Foto personale

Pagina personale di Marina BONDI

Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali

Contenuti Insegnamento: Lingua inglese (Traduzione specialistica + Varietà della lingua)

Corso di studio: LINGUE, CULTURE, COMUNICAZIONE (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 12
  • SSD: L-LIN/12

Contenuti Insegnamento: Lingua inglese (Varietà della Lingua + Comunicazione interculturale)

Corso di studio: LINGUE, CULTURE, COMUNICAZIONE (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 12
  • SSD: L-LIN/12

Obiettivi formativi

Il corso intende sviluppare negli studenti a) consapevolezza del ruolo e delle caratteristiche della lingua inglese nel contesto internazionale e nella comunicazione interculturale. In particolare, ci si propone di fornire strumenti per la comprensione di World Englishes e English as a Lingua franca in contesti interculturali; b) capacità di analisi del rapporto tra scelta linguistica e varietà funzionali della lingua, attraverso una esplorazione delle nozioni di genere e di registro in contesti professionali. In particolare, ci si propone di fornire strumenti per l’analisi della variazione linguistica nei generi della comunicazione istituzionale. Il corso intende inoltre promuovere l’acquisizione di - competenze comunicative avanzate in tutte le abilità - strumenti di analisi delle pratiche linguistiche che favoriscano la formazione continua, anche in contesti professionali, attraverso la riflessione sulla lingua e sulle metodologie di analisi dei generi comunicativi.

Prerequisiti

Un buon livello di competenza della lingua (B2/C1), nonché conoscenza delle nozioni di base di analisi della lingua a livello sintattico, lessico-semantico e testuale.

Programma del corso

Il modulo comune(BONDI/MAZZI) affronta in prospettiva interculturale la diffusione dell'inglese nel mondo e nei contesti post-coloniali, trattando in particolare: a) caratteristiche dell'ELF (English as a Lingua Franca) come strumento di comunicazione nella comunicazione accademica; b) corpus stylistics e caratterizzazione nell'ambito nell'ambito del fictional dialogue. Un approfondimento sul contesto irlandese avrà come oggetto: (a) relazione tra vicende storiche e linguistiche come sfondo per la nascita dell'Irish English; (b) peculiarità fonologiche, morfologiche, sintattiche e pragmatiche (c) ruolo e status dell'inglese nelle politiche linguistiche della Repubblica. Il modulo 2a (SILVER) si concentrerà sull’analisi di forme di divulgazione artistica tipiche della comunicazione museale. Particolare attenzione verrà prestata allo studio dei generi comunicativi della comunicazione esterna di organizzazioni artistico-museali. Si guarderà in particolare agli elementi di variazione linguistica in generi quali la presentazione di allestimenti, i comunicati stampa e le recensioni. L’analisi si concentrerà sulle modalità di costruzione del discorso, prendendo in esame come i diversi oggetti/soggetti  dentro e fuori il Museo concorrano alla rappresentazione di un universo artistico. Il modulo 2b (MANSFIELD) si prefigge di prendere in esame diversi generi testuali alla ricerca degli indicatori linguistici e delle scelte lessico-grammaticali che contraddistinguono il genere stesso. Inoltre avvicinerà lo studente all’utilizzo della linguistica dei corpora come strumento nelle sue competenze analitiche tramite la consultazione di corpora rappresentativi e specializzati, nella ricerca del significato nel contesto e co-testo dei generi testuali prescelti (attraverso p.e. la collocation, colligation, preferenza semantica, prosodia semantica positiva o negativa).

Testi di riferimento

MODULE 1) See full list on the course website. All the materials will be available at the beginning of the semester. MODULE 2A) RADIGHIERI S. & TUCKER P. 2009, Point of View. Officina Ed.7-127 RAVELLI L. 2006, Museum Texts, Routledge Non-attending students will add: BHATIA V. 2004. Worlds of Written Discourse. MODULE 2B) HUNSTON S. 2002. Corpora in Applied Linguistics, Cambridge UP. 1-66 LAMY M-N. & KLARSKOV MORTENSEN H. J. 2012. Using concordance programs in the Modern Foreign Languages classroom. Module 2.4 in Davies G. (ed.) ICT4LT MALMKJAER K. 2005. Linguistics and the Language of Translation, Edinburgh UP. Ch. 5-8 OLOHAN M. 2004. Introducing Corpora in Translation Studies. Routledge. Ch. 2-4, 6-7 PARTINGTON A. 2003. "Utterly content in each other's company", IJCL 9(1):131-156 SINCLAIR J. 2003. Reading Concordances, London: Pearson (selected units) SINCLAIR J. 1996. The Search for Units of Meaning, Textus IX, 75-106 STUBBS M. 2007. Collocations and Semantic Profiles. In: Teubert W. & R. Krishnamurthy (eds) Corpus Linguistics. Routledge TOGNINI BONELLI,E. & SINCLAIR J. 2005. Corpus. Elsevier Encyclopedia

Metodi Didattici

La didattica mira a far raggiungere gli obiettivi proposti attraverso una partecipazione attiva degli studenti alle attività proposte. Da un punto di vista metodologico, si integrano attività volte a sviluppare capacità operative nella lingua attraverso la creazione di situazioni comunicative, ad attività volte a sviluppare consapevolezza linguistica e capacità critiche attraverso una riflessione sulla lingua e sulla cultura. Un ruolo importante assume anche la dimensione dell'apprendere ad apprendere e dello sviluppo della capacità di formazione autonoma. La frequenza - pari almeno al 70% delle lezioni - è considerata un presupposto della organizzazione didattica.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione del primo modulo è basata su di una prova scritta, che prevede sia una analisi guidata di testi sia la discussione di elementi rappresentativi degli aspetti di variazione dell’inglese nei contesti studiati (inglese come lingua franca e varietà regionali). La valutazione del modulo 2a (SILVER) è basata su un colloquio orale che verterà sugli argomenti trattati durante il corso e prevede l'analisi dei testi analoghi a quelli proposti nel corso. La valutazione del modulo 2b (MANSFIELD) è basata su di una prova scritta, che prevede una traduzione di un testo letterario dall’italiano in inglese, e su di un colloquio orale che verterà sugli argomenti trattati durante il corso nonché una discussione sulle strategie traduttive adoperate nella prova scritta. Si veda il sito del corso per maggiori informazioni su proved i esame e testi di riferimento

Risultati attesi

Al termine del corso gli studenti dimostreranno: - conoscenze su aspetti della comunicazione interculturale e della variazione linguistica nei diversi contesti considerati; - capacità di interpretare i diversi contesti considerati, individuandone aspetti relativi a differenze linguistiche, culturali e istituzionali; - capacità di applicare le loro conoscenze alla risoluzione dei problemi comunicativi ed eventualmente traduttivi, argomentando appropriatamente le proprie scelte; - capacità di scegliere le risorse analitiche più adeguate al problema, in una prospettiva di apprendimento continuo; - capacità di individuare problematiche e approcci principali nel campo dello studio della comunicazione interculturale e della variazione linguistica (es. linguistica dei corpora, analisi della conversazione, analisi dei generi); - capacità di discutere criticamente la letteratura scelta per approfondimento e di farvi riferimento per la risoluzione di problemi analitici.