Foto personale

Pagina personale di Monica CASELLI

Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche
Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche - Sede Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Contenuti Insegnamento: Chimica ambientale

Corso di studio: SCIENZE NATURALI (D.M. 270/04) (offerta formativa anno 2017)
  • CFU: 6
  • SSD: CHIM/12

Obiettivi formativi

Gli obiettivi del corso sono: - fornire le conoscenze di base relative alle fonti, le reazioni, il trasporto, gli effetti e il destino nell'ambiente delle diverse specie chimiche di origine sia naturale che antropica; - fornire le conoscenze di base inerenti i processi chimici nell’atmosfera, nel suolo, nell’idrosfera e le proprietà chimico-fisiche degli inquinanti inorganici ed organici.

Prerequisiti

Nomenclatura dei composti inorganici; nomenclatura e classificazione dei composti organici. Struttura atomica e molecolare. Legame chimico. Interazioni intermolecolari. Equilibrio chimico. Reazioni di ossidoriduzione. Onde elettromagnetiche.

Programma del corso

Comparti ambientali e cicli biogeochimici. Idrosfera: fondamenti di chimica acquatica; solubilità dei gas in acqua e legge di Henry; distribuzione delle specie chimiche. Eutrofizzazione. Qualità delle acque. Suolo: proprietà chimico-fisiche del suolo. Capacità di scambio cationico. Componenti inorganici ed organici e loro interazione con gli inquinanti. Processi di adsorbimento. Inquinanti nelle acque e nel suolo. Inquinanti inorganici: metalli. Inquinanti organici: pesticidi, policlorodibenzo-p-diossine, policlorobifenili, idrocarburi policiclici aromatici. Destino ambientale degli inquinanti: mobilità e processi di degradazione. Proprietà chimico-fisiche degli inquinanti e distribuzione ambientale. Atmosfera: regioni atmosferiche; radiazione solare; reazioni fotochimiche nell’atmosfera. Chimica della stratosfera: formazione e deplezione dell'ozono. Chimica della troposfera: inquinamento fotochimico e ozono troposferico; inquinamento causato da composti dello zolfo; deposizioni acide. Aerosol atmosferico. Aspetti legislativi della tutela ambientale. Analisi volumetrica: titolazioni acido-base, per precipitazione e ossidoriduzione. Esercitazioni in laboratorio: analisi delle acque: determinazione dell'alcalinità, determinazione dei cloruri mediante il metodo di Mohr, determinazione dell'ossigeno disciolto per iodometria (metodo di Winkler). Orario di ricevimento: lunedì 15-16, venerdì 11-13 presso il Dipartimento di Chimica o per appuntamento.

Testi di riferimento

C. Baird, M. Cann, Chimica Ambientale, 2006, Zanichelli. Appunti forniti dal docente.

Metodi Didattici

L'insegnamento è svolto mediante lezioni in aula, esercitazioni numeriche ed esercitazioni in laboratorio.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento consiste in un colloquio sulle tematiche oggetto dell'insegnamento e nella discussione di una relazione scritta, elaborata dallo studente, inerente una delle attività di laboratorio svolte. La valutazione della relazione scritta non concorre alla votazione finale; lo studente deve ottenere una votazione sufficiente o superiore per potere sostenere la prova orale. Agli studenti non frequentanti l’argomento oggetto della relazione è assegnato dal docente e riguarda una tematica di interesse ambientale. La prova orale prevede la trattazione di due argomenti tra quelli oggetto dell'insegnamento, concernenti la chimica dell’atmosfera, chimica del suolo, chimica dell’idrosfera, inquinanti inorganici ed organici, destino ambientale degli inquinanti; il primo argomento è scelto dallo studente. Per l’attribuzione della votazione finale, espressa in trentesimi, si valutano le conoscenze acquisite (60%), la capacità di applicare le conoscenze acquisite (20%) e le abilità comunicative (20%).

Risultati attesi

Conoscenza e capacità di comprensione Tramite lezioni in aula ed esercitazioni, lo studente acquisisce - le conoscenze di base relative alle fonti, le reazioni, il trasporto, gli effetti e il destino nell'ambiente delle diverse specie chimiche di origine sia naturale che antropica; - le conoscenze di base relative ai processi chimici nell’atmosfera, suolo e idrosfera. - le conoscenze chimiche di base inerenti i fenomeni di inquinamento ambientale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Tramite lezioni in aula ed esercitazioni, lo studente acquisisce la capacità di individuare e interpretare i processi chimici che hanno luogo all'interno e tra i vari comparti ambientali, di riconoscere le cause e gli effetti di fenomeni di inquinamento, di valutare la loro importanza. Autonomia di giudizio Tramite le lezioni e le esercitazioni, lo studente è in grado di interpretare le osservazioni e i dati sperimentali inerenti i processi chimici nell'ambiente e le problematiche ad essi associati. Tramite le relazioni scritte sulle esperienze di laboratorio migliora le proprie capacità di interpretazione dei risultati sperimentali ottenuti. Abilità comunicative Lo studente è in grado di comunicare e discutere correttamente in forma orale i concetti appresi e di presentare in forma scritta i risultati ottenuti nell'attività di laboratorio. Capacità di apprendimento Lo studente acquisisce la capacità di individuare e accedere a fonti appropriate per effettuare autonomamente un adeguato aggiornamento e proseguire gli studi nel campo della chimica ambientale.