Foto personale

Pagina personale di Erika FERRARI

Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche
Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche - Sede Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Contenuti Insegnamento: Chimica inorganica industriale e ambientale

Corso di studio: CHIMICA (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 6
  • SSD: CHIM/03

Obiettivi formativi

Fornire allo studente conoscenze e competenze nei trattamento di problematiche relative ai principali inquinanti inorganici e processi industriali per la produzione di composti/materiali inorganici

Prerequisiti

Chimica Generale e Inorganica Chimica Inorganica I

Programma del corso

Programma: Processi chimici ed ambiente: ciclo dell’acqua; principali cicli (C, O, N,….); principali processi chimici che portano alla dissoluzione dei materiali Acqua: le acque naturali: contaminazione; produzione acqua potabile: clorazione e ozonizzazione, flocculazione e sedimentazione, filtrazione (Filtro rapido), eliminazione impurezze inorganiche e organiche; produzione acqua demonizzata, produzione acqua dolce da acqua salata (con impianto), osmosi inversa (con impianto) Fosforo: produzione acido fosforico (con schema di produzione), fosfati di Na (polifosfati), NH4 e Ca: applicazioni Fluoro: fluorite e fluorapatite, fluoro, HF (processo Bayer) ed altri composti Cloro: cloro, processi di produzione del Cl2: amalgama, a diaframma e a membrana (con schema dell’impianto) HCl, ipoclorito, clorito, perclorato e clorato di Na , K e Ca, acido perclorico Materiali inorganici: silicati (vetri, silicati alcalini, zeoliti,..); fibre (amianto, fibre di vetro, fibre di C); leganti da costruzioni (calce, gesso, cemento); metalli e leghe; ceramici e pigmenti; fertilizzanti Contaminazioni Metalli Pesanti e Chimica del Suolo

Testi di riferimento

1) Industrial Inorganic Chemistry, 2nd Completely Revised Edition Karl Heinz Buchel, Hans-Heinrich Moretto, Dietmar Werner ISBN: 978-3-527-61333-5 2) Mark Anthony Benvenuto INDUSTRIAL INORGANIC CHEMISTRY De Gruyter Textbook ISBN 978-3-11-033032-8

Metodi Didattici

La metodologia adottata per l'insegnamento prevede principalmente lezioni frontali, supportate da materiale didattico fornito agli studenti in cui sono contenuti numerosi approfondimenti. Il docente utilizza il forum sul portale dolly per gruppi di discussione e chiarimenti. A seconda delle esigenze della coorte di studenti, il docente propone eventualmente attività di tutorato da svolgere in aula e/o mediante l'utilizzo di sistemi multimediali in modalità FAD (formazione a distanza).

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento, da parte della commissione d'esame presieduta dal docente titolare del corso, prevede un esame orale della durata di circa 25-30 minuti (50% del voto finale) e una prova scritta della durata di 1 ora (50% del voto finale). Valutazione prova orale: il candidato presenterà un argomento a scelta durante il colloquio, la commissione sottoporrà poi al candidato 2/3 domande aperte inerenti l'argomento trattato. Verrà valutata non solo la conoscenza e comprensione degli argomenti stessi (55% del voto finale) ma anche la capacità del candidato di creare in modo analitico collegamenti logici tra gli argomenti trattati (30% del voto fianle). Verrà inoltre valutata la chiarezza espositiva e l'uso appropriato del linguaggio scientifico (15%). Il colloquio sarà svolto in lingua inglese. Prova scritta: la prova scritta sarà sotto forma di quiz a scelta multipla e/o breve domande aperte, la prova sarà in lingua inglese. Voto: il voto sarà una media media delle due prove sostenute.

Risultati attesi

Conoscenza e capacità di comprensione: Tramite lezioni in aula e discussioni collegiali lo studente apprende i principali processi inorganici industriali, e il loro potenziale impatto sull'ambiente. Lo studente acquisisce gli strumenti intesi sia a fornire competenze professionalizzanti che a comprendere la letteratura specifica relativa alle applicazioni industriali dei processi inorganici. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite le discussioni collegiali e lo studio individuale lo studente è stimolato ad applicare le conoscenze acquisite per analizzare criticamente gli aspetti termodinamici/energetici e di impatto ambientale nei processi industriali. Autonomia di giudizio: Tramite domande poste in aula dal docente vengono stimolate discussioni collegiali volte a motivare lo studente all'analisi critica degli argomenti svolti sulla base delle conoscenze acquisite. Abilità comunicative: La discussione orale in aula e la verifica orale dell'apprendimento permettono allo studente di sviluppare la capacità di presentare le proprie argomentazioni utilizzando un appropriato linguaggio scientifico e di sostenere una discussione in merito agli argomenti trattati. Capacità di apprendimento: le attività descritte consentono allo studente di acquisire gli strumenti metodologici applicabili sia nel mondo del lavoro che nell'eventuale proseguimento degli studi.