Nuova ricerca

Francesco REYES

Ricercatore t.d. art. 24 c. 3 lett. B
Dipartimento di Scienze della Vita sede ex-Agraria

Insegnamento: Frutticoltura e viticoltura

Scienze e tecnologie agrarie e degli alimenti (D.M. 270/04) (RE) (Offerta formativa 2022)

Obiettivi formativi

L’insegnamento consente allo studente: - di acquisire le conoscenze degli aspetti tecnici delle coltivazioni frutticole e viticole per l’ottenimento di prodotti di qualità in funzione delle diverse destinazioni d’uso; - di analizzare i fattori determinanti e gli aspetti critici della coltura delle singole specie; - di divenire in grado di applicare le conoscenze acquisite alla progettazione e gestione delle colture e del prodotto


Prerequisiti

Conoscenze dei contenuti del corso di Produzioni Vegetali

Programma del corso

0,5 CFU (4 ore) – Presentazione dell’insegnamento: contenuti, libri di testo, metodi didattici e modalità di verifica dell’apprendimento. Cenni storici e situazione attuale della frutticoltura e della viticoltura da vino, da tavola, da essiccazione.
2,5 CFU (20 ore) – Viticoltura – Sistematica del genere Vitis. La vite coltivata: caratteristiche morfologiche e anatomiche, ciclo vitale, annuale, biennale, fasi fenologiche, crescita vegetativa e attività riproduttiva; crescita e maturazione dell’uva. Esigenze pedoclimatiche. Propagazione. I portinnesti e i vitigni. Cenni su ampelografia e ampelologia. Miglioramento genetico. Sistemi di allevamento e densità di impianto. Metodi di valutazione dell’equilibrio vegeto-produttivo. Tecnica colturale: potatura di allevamento e di produzione. Gestione del suolo, irrigazione, concimazione.
3 CFU (24 ore) - Frutticoltura – Trattazione monografica di pomacee (melo, pero, cotogno), drupacee (pesco, albicocco, ciliegio, susino), actinidia, frutta in guscio (noce, mandorlo, nocciolo, castagno), olivo, piccoli frutti (lampone, mirtillo), con riferimento a: distribuzione geografica e importanza economica, caratteristiche botaniche, biologiche e fisiologiche, esigenze pedoclimatiche, propagazione, aspetti varietali, sistemi di impianto e tecnica colturale e agli usi del frutto. Cenni sui fruttiferi minori e su fruttiferi tropicali e subtropicali.

Metodi didattici

Lezioni frontali con il supporto di mezzi audiovisivi (presentazioni power point, consultazione database e siti web) (5 CFU). Esercitazioni in laboratorio e/o in campo; visite in aziende (1 CFU).
Il corso è erogato in lingua italiana.

Testi di riferimento

Materiale didattico distribuito nel corso delle lezioni e disponibile nella piattaforma Teams-Moodle

A.A.V.V., 2022. Arboricoltura speciale. A cura di A.Gentile, P. Inglese, M. Tagliavini. Edagricole.


Palliotti A., Poni S., Silvestroni O., 2018. Manuale di viticoltura. Edagricole, New Business Media.


Per approfondimenti
Fregoni M., 2005. Viticoltura di qualità. Ed. Phytoline.
Eynard I., Dalmasso G., 1990. Viticoltura moderna.(nona ed.) Hoepli Milano




Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento viene svolta dopo il termine dell’erogazione dell’insegnamento mediante una prova scritta; non sono previste valutazioni intermedie. La durata della prova è di 90 minuti.
La prova scritta prevede 10 domande, 5 delle quali di tipo chiuso e 5 di tipo aperto. Le domande sono distribuite in parti uguali su argomenti di frutticoltura e di viticoltura. Per le domande di tipo chiuso, alla risposta non data o errata viene attribuito punteggio 0. Per le domande di tipo aperto, oltre alla correttezza e completezza delle risposte, verrà valutata la chiarezza espositiva e la padronanza della terminologia tecnica e scientifica.
Per la valutazione sono a disposizione 32 punti e l’esito della prova è così determinato:
Da 0 a 17 p.ti = prova non superata
Da 18 a 30 p.ti = prova superata con il punteggio corrispondente
Da 31 a 32 p.ti = prova superata con 30 e lode

Gli esami si svolgono nell’arco del calendario didattico dell’offerta formativa e per ogni appello si accede alla prova iscrivendosi nella piattaforma Esse3.
L’esito della prova viene comunicato tramite la piattaforma Teams-Moodle entro sette giorni dalla data dell’appello.



Risultati attesi

1. Conoscenza e comprensione
Ci si attende che l’insegnamento consenta allo studente di verificare e comprendere le differenze di comportamento produttivo e di crescita delle specie legnose da frutto in funzione del genotipo di cultivar e portainnesto, delle condizioni ambientali, degli interventi agronomici ad esse applicabili e dalle interazioni tra questi fattori su scala poliennale.

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Gli studenti dovrebbero divenire in grado di applicare le conoscenze teorico-pratiche acquisite in aula e in campo alle realtà dei sistemi produttive di aziende agro-alimentari e alla gestione degli agroecosistemi con colture arboree tra le loro componenti.
.

3. Autonomia di giudizio
Le informazioni fornite e le conoscenze acquisite consentiranno allo studente una capacità di rielaborazione e un approccio più sicuro alla autonoma valutazione delle realtà produttive dell’arboricoltura

4. Abilità comunicative
gli studenti svilupperanno la capacità di trasmettere ai propri interlocutori, operatori del settore e interlocutori specialisti e non specialiste) le conoscenze acquisite, le idee formulate, gli strumenti individuati per superare criticità

5. Capacità di apprendimento
Ci si attende che gli studenti sviluppino le capacità di apprendimento che consentiranno loro di aggiornare le loro conoscenze e di affrontare in autonomia ulteriori percorsi formativi.