Nuova ricerca

Paola BERTOLINI

Professore Associato presso: Dipartimento di Economia "Marco Biagi"


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2019 - Overview on Rural Poverty in Developed Countries [Working paper]
Bertolini, P.
abstract

Despite the long tradition of intervention, rural poverty is still an important issue to face in the economic and social growth of developed countries. Often hidden for many reason recalled in the paper, rural poverty is transmitted by the cumulative negative effects of vicious circle of labour market, demography, education and remoteness. Agricultural and rural policy with social policy has reached important result for reducing rural poverty in developed countries, especially promoting diversification of rural area and sustainability approach to the production. The paper underlines the role of coordination between top-down and place-based policies, as well as the indicators for adapting policies and having successful intervention, shortly discussing some examples of good practices.


2019 - Poverty and Social Exclusion in the European Union: South-Eastern Territorial Patterns [Working paper]
Bertolini, P.; Pagliacci, F.; Pisciotta, A.
abstract

Despite the ambitious goals of promoting inclusive growth in the Europe 2020 strategy, the number of people at risk of poverty in European Union is still growing. The paper moves from the hypothesis that poverty may show distinctive social patterns, which couple with a given spatial dimension and therefore can be defined as a spatially heterogeneous phenomenon at both national and sub-national level. Using the available data from Eurostat on income and living conditions (EUSILC) at NUTS2 level, the paper highlights the different territorial patterns in shaping the risk of exclusion across the EU regions. Focusing on the regions of the Southern and Eastern peripheral EU Member States (MSs), the paper outlines the differences emerging from the results achieved by the EU MSs in applying the Europe 2020 Strategy. Moreover, it deepens the analysis of the poverty drivers at the regional level. The paper shows that the peripheral countries of EU are more vulnerable to poverty but different patterns emerge when comparing Mediterranean and Eastern countries, especially with regard to the material deprivation and the drivers influencing poverty and risk of exclusion.


2017 - How we might recover from the economic and social crisis through European integration deepening [Capitolo/Saggio]
Bertolini, P.
abstract

European integration has been a relevant element of reinforcement of the Member States (MS) economy, first of all in terms of exchanges and mutual benefits of belonging to the common area. A significant change in the culture of MS is another benefit, with the increasing idea of a common identity among youth, which could reinforce the peaceful context of EU, important for the life of EU citizens and for the business activities, that require economic and political stability. However, if the positive role played by EU is undoubtable, now distrust is increasing as underlined by the significant rising of the number of people turning against the EU. The first problem to face for recovering from the economic and social crisis is give trust on European Union and this means to rebuild the EU policies in favor of the citizens.


2017 - Quality of life and territorial imbalances. A focus on italian inner and rural areas [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Pagliacci, Francesco
abstract

The Italian National Strategy for Inner Areas stresses the importance of improving socio-economic conditions of people as the only way to reverse negative demographic trends in those areas. In this respect, improving quality of life (QoL) may represent a key driver. This work provides a statistical tool to measure existing gaps in QoL levels across Italian NUTS 3 regions, by focusing on inner areas. Being QoL a multidimensional concept, a composite indicator is computed following a noncompensatory approach: the QoL Mazziotta-Pareto Index. Firstly, we consider the variability of this indicator across Italy, with respect to the presence of inner areas. This analysis breaks down the supposed negative relationship between QoL and presence of inner areas, which the paper proves to be mostly overlapping with rural ones, by controlling for sub-national structural divides. Secondly, spatial aspects make the picture more complex. Neighbourhood affects QoL at local level and through global, and local indicators of spatial autocorrelation, groups of NUTS 3 regions sharing similar QoL levels with their neighbours, are detected. From a policy perspective, locked-in paths among neighbouring regions can influence the effectiveness of place-based policies.


2016 - Analisi degli effetti socio-economici del sisma [Capitolo/Saggio]
Bertolini, P.; Giovannetti, E.; Martinelli, E.; Palmirani, M.; Pattaro, F.; Russo, M.; Sartori, L.
abstract

Unim ore e il terremoto del 2012 in Emilia Romagna. Interventi e ricerche per fronteggiare l’emergenza e sostenere la ripresa


2016 - Il credito e l’impiego dei fattori produttivi. Il lavoro 2015 [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

La monografia Il sistema agroalimentare dell’Emilia Romagna- Rapporto 2015 è un rapporto congiunturale annuale che presenta i principali dati settoriali e delle relative politiche. Il paragrafo “Il lavoro” presenta la principale dinamica intervenuta, nel corso dell’anno di riferimento, nel mercato del lavoro nazionale e regionale sia complessivo che settoriale. Particolare attenzione viene dedicata alla dinamica del lavoro dipendente ed indipendente, alle caratteristiche territoriali e di genere e alla presenza del lavoro immigrato, che rappresenta una componente molto importante per l’attività agroalimentare. Nel rapporto di questo anno vengono evidenziati alcuni aspetti positivi nella dinamica del mercato del lavoro nazionale e regionale.


2016 - Il terremoto del 2012 in Emilia: specificità del settore agroalimentare e ruolo della cooperazione nell’emergenza [Articolo su rivista]
Pagliacci, Francesco; Bertolini, Paola
abstract

Il sisma del maggio 2012 ha colpito una vasta area compresa tra Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia: un’area densamente popolata, caratterizzata da elevata quanto diffusa industrializzazione, nonché da elevati tassi di occupazione. Ingenti sono stati dunque i danni arrecati a popolazione, edifici e infrastrutture. Anche il cosiddetto “cratere agricolo” ha pagato un prezzo molto elevato: infatti, l’area colpita rappresenta una delle principali realtà agricole della regione e pure dell’intero Paese. Proprio con riferimento alla ricostruzione del sistema agricolo e agro-industriale danneggiato dal sisma, il presente lavoro intende analizzare i principali elementi di specificità che, rispetto ad una forte vulnerabilità settoriale, hanno caratterizzato tale processo di ricostruzione. Tra queste specificità si osservano anche elementi di forza, che hanno fatto aumentare il grado complessivo di resilienza del sistema: in particolare, la risposta fornita dalla politica settoriale e dal sistema cooperativo. Il contributo dunque evidenzia come, nonostante le indubbie criticità riscontrate, il settore agro-alimentare abbia potuto cogliere alcune importanti opportunità.


2016 - Territorial Unbalances in Quality of Life. A focus on Italian Inner and Rural Areas [Working paper]
Bertolini, Paola; Pagliacci, Francesco
abstract

The Italian National Strategy for Inner Areas explicitly draws policymakers‟ attention to inner municipalities. It stresses the importance of improving socio-economic conditions of people as the only way to reverse negative demographic trends in those areas. To this respect, improving quality of life (QoL) represents one of the key drivers. Given such an important policy implication, this work provides a statistical tool to measure existing gaps in QoL levels across Italian NUTS 3 regions, by explicitly disentangling urban and inner areas. Nevertheless, QoL is a multidimensional concept, thus a composite indicator is computed following a non-compensatory approach: the QoL Mazziotta-Pareto Index. Firstly, we consider the variability of the comprehensive indicator across Italy, with respect to the presence of inner areas. As a major result, this analysis seems breaking down the supposed negative relationship between QoL and presence of inner areas, which the paper proves to be mostly overlapping with rural ones, when controlling for subnational structural divides occurring throughout Italy. Secondly, spatial aspects make the picture even more complex. Even the neighbouring space is expected to affect QoL at local level. In particular, by means of both global and local indicators of spatial autocorrelation, groups of NUTS 3 regions sharing similar QoL levels with their neighbours are detected. From a policy perspective, such a locked-in path among neighbouring regions can influence the effectiveness of place-based policies.


2015 - Il credito e l’impiego dei fattori produttivi. Il lavoro [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

La monografia Il sistema agroalimentare dell’Emilia Romagna è un rapporto congiunturale annuale che presenta i principali dati settoriali e delle relative politiche. Il paragrafo “Il lavoro” presenta la principale dinamica intervenuta, nel corso dell’anno di riferimento, nel mercato del lavoro nazionale e regionale sia complessivo che settoriale. Particolare attenzione viene dedicata alla dinamica del lavoro dipendente ed indipendente, alle caratteristiche territoriali e di genere e alla presenza del lavoro immigrato, che rappresenta una componente molto importante per l’attività agroalimentare. Nel rapporto di questo anno vengono evidenziati alcuni aspetti positivi nella dinamica del mercato del lavoro nazionale e regionale.


2015 - Le specificità del sistema agro-alimentare nella ricostruzione post-sisma [Working paper]
Bertolini, Paola; Pagliacci, Francesco
abstract

Anche il cosiddetto ‘cratere agricolo’ ha pagato un prezzo molto elevato a seguito degli eventi sismici del maggio 2012 in Emilia. Tutte le principali produzioni agro-industriali del territorio hanno subito gravi danni: si pensi ai caseifici e magazzini di stagionatura per la produzione di Parmigiano Reggiano, alle cantine e acetaie, alle celle frigorifere per la conservazione dei prodotti ortofrutticoli. Il presente lavoro analizza i principali elementi di specificità che, rispetto ad una forte vulnerabilità settoriale, hanno caratterizzato la ricostruzione del patrimonio agricolo e agro-industriale del cratere. Grande attenzione è data, ad esempio, alla risposta istituzionale per la ricostruzione. Come il settore industriale, infatti, anche il settore agro-alimentare ha beneficiato dei contributi per la ricostruzione attraverso la piattaforma SFINGE. Tuttavia, esso ha altresì beneficiato delle risorse stanziate attraverso il FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale): l’attivazione di specifiche misure ha permesso di sostenere l’intero territorio del cratere del sisma. Un ulteriore elemento di specificità evidenziato è rappresentato dal tema dell’associazionismo (attivazione di accordi di filiera, interventi di solidarietà e mutualistici) e dal ruolo ricoperto dai Consorzi di Tutela delle produzioni tipiche. Il lavoro dunque evidenzia come, nonostante le criticità riscontrate, il settore agro-alimentare abbia saputo cogliere alcune opportunità dall’evento sismico, soprattutto in termini di capacità innovativa. Abstract: The 2012 earthquake in Emilia-Romagna (Italy) affected a broad area that is characterized by the presence of important industrial and agricultural districts. Indeed, dairies producing Parmigiano Reggiano cheese, firms producing balsamic vinegar of Modena (acetaie) as well as wineries have been particularly damaged. This work focuses on those specific features of agricultural activities that have affected the reconstruction process as well. According to those specificities, the paper points out regulatory interventions that were approved, aiming to guarantee appropriate financial support to the agri-industrial activities damaged by the earthquake. Specific focus is devoted to the role played by the European Agricultural Fund for Rural Development (EAFRD). Eventually, the role played by the cooperative system is stressed as well. According to this analysis, agri-food sector has been proven quite innovative, despite many limits affecting it.


2015 - School enrollment of first- and second-generation immigrant students in Italy: a geographical analysis [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Lalla, Michele; Pagliacci, Francesco
abstract

This paper analyses non-compulsory secondary school enrolment of immigrant students in Italy. Such enrolment implies a voluntary decision and can influence future career paths in the labour market. The results show that the enrolment rates of immigrants are lower than those of Italians. Immigrant students prefer vocational schools and shorter-term education. The pattern of these preferences remains constant across the throughout Italy, even if Italy presents strong differences in the economic development of its regions, with rich Northern and poor Southern regions. The enrolment rates of second-generation immigrant students differ from those of first-generation students, but the size of this component is still too small to indicate a clear trend.


2015 - Un’Europa a più velocità: differenziali di performance nella Strategia Europa 2020 [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Pagliacci, Francesco; Pisciotta, A.
abstract

Il presente lavoro analizza l’andamento dei singoli Stati Membri rispetto ai principali indicatori di Europa 2020, con lo scopo di evidenziare l’eventuale esistenza di difformità nella loro performance. L’analisi, pur condotta per singoli paesi, propone una loro aggregazione per aree geografiche, tale da tener conto dei diversi modelli sociali individuati da Sapir (2006). Lo scopo è quello di verificare se i modelli sociali presentano differenziali di performance nel perseguire la Strategia, anche alla luce della perdurante crisi economica internazionale. L’approccio che tiene conto dell’aggregazione per modelli sociali è motivato dal fatto che Europa 2020, come la precedente strategia, è un elemento molto importante di stimolo alla riforma dei modelli sociali, in grado di assicurarne la sostenibilità nel tempo; inoltre, essa sollecita gli Stati Membri ad attivare politiche di inclusione sociale insieme a quelle di miglioramento dell’occupazione, della produttività e della sostenibilità. Verificare come i diversi modelli sociali europei si dimostrano capaci di realizzare tali obiettivi è quindi un elemento importante per valutare indirettamente, seppur grossolanamente, l’efficacia di tali modelli.


2014 - Il credito e l'impiego dei farrori produttivi. Il lavoro [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

La monografia Il sistema agroalimentare dell’Emilia Romagna è un rapporto congiunturale annuale che presenta i principali dati settoriali e delle relative politiche. Il paragrafo “Il lavoro” presenta la principale dinamica intervenuta, nel corso dell’anno di riferimento, nel mercato del lavoro nazionale e regionale sia complessivo che settoriale. Particolare attenzione viene dedicata alla dinamica del lavoro dipendente ed indipendente, alle caratteristiche territoriali e di genere e alla presenza del lavoro immigrato, che rappresenta una componente molto importante per l’attività agroalimentare. Nel rapporto di questo anno vengono evidenziati alcuni aspetti positivi nella dinamica del mercato del lavoro nazionale e regionale.


2014 - Il lavoro [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

il lavoro nel sistema agroalimentare


2014 - L’evoluzione della presenza femminile nell’agricoltura italiana ed i nuovi tratti dell’imprenditoria delle donne [Working paper]
Bertolini, P.
abstract

This paper analyses the evolution of the women work in agriculture, focusing on the development of female entrepreneurship. Agriculture Census data and other statistical sources allow to underline the relevant transformation of female presence in agriculture: from a total submission to the male direction up to the ’50, the industrial transformation of the Italian economy, including agriculture, promoted a progressive emerging of women relevance in agriculture also as entrepreneurs. Further, the paper underlines the increasing importance of the females among the new multidimensional forms of entrepreneurship. This modern and dynamic trait of female enterprises is driven and supported by the new direction of EU agricultural policy. However, the paper stresses also the weakness of women enterprises. Indeed, a comparison of the female and male enterprises highlights a weaker performance of the first ones in term of dimension of enterprises, revenues and education.


2012 - Immigrant Inclusion and Prospects through Schooling in Italy: An Analysis of Emerging Regional Patterns [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Lalla, Michele
abstract

The paper analyses immigrants’ school participation form pre-mandatory school to secondary school in Italy, with a particular regard to secondary schools, because schooling at this level is not compulsory, implying a voluntary decision, and is an indirect indicator of social mobility. The data show that the percentages of foreign repeaters (with a value of 8.5%) in the mandatory middle school are greater than those of Italian students (3.2%). The participation rates of immigrants in high school are lower than those of young Italians. Immigrant students prefer vocational schools and shorter-term education. The pattern of these preferences remains constant across the territory. The behavior of immigrants born in Italy is different from that of the first generation and more similar to that of Italian students. This convergence may indicate a positive integration process.


2012 - L’inserimento scolastico e lavorativo degli immigrati [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Lalla, Michele
abstract

This paper analyses non-compulsory secondary school enrolment of immigrant students in Italy, through the seemingly unrelated regressions model, containing ten equations. Moreover, it presents also an analysis of the school participation by areas obtained through an aggregation of provinces, considering their homogeneity with respect to the value added in the three standard sectors: agriculture, industry, and services. The enrolment in secondary schools implies a voluntary decision and can influence future career paths in the labour market. The results show that the enrolment rates of immigrants are lower than those of Italians. Immigrant students prefer vocational schools and shorter-term education. The pattern of these preferences remains constant across the throughout Italy, even if Italy presents strong differences in the economic development of its regions, with rich Northern and poor Southern regions. The enrolment rates of second-generation immigrant students differ from those of first-generation students, but the size of this component is still too small to indicate a clear trend.


2012 - Tra povertà e ricchezza: la ruralità nell’Europa allargata [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Pagliacci, Francesco
abstract

Attraverso un'analisi cluster vengono individuate dieci tipologie di aree rurali europee, che evidenziano la differenziazione dei livelli e delle modalità di sviluppo dei territori rurali dell'Unione Euroepa. La varietà descritta è da considerarsi la prova di una ruralità che evolve nel tempo e nello spazio e in cui la definizione di ruralità non è sinonimo nè di agricoltura nè di arretratezza economica Lla difformità dei sentieri evolutivi seguiti dallo sviluppo territoriale delle regioni europee conferma l’importanza di rafforzare politiche di intervento differenziate che pongano il territorio al centro dell'osservazione e dell'azione


2011 - Regional Patterns in the Achievement of the Lisbon Strategy: a Comparison Between Polycentric Regions and Monocentric Ones, [Working paper]
BERTOLINI, Paola; GIOVANNETTI, Enrico; PAGLIACCI, Francesco
abstract

Polycentrism is a common feature of European urban systems. Lately, the concept has assumed amore normative relevance and it has been often considered as a pre‐requisite for a more sustainableand balanced development across Europe. However, the effects of polycentrism on other mainEuropean Strategies (such as the Lisbon Strategy, aimed at increasing European competitivenessand social cohesion) are not so clear. Therefore, the paper tries to highlight the relationshipsbetween a regional polycentric development and the achievement of the Lisbon Strategy’s targets.Referring to a sample of 75 regions belonging to France, Germany, Italy and Spain, we have firstmeasured the extent of polycentrism, by estimating through OLS the slope of the rank-sizedistribution of cities within each region. Then, we have performed a principal component analysis(PCA) in order to highlight the main features characterising the performance of each regionaccording to Lisbon Strategy’s targets. Looking at the correlations between the extent ofpolycentrism and the achievement of the Lisbon Strategy’s targets, we have found that the former issignificantly correlated both with the spread of manufacture and with low investments in humancapital and innovation.


2010 - I patterns territoriali nell’inserimento scolastico degli studenti stranieri di prima e seconda generazione [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Lalla, Michele; Toscano, Valentina
abstract

The analysis focuses on the immigrants’ school participation in the secondary school, considering also the first and the second generation. The data has been extracted from official statistical databases, mainly of the Ministry of Education and Istat (Italian National Statistics Institute). The analysis points out that the participation rates of foreign students in the secondary school are lower than those of the Italian students and both of them are different among regions and provinces. A multivariate analysis by territorial areas reveals that the main factors affecting the education choices are related to the local characteristics and the economic variables, such as total families’ income and gross national product (GNP) per capita. These results suggest that the immigrant students face with many difficulties in educational attainment preferring a fast entrance in the labour market.


2010 - L’inserimento scolastico degli studenti stranieri di prima e seconda generazione in Italia [Working paper]
BERTOLINI, Paola; LALLA, Michele; TOSCANO, VALENTINA
abstract

The aim of the paper is the analysis of the immigrants' school insertion paths in Italy. The analysis focuses on the immigrants' school participation in the secondary school, considering also the first and the second generation. The data has been extracted from official statistical databases, mainly of the Ministry of Education and Istat (Italian National Statistics Institute). The analysis points out that the participation rates of foreign students in the secondary school are lower than those of the Italian students and both of them are different among regions and provinces. Five territorial areas are distinguished through some social and economic indicators (sectoral added value and number of industrial districts) in order to show the determinants of different participation rates between foreign and Italian students. A multivariate analysis by territorial areas reveals that the main factors affecting the education choices are related to the local characteristics and the economic variables, such as total families' income and gross national product (GNP) per capita. These results suggest that the immigrant students face with many difficulties in educational attainment preferring a fast entrance in the labour market.


2009 - Un approccio territoriale al tema della povertà in Europa: dimensione rurale e urbana [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; M., Montanari
abstract

Lo scopo del lavoro è quello di condurre una prima indagine esplorativa sul tema della povertà a livello territoriale nell’Unione Europea, distinguendo tra aree rurali ed urbane. Il lavoro affronta nella parte iniziale la discussione sull’esistenza di una specificità delle aree rurali in Europa per quanto riguarda i problemi dello sviluppo economico e della povertà, per concentrarsi poi sul problema della definizione di area rurale a livello internazionale, con particolare riferimento alla definizione elaborata dall’OCSE, che è quella più frequentemente utilizzata. Lo studio propone poi una diversa distinzione tra aree rurali e non rurali basata sulla densità della popolazione e sull’incidenza dell’occupazione nel settore dell’agricoltura. Nel paper vengono così distinte le aree “urbane”, “intermedie” e “rurali”, che vengono messe a confronto tra di loro rispetto ai seguenti aspetti socio-economici: reddito, caratteristiche demografiche, istruzione, mercato del lavoro. Lo studio è esteso a tutta l’area dell’Unione Europea a 27 membri; il livello di disaggregazione territoriale per l’individuazione delle 3 tipologie corrisponde al livello NUTS3 e si avvale dei dati disponibili nel database EUROSTAT, integrato in alcuni casi con statistiche nazionali. Le conclusioni del lavoro evidenziano la rilevanza del fenomeno della povertà delle aree rurali in Europa e suggeriscono la necessità di analizzare ulteriormente tale fenomeno per poter adattare meglio le politiche contro la povertà alla situazione delle aree rurali.


2008 - Il lavoro [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

Analisi congiunturale del mercato del lavoro in agricoltura e nell'industria di trasformazione alimentare in Emila-Romagna


2008 - Le assistenti familiari. Condizioni e qualità del lavoro [Working paper]
Bertolini, Paola; R., Savioli; Solinas, Giovanni
abstract

A Modena, come in tutto il territorio nazionale, la numerosità delle lavoratrici immigrate e attive nel settore della cura e, in particolare della cura agli anziani,è in costante crescita. Ad alimentare la domanda concorrono una molteplicità di fenomeni: l’invecchiamento della popolazione e il conseguente aumento, assoluto e relativo, dei non autosuffi cienti bisognosi di assistenza; i mutamenti in atto nella struttura familiare (con una netta prevalenza delle famiglie mononucleari), la crescente partecipazione delle donne al mercato del lavoro e l’indebolimento delle reti familiari allargate di sostegno; un sistema di welfare non universalistico, e votato, anche laddove la rete dei servizi sociali è più estesa, a fornire assistenza agli anziani più poveri e/o con bisogni a maggior contenuto sanitario; una crescente preferenza delle famiglie a privilegiare le forme di assistenza domiciliare rispetto a forme di istituzionalizzazione dell’anziano; i costi, insostenibili con gli attuali modelli di finanziamento della assistenza anche per famiglie con medio reddito, di forme private di assistenza domiciliare diverse dal “badantato”. Se si guarda alla popolazione anziana non autosuffi ciente nel suo complesso,il mix di cura prevalente vede un elevato coinvolgimento di una o più tra le donne presenti in famiglia, sia nell’offerta diretta di attività di assistenza all’anziano sia nelle funzioni di coordinamento; un ruolo, ancor più intenso, laddove è presente, dell’assistente familiare; e, infine, un ruolo, complementare e in larga misura marginale, dei servizi pubblici locali, legati al perlopiù al sollievo o al far fronte all’emergenza. Il saggio si occupa di questi aspetti della cura agli anziani mettendo in luce le implicazioni sulle condizioni di lavoro delle assistenti domiciliari private.


2008 - Poverty and Social Exclusion in Rural Areas. Final Study Report [Monografia/Trattato scientifico]
Bertolini, Paola; Montanari, M; Peragine, V.
abstract

This study aims at analysing the main and specific features of poverty and social exclusion in rural areas; on the policy side, it analyses those policies, implemented by local, national or EU authorities, that have an impact on rural poverty. After identifying rural areas in the EU and the European Economic Area (EEA),the study concentrates on fifteen countries for the description of the main features of poverty in rural areas. The fifteen countries are selected in order to present a balanced sample of different geographical regions (Northern, Southern, Western and Eastern Europe) and social models. one EEA country – Norway.


2006 - Determinanti delle migrazioni: eviednza empirica sui flussi PECO - Italia [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Pistoresi, Barbara; A., Zaghi
abstract

This article focuses on the presence of immigrants from Eastern Europe in Italy and applies an econometric model to assess the economic and social factors affecting the extent of the phenomenon. The results suggest that the prospect of eastward extension is not a significant determinant of this migration phenomenon, while the economic and employment situation in the contry of origin and network of relations in Italy are relevant. The phenomenon is not conditioned by distance or expectations regarding the economic dynamics of the Italian labour market and income.


2006 - Industrial districts and internationalization: the case of the agri-food industry in Modena, Italy [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Giovannetti, Enrico
abstract

The paper explores the structural changes, in response to internationalization, in an important traditional activity ( food chain, meat processing) in a typical 'district area'. In the paper, attention is focused on the 'Institutional structure of production' (Coase, R. 1992) and the cluster is considered as a whole, as a complex economic player, capable of generating coherent action, regulated by institutional mechanisms, and founded on a set of 'public assets' which make up its 'social capital'. The paper is based on many empirical studies and surveys aimed at exploring the structure of SMEs and the role of the local institutions: the changes observed over time and in response to internationalization underline the reinforcement of the activity's cluster configuration. These features emphasize the existence of a specific unit of analysis, indivisible from the individuals which constitute it. The discussion touches on the classical themes of the efficiency of the net-economy based on SMEs, and their prospects in a context of growing globalization. The paper does not aim to enter into the debate on the origins and mechanism of innovation. However, the case study does illustrate the strength of the hypothesis of a unit of analysis different from the firm for discussion of a number of topics: some empirical examples of innovation, of significance for the economic consolidation of the ID, highlight the importance of district relationships in the production and spread of innovation.


2006 - Ökoprofit as a Public Good: SWOT Analysis of a Relationship Network [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Cecchi, Antonio; Giovannetti, Enrico
abstract

The present work aims at carrying out an analysis of the strengths and weaknesses ofthe ÒKOPROFIT certificationthrough an institutionalist framework capable of incorporating the role of enterprises, institutions and relationshipnetworks.Through the analysis of casestudies on cooperation and on the food farming industry it is possibie to subdivide thepossible markets into 4 stages of maturity, according to the different degree of interaction among the agents, and toinvestigate the present and future role of environmental certifications seen as social capital increase vectors, thanksto their capability of recognizing and producing a culture of quality and, therefore, of sustainable development.


2005 - La riforma MacSharry: distribuzione degli aiuti ed effetti regionali [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Giovannetti, Enrico; M., Montanari
abstract

L'obiettivo del presente lavoro è quello di esaminare la distribuzione regionale dei sussidi che scaturiscono dagli aiuti diretti al reddito in agricoltura, che rappresentano una delle voci più importanti di spesa agricola dell'Unione Europea, e che interessano in modo particolare il comparto dei seminativi. L'elemento di novità del presente lavoro è quello di studiare la dimensione regionale del fenomeno, che allo stato attuale non è ancora stato indagato. Il lavoro è stato sollecitato dall’esigenza di cogliere questo aspetto, destinato a diventare sempre più importante nella misura in cui l'allargamento dell'UE pone a confronto regioni diverse con livelli di sviluppo e situazioni economico sociali profondamente difformi.L'intervento oggetto del nostro studio, come la politica dei prezzi, di cui rappresenta l'evoluzione, ha l'obiettivo principale di sostenere i redditi degli agricoltori; la sua motivazione, alle origini della storia comunitaria, aveva il proprio fondamento nell'esigenza di correggere le distorsioni di reddito tra agricoltura e resto dell'economia, al fine di mantenere e migliorare l'attività delle aziende agricole sul territorio. L'azione non ha lo scopo diretto di intervenire sugli squilibri regionali; non ha quindi una diretta finalità nei confronti delle strategie di coesione. Tuttavia, l'intervento esaminato esercita comunque un impatto regionale, data l'entità di risorse che essa movimenta e che distribuisce sul territorio comunitario; in quanto tale, finisce per lavorare per o contro la coesione, indipendentemente da un' esplicita finalità in tale direzione.Secondo la letteratura sviluppata su questo argomento, la politica dei prezzi ha esercitato effetti difformi tra aziende e territori, sfavorendo quelli economicamente meno avvantaggiati; senza entrare nel merito del dibattito sviluppatosi su tale tema a partire dagli anni '70, si ricorda che la linearità del sostegno, rispetto alla quantità prodotta, ha finito per premiare territori ed aziende più produttive. La conseguenza è stata quella di favorire le aree centro-settentrionali, con aziende più grandi e maggiormente produttive, con l'effetto di accrescere i divari all'interno dell'agricoltura europea, anziché ridurli.Con il presente lavoro si intende esaminare la destinazione regionale degli aiuti diretti al reddito per i cereali e per il periodo compreso tra il varo della riforma MacSharry ed il primo operare di Agenda 2000. La disaggregazione regionale degli aiuti, oltre a fornire informazioni sulla loro destinazione a tale livello, consente di verificare se il nuovo indirizzo nella loro assegnazione si sia distribuito sul territorio europeo in modo tale da favorire le strategie di coesione delle regioni. E' bene precisare che ci si aspetta che ciò non avvenga, dal momento che l'aiuto ha la principale finalità di mantenere il sostegno ai redditi dei produttori agricoli ed ha espressamente caratteristiche compensative nei confronti della perdita di benefici dovuti allo smantellamento della politica dei prezzi.


2005 - La riforma MacSharry: distribuzione degli aiuti per i cereali ed effetti regionali [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Giovannetti, Enrico; Montanari, M.
abstract

Il lavoro esamina gli effetti della riforma Mc Sharry in Europa attraverso una stima della distribuzione degli aiuti e del loro possibile impatto nei diversi territori dell'Unione Europea


2005 - Qualità del lavoro, retribuzioni e carriere nella trasformazione alimentare [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Giovannetti, Enrico
abstract

nd


2004 - Imprese e immigrati in Provincia di Modena. I risultati di un’indagine [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola; Paba, Sergio
abstract

nd


2004 - L’immigrazione internazionale nelle scuole: luci ed ombre [Capitolo/Saggio]
Bertolini, Paola
abstract

Si esamina l'inserimento scolastico degli immigrati nelle scuole nella provincia di Modena, dove il fenomeno migratorio è particolarmente significativo.


2003 - The Internationalisation of an Agri-food Cluster [Relazione in Atti di Convegno]
Bertolini, P.; Giovannetti, E.
abstract

Conference in honour of Professor Sebastiano Brusco, Modena, Italy - CAPP Publications, http://www. capp.unimo.it


2003 - The Internationalization of an Agri-Food Cluster: a Case Study [Abstract in Atti di Convegno]
Bertolini, Paola; Giovannetti, Enrico
abstract

Available in: http://www.economia.unimore.it/convegni_seminari/CG_sept03/naviga.html


2002 - A Comparison of Consumer Attitudes toward Genetically Modifies Food in Italy and the United States [Relazione in Atti di Convegno]
Bertolini, Paola; M., McGarry Wolf
abstract

The paper examines the attutude of consumerts toward organic and transgenic food, comparing USA and Italy


2002 - L’integrazione commerciale tra l’UE ed i PECO: un modello di gravità nella prospettiva dell’allargamento [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola; Montanari, M.
abstract

L'articolo esamina i possibili effetti dell'allargamento ai PECO sugli scambi bilaterali dei paesi. La stima viene fatta utilizzando un modello di gravità.


1998 - La modernisation de l’agriculture italienne et le cas de l’Emilie-Romagne [Articolo su rivista]
Bertolini, Paola
abstract

.