Foto personale

Pagina personale di Stefano LUGLI

Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche
Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche - Sede Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Contenuti Insegnamento: Geoarcheologia

Corso di studio: SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 6
  • SSD: GEO/02

Obiettivi formativi

Capacità di effettuare la ricostruzione dell’evoluzione stratigrafica e sedimentaria degli ambienti sedimentari di interesse archeologico.

Prerequisiti

conoscenze di base a carattere non specialistico di Scienze della Terra e archeologia.

Programma del corso

Ambienti deposizionali fluviali, lacustri, palustri. Strutture sedimentarie, ricostruzione della provenienza dei sedimenti. Elementi di pedologia. Datazioni e stratigrafia isotopica. Stratigrafia del Quaternario con particolare riferimento alla Pianura Padana. Effetti e segnali sedimentari delle variazioni climatiche e del livello del mare nel Quaternario. Esempi di studio stratigrafico e sedimentologico in scavi archeologici.

Testi di riferimento

Il materiale fornito dal docente (pdf delle lezioni) è sufficiente per la preparazione dell’esame. Eventuali approfondimenti possono essere effettuati sui seguenti testi: The pdf files provided by the teacher are sufficient for the exam preparation, the students may eventually deepen their knowledge using the following textbooks: -Cremaschi, M., Manuale di Geoarcheologia. Ed. Laterza. 2000. -A. Amorosi, R. Pignone (a cura di) 2009, La pianura. Geologia suoli e ambienti in Emilia-Romagna. Ed. Pendragon. -Bosellini A., Mutti E. e Ricci Lucchi F., Rocce e successioni sedimentarie, UTET, Torino, 1989. Siti Web e Corsi Web Associazione Italiana per lo Studio del Quaternario AIQUA http://www.aiqua.it/ International Union for Quaternary Research (INQUA) http://www.inqua.tcd.ie/ A Dictionary of Quaternary Acronyms and Abbreviations http://www.scirpus.ca/cgi-bin/dictqaa.cgi

Metodi Didattici

Lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio: granulometrie e compilazione della stratigrafia di dettaglio di un carotaggio di interesse archeologico. Modalità dell'accertamento finale: prova orale Orario di ricevimento: Martedì e Mercoledì dalle 11 alle 13 presso il Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, Via Campi 103, 41125 Modena, Tel. 059/2058475, Fax 059/2055887; e-mail: stefano.lugli@unimore.it Sito personale: http://personale.unimore.it/Rubrica/dettaglio/luglis

Verifica dell'apprendimento

Tipologia d’esame: orale. Analisi ed interpretazione di sequenze archeologiche; quesiti sugli aspetti teorici e pratici trattati durante il corso. Discussione della prova pratica di descrizione di un carotaggio di interesse archeologico. Gli studenti impossibilitati a partecipare alla prova pratica dovranno portare all’esame un esempio di sequenza stratigrafica a scelta da discutere.

Risultati attesi

Conoscenza e capacità di comprensione: Attraverso le lezioni frontali lo studente apprende: i principi teorici della geoarcheologia; la conoscenza e interpretazione di sequenze sedimentarie di interesse archeologico; informazioni sui differenti metodi per la interpretazione della evoluzione di sequenze archeologiche. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Attraverso l'attività di campagna e le esercitazioni di laboratorio lo studente applica direttamente i principi teorici della geoarcheologia, acquisendo la capacità di descrivere e interpretare le sequenze sedimentarie di interesse archeologico. Autonomia di giudizio: Tramite l'attività di elaborazione grafica di sequenze con resti archeologici, la loro correlazione e la discussione di gruppo lo studente impara a valutare criticamente e a riflettere sulle modalità di raccolta dei dati e sull'elaborazione di ipotesi interpretative nell’ambito della geoarcheologia. Abilità comunicative: La stesura di una relazione e l'esposizione in pubblico delle proprie conclusioni permettono allo studente di sviluppare la capacità di sintesi e acquisire modalità di comunicazione efficaci e sistematiche dei risultati ottenuti, apprendendo a sostenere un confronto critico nei confronti degli argomenti trattati. Capacità di apprendimento: Le attività descritte consentono allo studente di acquisire un metodo di approccio completo ed efficace per la gestione di problematiche scientifiche di tipo complesso fornendo gli strumenti per operare in autonomia e in gruppo le scelte per l’utilizzo delle metodologie di studio appropriate e della bibliografia specifica.