Nuova ricerca

Massimo BALDINI

Professore Associato presso: Dipartimento di Economia "Marco Biagi"


Home | Curriculum(pdf) | Didattica |


Pubblicazioni

2020 - Effetti distributivi della flat tax: il caso italiano [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Rizzo, Leonzio
abstract

Il lavoro è dedicato alla discussione della flat tax, intesa come una possibile strada per riformare l’imposta sul reddito. Dopo una presentazione delle caratteristiche generali del modello della flat tax, se ne considerano le recenti applicazioni in alcuni paesi. La seconda parte del saggio si concentra sull’Italia, dapprima considerando le caratteristiche e i problemi dell’Irpef, quindi valutando i possibili effetti distributivi dell’applicazione, sui redditi delle famiglie italiane, di alcune proposte di flat tax recentemente presentate.


2020 - The scars of scarcity in the short run: an empirical investigation across Europe [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Gallo, Giovanni; Torricelli, Costanza
abstract

This paper tests whether a temporary experience of income scarcity in the recent past affects the current perception of financial fragility, and whether this effect varies according to the welfare system of the country of residence. Using EU-SILC (European Union Statistics on Income and Living Condition) longitudinal data in 2010–2013 period, two main results emerge. First, individuals who transited out of a short spell of scarcity tend to record higher financial fragility (as measured by the indicator “ability to make ends meet”) than those who never experienced it, even after controlling for the current level of household income. When a more objective measure of financial fragility is taken (financial burden of total housing costs), the effect is weaker and disappears once current income is accounted for. Second, the scarcity effect on perceived financial fragility differs according to the welfare system, whereby more generous welfare states (i.e. with greater incidence of social expenditure on GDP) appear to reduce the persistence of the effects of past income shocks on current well-being, while the level of targeting is not relevant. These results, which are robust to various robustness checks, support the idea that individual well-being is a multidimensional phenomenon not limited to more objective components such as income or wealth. Our results are in favour of a welfare system which ensures a more generous provision of services and does not focus only on the poorest section of a society.


2019 - Flat tax. Parti uguali tra disuguali? [Monografia/Trattato scientifico]
Baldini, Massimo; Rizzo, Leonzio
abstract

Per alcuni porterebbe alla semplificazione del sistema tributario e a una pressione fiscale meno opprimente per chi lavora, favorendo la crescita economica e contrastando l'evasione. Per altri, che la identificano con una bassa pressione fiscale, la flat tax sarebbe una riforma a vantaggio dei più ricchi che costringerebbe lo Stato a tagliare la spesa sociale. Il libro illustra caratteristiche e posta in gioco della flat tax: vantaggi e limiti, esperienze in altri paesi, effetti possibili delle proposte avanzate negli ultimi anni in Italia.


2019 - Il Reddito di Cittadinanza: Cosa dicono finora i dati [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Gallo, Giovanni
abstract


2019 - La finanza pubblica italiana. Rapporto 2019 [Curatela]
Baldini, Massimo; Arachi, Giampaolo
abstract

La finanza pubblica in Italia è un rapporto annuale che ha visto la luce nel 1994 con lo scopo di fornire una rassegna degli sviluppi chiave dell'ultimo anno nell'area della finanza pubblica italiana. il Rapporto 2019 valuta le principali misure di policy implementate nel 2018 e nella prima metà del 2019 dal governo italiano. Gli articoli del Rapporto coprono le aree più importanti della finanza pubblica: politiche di bilancio, tassazione, sanità, istruzione, pensioni, assistenza, decentramento fiscale, public utilities e investimenti in infrastrutture. Il capitolo finale è dedicato ad un'analisi dei trasferimenti per la long-term care in Italia.


2019 - La pensione di cittadinanza. Un’occasione persa? [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Mazzaferro, Carlo; Toso, Stefano
abstract


2019 - La spesa per il welfare state [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Caruso, Enza; Mazzaferro, Carlo; Silvestri, Paolo; Toso, Stefano
abstract

Il capitolo effettua analizza, sia sotto il profilo economico teorico che istituzionale, la spesa per il welfare in Italia. A partire dallo studio delle ragioni dell’intervento pubblico nel campo del welfare, si esamina l’evoluzione e l’attuale (al 2019) struttura della spesa sociale nel nostro paese, con particolare riferimento: ai sistemi pensionistici, sanitari, dell'assistenza, degli ammortizzatori sociali e dell’istruzione.


2019 - Le politiche per l’assistenza: il Reddito di cittadinanza [Working paper]
Baldini, M.; Gallo, G.; Lusignoli, L.; Toso, S.
abstract

During 2018 and the first part of 2019 the Italian debate on public expenditure for cash transfers has been dominated by two arguments: “Quota 100” for pensions and the Citizen’s Income (CI) for social assistance. This chapter is entirely devoted to the CI, which represents a turning point in policies against poverty in Italy, with positive aspects and some problems. After section 2, which updates the indexes on poverty and inequality in Italy, section 3 traces the history and the main contents of CI, formulating also some proposals to improve its design. Then a discussion of the quantitative effects of CI on poverty follows. Finally, section 5 deepens the relationship between poverty and the labour market, and the role that the CI could play in this context.


2019 - Pension expectations, reforms and macroeconomic downturn in Italy. What can microdata tell us? [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Mazzaferro, Carlo; Onofri, Paolo
abstract

We use different years of the Bank of Italy’s Survey on Household Income and Wealth (SHIW) to explore how Italian workers’ expectations regarding their future level of pension benefits and retirement age changed from 2000 to 2014. Comparing expected and statutory values for future pension benefits and retirement ages, we find that knowledge of the pension system and its rules are not evenly distributed among workers. Some sections of the population, in particular, younger workers, women and the self-employed, are less precise in estimating their future pension benefits. As for retirement age, a large share of the working population still has not completely assimilated the implications of the linkage with the evolution of lifetime expectations at 65. Expectations in the final part of the period observed are dominated by increasing pessimism, which may be related to the macroeconomic crisis of the Italian economy and to the approval of a severe pension reform in 2011. Checking whether a household’s total wealth is consistent with lifetime consumption, we find that households where the head overestimates the future value of the pension benefit accumulate fewer resources than the remaining part of the population.


2018 - Da politiche di reddito minimo a sistemi integrati nel contrasto alla povertà? Un’analisi di dieci paesi europei [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Busilacchi, Gianluca; Gallo, Giovanni
abstract

L’articolo presenta una comparazione delle politiche di reddito minimo in alcuni paesi europei focalizzandosi sulle differenze nell'accesso, sui livelli di condizionalità previsti, sulla generosità e sulle innovazioni introdotte negli ultimi anni, in particolare nel passaggio da singole misure di reddito minimo a sistemi integrati di vari trasferimenti monetari. La tesi sostenuta è che nel contrasto alla povertà si stia passando a misure di reddito minimo fortemente condizionate, ma sempre più integrate a strumenti di altra natura. Con l’ausilio dei dati Eu-Silc è stato valutato in che modo i sistemi di trasferimento hanno reagito alla crisi economica, mettendo in luce le differenze esistenti tra alcuni paesi europei in termini di composizione della spesa e di efficacia nel contrasto alla povertà. I risultati mostrano grandi differenze tra i diversi paesi, sia dal punto di vista strutturale sia come risposta agli effetti prodotti dalla crisi. Ciò che emerge, in generale, è il ruolo marginale assunto dai trasferimenti finalizzati al contrasto della povertà e dell’esclusione sociale in senso stretto, da cui l’importanza di una visione allargata a un insieme più ampio di trasferimenti.


2018 - Family ties: Labor supply responses to cope with a household employment shock [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Torricelli, Costanza; Urzì Brancati, Maria Cesira
abstract

We use data from the European Union Statistics on Income and Living Conditions (EU-SILC) to explore labor responses of individuals (not only the spouse) to a negative employment shock suffered by another household member. We focus on Italy where family ties other than spousal ones are particularly strong and grown up children live in their parents’ household till late, especially when they are students. Two main results emerge. First, we find strong and robust evidence that households hit by an employment shock do respond by increasing labor supply. Second, we document an added worker effect that is affecting not only wives, but also teenage children and students independently of their age, with important policy implications in terms of human capital formation. Results are robust across gender, household financial conditions and the crisis, yet they do not point to differential reactions along these dimensions.


2018 - La finanza pubblica italiana. Rapporto 2018 [Curatela]
Baldini, Massimo; Arachi, Giampaolo
abstract

Il rapporto come di consueto pone sotto osservazione critica le politiche adottate dagli ultimi governi con riferimento ai più rilevanti ambiti di intervento pubblico, quali conti pubblici, fisco, previdenza e assistenza, sanità, federalismo, public utilities, infrastrutture. Quest'anno vengono approfonditi due temi di grande importanza per i conti pubblici italiani e per le prospettive di ripresa economica del paese: il ruolo giocato negli ultimi anni dalle politiche di austerità e il dibattito sulla riforma dell'Irpef.


2018 - No country for young people. Poverty and Age in Italy, 1948-2018 [Working paper]
Baldini, M.; Mancini, G.; Vecchi, G.
abstract

The paper explores the changing risk of poverty for older and younger generations of Italians throughout the republican period, 1948 to the present day. We show that poverty rates have decreased steadily for all age groups, but that youth has been left behind. The risk of poverty for children aged 0-17, relative to adults over 65, has increased steadily over time: in 1977, children faced a risk of poverty 30 percent lower than the elderly, but by 2016 they are 5 times likelier to be poor than someone in the age range of their grandparents. This intergenerational reversal of fortune is unprecedented in Italy’s postWW2 history. We also assess the impact of the Great Recession on living standards by age, finding that the young have been hit hardest, particularly in Southern regions. What explains the extra poverty risk associated with young age? Our analysis points to the welfare state, which offers better protection for the elderly than it does for the young and their families. We find that the impact of cash transfers on the incidence of child poverty is considerably lower in Italy than in most comparable countries. Overall, in the last seven decades, Italy has become no country for young people.


2018 - THE IMPACT OF REI ON ITALIAN HOUSEHOLDS’ INCOME: A MICRO AND MACRO EVALUATION [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Giarda, Elena; Lusignoli, Lorenzo; Jane Casabianca, Elizabeth
abstract

In 2017, Italy’s government introduced a minimum income scheme, the Reddito di Inclusione (Income Inclusion Programme, REI). REI is a selective, means-tested and conditional scheme that aims at supporting incomes of those most in need. Its structure was recently modified to reach a larger percentage of the poor. In this paper, we simulate the impact of REI on household incomes and evaluate its effects with respect to poverty alleviation and inequality reduction. The analysis is based on the 2015 wave of IT-SILC, the Italian module of European Union Statistics on Income and Living Conditions. Our results show that, under full take-up, REI will reach 45.8% of households in absolute poverty and 22.5% of those in relative poverty. It has a mild impact on the incidence of both types of poverty, while it is more successful in reducing their intensity. We also estimate that REI would contribute to raising GDP by 0.14 percentage points through an increase in private consumption.


2018 - The impact of REI on Italian households’ income: A micro and macro evaluation [Working paper]
Baldini, M.; Casabianca, E. J.; Giarda, E.; Lusignoli, L.
abstract

In 2017, Italy’s government introduced a minimum income scheme, the so-called Income inclusion programme (REI, Reddito di inclusione). REI is a selective, means-tested and conditional scheme that aims at supporting incomes of those more in need. Its structure was recently modified to reach a larger percentage of the poor. In this paper, we simulate the impact of REI on household incomes and evaluate its effects with respect to poverty alleviation and inequality reduction. The analysis is based on the 2015 wave of IT-SILC, the Italian module of European Union Statistics on Income and Living Conditions. Our results show that, under full take-up, REI will reach 45.8% of households in absolute poverty and 22.5% of those in relative poverty. However, it has a mild impact on the incidence of both types of poverty, while it is more successful in reducing their intensity. We also estimate that REI would contribute to raising GDP by 0.14 percentage points through an increase in private consumption.


2017 - La finanza pubblica italiana. Rapporto 2017 [Curatela]
Baldini, Massimo; Arachi, Giampaolo
abstract

Il Rapporto come di consueto pone sotto osservazione critica le politiche adottate dagli ultimi governi con riferimento ai più rilevanti ambiti d’intervento pubblico quali conti pubblici, fisco, previdenza e assistenza, sanità, istruzione, federalismo, public utilities, infrastrutture. Quest’anno in particolare approfondisce i temi delle riforme del sistema educativo, riconosciuto da tutti di particolare rilevanza per la ripresa economica del paese e della sostenibilità del nostro debito pubblico.


2017 - Past Income Scarcity and Current Perception of Financial Fragility [Working paper]
Baldini, M.; Gallo, G.; Torricelli, C.
abstract

The aim of this paper is to test whether a temporary experience of income scarcity in the recent past affects the individual’s assessment of financial fragility over time. Using EU-SILC (European Union Statistics on Income and Living Condition) longitudinal data in 2010-2013 period, our results highlight that individuals who transited out of a short spell of scarcity tend to record a lower subjective ability to make ends meet than those who never experienced it during the reference period, even after two years and controlling for the current level of household income. When a more objective measure of household financial health is taken, the effect is weaker and disappears when current income is accounted for. Our results, which are robust to various robustness checks, have implications for public policies since they question the idea that helping people to leave an objective condition of income scarcity is enough to address poverty and social exclusion.


2017 - Previdenza e assistenza [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Toso, Stefano
abstract

Sui versanti della spesa per l’assistenza e la previdenza, oggetto del presente capitolo di Baldini e Toso, le principali novità del 2016 hanno riguardato la riforma degli interventi contro la povertà assoluta e una serie di misure pensate per superare alcune rigidità contenute nella riforma Monti-Fornero. Il Reddito di inclusione, introdotto dalla legge delega sul contrasto alla povertà approvata nel marzo 2017, arriva a conclusione di un lungo processo di elaborazione iniziato circa cinque anni prima, cui hanno contribuito anche diversi soggetti sociali. Il Rei non è ancora un reddito minimo universale, perché è riservato ancora ad alcune categorie di famiglie, e non ha risorse sufficienti per raggiungere tutti i poveri assoluti, ma con questo strumento si stanno ponendo le basi, anche da un punto di vista organizzativo, per costruire una efficace rete di protezione. È importante che la misura non sia limitata a un semplice trasferimento monetario ma punti al reinserimento lavorativo e sociale dei beneficiari, in un’ottica multidimensionale del bisogno. Il Rei dovrebbe vedere la luce nel 2018. Frattanto, il suo predecessore, il Sostegno per l’inclusione attiva, introdotto nel settembre 2016, è stato reso più accessibile, correggendone alcuni difetti che avevano provocato il rigetto di buona parte delle domande.


2017 - Quality of Government and Subjective Poverty in Europe [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Peragine, Vito; Silvestri, Luca
abstract

We study the effect of quality of government on subjective poverty across European countries and regions, taking advantage of recently released data on the quality of public institutions and of information on household subjective poverty, at the sub-national level. In the analysis we separate the effects of quantity and quality of public services on perceived well-being, controlling for the size of the local government and for the quantity of in-kind services received by each household of the sample. Results suggest that good governance significantly reduces the probability of being subjectively poor, both over the whole population and also among households that are poor in terms of monetary income. We then estimate the greater cost that a family has to bear in order to achieve a given level of welfare, if it lives in a region with inefficient public institutions. Our measure of this inefficiency cost is around 6% of disposable income.


2017 - Quality of government and subjective poverty in Europe [Working paper]
Baldini, M.; Peragine, V.; Silvestri, L.
abstract

We study the effect of quality of government on subjective poverty across European countries and regions, taking advantage of recently released data on the quality of public institutions at the regional level, and of information on household subjective poverty. In the analysis we try to separate the effects of quantity and quality of public services on perceived well-being, controlling for the size of the local government and for the receipt of in-kind services by each household of the sample. Results suggest that good governance significantly reduces the probability of being subjectively poor, both over the whole population and also among households that are poor in terms of monetary income. We then estimate the greater cost that a family has to bear in order to achieve a given level of welfare, if it lives in a region with inefficient public institutions. Our measure of this inefficiency cost is around 6% of disposable income.


2017 - Questioni valutative in relazione alla definizione di "povertà" [Working paper]
Baldini, M.
abstract

Questo contributo cerca di chiarire quali giudizi di valore siano alla base dei principali criteri di valutazione quantitativa della povertà, e quali conseguenze pratiche abbia la scelta di un indicatore piuttosto di un altro quando si desideri valutare come la povertà stia mutando nel tempo o tra paesi, o quali siano gli effetti sulla povertà di una certa scelta di policy. Seguendo la tradizione di vari studi su questo tema, dividiamo l’esposizione in tre parti, tenendo conto che per quantificare la povertà dobbiamo scegliere 1) lo spazio di valutazione, 2) la soglia che separa i poveri dagli altri e infine 3) l’indice numerico che misura il fenomeno.


2017 - Reddito di inclusione: come e per chi [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Anni di lavoro e sperimentazione per la messa a punto di una misura efficace di contrasto alla povertà hanno portato, all’inizio dello scorso marzo, alla nascita del reddito di inclusione, uno strumento certo ancora perfettibile, che offre una copertura non universale e che al momento può contare su risorse purtroppo insufficienti, ma grazie al quale, pur non avendo garanzia di uscire dalla povertà, molte famiglie potranno vedere ridursi significativamente la soglia delle loro deprivazioni. Quali sono le caratteristiche di questa misura, i suoi criteri di applicazione e di selezione dei beneficiari?


2016 - Assistenza e ammortizzatori sociali [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo
abstract

Il 2015 ha visto un significativo cambiamento nell’impostazione delle politiche destinate al sostegno dei redditi familiari, descritto nel capitolo di Baldini e Toso: mentre il primo anno del governo Renzi è stato caratterizzato da un forte impegno sulle regole del mercato del lavoro, comprendente una nuova riforma degli ammortizzatori sociali, nel 2015 si è imposta anche all’attenzione della politica la necessità di intervenire sui sussidi destinati al contrasto della povertà. Questa rinnovata attenzione per un’area tipicamente trascurata delle politiche sociali, la spesa per assistenza, è stata stimolata da molti fattori, in particolare dalla consapevolezza diffusa che in effetti la povertà è davvero diventata un grave problema dopo molti anni di crisi. Anche la debole dinamica economica del primo periodo post-crisi e la pressione proveniente da alcuni partiti e soggetti sociali hanno contribuito a fare del reddito minimo un tema di grande importanza nel dibattito politico. Il governo ha tradotto queste tensioni in un intervento contenuto nella legge di stabilità per il 2016 che introduce un nuovo fondo per il finanziamento stabile di una misura contro la povertà assoluta estesa a tutto il territorio nazionale, le cui caratteristiche saranno definite dai decreti successivi all’approvazione di una legge delega da approvarsi nel 2016. Il modello di questa nuova misura sarà il Sia, il sostegno per l’inclusione attiva sperimentato nelle 12 principali città italiane tra il 2014 ed il 2015, e al suo finanziamento concorreranno, almeno nei prossimi anni, anche fondi europei. Pur se con uno stanziamento ancora insufficiente per aggredire in modo sostanziale la povertà, e con uno schema ancora riservato solo ad alcune categorie di poveri, si è comunque iniziata a percorrere la via che dovrebbe portare anche in Italia ad un vero e proprio reddito minimo contro la povertà di tipo europeo. Il successo della nuova misura si basa anche sulla possibilità di accertare in modo attendibile le condizioni economiche delle famiglie, e per questo è essenziale l’Isee, la cui versione rinnovata, entrata in vigore ad inizio 2015, è stata messa in crisi dalle sentenze del Consiglio di Stato del febbraio 2016, che hanno imposto di togliere dal computo dei redditi dei disabili i trasferimenti pubblici associati alla condizione di invalidità. Il governo ha recepito queste correzioni, di fatto ripristinando il vecchio metodo di calcolo dell’Isee per i disabili, ma è possibile che in futuro sul disegno dell’Isee si debba ritornare.


2016 - I criteri per ricevere il Reis [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo
abstract

Dopo aver fornito un quadro della povertà di reddito in Italia, il capitolo passa ora ad illustrare i criteri per ricevere il Reis.


2016 - L'importo del contributo economico [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Gallo, Giovanni
abstract

Nel capitolo si volge lo sguardo all’importo del contributo monetario erogato ed alle sue conseguenze. Viene esposta una valutazione dell’impatto del Reis sui redditi dei poveri e sulla diffusione dell’indigenza; si quantifica poi l’ampiezza della platea interessata dalla misura, con particolare riferimento ad alcune dimensioni come la nazionalità e la ripartizione dei beneficiari tra le diverse aree del paese. Si compara quindi il Reis con gli attuali trasferimenti rivolti ai nuclei in povertà, mentre la parte finale lo pone a confronto con strumenti simili presenti in alcuni paesi europei.


2016 - La definizione di povertà [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo
abstract

Questo capitolo presenta un quadro della diffusione e delle caratteristiche della povertà in Italia. Il par. 2 descrive i principali criteri metodologici tipicamente seguiti per lo studio della povertà economica. Nel par. 3 approfondiamo la discussione della povertà assoluta e presentiamo alcuni dati sulla sua recente dinamica in Italia.


2016 - La finanza pubblica italiana. Rapporto 2016 [Curatela]
Baldini, Massimo
abstract

Public finances in Italy is an annual report initially launched in 1994 with the aim of providing a review of the key developments that occur year by year in the area of public finance in Italy. The 2016 Report evaluates the main policy measures implemented by the Italian government during 2015 and the first quarter of 2016, and provides an outlook for the short-term future. The papers included in the report cover the most important areas of public finance and public intervention: budgetary policies, taxation, health care, pensions, social policies, fiscal decentralization, public utilities, public infrastructure. Two special chapters focus respectively on the issues raised by the regulation and taxation of gambling and on the prospects for reforming the taxation of multinational firms in the digital economy.


2016 - Social transfers and poverty in Europe: comparing social exclusion and targeting across welfare regimes [Working paper]
Baldini, M.; Gallo, G.; Reverberi, M.; Trapani, A.
abstract

This paper studies whether there are systematic differences in the ability of cash transfers, belonging to different welfare systems, to reach the poor and to lift them out of poverty. We structure the analysis following the classic breakdown of the various European welfare states into welfare regimes, in search of specific features of them that can explain the variable results shown in the ability to effectively tackle economic poverty. The analysis is carried out both with a cross-sectional approach as well as using a more long-run definition of persistent poverty.


2016 - Un reddito minimo è ancora improponibile? [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Il tema del reddito minimo sta ricevendo grande attenzione nel dibattito politico. La legge di stabilità per il 2016 fa infatti un passo molto significativo in questa direzione, anche se non conclusivo. Il lavoro inizia chiedendosi perché in Italia manchi ancora uno strumento universale contro la povertà economica e come mai in questi ultimi anni se ne discuta tanto, al punto che diverse forze politiche ne hanno fatto uno dei punti forti dei propri programmi di governo. Si passa poi a descrivere le principali alternative in campo, sia in linea di principio che nel dibattito italiano, con i loro pregi e rischi, e cosa ci possiamo aspettare dalle iniziative del governo.


2016 - Universali o categoriali? Le nuove politiche contro la povertà e il nodo del target. [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

L’articolo propone un esame critico delle recenti politiche contro la povertà in Italia e dei loro possibili sviluppi. Dopo aver sintetizzato le tendenze del fenomeno dell’indigenza durante la recessione iniziata nel 2008, ci si sofferma sull’evoluzione delle politiche e ci si concentra sugli atti compiuti dal Governo Renzi, con particolare riferimento alla presentazione di un disegno di legge delega in materia di povertà. Successivamente viene esaminata la platea dei beneficiari del Sostegno per l’inclusione attiva (Sia), prestazione transitoria in attesa dell’introduzione del Reddito d’inclusione (Rei) previsto dalla delega. Al momento di scrivere, non è dato sapere – e neppure ipotizzare – quale sarà il target di utenza del Rei. Il contributo presenta infine, pertanto, una discussione dei possibili profili della platea interessata dalla nuova misura, per verificare, nelle varie alternative, la distanza rispetto all’obiettivo di un intervento universalistico contro la povertà assoluta.


2015 - Crisi economica, distribuzione del reddito e politiche sociali [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Toso, Stefano
abstract

Nell’attesa della ripresa anche il resto dei programmi di spesa è stato fortemente condizionato dai vincoli di bilancio. Il protrarsi della crisi ha determinato un ulteriore peggioramento delle condizioni di vita delle famiglie, anche se questo ha riguardato soprattutto i gruppi sociali più svantaggiati e a maggiore contatto con il mercato del lavoro (giovani, famiglie numerose, immigrati). Malgrado la crisi abbia provocato un allargamento della forbice tra i redditi e un incremento della povertà assoluta, la composizione della spesa sociale non è cambiata. Le voci relative a famiglia, housing ed esclusione sociale continuano ad assorbire una quota trascurabile della spesa sociale complessiva. Le principali novità nel corso del 2014-2015, descritte nel contributo di Baldini e Toso, sono state: l’introduzione di un trasferimento monetario (bonus bebè) di 80 euro mensili; l’introduzione sperimentale di una Nuova Carta Acquisti, destinata a contrastare le forme più gravi di povertà economica; l’entrata in vigore del nuovo Indicatore della situazione economica equivalente (Isee). La legge di stabilità 2015 ha inoltre reso permanente il bonus fiscale introdotto nel maggio 2014. L’anno in corso è stato anche segnato dalla revisione del sistema degli ammortizzatori sociali. Il decreto legislativo n. 22/2015, attuativo della legge delega sul Jobs Act, ha rimodulato le misure di tutela del reddito del lavoratore in caso di disoccupazione, unificando le due prestazioni della legge Fornero (Aspi e MiniAspi) e introducendo una sola prestazione di disoccupazione per tutti i lavoratori dipendenti disoccupati, la Naspi. È stato inoltre introdotto un istituto finalizzato alla tutela del reddito in caso di disoccupazione di lungo periodo, l’Assegno di disoccupazione (Asdi), consistente in una prestazione assistenziale destinata a chi beneficia della nuova indennità di disoccupazione (Naspi) e che al termine del periodo di relativa copertura sia ancora disoccupato e si trovi in condizioni di indigenza. Il capitolo discute infine un tema divenuto molto popolare nel dibattito politico italiano, l’istituzione di uno schema di reddito minimo contro la povertà, la cui mancanza rappresenta una delle lacune principali del sistema di protezione sociale italiano.


2015 - Fiscal austerity and income distribution in Italy [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo
abstract

The aim of the chapter is to evaluate the main effects on the incomes of Italian households of the fiscal consolidation measures that the government has introduced since the start of the Great Recession in 2008, with the objective of reducing the deficit of the public budget. The questions addressed in this chapter can be summarised as follows: • What is the overall distributive impact of austerity measures on the income distribution of Italian households? • Which social and economic groups have been more affected? • What is the relationship between the changes in income distribution over the last decade in Italy and the changes produced by the policy measures? • When designing which measures to introduce, did the government take into account the underlying changes in income distribution during the crisis? The second section describes the evolution of income inequality and poverty before and after the onset of the Great Recession, while the third section provides some details of the simulation method and presents the distributive effects of the austerity package on Italian households. Finally, the fourth section discusses these results and puts them in a more general context.


2015 - Il "Bonus" degli 80 euro: caratteristiche ed effetti redistributivi [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Giarda, Elena; Olivieri, Arianna; Pellegrino, Simone; Zanardi, Alberto
abstract

We study the distributive effects of the recent introduction of a new tax credit for employees, better known as the “80 euro bonus”, in Italy’s personal income tax system. The paper also discusses the ensuing consistency problems in the overall structure of the tax. Conducted with the use of tax-benefit microsimulation models, the analysis studies the distributive effects of the credit both on taxpayers and on households.


2015 - Imputation of missing expenditure information in standard household income surveys [Working paper]
Baldini, M.; Pacifico, D.; Termini, F.
abstract

The aim of this paper is to present a new methodology for dealing with missing expenditure information in standard income surveys. Under given conditions, typical imputation procedures, such as statistical matching or regression-based models, can replicate well in the income survey both the unconditional density of household expenditure and its joint density with a set of socio-demographic variables that the two surveys have in common. However, standard imputation procedures may fail in capturing the overall relation between income and expenditure, especially if the common control variables used for the imputation have a weak correlation with the missing information. The paper suggests a two-step imputation procedure that allows reproducing the joint relation between income and expenditure observed from external sources, while maintaining the advantages of traditional imputation methods. The proposed methodology suits well for any empirical analysis that needs to relate income and consumption, such as the estimation of Engel curves or the evaluation of consumption taxes through micro-simulation models. An empirical application shows the makings of such a technique for the evaluation of the distributive effects of consumption taxes and proves that common imputation methods may produce significantly biased results in terms of policy recommendations when the control variables used for the imputation procedure are weakly correlated with the missing variable.


2015 - La finanza pubblica italiana. Rapporto 2015 [Curatela]
Baldini, Massimo; Arachi, Giampaolo
abstract

Il Rapporto pone sotto osservazione critica le politiche adottate dagli ultimi governi con riferimento ai più importanti ambiti d’intervento pubblico quali conti pubblici, fisco, previdenza e assistenza, sanità, istruzione, federalismo, public utilities. Quest’anno in particolare sono approfonditi due temi assai rilevanti per comprendere l’evoluzione e le prospettive della finanza pubblica: le conseguenze delle regole europee sul pareggio del bilancio pubblico e le strategie per ridurre l’evasione dell’Iva.


2015 - La spesa per il welfare state [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Silvestri, Paolo; Toso, Stefano
abstract

Il capitolo aggiorna al 2015 la situazione del welfare state (pensioni, sanità, assistenza, ammortizzatori sociali e istruzione) in Italia, dopo le riforme che ne hanno caratterizzato l'evoluzione.


2015 - Povertà e disuguaglianza nelle regioni italiane. Un esercizio basato su una definizione estesa di reddito [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Brunori, Paolo; Peragine, Vito
abstract

In questo lavoro valutiamo come, includendo i trasferimenti impliciti di beni e servizi da parte delle pubbliche amministrazioni nella definizione di reddito esteso, disuguaglianza e povertà nel paese si modifichino. Siamo soprattutto interessati a capire se l’inclusione di questa componente accentui il divario fra regioni o invece restringa il gap che divide le aree più ricche da quelle più povere del paese.


2015 - Prestito vitalizio ipotecario e povertà degli anziani: un esercizio di microsimulazione [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Beltrametti, Luca
abstract

Questo studio si propone di fornire una “fotografia” della distribuzione della proprietà immobiliare in Italia con riferimento agli aspetti generazionali ed alla presenza di altri cespiti patrimoniali e di indagare in particolare le potenzialità del prestito vitalizio ipotecario e le possibili implicazioni del suo utilizzo. Quest’ultima scelta si giustifica con l’interesse dello strumento, la sua novità nel panorama italiano e la relativa scarsità di letteratura sul tema.


2015 - Study on the effects and incidence of labour taxation [Working paper]
Valkonen, Tarmo; Hofer, Helmut; Hyee, Raphaela; Loretz, Simon; Müllbacher, Sandra; BALDINI, Massimo; GALLO, GIOVANNI; Styczynska, Izabela; Aydilek, Gokben; Adam, Stuart; Phillips, David
abstract

In the aftermath of the financial crisis most European countries are continuing to face employment problems. In a number of Member States government intervention has further resulted in increasing debt levels and high tax burdens overall and in particular on labour. Therefore well-targeted tax reforms seem to be in order to improve the labour market outcomes. It is often implicitly assumed that a decrease on the employee side, i.e. in the personal income tax rate or the employee part of social security contribution, leads to a higher labour supply. Against this background four main goals of this study emerge. First, is to identify from the literature which labour market imperfections result in employment problems and to attribute them to the labour supply or on the labour demand side. Given the heterogeneity in the labour market situation of different groups, we also set out to identify which socioeconomic groups are most vulnerable to employment problems. The next step is to review the literature which assesses the short-run and long-run economic incidence of labour taxation. To further break down the incidence into its underlying determinants we also review the literature on the (tax) elasticities of labour supply and labour demand. Then the literature on the influence of the economic environment on the tax incidence outcome, most notably the wage setting mechanisms and the institutional background, is reviewed. Finally the findings of the literature review are brought together in a framework of indicators to identify the potential of tax reforms to reduce tax related employment problems.


2014 - Austerità fiscale, distribuzione del reddito e politiche sociali negli anni della grande recessione [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Stefano, Toso
abstract

Il lavoro esamina le conseguenze economiche e sociali della crisi in Italia e delle politiche di austerità. Nella seconda parte si discutono i principali provvedimenti adottati dal governo nel corso dell'ultimo anno e le prospettive di riforma degli ammortizzatori sociali e della spesa per assistenza.


2014 - Crisi, politiche di austerità e distribuzione del reddito [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

La crisi ha ridotto in media i redditi di tutte le fmaiglie italiane, soprattutto quelle con i redditi più bassi. La classe media si è impoverita in termini assoluti, meno in senso relativo, perchè la distanza tra poveri e classe media non si è ridotta.


2014 - Family ties: occupational responses to cope with a household income shock [Working paper]
Baldini, M.; Torricelli, C.; Urzì Brancati, M. C.
abstract

In this paper we analyse household members’ reactions in case of unforeseen negative income shocks due to a transition into unemployment and/or into income support. More specifically, we estimate the impact of an income loss suffered by one household member on the probability that another household member – not necessarily the wife - transit from out of the labour force into employment or into workforce. Since in a lifecycle setting the labour supply of secondary workers is also affected by credit constraints, we take into account financial wealth and liabilities as well as a measure of household illiquidity due to housing. To perform our analyses, we use a discrete choice model and data drawn from the Bank of Italy Survey on Household Income and Wealth (SHIW) over the period 2004-2012, so as to include the effects of the Great Recession. Even after accounting for standard socio-economic controls, results show significant reactions to income shocks, especially during the recession. As for portfolio controls, we find a significant difference (mostly in terms of intercept, but also of slope) between the level of illiquidity and labour market participation for households hit/not hit by a shock.


2014 - Il corto circuito di bassa istruzione e alta diseguaglianza [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo
abstract

il contributo contiene una discussione sulle relazioni tra capitale umano e distribuzione del reddito in Italia. Si considerano entrambe le possibili relazioni di causa-effetto, cioè dalla diseguaglianza nella distribuzione del reddito a quella nella distribuzione del capitale umano, e quali conseguenze ha una basso investimento in istruzione sulle potenzialità di reddito delle persone.


2014 - Le politiche fiscali del governo: il bonus per il lavoro dipendente e la riduzione del cuneo [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Il lavoro descrive le caratteristiche del bonus fiscale da 80 euro al mese per i dipendenti e lo pone nel contesto delle politiche finalizzate a diminuire il cuneo fiscale. Vengono considerate anche le implicazioni sul disegno dell'imposta personale sul reddito.


2014 - The Italian housing system and the global financial crisis [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Teresio, Poggio
abstract

The paper describes the main traits of the Italian housing system and the relatively recent changes toward a more market driven model. It also provides an analysis of the effects of the current economic crisis on this system and discusses how government, market actors and households are dealing with it. The crisis has led to further cuts in housing policy and to the diminished economic capacity of households. In comparative terms, the impact of the credit crunch has been softened by the crucial role family traditionally plays in funding home ownership and by some policy measures. Affordability was a dramatic problem even before the crisis, especially in the rented sector. Social housing is collapsing and there is a great deal of uncertainty about the future of new programmes that were in development just before the crisis.


2013 - ICESmo3 Terza Indagine sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie nella provincia di Modena [Banca dati]
Silvestri, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara
abstract

La terza indagine sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie della provincia di Modena. Anno 2012 L’obiettivo principale della terza indagine ICESmo3 è la raccolta d'informazioni utili per l’analisi dei cambiamenti intervenuti nel periodo 2008-2012. Per indagare con accuratezza gli effetti della crisi economica sulla distribuzione del reddito e sulle condizioni di vita dei modenesi, il disegno della terza indagine prevede di valorizzare la componente longitudinale del campione. La rilevazione ha interessato 2020 famiglie ed è iniziata a metà maggio 2012, pochi giorni prima del terremoto che ha colpito i comuni della bassa modenese. In 5, dei 19 comuni del campione, la rilevazione è stata immediatamente sospesa e il questionario da utilizzare in questi comuni è stato parzialmente modificato. Le interviste sono riprese alla fine di settembre e concluse nel gennaio 2013. L’indagine è stata resa possibile grazie al supporto finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e del Comune di Modena. Alla ricerca ha collaborato la Fondazione Ermanno Gorrieri per gli Studi Sociali.


2013 - Sostegno del reddito e lotta alla povertà: le politiche pubbliche in tempo di crisi [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Stefano, Toso
abstract

Sintesi delle iniziative di politica sociale del governo italiano nel corso del 2012


2013 - Study on the impacts of fiscal devaluation. Final report [Working paper]
BALDINI, Massimo; Bettendorf, Leon
abstract

The main research question of the project is summarized as: What are the macroeconomic and distributional consequences of fiscal devaluation for a selection of countries and the EU as a whole? The selected countries are France, Italy, Spain and Austria. The project aims to perform four tasks: 1. Provide a review of the impacts of fiscal devaluations in the light of economic literature and former studies. 2. Use suitable models to analyse macroeconomic impacts of fiscal devaluation in the selected countries and do a comparative analysis of the results obtained in different countries. 3. Analyse distributional impact of fiscal devaluations with the help of models in the selected countries and link these results, if possible, to the macro-level analysis. 4. Analyse the suitability of the policy for the EU as a whole with the help of model simulations and in the light of the country-specific results.


2012 - Ammortizzatori sociali e spesa per assistenza: la via impervia delle riforme [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; S., Toso
abstract

Il paper offre una rassegna delle conseguenze distributive della recessione su redditi e povertà delle famiglie italiane. Passa poi a descrivere e discutere le risposte delle politiche del mercato del lavoro e delle politiche sociali.


2012 - Housing policy towards the rental sector in Italy: a distributive assessment [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; T., Poggio
abstract

We study the distributive effects on Italian households of the three most relevant housing subsidies targeted to renters: a national rent supplement scheme introduced in the context ofthe reform that liberalised the rental market in the late 1990s, a tax credit for renters that has been recently strengthened and the implicit economic support given to tenants in the social housingsector, through below-market rents. The analysis is performed on data from the Eu-Silc survey for Italy and, in the case of the housing allowances, also on register data from 9 out of the 13 largest Italian towns. We consider, in particular, the ability of these schemes to target low-income households and their effects on the overall levels of poverty and inequality. Results from our analysis show a good targeting but very limited effect on social protection, with the partial exception of social housing.


2012 - L’andamento delle retribuzioni di mercato nei paesi Ocse [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Il lavoro descrive l'andamnento delle retribuzioni nei principali paesi dell'area Ocse nel corso degli ultimi decenni. Si considerano sia le dinamiche relative ai livelli dei redditi che quelle riguardanti i differenziali retributivi. Nella seconda pare si studiano, per alcuni paesi europei, le caratteristiche dei lavoratori a basso reddito e quelle dei lavoratori che rimangono in povertà di reddito familiare.


2012 - Perceived quality of public services, liquidity constraints, and the demand of private specialist care [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; G., Turati
abstract

In this article we offer direct evidence on the role of perceived quality differences in publicly provided health care services, in determining the incentive to opt out for private services and, for poor individuals, short-run credit constraints in the access to these services. We concentrate on private specialist care, a category of services for which disparities in the access are highest.We use Bank of Italy—SHIW data to first study the determinants of demand for private and public specialist care,estimating probit and bivariate probit models, and ZIP models. We then apply the Carneiro–Heckman procedure to identify the share of people constrained and study how perceived quality of public services affects the percentage of people short runconstrained. Our estimates suggest the presence of large territorial differences, as for the role of income and the quality of public services.


2011 - Ammortizzatori sociali e spesa per l'assistenza: l'impatto della crisi e le risposte di policy. [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; S., Toso
abstract

L'articolo discute le misure di politica sociale e del mercato del lavoro adottate dal governo italiano nell'ultimo anno.


2011 - Ethnic discrimination in the Italian rental housing market [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Federici, Marta
abstract

With a field experiment carried out on the Internet, this paper studies the presence of discrimination in the Italian rental housing market against persons whose names are distinctive of different ethnic groups and gender. Further, we investigate whether providing information on the job or personal characteristics of the applicant may reduce the extent of discrimination. We also study if sending ill-formed emails negatively affects immigrants’ chances of success in receiving a positive response. We created twelve fictitious individuals: four with Italian-sounding names, four with typical Arab/Muslim names and four with East European-sounding names. We made these individuals send emails to apply for vacant rental apartments in 41 Italian cities. The results provide a multifaceted picture. The degree of discrimination varies across ethnic groups, genders and the level of information, but seems to be present only in part of the country, and is also closely correlated with the size of the flat. Perfect mastery of the receiving-country’s language does not play an important role.


2011 - Inequality and poverty during the recession in Italy [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; E., Ciani
abstract

This paper simulates the effects of the recent economic crisis on income inequality and poverty in Italy. We impute changes in employment rates estimated from the Labour force survey on the Italian SILC sample. The resulting increase in unemployment benefits is simulated in detail, together with the expansion of the Cassa Integrazione Guadagni, a wage supplement fund that has played a crucial role during the crisis. Our simulations suggestthat the crisis has increased inequality and poverty levels, in particular for households with children and for the younger cohorts of workers. We also show that a reform of unemploymentbenefits towards universalism would have significantly contained these effects.


2011 - Profit taxation and capital accumulation in a dynamic oligopoly model [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; L., Lambertini
abstract

We illustrate a differential oligopoly game using the capital accumulation dynamics a` la Ramsey. We evaluate the effects of profit taxation, proving that there exists a tax rate yielding the same steady state social welfare as under social planning. Contrary to the static approach, our dynamic analysis shows that,in general, profit taxation affects firms’ decisions concerning capital accumulation and sales. In particular, it has pro-competitive effects provided that the extent of delegation is large enough (and conversely).


2010 - LE CITTÀ INCARTATE. MUTAMENTI NEL MODELLO EMILIANO ALLE SOGLIE DELLA CRISI [Curatela]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Silvestri, Paolo
abstract

Il volume contiene le riflessioni sul mutamento delle condizioni di vita e di benessere in un’area rappresentativa della parte più sviluppata e moderna del paese. L’occasione è fornita dalla seconda indagine sulla condizione economica e sociale delle famiglie della provincia di Modena (ICESmo2), svolta nel 2006 dal Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche dell’Università di Modena e Reggio Emilia (CAPP). La precedente indagine del 2002 aveva evidenziato alcuni tratti peculiari della provincia: anche a confronto con le regioni più ricche del nord del Paese, Modena presentava un reddito medio sensibilmente più elevato e più bassi livelli di diseguaglianza e povertà. Una fotografia che aveva indotto ad assimilare il modello di welfare modenese più a quello dei paesi del nord Europa che a quello dei paesi dell’area mediterranea . A quattro anni di distanza diverse cose sono cambiate. Pur mantenendosi il reddito medio dei modenesi su livelli più elevati e gli indici di povertà su livelli più bassi, il quadro distributivo è peggiorato, certamente in misura maggiore di quanto non sia accaduto in media nel nord Italia; anche la povertà è aumentata. Dopo un quadriennio (2002-2006) di sostenuta crescita economica internazionale, Modena risulta ancora una città ricca, ma è diventata più diseguale. La prima parte del volume documenta questo cambiamento, ne valuta le conseguenze sul benessere delle famiglie e indaga le possibili ragioni. Nella seconda parte del volume si approfondiscono, facendo ricorso a diversi approcci metodologici, gli aspetti del well-being della comunità: salute, istruzione, cultura, chil-care, capitale sociale e mobilità. La terza parte documenta aspetti metodologici dell’indagine e problemi connessi alla sua rappresentatività. Al di là del contenuto tecnico, essa contribuisce ad arricchire la riflessione sulla portata e sull’uso delle indagini campionarie locali.


2010 - LE PRINCIPALI DINAMICHE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA DELLE FAMIGLIE MODENESI TRA IL 2002 E IL 2006 [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Silvestri, Paolo
abstract

Sulla base delle informazioni derivanti da indagini campionarie sui redditi delle famiglie nella provincia di Modena, in questo lavoro si descrivono i mutamenti intervenuti nella distribuzione del reddito e negli standard di vita tra il 2002 e il 2006. Il periodo è caratterizzato da una crescita assai modesta dei redditi medi reali e da un significativo incremento nella diseguaglianza e nei livelli di povertà. Questi cambiamenti contrastano con quanto nel frattempo accaduto in Italia, almeno fino al 2006. Nel lavoro si esaminano in dettaglio le principali caratteristiche della distribuzione del reddito e i profili tipici delle persone e delle famiglie a rischio di povertà. Dall’analisi emergono alcuni mutamenti di rilievo, che possono avere una valenza non solo locale, in particolare per quanto riguarda il contributo dell'immigrazione nel dare forma alle modificazioni osservate.


2010 - La casa degli italiani [Monografia/Trattato scientifico]
Baldini, Massimo
abstract

Questo libro studia le case da un punto di vista economico. Si occupa quindi soprattutto di houses più chedi homes; non degli aspetti psicologici, simbolici o sociali dell’abitare, ma dell’importanza che le case rivestono per il nostro tenore di vita materiale e l’economia nel suo complesso.Il capitolo 1 considera alcune caratteristiche generali dei mercati delle abitazioni, passando poia chiedersi quali siano le ragioni del frequente ripetersi di cicli molto ampi nel prezzo delle case. Viene anche effettuato un parallelo tra la scelta dell’affitto e quella per la proprietà. Le condizioni abitative delle famiglie formano l’oggetto del capitolo 2. Dopo un confronto tra le case degli italiani e quelle degli altri europei, è approfondito il disagio abitativo, visto sia sotto un profilo fisico (dimensioni, qualità, ecc.) sia economico. Quante sono le famiglie che pagano per l’affitto una quota molto alta del proprio reddito? Il disagio abitativo è aumentato negli ultimi anni? Per quante famiglie italiane la casa è un problema economico? Cercheremo di rispondere a domande di questo tipo. Il capitolo 3 considera la casa come una forma di investimento della ricchezza delle famiglie, spiega cosa sia l’effetto ricchezza provocato dalle abitazioni e sintetizza le principali caratteristiche della crisi del mercato dei mutui subprime negli Stati Uniti. Gli altri capitoli sono dedicati alle politiche. Il capitolo 4 illustra in via generale le principaliforme di intervento pubblico nel settore, dall’edilizia residenziale pubblica al controllo degli affitti. Il capitolo 5 tratta delle forme assunte dall’intervento pubblico negli ultimi decenni in Europa e, in modo più approfondito, in Italia, fino ai recenti piani casa. Il capitolo 6 discute infine i principali problemi relativi alla tassazione delle abitazioni, sia in generale sia con riferimento al nostro paese. Per leggere questo volume non sono necessarie particolari competenze di economia. In pochissime occasioni verrà usato il grafico base della teoria economica, quello con le curve di domanda e di offerta, molto utile per una migliore comprensione degli argomenti affrontati. Un glossario finale esplicita alcuni concetti economici toccati nel corso dell’esposizione.


2009 - Diseguaglianza, povertà e politiche pubbliche [Monografia/Trattato scientifico]
Baldini, Massimo; S., Toso
abstract

Seconda edizione del manuale uscito nel 2004. Studia, con l'aiuto degli strumenti dell'analisi economica, come si misurano diseguaglianza e povertà, e come si valuta l'impatto distributivo delle politiche pubbliche.


2009 - Le politiche rivolte all'affitto e i loro effetti. [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; T., Poggio
abstract

il lavoro valuta l'impatto distributivo dei trasferimenti a favore delle famiglie con figli in Italia, usando sia dati campionari che amministrativi.


2009 - Recensione di "The working poor in Europe. Employment, poverty and globalization" [Recensione in Rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Recensione del volume "The working poor in Europe. Employment, poverty and globalization", sulle caratteristiche dei lavoratori che in Europa, pur lavorando, vivono in famiglie con reddito inferiore alla soglia di povertà.


2009 - Ripartire dai poveri [Recensione in Rivista]
Baldini, Massimo
abstract


2009 - Tax evasion and misreporting in income tax returns and household income surveys [Relazione in Atti di Convegno]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Lalla, Michele
abstract

This paper studies tax evasion and misreporting by comparing data from income tax files and a survey of household incomes, both relative to a medium-size Italian town. The novelty of our approach lies in the use of individual microdata, obtained by exact matching between the two data sources. As usual, the adopted proxy for tax evasion is the difference between survey income and tax-declared income. Our results lend support to the widely shared belief that in Italy the propensity to evade is higher among the self-employed. However, our findings do not bear out the existence, which emerged in previous studies, of a negative relationship between tax evasion and income levels. Underreporting seems to be concentrated in the lowest income deciles, while the level of tax evasion is higher at the top of the income distribution. Notwithstanding the reliability of the statistical base, our results must be accepted with caution, as the measure of tax evasion adopted is not able to make a clear distinction between evasion and misreporting


2009 - The recent reform of the Italian personal income tax: distributiveand efficiency effects [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; D., Pacifico
abstract

The aim of this paper is the study of three reforms of the Italian personal income tax that have been implemented over the past six years. The analysis is carried out in three stages. In the first stage we study their distributive effects using a static microsimulation model. In the second stage we focus onthe labour supply effects by means of a structural microeconometric model of household labour supply; finally, we analyze the distributive effects of the reforms accounting for labour supply reactions. Our findings confirm that theextension of the no‐tax area had positive effects in terms of both redistribution and work incentives, while greater benefits for households with children improved income distribution but with negative effects on the labour supply of married women.


2008 - Assessing the implications of long-term care policies in Italy: a microsimulation approach [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; C., Mazzaferro; M., Morciano
abstract

This paper estimates the future characteristics of the long-term disabled in Italy and the evolution of total public expenditure for long-term care. The future dynamics of ltc expenditure in Italy is of particular relevance for two reasons: the limited and insufficientlevel of public expenditure currently targeted to the disabled, and the perspective in the next few decades of one of the most rapid ageing processes in the world.The analysis is carried out using a dynamic microsimulation model that estimates the evolution for the next five decades of the social and economic structure of the Italian population. After an analysis of the future structure of the pool of the disabled population, we consider two alternative hypotheses for the dynamics of public expenditure in ltc: the simple continuation of the current rules, and a significant increase in the generosity ofpublic schemes, in order to satisfy the mounting pressure coming from households. We also compute the implicit tax rates needed to raise the required resources.


2008 - Chi ha beneficiato delle riforme del nostro sistema di tax-benefit? Le ultime due legislature a confronto. [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; M., Morciano; S., Toso
abstract

Il lavoro analizza l'impatto sulla distribuzione del reddito dei principali provvedimenti di spesa e tassazione adottati in Italia nel corso delle due legislature 1996-2001 e 2001-2006.


2008 - Costi e argomenti. [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; C., Gori; C., Mazzaferro; M., Morciano
abstract

Simulazioni su varie alternative per incrementare l'offerta di servizi e trasferimenti ai non autosufficienti in Italia.


2008 - L'economia urbana di Modena: 1996-2006. Note di sintesi [Working paper]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Fiorani, Giuseppe; Silvestri, Paolo; Solinas, Giovanni
abstract

Il saggio esamina lo sviluppo economico della provincia di Modena nell'ultimo decennio, formulando alcune proposte di politiche per lo sviluppo locale.


2008 - Le politiche sociali del governo di centrosinistra [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo
abstract

Il lavoro ripercorre i principali provvedimenti di politica economica presi dal governo Prodi nel corso del 2007. Si considerano in particolare le politiche sociali: le loro motivazioni ed i loro effetti.


2008 - Le principali dinamiche della condizione economica delle famiglie modenesi tra il 2002 e il 2006 [Working paper]
Silvestri, Paolo; Baldini, Massimo
abstract

This paper describes the changes that have taken place in the distribution of income in the province of Modena between 2002 and 2006, on the basis of the information provided by two local surveys on households’ incomes and living standards. The period is characterized by very slow improvements in real average incomes, and by a significant increase in inequality and poverty levels. These changes are in contrast to what seems to have taken place in Italy as a whole, at least until 2006. Finally, we focus on a subjective measure of income poverty and on the role played by immigrants in shaping these modifications.


2008 - L’Irpef e la casa [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo
abstract

Il paper considera le modalità con cui l'Irpef sottopone a tassazione l'abitazione di residenza.


2008 - Retribuzioni e segmenti deboli del mercato del lavoro in un'area urbana a elevato sviluppo economico [Working paper]
BALDINI, Massimo; SILVESTRI, Paolo
abstract

On the basis of a local household survey carried out in 2002 and in 2006, this paper examines the earnings and job conditions of workers living in the province of Modena, one of the richest areas of Italy. After an analysis of earning changes over the period covered by the two surveys, the paper finds evidence of marked earnings differentials across two dimensions: geographically, between workers living in the city and those living in the suburban area, and between workers with different characteristics, in particular age, gender and place of origin. Finally, the paper explores some subjective indicators of job satisfaction, that turn out to be highly correlated with the quantitative measures of discrimination


2008 - The Social Policy of the Center-Left Government [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo
abstract

Un'analisi delle politiche tributarie e di spesa sociale in Italia nel 2007


2008 - Tra previdenza e assistenza: gli interventi sulle pensioni basse [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; C., Mazzaferro
abstract

Valutazione dell'impatto distributivo di alcune recenti riforme del sistema pensionistico italiano.


2007 - Distributive implications of long term care policies: an international comparison [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; L., Beltrametti
abstract

With a microsimulation model, we discuss the effects on the distribution of income of a LTC scheme for Italy, considering several alternative financing options.


2007 - Gli effetti distributivi dei trasferimenti in kind: il caso dei servizi educativi e sanitari [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; D., Pacifico; Bosi, Paolo
abstract

Il lavoro studia l'impatto sulla distribuzione del reddito delle famiglie italiane dei due maggiori trasferimenti in natura operati dallo Stato: l'istruzione e la sanità. Il loro impatto distributivo risulta più intenso di quello dei trasferimenti assistenziali in natura. Qualunque sia il metodo utilizzato per valutare il valore del trasferimento, i servizi educativi risultano più redistributivi di quelli sanitari.


2007 - Il sostegno al reddito e alle responsabilità familiari: la proposta di istituzione dell’assegno ai minori [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; M., Matteuzzi
abstract

analisi del fondamento teorico e valutazione empirica delle politiche fiscali di sostegno del reddito delle famiglie in Italia


2007 - Le politiche per la casa [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; A., Chiarolanza
abstract

Un'analisi dello stato delle politiche pubbliche per la casa in Italia, e delle condizioni abitative delle famiglie.


2007 - Poverty and Equity. Measurement and analysis. [Recensione in Rivista]
Baldini, Massimo; C., Toft
abstract


2007 - Povertà e diseguaglianza in Italia negli ultimi trent’anni: il ruolo dello stato e degli enti decentrati [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo
abstract

Una rassegna dell'evoluzione della distribuzione del reddito in Italia e del ruolo delle politiche sociali


2007 - Redditi, diseguaglianze e povertà: un confronto tra alcune aree della provincia di Modena [Working paper]
BALDINI, Massimo; SILVESTRI, Paolo
abstract

Il lavoro analizza le principali caratteristiche economiche e demografiche di tre aree sub provinciali oggetto di sovra campionamento nell'ambito dell'indagine ICESmo2; ne considera i principali risultati per quanto riguarda i livelli nei redditi familiari e la loro distribuzione; si approfondiscono alcuni aspetti relativi ai redditi da lavoro ed infine si analizza il fenomeno della povertà economica. Il lavoro si conclude con la presentazione di alcuni risultati riguardanti aspetti soggettivi del benessere.


2006 - Alternative Approaches to Long-term Care Financing. Distributive Implications and Sustainability for Italy [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; L., Beltrametti
abstract

We compare the distributive effects, across income and age classes, of alternative approaches to finance LTC expenditure in Italy.


2005 - Genitorialità, lavoro e condizioni della conciliazione. [Articolo su rivista]
Addabbo, Tindara; Baldini, Massimo
abstract

In this paper we deal with the low fertility rate which characterizes Italy by focussing on a district characterized by a level of birth rate similar to the one that characterizes Italy, but with higher than average public child care provisions, higher per capita income and higher women’s employment rates. We analyse the observed factors affecting the gap between the preferred and the realized number of children. The low fertility rate seems not to be the result of a choice, since for at least 45% of the couples who replied to the question on the preferred number of children, the latter is higher than the actual one.


2005 - Idee per la riforma dei trasferimenti monetari per la famiglia e contro la povertà [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; M., Matteuzzi
abstract

analisi di possibili riforme delle politiche per la famiglia


2005 - L’impatto distributivo dei tributi locali: un’applicazione sul Comune di Modena [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Guerra, Maria Cecilia; Silvestri, Paolo
abstract

This paper studies the distributive impact on households of the main forms of taxation that municipalities can apply in Italy. We use a representative sample of microdata referring to households living in the town of Modena, and simulate on their incomes the effects of three taxes: a real estate tax, a surcharge on the personal income tax applied at the national level, and a tax on waste disposal. Their distributive impact is evaluated on two indicators of economic well-being: first disposable income, and then a new indicator that takes into account also the level ofreal and financial assets owned by the household. The simulations suggest that the overall impact is mildly progressive, since the real estate tax is able to compensatethe strongly regressive effect of the tax on waste disposal.


2004 - DISEGUAGLIANZA, POVERTA' E POLITICHE PUBBLICHE [Monografia/Trattato scientifico]
Baldini, Massimo; Toso, S.
abstract

Manuale sull'analisi quantitativa di diseguaglianza e povertà, e sull'effetto delle politiche pubbliche.


2004 - Distribuzione del reddito e politiche fiscali in un contesto locale:il caso del comune di Modena [Working paper]
BALDINI, Massimo; BOSI, Paolo; GUERRA, Maria Cecilia; SILVESTRI, Paolo
abstract

Utilizzando come fonte una recente indagine locale (ICESmo) realizzata per la città di Modena, si valuta l’impatto distributivo delle due principali fonti di entrata tributaria dei Comuni: l’Ici e l’addizionale Irpef, mostrando come la prima sia nettamente più efficace al fine di realizzare obiettivi di redistribuzione delle risorse economiche. Sulla base di simulazioni di un modello tax/benefit, si studia ’interdipendenza degli effetti della riforma dell’Irpef prevista dalla recente legge delega (riforma Tremonti), e possibili manovre compensative da parte degli enti locali, attraverso lo strumento delle addizionali Irpef. Dagli esercizi emerge che l’efficacia distributiva delle politiche nazionali dipende anche dal livello di benessere a livello locale. Inoltre si mostra che l’autonomia locale può modificare il segno redistributivo delle politiche centrali. In presenza di obiettivi distributivi differenziati tra centro e periferia ciò può essere causa d'indeterminatezza degli effetti finali.


2004 - Efficacia selettiva dell’Ise nell’erogazione di prestazioni sociali agevolate nella provincia di Modena [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Colombini, Sara
abstract

.


2004 - Efficacia selettiva dell’Ise nell’erogazione di prestazioni sociali agevolate nella provincia di Modena [Altro]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara
abstract

analisi degli effetti dell'applicazione dell'Isee alle politiche locali in provincia id Modena


2004 - L'Ise nelle politiche sociali [Capitolo/Saggio]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Colombini, Sara; Matteuzzi, M.
abstract

effetti distributivi dell'Isee nelle politiche socili locali


2004 - La povertà e le sue dimensioni [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Silvestri, Paolo
abstract

Il capitolo analizza le caratteristiche della povertà in un'area ad elevato sviluppo economico. Dopo avere analizzato le caratteristiche della povertà relativa si mettono a punto altre misure di povertà di funzionamenti (salute, istruzione, abitazione, lavoro e relazioni sociali) e se ne studiano le relazioni con la povertà economica.


2004 - La povertà in una provincia ricca: la ricerca Capp [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Silvestri, Paolo
abstract

In this paper, we present estimates on household poverty in a rich area of Italy. The estimates are computed form the micro data of ICESmo, a new survey on economic and social conditions of households living in the province of Modena. Compared to national averages, the distribution of income in this area is characterised by a particularly high level of family income and low levels of inequality. We find that household poverty is much lower, even when it is measured with a local poverty line, but it is concentrated in particular household typologies, different from those usually found at the national level. This evidence poses interesting questions and priorities for local welfare policies.


2004 - La ricchezza dell’equità. Distribuzione del reddito e condizioni di vita in un’area a elevato benessere [Curatela]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Silvestri, Paolo
abstract

Il volume riporta i risultati di una ricerca basata su un’indagine campionaria sui redditi e sulle condizioni di vita delle famiglie della provincia di Modena. Un lavoro il cui interesse va al di là dell’area studiata, sia per le caratteristiche di «frontiera» del mercato del lavoro e del regime di welfare propri di questa realtà, sia perché si tratta della prima indagine di questo genere svolta in Italia. Finora le informazioni sulla diseguaglianza dei redditi erano disponibili solo a livello nazionale, prive quindi di significatività a livello locale. Le informazioni raccolte sono inoltre essenziali per valutare l’impatto sul benessere dei cittadini delle politiche fiscali degli enti locali, specie in questa fase storica caratterizzata da un più intenso federalismo e da una maggiore autonomia dei livelli inferiori di governo.


2004 - Le politiche tributarie in un contesto locale [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Guerra, Maria Cecilia; Silvestri, Paolo
abstract

Utilizzando un modello di microsimulazione tax/benefit e le informazioni desumibili da un'indagine locale sui redditi si simulano gli effetti redistributivi di imposte locali.


2004 - Nota metodologica dell'indagine [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; D., Bigarelli; Colombini, Sara; C., Fregni; Silvestri, Paolo
abstract

Il capitolo illustra le caratteristiche dell'indagine campionaria ICESmo; la struttura del questionario; le modalità di esecuzione dell'indagine sul campo; gli esiti; il controllo e imputazione dei dati mancanti.


2004 - Pension reform, tax incentives and saving in Italy [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Guerra, Maria Cecilia; Onofri, P.; Mazzaferro, C.
abstract

he Economics of an Ageing Population studies the effects of demographic transition on the economies of industrialised countries. The authors demonstrate that an ageing population does not necessarily lead to a reduction in growth, providing that the working population are more productive and save a greater percentage of their income. They look in detail at the examples of Italy and Japan, two countries which have the fastest ageing populations in Europe and the world respectively.


2004 - Redditi, benessere e disuguaglianza [Capitolo/Saggio]
Baldini, Massimo; Silvestri, Paolo
abstract

Utilizzando i dati raccolti con l'indagine campionaria ICESmo e quelli desumibili dall'indagine sui bilanci delle famiglie italiane della Banca d'Italia, si analizzano le condzioni economiche degli individui della provincia di Modena. Dall'analisi emergono alcune differenze significative e alcuni indizi sulle possibili cause che stanno all'origine dei risultati dell'economia modenese: la provincia si caratterizza -rispetto sia alle media nazionale sia al Nord est del paese- per una combinazione di alto reddito e bassa disuguaglianza nella sua distribuzione.


2004 - Sostegno alle responsabilità familiari e contrasto della povertà: ipotesi di riforma - I [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; M., Matteuzzi
abstract

Il lavoro propone una riforma organica degli istituti di sostegno monetario delle responsabilità familiari e di contrasto alla povertà in Italia, coerente con la visione del welfare dello sviluppo umano e con la tradizione dell'universalismo selettivo della Commissione Onofri.


2003 - Distribuzione del reddito e politiche fiscali locali: il caso del comune di Modena [Relazione in Atti di Convegno]
Bosi, Paolo; Baldini, Massimo; Guerra, Maria Cecilia; Silvestri, Paolo
abstract

Analisi degli effetti distributivi di politiche tributarie locali a Modena


2003 - Redditi, benessere e disuguaglianza nella provincia di Modena [Working paper]
BALDINI, Massimo; SILVESTRI, Paolo
abstract

In questo paper si presentano i primi risultati dell’indagine sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie della provincia di Modena (ICESmo), condotta dal Capp nel corso del secondosemestre del 2002. Dopo avere fornito una descrizione delle caratteristiche socio-demografiche delle famiglie intervistate, si utilizzano i dati dell’indagine per studiare la disuguaglianza nelladistribuzione del reddito e le principali dimensioni con cui il fenomeno della povertà relativa di reddito si manifesta nell’area. Emerge un quadro del livello del benessere e del grado di equità sociale particolarmente elevati, anche comparativamente ad altre aree forti del paese.


2003 - The gender impact of workfare policies in Italy and the effect of unpaid work [Capitolo/Saggio]
Addabbo, Tindara; Baldini, Massimo
abstract

This essay analyses the gender impact of a welfare policy experimented in Italy (minimum insertion income) by taking into account unpaid work evaluation and gender inequalities in income distribution and time allocation. Minimum insertion income is aimed at very poor families and combines a cash transfer with policies aimed at encouraging labout market participation by at least one family member of working age. The microsimulation analysis is carried out on a matched data set that contains information on unpaid work, other relevant socio-demographic information and income. The contribution shows how partners' labour supply decision can change when one takes into account unpaid work. Neglecting unpaid work in the evaluation of public policies can lead to inefficient outcomes.


2002 - Flat Tax, Dividendo sociale e riforma dei programmi di spesa di assistenza [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo
abstract

analisi degli effetti redistirbutivi di riforme fiscali in Italia


2002 - La Riforma dell'Imposta sul Reddito: Aspetti di Equità e di Efficienza [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo
abstract

Il lavoro valuta l'impatto distributivo della riforma dell'Irpef contenuta nel disegno di legge delega per la riforma del sistema fiscale presentato nel 2001 dal governo italiano.


2002 - Targeting Welfare in Italy: old problems and perspectives on reform [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; S., Toso
abstract

This paper has two principal objectives. Using a tax-benefit microsimulation model and the 1998 micro data of the Bank of Italy survey of household income and wealth, we first study the distributional effects of the current Italian income maintenance system and highlight its main defects and limitations, concerning in particular its unequal coverage of the population and its low efficiency in fighting poverty. The second aim is to describe and analyse the reforms recently implemented in this field; in particular, the Italian government has reformed the targeting criteria and introduced three new cash transfers. We describe these reforms both in their institutional characteristics and in their likely distributional consequences, and examine whether and to what extent they are able to overcome the shortcomings of the current system.


2001 - La scelta tra Ici e Addizionale all’Irpef nella politica tributaria locale: aspetti distributivi [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; Bosi, Paolo; Guerra, Maria Cecilia; Silvestri, Paolo
abstract

This paper compares the distributional effects of changes, providing the same revenue, in the rates of the two main taxes available to Italian municipalities: the property tax (ICI) and the additional rate to the national personal income tax (IRPEF). The analysis is carried out using a recently developed microsimulation model, MAPP98, based on the micro data of the 1998 Bank of Italy Survey on Household Income and Wealth. Particular attention is devoted to the choice of the most appropriate welfare indicator: besides disposable equivalent household income, we also use the Indicator of Economic Situation (ISE), and propose a new welfare indicator. The analysis leads to the conclusion that, from a distributional perspective, the recourse to ICI is the better alternative; this result is mainly due to the different distributions across the population of real estate, subject to ICI, and of personal income, subject to IRPEF. Further, the number of households exempted from ICI is much greater than that of those who do not pay the personal income tax. Across demographic groups, the burden of ICI is relatively lower for small households, those with a young head and those of the employees. There is however a great dispersion in the results, which should suggest caution in evaluating the effects of the different policies here examined. The recourse to the property tax, for example, could have undesired consequences upon particular sectors of the population, for example house-holds with low incomes, but owners of the house of residence.


2001 - Transizione Demografica e Mercati Finanziari [Articolo su rivista]
Baldini, Massimo; P., Onofri
abstract

We study some possible consequences of demographic ageing on the Italian economy, in particular the level of per capita consumption compatible with a balanced growth path, the level of saving and the demand for financial assets. First, with a neoclassical growth model accounting we derive the changes in per-capita consumption and in the saving rate compatible with the reduction in the stock of capital implied by the shrinking labour force. Then, using the 1989-1998 Survey on Household Income and Wealth of the Bank of Italy we compare these values with the future paths, induced by the demographic transition, of the household saving rate and the propensity to invest in financial and risky assets.


2000 - La scelta tra Ici e Addizionale all’Irpef nella politica tributaria locale: aspetti distributivi [Working paper]
BOSI, Paolo; BALDINI, Massimo; GUERRA, Maria Cecilia; SILVESTRI, Paolo
abstract

Nel lavoro si effettua una valutazione degli effetti distributivi comparati di una variazione dell’aliquota dell’Ici e dell’aliquota dell’addizionale all’Irpef a livello comunale. Lo strumento utilizzato per l’analisi è un modello di microsimulazione, MAPP98, di recentissima elaborazione da parte di uno degli autori, che si fonda sui dati dell’indagine della Banca d’Italiadel 1998. L’analisi è condotta a livello nazionale, ma vengono esplorati i risultati anche con riferimento ad un sottocampione che possa meglio rappresentare una situazione simile a quella del Comune di Modena. Particolare attenzione è data alla discussione dell’indicatore più appropriato per valutare il benessere economico di un nucleo familiare. Oltre al reddito familiare disponibile, si considera anche l’Indicatore della situazione economica di recente istituzione nella legislazione italiana eun nuovo indicatore, Ise true, analogo all’Ise, ma corretto per gli aspetti più critici. Il confronto tra le due forme di prelievo è effettuato a parità di gettito. Nell’analisi svolta sul campione nazionale, emerge una preferibilità, dal punto di vistadistributivo, del ricorso all’Ici anziché all’addizionale Irpef. I risultati dell’analisi del sottocampione sembrano rafforzare le conclusioni raggiunte a livello nazionale. Il lavoro argomenta anche l’utilità di costruire a livello locale un data-base in grado di svolgere in modo più rappresentativo analisi di questo tipo.


2000 - Poverty dynamics and social transfers in Italy in the early 1990s [Articolo su rivista]
Addabbo, Tindara; Baldini, Massimo
abstract

Poverty dynamics and the ability of the Italian welfare system to reduce poverty are investigated by using the 1991-1995 Panel of the Bank of Italy's Survey of Household Income and Wealth. Households most exposed to poverty live in the South, have a larger size, a young or female head, with a low educational level or a discontinuous work profile. The dynamic and static effectiveness (in terms of poverty reduction) of social transfers is analysed, as well as the factors affecting exclusion from the safety net. A closer look is taken at the effects of a minimum income guarantee in its experimental phase in Italy.


2000 - The gender impact of workfare policies in Italy and the effect of unpaid work [Working paper]
ADDABBO, Tindara; BALDINI, Massimo
abstract

This paper shows how the extension of income to account for unpaid work could highlight the potential discouraging labour supply effect of workfare policies, with an application to a welfare policy currently in an experimental phase in Italy (minimum insertion income, MI). MIaims at combining the provision of a minimum income to very poor families with policies encouraging labour market participation by at least one of its members (by obliging them to follow training courses or to accept job offers). Women who are likely to be exposed to this discouraging effect have a low level of education and belong to poor households. This analysis also shows how low income households’ welfare is sustained by women’s high unpaid work load.Public policy suggestions:When one extends income to include unpaid work it is possible to perceive how the effect of an active policy against social exclusion like MI can be appreciably reduced with respect to women and to a group of women who are more likely to be excluded (those living in the poorest households and having a low level of education). If this discouraging effect is to be avoided, care must be taken in the provision of MI to the weakest members within the family. The choice of exiting the labour market if poor and with a low level of education, when one has a child aged less than 3, may otherwise become irreversible. An extension of public service provision at low costsfor low income families and more information about the long run effects of exiting from the labour market may reduce the discouraging effect. This study deals with very low income families. However the problem of making a choice about labour market participation and the role of the welfare state in affecting it, is also a problemarising for medium income families whenever there are young children or elderly persons needing care in the family, and when at least one of the parents is a non-dependent worker, these familiesare more often likely to be excluded from public services or included at high tariffs.