Nuova ricerca

Stefano BORDONI

Ricercatore Universitario presso: Dipartimento di Economia "Marco Biagi"


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2013 - Self-service Business Intelligence e Data Mining con Microsoft Excel [Monografia/Trattato scientifico]
Bordoni, Stefano
abstract

Business Intelligence e Data Mining sono entrambi strumenti di Business Insight in grado di fornire informazioni critiche sulla propria attività e di supportare le decisioni aziendali. Mentre la prima è orientata alla misurazione, al controllo e alle analisi delle performance aziendali e fornisce i propri risultati al Sistema Informativo Direzionale, l’uso aziendale del Data Mining trova tipicamente impiego nelle analisi dei clienti potenziali o attivi e produce risultati di CRM Analitico e Marketing Intelligence. Sfruttando le nuove componenti Power BI di Microsoft® Self-Service Business Intelligence e la componente aggiuntiva Data Mining Add-ins for Microsoft® Office®, questo testo vuole offrire a studenti e professionisti del settore gli strumenti teorici e pratici per fare di Microsoft® Excel un ambiente di lavoro unico dove sviluppare ed integrare con facilità soluzioni di Self-Service Business Intelligence e di Data Mining.


2011 - Comunità virtuali di marca e innovazione di prodotto:un modello di classificazione degli user basato su analisi testuale [Articolo su rivista]
Bordoni, Stefano; Marchi, Gianluca
abstract

Il paper analizza la conoscenza del prodotto come fattore di classificazione e selezione dei membri più innovatori nelle comunità virtuali di marca. Con un approccio multi-metodo, il lavoro, che ha come ambito applicativo il blog Ducati Hypermotard, analizza i contenuti e i temi ricorrenti nei messaggi degli user e la loro distribuzione in relazione al grado di potenziale collaborativo del consumatore. La possibilità di stabilire un legame tra conoscenza dello user, linguaggio utilizzato e grado di innovatività dello user è confermata. Infine, è proposto un modello per la classificazione di testi postati sul blog in grado di assegnare automaticamente il profilo di lead userness del mittente e di selezionare i commenti degli utenti più competenti in termini di prodotto e più innovativi.


2008 - Analisi intelligenti dei dati per applicazioni di CRM analitico [Monografia/Trattato scientifico]
Bordoni, Stefano
abstract

Questo testo nasce dunque con l’obiettivo di illustrare i contesti e le modalità di implementazione diun processo di KDD e delle varie tecniche di analisi, sia di tipo tradizionale - statistico che dimodellazione, ad un database di natura aziendale che si occupi di Customer Analytics.Il tentativo è quello di fornire agli studenti, seppur con un approccio divulgativo e computazionale,una visione d’insieme possibilmente ampia delle competenze, delle problematiche di tipoquantitativo e degli strumenti di analisi necessari alla corretta progettazione e allo sviluppo delleprincipali attività di analisi dei dati all’interno di un’azienda.


2008 - Le Parole della Giustizia nelle Organizzazioni: uno studio esplorativo” in Studi e ricerche sul tema delle relazioni di lavoro [Capitolo/Saggio]
Bordoni, Stefano; Neri, Massimo
abstract

Il tema dell'equità e della giustizia ha assunto sempre maggiore importanza negli studi organizzativi. Il filone dell'Organizational Justice è uno tra i più importanti riferimenti per gli studiosi che si occupano di Gestione delle Risorse Umane (Girard, Haines, 2002). Il presente lavoro origina dalla ipotesi, più volte testata a livello empirico, che esista una forma di gender inequity in ambito lavorativo accompagnata da una specifica dimensione percettiva di genere della equità/inequità. E' stato quindi realizzato uno studio esplorativo per indagare la percezione di equità e giustizia da parte di un campione di 100 lavoratori/lavoratrici all'interno di realtà cooperative in Emilia Romagna.


2007 - Analisi del contenuto e classificazione dei testi non strutturati raccolti del sito SMEG International [Working paper]
Bordoni, Stefano
abstract

questo studio nasce dalle collaborazione tra la Facoltà di Economia di Modena e le aziende SMEG e Kyros, già consulente della prima nell’area della Business Intelligence, per sviluppare un’applicazione di Text Mining volta ad analizzare e a gestire in modo opportuno un insieme di testi liberi raccolti dal sito web di SMEG International attraverso una form aperta. L’obbiettivo principale è quello di estrarre e comprendere il contenuto di un corpus di documenti non strutturati, ampio e di onerosa consultazione, per cogliere le informazioni più significative e utili dal punto di vista gestionale e decisionale. In questa analisi vengono utilizzate tecniche di analisi multivariata, tecniche di riduzione della dimensioni e di visualizzazione come l’analisi delle corrispondenze e le heatmaps, nonché tecniche proprie del data e text mining come la segmentazione non supervisionata e la classificazione supervisionata. Quest’ultima utilizza la capacità della tecnologia di Text Mining di identificare il contenuto dei testi e organizzarne la suddivisione in classi omogenee definite a priori dall’analista. Si evidenzia come la classificazione dei testi consente di estendere, con costi e implicazioni organizzative relativamente modeste, l'insieme dei gatekeeper operanti in ambito aziendale, aumentando la capacità da parte dell'impresa di assorbire la conoscenza trasferita dalla fonte


2004 - A Fuzzy Logic Approach to evaluate Health Care Liability and Risk of Medical Malpractice [Relazione in Atti di Convegno]
Bordoni, Stefano
abstract

One of the main problem that all the Healthcare systems have been called to handle in the last decades is how transposing to health structures the rules and concepts that usually supervise the productive system and companies, such as the typical form of control and responsibility. Despite the efforts in terms of standardization and control of health care activity, what Health structures and Insurance Companies still look to miss is a well and commonly defined concept of risk in a medical environment, probably due to the presence of quantitative as well qualitative significant aspects.What follows is a bad modelling of the complex nature of the problem, unable to provide meaningful results to describe health outcome and medical practice riskness by the usage of simple score cards dealing with the quantitative aspects only.The aim of this paper is providing an original alternative solution based on a fuzzy inference system to better define and study the imprecise nature who links qualitative and quantitative variables of the subject, in order to evaluate and rank the risk of error connected to health practice (Malpractice).The same technology, here implemented to evaluate a risk index concerning organisational and activity figures of a single ward of an hospital, could probably find useful application if extended to the whole health structure or to monitor in progress the riskness of the single treatment procedure, through the combined analysis of structural data and clinical figures of the patient.


2004 - Responsabilità sanitaria e valutazione del rischio di Malpractice di una struttura Ospedaliera. Un modello Fuzzy. [Relazione in Atti di Convegno]
Bordoni, Stefano
abstract

One of the main problem that all the Healthcare systems have been called to handle in the lastdecades is how transposing to health structures the rules and concepts that usually supervise the productivesystem and companies, such as the typical form of control and responsibility.Despite the efforts in terms of standardization and control of health care activity, what Health structures andInsurance Companies still look to miss is a well and commonly defined concept of risk in a medicalenviro nment, probably due to the presence of quantitative as well qualitative significant aspects.What follows is a bad modelling of the complex nature of the problem, unable to provide meaningful results todescribe health outcome and medical practice riskness by the usage of simple score cards dealing with thequantitative aspects only.The aim of this paper is providing an original alternative solution based on a fuzzy inference system to betterdefine and study the imprecise nature who links qualitative and quantitative variables of the subject, in order toevaluate and rank the risk of error connected to health practice (Malpractice).The same technology, here implemented to evaluate a risk index concerning organisational and activity figuresof a single ward of an hospital, could probably find useful application if extended to the whole health structureor to monitor in progress the riskness of the single treatment procedure, through the combined analysis ofstructural data and clinical figures of the patient.


2004 - Strumenti e tecniche di Business Intelligence per applicazioni CRM [Working paper]
BORDONI, Stefano
abstract

n/a


2003 - Organizzazione e valutazione della didattica nella Facoltà di Economia di Modena [Working paper]
Ricci, Gianni; Lalla, Michele; Brugnoli, Carlo; Bordoni, Stefano; Picchio, Antonella; Pilati, Massimo; Russo, Margherita
abstract

Il lavoro esamina gli aspetti essenziali dell'organizzazione dei corsi, del carico didattico, del calendario delle lezioni, della prestazione degli studenti, del processo di apprendimento, del sistema europeo di trasferimento dei crediti, del monitoraggio e della valutazione della didattica a livello di tutta la Facoltà di Economia.NOTA: il testo è curato da G. Ricci e M. Lalla; gli altri autori indicati hanno contribuito a scrivere uno o piú paragrafi.


2001 - Insurance fraud evaluation. A fuzzy expert system [Relazione in Atti di Convegno]
Bordoni, Stefano; Facchinetti, Gisella
abstract

All the studies dealing with the Italian Insurance market, show that fraud is a raising, relevant problem of that sector. ISVAP results (Istituto per la Vigilanza Sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) stressed the remarkable number of around 200.000 fraudulent claims in Italy for year 1998, 155.550 referring to the lone car sector. This occurrence leads the insurance market to higher costs for honest customers and to a low efficiency of the whole system. To solve the problem, ISVAP itself is going to create a Database of actors, vehicles and fraud patterns to provide Companies with a tool to easier investigate on suspicious cases. On their side, Companies are trying to embed real “Fraud Units” in their typical activity, to identify suspicious cases and fraudulent patterns either in the insuring phase or in the settlement of claims. All the efforts to face the problem aim to redraw the issue as an industrial cost problem to handle general costs, distribution costs and claim compensation with efficiency principles.Against a deeper, more efficient investigation activity, Company shall face three opposite problems: high cost of expert activity, the request of fast settlements and, for Italian market, the requirement to cover any people who ask for a Policy. Fraud investigation and fast settlement of claims are antithetical activity. Call centres well reply to speed request, but let unsolved or even worsen the analysis on suspicious claims. The low competence of call centres employees doesn’t allow to leave them a first level of judgement on the genuine nature of claims. Thus proceeding, any audit analysis requires fraud experts. That’s the reason why fast settlement tends to generate extra costs in fraud investigations. What Companies need is a standard, automatic, fast control method to filter real suspicious cases to fraud experts and let Call centres free to pay immediately the majority of claims. Unsuspicious claims can thus be settled automatically, even by the non-expert call centre operators, while claims that exceed a fixed threshold value will be investigate by fraud experts. Claim auditors can so dedicate their activity to potentially fraudulent claims only.The aim of this paper is showing how a Fuzzy Logic Control (FLC) model can efficiently evaluate an “Index of suspect” on each claim, in order to stress fraudulent situation to be investigated from the experts.