione professionale ad anestetici volatili in sala operatoria [Relazione in Atti di Convegno]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; L., Cavazzuti; D., Faggiano
abstract

Dopo aver esaminato i contenuti della Circolare del Ministero della Sanità 5/89, alla luce delle vigenti norme per la protezione da agenti chimici, delle odierne tecniche di anestesia e degli ultimi dati di letteratura, vengono presentati i principali cambiamenti introdotti e i recenti dati sull'esposizione ad anestetici volatili degli addetti alle sale operatorie di ospedali italiani.


2005 - Monitoraggio dell'esposizione professionale ad anestetici volatili in sala operatoria: misurazioni ambientali e biologiche [Articolo su rivista]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; D., Faggiano; G., Vivoli
abstract

Sono state determinate le concentrazioni di protossido d’azoto (N2O) e isofluorano in campioni ambientali e urinari di soggetti professionalmente esposti ad anestetici volatili nelle sale operatorie di un ospedale emiliano. Lo scopo era quello di valutare: se per stimare l’esposizione personale sia utilizzabile un analizzatore automatico (spettrometro Brüel & Kjaer 1302) per campionamenti in posizione fissa (“zona anestesista” e “zona chirurgo/ strumentista”); se con periodici controlli dell’esposizione si possa ottenere una riduzione della stessa; se l’esposizione a N2O e isofluorano sia contenuta entro i rispettivi valori limite; se ci sia differente esposizione tra anestesisti e chirurghi/strumentisti. Sono stati effettuati due controlli dell’esposizione ad anestetici distanziati di sei mesi: nel primo l’esposizione è stata misurata mediante lo spettrometro, nel secondo tramite campionatori personali passivi. Nel primo controllo sono state raccolte informazioni sui periodi di presenza del personale in sala. Le concentrazioni ambientali di N2O ottenute con il campionatore fisso sono risultate correlate con quelle urinarie. I livelli urinari di N2O ricavati dalla retta di regressione sono risultati sovrapponibili a quelli ottenuti con i campionatori personali. I livelli ambientali e urinari di N2O sono significativamente diminuiti dal primo al secondo controllo. Nel secondo rilevamento il 70% dei soggetti ha presentato un’esposizione a N2O e isofluorano contenuta entro i rispettivi limiti ambientali (50 ppm per N2O e 0,5 ppm per isofluorano). Soltanto al primo controllo gli anestesisti hanno presentato un’esposizione a N2O significativamente più alta di quella dei chirurghi/strumentisti. L’indagine ha evidenziato che: i dati del campionamento in posizione fissa, se analizzati tenendo conto dei periodi di presenza dei lavoratori in sala, possono essere utilizzati per stimare l’esposizione individuale; l’esposizione diminuisce dopo i controlli in seguito all’applicazione di misure preventive; la ripetizione dei controlli risulta necessaria perché l’esposizione supera spesso i valori limite; il gradiente espositivo tra le diverse figure professionali scompare quando diminuisce l’inquinamento in zona anestesista.


2005 - Ruolo di selenio, rame e zinco nell’eziologia del melanoma: uno studio caso-controllo nella provincia di Modena [Abstract in Rivista]
Vinceti, Marco; Venturelli, Marianna; Pellacani, Giovanni; Seidenari, Stefania; Bonvicini, Francesca; Dugoni, Manfredo; Bussetti, Pamela; Ferrari, Angela; Castiglia, P; Serio, G; Trerotoli, P; Sansebastiano, G; Bergomi, Margherita; Vivoli, Gianfranco
abstract

OBIETTIVI: Abbiamo condotto uno studio caso-controllo sul ruolo di tre elementi di interesse nutrizionale e tossicologico, selenio, rame e zinco, nell’eziologia del melanoma, nel contesto di un progetto di ricerca PRIN comprendente le università di Bari, Modena, Parma e Sassari. Quale indicatore di esposizione abbiamo utilizzato la concentrazione di tali elementi a livello ungueale.METODI: Abbiamo reclutato 26 pazienti affetti da melanoma presso la Clinica Dermatologica dell’Università di Modena e Reggio Emilia e 52 controlli, appaiati per sesso ed età, selezionaticasualmente tra i pazienti sottoposti ad interventi di cosiddetta ‘piccola chirurgia’ presso ilPoliclinico di Modena. Abbiamo quindi effettuato la determinazione dei livelli di selenio, rame e zinco nelle unghie dei piedi raccolte dai soggetti inclusi nello studio, previo lavaggio e digestioneacida in forno a microonde, mediante spettrofotometria di assorbimento atomico con fornetto di grafite per selenio e rame ed atomizzazione a fiamma per lo zinco. Abbiamo infine calcolato il rischio relativo di melanoma in associazione ai livelli espositivi agli elementi presi in esame utilizzando un modello di regressione logistica condizionale.RISULTATI: Non abbiamo osservato particolari differenze tra casi e controlli per quanto riguarda le concentrazioni di selenio, mentre in riferimento ai livelli di rame ed in particolare di zinco abbiamo riscontrato livelli lievemente inferiori nei controlli. Infatti, le concentrazioni medie di rame sono risultate pari a 4.30μg/g nei casi e 3.87μg/g nei controlli, mentre i corrispondenti valori per lo zinco sono risultati rispettivamente pari a 130μg/g e 114.1μg/g, confermando precedenti osservazioni.Abbiamo calcolato i rischi relativi di melanoma associati ad incrementi dei parametri espositivi considerati come valori continui (p-trend) o dicotomici (con cutoff pari alla mediana calcolata nei controlli). L’esposizione ai tre elementi in traccia presi in esame non è risultata associata al rischio di melanoma, ad eccezione dello zinco, per il quale il valore di p-trend è risultato pari a 0.032.CONCLUSIONI: I risultati ottenuti, pur tenendo conto delle limitate dimensioni del campione in esame, non indicano un coinvolgimento dell’assunzione di selenio e rame nell’eziologia di questa patologia, mentre per quanto riguarda l’esposizione a zinco il dato necessita di ulteriori approfondimenti che rafforzino tali osservazioni.


2005 - Studio caso-controllo sui rapporti tra neoplasia prostatica e elementi in traccia [Abstract in Rivista]
Bergomi, Margherita; Venturelli, Marianna; Serio, G; Bianchi, Giampaolo; Trerotoli, G; Sighinolfi, Maria Chiara; Malavolti, Marcella; Bonvicini, Francesca; Ferrari, Angela; Farinetti, Alberto; Vinceti, Marco; Castiglia, P; Sansebastiano, G; Vivoli, Gianfranco
abstract

OBIETTIVI: Abbiamo condotto uno studio multicentrico caso-controllo al fine di valutare il ruolo di alcuni elementi in traccia di interesse tossicologico e nutrizionale (cadmio, selenio, rame e zinco) ed altri fattori ambientali e comportamentali nell’eziopatogenesi della neoplasia prostatica. La valutazionedell’esposizione a tali elementi è stata effettuata misurandone le concentrazioni nelle unghie quali bioindicatori di esposizione a medio-lungo termine.METODI: Sia i casi che i controlli, appaiati per età, sono stati reclutati dalle unità operative di Bari e Modena presso le cliniche urologiche e quelle chirurgiche dei rispettivi policlinici universitari. La determinazione degli oligoelementi è stata effettuata, previo lavaggio e mineralizzazione delle unghie con HNO3 in forno amicroonde, mediante spettrofotometria di assorbimento atomico con atomizzazione in fornetto di grafite per cadmio, selenio e rame, e in fiamma per lo zinco. RISULTATI:Nella popolazione complessiva presa in esame, abbiamo osservato livelli medi più elevati sia di cadmio che di rame nei 45 casi rispetto ai 68 controlli, mentre non abbiamo riscontrato particolari differenze per selenio e zinco. Le concentrazionimedie nelle unghie dei casi e dei controlli sono risultate rispettivamente per il cadmio pari a 0,108 e 0,068μg/g e per il rame pari a 5,07 e 3,78μg/g, mentre per lo zinco abbiamo riscontrato una media di 119.06μg/g per i casi e 111.04μg/g neicontrolli. Abbiamo successivamente effettuato il calcolo dell’OR quale stima del rischio relativo, utilizzando le concentrazioni quali variabili continue (ptrend) nonché dicotomiche (con cut-off pari alla mediana nei controlli). Nella popolazione complessiva presa in esame, l’OR è risultato pari a 2.57 (p=0.026) per il cadmio, OR=1.31 (0.548) per il selenio, OR=1.3 (p=0.529) per ilrame ed infine OR=1.81 (p=0.161) per lo zinco. L’analisi sui valori continui ha inoltre suggerito una possibile relazione tra esposizione a rame e rischio di neoplasia prostatica.L’analisi dei dati disaggregati sotto il profilo geografico ha fattoemergere rilevanti differenze soprattutto per quanto riguardo il cadmio. I pazienti di Bari hanno infatti evidenziato concentrazioni medie pari a 0.168 μg/g contro i 0.045 μg/g dei controlli, mentre per i soggetti dell’unità modenese abbiamo osservato rispettivamente 0.042 e 0.08μg/g. Il selenio ha invece evidenziatoconcentrazioni medie pari a 0.466μg/g nei casi e 0.468μg/g nei controlli a Modena, mentre i corrispondenti valori per la popolazione barese sono risultati pari a 0.627μg/g e 0.583μg/g. Le concentrazioni di rame nella popolazione baresesono risultate, rispettivamente nei casi e nei controlli, pari a 4.72 e 4.08μg/g, mentre per i soggetti modenesi abbiamo riscontrato 5.43 e 3.66μg/g. Infine le concentrazioni di zinco riscontrate nei pazienti affetti da neoplasia prostatica sono risultate pari a 116.98μg/g nei pazienti di Bari e 115.67μg/g nei relativi controlli,con corrispondenti valori nella casistica modenese pari a 121.14μg/g e108.83μg/g. Per quanto riguarda i rischi relativi di neoplasia, gli unici incrementi di un certo rilievo sono relativi alla casistica di Bari in associazione all’esposizione a cadmio (p-trend 0.054) e nella popolazione di Modena in associazione all’esposizione a rame (p-trend 0.096) e zinco (p-trend 0.092).CONCLUSIONI:I nostri risultati, considerando le limitate dimensioni del campione, sembrano supportare l’ipotesi, già avanzata da altri Autori, che l’ esposizione a cadmio può esercitare un ruolo nell’eziopatogenesi della neoplasia prostatica, mentre non sonoemerse indicazioni che suggeriscano un coinvolgimento del selenio. Per quello che riguarda il rame e lo zinco è necessario approfondire i dati attraverso un ampliamento del campione.


2004 - Controllo dell'esposizione professionale a sevofluorano in sala operatoria [Abstract in Rivista]
Rovesti, Sergio; Ferrari, Angela; D., Faggiano; P., Bussetti; R., Vivoli; L., Cavazzuti; P., Marchegiano
abstract

Negli ultimi anni è cambiata l’esposizione professionale ad anestetici volatili nelle sale operatorie del Policlinico di Modena: è stato abbandonato il protossido d’azoto ed il sevofluorano è attualmente l’anestetico maggiormente in uso. Obiettivi. Determinare l’esposizione a sevofluorano mediante misurazioni ambientali e biologiche. Analizzare la regressione tra dati ambientali e biologici. Esaminare la relazione tra tecnica di somministrazione dell’anestesia e grado di esposizione. Metodi. E’ stata controllata l’esposizione a sevofluorano di 58 operatori sanitari durante 10 sedute operatorie svoltesi in sale con efficienti sistemi di ventilazione e di gas-evacuazione. A tal fine sono stati impiegati campionatori personali a diffusione, analizzati in gas-cromatografia (GC) con spettrometro di massa, e campioni urinari raccolti a fine turno, in cui è stato determinato l’esafluoroisopropanolo (HFIP) (metabolita del sevofluorano) in GC con rivelazione a spettrometria di massa (GC-MSD) e a ionizzazione di fiamma (GC-FID). Informazioni sulla tecnica di anestesia (tubo/maschera, bassi/alti flussi di gas freschi) sono state tratte dalle schede anestesiologiche. Risultati. L’esposizione mediana a sevofluorano è risultata pari a 0,04 ppm (range 0,004-3,82 ppm): I valori limite ambientali di 0,5 e 2 ppm proposti dal NIOSH sono stati superati rispettivamente in 4 casi e in 1 caso. Le concentrazione di HFIP sono risultate comprese negli intervalli 2-1848 mcg/L in GC-MSD e 0-88 mcg/L in GC-FID. Correlazioni significative sono state riscontrate tra le concentrazioni ambientali di sevofluorano e quelle urinarie di HFIP. Le esposizioni più alte a sevofluorano sono state registrate per gli operatori impegnati in sedute di chirurgia pediatrica, in cui l’anestesia veniva somministrata con maschera ed alti flussi di gas freschi. Conclusioni. Complessivamente i dati ambientali e biologici denotano un’esposizione a basse dosi di sevofluorano. E’ tuttavia opportuno proseguire le attività di controllo dell’esposizione, particolarmente nelle sedute in cui vengono impiegate tecniche di anestesia che possono determinare una maggiore aerodispersione ambientale di sevofluorano.


2003 - Toenail selenium as biomarker: reproducibility over a one-year period and factors influencing reproducibility [Relazione in Atti di Convegno]
V., Krogh; V., Pala; Vinceti, Marco; F., Berrino; A., Ganzi; A., Micheli; P., Muti; L., Vescovi; Ferrari, Angela; Fortini, Katia; S., Sieri; Vivoli, Gianfranco
abstract

We assessed the reproducibility of selenium levels in toenails, comparing concentrations in two sets of specimens collected about a year apart, from 80 women (40 pre-menopausal and 40 post-menopausal) in the period October 1990 to February 1992. The women were participants in a prospective study on hormones and diet in relation to prediagnostic breast cancer (the ORDET study) conducted in northern Italy. Toenail selenium was determined by electrothermal atomic absorption spectrometry. The data were log-transformed as they were not normally distributed. To assess reproducibility Pearson correlation coefficients (r) for the two selenium determinations were calculated in pre- and post-menopausal women, according to smoking status and acetone treatment. A weighted kappa statistic (k) assessed inter-quintile agreement between the two sets of measures. Toenail selenium levels were highly reproducible (r = 0.57, p < 0.001), especially in pre-menopausal women (r = 0.66, p <0.001). Smoking lowered selenium levels (mean difference of 0.24 microg/g, p < 0.05 between smokers and non smokers) but did not significantly influence reproducibility. Acetone treatment to remove nail polish did not modify selenium levels but affected inter-quintile agreement, with moderate agreement (k = 0.58, p < 0.001) when acetone was used at both or neither samplings; and fair non significant agreement (k = 0.39, p = 0.06) when acetone was used at one sampling but not the other. As selenium levels in toenails are highly reproducible, notwithstanding variation in selenium levels in food and long-term changes in individuals' food choices, toenail selenium may be a useful biomarker of selenium exposure, particularly since toenail samples provide a measure of long-term exposure. However age, smoking status and acetone treatment are possible causes of misclassification.


1994 - Ricerche sulla qualità microbiologica e chimica delle acque del torrente Idice, con particolare riferimento a metalli, organoalogenati volatili e pesticidi [Articolo su rivista]
DE LUCA, G; Stampi, S; Zanetti, F; Tonelli, E; Rovesti, Sergio; Bergomi, Margherita; Ferrari, Angela
abstract

La qualità delle acque del torrente Idice – affluente del fiume Reno – è stata valutata ricercando i principali parametri batteriologici – indicatori di contaminazione fecale, salmonelle, pseudomonas e stafilococchi – e chimici, tra cui, oltre ai parametri tradizionali, i metalli, i composti organoalogenati volatili e alcuni pesticidi. I risultati relativi alle 4 stazioni di campionamento hanno messo in evidenza un aumento dell’inquinamento di tipo domestico dalla prima alla terza stazione ed una successiva riduzione nell’ultima stazione, a monte dell’immissione nel Reno, probabilmente per processi di autodepurazione. Relativamente ai parametri batteriologici accessori, sono stati riscontrati Pseudomonas aeruginosa in quantità elevate in tutte le stazioni, e alcune specie del genere Staphylococcus (ad eccezione di S. Aureus). Per quanto concerne i metalli, soprattutto nel tratto montano le concentrazioni sono risultate generalmente modeste e i composti organoalogenati volatili sono stati riscontrati saltuariamente e a dosi contenute. Sono state inoltre rilevate saltuariamente scarse quantità di lindano e, nei mesi in cui viene maggiormente impiegata (aprile e maggio), di atrazina. Complessivamente, la qualità microbiologica e chimica delle acque del torrente Idice è risultata soddisfacente e migliorata rispetto a quella riscontrata in precedenti indagini.


1989 - Tissue magnesium status in patients with chronic liver disease [Relazione in Atti di Convegno]
Borella, Paola; Ferrari, Angela; S., Scaduti; P. L., Tartoni
abstract

The aim of this study was to determine Mg in erythrocytes in mononuclear cells and polymorphonuclear cells from patients with CL, both alcoholics and non-alcoholics and in a control healthy group.