Foto personale

Pagina personale di Mauro SOLDATI

Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche
Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche - Sede Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Contenuti Insegnamento: Geomorfologia

Corso di studio: SCIENZE GEOLOGICHE (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 6
  • SSD: GEO/04

Obiettivi formativi

Al termine positivo dell''attività formativa lo studente dovrà acquisire: -una corretta terminologia geomorfologica; -le basi necessarie per l''analisi e la comprensione dei processi geomorfologici che hanno modellato e modellano tuttora il paesaggio terrestre; -gli strumenti necessari per lo studio e la descrizione delle forme del rilievo; -la comprensione dei rapporti fra "clima" e forme del rilievo; -la comprensione dei rapporti fra fattori geologici e forme del rilievo; -la capacità di leggere ed interpretare carte geomorfologiche.

Prerequisiti

Lo studente per poter frequentare il corso deve avere buone conoscenza di Geografia fisica. Per poter sostenere l''esame è obbligatorio avere superato l''esame di Geografia fisica e Cartografia.

Programma del corso

- Introduzione alla Geomorfologia. - La Geomorfologia nel contesto delle Scienze della Terra. Cenni di storia della Geomorfologia. Schemi cronologici del Quaternario. - Cause e tipi dei processi geomorfologici. Processi di disgregazione fisica e di alterazione chimica. Cenni di pedologia. - Il modellamento dei versanti. Azione della forza di gravità. Frane: distribuzione geografica, cause, tipologia di movimento, tipo di materiale coinvolto, morfologia degli accumuli, grado di attività, metodi di datazione. Cenni sulle DGPV. - Geomorfologia fluviale. L''azione dei corsi d''acqua. Energia fluviale. Profilo di equilibrio. Erosione, trasporto e sedimentazione. Tipi di pattern idrografici e di letti fluviali. Conoidi e pianure alluvionali. Terrazzi fluviali. - Geomorfologia costiera. Processi e forme litorali. Spiagge. Lagune e foci fluviali. Falesie. Coste coralline. Terrazzi marini. Coste "ereditate". Evoluzione dei litorali. Morfologie lacustri. - Morfologia antropica. Attività antropica e conseguenze geomorfologiche. - Geomorfologia climatica. Le conseguenze delle diversità climatiche nello spazio e nel tempo. Zone e sistemi morfoclimatici. Equilibrio morfoclimatico. Conseguenze delle variazioni climatiche quaternarie. I terrazzi climatici. - Sistema morfoclimatico glaciale. - Sistema morfoclimatico "periglaciale". - Sistema morfoclimatico temperato. - Sistema morfoclimatico arido-caldo. - Sistema morfoclimatico caldo-umido. - Geomorfologia strutturale. Il ruolo della struttura (litologia e tettonica) nell''evoluzione del rilievo. - Principi di cartografia geomorfologica. Analisi di carte geomorfologiche. Orario di ricevimento: Lunedì dalle 10.00 alle 12.00 presso il Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, Via Campi 103, o in altri giorni e orari previo appuntamento.

Testi di riferimento

PANIZZA M., Geomorfologia. 3a edizione, Pitagora Ed., Bologna, 2014. MARCHETTI M., Geomorfologia fluviale. Pitagora Ed., Bologna, 2000. PANIZZA M. (ed.), Manuale di geomorfologia applicata. Franco Angeli s.r.l., Milano, 2005. Altri testi consigliati CARTON A. & PELFINI M., Forme del paesaggio d’alta montagna. Zanichelli, Bologna, 1988. CICCACCI S., Le forme del rilievo. Atlante illustrato di Geomorfologia. Mondadori Education, Milano, 2010. DRAMIS F. & BISCI C., Cartografia geomorfologica. Pitagora Ed., Bologna, 1998. PINNA M., Le variazioni del clima. FrancoAngeli s.r.l., Milano, 1996. SOLDATI M. & MARCHETTI M. (eds.), Landscapes and Landforms of Italy. Springer International Publishing AG, 2017.

Metodi Didattici

Lezioni frontali, esercitazioni pratiche, utilizzo di supporti multimediali, seminari, escursioni didattiche.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento avviene attraverso un esame orale. La prova d'esame consiste dapprima nella discussione degli elaborati cartografici prodotti durante il corso, nella lettura di una carta geomorfologica ed infine nella valutazione della conoscenza da parte dello studente dei principali processi geomorfologici che agiscono sulla superficie terrestre e delle forme del rilievo da essi prodotte. Particolare attenzione viene posta nel valutare la comprensione delle relazioni causa-effetto nell''ambito dell'evoluzione geomorfologica di diversi sistemi morfoclimatici. L'abilità comunicativa verrà valutata in funzione delle modalità di risposta ai quesiti posti dal docente e la correttezza del linguaggio scientifico utilizzato. La discussione in sede di esame degli elaborati prodotti durante il corso e delle scelte metodologiche che hanno portato alla loro stesura contribuirà a valutare il livello di autonomia di giudizio raggiunto dallo studente. La consapevolezza delle relazioni di causa-effetto nell'evoluzione delle forme del rilievo costituirà un elemento significativo ai fini della valutazione della capacità di apprendimento in campo geomorfologico.

Risultati attesi

Conoscenza e capacità di comprensione: Tramite lezioni in aula e discussioni collegiali nelle quali è fornita agli studenti la possibilità di interagire lo studente apprende i principi e i metodi della geomorfologia con particolare riferimento all'evoluzione della superificie terrestre. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite esercitazioni pratiche, seminari ed escursioni sul terreno, lo studente è in grado di applicare le conoscenze acquisite per la redazione di carte tematiche di tipo geomorfologico. Autonomia di giudizio: Tramite la redazione di una carta della dinamica geomorfologica e relative note illustrative lo studente è in grado di analizzare, discutere criticamente ed esporre il prodotto cartografico ottenuto. Abilità comunicative: La relazioni scritte a corredo degli elaborati cartografici permettono allo studente di sviluppare la capacità di presentare i dati ottenuti in modo pertinente; di discutere gli elaborati prodotti con linguaggio tecnico-scientifico appropriato e di sostenere eventualmente una discussione in merito alle forme e ai processi geomorfologici descritti. Capacità di apprendimento: le attività effettuate consentono allo studente di acquisire gli strumenti metodologici necessari per affrontare positivamente lo studio di discipline geologico-applicative nel prosieguo della carriera universitaria e professionale.