Foto personale

Pagina personale di Marina BONDI

Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali

Contenuti Insegnamento: Laboratorio Traduzione inglese

Corso di studio: LINGUE E CULTURE EUROPEE (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 6
  • SSD: L-LIN/12

Obiettivi formativi

Il laboratorio si pone come obiettivo quello di fornire allo studente un avviamento pratico alla traduzione dall’inglese all’italiano e dall’italiano all’inglese di testi che presentano una gamma di problemi traduttivi. In particolare il corso intende guidare lo studente ad una riflessione che parta dai problemi traduttivi e che porti a trovare orientamenti teorici e metodologici attraverso cui proporre soluzioni plausibili.

Prerequisiti

Nessuno

Programma del corso

"Translating cultural heritage Websites" Il corso verterà sulla disamina di alcune tecniche e procedure traduttive prendendo in considerazione diversi livelli di analisi che vanno dalla scelta della parola al ragionamento sull’organizzazione e la funzione pragmatica del testo. Ai partecipanti verrà chiesto di analizzare criticamente testi in lingua inglese e italiana e di eseguire o revisionare traduzioni verso l’altra tenendo conto dei significati e delle funzioni sia del testo analizzato (il testo “di partenza”) che del testo tradotto. Il corso verterà sulla pratica della traduzione con specifico riferimento al caso di pagine web, con le loro problematiche di multimodalità e localizzazione. Si studieranno in particolare gli strumenti on-line per la traduzione (dizionari, banche dati terminologiche, siti per traduttori e on-line/web corpora) e il loro uso nella traduzione da e verso l’inglese. Si rifletterà sulla traduzione come strumento di comunicazione in contesti che sempre più hanno bisogno di rivolgersi a utenti “internazionali”, che cioè non necessariamente condividono una sola lingua e cultura.

Testi di riferimento

Cappelli, G. (2008). The translation of tourism-related websites and localization: Problems and perspectives. In Baicchi, A., editor, Voices on translation, RILA Rassegna Italiana di Linguistica Applicata, pages 97–115. Bulzoni Editore, Roma. === Cappelli G (2012), Travelling in Space: Spatial Representation in English and Italian Tourism Discourse, Textus, XXV(1), 19-36 === Manca, E. (2012), Translating the Language of Tourism across Cultures: From Functionally Complete Units of Meaning to Cultural Equivalence, Textus, XXV(1), 51-68. === Pym, A. (2011). Website localization. In Malmkjaer, K. and Windle, K., editors, The Oxford handbook of translation studies, pages 410–424. Oxford University Press, Oxford. Online: http://usuaris.tinet.cat/apym/on-line/translation/2009_website_localization_feb.pdf === Biau Gil, J.R. & Pym, A.(2006). Technology and Translation (a pedagogical overview). In Pym et al (eds) "Translation technology and its teaching". Intercultural Studies Group, Tarragona. Online: http://isg.urv.es/library/papers/isgbook.pdf === Stewart, D. (2012). Translating tourist texts from Italian to English as a foreign language. Napoli: Liguori. (selected chapters) === Stewart D.(2013) From pro loco to pro globo. Translating into English for an international readership, "The interpreter and translator trainer" 7(2) 217-234.=== /// ==== Suggested reading for non-attending students: Laviosa, S. 2006. Linking wor(l)ds. Napoli: Liguori. Stewart, D. (2012). Translating tourist texts from Italian to English as a foreign language. Napoli: Liguori.

Metodi Didattici

La partecipazione attiva è un presupposto della didattica di un laboratorio. Gli studenti troveranno sul sito del corso compiti di traduzione da preparare per le date indicate. La didattica mira a far raggiungere gli obiettivi proposti attraverso compiti specifici e attività di diverso tipo. Da un punto di vista metodologico, si integrano attività volte a sviluppare capacità operative nella lingua attraverso la creazione di situazioni comunicative, ad attività volte a sviluppare consapevolezza delle scelte traduttive e capacità critiche attraverso una riflessione sulla lingua e sulla cultura. Un ruolo importante assume anche la dimensione dell'apprendere ad apprendere e dello sviluppo della capacità di formazione autonoma.

Verifica dell'apprendimento

Modalità d’esame L’esame consisterà nella traduzione di due testi, uno verso l’italiano e uno verso l’inglese che saranno scelti in linea con le prassi e le tipologie discusse. Gli studenti dovranno giustificare le proprie scelte traduttive facendo riferimento alle letture indicate. La prova si svolge in laboratorio, con accesso a tutte le risorse traduttive sperimentate in classe. Valutazione La valutazione terrà conto della capacità di tradurre verso le due lingue e della capacità di orientarsi tra le possibili scelte e alternative traduttive, anche in riferimento alle letture.

Risultati attesi

Al termine del corso gli studenti dimostreranno: - conoscenze su aspetti dei generi discorsivi considerati, in inglese e in italiano; - capacità di discutere, argomentare e risolvere problemi relativi alla redazione e traduzione dei testi considerati, - capacità di interpretarne aspetti relativi a differenze linguistiche, culturali e istituzionali; - capacità di applicare le loro conoscenze alla risoluzione dei problemi traduttivi e di argomentare le proprie scelte; - capacità di scegliere soluzioni traduttive adeguate, dimostrando di possedere il controllo attivo e passivo di più varietà di discorso; - capacità di scegliere le risorse traduttive (anche informatiche e multimediali) più adeguate al singolo problema incontrato, in una prospettiva di apprendimento continuo.